Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media giustizia diritti civili ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO banche notizie carceri eurocrati immigrazione renzi guerra satira facebook scuola manipolazione mediatica euro grillo bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari poteri forti Russia massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione siria UE debito pubblico finanza ISIS califfo tasse ucraina disoccupazione israele marijuana agricoltura canapa terrorismo travaglio militari banchieri germania mario monti trilaterale geoingegneria obama vaticano Grecia bambini big pharma Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano vaccini assad enrico letta PD cancro tecnologia armi equitalia nwo Angela Merkel cannabis informatitalia.blogspot.it ministero della salute sondaggio BCE austerity suicidi umberto veronesi meritocrazia nucleare video eurogendfor fini magdi allam CIA iraq m5s privacy Putin clinica degli orrori sovranità nazionale staminali bancarotta droga marra INPS alimentazione boston bufala diritti globalizzazione monsanto prodi 11 settembre elezioni fondatori del sito iene politica troika evasione matrimoni gay nigel farage pedofilia roma acqua anatocismo fmi fukushima islam nikola tesla società usura draghi fisco francia golpe moneta rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu Unione Europea africa autismo imposimato lega nord nato nsa ricchi storia suicidio terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati bavaglio controinformazione costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva petrolio precariato propaganda rockfeller servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale svendita Cina Fornero borghezio casaleggio corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti sanzioni sciopero spagna terra turchia ungheria violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio islanda laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale orban pensioni prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca salvini sindacati taranto università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione latte legge elettorale microchip microspia mmt ocse paola musu radioattività riserva aurea risveglio coscienze sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corrado passara corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza distrazione di massa dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mare nostrum mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microonde mistero mk ultra multe multinazionali musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi petizione phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia repressione riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 5 novembre 2011
Premessa: Siamo in Italia.

Cosa ci vuole per gestire un fiume? In Italia, ovviamente, una POLTRONA!

Per gestire il bacino dei fiumi, spesso vengono costituiti dei "CARROZZONI", dove "parcheggiare" i politici trombati che (finalmente) non sono stati rieletti; "Stipendifici" che devono - o meglio "dovrebbero" - pianificare interventi di bonifica e la "messa in sicurezza" di una vallata; Presidente, Vice Presidente, Consigliere di Amministrazione; cospicui gettoni di presenza. Sotto forma di "Consorzi di bonifica", spesso impongono anche tasse aggiuntive ai cittadini...

PIU' DELLA META' dei soldi che maneggiano, vengono spesi per il mantenimento dell'istituzione stessa e il pagamento di stipendi e gettoni...

Salvo eventi rari, di particolare gravità, le calamità naturali possono essere PREVENUTE: dopo gli interventi posti in opera all'indomani del "grande alluvione" del 1966, a Firenze non si sono più registrate esondazioni dell'Arno: segno evidente che qualcosa si può fare! 

Genova è stata colpita diverse volte da alluvioni, la precedente a questa... L'ANNO SCORSO! NELL'OTTOBRE 2010 il fiume Bisagno aveva esondato: quest'anno CI RISIAMO! E Genova piange i suoi morti, ingenti danni ai beni pubblici e privati...

RIPARARE I DANNI COSTERA' MOLTO DI PIU' DI QUANTO SAREBBE COSTATO INTERVENIRE PREVENTIVAMENTE... E il fiume necessiterà di interventi ancora più consistenti...

Dopo un alluvione, dovremmo chiederci:
DI CHI è LA RESPONSABILITA' DI TUTTO QUESTO ???
CHI DOVEVA PREDISPORRE INTERVENTI E NON LO HA FATTO ???
Chi non ha fatto il proprio dovere, facendo pagare con la vita ai cittadini i propri ERRORI, deve farsi da parte. FARSI DA PARTE! Invece non se ne parla nemmeno... non solo non si parla di "farsi fa parte", ma NEMMENO DI STABILIRE LE RESPONSABILITA'!!!

E' onere di chi amministra, a più livelli, gestire il territorio e prevenire episodi come questo: SE NON è IN GRADO, SE NE DEVE ANDARE.

staff nocensura.com

Condividi su Facebook

Quando l'ho letto, non ci credevo... 6.400 volte!
In passato, avevamo pubblicato un articolo che sosteneva che lo stipendio del manager Fiat era pari al salario di 1037 operai... come mai oggi allora emerge che è sei volte superiore?


Perché i manager, oltre a ricevere un lauto stipendio, che nel caso di Marchionne è superiore ai 3.000.000 di Euro all'anno, ricevono anche PREMI e "stock option"; quelle che ha ricevuto Marchionne, avevano un valore di 10 milioni di Euro, e dopo le "manovre" della Fiat sono aumentate di valore di quasi dieci volte! Oltretutto, sulle "stock option" a differenza dello stipendio, ci pagano pochissime tasse...




Cresce ancora il divario tra il salario dei lavoratori e lo stipendio dei manager delle grandi aziende; la forbice si è allargata a 1:800/1.000, ovvero un manager guadagna 800/1.000 volte più di un lavoratore...


Ma il "record dei record" spetta a Marchionne: che è arrivato - tra stipendio, premi e stock option - a mettersi in tasca 100.000.000 di euro in un anno, cioè quanto guadagnano in un anno 6.400 operai della Fiat... (non ci sono parole)


E pensare che Matteo Renzi, ai tempi del "braccio di ferro" tra i lavoratori della FIAT sotto ricatto e l'Amministratore di Fiat, espresse la propria vicinanza al super-mega-manager della FIAT, che chiude in Italia per aprire all'estero... (Polonia, Brasile...)


Fonte: ce ne sono moltissime: cercate su Google "stipendio marchione 6400 operai" per info circa lo stipendio dell'AD Fiat e "Renzi con Marchionne" per verificare che Renzi si schierò apertamente dalla parte della potente Fiat..,

Aggiornamento 22/03/2012
LA VOLKSWAGEN HA RADDOPPIATO IL FATTURATO - SENZA DELOCALIZZARE - E PER QUESTO HA CONFERITO UN "PREMIO PRODUZIONE" DI BEN 7.500€ A OGNI DIPENDENTE; INOLTRE, HANNO AUMENTATO GLI STIPENDI (CHE ERANO GIA' AL TOP DEL SETTORE) IN MODO CONSISTENTE... (VEDI http://bit.ly/GD0bKz) LA FIAT INVECE HA PREMIATO... SOLO MARCHIONNE, CON BEN 100.000.000€ DI PREMIO!!! NON SAREBBE STATO PIU' GIUSTO DARGLIENE 5 (CHE NON SONO NOCCIOLINE) E UTILIZZARE I RESTANTI 95 PER PREMIARE I LAVORATORI E AUMENTARE I SALARI, CHE SONO BASSI????? 


staff nocensura.com

Condividi su Facebook
Un'indagine pubblicata su "la Repubblica" rivela (con toni allarmistici") che il 19% degli italiani ha rinunciato o rimandato "controlli, interventi o esami medici" a causa delle difficoltà economiche.

Un articolo interessante, mi sono detto, da "dare in pasto" ai lettori di "Cose che nessuno ti dirà".


Leggendo l'articolo, stavo inevitabilmente, ho pensato che anch'io faccio parte di "quel 19%" di cittadini, visto che più volte ho rimandato visite nel migliore dei casi al mese successivo, perché magari in quel periodo dovevo far fronte al "salasso" della RC auto, cambiare le gomme alla stessa, o comunque in quel momento mi "scomodava" tirare fuori i soldi necessari per il dentista, o altro. Mi è tornato a mente che tempo fa avevo programmato di sottopormi a un controllo dal dermatologo, per fargli valutare alcuni "nei", che nonostante non mi diano fastidio, sono "in rilievo" e comunque è buona norma far vedere a uno specialista: che dopo avergli dato un'occhiata sommaria, sorridendo a 32 denti (lo credo bene che è felice) pretende un bel "foglio verde" con su scritto 100 Euro. Mi è venuto in mente che sono anni che non vado dall'oculista, e che dovrei farlo.

Ma se io che percepisco uno stipendio e non ho figli faccio parte di quel 19%, possibile che l'81% dei cittadini italiani non abbia questi problemi? Allora mi sono guardato intorno, e ho rivolto questa insolita domanda ad alcuni amici, aprendo un piccolo dibattito in un messaggio Facebook rivolto ad alcune persone; che praticamente tutte, hanno confermato di aver vissuto situazioni simili, salvo rinunciare a tutto "il rinunciabile", pur di sottoporre a tutte le visite e gli esami necessari i propri figli.

Ho lanciato il sondaggio su Facebook: Hai mai rimandato "controlli, esami o interventi medici" per motivi economici ? e a distanza di "circa due ore", per citare la definizione di Facebook, il risultato provvisorio è il seguente:




SI 614
NO 120

E' UN'INGIUSTIZIA... hanno comprato 19 maserati blindate nuove solo per i dirigenti del Ministero della difesa, lasciando i funzionari degli altri ministeri con auto blu che hanno almeno 2 anni!!!

La crisi si è fatta sentire, prima non cambiavano olio e gomme, ma direttamente la macchina... ma con la crisi i nostri governanti, nonostante i sacrifici e le nuove tasse, non riescono a mantenere nuovo tutto il parco auto di Stato, che ammonta a 580/590.000 mezzi...

Inoltre è un'indecenza che mentre i funzionari della Difesa circolino in Maserati, gli altri siano costretti ad accontentarsi dei modelli di punta dell'Alfa Romeo, oppure di Mercedes e Bmw...

DOBBIAMO RIBELLARCI... CON TUTTE LE TASSE CHE PAGHIAMO, ESIGIAMO CHE TUTTI I FUNZIONARI DEL MINISTERO ABBIANO UNA MASERATI, MENTRE PER I MINISTRI POTREMMO COMPRARE LE ROLLS ROYCE... COME I REGNANTI CHE SI RISPETTINO.

CHIUDIAMO DEGLI ALTRI OSPEDALI E ALTRE SCUOLE E COMPRIAMO LE MASERATI A TUTTI!!! Sia mai che qualcuno ci tolga la qualifica di "Repubblica delle banane"...

Francesca - collaboratrice di nocensura.com

AGGIORNAMENTO:
Una foto pubblicata da un giornale straniero: certo che passiamo da furbi...
da ricconi... mica da scemi... noooooo
mica ci prendono in giro....
Condividi su Facebook

Interessante "botta e risposta" sulle pagine del "Fatto" tra Marco Travaglio e Giorgio Gori, ex direttore di Canale 5, dimessosi per entrare nello staff di Renzi: un uomo che secondo Marco Travaglio ha avuto un ruolo IMPORTANTISSIMO nell'ascesa al potere di Berlusconi. Riportiamo il primo articolo di Marco Travaglio, la replica di Giorgio Gori e la contro-risposta di Marco Travaglio...

--
Tutti (si fa per dire) si domandano perché Renzi abbia scelto proprio Giorgio Gori come regista dell’operazione Leopolda ed estensore delle sue Cento Idee e perché abbia scelto proprio Martina Mondadori per dire “Matteo tocca a te, ti vogliamo presidente del Consiglio”. Ma forse la domanda va rovesciata: perché Gori e la Mondadori hanno scelto proprio Renzi? Evidentemente perché lo sentono familiare. E per capire il motivo basta leggere le biografie dei due ex berluschini folgorati sulla via di Firenze (che presto, visto il super-ego del suo sindaco, verrà ribattezzata “Firenzi”). Giorgio Gori viene da Bergamo. Da giovane bazzicava gruppi di destra, poi negli anni 80 fu adocchiato da Craxi e divenne craxiano. Dunque dirigente del gruppo Fininvest, dove se non eri craxiano non ti si filava nessuno. Carriera folgorante: nel 1989, a 29 anni, è
capo dei palinsesti di tutte e tre le reti del Biscione, mobilitate l’anno seguente nella campagna pro legge Mammì; e nel '91, a 31 anni, è direttore dell’ammiraglia Canale5, dove rimane fino al 2001, salvo una parentesi di due anni a Italia1. Il che significa che nel '93 è roba sua la campagna “Vietato Vietare” contro la regolamentazione degli spot in tv. E nel '94, mentre B. entra in politica cacciando subito Montanelli dal Giornale, è lui il comandante della portaerei Fininvest che in tre mesi lancia Forza Italia nel firmamento della telepolitica (ricordate gli spottini di Mike, Vianello, Zanicchi & C.?) e fa vincere le elezioni al padrone. Ed è ancora lui a mettere la sua faccina efebica e la sua firma su programmi-manganello come Sgarbi quotidiani e Fatti e Misfatti di Liguori, specializzati nel killeraggio dei “nemici” del padrone. Mai un dubbio, una presa di distanze, un moto di disgusto, un sopracciglio inarcato. Nel '95 è la sua Canale5 a capitanare la campagna elettorale contro i referendum che tentano di porre un argine agli spot e un tetto antitrust al gruppo Fininvest, come stabilito l’anno prima dalla Consulta. Ora, al fianco di Renzi, Gori dice di voler “liberare la Rai dai partiti”. Cos’è, una battuta? Che altro erano la Fininvest e poi Mediaset, Canale5 e Italia1, dal '94 in poi se non il braccio armato di un partito, con Gori sulla tolda di comando?

Secondo una ricerca pubblicata da "la Repubblica" il 19% dei cittadini è costretto dalla crisi economica a rimandare "controlli, interventi o esami medici"; Secondo noi, la percentuale è più elevata. 


Con quello che costa - per esempio - curarsi i denti, secondo noi il dato reale non può che essere molto più elevato. E come hanno dimostrato numerosi studi, avere problemi con la dentatura causa una serie interminabile di disturbi della salute, compresi problemi cardiaci.


Proviamo a fare un sondaggio su Facebook. Tuttavia anche se il dato risultasse corretto  - cioè 1 italiano su 5 rinuncia a esami, controlli e interventi medici, serebbe sempre troppo.

Staff nocensura.com


---
Il 19% delle persone rimanda controlli, interventi o esami per non affrontare spese. Il 70% della popolazione non è soddisfatto del Ssn. I risultati dell'indagine "Barometro internazionale sulla salute" che mette a confronto la situazione di 10 paesi

La crisi economica fa male alla salute perché costringe il 19% degli italiani a rinunciare alle cure. Una persona su cinque rimanda esami, interventi e controlli per non affrontare spese. Un problema in più in un paese dove il Sistema sanitario nazionale è molto criticato e dove la popolazione risulta fra le più insoddisfatte per i servizi sanitari pubblici. Lunghe liste d'attesa, ospedali sempre più pieni e strutture inadeguate sono motivi di malessere per gli utenti.

Lo studio. Sono questi alcuni dati del quinto Barometro internazionale sulla salute. L'indagine, realizzata dall'Istituto di ricerca internazionale Csa su commissione del Gruppo Europ Assistance-Cercle Santé, mette a confronto i cittadini di 10 paesi sui grandi temi d'attualità sanitaria: valutazione del proprio sistema sanitario nazionale e qualità delle cure, istanze sociali, mobilità nell'accesso alle cure, invecchiamento della popolazione, nuove tecnologie, prevenzione e contributo del settore sanitario allo sviluppo economico. Lo studio ha coinvolto Germania, Francia, Italia, Gran Bretagna, Svezia, Polonia, Austria, Stati Uniti e, da quest'anno, Spagna e Repubblica Ceca. Il campione analizzato era composto da 5.500 persone.

Reparti e day hospital sono un ricettacolo di batteri. E il 18% di chi la contrae in questo modo, muore

Quasi il 50% delle polmoniti viene contratto in ospedale. E' il risultato allarmante presentato oggi di una ricerca condotta sulle polmoniti: lo studio, che ha coinvolto circa 2.000 pazienti di 55 reparti di Medicina Interna di ospedali in tutta Italia,  è stato presentato al 112° congresso nazionale della Società Italiana di Medicina Interna (SIMI). 

RICOVERI LUNGHI PERICOLOSI
«Rimanere in ospedale a lungo è pericoloso perché reparti e day hospital possono rivelarsi un ricettacolo di batteri – commenta Francesco Violi, presidente SIMI, direttore della I Clinica Medica al Policlinico Umberto I e professore ordinario di Medicina Interna all’Università La Sapienza -. I ricoveri più lunghi del dovuto possono complicare le degenze con malattie e infezioni che portano, nei casi più gravi, fino alla morte». «E’ meglio - raccomanda Violi - frequentare l’ospedale meno possibile e lo stesso vale per i visitatori, soprattutto per i bambini. Dovremmo cercare di orientarci sempre più verso le cure domiciliari, che in alcune regioni sono molto carenti. A beneficiarne non sarà solo il malato, ma anche le casse della sanità pubblica».


Sono tante le finanziarie, anche sul web, che offrono prestiti rivolti ai pensionati: spesso proponendo immagini di anziani sorridenti e felici, magari con una mazzetta di denaro in mano. Propongono i prestiti come la soluzione per risolvere i problemi economici... MA SE QUELLE PERSONE SONO IN DIFFICOLTA' CON LA PENSIONE INTERA... COME POTRANNO VIVERE MEGLIO QUANDO DOVRANNO ANCHE SALDARE TUTTI I MESI UNA RATA???


Alcuni siti propongo addirittura prestiti fino a 90 anni: proprio cosi. Provate a cercare su Google: "prestiti pensionati fino a 90 anni": troverete molti risultati. Ora, sicuramente tutti speriamo di riuscire a pagare anche l'ultima rata, e magari chiedere un'altro mutuo fino a quando abbiamo 110 anni... MA QUANTE PERSONE ARRIVERANNO MAI A QUELL'ETA' ben superiore la "speranza di vita" ? Ma le finanziarie non hanno problemi: tanto pretendono solide garanzie...  in caso di problemi, possono sempre fare rivalsa sulla casa, loro non hanno problemi...

staff nocensura.com


---
Il credito al consumo non conosce limiti d'eta': secondo l'analisi di Prestiti.it il 6,5% delle richieste di prestito personale arriva da pensionati. La percentuale, convertita in numeri, diventa sbalorditiva: circa 360.000 italiani in pensione, nell'ultimo anno, hanno avuto necessita' di ricorrere al credito al consumo. Quasi mille anziani al giorno, quindi, a rappresentare un fenomeno con cui e' ormai necessario fare i conti.
Chi è Papandreu? - "è il leader greco" - si ma CHI E'...?
Chi è Mario Draghi? (che piace tanto al popolo italiano, che lo giudica solo in base alle chiacchiere propagandistiche che fa in tv...)
SAPETE DAVVERO CHI SONO? MA DAVVERO? Allora passate oltre, non leggete questo articolo...



Non capite cosa sta accadendo? Siete smarriti dai continui sbalzi dei mercati, che un giorno crollano del 5% e due giorni dopo crescono del 4%, per poi ricorllare e ricrescere? Limitandosi ad osservare non si capisce nulla, se però si conoscno alcuni retroscena il quadro appare meno confuso di quanto appaia.

1) Di ogni leader bisognerebbe leggere attentamente la biografia e dunque non dimenticarsi mai delle sue origini. Prendiamo il premier Papandreou. E’ greco? Senza dubbio, ma solo a metà. Sua madre è americana e in America ha studiato. Niente di male, anzi, però bisogna sapere che negli ultimi vent’anni ha stabilito eccellenti rapporti con un certo establishment finanziario anglosassone. Viste le sue strane peripezie con l’annuncio di misure lacrime e sangue, poi la negazione di quanto fatto finora con la proclamazione di un referendum annunciato e infine l’annullameno dello stesso, Papandreu sta facendo gli interessi del popolo greco o risponde ad altre logiche e ad altri interessi?

2) E prendiamo Mario Draghi, ex governatore della Banca d’Italia, ma anche ex vicepresidente di Goldman Sachs e, soprattutto, stimatissimo presidente del Financial stability forum, che dalla scoppio della crisi del 2008, ha preservato gli interessi del mondo finanziario e in primis delle grandi banche che hanno provocato quella crisi e che sono state salvate. Domanda: rappresenta l’Italia, l’Europa o il mondo finanziario transnazionale? Ah saperlo…
L´allarme degli esperti: troppo competitivi, devono fare meno attività e giocare di più.  Secondo uno studio tedesco circa la metà dei piccoli soffre per l´eccesso di pressioni di una sorta di "ansia di successo"

Il mal di pancia prima di andare a scuola, lo scatto d´ira all' uscita dalla partita o ancora la febbre il giorno del compleanno. Il malessere segreto dei nostri figli si nasconde forse dietro a piccoli sintomi, a volte banali. «Abbiamo caricato i bambini di troppe aspettative. Sono condannati al successo», spiega il neuropsichiatra Boris Cyrulnik, lanciando un grido d´allarme nel suo nuovo saggio "La Vergogna", che ha già provocato un acceso dibattito in Francia e ora è pubblicato anche in Italia. Un traguardo dopo l´altro, senza potersi permettere di fallire. A scuola, nello sport, nelle discipline artistiche come nelle relazioni con gli amichetti, i piccoli sperimentano spesso la paura di non essere all´altezza. Secondo uno studio tedesco ripreso da Der Spiegel, la competizione tra bambini non è mai stata così forte: almeno il 50% di loro sperimenta lo stress tipico degli adulti, quell´ansia da prestazione che di solito esiste solo nel mondo del lavoro e può portare a fenomeni come il burn-out, l´annientamento emotivo.



Una giovane rom è la testimone della morte di Michele Ferrulli durante un fermo di polizia a Milano il 30 giugno scorso in via Varsavia. La stessa che realizzò con un videofonino il filmato che oggi è agli atti dell'inchiesta aperta dalla Procura


Oggi quel video ha anche un proprietario. E quel proprietario ha una voce che sta raccontando ciò che ha visto. Le indagini per la morte, il 30 giugno scorso a Milano, di Michele Ferrulli potrebbero ora subire un’accelerazione. È stata infatti identificata la persona che ha ripreso con un’iPhone l’intervento della polizia in via Varsavia: si tratta di una giovane rom che vive in un campo e che ha immediatamente messo a disposizione della Procura il suo telefono (che per questo non è stato sequestrato). Non solo: agli inquirenti, la ragazza sta raccontando ciò che ha visto quella notte.

venerdì 4 novembre 2011

La decisione di non inviare i Vigili del Fuoco "discontinui" nelle zone alluvionate è scandalosa. Abbiamo un corpo preposto e addestrato per intervenire in casi come questi, e nonostante la gravità del disastro, non vengono chiamati in servizio... migliaia di persone sono in una situazione di profondo disagio, e lo Stato non permette ai nostri VVFF di portare soccorso e conforto.

PERCHE' ? QUAL E' IL MOTIVO DI QUESTA DECISIONE?
I politici fino ad oggi non rispondono, si trincerano dietro alle frasi fatte di rito, il teatrino del cordoglio, le lacrime di coccodrillo. Vengono intervistati da giornalisti servili e falsi che non hanno le pal*e di fare una domanda decente.

Sono morte 18 persone in dieci giorni, oggi hanno perso la vita 3 bambini... Gli italiani esigono delle RISPOSTE! 

E che NON SI AZZARDINO A DIRE CHE NON CI SONO SOLDI, perché se ci sono per comprare 19 maserati blindate per i dirigenti del Ministero, ci DEVONO essere anche per portare soccorso a coloro che stanno vivendo un dramma da attori protagonisti.



Condividi su Facebook

La Russa ha mandato le 19 Maserati blindate con autisti...


Condividi su Facebook
IL FANGO RICOPRE ANCHE GENOVA: L'ITALIA è SOTTO LA MORSA DEL MALTEMPO, E I VIGILI DEL FUOCO "DISCONTINUI" NON SONO STATI CHIAMATI IN SERVIZIO!!!


I nostri concittadini di La Spezia, del comprensorio delle 5 terre, della Lunigiana e di alcuni quartieri di Genova sono SOTTO IL FANGO; Alle vittime dei giorni scorsi, oggi se ne sono aggiunte sette, di cui tre bambini.

Ci sono famiglie che hanno perso tutto, altre che hanno la casa invasa dal fango, PERSONE CHE HANNO BISOGNO DI AIUTO, mentre devono (dovrebbero) essere assunti seri interventi preventivi, a costo di mettere i sacchi di sabbia a fianco agli argini a rischio, come usava un tempo, se necessario. E' ALLERTA METEO fino a Domenica e Lunedì: a rischio anche in sud del Piemonte.

E I VIGILI DEL FUOCO DISCONTINUI NON SONO STATI CHIAMATI IN SERVIZIO!!! E' UNA COSA SCANDALOSA, SCHIFOSA!!! NON CI SONO PAROLE... EVIDENTEMENTE NON SONO BASTATI I 18 MORTI REGISTRATI NEGLI ULTIMI 10 GIORNI... DAI POLITICI ARRIVANO PAROLE DI CORDOGLIO, FRASI FATTE MA NON LE AZIONI CONCRETE CHE ASSUMEREBBE ANCHE UN BAMBINO. 

La nostra nazione non permette ai nostri giovani Vigili del Fuoco di andare a portare soccorso e conforto nelle zone colpite dalla pesantissima calamità... RICORDIAMO che il corpo dei Vigili del Fuoco "Discontinui" è composto da personale addestrato per gestire eventi di questo tipo, che non presta servizio a tempo pieno: bensì dovrebbero essere chiamati in servizio nel momento del bisogno: TUTTAVIA NON SONO STATI CHIAMATI IN SERVIZIO... MA COSA ASPETTANO LO TSUNAMI PER INVIARLI??? STANNO GIOCANDO SULLA NOSTRA PELLE...

MOBILITIAMOCI, CHIEDIAMO SPIEGAZIONI ALLE ISTITUZIONI:

PERCHE' I VVFF DISCONTINUI NON SONO STATI CHIAMATI IN SERVIZIO?
Le tessere del PdL a luglio erano 3000 (tremila). Oggi, dopo un periodo certamente non favorevole alla politica in generale e in particolare proprio al partito di Berlusconi, quelle tessere sono un 1.000.000 (un milione). Praticamente si è passati da zero ad un milione, nel giro di tre mesi. Un risultato che lascia a bocca aperta, perché o si tratta di un miracolo oppure c’è sotto qualcosa.
Ovviamente è buona la seconda: c’è sotto qualcosa. Non si sa ancora quando, ma in un periodo indefinito del futuro prossimo si svolgeranno i congressi provinciali del partito: e in quell’occasione conteranno proprio le tessere. Per scegliere gli uomini, i dirigenti, le linee guida: tutto passerà attraverso i voti, e i voti saranno espressi dai tesserati.
Per il 5 novembre Bersani ha convocato la piazza, a Roma, per “ricostruire l’Italia”, ma mica così, tanto per fare, addirittura “in nome del popolo italiano”. Ambiozoso, e simpatico, questo segretario del Pd. Tutti a Roma, quindi. Siamo venuti in possesso di un documento, inviato via mail agli iscritti del Pd della Fedarazione di Lecco (e pubblicato sul sito di diverse sezioni locali), che spiega come verrà effettuata la “spedizione” dei simpatizzanti di Bersani.
Sentite un po’. E’ stato organizzato un treno speciale dalla Federazione Regionale del Pd, che lo ha girato alla disponibilità delle Federazioni locali (quanti apparati e quanta burocrazia pure in un partito). Un treno Fracciarossa, mica male. Prezzo concordato con Trenitalia: 30 euro. E già questo è un gran bel prezzo, ben inferiore ai prezzi di mercato.


SCRIVIAMO TUTTI AL PRESIDENTE DELLA TOSCANA ROSSI: VOGLIAMO RISPOSTE, e anche se l'alluvione non vi riguarda direttamente, ricordatevi che può capitare a chiunque!

GUARDATE LA GRAVITA' DELL'ALLUVIONE CHE HA COLPITO LIGURIA E TOSCANA IL 26 OTTOBRE: Tra l'altro, era stata diramata l'allerta, perché era previsto che il maltempo tornasse a colpire... (infatti oggi Genova è allagata...)

COME MAI NON SONO STATI FATTI INTERVENIRE I VIGILI DEL FUOCO "discontinui" ??? Che sono il corpo preposto e addestrato per gestire e prestare soccorso in casi come questo? I VVFF "discontinui" sono chiamati così, proprio perché non prestano servizio permanente, ma vengono dispiegati nelle zone teatro di calamità: terremoti, alluvioni, etc.. inspiegabile come non siano stati inviati nelle zone alluvionate!

Abbiamo provato a chiedere delucidazioni ad alcuni consiglieri regionali, sia di "maggioranza" che di "opposizione", senza ricevere risposta alcuna. A questo punto, scriviamo tutti insieme al Presidente della Regione toscana:

Da inviare a:
enrico.rossi@regione.toscana.it


(Scriviamo anche al Presidente della Regione Liguria, ai sindaci delle zone interessate, alle testate giornalistiche, e a tutte le istituzioni che ritenete opportuno.)
 --
Egregio Presidente Rossi,
Presentiamo qui una traduzione adattata e selettiva dell'articolo in inglese presente al link appena sopra. Risulta chiaro che almeno 60 ingegneri aerospaziali con una lunga esperienza hanno avanzato seri dubbi sul fatto che le spiegazioni ufficiali sull'Undici settembre siano un inganno. Per loro è chiaro che l'11 settembre potrebbe essere stato frutto di un complotto di portata ben più ampia che non il complotto ordito dal "califfo" Bin Laden dalle sue grotte afgane. L'ipotesi su cui converge la maggior parte di questi ingegneri aerospaziali è quella dell'autoattentato. E la credibilità delle versioni ufficiali si riduce a zero.


Ecco una selezione da una raccolta di interventi fatta da Dwain Deets, ingegnere aerospaziale della NASA.
Nella lista per primi vengono coloro che hanno più di 30 anni di esperienza nel settore aerospaziale.
Phil R. Bales, ingegnere esperto di affidabilità aerospaziale e del ciclo di vita dei veicoli aerei. Ha lavorato per compagnie produttrici di motori aerei come la Teledyne CAE, Raytheon, e la marina militare degli USA.
“Quando mi confrontai con i fatti, e considerai la realtà che le temperature del carburante dei jet non supportano le modalità di cedimento che sono state suggerite nel rapporto ufficiale, fui costretto a cambiare paradigma. Questa realtà ha cambiato tutta la mia prospettiva su quei gruppi che prima avevo bollato come gruppi di tizi iperemotivi e di scarsa educazione. Mi ero sbagliato e sono grato ai Truthers dell’11 settembre per darmi voce in capitolo sulla verità! Ora anch’io sono per la verità sull’11 settembre.”


“I fatti sul crollo dei tre edifici del WTC l’11 settembre 2001 semplicemente non supportano la teoria proposta dal rapporto della PBS, o dalla pubblicazione del governo statunitense. Dev’esserci qualche altra spiegazione che soddisfi la mia fame di verità sulle orribili realtà del WTC e della strage del Pentagono.”
“Come ingegnere, come patriota, come cittadino degli Stati Uniti d’America, io chiedo che il governo, che è responsabile nei confronti dei suoi cittadini, costituisca una commissione indipendente per indagare e redigere un rapporto sulla verità dell’11 settembre 2001.”
Cariche di polizia a Roma contro gli studenti impegnati in un corteo contro le politiche neo liberiste e i continui tagli alla scuola pubblica gestita in maniera aziendalistica. Universitari  insieme a numerosi istituti medi, si sono mossi in corteo sfidando i divieti di Alemanno e della Questura. Una volta arrivati alla stazione Tiburtina gli studenti hanno trovato ad attenderli uno schieramento di polizia che impediva il proseguimento del percorso. Il corteo ha cambiato allora direzione, prendendo una via lasciata libera dai cordoni di agenti. I manifestanti sono avanzati a mani alzate e con gli ormai famosi Book Block in testa. A questo punto è partita la carica che ha bloccato anche la via prima scoperta. Non ci sono stati fermi o feriti. Gli studenti hanno tentato di occupare il cantiere della stazione ma sono stati nuovamente caricati dalla polizia. La repressione è cominciata già dalla prima mattina. Secondo le testimonianze degli stessi studenti davanti a numerose scuole romane come il Tasso e il Righi, le forze dell’ordine avrebbero intimidito i ragazzi intimandogli di non prendere parte alla manifestazione e avrebbero chiesto ai presidi di fornirgli i nominativi degli alunni che non si sono presentati oggi a scuola.

Mentre scriviamo gli studenti sono stati "sequestrati" dalle forze dell'ordine sotto il cavalcavia della tangenziale, con la minaccia di liberarli solo dopo essere stati identificati e denunciati.

Dopo più di 4 ore gli studenti hanno potuto lasciare il piazzale della stazione tiburtina, uscendo a fila indiana e filmati ad uno ad uno dalle foeze dell'ordine



Condividi su Facebook


Cresce ancora il divario tra il salario dei lavoratori e lo stipendio dei manager delle grandi aziende; la forbice si è allargata a 1:800/1.000, ovvero un manager guadagna 800/1.000 volte più di un lavoratore... 

Ma il "record dei record" spetta a Marchionne: che è arrivato - tra stipendio, premi e stock option - a mettersi in tasca 100.000.000 di euro in un anno, cioè quanto guadagnano in un anno 6.400 operai della Fiat... (non ci sono parole)

E pensare che Matteo Renzi, ai tempi del "braccio di ferro" tra i lavoratori della FIAT sotto ricatto e l'Amministratore di Fiat, espresse la propria vicinanza al super-mega-manager della FIAT, che chiude in Italia per aprire all'estero... (Polonia, Brasile...)

La maggioranza degli italiani (per fortuna molti si stanno svegliando) sono divisi: ci hanno assuefatto con questo "bipolarismo" di facciata, con la quale ci controllano. Ormai la maggioranza dei cittadini vota una fazione "per votare contro l'altra" e non perché ha fiducia nella parte che vota, ben consapevole che cambierà ben poco.

Chi avanza una critica su una parte, è subito "accusato" di "fare parte dell'altra"; se critichi Berlusconi, sei un comunista. Se critichi Renzi, sei per Vendola. Se critichi il centrosinistra, sei un "berluscones"... e via dicendo...
L'indigenza minaccia una parte considerevole della popolazione tedesca. Quasi un sesto dei cittadini, il 15,6%, secondo criteri statistici è a rischio povertà. Lo rivela oggi un'indagine dell'Ufficio federale di statistica di Wiesbaden che si riferisce a dati raccolti nel 2009.

Secondo lo studio, a correre il maggiore pericolo di scivolare nella povertà in Germania sono i disoccupati, con una percentuale pari al 70%. Ma anche tra chi un lavoro ce l'ha, il 7,2% è risultato a rischio. Particolarmente deboli sono state valutate inoltre il 43% delle famiglie con un unico genitore, e il 30% delle persone che vivono da sole.

Dal punto di vista statistico sono considerati a rischio povertà tutti coloro che hanno entrate complessive inferiori a 940 euro al mese.

fonte

In Italia, è considerato "povero" - ovvero rientra nella "soglia di povertà" chi vive con meno di 599.80 Euro al mese, e i nuclei familiari di due persone che vivono con meno di 999.67 Euro. 

Il criterio tedesco è sicuramente più appropriato: con il costo della vita odierno una persona è povera anche se ha a disposizione qualche centinaio di euro in più dei 599.80 del criterio italiano. Un tedesco è considerato povero se ha meno di 940 Euro, mentre una famiglia italiana di 2 persone, lo è se vive con meno di 999.80 Euro: il dato parla da se.


Teniamo presente che il costo della vita in Germania non è molto superiore al costo della vita in Italia, mentre il "welfare" è decisamente migliore, sopratutto per le famiglie con figli.


Se in Italia si adottasse il criterio tedesco, probabilmente quasi mezza Italia sarebbe considerata dentro la soglia di povertà: e probabilmente sarebbe giusto. In Italia una famiglia di 2 persone che ha a disposizione 1.000 Euro al mese, non è considerata povera... ma di fatto lo è.

Clicca qui per consultare il file PDF  della definizione della soglia di povertà in Italia.


Condividi su Facebook
Siete in grado di riconoscere la sofferenza nascosta del vostro cane? Anche Fido può soffrire di dolore cronico e, senza dirlo, può farvelo capire. Esistono infatti le prove oggettive che consentono ad un attento proprietario- e nei casi più complessi al medico veterinario- di riconoscerlo. E di intervenire efficacemente.
«Nella pratica clinica quotidiana degli animali da compagnia- spiega Vezzoni- è molto frequente il riscontro di situazioni cliniche croniche dolorose. Mentre risulta evidente la risposta del cane ad un dolore acuto ed improvviso, manifestato da lamenti, guaiti, reazioni aggressive o di fuga, la risposta al dolore cronico è molto più subdola e difficile da rilevare».
I SEGNALI DA CAPTARE - I segnali da non sottovalutare sono la facile affaticabilità, un'apparente pigrizia, l'invecchiamento precoce, le alterazioni del carattere, ma anche un espressione triste e svogliata possono costituire prove oggettive di sofferenza, che il proprietario non deve sottovalutare.
I tre quarti delle multinazionali che controllano l'economia mondiale sono istituti finanziari.



L'economia globale è sostanzialmente controllata da 147 multinazionali, evidenzia uno studio svizzero unico nel suo genere. Per contenere le derive della concentrazione del potere ci vogliono nuove istituzioni sovranazionali, ritiene l'economista Mauro Baranzini.

L’intricata rete di connessioni che lega le società attive nel mondo è stata illustrata da ricercatori del Politecnico di Zurigo. Alcuni teorici dei sistemi complessi hanno rilevato che un gruppo estremamente ristretto di società controlla circa il 40% del valore di oltre 40'000 aziende attive in tutto il mondo.

I tre quarti delle 147 multinazionali che compongono questa “super entità” sono istituti finanziari, sottolineano gli autori dell’analisi, la prima che identifica con dati empirici la rete del potere. Tra le multinazionali più connesse vi sono anche le banche svizzere UBS e Credit Suisse (vedi dettagli a fianco).

«Una grande multinazionale può avere più potere del presidente di uno Stato di piccole o medie dimensioni», osserva Mauro Baranzini, in passato decano della facoltà di economia all’Università della Svizzera italiana.

Professor Baranzini, la concentrazione del potere è di per sé negativa oppure può avere anche risvolti positivi?

E' la zoorastia, la nuova frontiera del turismo sessuale, che vede come protagonisti gli animali (cani e cavalli, ma anche mucche e maiali) costretti a rapporti sessuali con gli umani. Spesso anche bambini.

Tutto questo si traduce in un giro d’affari sempre più consistente, grazie agli annunci (oltre 4.000 ogni anno) pubblicati quotidianamente su giornali e siti internet da persone che cercano ed offrono sesso a pagamento con animali.

A lanciare l’allarme è l’AIDAA, Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (Aidaa), secondo cui la zoorastia è in continua crescita.  

Per fermare il fenomeno, l’associazione ha lanciato un “numero arancione” 392.6552051, attivo tutti i giorni dalle 10 alle 12, per ascoltare denunce e segnalazioni (anche anonime) da parte di chi è stato testimone di abusi sessuali a scapito degli animali.
giovedì 3 novembre 2011

Qualcuno scrive nei commenti su Facebook che noi "attacchiamo Renzi" perché siamo dalla parte di Vendola... (qualcuno ritiene che siamo anche di centrodestra, nonostante critichiamo il governo praticamente quotidianamente, visto ciò che combina...)

Premesso che noi non "attacchiamo" nessuno, noi diciamo le verità e i fatti poco conosciuti che lo riguardano i politici, NESSUNO ESCLUSO, nessuna "macchina del fango", solo i FATTI e la VERA INFORMAZIONE

Evidentemente non hanno letto i molti articoli critici nei confronti di Vendola che abbiamo pubblicato: eccone qualcuno per rinfrescare la memoria:

Vendola toglie soldi agli studenti e li dà ai politici
http://www.nocensura.com/2010/12/vendola-toglie-soldi-agli-studenti-e-li.html

Nichi Vendola non fa gli interessi della gente, come tutti i politici del resto
http://www.nocensura.com/2011/01/nichi-vendola-non-fa-gli-interessi.html


OPS.... a pochi minuti di distanza dal sondaggio, sembra che DAVVERO POCHISSIMI cittadini fossero a conoscenza del fatto che Renzi è stato CONDANNATO PER DANNO ERARIALE dalla Corte dei conti...

in pochi minuti di sondaggio, 354 partecipanti dichiarano che "non lo sapevano" contro i 49 che ne erano a conoscenza...

E' NORMALE CMQ VISTO CHE LA SUA CONDANNA HA AVUTO POCHISSIMA RISONANZA... MENTRE DEL "BIG BANG" NE è A CONOSCENZA ANCHE IL MIO GATTO... guarda un po', i casi della vita.... ah ah ah

ECCO I LINK DEI SONDAGGI IN QUESTIONE:


Sondaggio - "Sapevi che Matteo Renzi è stato CONDANNATO per danno erariale?" - http://www.facebook.com/questions/257659240951843/?qa_ref=qd

Sondaggio "Sapevi che Renzi è figlio di un ex parlamentare della Democrazia Cristiana" - http://www.facebook.com/questions/256496891068078/


staff nocensura.com


Condividi su Facebook

Come dimostra il nostro sondaggio su Facebook, la STRAGRANDE maggioranza dei cittadini NON SAPEVA che Renzi è "figlio d'arte", ovvero che suo padre era un parlamentare della DC...

(Vedi sondaggio su Facebook)

Certo non significa niente, dirà qualcuno.
Ma FORSE significa "qualcosa", quando il soggetto in questione si erige a paladino dei giovani e dei precari... davvero lui (che non ha mai lavorato, a meno che non consideriamo un "lavoro" fare il Presidente della provincia) capisce a fondo i problemi dei giovani precari?

ORA ATTENDIAMO GLI ESITI DEL NUOVO SONDAGGIO "Sapevi che Matteo Renzi è stato CONDANNATO per danno erariale?"  PER CAPIRE QUANTI CITTADINI SAPEVANO CHE RENZI è STATO CONDANNATO AD AGOSTO 2011....

(Vedi il nuovo sondaggio su Facebook)



Condividi su Facebook
Renzi Condannato dalla Corte dei Conti:
La sentenza n. 282 anno 2011 della sezione giurisdizionale della Toscana la trovi qui sul sito ufficiale


Matteo Renzi è un fiume di parole inarrestabile, che piacciono molto soprattutto fuori dal suo Partito democratico. Giovane lo è, con i suoi 36 anni. Ma non è un salto nel buio. Da sette anni governa. Cinque li ha fatti alla guida della provincia di Firenze, da più di due è sindaco del capoluogo toscano. Ha avuto una buona occasione per realizzare i suoi sogni politici. Quando correva per conquistare la Provincia spiegava nel curriculum che il suo mito era Bob Kennedy. Da aspirante sindaco ha messo Kennedy in soffitta, sostenendo che il suo modello era diventato Bono Vox, il leader degli U2, che le aveva cantate a Tony Blair e Gordon Brown. Invecchiando ha ringiovanito i suoi modelli di riferimento. Perché lui si sente sempre più giovane con il tempo che passa.

Anche se i giovani sono stati la sua vera buccia di banana. È incappato infatti in una indagine della procura regionale della Corte dei Conti che non è esattamente da mettere come fiore all’occhiello. Il 4 agosto scorso Renzi è stato condannato a risarcire per danno erariale la provincia di Firenze di una somma certamente piccola: 14.532,12 euro. Gli hanno contestato le assunzioni del suo staff in quei cinque anni. Quando è arrivata la sentenza, che per la richiesta della procura sarebbe dovuta essere almeno dieci volte più salata, lui si è felicitato: «La procura aveva fatto una ricostruzione fantasiosa e originale, ribaltata in giudizio».



Dal sito di Unione Inquilini:
http://www.unioneinquilini.it/index.php?id=528


NOTA: l'articolo risale a molto prima che Renzi si proponesse alla guida del PD e praticamente dell'Italia... infatti l'articolo cita Martini (e non Enrico Rossi) come Presidente della Toscana...


Matteo Renzi è figlio di Tiziano Renzi, ex parlamentare della DC e gran signore della Margherita e della Massoneria in Toscana. Il feudo incontrastato della famiglia Renzi è il Valdarno, dal quale si stanno allargando a macchia d'olio. Il padre di Matteo controlla dalla metà degli anni '90 la distribuzione di giornali e di pubblicità in Toscana. Questo, unito agli affari con la Baldassini-Tognozzi, la società un po' edile e un po' finanziaria che controlla tutti gli appalti della Regione, spiega l'ascesa di Matteo Renzi.


Le prime 10 cose che non vanno di Matteo Renzi:
1) Da presidente della Provincia, tra il 2004 e il 2009, ha acquisito il controllo di tutta la stampa locale, radio e tv, in Toscana. L'ultimo giornale che un po' gli era ostile era "La Nazione". Per questo, in occasione dei 150 anni di questo giornale, ha fatto ospitare dai locali della Provincia, in via Martelli, una mostra che, naturalmente, è stata pagata coi soldi di noi contribuenti. In questo modo, La Nazione è divenuta renziana.


2) Renzi per controllare ancora meglio l'informazione locale, ha trovato un secondo lavoro a moltissimi giornalisti: gli uffici stampa degli eventi organizzati dalla Provincia, come il Genio fiorentino, il suo stesso portavoce, tutta una serie di riviste inutili e costossime per la collettività (Chianti News, InToscana, ecc.) servono a lui e a Martini, il presidente della Regione, a tenersi buoni i cronisti locali. Inoltre, trasmissioni come "12 minuti col Presidente", che va in onda su RTV 38 e Rete 37, gli sono servite a dare delle tangenti legalizzate alle redazioni di queste emittenti che ormai, in lui, riconoscono il vero datore di lavoro.

L'On. Michele Pisacane, dei Responsabili

Già consigliere regionale della Campania, Annalisa Vessella è amministratore delegato dell'Istituto di Sviluppo Agroalimentare, l'agenzia finanziaria di cui è socio unico il ministero dell'Agricoltura di Saverio Romano. L'aumento di retribuzione rivelato da un'interrogazione del deputato Pd Nicodemo Oliverio

Hanno quintuplicato il suo stipendio di amministratore delegato di un’azienda di Stato. Ed è già consigliere regionale della Campania a quasi diecimila euro al mese. E, per di più, è anche moglie di un parlamentare. Un’interrogazione parlamentare del Pd fa tornare la signora Annalisa Vessella agli onori della cronaca. E di riflesso anche il marito, Michele Pisacane. Annalisa e Michele, una famiglia che vive di politica. Alla grande. Lei l’abbiamo lasciata a settembre fresca di promozione da consigliera di amministrazione ad amministratore delegato dell’Istituto di Sviluppo Agroalimentare (Isa), a chiederci maliziosamente se esistesse un nesso tra la nomina e la circostanza che sia la moglie di un deputato dei Responsabili decisivo per le sorti del governo B.


L'ex calciatore: "Votare per Marina? Meglio andare al parco". Sul sindaco di Firenze: "Vuole il bene del Paese come un tempo il Cavaliere che ora dovrebbe dimettersi". E in caso di primarie afferma: "Darò il mio appoggio a Matteo". Vendola e Di Pietro? "Meglio la Santanchè"



Alessandro Costacurta, 45 anni, 662 partite con il Milan. Se la caduta di un sistema inizia dai dubbi di chi fu colonna del palazzo, Billy è la fotografia di un crollo. Martina Colombari, sua moglie “da sette anni, ma stiamo assieme da 17” lo ha convinto all’ascolto di Matteo Renzi. Costacurta è andato e adesso, mentre si scalda al sole di Dubai, in testa, ha un’idea meravigliosa.

Costacurta come è andata? 
Benissimo. Secondo me Renzi è il nuovo Berlusconi.

Scherza?
Neanche un po’. Renzi vuole lavorare per il bene del Paese, come un tempo accadde a Berlusconi. I due si sono conosciuti. Incontrati. Piaciuti credo. Se le dico rottamatori a cosa pensa? All’aria nuova. Ce n’è un bisogno folle.

Berlusconi deve andarsene? 
È un mio amico, ma credo sia il momento.



Ieri abbiamo ricevuto la lettera di un gruppo di VVFF discontinui, a cui oggi ha fatto seguito un comunicato stampa della loro Associazione nazionale; i VVFF discontinui chiedono "come mai non sono stati fatti intervenire" nonostante il loro corpo sia addestrato e preposto per questi interventi, NONOSTANTE LA SITUAZIONE GRAVISSIMA che potrebbe peggiorare causa maltempo nei prossimi giorni...

Abbiamo girato la lettera dei VVFF discontinui ad alcuni consiglieri regionali, senza ricevere, fino ad ora, NESSUNA RISPOSTA... 

GUARDATE QUAL'è LA SITUAZIONE DEI TERRITORI ALLUVIONATI, GIUDICATE VOI SE NON è IL CASO DI FARLI INTERVENIRE..

staff nocensura.com


Condividi su Facebook

AL SIG. PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
On. Giorgio NAPOLITANO

AL SIG. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
On. Silvio BERLUSCONI

AL SIG. PRESIDENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA 
Sen. Renato SCHIFANI
schifani_r@posta.senato.it
AL SIG. VICE PRESIDENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA 
Sen. Vannino CHITI chiti_v@posta.senato.it

AL SIG. PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI
On. Gianfranco FINI

AL SIG. VICE PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI 
On. Maurizio LUPI
info@mauriziolupi.it

Al SIG. MINISTRO DELL’INTERNO
On. Roberto MARONI
caposegreteria.ministro@interno.it

AL SIG. SOTTOSEGRETARIO DI STATO AGLI INTERNI
Sen. Guido Viceconte
viceconte_g@posta.senato.it

AI SEGRETARI GENERALI OO.SS. C.N.VV.F.:

CGIL FP - VV.F. - Adriano Sgrò
Fax: 06.58544339 - indirizzo mail: posta@fpcgil.it

CISL FNS - Pompeo Mannone
Fax: 06.4469831 - indirizzo mail: snvvf3@tin.it

UIL PA VV.F. - Alessandro Lupo
Fax: 06.42821400 - indirizzo mail: uilvvf@tiscalinet.it

CONFSAL VV.F. - Franco Giancarlo
Fax: 067842893 - indirizzo mail: segreteria@confsalvigilidelfuoco.it

RdB CUB VV.F. - Antonio Jiritano
Fax: 06.874597394 - indirizzo mail: info@vigilidelfuoco.rdbcub.it

UGL VV.F. – Fernando Cordella
indirizzo mail: info@uglvigilidelfuoco.it

CONAPO VVF - Antonio Brizzi 
Fax: 0187.424008 - indirizzo mail: conapo.it@conapo.it

Oggetto: Richiesta di utilizzo del personale discontinuo per le calamità di Liguria e Toscana

Cari Colleghi ed Amici, Autorità politiche ed istituzionali e organi di informazione,
questo Comitato nazionale ritiene assurdo continuare a tenere fuori uso la componente precaria, e utilizzarla solo per tappare le falle di un’organico ridotto ormai all’osso,
mercoledì 2 novembre 2011
La maggioranza degli italiani sono favorevoli alla riduzione dei parlamentari. La cosa non sorprende, perché viene associata a una riduzione dei costi della politica, tuttavia POCHI SANNO CHE LA RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI è PARTE INTEGRANTE DEL PROGRAMMA DELLA "P2"... per questi motivi:

La riduzione del numero dei parlamentari, non serve altro che a centralizzare il potere politico nella mano di sempre meno persone.
A rendere il potere dei ministri proporzionalmente più forte rispetto all'assemblea parlamentare, a rendere più facilmente gestibile la stessa, facilitando la "compravendita" in vista di manovre e/o voti di fiducia.
A rendere ancora più minoritaria la voce di partiti dissidenti, dai due grandi schieramenti di casta pd/pdllisti.

RIDUCIAMO GLI STIPENDI, E ANCOR DI PIU' I PRIVILEGI SCHIFOSI... riduciamo auto blu e sprechi vari... ma non il "numero" dei parlamentari, COME INVECE PROBABILMENTE FARANNO, ANCHE PER GUADAGNARE FACILI CONSENSI DEI CITTADINI, che non valutano la questione fino in fondo...
L'allarme è stato lanciato dalla Tepco che gestisce l'impianto giapponese travolto dallo tsunami dell'11 marzo scorso. Per questo si sta iniettando acido borico nell'impianto numero due. Obiettivo: controllare una reazione nucleare


I riflettori si sono riaccesi sulla centrale di Fukushima, con il rischio di possibile fissione nucleare al reattore n.2: la 
Tepco, il gestore dell’impianto, ha “a scopo precauzionale” cominciato a iniettare acido borico, mentre l’Agenzia per la sicurezza atomica (Nisa) ha avviato i riscontri, senza segnalare particolari “criticità”.

L’utility, in mattinata, ha lanciato le procedure d’allerta a seguito della rilevazione nel vaso di contenimento di tracce di xenon, gas generato di solito dalla fissione nucleare. Isotopi di xenon 133 (ieri) e 135 (oggi), sono stati trovati nel vaso di contenimento: con tempi di decadimento, rispettivamente, di 5 e 9 giorni è verosimile che il rilascio sia avvenuto di recente.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi