Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

sabato 4 febbraio 2012
 FUKUSHIMA Nonostante i ripetuti (e criminali) tentativi della autorità nipponiche di far credere che la situazione è risolta e «l'incidente» non ha lasciato strascichi, sul terreno le cose sono del tutto diverse Era una zona quasi paradisiaca, ora la contaminazione ne ha fatto un deserto. A dieci mesi dal disastro, la vita non è tornata alla normalità. La popolazione è dispersa, la comunità frantumata, i bambini a rischio. Eppure il governo ha sostenuto che «l'allarme è cessato» Siamo soltanto all'inizio di un'altra lunga e tragica storia che durerà anni e anni

«L'uomo imparò a coltivare la terra. Imparò ad allevare gli animali. Coltivare e allevare sono due atti che ci rendono umani. Un giorno però si è reso impossibile coltivare, allevare o pescare, nonostante la terra, gli animali e i pesci siano sempre lì. Com'è possibile, allora, non chiederci se questo è ancora un uomo?», si interroga Jotaro Wakayama, poeta di Fukushima, residente appena fuori della zona off limit intorno alla centrale nucleare teatro del disastro cominciato l'11 marzo scorso.



Nel 2008 il reddito medio del 10% più ricco degli italiani (49.300 euro) era dieci volte superiore al reddito medio del 10% più povero (4.877 euro). Dal 1981 al 2010 dimezzate le aliquote marginali d’imposta sui redditi più alti

“La disuguaglianza dei redditi in Italia è superiore alla media dei Paesi Ocse, più elevata che in Spagna ma inferiore che in Portogallo e nel Regno Unito”. È quanto afferma il rapporto Ocse “Divided We Stand: Why Inequality Keeps Rising”, che verrà presentato domani presso la sede dell’Istat. Lo studio analizza l'andamento dei divari di reddito delle famiglie nei trent'anni che hanno preceduto la recente crisi economica globale. In Italia così come nella maggior parte dei paesi Ocse, spiega la ricerca, “la disuguaglianza dei redditi tra le persone in età lavorativa è aumentata drasticamente nei primi anni Novanta e da allora è rimasta a un livello elevato, nonostante un leggero calo verso la fine del primo decennio degli anni duemila”.

Non posso immaginare cosa voglia dire accompagnare il proprio bimbo all’asilo, consapevole di non poterlo più andare a prendere, consapevole di non rivederlo, perché sai che per lui/lei potrebbe esser meglio così,
perché sai di non poterlo mantenere,  di non poter continuare a fargli fare quella vita. “Non verrò a prendere Annna oggi, perché non posso permettermi di prendermi cura di lei”, si legge. “Per favore, abbiatene cura. Mi dispiace. Sua madre.” Questo biglietto è stato trovato in un cappottino di una bimba di 4 anni, dalla sua maestra d’asilo. E non sembra essere una novità tutto ciò, in Grecia, in questi ultimi mesi. La BBC racconta di come è cambiata la situazione nei centri giovanili per poveri o nelle associazioni che si occupano di bambini “abbandonati”.
Dovrebbero difendere e tutelare tutti i lavoratori, eppure i sindacati, in testa la “rossa” Cgil, si interessano palesemente solo di alcune categorie. In primis gli immigrati, già abbondantemente aiutati e consigliati quando si trattava di richiedere il ricongiungimento famigliare con parenti anziani affinché questi ultimi  potessero percepire la pensione sociale italiana senza aver mai né vissuto né lavorato in Italia. L’ha spiegato chiaramente a noi di Qelsi il consigliere regionale emiliano Alberto Vecchi,in un’intervista pubblicata il 3 gennaio. Ora si è aperto un altro fronte su cui la Cgil promette battaglia: la tassa sul permesso di soggiorno. Un provvedimento voluto dal precedente governo e confermato, non senza qualche resistenza, dall’attuale. Dal 30 gennaio, un immigrato che richiede il permesso di soggiorno dovrà pagare una tassa dall’importo complessivo fino a 272 euro.La Cgil, che non ha messo becco sulle nuove stangate che svuoteranno le tasche degli italiani, ha invece voluto dare battaglia contro la tassa sul permesso di soggiorno:
Siamo di fronte ad una norma ingiusta, discriminatoria e barbara considerandone anche le “finalità di scopo” connesse alle politiche (autarchiche ed incoerenti rispetto alle dinamiche dei flussi migratori in atto) di espulsione di immigrati “irregolari”
Si legge su un comunicato stampa diramato e diffuso dalla Cgil a livello nazionale. Il sindacato rosso ha già annunciato ricorso, ma c’è di più: tramite una circolare avrebbe anche suggerito agli immigrati di pagare meno di quanto dovuto. Una sorta di invito all’evasione, nemmeno tanto nascosto, con le istruzioni su come fare.
A rivelarlo è il giornale La Padania del 2 febbraio, a pagina 3, in un articolo a firma Andrea Ballarin. La denuncia è però di Sonia Viale, ex sottosegretaria al ministero dell’Interno, che sulle colonne del quotidiano rivela:

CliccaLavoro mette a disposizione una serie di strumenti che contengono tutte le informazioni necessarie sul mondo del lavoro, e costituisce un "punto di incontro" tra domanda e offerta: (tra le aziende che cercano lavoro e coloro che lo cercano) le offerte di lavoro presenti - attualmente oltre 5.000 - sono ordinate per tipologia e per città; Consigli sul curriculum vitae, e molto altro, l'interfaccia del sito è facilmente navigabile.

E' possibile iscriversi alla Newsletter, dove si discute delle opportunità del mercato, dei nuovi lavori e, più in generale, in cui si ricostruisce un'aggiornata panoramica del mercato del lavoro.

Suggerimenti: schede informative mirate ad approfondire ulteriormente i contenuti più significativi accennati nelle newsletter.

Info su corsi di formazione, master e stage: indicazione di corsi , master e stage che ci vengono segnalati dalle aziende e dai principali istituti universitari.

…ed altri servizi ed informazioni che gli utenti stessi segnalano e/o richiedono!

Clicca QUI per visitare il sito!


fonte



ATENE – È allarme abbandono nella Grecia del post-crac finanziario. L’emittente televisiva BBC racconta il dramma della nuova ondata degli abbandonati: i bambini che madri anonime e disperate lasciano davanti ai portoni delle chiese o salutano per sempre davanti all’ingresso delle scuole. Sono i trovatelli del Duemila questi piccoli che portano i nomi di Natasha, 2 anni, di Anastasia, 8 anni, o della piccola Anna, affidata alla fortuna davanti casa di una maestra d’asilo con la sola compagnia di un biglietto: “Oggi non verrò a prendere Anna. Non posso più prendermi cura di lei. Abbiatene cura voi. Sua madre”.

Il reportage della BBC propone l’intervista a un giovane sacerdote della chiesa Ortodossa, padre Antonios. Alle sue cure è stato affidato un centro di accoglienza giovanile ed è responsabile dell’associazione Kivotos. Padre Antonios racconta di avere trovato dietro la porta di casa quattro neonati negli ultimi 60 giorni. In più, una madre affamata gli ha lasciato in custodia due gemellini. Un’altra madre– la madre di Natasha – gli ha lasciato in braccio la figlia per poi dileguarsi.

venerdì 3 febbraio 2012
Siamo riusciti ad aggiudicarci il dominio www.11settembre.com, "strappandolo" dalle grinfie di loschi personaggi (al soldo di qualcuno?) che stando a quanto ci hanno riferito, avevano intenzione di realizzarci un sito sui fatti delle "torri gemelle", basato sull'incredibile "versione ufficiale"... (Ci sono delle incongruenza pazzesche, vedi il documentario 11 Settembre l'Inganno globale" http://bit.ly/ya5Itr)

Abbiamo intenzione di realizzarci un sito web che raccolga tutto il materiale prodotto in questi anni, che è davvero moltissimo... tra l'altro, la denominazione "11settembre.com" offre grandissima visibilità quando sui motori di ricerca viene ricercata la parola "11 settembre", che stando ai dati di Google Adwords è una ricerca cliccatissima... CERCHIAMO PERSONE INTERESSATE A CONTRIBUIRE ALLA REALIZZAZIONE E ALLA GESTIONE DEL RELATIVO SITO WEB: chi è interessato ci scriva a redazione @ nocensura.com - Non sono richiesti particolari requisiti se non una conoscenza almeno basilare di "blogger" e sopratutto, passione per le vicende dell'11 Settembre... nell'email comunicateci anche l'indirizzo del vs profilo Facebook così vi ricontattiamo da li, dopodiche creeremo un gruppo riservato agli admin per coordinare le operazioni!

staff nocensura.com

PS: Non ci vuole molto per capire che la versione ufficiale non è realistica... c'è anche chi illustra teorie "complottiste" assurde, prive di fondamento, ma una cosa è sicura: LA VERSIONE UFFICIALE NON REGGE!!! Il sito che intendiamo realizzare deve illustrare i fatti, ma selezionando i contenuti che hanno una base, non un sito che dia contro "per partito preso", bensì' una analisi obiettiva, lucida e razionale. Vorremmo realizzarlo nell'ambito di un bel gruppo, perché più "teste" possono fare un bel lavoro! Speriamo di riuscire a creare un buon team... :)




Il finanziamento pubblico ai partiti era stato ELIMINATO con un referendum, ma in barba alla volontà dei cittadini e quanto sancito dalla consultazione, i partiti continuano a percepirlo... e la cosa ancora più SCHIFOSA è il fatto che - da quanto emerso in più casi - non lo utilizzano nemmeno per la gestione del partito: la Lega Nord - ha investito svariati milioni di euro in fondi esteri, il cosiddetto "caso Tanzania" (vedi http://bit.ly/yXL6mR) mentre quelli della Margherita sono proprio spariti, dopo esser passati dal conto corrente privato di Lusi, mentre il leader Rutelli stranamente non sapeva che fine hanno fatto i soldi del suo partito... non è strano??? (vedi http://bit.ly/xUbb6V e http://bit.ly/y3ijY9)

Ci auguriamo che la magistratura riesca a fare chiarezza sulla situazione. Senza voler avanzare illazioni, personalmente sottoscrivo il commento pubblicato in bacheca da un mio amico: "Ora ho capito come mai si concede di festeggiare Capodanno nelle suite più lussuose delle Maldive".... (vedi http://bit.ly/w130wA)

Alessandro Raffa per nocensura.com


x


Eccolo l'elenco della vergogna, i 26 deputati ed ex-deputati che con un ricorso al Consiglio di giurisdizione di Montecitorio, cercano di bloccare l'unico piccolo taglio ai tanti privilegi della Casta: il differimento del vitalizio che oggi si prende alla scandalosa età di 50 anni...
Ben 15 provengono dalla Lega Nord. Sul totale tre sono deputati di questa legislatura, altri ventitre di quella precedente, perchè chiaramente i deputati ancora in corso sono maggiormente ricattati dalla possibilità di non-rielezione...

Tra i parlamentari in carica troviamo però nomi di peso:
Roberto Rosso (pdl) già sottosegretario al lavoro del governo Berlusconi, Daniele Molgora (Lega Nord) che nello stesso governo era sottosegretario all'economia... ma anche tra gli ex molti nomi non sono certo sconosciuti: come Adriano Paroli, attuale sindaco di Brescia, che ha lasciato a gennaio semplicemente per il problema del doppio incarico; Edouard Ballaman, l'ex leghista che è stato anche presidente del consiglio del Friuli e usava l'auto blu per andare al mare o per il viaggio di nozze...

Ma eccolo l'elenco completo:

Ieri sera ho visto un programma televisivo che riguardava la Grecia, veramente sconcertante, milioni di persone senza lavoro ridotti alla fame, le madri costrette ad abbandonare i propri figli nelle chiese e nei conventi perchè non più in grado di sfamarli.
Un intervistato disoccupato evidenziava che il governo presieduto da un amico di Monti, anch’esso proveniente dalla GOLDMAN SACHS (Istituto bancario controllato dai poteri forti che condiziona la BCE), invece di aiutare i disoccupati privi di reddito a non pagare le tasse, le ha aumentate e probabilmente nel prossimo futuro, non potendole pagare, perderanno anche la casa di proprietà dove abitano.
Purtroppo questo è il film che anticipa quello che succederà anche in Italia se la popolazione non si ribella a questo governo e ai partiti che l’appoggiano.
Entro il mese di marzo del 2012 questo governo eliminerà l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori; poi per milioni di persone inizierà la schiavitù o il licenziamento. Sempre ieri sera su un canale televisivo trasmettevano il film Robin Hood, mi sembrava la rappresentazione del Governo Monti (Re Giovanni e i potenti di turno) che vessava la popolazione già ridotta alla fame.
E’ ora di prendere l’esempio da Robin Hood ribellandosi a questi governanti che, nel nome e negli interessi dei poteri bancari, affamano la popolazione per arricchire ancora di più queste Lobby.
Io sono pronto a lottare, sono disposto anche a sacrificare la mia vita per combattere questa iniqua e usurpatrice classe dirigente sostenuta da un parlamento delegittimato, corrotto e truffaldino che non rappresenta più l’opinione pubblica Italiana.

QUANDO L’INGIUSTIZIA DIVENTA LEGGE, LA RESISTENZA DIVENTA UN DOVERE.(
BERTOLT BRECHT)


Enzo Picco per nocensura.com


(AGI) - Frosinone, 2 Feb - La custodia cautelare in carcere, per i reati a sfondo sessuale, non e' piu' obbligatoria da parte del giudice che puo' anche riservare all'imputato, una pena alternativa. A stabilirlo e' stata, nei giorni scorsi, una sentenza della Corte di Cassazione che ha annullato la decisione del Tribunale del Riesame di Roma che aveva stabilito la detenzione in carcere per due ragazzi ciociari ed accusati di aver stuprato, in gruppo, una sedicenne di Sora. A chiedere l'intervento della Cassazione erano stati, in un dettagliato ricorso, i legali di fiducia degli imputati, gli avvocati Nicola Ottaviani e Edoardo Rotondi.

fonte


giovedì 2 febbraio 2012


*** FINALMENTE SIAMO RIUSCITI A RISOLVERE IL PROBLEMA DELL'ARCHIVIO DEL BLOG*** In molti avevano espresso disagio per la mancanza di un archivio dei post ordinato per data, da stasera il problema è RISOLTO grazie al provvidenziale intervento dell'amico Antonino Cioffi, un vero mago dell'Html, che ringraziamo sentitamente!!! Da stasera grazie al suo aiuto vi offriamo un servizio migliore, rendendo più facile la consultazione del blog!

GRAZIE ANTO!!!

Il nuovo archivio è raggiungibile mediante il pulsante posto sulla barra sotto la testata, come da immagine illustrativa...


staff nocensura.com


Ecco la DIMOSTRAZIONE di come l'appoggio al governo del PDL e l'opposizione leghista sia solo una STRATEGIA volta a far recuperare alla Lega i consensi che sta perdendo il PDL appoggiando Monti: (stessa cosa il PD e l'IDV ovviamente) - PDL e Lega si sono infatti accordati (è evidente) per approfittare del voto segreto e approvare un emendamento del carroccio:  MA ESSENDO PASSATO ALLA CAMERA, E' EVIDENTE COME ABBIA VOTATO A FAVORE DELL'EMENDAMENTO LEGHISTA ANCHE ESPONENTI DI ALTRI PARTITI, VISTO CHE PDL E LEGA NON AVEVANO PIU' LA MAGGIORANZA...


L'emendamento sostanzialmente, stando alle indiscrezioni prevede che i giudici dovranno rispondere dei propri errori, e risarcire gli imputati in caso di errore giudiziario. La notizia è troppo "fresca" e il tema troppo importante per esprimere un giudizio obiettivo sulla legge, che da una parte sembra avere un senso, ma c'è il rischio di mettere i giudici nella condizione di aver paura di fare il proprio lavoro: valuteremo quando avremo più elementi per farlo.


Il PD è insorto, accusando il PDL "di aver ricostruito la vecchia maggioranza con la Lega", e i magistrati promettono battaglia...


di seguito l'articolo dell'agenzia Reuters:

Caro Monti,

sono una ragazza di 26 anni neo laureata in Giurisprudenza attualmente praticante presso uno studio legale. Sono da poco iscritta alla Facoltà di Scienze Politiche per arricchire la mia conoscenza e anche il mio Curriculum.

Sono una ragazza che durante il suo percorso universitario ha sempre lavorato, adattandosi a rivestire la parte di cameriera, di promoter, di commessa, di baby-sitter. Sono stata per così dire “Flessibile” nel lavoro per non incombere nella “Monotonia”. Queste mansioni le ho svolte con molto piacere dal momento che sono state proficue alla mia crescita personale, sociale e lavorativa. Non di meno questi lavori sono stati fondamentali a livello economico per me e per i miei genitori.

Mio padre, infatti, pur avendo un lavoro “Stabile” e quindi “Monotono” fino ad oggi è riuscito a mantenere la sua famiglia, a non precludere alle sue figlie la formazione, le attività sportive, le vacanze, gli svaghi ma, soprattutto, un tetto tutto nostro.


Riflettori sulla finanza creativa del Vaticano: due casi agli onori della cronaca che continuano a dimostrare, se mai ce ne fosse stato bisogno, come Oltretevere pecunia non olet. Non l’ha mai fatto, del resto…
Il Corriere della Sera ha pubblicato ieri un articolo, Dalla congregazione dei Santi 1.6 milioni al “Madoff dei Parioli”, che dà conto dell’implicazione del reverendo Francesco Maria Ricci nell’affaire Lande. Il monsignore avrebbe infatti investito – per conto dell’ordine domenicano in cui milita - la modica cifra nei traffici offshore del faccendiere, aderendo in seguito nel 2009, per cautelarsi, non si sa mai, allo scudo fiscale di Tremonti.
I soldi, disinvoltamente prelevati fin dal 2000 da monsignor Ricci, provenivano dal fondo dei fedeli destinati a finanziare le cause di beatificazione. La sala stampa del Vaticano ha diffuso prontamente una nota che, negando con forza il coinvolgimento della Congregazione (guidata da 34 tra cardinali, arcivescovi e vescovi con in testa il cardinaleAngelo Amato), scarica sul reverendo e sul suo ordine ogni responsabilità dell’improvvida operazione.

ALLA RIDICOLAGGINE DI CERTI POLITICI NON C'E' MAI FINE...

Ebbene, l'immagine posta a sinistra, con il maiale che "sostiene" Fava non è una vignetta satirica realizzata dai "detrattori" dell'esponente leghista per denigrarlo... MA è ESPOSTA SUL SITO WEB del Fava, nell'ambito di un articolo propagandistico con le solite promesse da campagna elettorale... :-D

Viene da chiedersi su quale base questo signore ritiene che i maiali siano dalla sua parte... (eheheheh) in ogni caso, se in campagna elettorale utilizza questo spot, evidentemente per convincere i leghisti a votarlo ci vogliono "messaggi" come questo.... il che è tutto un dire...

Questa è la pagina dove trovate l'immagine del maiale, incorporata ad un articolo firmato dal sig. Fava
http://cambiamoviadana.blogspot.com/p/gianni-fava.html


staff nocensura.com



L'emendamento fortemente voluto dal leghista FAVA è stato bocciato; la sua approvazione avrebbe comportato la TOTALE CESSAZIONE della libertà di stampa, per capire fino a che punto, è sufficiente l'esempio che ha riportato "Il Fatto Quotidiano" - "Totò Riina o Callisto Tanzi avrebbero potuto censurare le inchieste su parte della stampa e sui libri venduti online riguardanti le loro “prodezze” se a suo tempo fosse stato già in vigore l‘emendamento Fava" - roba da fare impallidire Ceausescu (vedi articolo che illustra l'emendamento di FAVA). Ma non è tempo di adagiarsi sugli allori: infatti i nostri cari governanti che hanno bocciato l'emendamento sanno BENISSIMO che non era necessario approvarlo, visto che presto entrerà in vigore l'ACTA - un vero e proprio "super-bavaglio sovranazionale" - che conseguirà l'obiettivo voluto di censurare il web, SENZA SPORCARSI LE MANI e perdere consensi. 

Che TUTTE le forze politiche vedano di buon occhio tappare la bocca al web, è risaputo: ci hanno provato tutti i governi che si sono susseguiti: Berlusconi, Prodi e ancora Berlusconi; E SE NON LO HANNO FATTO, è SOLO PER UNA QUESTIONE DI CONSENSI, DI VOTI. Non perché non sono favorevoli alla misura...

La Margherita si è sciolta da quattro anni, eppure percepisce ancora i rimborsi elettorali. E Lusi è sempre stato l’unico amministratore dei fondi pubblici... vediamo il dettaglio di un bilancio che elenca spese ASSURDE...

Duecentoventitre milioni di euro, centone più centone meno, in buona parte andati ad un partito che non esiste più dal 2007. Uno zombie ma affamato, la Margherita, sciolta nel dicembre di oltre 4 anni fa per confluire nel Pd, ma ancora viva come partito fittizio percettore di rimborsi pubblici.Tutti gestiti, fino all'altroieri, proprio dal «Sen. Avv. Luigi Lusi», quello dei 13 milioni sottratti alle casse del partito, senza che nessuno se ne fosse accorto, da Rutelli in giù. I bilanci della Margherita degli ultimi anni sono tutti firmati e certificati da lui, il tesoriere dei novanta bonifici alla sua società TTT srl, della casa da 1,9 milioni in centro a Roma e della villa del '600 a Genzano, dove Lusi risiede, comprati in toto o in parte (il senatore del Pd dice di aver fatto un mutuo per l'acquisto della casa romana) con i fondi della Margherita, cioè del finanziamento pubblico. La domanda è inevitabile: i 223 milioni di euro incassati dal partito di Rutelli negli ultimi dieci anni, sono stati gestiti e spesi con la stessa allegra finanza dal tesoriere Lusi? Nei bilanci della Margherita si trovano risposte parziali, perché le assemblee di approvazione dei rendiconti, specie degli ultimi anni, sono virtuali, i delegati approvano in busta chiusa quello che il tesoriere documenta, com'è successo anche nell'ultima movimentata assemblea della Margherita, nel giugno del 2011. Ma, sorpresa nella sorpresa, pur essendo un partito-zombie, che esiste solo sulla carta, la Margherita virtuale ha un sacco di spese, come se fosse un partito reale. Nell'ultimo bilancio depositato (ovviamente firmato da Lusi) ne leggiamo un bel po': 3.825.809 euro per «spese per attività di comunicazione, informazione e propaganda politica». Ma quale propaganda e comunicazione dovrà mai fare un partito defunto? Mistero. Ma non basta, ci sono 1.634.277 euro di «spese collaboratori, consulenze contabili e amministrative, revisori, legali, notarili e consulenze per riorganizzazione delle strutture». Un milione e mezzo di euro per pagare consulenti della revisione contabile che non si sono accorti della sparizione di 13 milioni di euro? Poi abbiamo 944mila euro circa di «spese viaggi, trasferte, rimborsi spese, automezzi», un gran via vai per un partito che non esiste. Poi la bellezza di 637mila euro per spese postali, fotocopie e spese di rappresentanza (ma quale?). E altri 868mila euro di utenze telefoniche, chissà tra chi visto che la Margherita non ha eletti né militanti.
Il palazzo dell'Enpap in via della Stamperia 64 a Roma
Questa la storia esclusiva del tg di La7. Il 31 gennaio 2011 Riccardo Conti compra l'edificio dal fondo immobiliare Omega gestito dalla Fimit di Massimo Caputi per conto di Intesa San Paolo alla cifra di 26 milioni e mezzo di euro e lo rivende all'istante all'ente di previdenza degli psicologi a 44 milioni e mezzo che con l'Iva al 20% diventano alla fine 54
Nel giorno in cui la politica si infiamma intorno al caso del senatore del Partito democratico Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita, che ha girato sul suo conto i fondi destinati ai rimborsi elettorali (leggi), il tg diretto da Enrico Mentana scoperchia l’ennesimo pentolone. Si tratta dell’acquisto, il 31 gennaio 2011, della nuova sede dell’Enpap, l’Ente nazionale di Previdenza e assistenza per psicologi, da parte del senatore del Popolo della Libertà Riccardo Conti che nello stesso giorno riesce a rivenderlo guadagnando in una botta sola ben 18 milioni di euro.


Il video di "La7"


La ministra piangente Fornero - che ha ipotizzato addirittura di eliminare gli ammortizzatori sociali -  ha annunciato che "La riforma si farà con o senza accordo"... CHE FINE HA FATTO LA SUA SENSIBILITA' ?!? 

Dispiace solo per quegli illusi - in maggioranza anziani ingenui ed in buona fede - che quando l'hanno vista piangere ci credevano pure...

L'articolo 18 e la tutela del posto di lavoro saranno un RICORDO: secondo Monti "l'articolo 18 è nocivo" e "il posto fisso è monotono"... (vedi video)

E' da tanto che le lobby vogliono eliminare quelli che considerano "ostacoli", ci provò Berlusconi, ma l'indignazione popolare lo fermò: A QUEI TEMPI ESISTEVA L'OPPOSIZIONE... ora sono tutti d'accordo nel purgarci, basta che non siano toccati i LORO privilegi e i loro interessi...

L'unico commento sano - dobbiamo dargliene atto - lo ha fatto Ferrero di PRC: "Monti è un invasato"... purtroppo non possiamo scrivere cosa pensiamo noi!

Staff nocensura.com




ministero-economia
Non si sono limitati a fare FINTA di tagliare gli stipendi dei parlamentari: ma nel decreto liberalizzazioni un comma evita anche i tagli ai compensi dei burocrati della Pubblica amministrazione!

Liberalizzare fa bene, si sa. Lo dice Monti, lo dice Bankitalia, lo dicono gli economisti nelle università e ormai persino la gente per strada. Sarà per questo che il governo ha deciso di dare una strana liberalizzata anche allo stipendio di qualche (futuro?) alto dirigente della P.A.

É tanto vero che la norma relativa è stata inserita proprio nel cosiddetto decreto liberalizzazione, per la precisione al comma 6 dell’articolo 35. “Al fine di assicurare alle agenzie fiscali e ai Monopoli di Stato la massima flessibilità organizzativa, le stesse possono derogare a quanto previsto dall’articolo 9, comma 2, ultimo periodo del dl 31 maggio 2010”. Non proprio chiarissimo, come si vede. La sostanza, però, è semplice: è una deroga a quanto stabilito da una legge, in particolare da una delle manovre del duo Berlusconi-Tremonti. Cos’è c’è scritto?
Piazza Tiananmen 5 giugno 1989. Un abitante di Pechino arresta i carri armati scesi in piazza
per fermare le proteste scoppiate in Cina il giorno del funerale di Hu Yaobang (Credits: Jeff Widner)
Un vero EROE... per fare un gesto così in Cina, sopratutto in quegli anni, ci voleva davvero CORAGGIO
L'alba vista dalla Luna Un regalo di Natale veramente speciale.
Questa foto venne scattata il 22 dicembre 1968 dagli astronauti della missione Apollo 8 (Credits: Corbis)

Tra i giovani (15-24 anni), il tasso di non occupati è pari al 31,0%, in diminuzione di soli 0,2 punti percentuali rispetto a novembre 2011. Continua a crescere il numero dei senza lavoro, mentre in Germania c'è una situazione opposta. Il dato è ai minimi storici (6,7%)


La disoccupazione ha raggiunto livelli record, con un tasso a dicembre pari all’8,9%. Un dato che è in aumento di 0,1 punti percentuali su novembre e di 0,8 punti su dicembre 2010, secondo i dati Istat. E’ il valore più alto da gennaio 2004 (inizio serie storiche mensili). Il ministro del WelfareElsa Fornero assicura: “Aumentare l’occupazione è la mia preoccupazione, l’Europa vuole collaborare con noi e noi lavoreremo. I giovani e le donne hanno poca occupazione, lavoriamo in questa direzione”. Il numero dei disoccupati si attesta a 2,243 milioni. Su base annua si registra una crescita del 10,9% (221 mila unità). Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuiscono dello 0,2% (-34 mila unità) rispetto al mese precedente. Il tasso di inattività si posiziona al 37,5%, con una flessione di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,5 punti su base annua. Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) è pari al 31,0%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto a novembre. Situazione opposta in Germania , dove il tasso ai minimi storici (al 6,7%). Secondo il Dipartimento del Lavoro, il numero di disoccupati è sceso di 34mila unità a 2,849 milioni.
Che la politica e le grandi lobby abbiano voglia di mettere le mani sulla rete lo sappiamo bene: ci hanno provato tutti i governi che si sono susseguiti negli ultimi lustri: Berlusconi, Prodi, poi ancora Berlusconi.
Tutti gli "attacchi" alla libertà del web, fino ad oggi sono stati "sventati" grazie all'indignazione popolare che queste misure provocavano al solo sentirne parlare: la questione è molto sentita, e in uno scenario politico come quello italiano, passare da "censuratori" non appare conveniente a nessuno. A malincuore, i nostri politici hanno sempre dovuto rinunciare, fino ad oggi, a imbavagliare la rete.

Ma ora l'attacco arriva dall'Europa: l'istituzione sovranazionale che concentra il potere in mano a un Consiglio di personaggi non eletti: o almeno, non dal popolo, forse sono stati avallati dal Bilderberg group, forse dalla "Trilaterale" di cui il premier Monti è Presidente Europeo, ma non dai 500 milioni di cittadini europei.

Questi signori non hanno paura di perdere consensi, visto che non ne hanno mai avuti. Van Rompuy, Presidente del Consiglio dell'Unione Europea, è addirittura sconosciuto alla maggioranza dei cittadini per la quale egli decide. Ovviamente questo signore "dal carisma di un cencio umido e dall'apparenza di un banchiere di quart'ordine", come lo ha definito il mitico Nigel Farage, risponde agli interessi dei poteri forti che ne hanno foraggiato e permesso l'ascesa.
Approvo alla grande il blitz della Finanza nel centro di Milano. Ma bisognava farlo proprio di sabato sera? Così si danneggia il commercio in un periodo di crisi… Giusta iniziativa, tanto di cappello, però perché non fanno le pulci al quartiere cinese? Sai quanti ne trovano lì, di lavoratori in regola e scontrini fiscali... Sveglia, ingenui: è un complotto per far chiudere i piccoli esercizi a favore della grande distribuzione. Dietro c’è la manina delle multinazionali e delle banche... Se la prendono coi soliti noti: mai una volta che vadano a curiosare nei circoli esclusivi o fra gli iscritti alle scuole d’élite... Cortina, Portofino, adesso Milano: vorrei sapere perché non si spingono al Sud a fare qualche controllo. Hanno paura di sudare o di prendersi una pistolettata?... Il problema sono i dentisti. Quello è il vero scandalo, altro che i commercianti. I dentisti!... Perché invece, i chirurghi? Mio cugino mi ha raccontato che... Sono un dentista. Non per difendere la mia categoria, però vogliamo parlare dei notai? Vogliamo parlarne o no?... La verità è che queste operazioni sono sacrosante, ma troppo spettacolari. Servono solo a gettare fumo negli occhi per far dimenticare alla gente che i politici non si sono ancora ridotti lo stipendio... Fosse solo lo stipendio! I primi a non pagare le tasse sono loro, i politici... I politici e i dentisti, ve lo dico io...

(Commenti che circolavano ieri in Rete a proposito del blitz della Finanza nei locali di Milano).



fonte



Condividi su Facebook

«Dove andiamo? Dritti contro un muro».
Serge Latouche ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa «Siamo a bordo di un bolide senza pilota, senza marcia indietro e senza freni, che sta andando a fracassarsi contro i limiti del pianeta»



Secondo l'economista Serge Latouche, I governi europei sono post democrazie dominate dai media e dalla finanza. Il social-liberismo in cui ci vogliono far credere è in realtà un ossimoro: il liberismo non è per niente sociale. La crisi potrebbe segnare la fine del capitalismo per come lo conosciamo, a vantaggio di una forma di fascismo che consenta ai ceti alti di mantenere il loro tenore di vita.

Ringraziamo l'amica Elena Picco che ci ha segnalato i video;



Condividi su Facebook
mercoledì 1 febbraio 2012

Una "teoria complottista" allo stato puro: ma si tratta di uno scenario che ha senso, nel caso accadesse, è bene che la gente sappia...



Condividi su Facebook

Condannato a 14 anni,uccise giovane donna. In primo grado era stato condannato a 4 anni



(ANSA) - MILANO, 1 FEB - Una condanna a 14 anni per omicidio volontario e' stata inflitta, dalla corte d'assise d'appello di Milano a un uomo che sotto l'effetto di droga e tranquillanti provoco' un incidente nel quale mori' una donna di 24 anni, Roberta Narracci. L'incidente si e' verifico' a Bollate (Milano) su una strada bagnata e scarsamente illuminata. Ribaltata la sentenza di primo grado che lo aveva condannato a 4 anni per omicidio colposo. L'uomo aveva gia' una condanna per guida sotto effetto di alcol e cocaina

fonte: ANSA

Condividi su Facebook
Celentano devolverà l'elevatissimo compenso che ha preteso per essere presente a Sanremo in beneficenza. La notizia è stata comunicata questa mattina dal Direttore Artistico del Festival. Una scelta sicuramente DA APPREZZARE, che ha dissipato in parte le polemiche: da quando la notizia era trapelata infatti, MIGLIAIA di cittadini si sono riversati sulla pagina Facebook del "Molleggiato" per rivolgergli apprezzamenti "poco lusinghieri", diciamo pure offensivi.

Celentano ha fatto questa scelta, preservando così la sua immagine: infatti pretendere certe cifre in questi tempi di crisi - cifra peraltro ricavata anche dal "canone TV" versato dai cittadini, molti dei quali sono in difficoltà economica - non era cosa ben vista da molti.
Ma il problema dei compensi della TV di Stato rimane: infatti ovviamente, a pretendere cachet milionari non è solo Celentano: la prossima volta - se non saranno presi provvedimenti ad hoc - la situazione sarà la medesima... tra l'altro, la RAI non rispetta - ormai da 4 anni - la legge sulla trasparenza, mentre il governo e le autorità preposte se ne infischiano.
Non sarà il caso di FISSARE UN TETTO MASSIMO, giacché oltretutto il bilancio della RAI è disastroso??? Oltre al fatto che i manager ed i dirigenti che hanno prodotto il "buco" dovevano esser allontanati, se non citati per danni...
Viene da chiedersi come sia possibile questa situazione, visto che la tv di Stato oltre agli introiti pubblicitari ha anche il Canone! Ma quando i manager sono chiamati a gestire i soldi dei cittadini, lo sappiamo bene: vengono scialacquati in modo scriteriato... come quando il programma TV di Vittorio Sgarbi fu annullato a causa del flop alla prima puntata, ma il suo contratto è stato onorato ugualmente...
di seguito l'articolo dell'AGI
(AGI) - Sanremo, 1 feb. - "Il compenso di Celentano? Sara' devoluto in beneficenza. Anzi, sara' Celentano a pagare per venire all'Ariston". Cosi' il direttore artistico del Festival di Sanremo, Gianmarco Mazzi, durante la presentazione del 62/mo Festival di Sanremo, in corso al Teatro dell'Opera del Casino'.
 
Viene da chiedersi cosa sta succedendo: mentre nelle coste del Massachussets (USA) centinaia di delfini si arenano inspiegabilmente sulla spiaggia, i gufi bianchi - che di solito vivono nella regione artica - stanno migrando a latitudini inconsuete. La lista dei fenomeni strani che coinvolgono animali si sta allungando vertiginosamente... (vedi la sezione dedicata agli animali di nocensura.com)---
Appassionati di bird-watching stanno segnalando un crescente numero di gufi bianchi delle nevi, una delle migrazioni più incredibili degli ultimi 10 anni. Migliaia di esemplari sono stati avvistati in Idaho, Montana, Missouri e Massachussetts.

Il gufo bianco delle nevi vive solitamente ad alte latitudini prevalentemente nella regione artica raramente migra in zone così a sud come sta accadendo. "Quello che stiamo vedendo è incredibile", ha dichiarato Denver Holt direttore dell'istituto di ricerca della fauna selvatica del Montana.

Gli scienziati stanno ancora cercando di dare delle spiegazioni all'insolito fenomeno migratorio che li sta lasciando sconcertati.


fonte

Condividi su Facebook
Più di 100 delfini si sono spiaggiati lungo 25 miglia di costa a Cape Cod nel Massachusetts nelle ultime tre settimane, e il numero sta crescendo.

I soccorritori ci dicono che è la cosa peggiore che abbiano mai visto. E gli scienziati sono ancora alla ricerca di risposte. L'allarmante numero di delfini spiaggiati  lungo i 25 chilometri di costa diCape Cod sta sconcertando gli scienziati. Lunedi  sono stati avvistati tre delfini che si stavano avvicinando troppo alla riva. Due sono riusciti a ritornare a largo ma il terzo e rimasto incagliato sulla secca ed e' stato rinvenuto senza vita dai soccorritori.Con gli ultimi ritrovamenti sale a 102 il bilancio dei delfini morti nelle ultime settimane pari a quello medio di un anno.




Monti sta sacrificando la sovranità nazionale per ingraziarsi la Merkel e la tecnocrazia europea. Dopo il diktat della Merkel alla Grecia ormai siamo in guerra. Non con i carri armati ma con la finanza, che è pur sempre un’arma di distruzione di massa che a livello globale sta destabilizzando gli Stati sovrani, estromettendo dal potere governi democraticamenteeletti, costando cifre da capogiro a causa della speculazione e mietendo milioni di vittime.

Non sono morti ammazzati ma morti dentro: persone che perdono la certezza della vita, a cui viene lesa la dignità, che non sono più libere di scegliere, ridotte in povertà o alla fame, costrette alla solitudine dell’emigrazione o di chi non avrà mai una propria famiglia, comunque impossibilitate ad essere pienamente se stesse a casa propria. Talune preferiscono suicidarsi, come i nostri imprenditori sopraffatti dall’attesa per i crediti contratti con lo Stato, mentre per ora una maggioranza relativa si rassegna al «male minore» confidando in un miracolo affidato alle tecnocrazie espressione dei poteri finanziari transnazionali, nella convinzione che non vi sia alternativa alla competizione fino all’ultimo sangue nello scenario della finanza e dell'economia globalizzata.
L'Onu - istituzione sovranazionale asservita ai "poteri forti" dell'economia globale - rilancia l'idea di una "governance mondiale" per affrontare i temi ambientali: l'idea apparentemente è buona, così come apparentemente lo era quella sulla quale si è basata l'UE - solo che alla prova dei fatti, questa istituzione sovranazionale si è dimostrata un "centro di potere" controllato da pochi, istituito per togliere potere alle "sovranità nazionali"... di seguito l'articolo di Green Report, che illustra le dichiarazioni del Presidente dell'assemblea generale dell'Onu, che propone la governance mondiale sotto un punto di vista propagandistico e positivo.
--
Il presidente dell'Assemblea generale dell'Onu, Nassir Abdulaziz Al Nasser (nella foto), ha detto che «E' necessario consolidare la governance internazionale sulle questioni legate all'ambiente». 
Al Nasser, intervenendo alla conferenza "Vers une nouvelle gouvernance mondiale pour l'environnement" organizzata dal governo francese a Parigi, ha sottolineato che «La riforma istituzionale sull'ambiente si impone in maniera imperativa.
Abbiamo davanti a noi l'opportunità di creare un nuovo strumento per combattere il degrado ambientale nel mondo e per eradicare la povertà. Questa opportunità è la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile "Rio+20" a giugno di quest'anno, in Brasile. La conferenza Rio+20 dovrà portare ad un'architettura istituzionale forte che sostenga una migliore integrazione delle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile, vale a dire la protezione economica, sociale ed ambientale, tenendo sempre di conto dei nuovi problemi.
Lunedì quando abbiamo pubblicato l'articolo "tagli agli onorevoli stipendi è un bluff" avevamo segnalato come la stampa - compreso "Il Fatto Quotidiano" - avessero riportato la notizia - errata - della diminuzione degli stipendi, senza rivelare ai lettori che "c'è il trucco", senza evidenziare cioè che gli stipendi, di fatto, resteranno invariati: l'articolo che "Il Fatto" ha pubblicato in prima pagina il 30 Gennaio infatti è questoSolo il 31 Gennaio il quotidiano di Travaglio ha rettificato, rivelando che i tagli della Casta in realtà sono un bluff, con questo articolo

staff nocensura.com


Condividi su Facebook

"Puntarella Rossa", un blog dedicato a "Ristoranti e Trattorie romane" legato ad "Il Fatto Quotidiano" ha lanciato la crociata filo-governativa contro trattorie e ristoranti romani che non emettono gli scontrini: "no scontrini no party" il blog ha dichiarato che pubblicherà gli scontrini, e boicotterà chi non li emette, un'iniziativa che sicuramente farà felici i molti "paladini della giustizia" italiani, sempre pronti alle guerre tra poveri, sempre pronti - quando si guarda in casa altrui - ad esigere il rispetto delle regole e delle leggi...

Un'iniziativa che a noi di nocensura.com fa proprio schifo! (Scusate la schiettezza, le belle parole le lasciamo ai direttori incravattati dei giornali di regime) Non vogliamo erigerci a "difensori dell'illegalità", non fraintendete: semplicemente secondo noi in questo periodo è obbligo morale valutare "da che pulpito viene l'evasione", visto che nel 2011 ci sono stati qualcosa come 12.000 fallimenti (corrispondenti a 300.000 posti di lavoro persi) e ricordiamoci che non tutti quelli che cessano la propria attività falliscono, fortunatamente. Il dato relativo alle chiusure infatti è molto più elevato: sono 180 i negozi che chiudono i battenti ogni giorno, ovvero 1.800 ogni 10 giorni, qualcosa come poco meno di 18.000 ogni tre mesi. Persone che perdono il loro lavoro, e che difficilmente si ricollocheranno, visto che tutti i settori sono in crisi. 


E nonostante questa situazione, qualcuno ha il coraggio di esigere lo scontrino, pena il boicottaggio?


VERGOGNATEVI!!!! FATE I "BELLI" SULLA PELLE ALTRUI, VERGOGNATEVI!!!


Dopo questo necessario sfogo, proseguiamo con l'analisi dei fatti:


Qui non si parla di "avallare l'evasione", ma semplicemente di valutare con buon senso la situazione, prima di assumere certe iniziative, sopratutto se questa è rivolta a categorie molto colpite dalla crisi: ristoranti e trattorie vedono diminuire giorno dopo giorno il loro incasso, andare a cena fuori sta diventando un vero e proprio lusso per i "cittadini qualsiasi", chi prima poteva concedersi una cena al ristorante alla settimana, ora se ne concede una al mese; chi in passato andava a cena fuori una volta al mese, adesso lo fa solo in occasioni speciali.... assumere iniziative contro una categoria così minata dalla crisi, significa bastonare i DEBOLI (siamo alle solite) significa mettere in ulteriore difficoltà chi è già in difficoltà. 


Significa condannare alla chiusura chi sopravvive grazie a quella PICCOLA EVASIONE che gli permette di trattenere nelle proprie tasche un centinaio di euro in più al mese. Visto tutto quello che accade in Italia, non mi sembra un reato così grave, se fatto per la SOPRAVVIVENZA e non per arricchirsi.


Se l'iniziativa fosse stata assunta contro categorie che non hanno di questi problemi, o contro i ristoranti di lusso, avremmo aderito anche noi. Penso ai tanti professionisti, per esempio i medici che percepiscono 150-250€ a visita, che hanno la fila in sala d'attesa, persone che ogni giorno "insacchettano" migliaia di euro, buona parte dei quali senza fattura. "La facciamo la fattura? Se non gli interessa le faccio 50€ di sconto" - chi non si è mai sentito dire queste parole???

NO ALLA GUERRA TRA POVERI!


Se c'è da boicottare qualcuno, ebbene boicottiamo chi istiga e alimenta le "guerre tra poveri"... chi cerca di fomentare i "cittadini contro i cittadini"... e se andate in una trattoria romana, che magari è semi-deserta e capite che hanno difficoltà ad andare avanti (se ne avete le possibilità economiche) lasciategli una mancia... 


TRA CITTADINI CI VUOLE SOLIDARIETA' E COESIONE... i governanti ci stanno mangiando vivi, non possiamo permetterci di farci la guerra tra noi! BASTA CON LE DIVISIONI! A questo proposito avevamo scritto un articolo pochi giorni fa: "Spezziamo le catene del divide et impera"


Alessandro Raffa per nocensura.com
articolo sottoscritto da tutto lo staff di nocensura.com







Condividi su Facebook

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi