Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo esteri editoriale economia scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine libertà scienza censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo europa giovani OMICIDI DI STATO notizie carceri eurocrati banche satira immigrazione scuola facebook renzi euro grillo manipolazione mediatica bilderberg pensione mondo guerra signoraggio alimentari massoneria poteri forti razzismo sovranità monetaria Russia manifestazione finanza tasse debito pubblico disoccupazione travaglio ucraina militari israele UE banchieri trilaterale agricoltura mario monti germania geoingegneria marijuana Grecia siria vaticano big pharma canapa inquinamento ogm parentopoli bambini napolitano Traditori al governo? enrico letta obama palestina terrorismo cancro nwo tecnologia vaccini PD equitalia Angela Merkel armi austerity sondaggio meritocrazia suicidi umberto veronesi video BCE fini nucleare privacy magdi allam ministero della salute clinica degli orrori Putin m5s marra prodi staminali bancarotta boston droga eurogendfor monsanto sovranità nazionale bufala elezioni fondatori del sito globalizzazione iene politica INPS evasione informatitalia.blogspot.it matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo cannabis moneta nikola tesla società troika usura diritti fisco fukushima golpe pedofilia rothschild stamina foundation 11 settembre Aspen Institute CIA FBI Giappone Onu africa fmi francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti adam kadmon alimentazione assad attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Marco Della Luna Unione Europea aids borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi goldman sachs mcdonald mes pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna svendita terra turchia violenza aldo moro arsenico barnard bonino carne dittatura edward snowden elites frutta giustizia sociale inciucio india iraq islam laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso propaganda prostituzione roma storia suicidio università vegan virus 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione antonio maria rinaldi chernobyl chico forti corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento false flag farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati influencer informazione islanda latte legge elettorale mario draghi marò microspia mmt paola musu privilegi radioattività riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online ungheria vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pensioni pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 7 gennaio 2012
L'articolo "Mangia sushi da una vita, gli trovano il cervello infestato da larve" riportato da numerosi siti web si è rivelato essere una BUFALA, come chiarisce l'articolo di "Daily Wired" che pubblichiamo di seguito; 

Il signor Sciota Fujiwara, impiegato giapponese, ha una grande passione per il sushi. Lamenta forti emicranie che beffano anche gli specialisti, incapaci di diagnosticarne le cause. Solo un intervento esplorativo, con apertura del cranio, rivela l'agghiacciante verità: il signor Fujiwara ha il cervello infestato da un'incredibile quantità di vermi provenienti dal pesce crudo di cui è ghiotto.

Questa storia è accompagnata, e apparentemente autenticata, da fotografie impressionanti di un uomo in sala operatoria, privo della calotta cranica e con il cervello a vista. Nella materia grigia si scorgono gruppi di granelli che hanno effettivamente l'aria di essere vermi.

La vicenda è pubblicata (insieme alle foto in questione, che vi risparmio) da vari siti di notizie, come Express NewsPravda.ru e Newscheblog. La riportano anche vari siti e forum, come Centopercentoanimalisti e Nibiru2012.it, e l'orripilato passaparola via mail è intenso.


Dal ministero della Giustizia arriva la proposta di pene più severe per alcuni reati. Ma il problema è più complesso, secondo il neonato Osservatorio dei diritti catanese. Che chiede: «Perché evasori fiscali o inquinatori in galera non ci vanno proprio?». Un paradosso, come quello di Piscicelli: nessuna sanzione per le sue risate mentre L’Aquila tremava, beccato invece in divieto di sosta con il suo elicottero.

Il neo-ministro della Giustizia annuncia un inasprimento delle pene sui reati di corruzione e abuso in atti di ufficio. Cosa che probabilmente può avere un senso, anche se…

In Italia il processo penale ovvero quella “cosa” che inizia con un fatto-reato, che passa da una denunzia, indagini della polizia giudiziaria, tre gradi di giudizio e si conclude con l’esecuzione della pena irrogata in caso di condanna è un sistema molto articolato e complesso.

E’ una sorta di habitat naturale ove ogni singolo aspetto, ogni singolo passo, anche quelli apparente più leggeri e opportuni, può produrre effetti negativi nel lungo termine.
Daniela Santanchè Cortina d'Ampezzo Evasione fiscale reddito scontrini Guardia di Finanza Claudio Messora Byoblu Byoblu.Com

Una tecnica sempre buona è quella dell’inversione del rapporto causa-effetto. Prendi l’evasione fiscale, per esempio, che è dannosa per tutti i cittadini onesti. Visto che si evade, è giusto che ci siano i controlli. I controlli sono l’effetto, non la causa. La causa è l’evasione fiscale, l’effetto dei controlli invece è venire a sapere che si fanno almeno un quarto degli scontrini che si dovrebbero fare. Ma tu, sprezzante della logica e confidente nella scarsa attitudine alla consecutio temporum degli italiani (opportunamente diseducati) prendi l’effetto (i controlli) e li fai diventare una causa.

 “E’ stata fatta una spettacolarizzazione ingiusta e soprattutto dannosa per quella che è una punta di diamante del turismo italiano. Io non ci sto che chi va a Cortina è un evasore ”. Parola di Daniela Santanchè. Che di luoghi per nababbi se ne intende visto che, insieme al suo compare Flavio Briatore, ha gestito per anni i locali per miliardari più esclusivi dei Caraibi. Non capirà una mazza di banda larga (aspetto ancora che mi rispondaall’email piena di dati che le ho inviato qualche mese fa), ma quando si parla di bella vita sa il fatto suo. E guai a chi gliela tocca!
Berlusconi e Monti
Un nome e un volto ai responsabili materiali della crisi? Lui, Mario Monti: è stato al vertice della piramide ultra-liberista che ha riscritto e attuato le regole del sistema finanziario che hanno portato al disastro. Monti a capo del governo in funzione anti-crisi? «E’ come mettere Totò Riina al ministero della giustizia», protesta il periodico “Umanità Nova”, che spara a zero sul governo tecnico: «Se davvero si fosse voluto combattere la crisi», pur restando all’interno dell’attuale sistema, sarebbe stato meglio un governo di «dilettanti allo sbaraglio»: qualche mossa giusta magari ci sarebbe scappata, mentre i super-esperti di Monti non rischieranno di fare questi “errori”. «La crisi, infatti, è tale solo per noi del cosiddetto “99%”: per i potenti della terra è una meravigliosa occasione di profitto e di disciplinamento del corpo sociale, costruita con cura in tutti questi anni».
La carriera dello stesso Monti ne è un esempio paradigmatico, continua il giornale anarchico: l’élite non mollerà facilmente la presa. Tanto più che è meglio non farsi illusioni: «Il capitalismo non è arrivato alla sua crisi finale: se volesse, potrebbe tranquillamente riprendere le politiche anticrisi di stampo keynesiano che hanno perfettamente funzionato negli anni passati – politiche che personaggi come Mario Monti conoscono benissimo, data la loro formazione di economisti».
Il Pentagono sta realizzando ciò che finora era solo una finzione cinematografica: essere filmati da un satellite

Ricordate il film Nemico Pubblico dove Gene Hackman e Will Smith vengono videosorvegliati dallo spazio dai satelliti della Nsa? Non era una cosa tecnicamente impossibile. Finora.
Contrariamente a quanto si vede nei film di Hollywood, infatti, le agenzie spionistiche e militari americane non possono puntare un satellite su un'auto in movimento in qualsiasi punto del pianeta per seguirla in diretta con immagini video. Possono usare telecamere montate su droni in volo sopra l'obiettivo, ma con il rischio che essi vengano abbattuti come appena successo in Iran.

I satelliti-spia possono scattare fotografie in alta definizione orbitando a bassa quota, ma non possono riprendere un flusso di immagini in tempo reale poiché questo richiederebbe un'orbita geostazionaria a 36mila chilometri di altezza e quindi un sistema ottico enorme.
Presto però la finzione cinematografica diventerà realtà, perché il Pentagono ha stipulato con la Ball Aerospace un contratto da 37 milioni di dollari per lo sviluppo di un satellite che montiun'ottica telescopica a membrane di 20 metri di diametro, in grado di catturare immagini video da orbita geostazionaria con una risoluzione di 3 metri a pixel.



fonte: PeaceReporter

Condividi su Facebook
Oggi San Tommaso ha deciso di occuparsi dei cosiddetti (erroneamente.....) TERMOVALORIZZATORI e dei danni che questo processo di smaltimento dei rifiuti puo' provocare. Il fatto che ci siano alternative migliori a questo processo dovrebbe far riflettere, anche perche' ancora una volta si parla di salute e progresso, cose che non sempre vanno d'accordo.                                         


COSA SI INTENDE PER TERMOVALORIZZATORI
Cos’è un termovalorizzatore??? Partiamo da questo concetto: i cosiddetti "termovalorizzatori" - una parola che esiste solo in Italiano e che evoca l'idea ingenuamente falsa che si ricavi valore economico dall'operazione – altro non è che un Inceneritore, che tramite la combustione ad alte temperature ‘’trasforma’’ i rifiuti e, tramite la suddetta combustione, producono energia elettrica. 

Dopo una attenta analisi, pero’, si deduce che l'energia impiegata per la raccolta, il trasporto, lo stoccaggio, il trattamento ed infine la combustione è INFERIORE A QUELLA PRODOTTA.  Sarebbe più corretto, quindi, parlare di INCENERITORI A RECUPERO ENERGETICO in quanto essi NON PRODUCONO ENERGIA ma NE RECUPERANO UNA PARTE.

Se non ci fossero le tasse dei cittadini a sostenere questa forma di trattamento dei rifiuti, a nessuno verrebbe mai l'idea di costruire impianti così irrazionali. Infatti, i termovalizzatori sono stati finanziati con il 7% della bolletta dell’Enel associandoli alle energie rinnovabili insieme ai rifiuti delle raffinerie di petrolio al carbone. 

L’incenerimento dei rifiuti, quindi, non puo’ essere una pratica presa in considerazione come alternativa per la soluzione del problema legato allo smaltimento dei rifiuti, se non altro perché i rifiuti non vengono affatto smaltiti ma raddoppiati come massa e resi più nocivi."

Arkansas (Usa)- Puntuale come le tasse, allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre,centinaia di volatili precipitano senza vita. E' successo a Beebe in Arkansas; una pioggia di uccelli, in particolare merli, è scesa giù dal cielo ed ha riempito le strade della cittadina privi di vita. Scene degne di film dell'orrore di un tempo ormai andato; l'asfalto ingombrato di carcasse di volatili, giardini di villette tappezzati di fiori e cadaveri di uccelli. Ovviamente la scena è stata interpretata come un annuncio di una ben più grave sventura che verrà nel 2012; ma questa non è la prime volta che accade tale fatto a Beebe e le autorità si erano premunite vietando l'uso di fuochi d'artificio indiziati principali della morte degli uccelli. Il divieto non è stato, nemmeno a dirlo, seguito da tutti e, secondo gli esperti, le espolosioni condizionano il volo degli uccelli che perdono l'orientamento finendo contro ostacoli naturali e non.
Chiuso per mancanza di utenti. Non si parla di negozi, aziende spazzate via dalla crisi, o di una impresa che non vende. Si parla di carceri. In Olanda si vedono infatti i risultati della legalizzazione delle droghe leggere accompagnata da una seria politica educativa di educazione rispetto ad uso e conseguenze in caso di abuso. 


Risultato il paese dei mulini a vento, che fino a pochi anni fa aveva come l’Italia il problema del sovraffollamento carcerario, c’è stata una drastica riduzione delle detenzioni. L’Olanda ha 16.6 milioni di abitanti, e le sue carceri possono ospitare in condizioni decenti, 14 mila detenuti. Ma nel 2011 il numero dei reclusi è sceso a 12 mila. Addirittura il ministro della giustizia, Nebahat Albayrak sta ponendo il problema dei 1200 operatori carcerari il cui posto di lavoro è a rischio e si sta valutando l’ipotesi di ospitare detenuti dal confinante Belgio. Da noi vigono ancora leggi infami come la Fini Giovanardi e la Bossi Fini che, messe insieme, producono un buon 60% dei detenuti, in carceri stracolme (68 mila persone per 40 mila posti effettivi) un alto numero di suicidi, di tentativi di suicidio, una percentuale altissima di persone in custodia cautelare in attesa di giudizio.
Corruzione alle stelle, partiti che fanno affari e intascano fondi illeciti, un'intera classe dirigente collusa con la criminalità. Nuovi clan, cospirazioni contro Csm e Consulta e, all'ombra del Caimano, le trame nere sulla Rai: da Minzolini alle truffe fiscali. Ecco le attività dei tribunali per l'anno nuovo

Dovrebbe essere una vera e propria emergenza nazionale, uno dei primissimi punti dell’azione del nuovo governo Monti: la corruzione che strozza il Paese. E spesso lo fa dalla testa: politici, amministratori locali, manager. Quella che dovrebbe essere l’élite di una comunità ne diventa la zavorra più pesante. Materia da trattare nelle aule dei tribunali, fardello pesante che ingolfa la macchina della giustizia. Ovviamente non c’è solo Berlusconi. A processo quest’anno troveremo un pezzo della classe dirigente. L’Italia peggiore.

Logge nel mirino 

La P3: Verdini, Dell’Utri e la legge Anselmi
Si attende la decisione del Gip sulla richiesta di rinvio a giudizio emessa nei confronti di Marcello Dell’Utri, Denis Verdini e Flavio Carboni. L’accusa è di aver creato una nuova loggia, sotto il modello della vecchia P2, che riuscisse a inferire non solo negli affari dell’eolico, ma anche sulle decisioni di Consulta, Csm e Cassazione. I pm di Roma Capaldo e Sabelli hanno chiesto di mandare a processo altre 17 persone, contestando reati che vanno dalla violazione della legge Anselmi, all’associazione a delinquere, corruzione e abuso d’ufficio.

Condividi su Facebook
Il ministro dello sviluppo economico nominato da Monti, il banchiere Corrado Passera, ex amministratore delegato di Banca Intesa chiede di dare (ancora) più poteri alla BCE: un annuncio che avrebbe dovuto destare SCANDALO e INDIGNAZIONE, ma che i giornalisti servi del potere riportano con la massima tranquillità, e anzi cercano di avvalorare la bontà della sua richiesta. 

Quando Berlusconi o i suoi galoppini annunciavano leggi che avrebbero favorito Mediaset, giustamente la sinistra insorgeva: ebbene, Passera che propone di aumentare ulteriormente i poteri della BCE è molto, molto peggio: la BCE è di fatto un'azienda privata come Mediaset, con la differenza che la Banca Centrale Europea influenza i governi, impone manovre finanziarie, gestisce la sovranità monetaria degli stati dell'eurozona, e oltretutto si sta comportando molto male nei confronti del nostro paese, visto che non compra più i nostri titoli, cosa che è alla BASE del vertiginoso aumento dello spread, che ci costringe a pagare un tasso di interesse ELEVATISSIMO a coloro che acquistano i nostri titoli di Stato: come sappiamo bene, lo spread a quota 500 significa che per avere liquidità, lo stato italiano (quindi noi cittadini) deve corrispondere il 7% di interessi a coloro che investono nei nostri titoli: una VERA E PROPRIA speculazione a danno di tutti i cittadini italiani: oltretutto i nostri titoli sono richiestissimi, non ci sarebbe bisogno di offrire così tanto per collocarli sul mercato, come dimostra il fatto che poche settimane fa, quando abbiamo emesso titoli semestrali, la domanda ha superato di gran lunga l'offerta: tutti vogliono i nostri titoli, visto che il profitto è elevatissimo a fronte di un rischio modestissimo! Ma torniamo al signor Corrado Passera, e spieghiamo a coloro che non ne sono a conoscenza i rapporti di questo signore con la BCE.

Banca Intesa - di cui, ripetiamo, Corrado Passera era Amministratore Delegato, fino a quando non si è dimesso per diventare ministro di Monti - possiede il 30,3% della Banca d'Italia (la quota più elevata) che a sua volta, possiede il 12,50% della BCE; possiamo pertanto affermare che praticamente Banca Intesa è proprietaria di fatto di circa il 3% della BCE alla quale Corrado Passera vuole assegnare maggiori poteri!

Con questa mossa, possiamo affermare a pieno titolo che l'ex banchiere ha gettato la maschera: dopotutto da lui non ci aspettavamo NIENTE DI DIVERSO, è bene chiarirlo.


Come mai Corrado Passera avrebbe dovuto lasciare un incarico - Amministratore Delegato di Banca Intesa - per il quale percepiva una retribuzione di svariati milioni di Euro all'anno, per fare il Ministro, con una retribuzione 30-40 volte inferiore? Tra l'altro Passera ha già annunciato che intende restare in politica ben oltre il governo Monti: probabilmente si collocherà nelle fila del Centro-sinistra, che ha sempre avuto un "debole", quasi una "vocazione" per gli uomini legati a certi poteri.

Per rendervi conto della gravità della situazione, ovvero di come "interpreta" la stampa italiana questa notizia, vi suggeriamo di leggervi l'articolo di Repubblica: (tra l'altro Corrado Passera in passato ha ricoperto il ruolo di direttore generale del Gruppo Editoriale l'Espresso, a cui fa capo Repubblica; tuttavia è bene precisare come goda di ottimi rapporti anche con la "fazione rivale", visto che ha ricoperto lo stesso ruolo per Arnoldo Mondadori Editore). L'articolo sopracitato, che sarà letto da milioni di italiani, è un vero e proprio spot pubblicitario per Passera e per la sua proposta di aumentare i poteri della BCE - e quindi di Banca Intesa - SENZA UN MINIMO CENNO ALL'EVIDENTISSIMO CONFLITTO DI INTERESSI, questione su cui Repubblica, in passato, ha fatto una vera e propria crociata contro Berlusconi; e sia chiaro: faceva bene. Peccato che non lo faccia in tutti i casi che ci sarebbe da farlo, come consuetudine dei giornali palesemente schierati, pronti ad attaccare e mettere in croce l'avversario, e omettere/interpretare in modo funzionale ai propri amici...



Alessandro Raffa per nocensura.com

Condividi su Facebook
venerdì 6 gennaio 2012
L'uomo ha scritto sul suo profilo presente nel social network di «aver deciso di vendere mio figlio per dare una vita dignitosa a sua madre e alle sue sorelle in cambio di questa vita di povertà e desolazione nella quale viviamo attualmente». Sostiene di essere finito in uno stato di indigenza a causa di un decreto del tribunale che lo ha costretto a chiudere l'azienda di servizi per gli avvocati nella quale lavorava da tempo e per questo si è ritrovato disoccupato con la necessità di chiedere il cibo agli amici per vivere. «Mi sono anche recato al collocamento per trovare un altro lavoro, alla luce del recente decreto del re Abdullah - ha scritto - ma mi hanno detto che ho superato l'età stabilita dalla legge e che potevano aiutare solo chi aveva meno di 35 anni». Casi di povertà come questo si possano trovare anche in un paese esportatore di petrolio come quello saudita che è il più ricco del mondo. Secondo il Consiglio consultivo del re il 22 per cento degli abitanti del regno hanno raggiunto il livello di povertà nonostante da tre anni il governo sostenga che ci sia una strategia globale per la lotta alla povertà nel paese. Tre milioni di persone in Arabia Saudita hanno raggiunto il livello di povertà e 600mila ricevono un sussidio.

fonte

Condividi su Facebook
(dal blog di Antonio Borghesi, parlamentare Idv)
Vi ripropongo un post di un paio di mesi fa, che torna di attualità con la morte di don Verzé. Aggiungo tuttavia questa ulteriore riflessione, vista la santificazione del personaggio in corso, da parte di politici e mezzi d'informazione di tutti gli orientamenti: "Per me un corruttore e truffatore, anche se prete e morto, resta sempre un corruttore ed un truffatore."

Ancora una volta una storia tutta italiana. Anzi, data la situazione, un“miracolo a Milano”, dove si intrecciano religione, affari, banchieri e come sempre politica. Qualche giorno fa La Procura di Milano ha chiesto il fallimento dell’Istituto Ospedaliero San Raffaele, fondato da don Verzè, aprendo un’inchiesta per bancarotta, ostacolo agli organi di vigilanza e fatture false per operazioni inesistenti. Un buco di quasi due miliardi di debiti. Ma il “grande manager di Dio” girava il mondo in jet privato ed ha costruito la montagna di debiti grazie alle sue amicizie politiche.

La prima ondata della crisi economica, col suo carico di effetti sul lavoro, ha provocato un suicidio al giorno tra i disoccupati italiani. Il dato tragico è certificato dall'indagine condotta da Eures, istituto di ricerche economiche e sociali, e intitolata brutalmente "Il suicidio in Italia ai tempi della crisi. Caratteristiche, evoluzioni e tendenze".

L'indagine ha preso in esame il 2009, l'anno in cui si sono dispiegate le prime ripercussioni della crisi mondiale innescata dal crac Lehman Brothers nella seconda parte del 2008, con il massiccio ricorso alla cassa integrazione, i fallimenti e la chiusura delle aziende più esposte. In quell'anno, secondo la ricerca, in Italia ci sono stati 2.986 suicidi con un aumento del 5,6% rispetto all'anno precedente (2.828 I casi nel 2008) che ha invertito la dinamica decrescente dell'ultimo biennio.

Dal punto di vista di Israele, puo' essere un'occasione per scatenare un'ennesimo conflitto in Medio Oriente ...". Queste le parole di Claudio Moffa, presidente dell'istituto Enrico Mattei di Alti studi sul Medio Oriente e docente presso l'universita' di Teramo, in un'intervista telefonica a Radio Italia dell'IRIB.



A cura del Prof. Claudio Moffa  - http://www.claudiomoffa.it

SARKOZY, UNA CARRIERA ALL’OMBRA DELLE LOBBIES FRANCESE E AMERICANA. UNA CARRIERAOCCULTATA DAI MASS MEDIA E DALL’ESTREMISMO ANTIAMERICANISTA IN RETE
IL CASO SARKOZY: “Avevamo avuto Léon Blum e Mendès France Primi ministri, ma non si era mai avuto un Ebreo eletto a suffragio universale, è un grande successo! E inoltre con Kouchner ministro degli affari esteri, cosa volete di più? Allora vado a chiedere al mio amico Kouchner: “Quand’è che riconoscerai Gerusalemme capitale di Israele?”” : così salutava la vittoria di Sarkozy alle elezioni presidenziali il vicepresidente dell’Associazione Francia Israele George Freche, un ex deputato espulso dal PS per certi suoi “eccessi” verbali.  Come documenta con riferimenti precisi a articoli di giornali francesi e altre fonti, Paul-Eric Blanrue, Sarkozy, Israel et les Juifs, Belgio 2009, TUTTA LA CARRIERA DI SARKOZY SI SVILUPPA DAL 1983 IN POI GRAZIE AI SUOI STRETTISSIMI LEGAMI CON LA COMUNITA’ EBRAICA FRANCESE PRIMA E QUELLA AMERICANA POI.
http://www.claudiomoffa.it
rielaborazione articolo di stampalibera.com

Condividi su Facebook
giovedì 5 gennaio 2012

La ferocia, la cattiveria, la disumanità dell'omicidio di Tor Pignattara ha colpito moltissimo l'opinione pubblica: quegli assassini hanno sparato per uccidere, un uomo inerme, hanno tolto la vita persino a una bambina piccola: gente che non merita di stare al mondo. Quello che personalmente non riesco a spiegarmi, è come mai certi "capi di stato" capaci di dichiarare guerre per gli interessi economici di una manciata di lobby non facciano lo stesso effetto: eppure hanno ordinato e/o avallato crimini di una gravità assurda, assai maggiore di quelli di un qualsiasi serial killer: roba da far impallidire il "mostro di Oslo"... 

E' proprio vero: "uccidi un uomo e sei un assassino: uccidine milioni e sei un conquistatore"...



Condividi su Facebook


Condividi su Facebook
L'associazione di consumatori "Altroconsumo" - una delle più conosciute in Italia, che vanta un numero elevatissimo di iscritti - ha lanciato la nuova campagna di adesioni, riservando a chi si iscrive sul web due regali aggiuntivi degni di nota: una videocamera digitale compatta "tascabile", misura 10 cm e pesa appena 200 grammi, adatta per essere sempre tenuta a portata di mano e una lampada ad energia solare.

Altroconsumo offre ai propri soci moltissimi servizi interessanti e utili: sconti fino al 30% sull'assicurazione RC auto-moto assistenza fiscale per chi vuole compilare da solo la dichiarazione dei redditi, o vuole verificare che sia stato fatto in modo corretto. I soci possono contare inoltre su un servizio di call center, e hanno libero accesso a tutte le sezioni del sito, che contiene una miniera di informazioni utili.

Gli iscritti ricevono i primi numeri delle riviste "test salute" - dedicata al mondo della medicina e della salute - "soldi e diritti" - rivista dedicata agli investimenti e alle leggi che regolamentano i rapporti con le banche, equitalia, le finanziarie etc - e "Altroconsumo" - la rivista dell'associazione, con test sui prodotti di consumo, indicazioni sul rapporto qualità/prezzo dei prodotti e altri consigli utili per i consumatori: per tutelare i propri diritti, risparmiare e per fare acquisti. (per saperne di più visita il sito)


Per saperne di più visita altroconsumo.it

Condividi su Facebook

"Più di un milione di tesserati", "Un successo incredibile", "La prova che non siamo un partito di plastica", "La gente è sempre più orgogliosa di militare nel nostro partito", "Un risultato straordinario" ... ricordate no? In questi ultimi due mesi i pezzi grossi del Pdl - da Berlusconi ad Alfano, da Cicchitto a Gasparri - non hanno perso occasione per celebrare il risultato del tesseramento 2011, il loro "radicamento sul territorio", le file davanti a quei "gazebi". Tante belle parole, ma come al solito, pochi riscontri. Ed in molti hanno cominciato a sollevare qualche dubbio. Quei numeri saranno veri? Per dire, non è che avranno tesserato persone scomparse, residenti all'estero, inventate o inconsapevoli, come si faceva ai bei tempi?
Perché definiamo "una trovata pubblicitaria" i controlli di Cortina?!? Perché il costo dell'operazione è sicuramente molto più elevato del gettito prodotto da un centinaio di negozi che - per un giorno - hanno fatto tutti gli scontrini. Non è con queste "trovate mediatiche" una tantum che si risolvono i problemi: RICORDATEVI CHE L'ITALIA è PRATICAMENTE L'UNICO PAESE EUROPEO A NON AVER SOTTOSCRITTO ACCORDI CON LA SVIZZERA!!! Tracciare i conti svizzeri degli evasori per il fisco italiano è difficilissimo! Una PRECISA SCELTA volta a favorire i GRANDI EVASORI... ricordatevi che con lo "scudo fiscale" 2009 sono stati rimpatriati - pagando una percentuale di tasse IRRISORIA - ben 95 MILIARDI di Euro!!! (vedi http://bit.ly/dpTLoU) $oldi che potevano esser rintracciati in modo diverso, e sopratutto, pretendendo CIFRE BEN PIU' ELEVATE. Quella ovviamente è SOLO UNA PICCOLA PARTE del tesoro che gli evasori, i mafiosi, i politici corrotti che hanno intascato mazzette milionarie detengono in Svizzera, magari coperti da prestanome... FARE ACCORDI CON LA SVIZZERA COME GLI ALTRI SAREBBE STATA UNA MISURA INCISIVA... ma dopotutto, leggendo certi commenti, si capisce come basti davvero poco per fare felici gli italiani... basta un "bocconcino" e siamo già soddisfatti... maddai!!!


staff nocensura.com


Condividi su Facebook

I controlli anti-evasione di Cortina? Una trovata pubblicitaria e nulla più!
I giornali ne parlano: ma che risultati sono stati ottenuti in termini pratici? Che i bar e i ristoranti - PER QUEL GIORNO - hanno fatto molti più scontrini?!? Quanto ci è costato dispiegare tutti quegli uomini? Ovviamente tra qualche giorno tutto tornerà come prima... PERCHE' INVECE MR. BILDERBERG MONTI NON HA FATTO GLI ACCORDI BILATERALI CON LA SVIZZERA COME HANNO FATTO MOLTI ALTRI PAESI EUROPEI ?!?!?! Questa sarebbe stata una misura incisiva...!!! Ma forse non hanno voglia di assumere iniziative davvero incisive...!!!

Perché definiamo "una trovata pubblicitaria" i controlli di Cortina?!? Perché il costo dell'operazione è sicuramente molto più elevato del gettito prodotto da un centinaio di negozi che - per un giorno - hanno fatto tutti gli scontrini. Non è con queste "trovate mediatiche" una tantum che si risolvono i problemi: RICORDATEVI CHE L'ITALIA è PRATICAMENTE L'UNICO PAESE EUROPEO A NON AVER SOTTOSCRITTO ACCORDI CON LA SVIZZERA!!! Tracciare i conti svizzeri degli evasori per il fisco italiano è difficilissimo! Una PRECISA SCELTA volta a favorire i GRANDI EVASORI... ricordatevi che con lo "scudo fiscale" 2009 sono stati rimpatriati - pagando una percentuale di tasse IRRISORIA - ben 95 MILIARDI di Euro!!! (vedi http://bit.ly/dpTLoU) $oldi che potevano esser rintracciati in modo diverso, e sopratutto, pretendendo CIFRE BEN PIU' ELEVATE. Quella ovviamente è SOLO UNA PICCOLA PARTE del tesoro che gli evasori, i mafiosi, i politici corrotti che hanno intascato mazzette milionarie detengono in Svizzera, magari coperti da prestanome... FARE ACCORDI CON LA SVIZZERA COME GLI ALTRI SAREBBE STATA UNA MISURA INCISIVA... ma dopotutto, leggendo certi commenti, si capisce come basti davvero poco per fare felici gli italiani... basta un "bocconcino" e siamo già soddisfatti... maddai!!!



Condividi su Facebook
L'edizione di oggi de "Il Fatto Quotidiano"  dedica parte della copertina alla questione dei Jet F35: "SI DEVE RINUNCIARE AI 131 AEREI DA GUERRA". Nei giorni scorsi ne hanno parlato "Rainews24" e "Repubblica", e i blog che affrontano la questione sono numerosissimi! Finalmente qualcosa si sta muovendo: i mass media "di regime" sembrano essersi finalmente svegliati, grazie al "mormorio" del "popolo della rete"; la questione sta ottenendo sempre più risonanza!!!

Quando abbiamo iniziato a parlarne noi, lanciando la pagina Facebook FermiamoLoSprecoDeiJet - iniziativa che portiamo avanti insieme a 71 tra blog e pagine/gruppi Facebook - regnava il silenzio assoluto...!!! 

Continuiamo a parlarne e farne parlare: continuiamo a condividere materiale! Di seguito vi proponiamo 3 immagini, che potete utilizzare liberamente per promuovere l'iniziativa:


*** SE CIASCUNO DI NOI DEDICA 2 MINUTI DEL PROPRIO TEMPO ALLA QUESTIONE DEI CACCIA, COSTRINGEREMO I MEDIA A PARLARE SEMPRE DI PIU' DELLA QUESTIONE, METTENDO I POLITICI - CHE NON POSSONO GIUSITIFICARE ALL'OPINIONE PUBBLICA QUESTO SPRECO DA 16 MILIARDI DI EURO - IN GRAVE IMBARAZZO:
Rapina e terrore a Tor Pignattara uccisi padre e bimba di sei mesi
Gli hanno sparato un colpo al petto e l’hanno ucciso senza pietà insieme alla figlioletta che teneva in braccio. Ferita anche la moglie. Caccia ai rapinatori-killer. Nella borsa della donna 5000 euro, l'incasso della giornata. Convocato un vertice in prefettura

Un duplice omicidio dopo un tentativo di rapina fallito. L’ennesimo episodio di violenza è avvenuto in via Giovannoli, angolo via Tempesta, periferia est della capitale, intorno alle 21. Zhou Zheng, uomo di 31 anni di origine cinese che gestisce un bar e un money transfer al Pigneto, era per strada con la famiglia. Ad un certo punto due giovani, in sella a uno scooter, si sono avvicinati e gli hanno puntato la pistola. 

Gli hanno intimato di consegnare tutto quello che aveva. Il commerciante ha provato a reagire e la risposta dei due balordi è stata fulminea. Tre colpi di pistola e l’uomo è rimasto a terra, in un lago di sangue, privo di vita. La figlioletta, colpita alla testa, è morta poco dopo, all'arrivo dell'ambulanza. Un colpo ha raggiunto anche la moglie. Zheng Lia, 26 anni, è stata portata al pronto soccorso: è stata ricoverata in codice giallo. Chi ha assistito alla scena ha subito chiamato il 112 e il 118 ma quando i soccorso sono arrivati per l’uomo non c’era ormai più niente da fare. 

La crisi voluta dalle banche e dai poteri forti si sta facendo sentire in tutto il mondo occidentale: le delocalizzazioni hanno già sottratto milioni di posti di lavoro, e altrettanti ne perderemo nei prossimi anni, visto che il processo di trasferimento degli stabilimenti produttivi nel terzo mondo non è ancora concluso. In Europa il peggio deve ancora arrivare: la Whirpool, per esempio, negli Stati Uniti ha già chiuso tutti gli stabilimenti, mentre in Italia e in Europa (per ora) è ancora presente, e taglia il personale di anno in anno.

Nei mesi scorsi il numero dei cittadini che usufruiscono degli ammortizzatori sociali ha sforato la quota record di 400.000 unità, la maggioranza dei quali non tornerà al proprio posto di lavoro. Ogni giorno nuove aziende annunciano la chiusura o il ricorso alla cassa integrazione. Le grandi imprese se ne vanno, e quelle che restano - sopratutto le PMI - sono fuori mercato: non possono reggere il confronto con i concorrenti che producono laddove il costo del lavoro è 10 volte inferiore. I commercianti - già fortemente colpiti dalla concorrenza della grande distribuzione - devono fare i conti con il calo dei consumi, diretta e logica conseguenza della situazione descritta sopra. I soldi in circolazione sono sempre meno, e sopratutto sono sempre più accentrati nelle mani di pochi. Ovviamente anche gli artigiani non se la passano meglio. Le prospettive per i giovani sono pochissime, al sud praticamente nulle. Ogni anno i neolaureati che prendono armi e bagagli e vanno a cercare fortuna all'estero sono sempre di più: secondo una stima, almeno 60.000 all'anno.

E il numero dei suicidi aumenta di anno in anno: il nuovo anno è iniziato all'insegna dei suicidi, con diversi episodi in diverse parti d'Italia, un fenomeno che riguarda in particolare le regioni più produttive, come il Veneto. A togliersi la vita coloro che perdono il lavoro, che chiudono l'azienda, e magari sono sommersi dai debiti. Coloro che alla disperazione della situazione economica, devono sommare le vessazioni di inequitalia, che tratta chi non ha soldi per far fronte ai pagamenti come delinquenti, capaci incredibilmente di sottrarre la casa a un invalido per un mancato versamento da 63€. Vedere la propria abitazione finire all'asta, svenduta per 1/4 del valore a qualche ricco speculatore, magari un evasore fiscale, che poi la rivenderà con calma a prezzo pieno, è più facile di quanto si pensi: basta un debito di poche migliaia di euro.

Una situazione drammatica che non potrà che aggravarsi, con le nuove numerose tasse imposte da Tremonti e Monti, imposte e accise che colpiscono anche e sopratutto chi già in precedenza versava in una situazione di difficoltà: è stata aumentata l'IVA, con ripercussioni sul prezzo delle merci: il carburante è stato aumentato di oltre 0.20€ al litro nell'arco di pochi mesi, con il prezzo della verde arrivato in alcune regioni a 1,80€/litro: con le ovvie ripercussioni sul "trasporto su gomma", che in Italia peraltro, va per la maggiore: l'aumento dei costi dell'autotrasporto non potrà che ripercuotersi sul prezzo finale delle merci, colpendo pertanto pensionati con "la minima", i disoccupati, precari e tutti coloro che versano in una situazione davvero difficile.

La situazione è drammatica: e invece di aiutare le famiglie e le imprese, lo stato le affossa definitivamente. Se a tutto questo, infine sommiamo la feroce rabbia provocata da una casta politica che vive tra sfarzo e privilegi, che non vuole rinunciare a niente, che rimanda al 2018 - posticipandoli di ben 7 anni - i tagli che la riguardano, la situazione NON PUO' CHE DIVENTARE INCANDESCENTE. E' di ieri, per esempio, la notizia che Schifani, Casini e Rutelli, che hanno avallato tutte le nuove tasse di Monti e chiedono sacrifici ai pensionati con la minima, hanno festeggiato l'arrivo del nuovo anno nelle suite più esclusive e lussuose delle Maldive, dove il soggiorno costa qualcosa come oltre 5.000€ a notte, con grande indignazione dei turisti italiani presenti: "Molte famiglie come la mia hanno provato una certa indignazione: come si fa a chiedere ai pensionati di tirare la cinghia e poi farsi vedere alle Maldive sistemati non nelle camere dei comuni mortali, ma nelle suite più da urlo dell'isola" e ovviamente lo sdegno di chi ha appreso la notizia su internet non era minore, con rabbiose esternazioni su ogni bacheca dove la notizia fosse stata riportata.


Nelle ultime settimane si sono moltiplicati episodi minatori nei confronti di equitalia: piccoli ordigni esplosivi, buste con proiettili e quant'altro: gesti non solo inutili, ma persino dannosi per i cittadini, visto che distolgono l'attenzione dal modus operandi di dis-equitalia, vessatorio e spesso al di fuori di quanto sancito dalla legge. Nella giornata di ieri Monti ha "ringraziato gli italiani per come hanno reagito alle nuove tasse": evidentemente o lo ha fatto per cercare di placare gli animi, oppure è più lontano dalla gente di quanto si pensava. Persino la Camusso ha evidenziato il rischio di "tensioni sociali"; basta leggere le bacheche su Facebook per "toccare con mano" la crescente gravità della situazione. Il Corriere della Sera - giornale peraltro vicinissimo a Monti - dopo il primo "attentato" alla sede romana di equitalia ha dato ampio risalto alla questione, rilevando come decine di migliaia di persone abbiano appreso con gioia la notizia. E non si tratta di fanatici, ma di casalinghe, impiegati, studenti - cittadini qualsiasi, insomma - esasperati da questa situazione. Un numero sempre maggiore di persone inneggia alla rivolta, alla sommossa, inizia a vedere di buon occhio la "lotta violenta", un fenomeno preoccupante, che rischia di "generare dei mostri", il paese rischia di tornare indietro di quarant'anni, ai cosiddetti "anni di piombo". Cosa che certo non servirebbe a migliorare la situazione: bensì il risultato sarebbe lo sdoganamento di una deriva autoritaria, le "esigenze di sicurezza" si tradurrebbero in leggi sempre più repressive.

staff nocensura.com

Condividi su Facebook
Clicca per ingrandire

Le minacce degli ordini professionali (vedi articolo de "Il Fatto Quotidiano") non fermano groupon: quella in foto è l'offerta di oggi: una visita dentistica con pulizia dei denti, rimozione del tartaro e smacchiamento dei denti a soli 29€ pari all'81% di sconto!!! Un prezzo davero alla portata di tutti, per la "felicità" di quei dentisti che chiedono 150€... :)


Iscrivetevi per ricevere offerte come questa nella vs email ogni giorno... 

programmi simili: Groupalia (sito - recensione)

Condividi su Facebook
mercoledì 4 gennaio 2012
capodanno-a-cortina
Scontrino di “Capodanno a Cortina”, poveri con il Suv e boom di incassi

C’è chi ha il super Suv, ma dichiara soltanto 30 mila euro e magari ha fatto il gran cenone in un ristorante di lusso. Gli ispettori del Fisco hanno deciso di fare Capodanno a Cortina d’Ampezzo, conca del lusso e dei divertimenti vip in provincia di Belluno, e adesso l’Agenzia delle Entrate del Veneto ha emesso “lo scontrino” dei furbetti.

Sono state controllate le dichiarazioni dei proprietari di 251 auto di lusso di grossa cilindrata: su 133 intestate a persone fisiche, ”42 appartengono a cittadini che fanno fatica a ‘sbarcare il lunario’, avendo dichiarato 30.000 euro lordi di reddito”, scrive l’Agenzia. Gli altri 118 superbolidi sono intestati a società che sia nel 2009 sia nel 2010 hanno dichiarato in 19 casi di
essere in perdita, mentre in 37 casi hanno dichiarato meno di 50 mila euro lordi.
Un dibattutissimo studio di Morgan Stanley[1] evidenzia in queste ore come il solo settore finanziario inglese sia indebitato per una quota pari al 600% del Prodotto Interno Lordo nazionale.
Il settore privato del Regno Unito, famiglie comprese, ha debiti totali pari a circa nove volte il PIL annuo.
Guardando il grafico a lato, è possibile notare come ormai il debito totale netto sia raddoppiato negli ultimi quattro anni.
Mia breve sintesi letteraria della situazione: dopo aver colonizzato e depredato un bel po’ di mondo, fomentando guerre e rivolte in Africa ed Asia ancora oggi distruttrici di culture e ambiente, continuano coscientemente a rapinare i loro figli ed in questi mesi anche loro stessi e solo col sangue si ripagherà tutto il maltolto falsamento iscritto finora come “profitto”.
All’Inghilterra restano solo due grandi possibilità per difendere (la sua vita a) il suo debito:
- una moneta ed una banca centrale nazionali
- un arsenale nucleare da 225 bombette (che tuttavia le costa carissimo mantenere: oltre 15 miliardi di sterline ogni anno![2])


fonte


Condividi su Facebook

L'Ungheria sfida la Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale e approva una legge che riduce l'autonomia della Banca centrale nazionale. Il braccio di ferro mette a rischio una richiesta di prestito del Paese a Bce e Fmi tra i 15 e i 20 miliardi di euro. Per l'istituto europeo l'indipendenza della Banca centrale è indispensabile, "nessuno può entrare nel processo legislativo del Pese" è stata la replica del governo.

Condividi su Facebook


(ASCA-AFP) – Oslo,3 gen – Migliaia di aringhe sono state trovate morte su una spiaggia delle coste occidentali della Norvegia, lasciando gli esperti perplessi sulle cause del fenomeno. Lo segnala l’Istituto di ricerca marina del paese.
I media locali riportano che 20 tonnellate di aringhe sono state trovate alla fine di dicembre su una spiaggia nel nord del paese. ”Avevamo gia’ visto le aringhe spiaggiarsi, ma mai in questa quantita”’, ha detto all’Afp il biologo Ole Kristian Berg, dell’Universita’ di Scienza e Tecnologia di Trondheim. Sulle cause del fenomeno, Berg ha ipotizzato che le aringhe siano state spinte sulla riva da una tempesta marina o dalla eccessiva presenza di acqua dolce, visto che nell’area c’e’ l’estuario di un fiume.


Condividi su Facebook
L'ex assistente del deputato Responsabile denuncia di essere stato usato per un anno senza avere un riconoscimento economico adeguato. L'onorevole si difende: "Mi è stato raccomandato, non sapeva fare niente, dovrebbe ringraziarmi". Poi si dice pronto a sostenere la proposta di Pd, Idv e Udc che vuole far pagare all'aula gli assistenti e non dare più i 4mila euro mensili ai parlamentari destinati allo staff


“Per un anno ho lavorato con l’onorevole Scilipoti dalle nove del mattino alle undici di sera, sabato compreso. E la domenica c’erano i convegni e i comizi in Sicilia, senza pernottamento né rimborso spese. Prendevo 600 euro al mese, versati quasi sempre con assegno bancario del deputato e corrisposti come pagamento di contratti a progetto”. Vincenzo Pirillo è l’ex portaborse di Domenico Scilipoti che al Corriere della Sera ha denunciato di essere stato sfruttato, nonostante ai deputati venga versato un contributo mensile di 3.690 euro (4.180 ai senatori) proprio per lo staff.

Tutti insieme appassionatamente. Alle Maldive. Il leader dell'Udc Pierferdinando Casini, il presidente del Senato Renato Schifani e leader dell'Api Francesco Rutelli il deputato del gruppo misto Stefania Craxi si sono ritrovati al Palm Beach resort nell'atollo di Lhaviyani dove le suite costano tra 2550 e 5700 dollari a notte. Il Corriere riporta l'indignazione di una delle turiste tornare dalle vacanze: Molte famiglie come la mia hanno provato una certa indignazione: come di fa a chiedere ai pensionati di tirare la cinghia e poi farsi vedere alle Maldive sistemati non nelle camere dei comuni mortali, ma nelle suite più da urlo dell'isola". Possibile che i politici siano stati ospiti del proprietario del resort (data la riservatezza del tour operator non è stato possibile verificarlo) in ogni caso in tempi come questi, in cui a tutti gli italiani viene chiesto di tirare la cinghia, impressiona che i politici sguazzino nel lusso...Anche perché contro chi li accusa di guadagnare troppo, replicano: non prendiamo tanto. 


fonte

Condividi su Facebook
"I mezzi donati dalla Fiat ai Vigili del fuoco per la rimozione macerie dal centro dell'Aquila non sono mai arrivati nel capoluogo e giacciono inutilizzati nelle rimesse del Corpo".
È questa la denuncia del sindacato autonomo dei Vigili del fuoco Conapo, la sigla maggiormente rappresentativa all'Aquila e in Abruzzo.
In una lettera al vetriolo indirizzata al responsabile di Case Construction Equipment, l'azienda del gruppo Fiat che ha fatto la donazione, Mario Marchisio e inviata per conoscenza a una lunga lista di autorità dei Vigili, della Protezione civile e dei massimi esponenti della governance della ricostruzione, il segretario provinciale del Conapo, Elio D'Annibale, esprime "grande rammarico" per il fatto che "le macchine operatrici che Case Italia ha così generosamente donato, e che tanto sarebbero utili ai Vigili del fuoco, non sono mai giunte nei territori colpiti dal sisma e non abbiamo, quindi, mai avuto il piacere di vederle all'opera".
"Solo per un caso - rivela D'Annibale - ci siamo accorti che i mezzi, con tanto di scritta 'Fiat con l'Abruzzo', sono parcheggiati in un garage del Corpo di Roma. Se non fosse stato per un nostro vigile distaccato nella Capitale che ha visto con i suoi occhi la scena non l'avremmo mai saputo".

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi