Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO banche notizie carceri eurocrati immigrazione satira renzi facebook guerra scuola euro manipolazione mediatica grillo bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari Russia poteri forti massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione siria UE debito pubblico finanza tasse ucraina ISIS califfo israele disoccupazione marijuana travaglio agricoltura canapa militari banchieri germania mario monti terrorismo trilaterale geoingegneria obama Grecia bambini big pharma vaticano Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta vaccini cancro PD tecnologia armi assad nwo Angela Merkel equitalia BCE austerity cannabis ministero della salute sondaggio umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi fini informatitalia.blogspot.it magdi allam video eurogendfor m5s privacy Putin clinica degli orrori iraq staminali CIA droga marra sovranità nazionale bancarotta boston bufala monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene politica troika 11 settembre evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo diritti fmi fukushima nikola tesla roma società usura draghi fisco golpe islam moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione autismo francia imposimato lega nord nato nsa ricchi storia terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva petrolio propaganda servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio islanda laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca salvini sanzioni taranto ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione latte legge elettorale microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività riserva aurea risveglio coscienze sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corrado passara corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mare nostrum mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 15 settembre 2012
In realtà, molte proteste contro i parchi eolici hanno un senso: in Italia spesso infatti vengono progettati in aree non idonee, perché anziché valutare il sito migliore dal punto di vista strategico ed ambientale, i politici valutano altri fattori: per esempio la proprietà di un determinato terreno, in modo da far guadagnare l'amico o "l'amico dell'amico" di turno...

- - - - -
L'energia eolica ricavata dal vento (circa 2.200 terawatt) sarebbe più che ampiamente sufficiente a coprire tutto il fabbisogno energetico del mondo ai livelli attuali che assommano a 18 terawatt.
Si tratta di uno studio teorico americano - pubblicato su Nature Climate Change del 9 settembre - che intende stabilire il limite massimo dell'energia ricavabile dal vento e analizzare le conseguenze climatiche globali dell'impiego massiccio di turbine eoliche.


Stabilito che non è possibile coprire il pianeta di piloni per lo sfruttamento del vento, gli stessi autori indicano però che la crescita dell'energia eolica dipende solo da una volontà politica ed economica e non certo da limiti geofisici. Infatti l'energia massima potenzialmente ricavabile dal vento sarebbe di 2.200 TW, di cui 400 TW a terra con turbine montate su piloni alti fino a 100 metri come avviene oggi nei campi eolici off-shore, e ben 1.800 TW ricavabili con turbine e aquiloni eolici sospesi in aria, come già molti progetti prevedono. Solo per gli impianti a terra si tratta di oltre venti volte il fabbisogno mondiale attuale, che sale a 100 volte nel caso delle turbine sospese. Ben oltre quindi di quanto consuma il mondo oggi.

15 settembre 2012 - Un terremoto di magnitudo (Ml) 3.9 è avvenuto alle ore 17:40:58 italiane.Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico: Mar di Sicilia. ad una profondita' ipocentrale di 10 km.L'evento e' avvenuto nel canale di Sicilia a largo della costa a sud,nello stesso punto dell'evento delle 00:19 di M 3,8.

Il sequestro degli impianti dell'Ilva da parte della magistratura ha acceso i riflettori su Taranto, ed in particolare sul quartiere Tamburi, quello più sottoposto all'inquinamento prodotto dal polo siderurgico. I cittadini di questo quartiere vivono in condizioni davvero difficili: costretti a vivere con le finestre chiuse e sottoposti a vere e proprie "tempeste di minerale" ogni qualvolta che tira vento. Le polveri minerali necessarie per la produzione di acciaio sono stoccate in un immenso "parco" a cielo aperto.

La situazione che si viene a creare in presenza di forte vento, è quella evidenziata dalle foto che vi proponiamo di seguito. E' impressionante pensare che la polvere che investe interi quartieri non è "terra" ma polvere di minerale utilizzato per produrre acciaio.
Clicca sulle immagini per ingrandirle

(Fonte foto: Alessandro Marescotti Presidente PeaceLink)

Per capire quali sono le condizioni di degrado del quartiere Tamburi, abbandonato dalle istituzioni in tutti i sensi del termine, vi proponiamo un servizio di Telerama, i cui uomini hanno accompagnato il sindaco di Taranto in visita al rione, mostrando la fatiscente situazione in cui vivono molti cittadini e raccogliendo le loro giuste recriminazioni. Il sindaco è sembrato molto accomodante con tutti, ha dispensato diverse promesse, sarebbe interessante sapere se le ha mantenute.



L'emittente di Mentana e soprattutto, nella prossima stagione, di Santoro, messa in vendita da Telecom Italia Media, potrebbe entrare nell'orbita berlusconiana. Da Cologno Monzese filtrano indiscrezioni sulle reali intenzioni del gruppo, anche per non incappare nei divieti dell'Antitrust. Le offerte, non vincolanti, devono essere depositate entro il 24 settembre

Di Sara Nicoli

Quando si ha a che fare con le televisioni e il loro mercato, tutto in Italia si complica. E si sporca. Perchél’anomalia Berlusconi e il suo perenne conflitto d’interessi continuano ad avvelenare i pozzi della politica e della comunicazione. Di conseguenza, ogni notizia che riguardi gli assetti televisivi e della comunicazione tv del Paese diventa immediatamente carta politica. In questo caso, da giocare al tavolo delle prossime elezioni.
E il nuovo caso c’è già. La 7, emittente in vendita di Telecom Media Group, rete sotto il cui ombrello di diffusione nazionale hanno trovato rifugio, negli ultimi due anni, tutti i volti allontanati dell’ex Rai di Lorenza Lei e di Mauro Masi, da Michele Santoro a Serena Dandini, a Corrado Formigli passando anche per Enrico Mentana (che è stato, invece cacciato da Mediaset), è da ieri ufficialmente nel mirino anche di Mediaset e del fondo di private Equity Clessidra, gestito da un ex manager Mediaset e amministratore delegato Fininvest,Claudio Sposito. Una notizia pesante. La cui cronaca, in verità, è abbastanza spoglia, ma ci sono dettagli che vogliono dire tanto. Mediaset presenterà, il prossimo 24 settembre, giorno della chiusura dei termini stabilita dal venditore Telecom e dagli advisor, Mediobanca e Citigroup, unaproposta di acquisto non vincolante per l’acquisizione della rete. Mediaset avrebbe un doppio livello d’interesse sul fronte La 7; la prima riguarderebbe l’emittente in sé e per sé, la seconda l’infrastruttura e le frequenze.

- di Stefano Davidson
Oggi Giovedì 13 Settembre 2012 il Signor Antonio Tieso (che mi autorizza a scrivere il suo nome e cognome) si è recato in tre stazioni dei Carabinieri nella Provincia di Varese (guarda caso da dove proviene Mario Monti) per presentare denuncia contro il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti, e tutti i ministri in carica, nonché nei confronti dei membri del Parlamento che hanno votato le succitate misure di svuotamento democratico dello Stato italiano e della nostra Carta Costituzionale, ciascuno nelle persone attualmente e medio tempore in carica in relazione all’arco temporale interessato, nonché tutte le altre persone eventualmente coinvolte per tutti i reati ravvisabili e, comunque, per quelli previsti dagli articoli:
241 c.p. attentato contro l’integrità, l’indipendenza o l’unità dello Stato;
270 c.p. associazioni sovversive;
283 c.p. attentato contro la Costituzione dello Stato;
287 c.p. usurpazione di potere politico;
289 c.p. attentato contro gli organi costituzionali;
294 c.p. attentato contro i diritti politici del cittadino;
304 c.p. cospirazione politica mediante accordo;
305 c.p. cospirazione politica mediante associazione.
(il testo completo della denuncia è stato formulato da Paolo Barnard ed è disponibile al link http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=375 )
Ma non solo NON gli è stato permesso di depositare detta denuncia, commettendo così il reato di “omissione di atti d’ufficio” che è disciplinato dall’articolo 328 del codice penale (che, nella sua attuale formulazione, sanziona il fatto causato da un pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, che rifiuta indebitamente un atto che per ragioni del suo ufficio deve essere compiuto) ma gli sono state prese le generalità ed è stato minacciato di possibile accusa per  “atti sovversivi”. Farneticazione completa considerando che la denuncia è prevista dal nostro ordinamento, addirittura al limite dell’intimidazione (artt. 339 e 612 c.p).



di Chiara Priorini

Usa, Canada, Polonia, Slovenia, Australia e Italia e questi sono solo alcuni dei paesi che hanno effettuato degli studi per dimostrare la correlazione fra l'Insufficienza Cronica Cerebro Spinale (CCSVI) e la Sclerosi multipla teorizza dal Prof. Zamboni. Da tutti questi studi emergono solo conferme alla sua scoperta e alla sua terapia.

Il Dott. Paolo Zamboni è l'autore della scoperta, l'autore della terapia secondo la quale liberando le vene dai depositi di ferro in eccesso si ottiene un rapido miglioramento delle condizioni di salute nei malati di sclerosi multipla. Paziente dopo paziente, Zamboni ha via via preso coscienza del fatto che tutti i malati di sclerosi multipla presentavano questo restringimento delle arterie e delle vene nel collo e nella testa, ma anche nel petto a volte, scoperta che lui chiama CCSVI: Insufficienza Venosa Cronica Cerebro Spinale. 
Il “via libera” alla messa in pratica della terapia del Dott. Zamboni arrivò lo scorso giugno, da allora sono moltissimi gli studi effettuati per valutarne l'effettiva validità e le conferme sono quasi all'ordine del giorno. 
Continuavano a chiamarci Bancomat

Ex capogruppo del PdL. Lasciato dalla fidanzata. Autosospeso dal PdL per “gesto di dignità”. E pure un po’ “fagiano”, con due g ovviamente. Ecco come si presenta, come si fa vedere in giro il consigliere del PdL alla regione Lazio, Franco Fiorito, quello accusato di peculato per aver distratto dalle casse della Regione un milione di euro. L’accusa, lo ricordiamo, è emersa dalla relazione del successore di Fiorito, Battistoni, alla guida del gruppo PdL alla Pisana.


ACCUSE E CONTRO ACCUSE - Battistoni ha consegnato un rendiconto economico dal quale sono emersi i giroconti per fortissime somme effettuate da Fiorito, scrive la Procura nel decretare l’assunzione dei conti Unicredit e la perquisizione dell’ufficio privato, “attraverso bonifici su conti correnti personali, operazioni di giroconto di assegni versati su conti personali o intestati a persone estranee alle funzioni consiliari e, infine, con prelievi di denaro compiuti allo sportello o tramite bancomat”. Il Fatto Quotidiano è riuscito ad ottenere un’intervista con l’ex capogruppo che si presenta scortato in un bar di Piazza Euclide, e vuota il sacco.
LE VACANZE - Probabilmente è il primo atto di una faida interna al PdL destinata a comprometterne l’assetto in Regione. Fiorito sta mettendo insieme un contro-dossier, e ha “un ripostiglio pieno di carte”. Qualcuno inizia a tremare. Franco Fiorito ammette di aver passato una bella vacanza in Costa Smeralda a spese dei contribuenti.
Ne parliamo nell'articolo Siringhe, degrado, spaccio, tossicodipendenza, insicurezza e "riduzione del danno": la scure dei tagli continua ad abbattersi sul compartimento sicurezza: dopo i ripetuti tagli di Tremonti, la mazzata finale l'ha assestata la "spending review" che sarebbe dovuta servire per tagliare  gli sprechi (con la farsa delle segnalazioni dei cittadini). Mancano le divise, mancano i fondi per mettere benzina alle volanti, mancano gli uomini. Ad oggi il sottodimensionamento è di 11.000 agenti, ma è destinato a raddoppiare nel giro di pochi anni. Le "grandi città" che avrebbero bisogno di rinforzi vedranno tagliare ulteriormente il personale: il degrado - che già riguarda ampie zone - è destinato ad aumentare, come il numero dei reati e sopratutto di quelli impuniti.

di seguito l'articolo di napolicentro.eu
A Napoli 1.000 poliziotti in meno nei prossimi tre anni
Polizia, 22mila agenti in meno
Il Sap contro i tagli della spending review: mancano i soldi per divise, pulizie e benzina, non potremo più garantire l'attuale livello dei servizi

NAPOLI - "In polizia mancano già oggi 11.000 agenti. Nel giro dei prossimi tre anni il buco raddoppierà e verranno a mancare 22mila unità: 2.000 solo a Roma, 1.000 a Milano, Napoli e Palermo, 500 a Torino e Bari, 300 a Bologna e Firenze. Tutto questo a causa della spending review". E' la denuncia del Sap, il sindacato autonomo di polizia. "Con questi numeri non saremo più in grado di garantire gli stessi servizi di oggi - spiega il segretario generale Nicola Tanzi -. In polizia già oggi non si pagano gli straordinari. Quando un agente va in trasferta, non ci sono i soldi per gli alberghi, con buona pace di indagini anche importanti. Mancano i soldi per la benzina, per le pulizie dei commissariati, per cambiare le divise. Ecco perché i concorsi sono ridotti al minimo e ci sono già queste voragini in organico".
parcheggiatori-abusivi-parcheggio-poste
Editoriale di nocensura.com

Leggiamo l'articolo che segue:


La rissa avvenuta ieri pomeriggio fra due italiani ubriachi e due marocchini di fronte alla vecchia Coop ha riproposto il problema della sicurezza tra piazza San Marco e il parcheggio di via Arcivescovo Martini. Una zona frequentata da alcuni senzatetto con problemi di alcolismo e tossicodipendenza, che sono soliti bivaccare sui gradoni all’inizio di viale Vittorio Veneto, o nei pressi del parcheggio di fronte alle poste. Un parcheggio molto utilizzato nei giorni di chiusura di quello di piazza Mercatale, e costantemente presidiato da 4 o 5 parcheggiatori abusivi che chiedono, a volte con troppa insistenza, un’offerta agli automobilisti.
A completare il quadro c’è chi con il motore attraversa il passaggio pedonale per tagliare ed evitare  il restringimento delle corsie in piazza Mercatale. E c’è anche lo stato precario delle mura: a parte i cedimenti del bastione delle Forche, molti tratti sono invasi dalle piante che sono cresciute a dismisura tra le pietre e danno un’immagine di abbandono.

Questo articolo pubblicato dal sito notiziediprato.it si riferisce alla città di Prato: ma lo scenario descrive una situazione che troviamo in praticamente tutte le città italiane, ad eccezione dei piccoli centri.

I LOSCHI FIGURI CHE BIVACCANO NELLE ZONE DEGRADATE DELLA CITTA':
In tutte le città italiane ci sono zone frequentate da tossicodipendenti, vagabondi senza fissa dimora, spesso stranieri, senzatetto. Per quanto riguarda questi ultimi, molti sono persone cadute in disgrazia che hanno avuto la sfortuna di essere sole al mondo, o comunque qualcuno disposto ad aiutarli, e hanno perso tutto fino a ritrovarsi in mezzo ad una strada. Spesso vivono di accattonaggio, racimolando qualche spicciolo, ricevendo qualche piccolo aiuto dalle associazioni caritatevoli, senza fare del male a nessuno, se non a sé stessi: molti a causa della situazione disperata cercano "rifugio" nell'alcool, diventandone dipendenti, aggiungendo un problema ai problemi. I senzatetto in Italia sono un esercito "trasparente" di 100.000 persone, che le istituzioni dovrebbero aiutare e reintegrarli, mentre invece se ne fregano.

Più problematici invece sono i tossicodipendenti: molti di quelli che riempono le piazze, giardini pubblici, il vicinale di una stazione ferroviaria non sono "senza tetto", ma tossicodipendenti in cerca di qualche "impiccio", magari per racimolare i soldi necessari per "farsi". Molti di questi hanno una famiglia e potrebbero cambiare vita; ma vivere in quel modo per loro è uno "stile di vita", se così possiamo definirlo, inoltre trovare un lavoro con il volto visibilmente segnato dalla tossicodipendenza è un'impresa impossibile.


La lettera, su carta intestata della Presidenza della Camera e firmata da Gianfranco Fini, è arrivata ai primi d’agosto al nuovo segretario amministrativo della Lega Nord, Stefano Stefani. E non ha precedenti, perchè contesta ai vertici del Carroccio di avere falsificato i bilanci del 2010 e dunque di non avere diritto ai rimborsi elettorali di quell’anno. Una ventina di righe, non di più che non hanno certo fatto piacere ai vertici del Carroccio e che sono state trasmesse dal legale di via Bellerio per conoscenza (e competenza) alla Procura della Repubblica.

I revisori della Camera infatti, presa visione del bilancio della Lega del 2010, quello già all’esame dei magistrati milanesi e firmato da tre commercialisti di provata fede padana (Diego Sanavio, ex assessore della giunta milanese di Formentini; Stefani Aldovisi, già assessore al bilancio a Monza e nel collegio sindacale del San Gerardo di Monza; Antonio Turci, ex membro della Sogemi che gestisce gli impianti annonari di Milano) hanno decretato che «non può essere considerato regolarmente redatto» secondo gli schemi indicati dalla legge numero 2 del 1997.
venerdì 14 settembre 2012


Le belle parole del sindaco di Taranto (rieletto quest'anno per il secondo mandato) che si felicita per i risultati conseguiti dalla sua amministrazione stonano "un tantino" con le immagini dell'Ilva sullo sfondo, azienda a cui il sindaco in passato ha espresso soddisfazione "per i progressi fatti in ambito ambientale". Peccato che la magistratura abbia disposto il sequestro degli impianti, accusati di rilasciare emissioni ben oltre ai limiti di legge...

Staff nocensura.com



di Carlo Sferrazza

Oregon (USA) Ai primi di agosto Gary Harrington, un uomo “colpevole” di avere raccolto acqua proveniente dalla pioggia e dalla neve che è caduta sulla sua proprietà si è arreso al verdetto iniquo che lo ha condannato a 30 giorni di prigione. In questi giorni riguadagnerà la libertà.
“Sto sacrificando la mia libertà in maniera tale che come nazione possiamo ribellarci e lottare per la nostra libertà” ha detto Harrington a una piccola folla raggruppata fuori dal carcere dove egli è entrato, molti dei quali tenevano cartelli che inneggiavano alla sua lotta.

Harrington ha infranto una legge del 1925 secondo la quale egli aveva “tre serbatoi illegali” sulla sua proprietà; è stato giudicato colpevole di ben 9 infrazioni ed è stato anche multato per più di 1500 dollari.
Secondo il Ministero delle risorse idriche dell’Oregon Harrington ha violato la legge prelevando acqua che sarebbe confluita nel Big Butte River, ma lui ha semplicemente raccolto l’acqua e la neve che è caduta sulla sua proprietà.
Harrington ha giurato che la sua lotta non finirà qui ed ha affermato che il governo è diventato tirannico e che lui da adesso in poi lotterà contro di esso.
“Sono diventati come dei grossi bulli e se tu ti arrendi li rendi ancora più arroganti” – ha affermato Harrington – “Come Americani dobbiamo difendere i nostri diritti costituzionali, i nostri diritti di cittadini e resistere.”


Carlo Sferrazza


giovedì 13 settembre 2012

foto Gonews
Un lettore ci segnala il caso che gli è capitato all'Ospedale di Palermo, pubblicato da livesicilia.it, che vi proponiamo di seguito:

E' la disavventura capitata a Giorgio La Bara, 55 anni, operato all'ospedale Villa Sofia. "Mi hanno chiesto di togliere ogni cosa avessi addosso, compresi gli oggetti di valore" racconta. Ma quando è tornato in camera, dopo l'operazione, della collana non v'era più traccia.

PALERMO- "Avevo lasciato la collana in un cassetto. Ma dopo l'operazione non ce n'era più traccia". E' la denuncia di un uomo, Giorgio La Bara, di 55 anni, che lo scorso lunedì ha subito un intervento al reparto di Chirurgia generale dell'ospedale Villa Sofia di Palermo.
L'operazione è avvenuta tra le otto e le undici del mattino. "Prima entrare in sala - ricorda La Bara - mi hanno chiesto di togliere ogni cosa avessi addosso, compresi gli oggetti di valore". L'uomo si è accorto del furto solamente la sera. Ma nessuno durante il giorno, tra i suoi parenti in visita dopo l'intervento, avevano visto la collana. "Non si tratta di una questione di soldi, anche se quella collana in oro avrà fruttato molto a chi se ne è impossessato. Quella collana mi è stata regalata 48 anni fa, il giorno del mio battesimo. Con quella addosso ho fatto il militare, mi sono sposato, ho viaggiato e lavorato. Il valore è soprattutto affettivo".
La Bara ha subito presentato una denuncia ai carabinieri. "Il personale dell'ospedale - ci tiene a precisare La Bara - si è comportato con estrema professionalità, ma nell'orario in cui sono stato sottoposto ad operazione chirurgica, l'accesso ai visitatori non è consentito e nella mia stanza - racconta l'uomo - c'erano soltanto alcuni anziani, obbligati a stare a riposo, e che quindi non si alzavano mai dal letto".



Matteo Renzi
GUARDA IL NOSTRO ARCHIVIO ARTICOLI SU MATTEO RENZI: http://www.nocensura.com/search/label/renzi
Dice, chissà se ci crede realmente, di essere il nuovo che avanza. Dice di volere proporre un nuovo modo di fare politica. Dice di avere in mente nuovi programmi di sviluppo. Ah sì? E quali? Le idee di Matteo Renzi, al di là della retorica e del consenso di cui gode, sono le stesse identiche di chi fa politica da mezzo secolo o giù di lì.
Il Sindaco di Firenze, sugli inceneritori, ha una posizione nettissima. “Gli inceneritori vanno fatti, senza se e senza ma”, sostiene l’esponente del Pd. Ma non provocano seri danni alla salute? “Assolutamente no”, teorizza Mr il nuovo che avanza.
Credete che stiamo esagerando? Niente affatto. L’ex concorrente della Ruota della Fortuna espone il suo punta di vista in una trasmissione tv di qualche anno addietro finita su Youtube. A una oncologa, ribatte che “non si può dire che un inceneritore procura troppi malati! Il termovalorizzatore non provoca tumori! Lei sta facendo terrorismo psicologico! Non è per colpa degli inceneritori se ci sono i malati di tumore, questa è una baggianata. Io non consento a una aspirante alchimista di dire dati falsi!”


Il giornale non è certo un quotidiano che adoro, ma qui poco importa la linea politica di un quotidiano, quanto la realtà che viene denunciata. L'articolo di cui ci occupiamo ha per titolo: "Il governo vuole obbligare negozianti e professionisti ad accettare pagamenti elettronici sopra i 50 euro".

Per leggerlo integralmente basta fare click qui sotto:

Ed ecco un breve estratto: 
Il governo va avanti nella lotta all'evasione fiscale e insiste sulla tracciabilità dei pagamenti. Una bozza del decreto sulla crescita, infatti, prevede l'obbligo - dal 1° luglio 2013 - di accettare i pagamenti con moneta elettronica (bancomat e prepagate) per gli importi superiori a 50 euro.
Bello vero? Di botto si passa dal tetto di 1000 euro al tetto di 50! Difficile non concordare con l'estensore dell'articolo de Il giornale quando scrive:
Insomma, c'è ancora tempo per apportare qualche utile correttivo. L'importante è agire prima che sia troppo tardi. Perché se l'esigenza di abbattere l'evasione fiscale è comprensibile,  bisogna stare attenti a non schiacciare la libertà. Non vorremmo che un giorno finisse con l'essere schedato tutto, anche le minime cose, come quanto pane acquistiamo o cosa leggiamo ogni giorno. E fintanto che il denaro (in contanti) non verrà messo fuorilegge, perché dovrebbe essere vietato poterlo spendere, ovviamente se ottenuto in modo lecito?
Cannabis
Dal 1° Maggio 2012 nelle tre province del sud olandese, al confine con Belgio e Germania, è stato proibito l'ingresso ai turisti nei coffee shop: una misura che dal 1° Gennaio 2013 sarà estesa a tutte le città olandesi, compresa la capitale Amsterdam. Gli effetti negativi - descritti nell'articolo di seguito - sono stati immediati: lo spaccio è tornato per le strade, quasi 400 persone sono state denunciate per reati connessi alla vendita o al consumo di marijuana (reati che fino all'entrata in vigore del divieto non erano considerati tali), il turismo è in diminuzione e sono stati persi posti di lavoro. 

Staff nocensura.com

L’OLANDA VIETA LA VENDITA DI MARIJUANA AI TURISTI, LE CITTA’ SI RIBELLANO
di Giulia Cortese


Il primo maggio 2012 è stato introdotto nelle tre province meridionali olandesi del Noord-Brabant, Limburg e Zeeland il cosiddetto “Erba-pass“, provvedimento che ha come scopo di consentire l’acquisto della cannabis solo ai cittadini olandesi registrati, allontanando i consumatori stranieri. A partire dal 2013, la norma sarà obbligatoria in tutto il Paese. A soli quattro mesi dalla sua introduzione, nelle tre province “pioneristiche” si possono notare dei risultati negativi. I primi rapidi studi dimostrano che i giovani olandesi, di età compresa tra i 18 e i 24 anni, così come gli immigrati, si rifiutano di farsi registrare. Ne consegue la rinascita di una vasta rete di spaccio illegale nelle strade, cosa che permette ai consumatori non solo di risparmiare denaro, ma dà loro modo di evitare di rispondere a domande sulla loro età e nazionalità. La gran parte dei trafficanti di strada sono minorenni di origine marocchina, albanese, ungherese, rumena o provenienti dal nord della Francia.
Nello stesso giorno dell’introduzione della norma nelle tre province olandesi, il radicale Marco Cappato ha compiuto unadisobbedienza civile a Maastricht, , proprio contro l’introduzione del “pass”, che finora ha recato solo danni al Paese: da allora la storica città di Maastricht, ad esempio, riceve molti meno turisti; le province di Limburg, Noord-Bramant e Zeelandsono colpite da una nuova ondata di disoccupazione, a causa della chiusura di numerosi coffee-shop, che venivano usati principalmente per l’acquisto di droghe leggere. Questi ultimi hanno dovuto tutti installare delle barriere elettroniche(tornelli in stile metropolitana) che non si possono varcare se non si è in possesso dell’erba-pass. Coloro che la possiedono sono appositamente schedati come consumatori di cannabis. Gli altri restano fuori, anche se la loro unica intenzione fosse quella di andare in bagno.
Sempre dal primo maggio in poi, nella provincia Limburg sono state arrestate 386 persone per spaccio e/o acquisto di erba, tutte giovani e provenienti da Olanda, Belgio e Germania. Nella lotta alla marijuana sono stati schierati una grande quantità di poliziotti del Paese, ma un portavoce della polizia nazionale dice: “ne verranno altri”. I danni dovuti all’introduzione del “pass” ci sono già, ma saranno probabilmente i primi di una lunga serie.

Il video di presentazione della Keshe Foundation (keshefoundation.org) che alcuni mesi fa aveva annunciato il rilascio delle tecnologie in grado di produrre free energy.

I precedenti articoli su Keshe Foundation:



di Primo Mastrantoni

Diminuisce il costo del petrolio ma aumenta quello della benzina. Miracoli? Sembra di si all'occhio del cittadino. Vediamo.

1. A luglio 2008 il costo del petrolio schizzava a 147 dollari il barile; la benzina verde costava 1,522 euro al litro.
2. A settembre 2012, oggi, il costo del petrolio e' di 97 dollari al barile; quello della benzina verde 1,890 euro al litro.

In 4 anni il costo del petrolio diminuisce del 34%, da 147 a 97 dollari, ma quello della benzina aumenta del 24%, da 1,522 a 1,890 euro. 

Come e' possibile che a una diminuzione consistente della materia prima (-34%) corrisponda un aumento del prodotto finale (+24%)? 
Una bella domanda che rivolgiamo al ministro allo Sviluppo Economico, Corrado Passera. Gia', ministro, come e' possibile questo miracolo?


fonte: aduc.it



Piero Pelù, ex voce dei Litfiba, parla di cultura a Firenze: "Renzi è un disastro".


di "GRUPPO MEDICO SANITA' IN RETE"

LETTERA APERTA

In risposta ai numerosi articoli pubblicati di recente sulle principali testate italiane, in cui il segretario di uno dei sindacati di MMG afferma con sicurezza che i medici di famiglia sono in grandissima maggioranza soddisfatti delle proposte contenute nel recente decreto Balduzzi, ed in riferimento all'apertura degli studi di Medicina Generale 24 h al giorno per 7 giorni su 7, vorremmo puntualizzare quanto segue.
E’ purtroppo ormai consuetudine della politica ricorrere per qualsiasi decisione allo strumento della decretazione, misura sostanzialmente deputata a risolvere le questioni d’urgenza e questo governo di tecnici , non eletto dai cittadini e quindi inserito in una dinamica che appare poco democratica sembra non fare eccezione. Riteniamo infatti che in una materia così importante come la riorganizzazione del SSN ed in particolare del suo cardine, ovvero la medicina di famiglia, sia necessaria una lunga e ponderata discussione in cui ognuna delle parti in causa sia chiamata ad esprimersi . Le riforme dall’alto, mascherate come urgenza ed inglobate in materia di spending review, non sono tollerabili in uno stato democratico, specie quando si ragiona della salute dei cittadini , principio sancito e tutelato dalla Costituzione. Dunque vi è già un clamoroso errore di partenza in questo decreto, del quale oltre la non democraticità , si vede ben poco anche l’utilità. L’impossibilità per qualsiasi essere umano di lavorare 24 ore su 24 rende obbligatoria, come previsto dal decreto stesso, l’aggregazione di numerosi medici , la quale associazione non solo appare impossibile in moltissime parti del nostro Paese, ma obbligherà i cittadini a veri e propri viaggi della speranza per raggiungere l’agognata struttura. Ma quando i trafelati cittadini giungeranno all’interno dello studio medico si accorgeranno con disappunto di non trovare il loro medico di fiducia e questo potrà loro succedere in futuro numerose volte , con il risultato che il loro medico di fiducia in pratica non esisterà più. Dunque la riforma mira sostanzialmente a modificare gravemente il rapporto fiduciario medico /paziente , trasformando l’antico e sempre amato medico della persona nel medico della struttura e il classico paziente nel proprio fascicolo elettronico.
mercoledì 12 settembre 2012

Commento di Gianni Lannes

Giochi proibiti d'estate, anzi aiuti finanziari. L'entrata in vigore del "comma 55" del Milleproroghe consente agli istituti in perdita di trasformare una parte delle attività per imposte anticipate in crediti d'imposta, da utilizzare acompensazione di tasse e ritenute fiscali. In questo modo le banche evitano di ricorrere alla liquidità. Il beneficio è stimabile in 2,6 miliardi di euro per i soli primi 5 istituti italiani. Un provvedimento che sembra fatto tagliato su misura per gli istituti di credito. Le banche italiane ringraziano sommessamente il governo eterodiretto di Monti Mario. L'italiano tipo non ci fa caso.


fonte: sulatestagiannilannes.blogspot.it




NESSUN MOVIMENTO POLITICO, SINDACALE, NESSUNO CHIEDE CHE LE MULTE SIANO IN BASE AL REDDITO, MA DOVREBBE ESSERE ASSOLUTAMENTE COSI'!!! 1.000€ per un lavoratore sono uno stipendio, per un calciatore, un grosso imprenditore sono poche ore di "lavoro"... SE PENSIAMO CHE IN ITALIA VENGONO ELEVATE 26.000 MULTE AL GIORNO (vedi http://www.nocensura.com/2012/09/multe-dati-e-curiosita-ma-vediamo-come.html) POTREBBE ESSERE UNA OTTIMA ENTRATA, E SOPRATUTTO RIPRISTINEREBBE L'UGUAGLIANZA E LA DEMOCRAZIA... la pena deve essere uguale per tutti, in questo modo non lo è. Per qualcuno è una stangata, per altri niente.

QUESTO DOVREBBE ESSERE UN CAVALLO DI BATTAGLIA DEI MOVIMENTI POPOLARI, insieme al TETTO MASSIMO per le pensioni, altro scandalo dove si potrebbe e dovrebbe intervenire subito: le proporzioni di questo scandalo sono scritte qui: http://www.nocensura.com/2012/08/la-pensione-piu-alta-ditalia-quella-di.html - Diminuire a 3.000-3.500€ le mega pensioni permetterebbe di reperire le risorse necessarie per aumentare sensibilmente le "minime" e dare fiato a chi oggi non arriva alla terza settimana, soldi che farebbero girare l'economia, sarebbero spesi, e non destinati ad accrescere il patrimonio personale di un privilegiato...


Staff Cose che nessuno ti dirà di nocensura.com





La cosa più grave in Italia sta nel fatto che TUTTI i partiti più importanti sono SUCCUBI-COMPLICI-SUDDITI dei POTERI FORTI DELLE BANCHE E DELL'ALTA FINANZA... 

Il centrosinistra da sempre fa gli interessi dell'élite: i dirigenti di spicco
 del PD da sempre partecipano ai meeting Bilderberg, e hanno candidato PRODI che è un "Monti in miniatura", sicuramente è meno apprezzato e meno influente, ma non dimentichiamoci che Prodi, come Monti, è stato Commissario europeo, membro della Trilaterale e del Bilderberg, hanno in comune anche molti legami con l'alta finanza USA... fino a pochi anni fa non ce ne rendevamo conto, non sapevamo nemmeno cosa fossero Bilderberg, Trilaterale e company, i mass media non ne parlano MAI, ed il web era molto meno diffuso. Blog di informazione libera ce ne erano molti meno, ed erano seguiti da una "nicchia" di lettori, mentre oggi grazie ai social network si sono fatti conoscere a più persone, e analizzando i fatti CHIUNQUE RAGIONA non può che rendersi conto di come ci hanno GABBATO e MANIPOLATO. CI AVEVANO CONVINTO CHE L'EURO FOSSE UN AFFARE, AL PUNTO DI DOVER FARE SACRIFICI E CARTE FALSE PER ENTRARCI...

Il "centrodestra", o meglio Berlusconi - perché nel PDL decide lui e tutti i colonnelli gli vanno dietro, purchè mantengano la loro posizione di prestigio e privilegio, invece ha meno legami con quei poteri: non che non ne abbia, ma sicuramente meno. Questo ovviamente non significa che cerchino di ostacolarlo, semplicemente ci si mettono d'accordo: esattamente come è successo quando hanno imposto Monti; le resistenze iniziali di Berlusconi caddero il giorno successivo a quando Mediaset perse il 10% in un solo giorno, al mercato azionario (controllato da quei poteri...) un bel monito per Berlusconi, che cambiò radicalmente linea, e da li in poi ha avallato tutte le scelte di Monti. Qualcuno si illuse che "Berlusconi finalmente avrebbe pagato", ma non sembra aver avuto alcun problema: continua ad utilizzare il "legittimo impedimento" adducendo ad incontri politici, ha mantenuto la maxi scorta di 40 poliziotti pagata dallo stato (http://www.nocensura.com/2012/08/la-scorta-di-40-poliziotti-per-il.html) e continua a dettare condizioni.

Il prossimo premier? MOLTO PROBABILMENTE SARA' RENZI... vediamo perché.

RENZI vincerà le primarie: questo perché oltre ad essere votato dai sostenitori del PD, sarà votato anche da molti del PDL: persino CONSIGLIERI COMUNALI PDL si sono apertamente schierati a spada tratta a favore di Renzi (vedi http://www.nocensura.com/2012/09/renzi-diventera-leader-del-pd-grazie-ai.html)

NON DIMENTICHIAMOCI il dossier che circolava qualche mese fa in ambienti berlusconiani, divulgato da l'Espresso, secondo il quale BERLUSCONI avrebbe sostenuto la candidatura di Renzi a premier, ovviamente sottobanco (vedi http://www.nocensura.com/2012/06/altro-che-jerry-scotti-premier.html).

Berlusconi si lamentava del fatto che i "colonnelli" del PDL siano troppo legati alla propria posizione per "mollare" e consentire un rinnovamento del partito... che non ci sarà: il simbolo del PDL sarà utilizzato per raccogliere i pochi voti rimasti (si parla di un 15-18%, la metà di quanti ne raccoglieva quando era il primo partito) che consentiranno però di tenere buoni i "colonnelli" berlusconiani, che saranno eletti in parlamento dove faranno, nella migliore delle ipotesi, una opposizione DEBOLE e di FACCIATA, mentre il leader Berlusconi si gode la tranquillità di essersi accordato con i vincitori del centrosinistra per garantirsi IMPUNITA' dal punto di vista giudiziario e che nessuno tocchi i propri interessi...(come la concessione delle frequenze tv a mediaset in cambio di un misero 1% dei ricavi, una vera e propria elemosina)

Renzi ha già dichiarato che se vincerà lui, "chiederà a Monti di restare"... l'uomo di Goldman sachs potrebbe esser eletto (dal parlamento ovviamente) addirittura al Colle, dove sostituirebbe Napolitano, che da tempo lavora per questo scopo. (vedi http://www.nocensura.com/2012/09/il-piano-per-tenere-monti-dargli-le.html) In alternativa, o meglio "in caso di disguidi", Monti potrebbe guidare il Ministero delle Finanze.

Renzi ha dichiarato recentemente che "per fermare Grillo basta ridurre il numero dei parlamentari ed il finanziamento pubblico ai partiti" e probabilmente sarà una delle prime misure che attuerà una volta investito della nomina a premier: PER QUESTO SI GUADAGNERA' APPLAUSI, pochi capiranno che l'opinione pubblica è stata condotta DOVE IL SISTEMA DESIDERAVA: PROPRIO COSI'!

PERCHE' ridurre i parlamentari era uno dei principali obiettivi della P2 in quanto concentra il potere nelle mani di meno persone, aumenta l'influenza dei "capibastone" ed il parlamento diventa "più gestibile", ci saranno meno "dissidenti" in vista di eventuali voti importanti. (vedi http://www.nocensura.com/2012/03/riduzione-del-numero-dei-parlamentari.html)

ELIMINARE IL FINANZIAMENTO PUBBLICO stabilirà invece che SOLO I RICCHI ED I POTENTI POSSANO FARE POLITICA: ci sono sempre più cittadini scontenti, e la paura del sistema è quella che questi si organizzino e facciano un VERO PARTITO CON LE PALLE. Se succederà, non avendo risorse economiche, resterà sempre un "movimento di nicchia", poichè censurato dai mass media gestiti dai potenti e senza il finanziamento pubblico e dei POTENTI (Vedi i soldi che Riva ha dato ai partiti) non potrà crescere. Al massimo potrà fare un'opposizione debole, non certo scardinare il sistema.

Per questo motivo, accusiamo anche Beppe Grillo DI NON VOLER MORDERE VERAMENTE IL SISTEMA: rifiutando il finanziamento ai partiti, non potrà mai competere con i grandi partiti miliardari dei poteri forti, che possiedono un esercito di "pennivendoli" pronti a dire fischi per fiaschi alla gente.

SE IL FINANZIAMENTO PUBBLICO - CHE I PARTITI LADRI USANO PER SPESE ASSURDE - FOSSE UTILIZZATO IN MODO GIUSTO, NON SAREBBE UNO SPRECO.

PER ESEMPIO, VISTO CHE IN ITALIA - come dice anche Grillo - I MASS MEDIA SONO ASSERVITI, I SOLDI POTREBBERO ESSERE UTILIZZATI PER CREARE UNA TV O UN GIORNALE "CON LE PALLE", ASSUMENDO GIOVANI GIORNALISTI IN TUTTA ITALIA, E DANDO LORO LA POSSIBILITA' DI FARE VERA INFORMAZIONE E NON PUBBLICARE CIO' CHE CONVIENE IN BASE AI CONTRATTI PUBBLICITARI...


Staff nocensura.com


PS: Come mai i mass media (di centrosinistra ma anche di centrodestra) non danno mai risalto alle "debacle" e gli "scandali" (come la condanna della Corte dei Conti) del sindaco di Firenze, ma una piccola convention come "Prossima fermata Italia" diventa un evento nazionale da dibattere in tutti i salotti TV?

RENZI: UNA RACCOLTA DI ARTICOLI SU DI LUI
http://www.nocensura.com/search/label/renzi




A cura di Francesca Tavanti - collaboratrice di Nocensura.com

Aggiornamento 02/12/2012: Leggi anche l'articolo La colossale ingiustizia delle multe di cui non parla nessuno (nemmeno i cittadini...)
- - - - - - -

Prima le notizie serie: vediamo come vengono spesi dai comuni i soldi ricavati dalle multe. A seguire, un po' di dati e "gossip" sulle multe...

Come vengono spesi i soldi delle multe?
Dall'elaborazione di Ricerche e Studi per il Territorio, si scopre che i 15 maggiori centri utilizzano le multe per interventi di spesa corrente come la manutenzione della strada e il trasporto pubblico. Investimenti che non eliminano il fattore di rischio sulla strada.


Potete consultare su Google Docs il documento "Le sanzioni per trasgressioni al codice della strada e la spesa in sicurezza stradale. Riferimenti nazionali e quadro dettagliato di 15 grandi città." pubblicato da l'Espresso. Ricerca effettuata da "RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO srl" 


Clicca QUI per visualizzare il documento

Ogni giorno in Italia vengono elevate 26.000 contravvenzioni. Nei Capoluoghi di Provincia italiani, vengono redatte quasi dieci milioni di multe l’anno: più di 26mila multe al giorno; 1.087 l’ora; 18 ogni minuto. Questi i dati davvero sconvolgenti che l’ACI ha diramato denunciando per l’ennesima volta la necessità di norme e controlli che siano meno repressivi, più votati alla prevenzione e più attenti alla sicurezza del cittadino piuttosto che volti ad alleggerire il suo portafoglio.





































Vi presentiamo una interessante tabella presa da acrossthestreet.com:

Trovate come sono cambiati alcuni indicatori negli ultimi 11 anni dopo l’attentato alle torri gemelle in termini di variazioni percentuali.

Buona Lettura

fonte: rischiocalcolato.it




Da quando Monti ha sostenuto di “aver visto la luce in fondo al tunnel”, non c’è categoria professionale che non lo sbugiardi con numeri, studi, previsioni e – in conclusione – finisca col sostenere che anche l’anno prossimo sarà peggio di quello in corso.
Così, per l’Italia il 2013 sarà ”il sesto anno negativo”, secondo le previsioni del rapporto Confesercenti-Ref. Con il calo del Pil del 2,3% nel 2012 e dello 0,4% nel 2013, avremo perso dall’inizio della crisi il 7% del prodotto interno lordo, il 23% degli investimenti e il 3% degli occupati, pari a 800 mila persone.
Secondo l’associazione, per i lavoratori autonomi la contrazione occupazionale continuerà a essere ”molto piu’ forte” che nel lavoro dipendente. Nel 2011 c’erano oltre 100 mila microimprese in meno rispetto al 2008.
La Confesercenti rileva che anche i consumi continueranno a calare, del 2,3% quest’anno e dello 0,9% il prossimo mentre il tasso di disoccupazione salirà al 10,2% nel 2012 e all’11,1% nel 2013. Un segnale positivo per ”invertire questa tendenza”, afferma il presidente Marco Venturi, e’ nell’avanzo primario intorno al 6% al netto degli interessi. ”Bisogna andare avanti con una spending review ancora piu’ decisa e coraggiosa – aggiunge Venturi – per liberare risorse per far ripartire investimenti, occupazione e consumi”.

La Corte Costituzionale Tedesca ha approvato l’ESM ma con un limite: 190mld di euro (per la Germania) ovvero quanto già stanziato dal Bundestag. Per superare detto limite il Bundestag dovrà riunirsi e approvare nuovi aumenti.
In altre parole la Corte Costituzionale Tedesca ha giudicato incostituzionale un meccanismo che preveda un mandato a finanziare illimitatamente l’ESM, gli aumenti di dotazione del fondo DOVRANNO essere approvati passo passo dal parlamento tedesco.
Quindi signore e signori salutiamo il GEDC: Il German EURO Debt Ceilingufficialmente posto a 190mld di euro.

Comunicazione Non Verbale
Cos'è con precisione il linguaggio del corpo, conosciuto anche come comunicazione non verbale? Il linguaggio del corpo consiste nello scambio comunicativo tra due o più soggetti che non include l'uso delle parole ed il loro significato ma che utilizza una comunicazione non parlata che riguarda appunto il linguaggio del corpo.
Anche se molto spesso non ce ne rendiamo conto, tutti noi, nella vita di ogni giorno, utilizziamo il linguaggio del corpo in percentuali di una certa consistenza. Gli studi condotti in questo campo hanno dimostrato che circa il 60 % delle informazioni che diffondiamo verso i nostri interlocutori provengono dal nostro corpo: gesti, mimica, espressione del viso, postura, tono della voce e moltissimi altri particolari ancora sono in grado di fornire molte informazioni sul nostro modo di essere.
Basti pensare che la voce veicola solamente il 40 % circa delle informazioni e di questo quaranta solo il 7% è affidato al significato delle parole; la restante percentuale del 33%, tono della voce, ritmo, frequenza, pause, volume fornisce più informazioni che le parole stesse. È per questi motivi che bisognerebbe fare maggiore attenzione al linguaggio del corpo ed ai suoi messaggi; si potrebbero comprendere molto meglio le persone con cui ci si trova a relazionarsi.

Di Ferdinando Imposimato
Gli attentati dell'11/9 sono stati un'operazione globale di terrorismo di Stato consentita dall'amministrazione degli USA, che sapeva già dell’azione ma è rimasta intenzionalmente non reattiva al fine di fare la guerra contro l'Afghanistan e l'Iraq. Per dirla in breve, gli eventi dell'11/9 erano un caso di Strategia della Tensione messa in atto dai poteri politici ed economici negli Stati Uniti per perseguire vantaggi in capo all'industria petrolifera e delle armi.
Anche l'Italia è stata una vittima della "Strategia della Tensione" della CIA, attuata in Italia dai tempi della strage di Portella della Ginestra, in Sicilia, nel 1947, fino al 1993.
Ci sono molte prove di una tale strategia, sia circostanziali che scientifiche. Le relazioni del National Institute of Standards and Technology (NIST), del 20 novembre 2005, hanno sancito le conclusioni di seguito esposte.
Gli aerei che hanno colpito ciascuna delle torri gemelle hanno causato tanto una breccia quanto un'esplosione evidenziata da una gigantesca palla di fuoco. Il carburante rimanente fluiva verso i piani inferiori, alimentando gli incendi. Il calore degli incendi deformava le strutture degli edifici così che entrambe le torri sono crollate completamente da cima a fondo. Molto poco è rimasto di quanto era di qualsiasi dimensione dopo questi eventi, a parte i frammenti in acciaio e in alluminio e i detriti polverizzati provenienti dai pavimenti in cemento. Anche l’edificio 7 del World Trade Center crollò: lo fece in un modo che risultava in contrasto con l'esperienza comune degli ingegneri.
Il rapporto finale del NIST ha affermato che gli attacchi aerei contro le torri gemelle erano la causa dei crolli per tutti e tre gli edifici: WTC1, WTC2 e WTC7.
Tutti e tre gli edifici sono crollati completamente, ma l'edificio 7 non fu colpito da un aereo. Il crollo totale del WTC7 ha violato l'esperienza comune ed era senza precedenti.
Dopo il contratto milionario che ha sottoscritto Amanda Knox, ora la ribalta mediatica tocca a Raffaele Sollecito, che volerà negli Stati Uniti per presentare un libro che finirà nelle librerie di tutta Europa e USA... 

Di seguito l'articolo di rainews24:

Sollecito e Knox
Raffaele Sollecito, che insieme ad Amanda Knox è stato accusato e condannato in primo grado per l'omicidio di Meredith Kercher prima di essere assolto in secondo grado, ha scritto un libro, 'Honor bound' che uscirà negli Stati Uniti il 18 settembre. Associated Press l'ha letto e ne rivela i contenuti. 

Sulla notte dell'omicidio Sollecito ammette di ricordarsi poco poiché lui e Amanda avevano fumato marijuana. Vi si raccontano le incomprensioni tra i due, l'effetto che gli fecero i ritratti confezionati dai tabloid. E poi Amanda che diventa 'Knoxy Foxy' dopo aver acquistato biancheria intima dopo l'uccisione dell'amica. Ricorda Sollecito di quando l'accarezzò e si baciarono, ignari che le telecamere dei notiziari televisivi li stessero riprendendo dall'altra parte della strada.

Anche Amanda Knox sta scrivendo un libro, che uscirà la prossima primavera. Ha firmato un accordo con HarperCollins per 4 milioni di dollari. Sollecito critica spesso la polizia per la gestione del caso, e secondo lui la vicenda si spiega con un furto andato male commesso da Rudy Guede, il terzo imputato condannato dopo aver patteggiato. 


ALTRO CHE ELIMINARE I NOTAI.... IL PD LI PORTA IN PARLAMENTO, oltretutto avrebbe sottratto alle grinfie dell'Erario una parte delle parcelle... (vedi http://bit.ly/Qkbg3H)

PS: grazie al governo Monti, che ha eliminato la "tariffa massima", i notai guadagnano ANCORA DI PIU'... altro che "liberalizzazioni"... (vedi http://bit.ly/IwJLCp)


Ieri a Bengasi è stata presa d'assalto la Rappresentanza diplomatica USA, ed è stato ucciso l'Ambasciatore americano: un fatto che Obama ha definito "gravissimo" e che potrebbe avere conseguenze. L'attentato pare sia stato rivendicato (alle solite) da Al-Quaida...


di seguito l'articolo de "Il Fatto Quotidiano":

Ieri sera un gruppo di manifestanti ha assaltato il compound che ospita la rappresentanza americana. Uccisi anche un secondo funzionario e due marines. Smentita l'ipotesi che la protesta sia legata a "L'innocenza dei musulmani", film considerato "blasfemo" che già ieri aveva scatenato le proteste di migliaia di egiziani al Cairo. Rivendicazione dei siti qaedisti: "Vendetta per uccisione numero due Abu al-Libi"

La sede diplomatica degli Stati Uniti a Bengasi, in Libia, è stata attaccata ieri sera da un gruppo di manifestanti. Nell’attacco sono rimasti uccisi l’ambasciatore americano in Libia Chris Stevens, insieme a un altro funzionario dell’intelligence Usa e due marines. L’ambasciata Usa a Tripoli ha organizzato il rimpatrio delle salme e l’evacuazione di tutto lo staff del consolato, composto da 35 persone, che sarà probabilmente trasferito a Tripoli. Alcune fonti sostengono che le vittime potrebbero arrivare anche a 13 e tra questi ci sarebbero anche alcuni autori dell’attentato. Ma le notizie sono contrastanti sul punto. L’ambasciatore Stevens è morto dopo 90 minuti di tentativi di rianimarlo, non presentava ferite ed è morto per asfissia, secondo quanto riferito dal medico che lo ha soccorso ad alcuni giornali locali.
L’attacco, inizialmente attribuito alle proteste contro il film “L’innocenza dei Musulmani”, il cui trailer, diffuso su youtube, aveva già scatenato le proteste in Egitto, è stato rivendicato questa mattina da alcuni siti Qaedisti come ”una reazione della milizia Ansar Al-Sharia alla conferma della morte di Abu al-Libi“, numero 2 di Al Qaida, arrivata ieri da Ayman al Zawahiri. Il 5 giugno gli Usa avevano confermato la morte e la stessa sera una bomba era esplosa proprio alla sede Usa a Bengasi.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi