Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 16 giugno 2012


Gasparri scrive ai vigili romani per chiedere l'annullamento delle numerose multe dovute al mancato rinnovo del pass necessario ai residenti per circolare in auto nel centro storico. Lo fa in qualità di senatore e motivando il tutto dicendo che "l'autovettura oggetto della contravvenzione era sprovvista dell'autorizzazione al transito, che non mi è stato possibile rinnovare tempestivamente a causa di continui e ripetuti impegni in diverse parti d'Italia correlati al mio mandato istituzionale".

Per il troppo lavoro il povero Gasparri non ha potuto rinnovare il pass e quindi chiede di essere esentato dal pagamento delle multe, mentre i fortunati che non lavorano o che lavorano troppo poco dovranno pagare le multe come i comuni mortali. Nell'illuminata logica Gasparriana il ragionamento non fa una piega.




fonte




Lo ammetto. Con la sua faccia da buon salumiere di quartiere mi aveva convinto. Ero giovane e sprovveduto, nei confronti delle istituzioni avevo quella fiducia reverenziale che fin da piccoli ci insegnano ad avere, e non avrei mai pensato che l'Europa unita fosse la più colossale trappola dal '45 ad oggi. Non solo non sapevo che fosse membro del Bilderberg, ma ignoravo persino l'esistenza stessa di tale organizzazione. Frequentavo poco il web, e le uniche fonti di informazione che mi arrivavano erano i TG e di tanto in tanto, i quotidiani... e pensare che Prodi il TASSASSINO, impose persino l'eurotassa per entrare nell'Europa: tassa che gli italiani accettarono di buon grado, sembrava un sacrificio accettabile di fronte ai grandissimi benefici che avremmo avuto con l'Europa Unita, con la moneta unica... "quando andremo all'estero non ci sarà più da cambiare le Lire"... problema che oggi si pongono in pochi, visto che è difficile arrivare a fine mese, figuriamoci andare all'estero...

Alessandro Raffa per Nocensura.com



Sembrava il clichè di una delle tante favole che si raccontano ai bambini, dove c'è il personaggio buono e quello cattivo, la perenne lotta tra il bene e il male. Purtroppo, o per fortuna, non è così che funzionano le cose nella moderna favola della colesterolofobia: il colesterolo “buono” non esiste, alzarne i livelli, anche artificialmente, non protegge dall'infarto, così recita impietosamente la conclusione di un recente studio.

Uno dei capisaldi della teoria lipidica vacilla, teoria già abbondantemente messa in discussione da troppe eccezioni per essere minimamente credibile.

Dalle dichiarazioni dei ricercatori traspare tutta la confusione e l'incertezza che la scienza medica ha sull'argomento “ colesterolo”: "In ogni caso - conclude il direttore scientifico del Policlinico - non c'è solo il colesterolo a mettere in pericolo il cuore, ma una serie di fattori di rischio, come ad esempio il fumo di sigaretta. Tanto è vero che chi ha il colesterolo basso può comunque sviluppare un infarto, mentre ci sono persone che, nonostante abbiano valori 'alle stelle', sono al riparo da attacchi di cuore"(1).
"Il costo della ricapitalizzazione delle banche insolventi o le acquisizioni di banche solvibili ma in perdita ricadrà sui cittadini spagnoli". - Karl Whelan, economista del University College di Dublino.

Prima di approvare il salvataggio di 100 miliardi di euro per la Spagna, i ministri delle finanze avrebbero dovuto porsi una domanda: Ma questo sarà un aiuto vero? 

Certo, terremo i mercati sulla corda fino a metà settimana, almeno fino a quando la paura delle elezioni greche li sosterrà, (17 giugno), ma questo è tutto. Non risolverà certo i problemi di fondo della zona euro, infatti, non hanno nemmeno provato ad affrontarli. Il vero scopo di questo “salvataggio” è quello di sostenere le banche insolventi e puntellarle per evitare un'altra catastrofe, tipo quella di Lehman Brothers. Tutto qui.
In altre parole, i 100 miliardi non aumenteranno la competitività, né stimoleranno la crescita, non ridurranno la disoccupazione e non aumenteranno l'integrazione fiscale e politica . Non succederà niente di tutto ciò, infatti il debito-PIL spagnolo si gonfierà ancora di più con il costo dei nuovi accordi presi dai suoi leader. Questo significa, che le persone che lavorano in Spagna dovranno sopportare condizioni ancora più dure per un periodo di tempo ancora più lungo per ripagare i nuovi debiti assunti da Madrid. Ma che aiuto sarebbe?
Immagine d'archivio (Gruppo Equitalia)
A cura dell’Avvocato Eugenio Gargiulo del Foro di Foggia

La Cassazione ha stabilito che il contribuente ha diritto ad ottenere il risarcimento del danno morale, da parte di Equitalia, nell’ipotesi in cui abbia subito dalla stessa un pignoramento illegittimo. Gli ermellini della Suprema Corte di Cassazione ,terza sezione civile, con la recente sentenza n. 9445 dell’11 giugno 2012, accogliendo il ricorso di un avvocato sottoposto ad un pignoramento mobiliare illegittimo, presso il proprio studio legale (in quanto aveva vinto la causa contro il fisco), hanno così affermato il principio di diritto secondo cui, ove il concessionario non abbia preso atto dell’avvenuta estinzione del debito, come nel caso di specie, il ristoro del danno morale sofferto scatta in maniera automatica, poiché la condotta integra in astratto reato di omissione di atti d’ufficio, ex art. 328, secondo comma, cod. penale.


Nello specifico, l’evento dedotto a fondamento della domanda di risarcimento del danno morale, è “la mancata interruzione, da parte del Comune di Roma e del Concessionario del servizio di riscossione, della procedura volta al recupero del credito, dopo l’emanazione della sentenza che lo aveva disconosciuto“, nonostante la comunicazione della sentenza ai soggetti interessati, e in mancanza di risposta degli stessi alla richiesta di provvedere all’interruzione del procedimento. E’ proprio a fronte di un simile comportamento del Comune e del Concessionario, che si ipotizza la fattispecie di reato prevista dall’art. 328, secondo comma, cod. pen.
Editoriale di nocensura.com

Non credo che nessuno possa scandalizzarsi se per una volta lascio da parte la netiquette e lo dico in modo esplicito: siamo nella merda. La disoccupazione dilaga tra i giovani e avanza anche tra gli adulti: ne sanno qualcosa  i 390.000 esodati della Fornero. Il costo della vita e la pressione fiscale aumentano a livelli ormai insostenibili e di contro i redditi diminuiscono: i problemi che sta attraversando il nostro paese li conosciamo bene tutti, evito di elencarli perché sarebbe ripetersi, e prospettive di miglioramento, sembra essercene ben poche.

Ci hanno fatto due coglioni come noci di cocco dicendo che dovevamo "salvare l'Italia", ci hanno chiesto "sacrifici" e ora per sanare il debito pubblico vogliono addirittura depredarci della riserva aurea. Ma a guardare bene qui stiamo salvando tutti meno che l'Italia, che sprofonda sempre più nel baratro. La cosa assurda è che nonostante l'Italia sia allo sfascio, continua a versare miliardi e miliardi per salvare le banche altrui, soldi che si sommano ai miliardi spesi nell'ultimo decennio per finanziare "missioni di pace" o meglio le guerre che non abbiamo voluto e che sono servite solo a coltivare gli interessi di poche lobby.

Ora dobbiamo tirare fuori anche 20 miliardi per salvare le banche spagnole.  Mentre qualcuno in patria continua ad alimentare divisioni e tensioni tra nord e sud del paese, i nostri soldi volano oltreconfine. Se sommiamo i soldi che verseremo alla Spagna - sul quale pagheremo il 7% di interessi per prestarli alla Spagna al 3% - a quelli versati fino ad oggi ad altre nazioni, ci troviamo davanti a un vero e proprio tesoretto.

Per illustrare la situazione riporto di seguito uno stralcio di un articolo pubblicato da Stefania Tamburello sul "Corriere della Sera":

Nel 2010 il sostegno ai Paesi in difficoltà è costato all'Italia 3,9 miliardi, lo 0,3% del Pil. Nel 2011 la somma degli esborsi è salita a 9,2 miliardi (lo 0,6% del Pil) di cui 3,2 miliardi, 1,6 ciascuno, per gli aiuti a Irlanda e Portogallo erogati tramite il Fondo salva Stati europeo (Efsf-European Financial Stability Facility) ed il resto, 6,1 miliardi di prestiti diretti alla Grecia. Nel 2012 il governo stima di concedere finanziamenti complessivi in favore di Grecia, Irlanda e Portogallo per 29,5 miliardi che saranno sempre erogati dall'Efsf. In più bisogna conteggiare i versamenti per la sottoscrizione della quota italiana al capitale dell'Esm, (l'European Stability Mechanism), il meccanismo permanente destinato a sostituire il vecchio Fondo salva Stati. Si tratta di circa 5,6 miliardi da versare in due rate. C'è da vedere, a questo punto, se i 100 miliardi di aiuti alle banche spagnole richiederanno un nuovo intervento, appesantendo il conto dell'Italia. Stando all'ipotesi su cui a Bruxelles e Madrid si sta lavorando, non dovrebbe, perché il finanziamento verrebbe dato a valere sul nuovo Esm che dovrebbe partire in luglio. Diversamente sarebbe se invece a scattare fossero ancora le regole dell'Efsf, perché si richiederebbe all'Italia un contributo aggiuntivo pari al 19,8% dei 100 miliardi. In ogni caso il calcolo è già salato così, 48,2 miliardi di euro di esborsi entro il 2012 senza contare quindi le altre tre rate di versamenti pro-quota del capitale dell'Esm entro la metà del 2014."

Se poi consideriamo che l'adesione al MES Meccanismo Europeo di Stabilità ci costerà 125 miliardi, c'è da mettersi le mani nei capelli: senza contare che l'organo sovranazionale in questione è una trappola, una vera e propria dittatura economica che potrà esigere dagli stati membri qualsiasi somma...

Alessandro Raffa per nocensura.com


di Marcello Foa


Sarò all’antica, ma non riesco a capire la logica degli aiuti o forse la capisco fin troppo bene. Li chiamano aiuti, ma in realtà sono un cappio al collo di chi li riceve, secondo un meccanismo che gli economisti senza paraocchi hanno illustrato da tempo. Storia vecchia, considerato che il debito rappresenta la formula più efficace di dominazione. Chi si indebita e non è sorretto da ingenti risorse proprie, perde la propria libertà. Vale per i privati, per la aziende e per gli Stati.
I perversi meccanismi europei del cosiddetto Fondo Salva Stati (Esf) hanno però introdotto una variante diabolica: strangolano anche chi aiuta. Quel fondo prevede infatti che tutti gli Stati provvedano al suo sostentamento. Giusto, in teoria, ma gli effetti pratici sono paradossali. L’Europa ha iniziato elargendo miliardi a Grecia e Portogallo, i quali sono stati finanziati anche da Spagna e Italia ovvero da due Paesi a rischio. Ora tocca alla Spagna, che naturalmente non finanzia; tocca agli altri. Il risultato è stato illustrato da Stefania Tamburello in questo ottimo articolo dal quale risulta che nel 2012 l’Italia avrà pagato in aiuti ben 48 miliardi di euro.
Dunque da un lato Bruxelles e il suo fedele interprete Mario Monti dissanguano il Paese in nome del rigore, dall’altro si aprono nei nostri contri pubblici ulteriori voragini per… salvare chi sta peggio di noi. L’epilogo è scontato: tra la recessione in arrivo ed esborsi di questa entità entro breve anche l’Italia arriverà al capolinea, come dimostrano i movimenti dei mercati finanziari di queste ore.
Che gran risultato…. e senza alcuna prospettiva futura. Stanno portando l’Europa alla schiavitù….





fonte: blog.ilgiornale.it/foa




Chiunque visita una qualsiasi pagina di Wikipedia Italia visualizza il seguente messaggio: ci associamo alla preoccupazione espressa da Wikipedia contro la censura del web e contro una legge che di fatto IMPEDIREBBE di fare LIBERA INFORMAZIONE. Riprendendo un articolo pubblicato nel Gennaio scorso, leggi cosa potrebbe comportare.

L'appello di Wikipedia Italia:

Gentile lettrice, gentile lettore,
il comma 29 del disegno di legge in materia di intercettazioni telefoniche, telematiche e ambientali (rif.) - se approvato dal Parlamento italiano - imporrebbe ad ogni sito web, a pena di pesanti sanzioni, di rettificare i propri contenuti dietro semplice richiesta di chi li ritenesse lesivi della propria immagine.
Wikipedia riconosce il diritto alla tutela della reputazione di ognuno - già sancito dall'articolo 595 del Codice Penale italiano - ma con l'approvazione di questa norma sarebbe obbligata ad alterare i contenuti delle proprie voci indipendentemente dalla loro veridicità, anche a dispetto delle fonti presenti e senza possibilità di ulteriori modifiche. Un simile obbligo costituirebbe una limitazione inaccettabile all'autonomia di Wikipedia, snaturandone i principi fondamentali.
Wikipedia è la più grande opera collettiva della storia del genere umano, in continua crescita da undici anni grazie al contributo quotidiano di oltre 15 milioni di volontari sparsi in tutto il mondo. Le oltre 930 000 voci dell'edizione in lingua italiana ricevono 16 milioni di visite ogni giorno, ma questa norma potrebbe oscurarle per sempre.
L'Enciclopedia è patrimonio di tutti. Non permettere che scompaia.



venerdì 15 giugno 2012

Ieri sera a "Mistero" su Italia 1, la rubrica di "Adam Kadmon" ha parlato del "MES", il cosiddetto "Meccanismo Europeo di Stabilità" (in inglese ESM, "European Stability Mechanism").

La rubrica di Adam Kadmon su Mistero è votata al "sensazionalismo" televisivo, spesso illustra teorie fantasiose, votate al complottismo più incredibile, talvolta parte da questioni con una base di verità, "ricamandoci" sopra ipotesi fantasiose, producendo talvolta l'effetto di minare (volutamente?) la credibilità di questioni serie. Ma il servizio dedicato al "MES" ha illustrato la questione davvero fedelmente, senza alcuna esagerazione, anche se chi non conosce il trattato può pensare il contrario, visto il contenuto del trattato del MES, che NON HA NIENTE A CHE FARE CON LE NORMALI REGOLE DEMOCRATICHE.

IL SERVIZIO DI "ADAM KADMON" A "MISTERO" (ITALIA1) DEDICATO AL "MES"

Del MES negli ultimi mesi ne abbiamo parlato molto spesso, e continuiamo a pubblicare tutti gli aggiornamenti del caso: nonostante ciò, diversi utenti dopo la puntata di Mistero di ieri sera ci hanno scritto, chiedendoci lumi sulla questione. Vi riproponiamo pertanto gli articoli pubblicati in precedenza, che sono numerosi:


*Aggiornamento, 21 Luglio 2012: Abbiamo integrato la lista degli articoli con quelli pubblicati recentemente.

    APPROFONDIMENTI SUL MES:

    "Se il MES non convince i tedeschi che ci guadagnano, figuriamoci gli italiani che ci rimettono!" - http://www.nocensura.com/2012/07/se-il-mes-non-convince-i-tedeschi-che.html

    "Tutto secondo copione: la Camera ha dato il via libera al MES e al Fiscal compact"
    http://www.nocensura.com/2012/07/tutto-secondo-copione-la-camera-ha-dato.html

    "Il senato ha ratificato il Trattato del MES e fiscal compact nel solito silenzio generale."
    http://www.nocensura.com/2012/07/il-senato-ha-ratificato-il-trattato-del.html

    "Quello che devi sapere sul "MES" e le altre leggi dittatoriali dell'Unione Europea"
    http://www.nocensura.com/2012/06/quello-che-devi-sapere-sul-mes-e-le.html

    "Perché il "MES" non è un "patto di stabilità" qualsiasi ma una dittatura" 
    http://www.nocensura.com/2012/03/perche-il-mes-non-e-un-patto-di.html

    "IL VERO OBIETTIVO DI MONTI: trovare 125 miliardi di euro per aderire al MES"
    http://www.nocensura.com/2011/12/esclusivo-ecco-il-vero-obiettivo-di.html

    "Il MES, un organo sovranazionale al di sopra delle leggi e di qualsiasi controllo democratico"
    http://www.nocensura.com/2011/12/il-mes-un-organo-sovranazionale-al-di.html

    "La disponibilità iniziale del MES è stata aumentata da 700 a 800 miliardi di euro"
    http://www.nocensura.com/2012/04/gli-eurocrati-hanno-alzato-la.html


    FISCAL COMPACT:


    "Il fiscal compact, il più monotono caso di suicidio mai conosciuto nella Storia?"
    http://www.nocensura.com/2012/03/il-fiscal-compact-il-piu-monotono-caso.html

    "La mazzata finale alla sovranità nazionale: il "fiscal compact" - di Paolo Barnard"
    http://www.nocensura.com/2012/02/la-mazzata-finale-alla-sovranita.html



    Il testo del trattato che istituisce il "MES", rilasciato in lingua italiana solo recentemente (fino a qualche settimana fa era disponibile solo in inglese, nonostante la stragrande maggioranza dei cittadini dell'UE parlino altre lingue) lo potete scaricare, direttamente dal sito del Consiglio dell'Unione Europea, in formato PDF al seguente indirizzo:
    http://www.european-council.europa.eu/media/582889/08-tesm2.it12.pdf

    MES - il "Meccanismo Europeo di Stabilità"
    Adam Kadmon ha fatto riferimento anche al "Trattato di Lisbona" ratificato in gran silenzio da Prodi e D'Alema (con l'assoluto silenzio dell'opposizione, che alle solite si scalda per le "piccolezze" e tace per le cose importanti...) per conoscerlo, vi consigliamo la lettura di questo articolo di Paolo Barnard. Un'altra super-porcata europea prontamente avallata dai nostri governanti è l'istituzione di Eurogendfor, il super corpo di polizia europea con poteri praticamente illimitati: per saperne di più, leggete questo articolo e guardate il video che vi proponiamo di seguito...
    Se avete preso visione del materiale proposto e non ne sapevate niente, probabilmente siete increduli: purtroppo le cose sono come descritte nel materiale che vi abbiamo proposto, e vi invitiamo ad approfondire la questione su altri siti web per trovarne conferma... 
    Un'altra cosa che molti cittadini non sanno, è il fatto che il potere legislativo in Europa, non è in mano all'Europarlamento, ma al Consiglio dell'UE composto a personaggi NON ELETTI, non legittimati dal voto popolare, come il Presidente Herman Van Rompuy,  che decide delle vite di 500 milioni di persone e non solo non è eletto: ma è persino SCONOSCIUTO alla maggioranza dei cittadini, anzi: dei SUDDITI quali siamo... 
    Quando definiamo l'UE una DITTATURA, esageriamo?
    L'Unione Europea - così come la banca centrale della stessa, la BCE - è nelle mani del "gruppo Bilderberg", della "Commissione Trilaterale" e di altre associazioni di stampo massonico, espressione dei poteri forti dell'alta finanza, che nominano gli uomini che comandano il mondo: in alcuni casi "costruiscono" con i mass media - di cui hanno il totale controllo - i personaggi che poi noi votiamo, in altri invece li decidano direttamente, come avviene in Europa. Non è un caso che Mario Monti, ex Commissario UE, siamo uomo del Bilderberg e della Trilaterale... se la questione ti interessa e vuoi saperne di più leggi il recente editoriale L'ITALIA VITTIMA DI UN COMPLOTTO E LE PROVE CHE MONTI è COMPLICE Alessandro Raffa per nocensura.com
    Immagine di repertorio

    Di Rino Giancalone
    Nello scorso gennaio, Fabio Gulotta, 22 anni, investì con la sua Bmw la Fiat 600 guidata da Baldassarre Quinci, che attraversava un incrocio a Campobello di Mazara. Nello schianto, causato dall'ubriachezza di Gulotta, morirono la moglie e i figli di Quinci, che si suicidò sei mesi dopo, poco dopo la dimissione dall'ospedale. Il gup ha concesso il patteggiamento, riducendo la pena - sospesa - a due anni
    Il 15 gennaio dell’anno scorso in piena notte la folle corsa con la sua auto, una Bmw, che superò un incrocio di Campobello di Mazara prendendo in pieno un’altra autovettura, una Fiat 600, che superava lo stesso crocevia, sbalzandola di diversi metri. Morirono tre dei quattro occupanti dell’utilitaria: Lidia Mangiaracina, 37 anni, e i suoi due figli, Martina e Vito di 12 e 10 anni. Gravemente ferito restò il marito e il padre delle vittime, il maresciallo dell’aeronautica Baldassare Quinci di 43 anni. Si uccise sei mesi dopo l’incidente, poche settimane dopo essere stato dimesso dall’ospedale, dopo avere saputo che la perizia imputava anche a lui il concorso di colpa per non essersi fermato allo stop.
    foto Olycom
    MILANO. Ecco come Nicole Minetti parcheggia il suo SUV nel centro storico di Milano: completamente sul marciapiede, a fianco del cartello che paventa la rimozione forzata... il fatto che eventuali invalidi in carrozzella o ciechi siano costretti a passare nel mezzo alla strada, non sembra interessargli molto. E meno male che un consigliere regionale dovrebbe essere di esempio...

    staff nocensura.com



    Qualsiasi movimento che intende rappresentare e tutelare davvero i cittadini, deve prevedere tra i principali punti del programma anche un TETTO MASSIMO per le pensioni, utilizzando il gettito prodotto per innalzare le minime.

    Realtà come questa devono essere consegnate alla storia insieme alla schiavitù e al colonialismo; le megapensioni, insieme alle pensioni minime da fame devono diventare al più presto un triste, lontano RICORDO.

    Invitiamo tutti i movimenti nati "dal basso" ad inserire la questione in cima alle proprie priorità: i nostri pensionati sono alla fame, e ricordatevi che se non cambiano le cose, un domani a fare la fame, potreste esserci VOI... i vostri cari...

    Staff Nocensura.com

    Di seguito vi proponiamo alcuni articoli sullo SCANDALO PENSIONI in Italia:

    "LE "TOP TEN" DELLE PENSIONI PIU' SCANDALOSE DELLA CASTA"
    http://www.nocensura.com/2012/04/le-top-ten-delle-pensioni-piu.html

    "Ecco i 94 senatori che hanno votato contro i tagli alle pensioni d’oro – I nomi" - http://www.nocensura.com/2012/05/ecco-i-94-senatori-che-hanno-votato.html

    "Le "baby" pensioni ci costano 163,5 milioni di euro all'anno" - http://www.nocensura.com/2011/10/le-baby-pensioni-ci-costano-1635.html

    "Inps, il 50 per cento delle pensioni non arriva a 500 euro"
    http://www.nocensura.com/2011/05/inps-il-50-per-cento-delle-pensioni-non.html

    "ridurre pensioni parlamentari: 498 NO e 22 SI"
    http://www.nocensura.com/2010/10/ridurre-pensioni-parlamentari-498-no-e.html

    Il dramma dei pensionati con la minima, 85enne tenta due rapine: "ho fame" - A pochi giorni di distanza dall notizia dell'80enne sorpreso a rubare 3 bistecche in un supermercato, ecco un altro caso in cui l'esasperazione per la povertà con cui sono costretti a convivere i pensionati italiani che percepiscono l'assegno minimo di 500€ - che in Italia sono 1,6 milioni - produce conseguenze drammatiche... LEGGI TUTTO: http://www.nocensura.com/2011/12/il-dramma-dei-pensionati-con-la-minima.html





    Lo avevamo annunciato in tempi non sospetti: VOGLIONO LA RISERVA AUREA. Ricordate l'articolo "E' UFFICIALE: STANNO DEPREDANDO LA NOSTRA RISERVA AUREA" pubblicato il 15 Aprile scorso, e ancora prima, a FEBBRAIO 2012, le parole pronunciate da Nigel Farage nell'ambito dell'intervista che ci ha concesso in esclusiva?


    "l'Italia, nonostante le sue immense riserve auree, (o forse per preservare la riserva aurea) diventerà certamente l'obbiettivo di un "attacco" della Troika. Questo se non succederà "molto presto", succederà "abbastanza presto".[fonte]

    Ma le prime "avvisaglie" circa il fatto che gli eurocrati vogliono mettere le mani sulla nostra riserva aurea  le avevamo avute addirittura a Gennaio 2012, quando in Germania iniziarono a parlare insistentemente del NOSTRO oro persino in televisione. Risale a Gennaio la pubblicazione del video che vi riproponiamo di seguito per chi se lo fosse perso:

    Ora gli eurocrati stanno passando all'azione: si chiama ERF la nuova trappola che probabilmente consentirà agli eurocrati di raggiungere il loro scopo.


    Staff nocensura.com


    Dopo questa necessaria premessa, vi lasciamo al video e all'articolo di Byoblu:


    Si chiama pignoramento dello stipendio, e molti di voi la conoscono come quella pratica odiosa cui un creditore può ricorrere per farsi pagare. Per dirla in parole povere: quel che guadagni ti viene decurtato di un quinto o di un terzo a vita, o fino a quando il debito non sia stato ripianato. E' odiosa perché, in qualche modo, seppure matematicamente sia a somma zero, non aggredisce il tuo patrimonio, ma ti toglie direttamente il futuro, per cui ti regala la sgradevole sensazione di essere un condannato nel braccio della morte, che vive solo per attendere l'ora della sua uccisione.

     Si chiama European Redemption Fund (ERF per gli amici), cioè Fondo di Redenzione Europeo. L'idea è che, siccome siamo stati cattivi, ora dobbiamo essere redenti, come se ci fosse poi un unto del Signore in grado di confessare gli stati e comminare il giusto numero di Ave Marie economiche. Il peccato capitale è il debito pubblico. Fa niente che sia divenuto il male assoluto solo perché ci hanno tolto gli strumenti per rifinanziarcelo da soli, ovvero la sovranità monetaria: deve calare sotto al 60% del Pil e basta. Ma come fare? Difficile, in un momento in cui vige la religione dell'austerity, alla quale come monaci autoflagellanti ci imponiamo di obbedire - chissà, forse nella speranza di guadagnarci un posto nel paradiso dei neoliberisti -: le tasche sono vuote e sotto al materasso non c'è più niente.

    La tabella mette a confronto i tempi di attesa per i pagamenti delle pubbliche amministrazioni in Europa: in Germania lo stato dopo poco più di un mese paga i creditori, in Italia il tempo medio è di 6 mesi: e c'è chi ASPETTA DA ANNI, alcune aziende sono persino fallite perché hanno investito ingenti somme per fornire allo stato servizi e prestazioni, oppure per costruire un immobile destinato alla P.A. e poi lo Stato non ha pagato il conto.

    Uno di questi casi, capitato a un cittadino sardo che dopo aver perso tutto per colpa dell'insolvenza di stato ha minacciato persino di suicidarsi, lo trovate qui: http://www.nocensura.com/2012/01/lo-stato-gli-deve-350mila-euro.html

    E’ una vergogna tutta italiana, quella dello Stato che ti insegue per farti pagare il dovuto anche quando si tratta di pochi spiccioli ma poi se la prende comoda, comodissima, nel momento in cui deve pagare i creditori... Leggi tutto: http://www.nocensura.com/2011/10/quando-lo-stato-non-paga-i-creditori.html

    Quando ad essere insolventi invece sono i cittadini o le imprese in difficoltà, lo stato sguinzaglia "la iena" equitalia, pronta a "sbranare" mortalmente un cittadino un impresa anche per un debito risibile.

    PS: quando lo stato deve pagare le banche i tempi medi sono molto più brevi: all'inizio dell'anno il governo Monti ha infatti liquidato 2,5 miliardi di euro a Morgan Stanley (la banca Usa dove lavora il figlio di Mario Monti) senza battere ciglio: nonostante nei confronti delle imprese italiane lo stato sia debitore per oltre 70 miliardi di euro... uno scandalo descritto nel seguente articolo: http://www.nocensura.com/2012/03/leggere-questo-articolo-richiede-40.html


    Alessandro Raffa per nocensura.com


    Ricordate lo straordinario successo del referendum anticasta di maggi in Sardegna?
    Ebbene i ladri di soldi pubblici e di democrazia hanno colpito un'altra volta. 
    Hanno prima atteso la chiusura delle urne per le elezioni amministrative (in Sardegna si è votato domenica e lunedì scorso).  Poi, alla prima occasione, sono passati all'azione: seduta notturna di ieri su una legge che riguardava la salvaguardia di circa 30 precari negli enti regionali del personale che opera nel parco di Molentargius e dell’Arpas. Ecco spuntare l'emendamento per ridare lo stipendio agli 80 consiglieri regionali della Sardegna. 
    A poco più di un mese dal referendum con cui i sardi hanno cancellato l’indennità sulla spinta di una consultazione «anti casta», è bastato un emendamento ad una leggina per riesumarla.
    di Gian Pietro Zerbini
    L’amaro sfogo del padre dell’operaio ferrarese morto a S. Agostino: fino ad ora solo promesse e la burocrazia ci ostacola
    FERRARA. «Tutti parlano di ricostruzione dopo il terremoto, ma ormai ho visto che si sono già dimenticati delle vittime e delle loro famiglie». E’ l’amaro sfogo di Bruno Cavicchi, padre di Nicola, il giovane operaio della “Ceramica Sant’Agostino”, morto colpito da una trave mentre lavorava nel capannone della fabbrica durante la fortissima scossa di terremoto del 20 maggio.
    «La mia famiglia - continua Cavicchi con la voce rotta dall’emozione - era un tavolo solido, è mancata una gamba ed in pratica è caduto tutto».
    Il padre di Nicola è arrivato ieri mattina in redazione con un groppo alla gola, immerso nei problemi della burocrazia, che invece di allentarsi nei confronti di chi ha subito lutti in questa devastante tragedia, si complicano tremendamente. E il tutto suona proprio come una beffa. Uno stato d’animo di abbandono che si tocca con mano quando Cavicchi inizia ad elencare tutte le problematiche, fiscali, contabili ed economiche che deve affrontare in questo periodo, aggravato dal fatto di una mancata sensibilità nei confronti di una persona che ha perso il proprio figlio nel terremoto.
    giovedì 14 giugno 2012

    CLICCA QUI
    per guardare il video senza censure sul sito originale.

    A poche settimane di distanza dal precedente video in cui attacca Pierfurby Casini, è stato divulgato il nuovo video di Sara Tommasi, ideato dall'Avvocato Alfonso Luigi Marra, fondatore del PAS (Partito d'Azione per lo Sviluppo) e di FermiamoLeBanche. Questa volta sotto i riflettori c'è Beppe Grillo e i suoi stretti legami con "Casaleggio associati" che gestisce il suo blog e il "MoVimento 5 stelle", accusata di essere espressione del sistema economico-bancario che il comico sostiene di voler combattere. Sara Tommasi evidenzia come Beppe Grillo da anni non parli più di signoraggio bancario (e - aggiungiamo noi - di altri temi scomodi per il sistema...) e lo accusa di essersi "venduto" al sistema...

    Di seguito il Comunicato stampa di PAS - FermiamoLeBanche:

    COMUNICATO STAMPA

    Sara, Grillo e il porno. 
    Dopo che Sara al porno non si era data per una vita, questi aguzzi apportatori di male sono riusciti a precipitarvela in un giorno: il giorno dopo aver girato questo video su Grillo. Video in cui, con sul petto l'ormai famoso fiore, fattole tatuare per l'occasione da noi, e che a quanto pare avrà anche nel film hard, e con la faccia di Grillo sui glutei ('faccia di banca'), parla della 'permuta', fatta da Grillo, della sua 'sacra' furia del 1998 contro il signoraggio in cambio del sostegno occulto che il potere bancario ha garantito al suo movimento 5 Stelle in Internet e nei media tramite la Casaleggio Associati. por-no rivolto al disegno scellerato ma stupido di screditare la lotta al signoraggio, perché nel signoraggio e nella lotta che gli facciamo non c'è niente da screditare. Li si può solo occultare, e non ci stanno riuscendo. 

    L'ULTIMA VERGOGNA: Se avete paura del terremoto (nelle zone che dal 20 Maggio non hanno tregua...) NON DORMITE IN TENDA: rischiate 140€ di multa per "campeggio abusivo", come se chi decide di dormire in tenda facesse una allegra scampagnata... la normativa in alcuni Comuni è già in vigore, a Correggio lo sarà da Lunedì...


    ...roba da Italia...


    La lettera inviata ai cittadini dal Comune di Correggio:
    http://www.comune.correggio.re.it/servizi/notizie/notizie_fase02.aspx?ID=6059


    "Il Comune di Correggio sfratta le tende dai parchi pubblici."
    http://gazzettadireggio.gelocal.it/cronaca/2012/06/14/news/il-comune-di-correggio-sfratta-le-tende-dai-parchi-1.5257478

    "Correggio, il comune scrive ai cittadini, basta accamparsi nei parchi pubblici"



    Gianroberto Casaleggio, il guru di Grillo
    Editoriale di nocensura.com


    Le cose in Italia DEVONO cambiare. In questo paese non funziona praticamente niente, in questo modo non possiamo andare avanti e finalmente la maggioranza dei cittadini sembra averlo capito, visto che i consensi della casta sono al minimo storico e persino il Presidente della Repubblica viene accolto da fischi e contestazioni praticamente ovunque.


    Si riempono la bocca con la parola «cambiamento» persino i vecchi politici che da tempo immemore siedono in parlamento, che fingono di non aver capito che il vero cambiamento consiste nel mandarli, finalmente, a casa, cosa che dovrebbero considerare un gesto di generosità, visto che il luogo deputato (è proprio il caso di dire così) all'accoglienza di molti "onorevoli" sarebbe il carcere.

    Per molti anni ci siamo fatti ingannare da lestofanti di ogni genere, abbiamo affidato il nostro paese a una banda di pregiudicatiaccontentandoci di scegliere quello che ritenevamo "il meno peggio"bugiardi spudorati che legislatura dopo legislatura ci hanno propinato le solite promesse, i soliti bei discorsi, le solite puttanate che per fortuna, oggi sembrano non fare più presa sulla maggioranza dei cittadini. Ma non dobbiamo limitarci a puntare il dito contro di loro. A sbagliare, in primis, siamo stati noi cittadini. Che dovevamo aver liquidato questa gentaglia già da molto tempo, senza aspettare che ci lasciassero in mutande. Se nei prossimi anni le cose cambieranno, lo dobbiamo al fatto che il malcontento ha raggiunto la maggioranza dei cittadini, perché nonostante le avvisaglie ci fossero tutte, molte persone hanno iniziato a "svegliarsi" solo quando la situazione ha iniziato a toccarle personalmente. I problemi - e di conseguenza il malcontento - stanno raggiungendo quelle fasce della popolazione che fino a qualche anno fa non conoscevano crisi, che potevano permettersi il lusso di fregarsene del fatto che il paese fosse finito in mano ad una casta di ladri e parassiti. Quelli che... "la politica? A me non interessa" peccato che la politica però, interessi anche loro.
    (...) Ormai siamo un giocattolino in mano agli speculatori, incentivati anche dalle direttive dell'Unione Europea, che si stanno arricchendo sempre di più alle nostre spalle, con la complicità di quei politici che gli hanno steso un tappeto rosso, e cercano di farci sopportare tutto questo seminando paura (lo spettro di conseguenze economiche ancora più terribili), con discorsi fuorvianti ("è necessario" - "salva Italia" etc) e le solite promesse da marinaio di "ripresa" (ripresa che non ci sarà mai, ma sarà sempre peggio, almeno per noi cittadini... le grandi aziende hanno delocalizzato o stanno delocalizzando: non c'è lavoro, non c'è soldi.. QUALE RIPRESA PUO' ESSERCI?) (...)

    (...) Monti è legato a praticamente tutte le associazioni di stampo massonico e alle principali lobby dell'alta finanza, che controllano anche le agenzie di rating. Le agenzie di rating hanno manovrato CONTRO l'Italia, fornendo informazioni FALSE ai mercati sulla nostra attendibilità. Monti lavorava ANCHE per una delle più importanti agenzie di rating, Moody's. Grazie alla manipolazione delle agenzie di rating lo spread è salito a livelli vertiginosi = tassi elevatissimi per avere liquidità = tasse e aumento debito pubblico - e la situazione che tutti conosciamo. Per "risolvere" i problemi che hanno deliberatamente provocato, hanno imposto la nomina di Monti, che lavorava per l'agenzie di rating che ci hanno penalizzato (lavorava anche per i poteri dell'alta finanza che controllano le agenzie di rating)
    E tutt'oggi l'Italia è costretta a pagare interessi altissimi (lo spread) per avere liquidità, un vero e proprio COMPLOTTO ordito a danno dell'Italia, che ha affidato il governo a un collaboratore della stessa agenzia di rating che stava remando contro di lei! (...)

    Leggi tutto: "L'ITALIA VITTIMA DI UN COMPLOTTO E LE PROVE CHE MONTI è COMPLICE"
    x


    Negli ultimi mesi assistiamo a numerose "iniziative popolari" che con parolone altisonanti organizzano manifestazioni INUTILI, eventi che servono solo a disperdere le energie di cittadini stufi del sistema in iniziative prive di significato, che non conseguiranno MAI nessun risultato... spesso inoltre dietro ci sono i PARTITI, in particolare l'IDV sembra coadiuvare varie petizioni e iniziative, per questo noi non abbiamo mai aderito a iniziative di piazza e simili...

    IL SISTEMA VUOLE/VORREBBE GESTIRE ANCHE IL DISSENSO... NON DIMENTICHIAMOLO MAI!

    Alessandro Raffa per Nocensura.com


    Obama e a destra Ben Rhodes, il suo consigliere per le comunicazioni.

    Gli Stati membri della NATO e del GCC stanno preparando un colpo di stato e un genocidio settario in Siria. Se volete opporvi a questi crimini, agite subito: mettete questo articolo in rete e segnalatelo ai vostri eletti.

    Tra pochi giorni, forse già venerdì 15 giugno, a mezzogiorno, i siriani che vorranno guardare i canali nazionali li vedranno sostituiti sui loro schermi dalle televisivi create dalla CIA. Immagini realizzate in studio mostreranno massacri attribuiti al governo, manifestazioni pubbliche, ministri e generali che danno le loro dimissioni, il presidente al-Assad che fugge, i ribelli che si radunano nel cuore delle principali città, e un nuovo governo che s’installa nel palazzo presidenziale.
    Questa operazione, direttamente guidata da Washington da Ben Rhodes, viceconsigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, è destinata a demoralizzare i siriani e a consentire un colpo di stato. La NATO, che si scontra con il doppio veto di Russia e Cina, giungerà a conquistare la Siria senza doverla attaccare illegalmente. Qualunque sia il giudizio sugli eventi attuali in Siria, un colpo di stato metterebbe fine ad ogni speranza di democratizzazione.
    Molto ufficialmente, la Lega Araba ha chiesto agli operatori satellitari Arabsat e Nilesat d’interrompere la ritrasmissione dei media siriani, pubblici e privati (Syria TV, al-Ekbariya, ad-Dunya, Cham TV, ecc.). C’è un precedente, dal quando la Lega aveva già lavorato alla censura televisiva libica, per evitare che i leader libici comunicassero con il loro popolo. Non c’è nessuna rete radio in Siria, per cui le televisioni sono ricevute esclusivamente via satellite. Ma questo taglio non lascerà gli schermi neri.

    PER SAPERNE DI PIU' LEGGI L'ARTICOLO:

    Farage: "L'Euro-titanic ha colpito l'iceberg e non ci sono abbastanza scialuppe" http://www.nocensura.com/2012/06/farage-leuro-titanic-ha-colpito.html



    Quest'uomo non sta facendo gli interessi della nazione. Ci sta svendendo. Ci sta affondando. E lo fa in piena consapevolezza.


    di Sergio Di Cori Modigliani


    Subdolamente, il sole24ore, ieri mattina, titolava “Schnell frau Merkel!”.
    L’idea di base consisteva nel ricordare ai propri lettori, a nome della Confindustria, che la situazione italiana oggi, sarebbe –secondo loro- com’era nell’ottobre del 2011 quando decisero di eliminare Berlusconi.
    Ricorderete che, in quei tumultuosi giorni, il quotidiano economico titolò “Fate presto” con anomale lettere cubitali, schiacciando il campanello d’allarme.
    Il secondo significato, retrostante questo titolo, consisteva nel fornire un viàtico d’accompagnamento per il ragionier vanesio che stava partendo per Berlino, incitandolo a metter fretta alla Merkel, sapendo che a Berlino, a Wall Street, alla borsa di Londra, ilsole24ore è un giornale che viene letto quotidianamente con la lente d’ingrandimento, con il microscopio e con esperti interpreti di cose italiane, per comprendere che cosa stia accadendo nel nostro paese.
    La Merkel ha risposto –ed era fin troppo chiaro che la frase era rivolta all’industria italiana- addirittura di persona. In un breve commento rilasciato a un giornalista di Der Spiegel ha detto: “L’Italia è un paese solido che sta facendo molto bene. E’ un momento delicato e ne siamo consapevoli. Non c’è fretta. Non c’è alcuna fretta”. Fine della trasmissione.
    Poche ore dopo, in conferenza stampa, il nostro premier si è dilungato nella sua consueta melensaggine, imboccando la truppa mediatica asservita perché gli facessero la domanda giusta, che, va da sé, è puntualmente arrivata.
    di Marco Saba


    Mentre scrivo il titolo di questo post, mi viene da ridere: l'INPS bara due volte, nel senso letterale di BARA.



    La prima volta che bara l'INPS
    Bara quando seleziona e/o aggiusta le statistiche ISTAT per farci credere che lo Stato sia un buon padre di famiglia e che la pensione sia un utile investimento, coi nostri contributi.... salvo poi scoprire che se muori a 66 anni e vai in pensione a 65 era meglio che te li giocavi i soldi, piuttosto che pagare i contributi. Se poi ti aumentano l'età pensionabile a 67... hanno proprio fatto Bingo !



    La seconda volta che bara l'INPS
    Ma la seconda volta che l'INPS bara è quando non tiene conto della sua partecipazione al 5% in Banca d'Italia. E' una partecipazione importante perché è statale, a differenza del resto delle partecipazioni delle banche private e assicurazioni. Il nodo della partecipazione INPS riguarda la sua posizione nei confronti del falso in bilancio di Bankitalia. La Banca d'Italia, in perfetto stile orwelliano, ha ridefinito la definizione di "rendita monetaria" riuscendo a nasconderne la maggior parte addirittura postandosela nel passivo. Ma spieghiamo bene dall'inizio: la rendita monetaria è la differenza tra i costi sostenuti ed il valore nominale della moneta che si emette sul mercato, spendendola o prestandola. Il primo caso è semplice: la banconota da 500 euro costa circa 10 centesimi più IVA (che si scarica). Quindi quando compro dalla tipografia un milione di euro in pezzi da 500, li pago 200 EURO. Ma se sono d'accordo con la tipografia per un pagamento a fine mese dalla consegna, le do i 200 dal milione che mi ha consegnato, mi rimangono 999.800 euro gratis. Mi pare evidente, sono gli stessi costi che avrebe un falsario, circa. Ma quando come banca centrale presto i soldi ad altri (altre banche o cosche varie attraverso le "Operazioni di Mercato Aperto", che non sono né aperte né di mercato), presto il valore nominale: 1 milione di euro, e ci chiedo sopra gli interessi. E qui comincia il falso in bilancio perché la banca centrale mette nel passivo proprio "1 milione di euro", mentre come abbiamo visto sopra ha dato alla tipografia solo 200 euro. Ma non finisce qui: chiede - nel caso dei recenti prestiti alle banche - l'1% di interesse. Cosicché dopo tre anni riceverà 1milione e trentamila euro, mettiamo CASH. La banca centrale falsaria provvederà a cancellare il falso passivo del milione, mettendo in attivo SOLO 30.000 euro. Ci siamo? Sembra tutto regolare MA - c'è un MA - al cassiere che ha ricevuto la restituzione, rimangono in mano banconote per 1 milione di euro. E che fa? Le brucia ?


    di Claudia Moretti


    Con sentenza n.4110 del 14 marzo 2012 la VI sezione della Corte di Cassazione ha stabilito che sarebbe discriminatorio non riconoscere l'emolumento previdenziale INPS, ossia l'assegno per l'invalidità civile, agli stranieri presenti sul nostro territorio in modo regolare, per il sol fatto di non esser naturalizzati cittadini italiani, o di non aver maturato i tempi di permanenza sul nostro territorio e non possedere dunque il Permesso CE per soggiornanti di lungo periodo.
    Si tratta di una sentenza che si pone in linea con quanto già affermato dallaCorte Costituzionale nella pronuncia n. 187/2010 e ancor prima la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (306/2008). In entrambi i casi si affermavano (ed oggi vengono confermati dalla Cassazione) due principi fondamentali:
    1. ove si versi, in tema di provvidenza destinata a far fronte al sostentamento della persona, qualsiasi discrimine tra cittadini e stranieri regolarmente soggiornanti nel territorio dello Stato, fondato su requisiti diversi dalle condizioni soggettive, finirebbe per risultare in contrasto con il principio di non discriminazione sancito dall'art. 14 della Convenzione Europea dei diritti dell'uomo (*), che l'Italia ha ratificato.
    2. Al legislatore nazionale è consentito "subordinare, non irragionevolmente, l'erogazione di determinate prestazioni -non inerenti a rimediare a gravi situazioni di urgenza- alla circostanza che il titolo di legittimazione dello straniero al soggiorno nel territorio dello Stato ne dimostri il carattere non episodico e di non breve durata (e dunque il possesso della carta di soggiorno, oggi Pds Ce). Una volta, però, che il diritto a soggiornare alle condizioni predette non sia in discussione, non si possono discriminare gli stranieri, stabilendo, nei loro confronti, particolari limitazioni per il godimento dei diritti fondamentali della persona, riconosciuti invece ai cittadini".

    La spending review di Hollande: dopo il taglio dello stipendio a governo e presidente, arriva un decreto per limitare a 450mila euro la paga dei manager nelle aziende controllate dallo Stato. I salari più alti potranno essere al massimo 20 volte più elevati dei minimi
    Lo aveva promesso in campagna elettorale. Ribadito a più riprese, con la destra che lo accusava di facile demagogia. Sì, la riduzione degli stipendi dei manager, almeno quelli delle aziende pubbliche, è uno dei cavalli di battaglia di François Hollande, che, appena nominato, si è subito decurtato il salario del 30% e ha poi proceduto allo stesso modo con i ministri del nuovo Governo. Ebbene, ieri al consiglio dei ministri, Pierre Moscovici, il ministro delle Finanze, ha presentato un decreto che porterà a una riduzione generalizzata delle entrate degli alti dirigenti nelle imprese controllate dello Stato. Con la speranza che abbia effetti benefici anche sul privato.
    Il provvedimento dovrebbe diventare operativo già a fine giugno. E si applicherà pure ai contratti in essere. Si può dire che Hollande e il suo ministro ci sono andati giù abbastanza pesanti, invertendo una tendenza ai rialzi a ripetizione innescata nei conglomerati pubblici negli anni di Nicolas Sarkozy. Innanzitutto il decreto prevede un limite massimo di 450mila euro annui lordi, “che entrerà in vigore già quest’anno e in certe società l’anno prossimo. Mi sembra che guadagnare 450mila euro all’anno non sia un deterrente per trovare donne e uomini di qualità da mettere alla guida delle nostre imprese”, ha precisato Moscovici, rispondendo a chi accusa Hollande di mettersi fuori mercato (Stéphane Richard, l’amministratore delegato di France Télécom, ad esempio, dove lo Stato francese detiene una partecipazione minoritaria, intasca un milione e mezzo all’anno).

    Dignità sociale e Cra denunciano Equitalia: "Tutte le cartelle sono nulle"
    http://www.nocensura.com/2012/06/dignita-sociale-e-cra-denunciano.html

    I VERBALI DELLA DENUNCIA:
    http://www.nocensura.com/2012/06/ecco-i-verbali-della-denuncia-equitalia.html

    Intervista realizzata da Antonio Corcione in esclusiva per Nocensura.com


    I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

    macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

    cerca sul blog

    Caricamento in corso...

    Archivio articoli

    Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

    Blog Archive


    Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

    Lettori fissi