Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura infanzia animali berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi facebook scuola guerra euro manipolazione mediatica grillo bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari Russia poteri forti massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione siria debito pubblico finanza UE tasse ucraina israele disoccupazione califfo marijuana ISIS travaglio agricoltura canapa militari germania terrorismo banchieri mario monti trilaterale geoingegneria Grecia bambini big pharma obama vaticano Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta vaccini cancro PD tecnologia armi nwo assad equitalia Angela Merkel BCE austerity cannabis ministero della salute sondaggio umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi fini informatitalia.blogspot.it magdi allam video m5s privacy Putin clinica degli orrori eurogendfor staminali CIA droga iraq marra sovranità nazionale bancarotta boston bufala monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene politica troika evasione matrimoni gay nigel farage 11 settembre acqua anatocismo diritti fmi fukushima nikola tesla roma società usura draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione autismo francia imposimato islam nsa ricchi storia terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva lega nord nato petrolio propaganda servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca sanzioni taranto ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività riserva aurea risveglio coscienze salvini sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 18 giugno 2011

Sangue dal naso, diarrea, debolezza. I sintomi manifestati dai ragazzini destano preoccupazione tra i medici: alcuni li definiscono "inspiegabili", altri prescrivono analisi del sangue per verificare la perdita di globuli bianchi, conseguenza dell'esposizione a radiazioni


Pubblicati i primi dati sui probabili effetti nocivi sulla salute dei bambini esposti alle radiazioni del materiale radioattivo disperso dalla centrale nucleare di Fukushima. E a farlo non è il popolo di Internet ma l’edizione del 16 giugno del Tokyo Shimbun, un quotidiano cartaceo letto da circa un milione di persone, specie nell’area di Tokyo e di Kanto.

Il Tokyo Shimbun riporta che molti bambini di Koriyama, una città di circa 350.000 abitanti situata a 50 chilometri dalla centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi, soffrono di inspiegabile perdita di sangue dal naso, debolezza e diarrea. E a tutt’oggi i medici non sono in grado di spiegarne la causa. Scrive che il 12 giugno un’organizzazione no-profit chiamata “Il ponte per Chernobyl” ha aperto una clinica medica a Koriyama. Preoccupati per gli effetti dell’esposizione alla radiazioni, 50 famiglie hanno portato a visitare i loro figli con sintomi di diarrea, perdita di sangue dal naso e perdita di forze. Una donna di 39 anni madre di due bambini, che se ne è andata da Koriyama dopo l’11 marzo per tornare alla fine del mese, ha detto al medico che dagli inizi di aprile sua figlia di 6 anni perde ogni giorno sangue dal naso. Il medico di famiglia ha imputato l’epistassi all’allergia al polline. L’altro figlio, di appena 2 anni, ha perso sangue dal naso dalla fine di aprile a tutto maggio. Il pediatra non è stato in grado di dire con assoluta certezza se questo era dovuto all’effetto delle radiazioni ma ha ordinato di fare un’analisi del sangue per controllare il numero di globuli bianchi. I primi sintomi delle malattie dovuti agli effetti delle radiazioni sull’uomo sono infatti perdita di globuli bianchi, nausea, vomito e mal di testa.


animali_maltrattati
Feriti, affetti da patologie e infezioni, malnutriti, relegati in spazi angusti e sovraffollati, trascurati e soli: questo lo stato in cui versano i “migliori amici dell'uomo” in molte strutture, pubbliche e private.
La denuncia questa volta viene direttamente dal Ministero della salute, che ha diffuso uneloquente video dei canili peggiori d’Italia, girato durante le ispezioni di 39 canili da parte della task force per la tutela degli animali di affezione, lotta al randagismo e ai canili lager, istituita presso il Ministero della Salute e fortemente voluta dal sottosegretario Francesca Martini.
Nel corso di un anno di attività la Task Force ha ricevuto circa 2.000 e-mail al mese da parte di associazioni, istituzioni e cittadini, mentre circa 1.300 sono stati i casi segnalati che hanno portato a più di 350 interventi e 6 sequestri.
Giro di vite, dunque, su veterinari compiacenti e aguzzini senza cuore, che continuano ad arricchirsi sulle spalle dei poveri accalappiati (pagati profumatamente dallo stato ai proprietari dei canili tra i 30 e i 45 euro).

La maglia nera spetta alle strutture di Poggio Sannita, Somma Lombardo, Aragona, Tuoro sul Trasimeno e Cicerale. Le immagini nel video sono fotogrammi di un degrado generalizzato e impietoso per i poveri quattro zampe: strutture fatiscenti e costruite con materiali di fortuna, pessime condizioni igieniche con feci sparse ovunque e abbeveratoi pieni di acqua putrida, reti sconnesse, coperture e cucce improvvisate, cani evidentemente stressati e con gravi problemi motori.
Eloquente è anche l’immagine scelta per la Campagna di Comunicazione del 2011 del ministero, dal titolo “Chi abbandona un cane lo condanna”: un cane con un cappio al collo abbandonato in una strada deserta.
“Abbandonare un cane – ha spiegato Daniela Rodorigo, Direttore generale della Comunicazione della Salute – è un reato penale punibile con l’arresto e con ammende che vanno da mille a diecimila euro. Il nostro obiettivo è portare avanti una azione di prevenzione sociale contro il randagismo”.
Per informazioni e segnalazioni è possibile rivolgersi al numero 06 59944035 (dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30) oppure scrivere all'indirizzo e-mail tutela.animale@sanita.it.



fonte



Condividi su Facebook

In campagna elettorale aveva promesso di voler finalmente portare l'austerity a Palazzo San Giacomo. Ma appena messo piede in Consiglio è riuscito a spaccare la sua già esigua squadra in tre minigruppi, triplicando così in un sol colpo i rimborsi spese previsti per ciascun gruppo consiliare

In campagna elettorale aveva promesso di voler finalmente portare l’austerity a Palazzo San Giacomo. Tanto che la nona delle 72 meraviglie programmatiche ispirate alla Smorfia napoletana che avrebbero dovuto portarlo alla guida della città recitava testuale: “piena attuazione del regolamento comunale, che impedisce la formazione di gruppi consiliari con meno di tre componenti. Conseguente abolizione di sprechi ed extra benefit”. Ma Gianni Lettieri deve aver preso alla lettera la cabala partenopea, in cui al 9 corrisponde la figliata, se appena messo piede in Consiglio è riuscito a spaccare la sua già esigua squadra in tre minigruppi, triplicando così in un sol colpo i rimborsi spese previsti per ciascun gruppo consiliare.


Boom nell’uso degli aerei di Stato. Ogni componente del governo vola 97 ore l’anno

«Un conto è fare un articolo, un altro conto fare un articolato…» , ha osservato pubblicamente, alla festa della Cisl di domenica scorsa a Levico Terme, il ministro dell’Economia. Giulio Tremonti ha sperimentato direttamente quanto sia difficile entrare con i fatti nella carne viva degli scandalosi costi della politica. Con la manovra finanziaria dello scorso anno aveva provato a tagliare del 50% i generosissimi «rimborsi elettorali» , come si chiama ipocritamente il finanziamento pubblico, riconosciuti per legge ai partiti politici, cresciuti fra il 1999 e il 2008 del 1.110%, mentre gli stipendi pubblici aumentavano del 42. Ebbene, il taglio è stato prima ridimensionato al 20%, quindi al 10 per cento. Per non parlare della norma che avrebbe riportato le spese di palazzo Chigi, in alcuni casi letteralmente impazzite, sotto il controllo del Tesoro: saltata come un tappo di champagne. Ciò non toglie che quell’«articolato» prima o poi andrà fatto. Perché qui ci va di mezzo, secondo lo stesso Tremonti, la credibilità della politica e del governo.

Se la riforma fiscale le tasse vuole avere una prospettiva minima di serietà, deve passare prima di qua. Fermo restando che i soldi tolti ai privilegi della politica non basteranno certo da soli a tappare il buco che l’eventuale taglio delle tasse (considerato dai capi del centrodestra necessario per arginare l’emorragia di consensi) potrebbe aprire nei conti pubblici. Da dove cominciare? C’è soltanto l’imbarazzo della scelta. «Meno voli blu» , ha detto Tremonti. Una sfida mica da ridere, considerando l’andazzo. Nel 2005 gli aerei di Stato del 31° stormo dell’Aeronautica toccarono il record di 7.723 ore di volo. Due anni dopo, durante il governo Prodi, grazie a una direttiva draconiana del sottosegretario Enrico Micheli erano scesi a 3.902. Tornato Berlusconi, quella direttiva è stata prontamente abrogata e nel 2009 le ore di volo per le sole «esigenze di Stato» sono arrivate a 5.931, ma con un governo ridotto a 61 elementi. Cioè, 97 ore e 15 minuti a testa. Letteralmente stratosferico l’aumento procapite (cioè per ogni componente del governo) rispetto a due anni prima: +154,2%. Ma anche il famoso record del 2005 delle 78 ore e 50 minuti a testa è stato letteralmente polverizzato, con una crescita del 23,3%. Mentre il consumo del cherosene ministeriale, alla faccia della crisi, non si è certamente arrestato. Nel 2009 gli aerei di Stato viaggiavano al ritmo di 494 ore al mese? Nel 2010 si è saliti a 507. Ignoti, ovviamente, i costi.
Il terzo paese più grande della Campania da dicembre non ha un consiglio comunale. Secondo il pentito Vassallo l'intera amministrazione è gestita in maniera indiretta dal clan Mallardo, attraverso persone insospettabili


Un territorio con un’estensione di 94 km, terza città campana per numero di abitanti, un concentrato di abusivismo edilizio e pattume tossico con il clan, tra i più potenti della regione, a controllarne ogni metro quadro. Giugliano è un comune di oltre cento mila abitanti, in provincia di Napoli. A Giugliano c’è anche la politica, quella che secondo i pentiti, è eterodiretta dalla camorra. Al momento nessun arresto e neanche un indagato, ma nell’ultima ordinanza che, a metà maggio, ha portato in carcere sette persone e il reggente Feliciano Mallardo, detto o ‘sfregiato, saltano fuori nomi e parentele scomode che non hanno rilevanza penale, ma che certo gettano ombre sulla trasparenza dell’amministrazione.

Dal 2008 il sindaco di Giugliano è Giovanni Pianese. Non è la prima volta. Già sindaco ad inizio anni ’80, molto vicino a Paolo Cirino Pomicino. Oggi è nel Pdl legato a Nicola Cosentino eLuigi Cesaro. Sostenuto dalle grandi e potenti famiglie di Giugliano è tornato in comune da sindaco dopo l’esperienza in consiglio regionale con l’Udc. Alle comunali che lo hanno proclamato primo cittadino, tra i consiglieri più eletti c’è stato Giuseppe Aprovitola, imprenditore edile. Pianese, sulla questione infiltrazione camorristica, è più volte intervenuto: “ Le dichiarazioni dei pentiti vanno riscontrate e quelle di Vassallo non fanno riferimento a un periodo specifico. I miei predecessori erano persone perbene. Quanto a me, ho una giunta tecnica, il vice sindaco è un magistrato e quattro assessori non sono di Giugliano. In questi anni abbiamo lottato contro la speculazione edilizia e non abbiamo ricevuto pressioni”.

venerdì 17 giugno 2011
Clicca per ingrandire
Picchi di radiazioni al reattore 1 dell’impianto di Fukushima sono saliti a 261 milioni di microsieverts all’ora, ad un livello tale che con 10 minuti di esposizione si ha un tasso di mortalità del 100%, non siamo distanti dai livelli del reattore di Chernobyl.
Lucas Whitefield Hixson ci offre una interpretazione delle più recenti misurazioni rilevate al reattore n 1 di Fukushima, che arrivano fino a 261 Sieverts/ora.
I livelli di radiazioni nel reattore 1 sono saliti ad un nuovo massimo di 261 Sv / hr. Questo è segno di una criticità abbastanza importante nel reattore. Il corium ha fatto breccia nel contenimento del nocciolo e sta rilasciando radiazioni senza che la TEPCO riconosca le implicazioni di questa costante criticità. Il livello di pressione in uno dei reattori è scesa a livelli atmosferici, indicando una falla nel contenimento.
L’aumento dei livelli di radiazioni indicano anche che gli sforzi per controllare il carburante all’interno del reattore stanno diventando ingestibili. Le radiazioni vengono emanate dal reattore, e i livelli registrati attorno al reattore numero 1 stanno aumentando invece di diminuire gradualmente, un altro indicatore delle criticità in corso.
Drone
Pioggia di missili Usa sul Waziristan: decine di morti e di feriti con gravi problemi alle vie respiratorie, alla pelle e agli occhi che indicherebbero l'uso di sostanze nocive negli ordigni utilizzati
Negli ultimi giorni il Pakistan ha subito i più violenti bombardamenti aerei americani dall'inizio dell'anno. Tra lunedì e mercoledì, i droni della Cia hanno sganciato decine di missili sulla regione tribale del Waziristan, uccidendo oltre quaranta persone, talebani ma anche civili, e ferendone altre decine.
Fonti sanitarie pachistane hanno denunciato ieri che i civili feriti negli ultimi raid Usa, ricoverati negli ospedali di Peshawar e delle altre città del nordovest, accusano “gravi problemi alle vie respiratorie, alla pelle e agli occhi” che indicherebbero l'uso di “sostanze nocive” negli ordigni sganciati dai droni.


Soldati Usa in AfganistanMigliaia di 'talebani' catturati nei raid notturni dalle forze speciali Usa, secondo il generale Petraues. Ora si scopre che oltre il 90 per cento erano civili innocenti
Allo scopo di far credere all'opinione pubblica mondiale che la strategia militare americana in Afganistan è efficace e vincente, il generale David Petraues e i comandi Usa hanno deliberatamente mentito alla stampa, lasciando credere che i contestati blitz notturni delle forze speciali abbiano portato alla cattura di migliaia di talebani, quando invece oltre il 90 per cento dei detenuti sono civili innocenti.
La scoperta è stata fatta dallo storico giornalista investigativo americano Gareth Porter - famoso per le sue corrispondenze durante la guerra in Vietnam, da anni all'agenzia Inter Press Service (Ips) - grazie a documenti militari declassificati di cui è entrato in possesso.
Documenti della Task Force 435, il comando americano delle operazioni detentive, che dimostrano come solo una minima percentuale degli afgani fatti prigionieri dalle forze speciali Usa lo scorso anno fosse in realtà composta da 'Agf' (forze anti-governative), come vengono chiamati i talebani in gergo militare.

Umberto Veronesi. (Che Beppe Grillo chiama "la faccia buona del cancro") Il famoso oncologo, che DIFENDE GLI INCENERITORI, che secondo lui non fanno male, e PROMUOVE (ormai promuoveva) il NUCLEARE... (era presidente dell'agenzia per il nucleare) guadagna milioni, gira di studio televisivo in studio televisivo e scrive libri... ECCO IL CLASSICO "DOTTORE AL SERVIZIO DELLE LOBBY". Che grazie a quest'ultime ha fatto una bella carriera... !!! GLI SCIENZIATI CHE "NON SI PIEGANO", CHE DICONO LA VERITA', INVECE, RIMANGONO RELEGATI AGLI STUDI DI PERIFERIA, GUADAGNANO 1000 EURO AL MESE COME LA MAGGIORANZA DI NOI..... E poi qualcuno crede più a Veronesi che a questi ultimi... solo perché accreditato dalle Lobby e dalle TV...

SVEGLIAAAA GENTE!!!

VERONESI DIMOSTRI CHE GLI INCENERITORI NON FANNO MALE, SE CI RIESCE, MA NON A CHIACCHIERE, MA CON I *DATI DI FATTO*.... SE VUOLE NOI GLI PORTIAMO TANTI PICCOLI SCIENZIATI SCONOSCIUTI, MA CHE SONO IN GRADO DI DIMOSTRARE IL CONTRARIO!!! Basta valutare il numero dei tumori, leucemie, che capitano a chi vive vicino ad un inceneritore, o altri impianti inquinanti..

NON è IL PARLARE IN TV CHE DEVE "ACCREDITARE", MA LA BONTA' DI CIO' CHE VIENE SOSTENUTO... NON PRESTIAMOCI AI GIOCHI DELLE LOBBY...

SVEGLIAAAA GENTE!!! :D

redazione nocensura.com



Condividi su Facebook
Stando ai "dati ufficiali" riconosciuti dalla comunità internazionale, NON CI SONO PROVE che l'uranio impoverito faccia male. Soldati e civili morti per tumori e leucemie a centinaia, non sono sufficienti, manca le prove ufficialmente!!! SAPETE PERCHE'? Perché altrimenti dovrebbero VIETARE LE ARMI ALL'URANIO IMPOVERITO.... ma per gli Usa non sarebbe una bella cosa, visto che hanno fior di stoccaggi di armamenti di questo tipo, industria bellica, e che questo è il MODO PIU SEMPLICE ED ECONOMICO per disfarsi delle scorie e degli scarti delle centrali!!!! Fino a quando ci saranno le CENTRALI NUCLEARI, ci saranno le armi all'uranio impoverito.... MA CHE L'U.I. FA MALE, IN REALTA' LO SANNO ANCHE I BAMBINI, è EVIDENTE. PURTROPPO PERO' CI SONO SCIENZIATI AL SOLDO DELLE LOBBY CHE LO NEGANO, SONO PAGATI PER QUESTO... e non ci sono prove, ufficialmente. DIRE CHE L'URANIO IMPOVERITO FA MALE, è UNA "TEORIA COMPLOTTISTA" ??? Andatelo a dire alle famiglie dei MORTI....

redazione nocensura.com



Condividi su Facebook

*CHIARIMENTO su alcuni articoli* Quando pubblichiamo qualche teoria "fuori dagli schemi" - come quella pubblicata 50 minuti fa sull'E.Coli - qualcuno ogni volta, ci accusa di essere "complottisti"... NON è COSI'...   questi articoli non ve li proponiamo come "realtà assoluta", non sono il "vangelo", sono testi che devono STIMOLARE IL DIBATTITO E LA RIFLESSIONE: evidenziando un PUNTO DI VISTA CHE TV E GIORNALI DI SISTEMA *NON OFFRONO* !!!! Avreste ragione se fossero le teorie di un santone chiromante... ma invece sono sempre testi di medici, ricercatori, FONTI AUTOREVOLI da tenere in CONSIDERAZIONE. L'informazione deve essere COMPLETA: poi sta ad ognuno di noi farsi un'idea.... mi sembra che sia giusto così.
Si tratta di teorie MOLTO INTERESSANTI E BEN ARGOMENTATE, scartarle a priori sarebbe SBAGLIATO. Dopotutto, potrebbero esser considerati "complottisti" anche gli articoli che sostengono che "l'uranio impoverito fa male", visto che attualmente, ufficialmente (grazie agli Usa che devono smaltire con le armi gli scarti dell'industria nucleare) non ci sono le PROVE che le armi all'uranio impoverito fa male!!!

RICORDATE COSA DISSERO A COLUI CHE DIMOSTRO' CHE LA TERRA ERA TONDA??? CHE ERA UN PAZZO. INVECE AVEVA RAGIONE.... e non è l'unico caso, ma uno dei tanti!!!! LA STORIA INSEGNA.

Certo non dobbiamo dare credito alle "voci di paese" messe in giro tanto per parlare, ma se ci sono studiosi/medici/ricercatori che avanzano TEORIE RAGIONATE - anche se non provate - vale la pena CONSIDERARLE.... e ripetiamo: non vogliamo dire che "è in quel modo", ma OFFRIRE UN PUNTO DI VISTA DIVERSO...

redazione nocensura.com
 "Io credo si possa intervenire già da subito chiedendo per esempio alla Nato, che schiera le navi davanti alle coste libiche per impedire l'ingresso di merci in Libia, di fare il blocco navale anche per le uscite" ha spiegato il ministro dell'Interno rispondendo a una domanda sulla questione dell'immigrazione.


 A Maroni era stato chiesto un commento sull'annunciato accordo in materia di migranti fra il governo italiano e il consiglio di Bengasi. "C'è questo incontro per la firma di un impegno da parte loro a occuparsi dei clandestini e dei profughi che partono: sapendo come funzionano questi meccanismi, può essere una cosa utile ma bisogna vedere come e se funziona".


Noi lo avevamo detto subito, nell'articolo "Tutti in ansia per Pontida, ma per cosa?" - scritto qualche giorno fa: chi crede che la Lega "stacchi la spina" si sbaglia, bensì cercheranno di fare qualcosa per riprendere consensi.



...Parliamo ovviamente della nuova pandemia (E.coli) che "casualmente" si è scatenata nelle settimane scorse in Germania (e "casualmente" poco prima del Bilderberg meeting). 

Nel seguito un estratto dalle riflessioni del dr Vaccaro,www.valdovaccaro.blogspot.com

PRIMA DOMANDA PERCHE’ IL CETRIOLO?

 Risposta facile e scontata. Assieme al pomodoro, alla cicoria e ai germogli, il cetriolo rappresenta il marchio della salute vegano-crudista e persino il simbolo della virilità. Niente di più utile al fegato che il modesto cetriolo, ora che il carciofo non è più di stagione. Lo scivolamento odierno dal cetriolo ai germogli, al fagiolo, al peperone e alla zucchina, o a quello futuro dell’anguria, non sposta di un millimetro il problema

SECONDA DOMANDA PERCHE’ LA SPAGNA? 

Perché la Spagna, e non la Turchia, la Grecia, il Kossovo, la Serbia, o la stessa Italia, tutte regolari fornitrici dei mercati tedeschi? Qui la risposta richiede di fare alcuni passi indietro.
’America significa oggi, più che bandiera stelle e strisce, bandiera Monsanto e bandiera OGM 
Il governo USA, e i suoi servizi segreti, avevano già minacciato di nascosto a più riprese il governo Zapatero e la Spagna, per la sua forte avversione contro gli OGM. 
Caso diverso l’Italia, dove la contrarietà esiste pure, ma sta nella cultura e nella gente, più che nei politici e nei governanti di casa nostra (di destra, di centro e di sinistra), prontissimi a calare le brache, a cedere e a farsi sodomizzare come sempre dagli intraprendenti colonizzatori d’oltre oceano

I METODI SPICCI DELLA DIPLOMAZIA AMERICANA 

Conosciamo troppo bene i metodi spicci e convincenti del governo americano. Ero a Seoul nell’estate 2008, quando il segretario di stato Condoleezza Rice, col sorriso più muliebre, vezzoso e sexy possibile, trasmetteva al primo ministro koreano i messaggi più cinici, sconvolgenti e ricattatori contro un intero popolo “amico e alleato” (vedi tesina “La guerra della bistecca e il Sottomarino Rosso”, del 15/8/08). Quella storia ci ha insegnato molte cose, in fatto di pressioni e di ritorsioni politico-economiche. 

Passa il referendum contro la privatizzazione dell'acqua e due giorni dopo l'amministrazione comunale di Civitavecchia pubblica il bando per la cessione del 60 per cento della Holding Civitavecchia Servizi, che raggruppa le ex municipalizzate, servizio idrico compreso.

Una decisione che ha provocato le immediate reazioni dei consiglieri di centro sinistra e di alcuni centristi che nel pomeriggio hanno chiesto l'autoconvocazione di un consiglio comunale sull'argomento.

«Una discussione pubblica appare inderogabile per poter capire le motivazioni che hanno spinto il sindaco a mettere sul mercato la società comunale che gestisce l'acqua in aperto contrasto con la volontà espressa dal 59% dei cittadini che hanno votato al referendum», si legge in una nota in cui si chiede inoltre che la seduta si svolga di pomeriggio «perché la cittadinanza possa dimostrare con una massiccia presenza che l'acqua è un bene comune e non può essere svenduta».

Secondo l'Amministrazione, invece, il risultato del referendum non incide minimamente sulla delibera comunale 71, precedentemente votata e che prevede la vendita.  

Giovedì 16 Giugno 2011

giovedì 16 giugno 2011
ecoli
Affiora la prova forense che il superbatterio e.coli in Europa è stato ingegnerizzato per provocare decessi


Anche se la gara per dare la colpa ai vegetali è attualmente in corso in tutta l'UE, dove un ceppo di E. Coli super resistente sta facendo ammalare pazienti e riempendo gli ospedali in Germania, praticamente nessuno sta parlando di come l'E.coli è magicamente diventato resistente a otto diverse classi di farmaci antibiotici e poi, improvvisamente, è apparso nella catena alimentare. 


Questa particolare variante dell'E.coli è un membro del ceppo O104, e i ceppi O104 non sono quasi mai (normalmente) resistenti agli antibiotici. Per acquisire tale resistenza, devono essere ripetutamente esposti agli antibiotici al fine di fornire la "pressione di mutazione" che li spinga verso l'immunità completa al farmaco. 


Quindi, se siete curiosi di conoscere le origini di tale ceppo, potete in sostanza  analizzare in dettaglio il codice genetico dell'E.coli e  determinare con sufficiente precisione a quali antibiotici è stato esposto durante il suo sviluppo. Questo passo è stato fatto (vedi sotto), e quando si guarda la decodificazione genetica di questo ceppo O104 che ora minaccia i consumatori di prodotti alimentari in tutta l'UE, emerge un quadro affascinante di come è stato generato.
violenzadonne11 e1308173955355 Violenza contro le donne, aumentano le denunceIn un anno le denunce sono passate dal 23% al 40%. Telefono Rosa: «dati inquietanti, aumenta la violenza dopo la separazione». Ma calano le risorse dalle istituzioni

I numeri parlano da soli, e lo fanno in modo chiaro. Nero su bianco, raccontano le dimensioni di uno dei drammi nascosti e taciuti del nostro Paese: quello della violenza contro le donne. Violenza sessuale, fisica, psicologica, stalking, in un abisso nero che in tutta Europa coinvolge dal 20 al 25% delle donne e sul quale l’Italia non è da meno: anzi, il fenomeno continua a crescere e con esso crescono le denunce. Ma calano le risorse messe a disposizione dalle istituzioni. A rimarcarlo è la ricerca annuale sul tema condotta dall’Associazione Nazionale Volontarie Telefono Rosa: le donne che chiedono aiuto nel nostro Paese sono sempre di più.
La ricerca ha analizzato le 1.749 storie di donne che nel corso del 2010 hanno contattato l’associazione: impiegate, casalinghe, libere professioniste, disoccupate e di diversa nazionalità, ma soprattutto italiane. Ma i numeri, spesso, ingannano perché parziali: sarebbero infatti molti – moltissimi – i casi che faticano ad emergere o che rimangono del tutto sommersi.All’incirca il 70% delle violenze avverrebbe infatti tra le mura domestiche o per opera di mariti, compagni, parenti o ex partner e il carico emotivo che situazioni simili comportano – arrivando spesso a non identificare nemmeno la violenza domestica come un reato da denunciare - rende particolarmente difficoltosa una stima reale delle persone coinvolte.

torcia 300x262 Basilicata ammalata di petrolio, lacqua è a rischioEni e Shell si dividono 1,5 miliardi di euro di profitti l'anno sul petrolio lucano, la Regione incassa solo il 7% di royalties
Petrolio e tumori in Basilicata. La Val d'Agri paga con la salute dei suoi cittadini l'estrazione di 70mila barili di greggio al giorno; i casi di malattie respiratorie e infettive sono più del doppio della media nazionale. In cambio, la Regione incassa il 7%dei profitti che Shell e Eni accumulano: è la più bassa royalty d'Europa, meno dei diritti pretesi da Russia, Angola e Messico per le trivellazioni. Che in Lucania "bucano" il Parco Naturale.
Acqua e petrolio si mischiano nei ruscelli della Val d'Agri. Tra Monte Enoc e il paese di Tramutola, scorre un torrente giallastro con le rive nere e unte, attraversato dai tubi metallici dell'oleodotto. Portano il greggio alla raffineria di Viggiano, dove la torcia del metano brucia giorno e notte i fumi di scarico dell'impianto. Qui si estrae petrolio pari al 6% del fabbisogno italiano di carburante: gli esperti dell'Eni dicono di poter arrivare al 10%, circa 100mila barili al giorno, se gli si lascia mano libera su tecnologie e permessi.
Permessi che già ora abbondano. Il 70% della Regione Basilicata è "affittata" ai petrolieri, che vi lasciano appena il 7% dei loro guadagni: una briciola, rispetto al miliardo e 560 milioni di euro guadagnati, in media, da Eni e Shell in un anno di attività . La maggior parte delletrivellazioni si concentra in un fazzoletto di terra di pochi chilometri quadrati, nella Val d'Agri: èParco Nazionale dal 2007, ma gli interessi dei petrolieri hanno vinto su tutto e i pozzi aumentano. Due mesi fa ne è stato fermato uno che sarebbe dovuto sorgere a 1.400 metri di altitudine, in pieno Parco: la Regione sta contrattandone i diritti con l'Eni.






I cinquanta minuti del documentario di Channel 4 intitolato 'Sri Lanka's Killing Fields', frutto di due anni di lavoro, mostrano video, foto e testimonianze inedite di combattenti e civili tamil sistematicamente giustiziati dai soldati singalesi con un colpo alla testa, molti dopo essere stati torturati e, nel caso delle donne, stuprate.
Cadaveri sparsi o allineati a terra, denudati e oltraggiati dai militari, poi lanciati e accatastati sui cassoni dei camion dell'esercito, tra lo scherno e le battute a sfondo sessuale di giovani soldati trasformati in bestie.
Immagini impressionanti e disumane, la cui autenticità - come già capitato in precedenza - è stata contestata dal ministero della Difesa dello Sri Lanka, ma certificata dagli esperti delConsiglio per i diritti umani dell'Onu di Ginevra.
Dopo aver visionato il video in anteprima, il relatore speciale dell'Onu per le esecuzioni extragiudiziali, Christof Heyns, ha dichiarato che esso ''contiene le prove definitive deicrimini'' commessi dal governo di Mahinda Rakapaksa.
''Sono rimasto scioccato da queste scene orribili - ha affermato il ministro degli Esteri britannico, Alistair Burt - che costituiscono una prova evidente delle violazioni dei diritti umani su cui il governo dello Sri Lanka deve indagare, se non vuole affrontare un'azione internazionale''.
Oltre alle immagini delle esecuzioni sommarie (che iniziano dal 33esimo minuto del filmato), il documentario ripercorre le ultime drammatiche settimane di guerra (gennaio-maggio 2009), durante le quali almeno 40 mila civili tamil sono stati uccisi dalle forze singalesi comandate da Mahinda Rakapaksa e da suo fratello Gotabhaya, capo della Difesa.




Condividi su Facebook

Vicino allo scalo le morti per malattie respiratorie sono 4 volte in più che nel resto della provincia Secondo l'Asl di Varese, 250mila abitanti sono a rischio. E ora Sea vuole pure costruire la terza pista

“Disastro ecologico nell’area adiacente Malpensa, nel pieno Parco del Ticino, dovuto al sorvolo degli aeromobili in decollo”. Una riga che ha il peso di un macigno per chi vive sotto le rotte dello scalo, per i progetti di espansione dell’aeroporto che vuol diventare il grande hub padano e sulla quotazione del gestore Sea che il Comune di Milano ha pianificato in autunno. Grazie a documenti esclusivi raccolti dal fattoquotidiano.it si scopre che l’aeroporto della salvezza in realtà è una condanna per l’ambiente e per le popolazioni che vivono entro un’area di 100 chilometri quadrati, una minaccia per la salute di 250mila cittadini sacrificati sull’altare della ragion politica. La nuova giunta Pisapiadovrà presto farci i conti e intanto i decessi in zona Malpensa per malattie respiratorie sono 4 volte superiori rispetto al resto della provincia.

A definire “disastro ecologico” l’impatto di Malpensa è una nota del ministero dell’Ambiente del 7 ottobre 2010 trasmessa a tutti gli enti con competenze aeroportuali: Regione Lombardia, ente Parco del Ticino, ministeri di Trasporti e Agricoltura. Peccato che quel dossier sia rimasto nel cassetto, forse per non danneggiare l’imminente collocamento del titolo Sea che dovrebbe portare al Comune di Milano un dividendo da 160 milioni, già scritto a bilancio dalla giunta Moratti. La notizia rischia di far saltare l’operazione: dopo gli addii di Alitalia nel 2007 e Lufthansa oggi, chi mai investirebbe su un “disastro ecologico”? Chi comprerebbe azioni di una società che va incontro a milioni di euro di indennizzo?
Alla comunicazione ministeriale è allegata una relazione del Corpo Forestale dello Stato, comando di Varese, che attesta la moria degli uccelli e la desertificazione dei boschi e termina ipotizzando “un’eventuale costituzione di parte civile del ministero dell’Ambiente”. I lumbard sono seduti su una bomba pronta a esplodere in una guerra legale di tutti contro tutti: ministero contro ministero, enti locali contro Sea, comitati contro la Regione.






I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi