Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media giustizia diritti civili ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO banche notizie carceri eurocrati immigrazione renzi guerra satira facebook scuola manipolazione mediatica euro grillo bilderberg pensione mondo signoraggio poteri forti alimentari Russia massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione siria UE debito pubblico finanza ISIS califfo tasse ucraina disoccupazione israele marijuana agricoltura canapa terrorismo travaglio militari banchieri germania mario monti trilaterale geoingegneria obama vaticano Grecia bambini big pharma Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano vaccini assad enrico letta PD cancro tecnologia armi equitalia nwo Angela Merkel cannabis informatitalia.blogspot.it ministero della salute sondaggio BCE austerity suicidi umberto veronesi meritocrazia nucleare video eurogendfor fini magdi allam CIA iraq m5s privacy Putin clinica degli orrori sovranità nazionale staminali bancarotta droga marra INPS alimentazione boston bufala diritti globalizzazione monsanto prodi 11 settembre elezioni fondatori del sito iene politica troika evasione matrimoni gay nigel farage pedofilia roma acqua anatocismo fmi fukushima islam nikola tesla società usura draghi fisco francia golpe moneta rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu Unione Europea africa autismo imposimato lega nord nato nsa ricchi storia suicidio terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati bavaglio controinformazione costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva petrolio precariato propaganda rockfeller servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale svendita Cina Fornero borghezio casaleggio corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti sanzioni sciopero spagna terra turchia ungheria violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio islanda laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale orban pensioni prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca salvini sindacati taranto università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione latte legge elettorale microchip microspia mmt ocse paola musu radioattività riserva aurea risveglio coscienze sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corrado passara corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza distrazione di massa dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mare nostrum mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microonde mistero mk ultra multe multinazionali musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi petizione phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia repressione riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 14 aprile 2012
L'ULTIMA DI MONTI: CHIEDE AIUTO A JOVANOTTI PER RILANCIARE LA SUA IMMAGINE. MA NON ERA "AMATISSIMO" DA TUTTI GLI ITALIANI?


Secondo quanto riportato da "l'Espresso" e "Libero" Mario Monti avrebbe chiesto aiuto a Jovanotti per sponsorizzare l'azione del governo: ma il cantante ha declinato l'invito, adducendo a "impegni all'estero".


Monti avrebbe scelto Jovanotti per il grande ascendente che egli ha sui giovani, e per il fatto che egli è ritenuto un "abile comunicatore" sul web: basta pensare che la sua pagina Facebook ha oltre 1.000.000 di iscritti.


Viene da chiedersi come mai, lo "stimatissimo", "sobrissimo" pluridecorato premier che secondo i mass media "ha la fiducia della maggioranza assoluta degli italiani" abbia bisogno di ricorrere a questi espedienti. E anche il fatto che Jovanotti abbia rifiutato, è assai indicativo: se Monti è amatissimo come dicono, legarsi a lui sarebbe stato conveniente, non credete? Perché un cantante dovrebbe "sprecare" così una ghiotta occasione per avere visibilità?!?


LA VERITA', è CHE I GIORNALI SOSTENGONO CHE MONTI è "AMATO DALLA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI" PER LEGITTIMARE L'AZIONE DI QUESTO GOVERNO DI NOMINATI: MA LA REALTA' SECONDO NOI è MOLTO DIVERSA. NONOSTANTE I MEDIA NE INVENTINO NERE PER FAR "DIGERIRE" MONTI AI CITTADINI, LA SUA POPOLARITA' è SICURAMENTE MOLTO, MOLTO PIU' BASSA DI QUELLO CHE VORREBBERO FARCI CREDERE. Un premier che agisce in questo modo non può avere il sostegno della maggioranza degli italiani.


Il fatto che politici e media lavorino all'unisono per farci credere che Monti è benvoluto dagli italiani rende difficile percepire la verità. Ma basta parlare con la gente per farsi un'idea...

Staff nocensura.com


Proprio così: Manuela Marrone, moglie di Bossi famosa per esser baby pensionata dall'età di 39 anni, ha ben 18 proprietà immobiliari intestate al catasto. (Per tutti gli scandali della famiglia Bossi e della Lega Nord vedi lo "SPECIALE LEGA NORD")
Di seguito l'articolo di "Giornalettismo":- - - -
Chissà se i leghisti sanno che la moglie di Bossi ha 18 proprietà immobiliari intestate al catasto. E chissà se immagino che il duro lavoro alla scuola bosina renda davvero così tanto da permettersi gli acquisti che oggi Repubblica elenca in questo schema:
Paolo Berizzi ha ficcato il naso nei dati (pubblici) per raccontarci cosa c’è:
Come Repubblica è in grado di ricostruire, si tratta di un tesoro consistente: diciotto unità registrare al catasto con il nome della moglie del Senatur. In media: un’acquisizione all’anno (dal ‘94 a oggi). Sette in più rispetto agli «undici immobili » che — stando a una telefonata intercettata dalla Dia di Reggio Calabria tra l’imprenditore Stefano Bonet e la dipendente della Lega Lubiana Restaini — sarebbero «intestati » alla moglie del Senatùr (gli «acquisti» non lasciavano tranquillo l’ex tesoriere leghista Francesco Belsito). Di qui il dubbio dei magistrati: con quali soldi sono stati comprati case (2), fabbricati (2) e terreni (14)?
“Confido nel senso di responsabilità di tutti e quando dico tutti vuol dire tutti, perché la vicenda possa trovare una serena ed equa soluzione”.

VICEPRESIDENTE INTOCCABILE - E’ con quste parole che il presidente del Senato Renato Schifani interviene, da Matera, nella vicenda di Rosy Mauro, la vicepresidente di Palazzo Madama coinvolta nello scandalo dei rimborsi elettorali della Lega Nord che è stata espulsa dal parito ed ha rinunciato, nonostante le pressioni, alle dimissioni del suo incarico parlamentare. “Non è sfiduciabile”, ha detto Schifani riferendosi alla ex esponente del Carroccio che, stanto a quanto emerge dagli atti delle tre procure che indagano sull’utilizzo dei fondi del Carroccio, avrebbe incassato parte dei rimborsi pubblici per poi sostenere spese private.

“RIFORMA DEI FINANZIAMENTI, PRESTO” – Schifani è intervenuto anche sulla riforma dei finanziamenti pubblici ai partiti sulla quale hanno cominciato a discutere i leader della maggioranza a sostegno di Monti. Il presidente del Senato ha chiesto “fare presto” la riforma per cancellare le ombre che da mesi si addensano sui partiti. Schifani si è recato a Matera in visita per le celebrazioni nel centenario della morte di Giovanni Pascoli che, in questa città, visse e insegnò come professore di italiano e latino. “E’ giunto il tempo – ha detto – di dare prova concreta della capacità della politica di autogestirsi, avendo quale unico obiettivo il bene comune. Per questo mi adopererò affinchè sia approvato un testo condiviso da tutti gli schieramenti politici che esprima regole chiare e certe sul finanziamento dei partiti e sulla gestione trasparente e fruibile a tutti dei relativi bilanci. Bisogna fare presto”.

“SERVE LEGGE ELETTORALE” – Nel suo intervento il presidente di Palazzo Madama ha sottolineato la necessità di arrivare a nuove regole per il voto. Schifani ha affermato, infatti, che la credibilità dei partiti si misurerà sulla loro capacità di fare presto e bene la riforma della legge elettorale. “E’ di queste ore – ha affermato – l’annuncio che a breve verrà depositato in Senato un testo condiviso sulle riforme costituzionali. Si tratta di una grande e buona notizia e di un appuntamento al quale l’istituzione che presiedo sarà presente, con senso di responsabilità e senza indugio”. “Ma attendiamo di poter ricevere al più presto – ha poi continuato Schifani – la nuova legge di riforma elettorale che modifichi un sistema di voto che tutti i partiti dichiarano di voler cambiare. Ebbene, anche su questo punto, è in gioco la credibilità della politica, perché è chiamata, in questo frangente, a passare dagli annunci alle proposte, così come è riuscita a fare per le riforme costituzionali. E’ questo l’unico modo – ha concluso Schifani – per ottenere rispetto e considerazione da parte del nostro Paese”.

fonte

Vedi anche:
La vera storia della "badante" Rosi Mauro, vicepresidente del senato
Il boom del cantante amante di Rosi Mauro: la Lega ha comprato tutte le copie

VIDEO SHOCK:
ECCO COME LA VICE PRESIDENTE DEL SENATO SVOLGE IL SUO COMPITO
Dicembre 2010, votazione degli emendamenti al ddl Gelmini. Schifani (presidente del Senato) è assente, ed è la sua vice Rosi Mauro a coordinare i lavori. Secondo Pd e Idv alcune norme della legge sono in contraddizione fra loro e chiedono di fermare i lavori, ma lei decide di andar avanti. GUARDATELA ALL'OPERA... 



di Eduardo Parente (collaboratore di nocensura.com) per "Piceno oggi"
“Tagliamo le spese militari”: Gli F35 nel mirino della Città del Merletto
Uno striscione affisso nel Piazzale delle Merlettaie testimonierà fino a domenica l’impegno della Giunta offidana. Il sindaco Lucciarini:” Daremo voce ai nostri sentimenti pacifisti”.
OFFIDA - “Tagliamo le spese militari”. Questo lo slogan dello striscione che il Comune di Offida terrà sino a domenica 15 aprile nel Piazzale delle Merlettaie per testimoniare la decisione dell’Amministrazione Comunale di aderire alla campagna “Tagliamo le Spese Militari”, scelta formalizzata con apposita delibera di Giunta Comunale numero 34 del 5 aprile 2012.
In un momento così difficile per l’economia in generale, per i cittadini, per gli Enti Locali, ma anche per le imprese abbiamo ritenuto opportuno aderire a questa campagna perché riteniamo necessario dare un segnale nella direzione di una riduzione di tutte le spese possibili, ma anche per dare voce ai nostri sentimenti pacifisti. Per riaffermare quei valori che abbiamo con orgoglio sempre difeso” ha commentato il sindaco Valerio Lucciarini.
Alcuni "complottisti" di tutto il mondo sostengono che il "Titanic" sia stato affondato di proposito, (addirittura in alcune "versioni" del complotto sarebbe stato costruito con questa intenzione) con lo scopo di eliminare tre passeggeri "eccellenti", persone molto ricche ed influenti che si opponevano alla creazione della "Federal Reserve", fondata l'anno successivo dopo l'affondamento del Titanic. Secondo queste teorie, il Capitano della nave,  grande esperto della tratta transatlantica, sarebbe stato un illustre esponente della massoneria, e avrebbe urtato di proposito l'icerberg.


Questa teoria potete trovarla su numerosi siti "complottisti" effettuando una semplice ricerca su Google: ("titanic federal reserve"). Per esempio "Il Titanic ha inabissato il segreto della Federal Reserve" pubblicato da "Scienza marcia" oppure questo post su un forum dedicato al titanic: http://titanic-forum.forumcommunity.net


Una teoria assai improbabile per diversi motivi: a parte il fatto che per uccidere tre persone non c'è bisogno di affondare una nave, c'è da rilevare che essendo i signori potenti in questione, passeggeri di "prima classe" non era "scontatissimo" che non avrebbero trovato posto su una scialuppa di salvataggio, in quanto molti passeggeri maschi di prima classe riuscirono a salvarsi. Inoltre il capitano del Titanic è morto, e il fatto che abbia accettato di fare il "kamikaze" sembra piuttosto improbabile. 


Ma se la storia del capitano massone - kamikaze che va a urtare contro l'iceberg per affondare il titanic perché ha ricevuto tale ordine da un suo "superiore" appare ridicola, negli anni sono invece emersi particolari che possono far pensare ad un complotto, di natura diversa:
Il leader dell'Udc Pierferdinando Casini
di Thomas Mackinson


Tra Peppone e Don Camillo l’elettore dell’Udc può scegliere entrambi. E’ quanto emerge dalle alleanze 
in multicolor del partito di Casini alle amministrative del 6-7 maggio: lo scudo crociato corre alleato al Pdl come a Pd-Idv, a fianco della Lega Nord al Nord, con i comunisti qua e là e da solo dove conviene. Insomma, all’urlo “spezziamo il bipolarismo”, il partito centrista ha messo le sue mille crocette a destra e a sinistra a seconda delle occasioni. “Ma non del solo calcolo elettorale”, precisa il responsabile degli Enti Locali del partito Mauro Libé al Fattoquotidiano. E’ la seconda volta che la lista delle alleanze del partito esce dal suo taschino, sempre dopo lunghe mediazioni tra leader nazionali e locali. A scorrerle il simbolo bianco-rosso si ritrova ovunque, impegnato in alleanze antitetiche da una parte all’altra dello Stivale. “Capisco che questo possa disorientare l’elettore ma la politica tradizionale è in crisi, i partiti sono chiamati a rinnovarsi rompendo i vecchi schemi. Il governo Monti favorisce questa evoluzione perché ha archiviato i personalismi e gli odi irriducibili dell’epoca Berlusconi”, dice Libé. E allora ecco i numeri delle alleanze.

SOLO A GORIZIA IL VECCHIO SCHEMA DEL CENTRODESTRA, IN 35 COMUNI COL PDL  E IN 36 COL PD
Su tutti i comuni sotto i 15mila abitanti – escluse Sicilia e Sardegna – l’Udc corre al fianco di 35 candidati del centrodestra. E al fianco di 36 candidati con il centrosinistra. Gli esponenti Udc che corrono da soli sono una settantina, in prevalenza in Piemonte dove si sono moltiplicate le civiche centriste. Secondo Libé i centristi solitari potrebbero sfangarla sui rivali in almeno sette grandi comuni dove prevale un quadro di incertezza generale: Cuneo, Monza, Genova, Parma, Lucca, L’Aquila, Agrigento.

15 Aprile 1912 - 15 Aprile 2012
Centenario dell'affondamento del Titanic


Milioni di italiani hanno visto il film "Titanic" con Di Caprio, ma quasi nessuno sa che James Cameron, regista del film, ha girato anche uno STUPENDO documentario, visitando il relitto: non solo all'esterno, mediante dei piccoli ma ultratecnologici sottomarini, ma anche all'interno, con dei piccoli e agili robot. 


Un documentario di 90 minuti davvero bello e appassionante, a tratti sorprendente, davvero piacevole. Secondo molte persone è meglio del film... (Vedi anche Speciale Titanic: il 15 Aprile 2012 sono passati 100 anni dall'affondamento)

Staff nocensura.com




Signoraggio bancario, democrazia diretta, controinformazione economica

Tra i relatori anche Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com, che parlerà di "Difendersi dalle vessazioni delle banche e di equitalia"

In data 21 Aprile 2012 si terrà un convegno con il patrocinio di Unione Socialismo Nazionale e la Casa editrice Edizioni Aurora Boreale.

Dalle ore 15:00 alle ore 19:00 presso SALA C.R.I. VIA BOCCA DI GORA E TINAIA 67 (2 PIANO) QUARRATA (PISTOIA)

Relatori: AMATO MICHELE , DAL PIAZ STELVIO , MONTI LUCA , PISELLI FABIO , RAFFA ALESSANDRO , STRANO PINO . (in ordine alfabetico)


Evento Facebookhttps://www.facebook.com/events/131231493674961/



venerdì 13 aprile 2012
A cura dello staff di nocensura.com


Visto che il Titanic a un secolo di distanza dalla tragedia continua ad appassionare milioni di persone di tutto il mondo, crediamo di fare cosa gradita pubblicando una raccolta di materiale - fotografico, video e articoli - di vario genere.


la video-ricostruzione dell'impatto con l'iceberg e del conseguente affondamento, realizzato dal "National Geographic Channel" (molto simile peraltro al video mostrato nel film-colossal "Titanic" con Di Caprio)


Un viaggio inaugurale finito in fondo al mare. La nave 'inaffondabile' colo' a picco in meno di 3 ore


Nessuno dei passeggeri e dell'equipaggio avrebbe mai potuto immaginare al momento dell'imbarco a Southampton il 10 aprile 1912, cento anni fa, la tragica conclusione del viaggio inaugurale del Rms Titanic, terminato in fondo all'Oceano meno di cinque giorni dopo, nelle prime ore del 15 aprile. Una fine inaspettata per un transatlantico considerato inaffondabile e destinato a segnare una tappa fondamentale nella storia della marina mercantile. Realizzato nei cantieri Harland e Wolff di Belfast, il Titanic era un vero e proprio palazzo galleggiante, concepito dalla compagnia White Star Line con standard di lusso e sicurezza superiori a qualunque altra nave passeggeri. Lungo 270 metri, largo una trentina, con una capienza di quasi 3.000 persone, era dotato di stravaganti comodità (bagno turco, piscina, palestra, un ristorante 'a la carte') per i passeggeri di prima classe. Non c'erano solo loro, però, il transatlantico aveva anche sistemazioni di seconda classe (ritenute pari a quelle di prima di altre navi per confort) e di terza. A bordo c'era uno spaccato della società dell'epoca: miliardari, editori, aristocratici, pittori e scrittori in prima classe, borghesi, insegnanti e commercianti in seconda, emigranti (molti scandinavi, ma anche gente proveniente dall'Europa dell'Est e dal'area mediterranea) in terza.
Manifestare sotto i ministeri competenti sta diventando un problema per i lavoratori. Dieci giorni fa le botte della polizia a quelli dell'Alcoa, oggi è toccato agli operai della Sirti sotto al Ministero del Lavoro. "Siamo in uno stato di polizia". Preoccupazioni per le voci su circa 1000 licenziamenti.

"È grave" quando accaduto oggi (12 aprile) agli operai della Sirti in presidio davanti al ministero del Lavoro per protestare contro i licenziamenti. Lo affermano in una nota Fim, Fiom e Uilm, dalla quale si apprende che "pochi minuti fa la polizia ha caricato, manganellando i lavoratori che manifestavano pacificamente sotto la sede ministeriale", tanto che uno di loro, "è stato trasportato d'urgenza in autoambulanza al vicino ospedale di Santo Spirito". Stando a un dispaccio dell'Ansa, i feriti sarebbero due, un manifestante e un poliziotto. Secondo quanto si apprende dalle forze dell'ordine, dice sempre l'Ansa, la carica di alleggerimento è stata decisa dopo che un gruppo di lavoratori si era diretto verso un contingente per forzare il cordone. La situazione in via Fornovo ora è tornata alla calma. Ma i sindacati condannano "senza mezzi termini" una "violenza intollerabile per chi rivendica pacificamente di lavorare". Operai "Sirti" di Nardò, dalla crisi ai manganelli nella Capitale

Dall’antichità è ritenuto uno dei corridoi marittimi più pericolosi per la navigazione. Lo Stretto di Messina vanta un triste record d’incidenti e collisioni, eppure continuano ad attraversarlo annualmente più di quindicimila imbarcazioni. Si tratta di superpetroliere, traghetti, navi da crociera e pescherecci, unità container con a bordo rifiuti radioattivi, tossici e nocivi, imbarcazioni da guerra di Stati Uniti d’America ed alleati NATO. E le portaerei giganti e i sommergibili a capacità e propulsione nucleare.
Il 5 aprile scorso l’ultimo transito atomico. Mentre alcuni curiosi assistevano all’attracco nel porto di Messina della nave da crociera “Splendida”, a pochi metri dalla costa è improvvisamente emersa l’inquietante sagoma nera di un sottomarino USA. Stamani la foto dell’hunter killer atomico a passeggionello Stretto è stata pubblicata in prima pagina dalla Gazzetta del Sud.

Orwell non lo aveva previsto


di Hans Magnus Enzensberger  ENZENSBERGER

Un uomo lungimirante, questo Eric Blair, meglio noto con lo pseudonimo di George Orwell. Uno che di regimi totalitari se ne intendeva, assai prima che il termine entrasse a far parte del lessico degli storici. Uno che nel 1943, quando Stalin, Churchill e Roosevelt si incontravano a Teheran, già vedeva profilarsi l'antagonismo tra le superpotenze e la guerra fredda.

Qualche anno dopo la Seconda guerra mondiale Orwell pubblicò il suo più celebre romanzo, 1984. Il futuro che vedeva all'orizzonte non gli piaceva. Dipinse il panorama infernale di un regno del terrore nel bel mezzo dell'Europa, che in un futuro non lontano avrebbe perfezionato i metodi di Stalin e di Hitler: un partito unico ai comandi di un "Grande Fratello"; una "neolingua" ideata per capovolgere il significato delle parole; l'abolizione della sfera privata; un regime di sorveglianza a 360 gradi, rieducazione e lavaggio del cervello dell'intera popolazione, e infine un'onnipotente polizia segreta per soffocare sul nascere qualunque tentativo di opposizione, con la tortura, i campi di concentramento e l'assassinio.

Fortunatamente quella profezia non si è avverata, almeno per quanto attiene alla nostra parte del globo: con essa George Orwell ha ingannato sia noi che se stesso.


Anche il presidente della Bce Mario Draghi, dopo che la banca centrale ha immesso in due mesi, tra la fine di dicembre e  la fine di febbraio scorso, ben 1.023 miliardi di euro di nuova liquidità a sostegno del sistema bancario europeo, mostra una certa preoccupazione per il rischio di inflazione.
Infatti in una recente dichiarazione afferma: “Siamo continuamente in allerta per il rischio inflazione, ma questo rischio non si sta ancora materializzando, almeno per ora. Inoltre, le aspettative di inflazione rimangono fermamente ancorate, in linea con la stabilità dei prezzi.”  

Ovviamente la decisione non è stata presa in solitaria dai banchieri di Francoforte. Anzi, sono stati proprio i governi, a cominciare da quello della Merkel, ad avallare e sostenere una tale iniziativa che non ha precedenti nella storia dell’Unione europea. Anche se adesso è proprio la Bundesbank tedesca a lamentarsi dei gravi rischi di inflazione.


L'ultimo colpo di coda dell'uomo delle banche risale a nemmeno 10 giorni fa: un "decretino", passato quasi inosservato, che stavolta aggredisce le borse di studio percepite dai medici, dottorandi e corsisti in medicina generale, alle quali viene applicata la tassazione IRPEF. L'emendamento in questione è stato approvato il 4 aprile scorso, annoverato nel disegno di legge: "Semplificazione Tributaria".


Una vera a propria stangata per quei giovani che mister Monti Bildeberg definisce:" Risorse per il futuro"...o "Salvadanai di uno stato truffaldino"? 


Eduardo Parente - collaboratore di nocensura.com


- - -
Non vogliamo credere che un Governo, che si presentato dicendo “quello che fa bene ai giovani, fa bene al Paese” voglia far cassa con i soldi delle borse di studio e degli assegni di ricerca, somme che garantiscono il minimo sostentamento per migliaia di giovanissimi ricercatori e medici specializzandi, quasi sempre fuori sede, che sempre pia fatica, in questo periodo di crisi, tentano di costruirsi una esistenza indipendente e dignitosa.

Eppure è proprio così: un emendamento approvato il 4 aprile, nell’ambito del disegno di legge “semplificazioni tributarie” introdurrebbe la tassazione IRPEF sulle borse di studio percepite dai medici in formazione specialistica, i dottorandi, e i corsisti in medicina generale.

La bufera che sta travolgendo la Lega Nord non si placa. Oggi arriva un'altra notizia che vede protagonista un ex aderente al partito della "Roma ladrona".

Davide Allegri, infatti, ex assessore leghista alla Protezione civile e all'Ambiente della Provincia di Piacenza e già assessore all'Urbanistica del Comune di Cortemaggiore, è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Piacenza per corruzione e concussione.

La vicenda gravita attorno ad autorizzazioni a realizzare impianti fotovoltaici. Al termine di indagini cominciate due anni fa, Allegri è stato sottoposto dai militari a un'ordinanza di custodia per concussioni consumate e tentate e per corruzione. L'ex assessore provinciale era già stato iscritto nel registro degli indagati per concussione ed abuso in atto d'ufficio, nell'ambito della gestione delle autorizzazioni su alcuni impianti fotovoltaici. La notizia era stata resa nota dal quotidiano piacentino Libertà il primo marzo 2011 e subito dopo Allegri aveva lasciato l'incarico, che all'epoca ricopriva, di assessore comunale a Cortemaggiore.
incidente nave tarantoUPDATE:
    Abbiamo contattato il capo ufficio relazioni esterne delle Capitanerie di Porto, il comandante Filippo Marini. Marini ci ha confermato che attualmente lo sversamento non è più in corso e che l’olio combustibile è stato parzialmente rimosso. La procedura scorretta all’origine dell’incidente ha interessato le casse di zavorra solitamente riempite d’acqua per bilanciare il carico della nave. Al momento dello sversamento, l’acqua risultava però contaminata da olio combustibile. Trattasi nello specifico di 20 tonnellate di heavy fuel oil, ad alto contenuto di zolfo e altamente cancerogeno.
    Torniamo ad aggiornarvi sull’incidente che ieri sera ha coinvolto una nave nelle acque di Taranto. Ci sono infatti importanti novità sull’origine dello sversamento. Sicuramente non si è trattato di una falla come era stato ipotizzato in un primo momento per via delle sostanze oleose rinvenute sullo scafo. A questo punto gli inquirenti ipotizzano una procedura sbagliata durante le operazioni di svuotamento in mare delle casse di zavorra che contenevano acqua. Lo rivela il vicecomandante della Capitaneria di Porto di Taranto, il capitano di fregata Francesco Russo, spiegando che dalle ispezioni effettuate a bordo non è stata riscontrata alcuna falla sullo scafo della East Castle, questo il nome della nave panamense, ora in fermo nel porto.
HFO, olio combustibile pesante nel Mare grande di Taranto
Come sono finite 20 tonnellate di HFO nel mar grande di Taranto? Esclusa la falla al mercantile East Castle si profila l’errore umano. Il Secolo XIX scrive chiaramente:
Il comandante della “East Castle” avrebbe aperto per sbaglio le valvole tra i serbatoi di zavorra e quelli di greggio. E lo sversamento è stato inevitabile.
Già nella telefonata di ieri fatta da Ecoblog.it al comandante Filippo Marini capo ufficio relazioni esterne delle Capitanerie di Porto ci era stato spiegato che le circa 20 tonnellate di HFO, olio pesante combustibile, erano finite in mare assieme ad acqua provenienti dalle casse di zavorra. Non ci era stato detto però il perché.
Indubbiamente le operazioni di contenimento della falla sono scattate subito, come d’altronde ha potuto accertare la Capitaneria di Porto. Probabilmente entro poche ore sarà conclusa la raccolta dell’olio. Purtroppo proprio in questi giorni era previsto il trafserimento della miticolutura dal Mar piccolo inquinato da PCB al Mar Grande contaminato ora da HFO.

Racconta Luciano Carriero operatore ittico, come riporta Inchiostro Verde:
giovedì 12 aprile 2012
Ora i primi a criticare duramente Belsito, Rosi Mauro (e il Trota) sono proprio i padani, che scaricano tutte le colpe su di loro - in particolare i primi due - e descrivono Boss/i come una "povera vittima"; un agnellino. Ma da tutta Italia si moltiplicano le testimonianze di ex dirigenti leghisti che testimoniano come i bilanci del movimento fossero gestiti in modo ben poco trasparente. Come al solito, (COME è SUCCESSO ANCHE NEI CASI CHE HANNO INVESTITO AN E LA MARGHERITA) tutti "cadono dalle nuvole"... Davvero nessuno sapeva?!? 
E intanto la Procura Milano fa accertamenti anche su Calderoli, mentre le "fiamme gialle" di Milano fanno visita a 8 banche per acquisire documenti su fondi.
- - - -
Di seguito il comunicato dell'AGI: 
"Lega: espulsi Rosi Mauro e Belsito. Congresso 30 giugno e 1 luglio"
(AGI) - Roma, 12 apr. - Rosi Mauro e Francesco Belsito sono stati espulsi dalla Lega. Lo ha deciso con voto all'unanimita' il Consiglio federale riunito oggi in via Bellerio. Umberto Bossi non era in sala quando si e' tenuta la votazione, unanime, che ha portato all'espulsione dalla Lega di Rosi Mauro. Secondo quanto si apprende, il presidente federale della Lega e l'ex capogruppo alla Camera, Marco Reguzzoni, avevano lasciato la riunione prima del voto.
  Il consiglio ha anche fissato le date per il Congresso Federale: il 30 giugno e 1 luglio.

Lega ladrona, il Trota nega ogni addebito: "L'unico Belsito che conosco è youporn"


Prima di leggere questo testo, ti consigliamo la lettura dell'articolo: "Vaccini, sentenza del tribunale di Rimini crea un terremoto nel mondo scientifico (Si tratta della sentenza che ha riconosciuto un indennizzo alla famiglia di un bimbo autistico, che aveva fatto il vaccino...)
- - -
Dopo la recente sentenza del Tribunale di Rimini che è tornata ad associare la vaccinazione anti Morbillo-Parotite-Rosolia [MPR] alla Sindrome di Kanner, meglio nota come Autismo, tornano alla luce i tanti problemi e le tante contraddizioni del nostro Servizio Sanitario Nazionale, ben visibili nel consumo e nell’abuso di farmaci, nelle molte ombre sui vaccini, nei casi di cronaca che hanno sconvolto l’Agenzia Italiana del Farmaco, nella ricerca.
Su queste e altre questioni hanno espresso il loro parere medici, ricercatori, professionisti, politici, addetti ai lavori.
Nella nostra società attenta fin quasi all’ossessione al benessere e alla salute e poco avvezza a sopportare il dolore, i mass media hanno un’influenza enorme sul modo di percepire la malattia, finendo con il condizionare le scelte dei cittadini [consumatori-pazienti] e, giocoforza, le decisioni prescrittive dei medici. Capita sempre più spesso che i cittadini si presentano in ambulatorio con una paginetta strappata dal giornale per richiedere informazioni. I mass media giocano ormai un ruolo chiave nell’influenzare le conoscenze medico-sanitarie. Ma sono all’altezza di tanta responsabilità?
vaccino_studio.jpg
Si tratta della sentenza che ha riconosciuto un indennizzo alla famiglia di un bimbo autistico, che aveva fatto il vaccino. Ponendosi al di fuori del dibattito tra favorevoli e contrari ai vaccini, l'associazione Cittadinanzattiva dopo questa sentenza a livello nazionale chiede certezze sul collegamento dell'autismo con il vaccino e in generale maggiore informazione alle famiglie sulle vaccinazioni.
La sentenza del tribunale di Rimini era stata emessa alcune settimane fa. La questione che aveva portato in tribunale i genitori di un bimbo autistico era che non era stata riconosciuta loro la tutela economica prevista dalla legge 210, perchè il vaccino che sarebbe all'origine del problema del bambino, l'MPR, anti Morbillo-Parotite-Rosolia, non è obbligatorio. 

Il loro ricorso è stato accettato, e ora al bimbo andrà una cifra riconosciuta come danno. Il punto è che la sentenza in pratica stabilisce la correlazione tra quel vaccino e l'autismo: un principio che viene contestato dal Board Scientifico del Calendario Vaccinale per la Vita, che riunisce esponenti di Societa' Scientifiche ed Associazioni Mediche, intervenuto ora con una nota in cui esprime sconcerto per la sentenza. Perhè torna ad associare quella vaccinazione alla Sindrome di Kanner, “evidentemente basandosi su quanto pubblicato, ormai 14 anni fa – scrivono i medici - dalla rivista Lancet, e successivamente ritirato per l'evidente infondatezza di quanto inizialmente proposto da un gruppo di ricercatori britannici''. 

Non si sono solo gli inquisiti celebri, la Minetti accusata di induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile e Renzo Bossi oggi al centro della bufera politica che ha investito la Lega. Ecco l'elenco dei pregiudicati e inquisiti che governano la regione Lombardia
  1. Romano la Russa (PDL, Assessore alla Sicurezza) fratello dell’ex ministro della difesa Ignazio è indagato per finanziamento illecito ai partiti nell’ambito dell’inchieste sulle case Aler.
  2. Davide Boni (LEGA, Presidente del Consiglio Regionale): indagato per corruzione, per un giro di tangenti milionarie che sarebbero state intascate nell’ambito dei lavori per la realizzazione di alcuni centri commerciali dell’hinterland.
  3. Filippo Penati (PD, vicepresidente del Consiglio Regionale): indagato per corruzione, concussione e finanziamento illecito al partito;
  4. Franco Nicoli Cristiani (PDL, ex vicepresidente del Consiglio Regionale):  arrestato a Brescia a fine 2011 per corruzione nel settore delle discariche e per un giro di tangenti relative allo smaltimento di rifiuti tossici nell’area del cantiere della BreBeMi;
  5. Massimo Ponzoni (PDL, assessore all'ambiente): in carcere per bancarotta, corruzione, concussione e finanziamento illecito.
  6. Piergianni Prosperini (PDL, ex assessore al Turismo): arrestato 2 vole nel 2009 e nel 2011 per corruzione ed avasione fiscale. Ha patteggiato tre anni e cinque mesi.
  7. Nicole Minetti (PDL, consigliere regionale): imputata nel processo per induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile.
  8. Gianluca Rinaldini (PDL, consigliere regionale): è in corso il processo per corruzione e truffa e finanziamento illecito per la campagna elettorale del 2005.
  9. Monica Rizzi (LEGA, assessore allo sport): indagata nel 2011 per presunti dossieraggi a favore di Renzo Bossi
  10. Daniele Belotti (LEGA, assessore al territorio): indagato per i suoi rapporti con i tifosi dell’Atalanta, l’ipotesi di reato è concorso esterno in associazione a delinquere
  11. Giancarlo Abelli (PDL, ex assessore alla sanità): arrestato (ha poi patteggiato) per un giro di riciclaggio nell’ambito dell’inchiesta sul re delle bonifiche ambiental Giuseppe Grossi

fonte


Dal rapporto pubblicato dal Consiglio d'Europa emerge che nel 2011 l'Italia è il Paese con il maggior numero di sentente inapplicate
STRASBURGO - Ancora una volta l'Italia e' maglia nera davanti alla Corte di Strasburgo: nel 2011 e' risultato essere il Paese con il maggior numero di sentente inapplicate (2.522 su un totale di 10.689). La maggior parte dei casi e' legata alla lentezza della giustizia. E' quanto emerge dal rapporto pubblicato oggi dal Consiglio d'Europa.
E' il quinto anno consecutivo che l'Italia conquista il poco invidiabile primato del Paese con il maggior numero di sentenze della Corte europea per i diritti dell'uomo rimaste inapplicate. Un fenomeno legato alla 'giustizia lumaca' che fa del nostro Paese un 'sorvegliato speciale' in sede europea. Alle spalle del'Italia, nella classifica 2011 degli Stati 'inadempienti' stilata a Strasburgo, si colloca la Turchia con 1.780 casi seguita della Russia con 1.087 casi, della Polonia (924) e dell'Ucraina (819).
La vita media allunga, e questo per l'economia è un problema secondo il "Fondo Monetario Internazionale", secondo il quale la soluzione sarebbe l'innalzamento (ulteriore) dell'età pensionabile, il versamento di maggiori contributi e una riduzione del deficit: una "ricetta" che si traduce nell'INASPRIMENTO DELL'AUSTERITY: più anni di lavoro e più tasse... 

Staff nocensura.com
- - -
di Seguito l'articolo dell'ANSA:


Se vita 3 anni piu' lunga nel 2050, costi +50% - Gli asset sicuri scarseggiano e sui conti pubblici pesa il fattore longevita', che minaccia la sostenibilita' di bilancio con il rischio, in alcuni paesi, di far schizzare il rapporto debito-pil di oltre 50 punti percentuali. L'allarme e' del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), secondo il quale l'allungamento delle vita implica costi enormi che possono essere compensati con l'aumento dell'eta' pensionabile, il versamento di maggiori contributi e una riduzione del deficit. E' pero' necessario che i governi agiscano subito in quanto le misure ad hoc per mitigare i rischi ''impiegano anni per dare i loro frutti''. L'allungamento delle prospettive di vita ha ricadute sia sul settore pubblico sia sul settore privato. ''Le implicazioni finanziarie del vivere piu' del previsto sono molto grandi: se nel 2050 la vita media si allunghera' di 3 anni rispetto alle attese attuali, i costi gia' ampi dell'invecchiamento della popolazione aumenteranno del 50%''. Ed e' per questo che i governi devono correre ai ripari in fretta.
di Alberto Custodero

L'incredibile condizione di Vito Marciaracina, un recluso di 76 anni condannato all'ergastolo che sta scontando a Bari, le cui condizioni di salute - stando ad una perizia del Tribunale - risultano gravissime. Pur tuttavia, una neurologa, pur elencando le diverse patologie, sostiene che l'uomo non è in pericolo di vita, dunque deve restare in carcere. Presentata  un'interrogazione parlamentare 

È il caso di Vito Manciaracina, 76 anni, ristretto nel carcere di Bari, in una situazione disumana. Fra i tanti detenuti anche molto malati, è senz'altro il carcerato in peggiori condizioni di salute di cui si abbia notizia in Italia. A denunciare il suo stato, diventato ora anche un caso politico dopo un'interrogazione parlamentare dei radicali, del resto, non sono i familiari o l'avvocato, che in casi del genere hanno tutto l'interesse a strumentalizzarne le precarie condizioni di salute per ottenerne la liberazione. Ma è una consulenza medico legale, al di sopra di ogni sospetto in quanto disposta dal Tribunale di Sorveglianza di Bari. Tuttavia, nonostante quella perizia descriva un quadro clinico drammatico, i magistrati continuano a trattenerlo in cella, negandogli, inspiegabilmente, i domiciliari. E lasciandolo, di fatto, in uno stato di detenzione ai limiti della dignità umana: immobilizzato a letto con il pannolone, in stato confusionale, in preda a crisi epilettiche, in condizioni igieniche precarie.

Lo accudiscono i detenuti. Sono gli stessi detenuti, denuncia il suo avvocato Debora Speciale, "ad accudirlo per pietà, per quanto possono, ma col risultato che Manciaracina vive come un barbone in cella, sporco, maleodorante, le piaghe di decubito". Ecco come il medico legale del Tribunale - la neurologa del Policlinico barese Elena Tripaldi - riassume il quadro clinico dell'uomo, portato in carcere nel 2008 per scontare l'ergastolo nonostante fosse già allora semiparalizzato. Le sue gravi patologie, va detto, cominciano molto tempo prima della detenzione, ma peggiorano dopo l'ingresso in prigione.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi