*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 19 gennaio 2013

Vietnam, Nem Thuog, scene da un "rituale di inaudita crudeltà e brutalità"

IN VIETNAM IL 28 GENNAIO SI TERRA' PER L'ENNESIMA VOLTA,UN ATTO DI ATROCE BRUTALITA',NASCOSTO SOTTO LA SOLITA SCUSA DELLA "TRADIZIONE"

Il 28 gennaio come ogni anno, i cittadini di un piccolo villaggio in Vietnam,il villaggio di Nem Thuog,celebreranno la loro brutale festa durante la quale,un maiale viene prima fatto sfilare per le vie del villaggio, e poi colpito con delle enormi spade e letteralmente tagliato in due, con la folla vociante attorno che si diverte.
In seguito, migliaia di persone del villaggio e dei villaggi adiacenti, si riuniscono per spalmare il sangue del maiale sulle loro banconote, questo è ciò che prevede la tradizione. Il rituale viene fatto per “iniziare bene” il nuovo anno con la convinzione che sia di buon auspicio per l’economia locale e del paese.




Un povero maiale,immobilizzato e legato,viene condotto per ore in giro per il villaggio e dintorni,tra una folla schiamazzante che lo terrorizza ulteriormente.



Solo..terrorizzato..Ecco come lo tengono imobilizzato per ore,in attesa di una atroce morte.

Pannella: accordo con Storace, nessun imbarazzo

Marco Pannella
Pannella ha risposto alle critiche giunte dall'interno del partito a Storace: "E' stato cattivo amministratore, certo, ma peggio di Marrazzo e altri?". "Non mi trovo in imbarazzo, neanche verso l'elettorato" ha quindi spiegato il leader radicale

"Accogliamo la proposta, l'invito di Storace, che lui definisce tecnico, anche come risposta per un minimo di rivolta morale contro i comportamenti vergognosi che ci hanno ingannato e tagliato fuori". Ai microfoni di Radio Radicale, Marco Pannella annuncia quello che Emma Bonino e migliaia di militanti non vogliono sentire: c'è l'accordo "tecnico" con Storace per sostenerne la candidatura alla presidenza della Regione Lazio
Pannella ha risposto alle critiche giunte dall'interno del partito a Storace: "E' stato cattivo amministratore, certo, ma peggio di Marrazzo e altri?". "Non mi trovo in imbarazzo, neanche verso l'elettorato" ha quindi spiegato il leader radicale, per il quale, a differenza di Nicola Zingaretti, Storace ha chiesto la presenza in lista dei consiglieri radicali uscenti come 'controllori' dei conti pubblici regionali: "Nulla di piu' liberale".

Padre Quirino: un tragico inganno che sta paralizzando la vita del pianeta


Di Padre Quirino Salomone

Oggi l’assillo è il Debito Pubblico, un tragico inganno che sta paralizzando la vita del pianeta. Mi auguro i destarci tutti come fossimo stati coinvolti nel gioco di “scherzi a parte”. Ma si può sapere a chi lo Stato deve tutti quei miliardi di cui si è indebitato? Alla Banca d’Italia, sì, perché se li fa prestare per la sanità, le opere pubbliche, la scuola, le pensioni, i titoli di stato in scadenza. Qui sta l’inganno. Se la Banca d’Italia è creditore nei confronti dello Stato, dove ha preso i soldi che ha prestato? La teoria economica classica ci insegna che le banche prestano i soldi che hanno ricevuto in deposito dai risparmiatori. 

venerdì 18 gennaio 2013

Lista Monti a pezzi, Casini al minimo storico, Fini allo "zero virgola"

MONTI - FINI - CASINI - IN FULL MONTYMONTI A PEZZI - LA LISTA DEL PROF A PICCO ANCHE NEI SONDAGGI “AMICI”: PER IPSOS HA PERSO PIU’ DI UN PUNTO IN 7 GIORNI (DAL 12% AL 10,9) - LA BELLA GHISLERI, CHE SPESSO CI PRENDE, LO INCHIODA AL 6% - UDC E FLI AL MINIMO STORICO: 4% PER CASINI, COGNATA E GENERO - FINI RISCHIA LO ZERO VIRGOLA - MONTI NERVOSO PUNTA TUTTO SULLA “COMBINE” CON BERSANI - PRIMO COMIZIO, DOMENICA A DALMINE…

Fabio Martini per "la Stampa" (tratto da Dagospia)
MONTI - FINI - CASINI - IN FULL MONTY
Allarmismi non ne trapelano, eppure un filo d'ansia comincia a serpeggiare nell'entourage di Mario Monti. A 25 giorni dalla «salita in politica», l'operazione «Scelta civica» fatica a decollare, come dimostra la sequenza dei sondaggi più credibili: dopo una iniziale lievitazione delle intenzioni di voto per la Lista Monti, l'istituto Ipsos di Nando Pagnoncelli ha segnalato nell'ultima rilevazione (interviste svolte il 14 gennaio) una inversione di tendenza, con una significativa retrocessione, dal 12 per cento al 10,9, con una flessione dell'1,1%, che nell'arco di sette giorni è considerata poco incoraggiante dagli esperti del ramo.
monti casiniMONTI CASINI
Per non parlare dell'ultimo sondaggio di Euromedia della signora Ghisleri, che lavora per Berlusconi e spesso «ci prende»: «Scelta civica» è inchiodata ad un poco gratificante 6,0%. Con una aggravante dall'angolo visuale di Udc e Fli: l'ingresso in scena di «Scelta civica» rischia di cannibalizzare gli alleati, fenomeno anche in questo caso confermato dai sondaggi, che da qualche giorno stanno arretrando l'Udc verso una quota (il 4%) mai sfiorata neanche nel periodo della massima «quaresima». Per non parlare del Fli, la cui «nuova frontiera» sembra esser quella di restare sopra l'1 per cento.
CASINI E FINICASINI E FINI
E proprio il persistente stallo della Lista Monti rende infondate le illazioni più estensive circa il colloquio che si è svolto due giorni fa tra il presidente del Consiglio e Pier Luigi Bersani e riferito da due quotidiani. La voce secondo la quale tra i due sarebbe stato stipulato un «patto di non belligeranza» è stata smentita da diversi esponenti del Pd in una serie di dichiarazioni pubbliche, ma è soprattutto in privato che Monti e Bersani hanno chiosato senza equivoci il senso della chiacchierata: nulla di più che una messa a punto, nel tentativo di smussare alcune asperità.
A Bersani stava a cuore capire se fosse nella disponibilità di Monti convincere Gabriele Albertini a ritirarsi in Lombardia, favorendo così il candidato alla Regione del Pd Ambrosoli. Operazione troppo complessa da realizzare in zona Cesarini. E dunque, tra Monti e Bersani l'intesa è quella di un confronto elettorale senza asprezze personali, ma tosto nella sostanza.

PAS-FermiamoLeBanche non si presenta per mancanza di tempo

Marra: con in mano le firme e i candidati il PAS-FB&T rinunzia per mancanza di tempo per i chilometri da fare e gli adempimenti

Pur con in mano le firme e i candidati ho deciso di fermare la corsa folle per presentare, entro lunedì, il PAS-FermiamoLeBanche&LeTasse alle politiche, perché gli innumerevoli movimenti che hanno reso possibile questo miracolo sono confluiti nel PAS da una settimana e, per ricevere da tutta Italia e consegnare tutto in tutta Italia entro lunedì occorre, in termini di chilometri, adempimenti e passaggi, più tempo di quanto ce ne sia. Una settimana inoltre non è stata sufficiente né per un minimo di verifiche né per rendere coesi i gruppi confluiti, e i conflitti già sorti sulle posizioni di lista sarebbero credo degenerati. Conta però che il PAS è ora una realtà, e da oggi siamo al lavoro per le europee e per le prossime politiche, che si terranno tra pochissimo, perché l’identità di facce e di proposte che gli italiani si troveranno di fronte dal 21 gennaio 2013 innescherà un nuovo ma ben più vasto e profondo '92.

Alfonso Luigi Marra

Ufficio Stampa PAS-FermiamoLeBanche


Ridurre il numero dei parlamentari? Meglio falciare stipendio e privilegi...



Sarebbe meglio ridurre gli stipendi e tagliare alla base i privilegi, piuttosto che dimezzarli: obiettivo di programma della famosa loggia "P2", in quanto concentrerebbe il potere nelle mani di meno persone e renderebbe più "gestibile" il parlamento (meno parlamentari, meno dissidenti) in vista del voto di fiducia. I padri costituenti quando scrissero la Costituzione decisero di prevedere un numero di parlamentari sufficiente per 'coprire' tutto il territorio nazionale in modo capillare; i deputati dovrebbero interessarsi, in particolare, al territorio che li elegge: dovrebbero essere ''sentinelle'' che portano le istanze ed i problemi nelle sedi opportune, mentre invece sono visti come "parassiti" da un numero crescente di cittadini.

Un mito da sfatare è che nelle nazioni estere il numero dei parlamentari sia molto minore, ad eccezione degli USA (che non appaiono un 'modello' di democrazia) e degli stati più piccoli. Nelle nazioni demograficamente simili all'Italia non sono molti meno, e nel caso della Gran Bretagna sono persino di più.

NUMERO DEPUTATI E DATI DEMOCRAFICI DI ALCUNE NAZIONI:

ITALIA: 945 (301 340 km² , 60 870 745 abitanti nel 2012)

- Gran Bretagna: 1.348 (il record)
- Francia: 923
- Germania: 682
- Spagna: 606
- Austria: 386 (8.404.252 abitanti nel 2010, territorio 83 858 km², wikipedia)
- Svezia: 349 (9.495.113 abitanti al 31 marzo 2012, wikipedia)


A.R. per nocensura.com


Le Iene: "Poveri e illusi" - Le agenzie che rovinano le persone indebitate


Le Iene hanno indagato e fatto emergere il caso di un'agenzia che promette di risolvere i problemi di debiti con estrema facilità, millantando di ottenere sconti fantastici sui debiti, etc. mentre invece non risolvono niente e spillano a persone indebitate gli ultimi soldi, fino a migliaia di euro. Alla fine del servizio viene intervistata una signora che, truffata, si è ritrovata con rate da 300€ da pagare e persino fuori casa! Le persone con problemi economici si fanno illudere più facilmente di quanto si possa credere, con l'illusione di risolvere i problemi...

Un servizio che merita di essere guardato e divulgato.


Staff nocensura.com

Volterra, dove l'auto comunale consuma anche se resta ferma


Di Francesca Suggi per iltirreno.gelocal.it

In Comune l’auto consuma anche se resta ferma

VOLTERRA. Sono dotate di strani poteri magici quelle auto comunali. Con benzina che sembra evaporare, macchine su cui viene fatto il pieno - così risulta dalla carta carburante - che invece non si spostano di un centimetro dal garage, serbatoi con una capienza massima ben definita che, invece, “bevono” addirittura più litri di quanto ne potrebbero contenere. È un fenomeno misterioso quello che accade sul Colle da qualche tempo a questa parte. Già si era manifestato a ottobre e aveva preso la forma di un esposto alla guardia di finanza per la gestione allegra sia dei registri di marcia (introdotti nelle macchine da maggio, dopo una delibera di consiglio ma non utilizzati su tutte) che della scheda carburante. Caso che riguarda solo l’auto a disposizione degli organi istituzionali, la Fiat Brava per intenderci. Ora il giallo si infittisce: i controlli da parte degli uffici competenti si allargano agli altri mezzi e le irregolarità aumentano. Il risultato è una relazione dettagliata prima che si traduce in una nuova denuncia.
La nuova relazione inviata alla guardia di finanza il 20 dicembre si concentra su due auto di Palazzo, due Fiat Punto, una targata CK502XH e l’altra BD100EV. Periodo di verifica: 2007-2012. A tirare le conclusioni è il responsabile del servizio Finanziario del Comune di Volterra, Gianluca Pasquinucci che afferma: «Sussistono sufficienti elementi per ipotizzare un uso non corretto dei mezzi di proprietà comunale. Si ritiene pertanto necessario mettere a conoscenza codesta autorità ai fini dell’accertamento di possibili responsabilità». Il tutto sulla base dell’analisi dei consumi delle due auto in base ai registri di marcia per il periodo da maggio a settembre 2012 e anche delle verifiche nei mesi dello stesso anno ma precedenti all’introduzione dei registri.


Fonte: http://iltirreno.gelocal.it/pontedera/cronaca/2013/01/17/news/in-comune-l-auto-consuma-anche-se-resta-ferma-1.6365604

I ragazzi di "Lo Sai" a Grillo: "parla di Auriti e signoraggio. Casaleggio legata a JP Morgan"


I ragazzi di "LoSai" (Bravi!) hanno approfittato dell'incontro pubblico di Beppe Grillo che si è svolto a Teramo per "incalzarlo": "possiedi il blog più seguito e non hai pubblicato nemmeno un articolo sul signoraggio" - "parla di Auriti, di signoraggio!"  - "Casaleggio ha legami con JP Morgan, che ha triplicato gli utili con la crisi, negli ultimi tre anni"

All'invito a parlare delle teorie del prof. Giacinto Auriti la risposta del "comico" è stata questa: "Auriti? E' morto dieci anni fa"; e pensare che il compianto professore definiva Beppe Grillo "il suo allievo più brillante", Auriti lo elogiava per la sua capacità di illustrare e sviscerare con semplicità concetti di non semplice comprensione; sopratutto diversi anni fa, quando non era disponibile la copiosa "letteratura" sull'argomento disponibile oggi in rete.

Anche sulle teorie e sulle iniziative del Prof. Auriti, che arrivò a querelare la banca centrale italiana (vedi qui è disponibile molto materiale: visitate il sito simec.org oppure cercate il suo nome su Youtube (sono online numerosi suoi monologhi o dialoghi trasmessi dalle tv locali) oppure su Google.



"Io non INSINUO che voi banchieri siete dei delinquenti, lo AFFERMO" ... rispose così, il prof. Auriti, al Direttore della Banca d'Italia di Rieti, al qualche propose di sporgere denuncia per diffamazione...

Vedi anche: Romano Prodi contestato a Bergamo, Ottobre 2012:


Staff nocensura.com


giovedì 17 gennaio 2013

Borsellino "scarica" Ingroia: "In lista uomini di partito"

Berlusca - Ingroia nemici amici, due facce dello
stesso sistema politico.
di Accursio Sabella


Il fratello del magistrato ucciso da Cosa nostra: "Non posso più sostenere 'Rivoluzione civile': i due giovani delle Agende Rosse, da me proposti, sarebbero stati piazzati dietro a gente imposta dalla politica e a soggetti scelti solo per la loro visibilità mediatica". Le liste siciliane saranno guidate dallo stesso Ingroia. Alle sue spalle Fabio Giambrone, Giovanna Marano e Franco La Torre.

PALERMO - Vai a capire l'antimafia. In un giorno che forse lo stesso Antonio Ingroia derubricherà come “paradossale”, l'ex pm incassa, in un colpo solo, gli apprezzamenti di Massimo Ciancimino, figlio del sindaco mafioso di Palermo, e l'addio di Salvatore Borsellino, fratello del giudice-simbolo della lotta a Cosa nostra. Vai a capire l'antimafia, davvero. Che eppure nelle liste di “Rivoluzione civile” darà spazio Franco La Torre, figlio di Pio La Torre, altra vittima di Cosa nostra, ed esempio della politica che decide di opporsi concretamente alla criminalità organizzata. Sarà La Torre, infatti, a correre come “secondo” nella lista della Sicilia Occidentale per la Camera dei deputati. Lo stesso Ingroia, infatti, guiderà tutte le liste siciliane. Così, gli altri “secondi” saranno Giovanna Marano (che sostituì in extremis il candidato di Sel Claudio Fava alle ultime elezioni regionali siciliane) nel collegio della Sicilia orientale per la Camera, mentre il coordinatore regionale di Italia dei Valori Fabio Giambrone sarà alle spalle dell'ex pm nella lista per il Senato.

FORZA FERDINANDO IMPOSIMATO !!!

Prima il "Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione" Ferdinando Imposimato (profilo FB:https://www.facebook.com/ferdinando.imposimatoii?fref=ts ) ha dichiarato pubblicamente che le stragi dell'11 Settembre sono state un "inside job" (vedi http://www.nocensura.com/2012/09/11-settembre-imposimato-denuncia-l11.html) MENTRE IERI HA AVUTO IL CORAGGIO DI DICHIARARE CHE DIETRO ALLE STRAGI DI STATO C'è IL GRUPPO BILDERBERG A CUI APPARTENGONO MARIO MONTI, ENRICO LETTA, GIULIO TREMONTI E ALTRI POLITICI DI TUTTI GLI SCHIERAMENTI... (vedi: http://www.nocensura.com/2013/01/ferdinando-imposimato-dietro-le-stragi.html)

IN UNA SOCIETA' DOVE LA MAGGIORANZA DI COLORO CHE SONO CONSAPEVOLI DELLA VERITA' (DALLA TRUFFA MONETARIA AL FATTO CHE IL MONDO SIA COMANDATO DA UN'ELITE) TACCIONO PER INTERESSI (perché che molti cittadini non sappiano è non solo possibile, ma probabile: visto che i mass media non ne parlano...) MA CHE I GIORNALISTI, I MAGISTRATI E MOLTI ALTRI NON SAPPIANO LA VERITA' NON CI POSSIAMO CREDERE...!!!

Sosteniamo Ferdinando Imposimato e tutte le personalità che parlano della VERITA' CENSURATA...!!!



Alessandro Raffa per nocensura.com

Il calendario delle prossime iniziative della Fondazione UniVerde:

Riceviamo e pubblichiamo, il calendario delle prossime iniziative della Fondazione UniVerde:
_________________

ROMA - VILLA CELIMONTANA (VIA DELLA NAVICELLA 12)

21 GENNAIO 2013, ORE 15.00

CONVEGNO

Rinaturalizzazione e valorizzazione delle Zone Umide:

il caso della Sentina

Al termine del convegno si terrà un rinfresco.

Invito e programma in allegato

Ingresso libero previa registrazione a: info@fondazioneuniverde.it


___________________________

PADOVA (24 Gennaio 2013) - CATANIA (4 Febbraio 2013) – BOLOGNA (6 Marzo 2013)

MOSTRA  

"Obiettivo Terra: la forza della natura"

Dopo il grande successo della mostra in occasione degli EXPO Internazionali di Venlo (Olanda) e Yeosu (Corea del Sud) e delle prime tappe italiane tra cui Milano, Roma, Torino, Firenze e Napoli, si anticipano alcune delle prossime esposizioni della mostra:



PADOVA (Hotel NH Mantegna – via Nicolò Tommaseo 61)

Inaugurazione: giovedì 24 Gennaio 2013, ore 18.00

(Invito e locandina in allegato)



CATANIA (NH Bellini – Piazza Trento 13)

Inaugurazione: lunedì 4 Febbraio, ore 18.00

(Invito e locandina presto sul sito www.fondazioneuniverde.it)



BOLOGNA (NH Bologna De la Gare – Piazza XX Settembre 2)

Inaugurazione: mercoledì 6 Marzo, ore 18.00

(Invito e locandina presto sul sito www.fondazioneuniverde.it)
Ulteriori info presto sul sito www.fondazioneuniverde.it





__________________________________


SAVE THE DATE

MILANO (FIERA DI MILANO RHO - BIT 2013)

15 FEBBRAIO 2013, ORE 10.30

PRESENTAZIONE DEL TERZO RAPPORTO

"Gli italiani, il turismo sostenibile e l'ecoturismo"



      realizzato dalla Fondazione Univerde con IPR Marketing



Invito e programma presto sul sitowww.fondazioneuniverde.it

Ingresso libero previa registrazione a: info@fondazioneuniverde.it


UE: Borghezio dopo le accuse di Imposimato: "Montii chiarisca legami con Bilderberg"

L'intervento del leghista Borghezio, che in solitaria da anni cerca di 'contrastare' Bilderberg, Trilateral etc. in merito alla clamorosa dichiarazione di Ferdinando Imposimato: "Dietro le Stragi di Stato, il Gruppo Bilderberg" 


(AGENPARL) - Bruxelles, 16 gen - "Le pesantissime accuse formulate pubblicamente da un autorevole magistrato come Ferdinando Imposimato circa il ruolo occulto svolto dal Club Bilderberg dietro le quinte dello stragismo esigono, da parte del premier Monti, chiarimenti e spiegazioni. Come può non dover giustificare, a questo punto, i suoi stretti rapporti con il Bilderberg, che di recente, in occasione del primo anniversario della sua salita al Governo, lo ha festeggiato a Roma in una riunione a porte chiuse, durante la quale - come ha confermato questa mattina a Strasburgo il Ministro Fornero, anche essa presente - Monti ha pronunciato uno 'speech'... Monti deve queste spiegazioni - e, forse, le dovrebbe anche il Presidente Napolitano, che lo ha imposto e, oggi, non può dire di non conoscerne la vicinanza a questa super-loggia mondialista - posto che molti atti del suo Governo non hanno altra 'ratio' se non quella di rispondere agli interessi dell'alta banca e dell'alta finanza". Lo afferma in una nota l'on. Mario Borghezio Deputato Lega Nord al P.E.


Fonte: http://www.agenparl.it/articoli/news/esteri/20130116-ue-borghezio-lnp-dopo-le-accuse-di-imposimato-monti-chiarisca-i-legami-con-il-bilderberg

Dalla bacheca Facebook del giornalista Carlo Gubitosa:

Dalla bacheca Facebook del giornalista Carlo Gubitosa:

Rivoluzione civile o Involuzione Incivile? Se avete preso botte a Genova o in altre occasioni solo per aver protestato contro qualche ingiustizia sappiate che il rivoluzionario Ingroia sta candidando il sindacalista di polizia Giardullo del SILP, apertamente contrario ai codici identificativi sulle divise per poter risalire ai responsabili in caso di abusi. A Giardullo e Ingroia dedico un articolo pubblicato tempo fa su "Liberazione", indirizzato anche al SILP e per il quale non mi e' mai stata data risposta. Che rispondano adesso se vogliono i voti dei noglobal, dei notav e dei norepressionepoliziescadelgoverno

http://www.mamma.am/mamma/articoli/art_6876.html




mercoledì 16 gennaio 2013

Barnard: perché non rispondo più su Grillo e M5S


grillobeppe
Articolo di PAOLO BARNARD
Il M5S ha un problema gravissimo, le cui proporzioni sono quelle di un brontosauro che sta nel tuo bagno. Ma non lo vede. Non lo vede per ciò che ho già scritto, perché Casaleggio lavora per annullare i cervelli di centinaia di milioni di persone attraverso programmi di massificazione e massmanipolazione della Rete che sono apertamente descritti dalla sua azienda. Non ne fa neppure un mistero, non si nasconde come fece Gelli, lo dice alla luce del sole, tale è la sua arroganza e sicumera in quello che fa.
Il M5S è diventato una setta molto più cerebralmente annullata di Scientology, è totalmente inutile discutere con loro, non hanno più reazioni neuronali vive.
Il brontosauro:
A) La Casaleggio Associati detta tutto ciò che Grillo fa e dice, espelle, caccia, accetta, dirige, e il comico obbedisce.
B) La Casaleggio Associati è un’impresa con legami a 360 gradi nel mondo bancario internazionale, delle Telecom, della speculazione in equities, ha un fatturato e deve rispondere a quello.
C) Il M5S è il primo partito italiano nella storia del Paese che è interamente controllato da un’azienda privata specializzata in massificazione e massmanipolazione di massa. Assai più radicalmente del PDL. Neppure negli USA questo è mai stato possibile.

Signoraggio Bancario & Speculazione finanziaria sui Titoli di Stato


Tra le varie personalità che si avvicendano nel video per parlare di signoraggio e sovranità monetaria c'è Giulio Tremonti: perché non ne parla anche oggi, in campagna elettorale? Perché non ci spiega cosa ci faceva al meeting Bilderberg 2011?


Staff nocensura.com

DRAMMA SFIORATO Litiga in banca e minaccia il suicidio Rintracciato e salvato dalla polizia


DRAMMA SFIORATO
Litiga in banca e minaccia il suicidio Rintracciato e salvato dalla polizia
Gli agenti lo trovano sull’argine di un fiume e alla fine lo convincono a desistere
FAENZA. Il tempestivo ed efficace intervento di una volante della polizia del commissariato manfredo ha contribuito in modo determinante, nella serata di venerdì, a salvare una vita.
La discussione in banca. Alle 18 circa del pomeriggio, a seguito di una richiesta giunta alla sala operativa del commissariato, una volante ha raggiunto piazza della Libertà, dove il richiedente, responsabile di un istituto di credito, si stava lamentando di un loro cliente piuttosto alterato davanti alla porta della banca. Il cliente “agitato” è stato di conseguenza identificato: ha dichiarato di avere avuto un contenzioso con la banca e la direzione si rifiutava di fornirgli adeguate risposte e soluzioni.
La moglie. L’uomo era in compagnia della moglie che, a fatica, riusciva a convincere il marito a seguirla per andare a casa. Poco dopo i coniugi si allontanavano e la situazione appariva risolta. L’uomo era un correntista dell’istituto di credito e nel passato aveva già avuto comportamenti ostili verso il personale della banca.
L’allarme e le ricerche. Dopo circa un’ora la moglie dell’uomo ha contattato nuovamente il 113: il marito si era allontanato e l’aveva poi chiamata dicendole di volersi buttare da un ponte. Vista la situazione, venivano attivate ricerche in tutte le zone della città che potevano considerarsi d’interesse, mentre la centrale operativa, dopo numerosi tentativi andati a vuoto, riusciva finalmente a localizzare la posizione del telefono cellulare dell’uomo.

Esclusivo: la Germania ritira il suo oro

Non sta chiedendo il ritiro del suo oro Chavez o qualche dittatore di secondo piano, ma lo sta chiedendo la quarta potenza economica mondiale e la seconda maggiore riserva di oro al mondo

gold-bars-300x195.jpg

La Germania ha la seconda riserva aurea del pianeta, con circa3.400 tonnellate d’oro. Di questa quantità solo il 31% è conservato a Francoforte, mentre il restante 45% è negli Stati Uniti, il 13% in Francia e l’11% nel Regno Unito. Ora, secondo le indiscrezioni del tedesco Handelsblatt, la Bundesbank ha deciso di iniziare a rimpatriare una parte dell’oro conservato dalla FED e anche di quello depositato a Parigi, per testare l’autenticità dei lingotti d’oro che verranno consegnati. Inoltre, la testata tedesca sottolinea come la distribuzione di oro tedesco fuori dalla Germania sta per cambiare, quindi la prossima settimana inizierà il rimpatrio parziale dell’oro tedesco e poi gradualmente la quota da rimpatriare incrementerà. Questo è veramente un cambiamento di grandissima importanza perché simboleggia come la fiducia tra le banche centrali sia venuta meno. Ora la questione si complica se si pensa che la Bundesbank a novembre dichiarò questa faccenda della corsa al rimpatrio di oro inutile e che non voleva assolutamente ritirare parte delle sue riserve. Quindi cosa vorrà significare questo improvviso cambiamento? Preoccupazione per la fiducia e credibilità del governo e della banca centrale statunitense?

Una legge USA autorizza la sorveglianza di massa dei cittadini europei


Una legge USA autorizza la sorveglianza di massa dei cittadini europei
Di italian.irib.ir

di Ryan Gallagher – Slate. Europei, prendete nota: il governo USA si è auto-attribuito il diritto di spiarvi segretamente.

 Alè servi!

Il fatto emerge da una nuova relazione fornita al Parlamento Europeo, con la quale si mette in guardia sul fatto che una legge USA sullo spionaggio, modificata l’anno scorso, autorizza una «sorveglianza meramente politica sui dati relativi a stranieri» se questi sono immagazzinati usando servizi cloud statunitensi come quelli forniti da Google, Microsoft e Facebook.
Gli europei avrebbero già dovuto essere allarmati dal fatto che il PATRIOT Act può essere usato per ottenere dati su cittadini residenti al di fuori del suolo USA. Ma stavolta, al centro dell’attenzione è una legge diversa: il Foreign Intelligence and Surveillance Amendments Act (FISA), che solleva «un rischio ancora maggiore nei confronti della sovranità UE sui dati rispetto ad altre leggi finora prese in considerazione dai decisori politici europei».
È quanto risulta all’interno di una relazione pubblicata di recente e intitolata: «Fighting Cyber Crime and Protecting Privacy in the Cloud», («Combattere i ciber-reati e proteggere la riservatezza nella Nuvola informatica», NdT) prodotto dal Centre for the Study of Conflicts, Liberty and Security.
Il FISA Amendments Act è stato introdotto nel 2008, e ha legalizzato in modo retroattivo l’utilizzo del controverso programma di «registrazioni telefoniche senza garanzie» (“warrantless wiretapping”, nell’originale, NdT) iniziato dall’amministrazione Bush a seguito dei fatti dell’11 settembre. Alla fine del mese scorso il FISA è stato prorogato fino al 2017. Nel corso di questo processo, si è acceso un aspro dibattito in merito al modo in cui esso potrebbe violare la privacy degli americani.
Ma in realtà sono i cittadini che vivono sotto giurisdizioni straniere a dover essere ancora più preoccupati, afferma Caspar Bowden, co-autore della relazione ed ex consulente capo per la privacy per Microsoft Europa.
Secondo Bowden, l’emendamento FISA del 2008 ha creato un «potere di sorveglianza di massa» mirato specificamente a dati di persone non-statunitensi, residenti fuori dall’America ed applicabile al sistema di cloud computing.
Ciò vale a dire che aziende USA con una presenza nella UE possono essere costrette – in base a ordine di sorveglianza segreto emanato da un tribunale segreto – a consegnare dati sui cittadini europei.

Bocciato simbolo "liberi da Equitalia", Pisani: "motivazioni Viminale assurde"

Il simbolo bocciato
Elezioni, Pisani Liberi da Equitalia: "cambieremo logo ma resteremo in corsa, motivazioni Viminale assurde"

“Secondo il Viminale, il nostro contrassegno, lede l’art.54 della Costituzione perché incita al contrasto e alla violenza e perché la società non ha dato il consenso all’utilizzo del nome: due motivi che non hanno alcun fondamento”.  lo dichiara in una nota il Presidente del movimento “Liberi da Equitalia” l’avvocato Angelo Pisani che spiega le insussistenze dei rilievi mossi dal Ministero dell’Interno. “Anzitutto Equitalia non è una società commerciale e non dovrebbe guadagnare sulle tasse dei cittadini quindi non doveva dare nessun consenso all’utilizzo del nome. Quanto al resto ontestiamo con fermezza l’ipotesi di essere incitatori di contrasto e di violenza in quanto lo Statuto del nostro movimento, e l’indole di ognuno di noi, mirano a una riforma fiscale e del sistema di riscossione per l’equità fiscale attraverso interventi di cultura legalità informazione e trasparenza condannando da sempre ogni forma di violenza anche contro Equitalia come quelle di autolesionismo dei contribuenti. Non a caso sono nati studi professionali anti Equitalia formati da avvocati e commercialisti non certo da terroristi”. Pisani attacca: “Prima avevamo un consenso della stragrande maggioranza dei cittadini: parla chiaro il sondaggio realizzato da Sky Tg24 che su 15mila intervistati attestava l’81% di gradimento del movimento anti Equitalia.  Evidentemente abbiamo toccato nervi scoperti di un sistema che molto spesso con metodi errati e dovuti a leggi medioevali ha pregiudicato i diritti di molti cittadini. Pisani annuncia: “Cambieremo il logo ma soltanto per evitare che una mossa della vecchia burocrazia possa non consentire la partecipazione alla competizione elettorale del nostro movimento.  Depositeremo il nuovo simbolo nei termini previsti ma intanto – conclude il leaderl del movimento “Liberi da Equitalia” – valutiamo comunque il ricorso in Cassazione fino alla Corte dei Diritti dell’uomo a Strasburgo per difendere i diritti di quell’80% che ha sposato la nostra causa di diritto”.

il nuovo simbolo


Ferdinando Imposimato: "Dietro le Stragi di Stato, il Gruppo Bilderberg"

Grandissimo Ferdinando Imposimato! Grazie! Ora vediamo se i servi sciocchi del sistema daranno del "complottista" pure a te... che sia di esempio per gli alti funzionari dello stato che SANNO e TACCIONO per comodo... avallando la mattanza degli italiani... senza capire che un giorno anche loro pagheranno le conseguenze del delirio del gruppetto di banchieri massoni...

Staff nocensura.com

- - - - -
Il Gruppo internazionale Bilderberg implicato nelle stragi degli anni Settanta e Ottanta in Italia operate prima dai nuclei terroristici neri e poi dalla mafia. A rivelarlo è il Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione (mica pizza e fichi), Ferdinando Imposimato, durante la presentazione napoletana del suo nuovo libro "La repubblica delle stragi impunite". "Ormai sappiamo tutto della strategia del terrore, che fu attuata dalla struttura Gladio (Stay Behind) in supporto ai servizi segreti (non deviati) italiani" conferma Imposimato "La strategia serviva a scoraggiare l'instaurarsi di governi di sinistra ed era orchestrata dalla Cia".



Quanto affermato perciò dal Presidente Imposimato è sconvolgente, se consideriamo la levatura dalla quale si apprende questa verità, Imposimato infatti è una persona attendibilissima, ed è per questo che ci chiediamo come sia possibile allora, che pur sapendo la verità esatta e composta di come si svolsero i fatti che riguardano le stragi di stato, le persone colpevoli di tutto questo, siano "protette" da leggi ad personam, e siano libere di girare indisturbate per l'europa, senza che per loro sia un problema.

Noi italiani, pretendiamo che sia fatta giustizia, che siano resi pubblici i nomi e i cognomi dei responsabili che hanno attraverso la strategia del terrore, manipolato votazioni, convinto politici a fare cose immonde, sacrificando il popolo italiano sull'altare della grande finanza internazionale, e che quindi paghino per i loro sporchi crimini, che sia la giustizia del popolo italiano a decidere per le loro malefatte.


Fonte: http://noicontroilsistema.blogspot.it/2013/01/ferdianndo-imposimato-dietro-le-stragi.html

martedì 15 gennaio 2013

Chi finanzia le femministe ucraine FEMEN? Il sistema che "combattono"?

FEMEN Франция FEMEN
© Foto: «La Voce della Russia»

Una giornalista di un canale televisivo ucraino è riuscita ad infiltrarsi nel controverso movimento femminista FEMEN.

La ragazza è entrata a far parte dell'organizzazione, dichiarandosi convinta sostenitrice delle loro idee e partecipava personalmente alle azioni di protesta in topless, registrando il tutto con una telecamera nascosta. Si è scoperto che dietro gli ideali di emancipazione femminile in realtà ci sono finanziatori dell’Europa e degli Stati Uniti.

Per smascherare FEMEN la giovane giornalista si è dovuta “sacrificare” partecipando alle loro azioni in topless. Per settimane era stata addestrata per come tenere un comportamento aggressivo e come attrarre l'attenzione dei giornalisti fingendo di essere una vittima innocente del “sistema sessista”. Cosa più importante le è stato insegnato come mostrare davanti la telecamera il suo seno.

Il debutto in topless della giornalista è avvenuto a Parigi dove FEMEN aveva recentemente aperto un nuovo ufficio di rappresentanza. Alcune attiviste hanno organizzato una manifestazione nel loro stile mostrando il seno davanti il centro culturale islamico parigino. La giornalista era terrorizzata, respirava l’odio della gente che sentiva derisa la propria fede:

Cannabis. Coltivazione per uso personale offende salute individuale e pubblica? NO!


Articolo di Claudio Miglio, Lorenzo Simonetti *

Da Aduc.it

Fare l’elemosina a un uomo nudo, per strada, non esaurisce gli obblighi dello Stato, che deve assicurare a tutti i cittadini la sopravvivenza, il nutrimento, un vestire dignitoso, e un modo di vivere che non contrasti con la sua salute. 
Montesquieu, De l’esprit des lois, Livre XXIII, chap. XXIX (1748)

La legge è uguale per Tutti: non dimentichiamo le decine di processi persecutori contro Pierpaolo Pasolini il quale sapeva che le conquiste di libertà sono fragili se la denuncia delle molte illibertà che ancora rimangono non viene continuamente riproposta con intransigenza!
Pierpaolo Pasolini non rientrava nell’uomo medio, perché sapeva bene quel che c’è dietro l’uomo medio, e lo scrive al tempo de La Ricotta: “un mostro, un pericoloso delinquente, razzista, conformista, schiavista, colonialista, qualunquista”. La qualificazione di “criminale”, quindi, è ritorta contro i suoi stessi persecutori.

E allora, basta diseguaglianze nell’applicazione di norme in materia di stupefacenti oramai prive di un substrato di realtà!
Basta condanne per coltivazione identificando il cittadino come uno spacciatore!
Basta umiliazioni di ogni sorta e genere (non solamente processuali) per i coltivatori!
E’ arrivato il momento di presentarsi dinanzi ai Tribunali italiani con una valida questione di legittimità costituzionale e non limitarsi più a profili formali di mancata attuazione di disposizioni normative prive, peraltro, di efficacia diretta.
E’ arrivato il momento di reagire di fronte agli arbitri giudiziari presentando con coraggio giuridico la questione di legittimità che entri nel merito della problematica della coltivazione!


Nei processi che stanno per iniziare e in cui avremo l’onore di assumere la difesa di piccoli coltivatori in proprio, si affermerà la libertà di coltivare dell’individuo e di esprimersi nella società: il coltivatore (e il consumatore) non dovrà più essere giudicato come un potenziale spacciatore ovvero come qualcuno che possa offendere il bene astratto della salute pubblica.

I fondi del caffé: una miniera di antiossidanti



fondi-caffe

Di Roberta Ragni per greenme.it
Guai a chiamarli rifiuti. Non servono solo come concime per le piante, repellente per insetti e valido aiuto per le pulizie domestiche: i fondi di caffè sono anche una vera e propria miniera di antiossidanti. Un gruppo di ricerca guidato da Maria Paz de Peña, docente di Nutrizione e Scienze degli Alimenti dell'Università di Navarra, rivela che i fondi di caffè, considerati troppo spesso solo come semplici scarti, potrebbero essere una risorsa preziosa per la produzione di integratori alimentari.

maria pazSecondo l'autrice principale dello studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, come si legge in una nota, "ogni anno vengono generati circa 20 milioni di tonnellate di rifiuti dal consumo di caffè. Di questi, la maggior parte finiscono nella spazzatura. Tuttavia, questo lavoro mostra come i fondi di caffè che rimangono nel filtro hanno la stessa quantità di antiossidanti del caffè in grani stesso".
Prima di giungere a questa conclusione,l team ha analizzato la quantità di antiossidanti presenti nei fondi di caffè derivati da diversi metodi di preparazione (e di consumo), scoprendo che una maggiore quantità di antiossidanti si può trovare nei fondi di caffè preparato con le capsule, i filtri e l'espresso da bar.

Nome

Email *

Messaggio *