Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

sabato 5 novembre 2011
Un'indagine pubblicata su "la Repubblica" rivela (con toni allarmistici") che il 19% degli italiani ha rinunciato o rimandato "controlli, interventi o esami medici" a causa delle difficoltà economiche.

Un articolo interessante, mi sono detto, da "dare in pasto" ai lettori di "Cose che nessuno ti dirà".


Leggendo l'articolo, stavo inevitabilmente, ho pensato che anch'io faccio parte di "quel 19%" di cittadini, visto che più volte ho rimandato visite nel migliore dei casi al mese successivo, perché magari in quel periodo dovevo far fronte al "salasso" della RC auto, cambiare le gomme alla stessa, o comunque in quel momento mi "scomodava" tirare fuori i soldi necessari per il dentista, o altro. Mi è tornato a mente che tempo fa avevo programmato di sottopormi a un controllo dal dermatologo, per fargli valutare alcuni "nei", che nonostante non mi diano fastidio, sono "in rilievo" e comunque è buona norma far vedere a uno specialista: che dopo avergli dato un'occhiata sommaria, sorridendo a 32 denti (lo credo bene che è felice) pretende un bel "foglio verde" con su scritto 100 Euro. Mi è venuto in mente che sono anni che non vado dall'oculista, e che dovrei farlo.

Ma se io che percepisco uno stipendio e non ho figli faccio parte di quel 19%, possibile che l'81% dei cittadini italiani non abbia questi problemi? Allora mi sono guardato intorno, e ho rivolto questa insolita domanda ad alcuni amici, aprendo un piccolo dibattito in un messaggio Facebook rivolto ad alcune persone; che praticamente tutte, hanno confermato di aver vissuto situazioni simili, salvo rinunciare a tutto "il rinunciabile", pur di sottoporre a tutte le visite e gli esami necessari i propri figli.

Ho lanciato il sondaggio su Facebook: Hai mai rimandato "controlli, esami o interventi medici" per motivi economici ? e a distanza di "circa due ore", per citare la definizione di Facebook, il risultato provvisorio è il seguente:




SI 614
NO 120


Un risultato ben diverso, da quello della ricerca illustrata da "la Repubblica" secondo il quale, solo il 19% dei cittadini aveva rimandato "controlli, esami, o interventi medici", mentre secondo il sondaggio fatto sulla nostra pagina Facebook, evidenzia una realtà molto diversa, praticamente l'opposto: 1 su 5 non ha avuto di questi problemi...


Il dato emerso da Facebook quanto è attendibile? 

Bisogna considerare che una parte dei cittadini, presumibilmente proverebbe vergogna nel rispondere "SI" alla domanda: in quanto, aver difficoltà economiche nella cultura generale, è percepito quasi come "una colpa", una "mancanza", una cosa da nascondere, quasi una colpa. Nella società dove "si è per ciò che si appare", dove vengono chiesti prestiti per acquistare cellulari costosi, dove qualcuno lavora per mantenere una macchina al di sopra delle sue possibilità economiche... ci auguriamo che coloro che "si vergognano di votare SI", si astengano dal partecipare, anziché votare "NO" nonostante ciò non corrisponda al vero...

Inoltre l'età media degli utenti Facebook è bassa: mentre nella fascia di età 15-40 Facebook è diffusissimo, la percentuale di cittadini iscritta diminuisce nella fascia di età 40-60, mentre di over 60 ce ne sono pochi:


QUALE SARA' LA PERCENTUALE DI PENSIONATI CHE RINUNCIANO A "VISITE, ESAMI E INTERVENTI MEDICI" ? Se una buona percentuale di cittadini "giovani e lavoratori", che generalmente godono di buona salute, sono costretti a rinunciare o rimandare "controlli, esami e interventi medici", quale sarà la situazione delle categorie più deboli,  come i pensionati, che con una pensione misera nella maggior parte dei casi,  percepiscono un assegno veramente basso? La maggioranza degli anziani sono costretti a "devolvere" buona parte della loro pensione alle lobby farmaceutiche, e si rivolgono spesso al "medico di base" (come sa bene chiunque ha fatto la fila dal dottore almeno una volta) tuttavia la musica cambia quando devono richiedere prestazioni specialistiche: che spesso sono NECESSARIE, visto i tempi di attesa per gli esami nelle strutture pubbliche!


Ognuno si faccia una propria idea...


Alessandro R. - collaboratore di nocensura.com



Condividi su Facebook

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Tante volte ho dovuto rimandare per poter fare visite ed esami ai miei figli e a tanti controlli se non urgenti non li ho fatti,troppo caro farli

Anonimo ha detto...

Ciao sono un vostro accanito lettore, secondo me però per fare un'indagine più accurata e precisa bisognerebbe anche verificare su chi sono i lettori di nocensura.com a quale fascia appartengono in maggioranza, età ecc..
comunque bell'articolo come tutti quelli che postate.. Buona Serata

Gaetanina ha detto...

Purtroppo si, l'ho fatto e lo faccio e non solo per me....Eppure un lavoro ce l'ho. E non sono nemmeno incosciente. Pur sapendo a cosa si va incontro con questa trascuratezza, sono stata obbligata a farlo. D'altra parte se si prenota alla Asl i tempi di attesa, ti mettono nella stessa situazione. Per una visita oculistica a volte si arriva a 6 mesi e per il dentista non ne parliamo nemmeno. Con l'aumento dei tickets anche questo può essere un privilegio...Ma nelle Regioni in "rosso" nel settore sanità anche fare controlli per il tumore diventa una facoltà riservata a pochi privilegiati. Quindi se la vita ti dà una chance per combatterlo, la Società ti condanna...

Anonimo ha detto...

anche a me è successo spesso..

Anonimo ha detto...

IL 30 DIC 2007 HO AVUTO UN BRUTTO INCIDENTE D' AUTO KE MI HA TENUTO ALLETTATO PER 5/6 MESI DOPO I QUALI HO DOVUTO PORTARE UN BUSTO X ALTRI 3, L'ANNO PRIMA AVEVO PERSO MIO PADRE A CAUSA DI UN OPERAZIONE SBAGLIATA ( MA MAI APPURATA DAVVERO DA PARTE DEGLI ORGANI PREPOSTI ) CHE ERA ANCHE L' UNICO CHE LAVORASSE, IO LAVORAVO A NERO CON CONSEGUENTE PERDITA DEL LAVORO, MIA MADRE CASALINGA SI E' RITROVATO A DOVER FAR FRONTE AD INGENTI SPESE PER LA MIA SALUTE, MA PERCEPENDO SOLO IL MINIMO DI PENSIONE LA SITUAZIONE E' DEGENERATA, CONSEGUENZA DI QUESTO HO DOVUTO RINUNCIARE A TERAPIE DI RIABILITAZIONE ETC. L'INCIDENTE MI HA PROCURATO LESIONI A SEI VERTEBRE E TRE ERNIE DEL DISCO CHE MI HA RESO DIFFICILE LAVORARE NEI SOLITI CAMPI, MURATORE, IMBIANCHINO, FACCHINAGGIO, MANOVALANZA ETC. MI SONO RITROVATO, ANZI CI SIAMO RITROVATI IN UNA SITUAZIONE DI INDIGENZA, DOVENDO VENDERE CASA E ALTRO....IL 26 DIC 2010, MIA MADRE HA AVUTO UN EMORRAGIA CELEBRALE ED E' DECEDUTA IL 5 GEN 2011, SICURAMENTE CAUSATI DAI FORTI STRESS SUBITI, CMQ SIA IO MI SON RITROVATO ORFANO ED DISOCCUPATO ED ANCORA E' COSI', NN VI DIRO' COME FACCIO A TIRARE AVANTI, PER DIGNITA', MA DI CERTO POSSO DIRVI KE NN HO POTUTO FARE ALCUN CONTROLLO PER LA MIA SALUTE, ANZI AGGRAVANDOLA PER POTER MANGIARE IN LAVORI SOTTOPAGATI E SEMPRE A NERO. DA UN PO' SONO STATO ESENTATO DAL TICKET SANITARIO, MA PARECCHIE VISITE SI PAGANO CMQ. SPERO KE PRESTO QUALCOSA DI BUONO MI ACCADA, MA ANCHE LA SPERANZA STA DIVENTANDO UN MIRAGGIO.......

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi