Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo esteri editoriale economia scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine libertà scienza censura lavoro cultura infanzia animali berlusconi chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo europa giovani OMICIDI DI STATO notizie eurocrati carceri banche satira immigrazione scuola facebook renzi euro grillo manipolazione mediatica bilderberg pensione mondo signoraggio guerra alimentari massoneria razzismo poteri forti sovranità monetaria manifestazione Russia finanza debito pubblico tasse disoccupazione travaglio militari ucraina UE banchieri trilaterale mario monti germania geoingegneria agricoltura israele marijuana Grecia siria vaticano big pharma inquinamento ogm parentopoli bambini canapa napolitano Traditori al governo? enrico letta obama terrorismo nwo tecnologia vaccini PD cancro equitalia palestina Angela Merkel austerity sondaggio armi meritocrazia suicidi umberto veronesi video BCE fini privacy magdi allam ministero della salute nucleare clinica degli orrori Putin m5s marra prodi staminali bancarotta boston droga eurogendfor monsanto sovranità nazionale bufala elezioni fondatori del sito globalizzazione iene politica INPS evasione informatitalia.blogspot.it matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo moneta nikola tesla società troika usura cannabis diritti fisco fukushima pedofilia rothschild stamina foundation 11 settembre Aspen Institute CIA FBI Giappone africa fmi francia golpe imposimato nsa ricchi terremoto Auriti Onu adam kadmon alimentazione assad attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio sicilia slot machine sovranità individuale torture Cina Fornero Marco Della Luna Unione Europea aids borghezio controinformazione corruzione crimea famiglie fed giovanardi goldman sachs mcdonald mes pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero servizi segreti spagna svendita terra turchia violenza aldo moro arsenico barnard bonino carne casaleggio dittatura edward snowden elites forconi frutta giustizia sociale inciucio india islam laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav precariato prelievi forzoso propaganda prostituzione roma storia suicidio università vegan virus 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione antonio maria rinaldi chernobyl corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento false flag farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati influencer informazione iraq islanda latte legge elettorale mario draghi marò microspia mmt nuovo ordine mondiale paola musu privilegi radioattività riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare ungheria vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pensioni pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll truffe online trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 8 dicembre 2012
CERCHIAMO DI NON CADERE NUOVAMENTE NEL "BERLUSCONISMO E ANTIBERLUSCONISMO"... principale elemento della strategia del "divide et impera" nonché ottimo elemento di distrazione e un eccellente e rinomato capro espiatorio, anche per le colpe che non ha. Certo lui ne ha tante, ma il centrosinistra cerca di affibbiargli anche le responsabilità dei banchieri, dell'alta finanza e del "circuito Bilderberg" che nel centrosinistra è ben rappresentato... ad iniziare da Enrico Letta, che ha fatto dell'agenda Monti la sua "bibbia" personale; quasi qualcosa di "mistico" per lui che riteneva un "miracolo" la nomina del suo amico e compare Mario Monti (vedi i legami tra i due: http://www.nocensura.com/2012/12/enrico-letta-e-la-sua-amata-agenda.html)


"Berlusconi annuncia discesa in campo. Aumentano del 20% il valore delle azioni de "Il Fatto Quotidiano". Per "Repubblica" e "Servizio Pubblico" il rialzo è del 15% ....

Ora il centrosinistra potrà fare nuovamente leva sull'antiberlusconismo, vogliono tornare al vecchio "divide et impera" a cui eravamo abituati prima dell'orgiastico governo montiano... quando mezza Italia si divideva tra "berlusconisti" e "antiberlusconisti"... quando il problema principale era il bunga-bunga...

Se c'è un "lato positivo" nella distruzione alla quale abbiamo assistito con il governo Monti, è che questo ha contribuito a fare SVEGLIARE molte persone... e con un pizzico di orgoglio possiamo dire che NOI (come altri blog e molti italiani) CERTI DISCORSI LI FACEVAMO ANCHE PRIMA... chi ci segue da più di un anno lo sa bene, gli articoli sono ancora nell'archivio del blog...

Così come si sono realizzate TUTTE le previsioni sul governo Monti, accolto trionfalmente da molti italiani, con tanto di "caroselli": riascoltate le interviste rilasciate dall'Avv. Marra subito dopo la nomina dell'uomo del Bilderberg... mentre molti italiani erano in "luna di miele" con il "professore sobrio e stimato" che aveva promesso "di far pagare chi non ha mai pagato all'insegna dell'equità"... http://www.nocensura.com/2012/11/riascoltiamo-dopo-un-anno-le-interviste.html

Circa il ritorno in campo di Berlusconi vi consigliamo la lettura di questo nostro editoriale: "Proviamo ad interpretare la situazione politica attuale..." http://www.nocensura.com/2012/12/come-interpretare-la-situazione.html

Interessante anche l'articolo "Con l'antiberlusconismo non ci fregate più" http://www.nocensura.com/2012/12/con-lantiberlusconismo-non-ci-fregate.html

Ed i commenti a margine della nota: "Il Presidente Napolitano riceve Mario Monti: il comunicato..." http://www.nocensura.com/2012/12/il-presidente-napolitano-riceve-mario.html


Staff Nocensura.com


Una curiosità: anziché incorporare i link di approfondimento sul testo, talvolta riportiamo i collegamenti "per esteso" per facilitare il lavoro di coloro che copiano/incollano il testo sui social network, dove altrimenti i link non sarebbero riportati: questo probabilmente conferisce un aspetto più "disordinato" all'articolo, ma preferiamo privilegiare la funzionalità, per favorire la diffusione della libera informazione


Ecco il comunicato stampa del Quirinale, direttamente dal sito quirinale.it:

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha stasera ricevuto al Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri, Senatore Mario Monti.

Il Presidente della Repubblica ha prospettato al Presidente del Consiglio l'esito dei colloqui avuti con i rappresentanti delle forze politiche che avevano dall'inizio sostenuto il Governo e con i Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati.

Il Presidente del Consiglio ha dal canto suo rilevato che la successiva dichiarazione resa ieri in Parlamento dal Segretario del PdL on. Angelino Alfano costituisce, nella sostanza, un giudizio di categorica sfiducia nei confronti del Governo e della sua linea di azione. 

Il Presidente del Consiglio non ritiene pertanto possibile l'ulteriore espletamento del suo mandato e ha di conseguenza manifestato il suo intento di rassegnare le dimissioni. Il Presidente del Consiglio accerterà quanto prima se le forze politiche che non intendono assumersi la responsabilità di provocare l'esercizio provvisorio - rendendo ancora più gravi le conseguenze di una crisi di governo, anche a livello europeo - siano pronte a concorrere all'approvazione in tempi brevi delle leggi di stabilità e di bilancio. Subito dopo il Presidente del Consiglio provvederà, sentito il Consiglio dei Ministri, a formalizzare le sue irrevocabili dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica.

Roma, 8 dicembre 2012

- - - - - - -

Il giornalista Carlo Gubitosa in merito affida a Facebook la seguente riflessione: "Festeggiarono Monti che ci libero' da Berlusconi. Ora festeggeranno Berlusconi che ci vuole liberare da Monti."

Esattamente quello che anche noi temiamo che possa accadere: molti cittadini infatti si "dimenticano alla svelta" e qualcuno sembra aver dimenticato il "piccolo particolare" che Berlusconi ha governato fino ad un anno fa, facendo i suoi interessi e quelli di pochi amici, fino ad avallare tutte le angherie montiane: se volete una prova della facilità con cui qualcuno "dimentica" leggete qui

Circa il ritorno in campo di Berlusconi vi consigliamo la lettura di questo nostro editoriale e l'articolo Con l'antiberlusconismo non ci fregate più


Staff nocensura.com



Troppa gente parla di Sovranità Monetaria. Troppi partiti ne parlano, troppi politici ne parlano. Per non farsi abbindolare è bene che voi teniate presente il MANIFESTO DI GIUSTIZIA MONETARIA che fu scritto nel 2002 da Giacinto Auriti perchè NESSUN PARTITO e NESSUN ECONOMISTA o GIORNALISTA cita questi punti RISOLUTIVI per la liberazione dall'usura. Al Manifesto DEVE seguire la LEGGE che istituisce la moneta ( in questo caso l'euro ) di proprietà del portatore all'atto dell'emissione come potete leggere in questa proposta che giace nei cassetti del Parlamento:

Art. 1 - L'EURO, all'atto dell'accettazione, nasce di proprietà dei cittadini ed è acquisito a tal fine nella disponibilità degli Stati Membri aderenti al Trattato di Maastricht. L'EURO è pertanto proprietà del portatore.

Art. 2 - Ad ogni cittadino è attribuito un codice dei redditi sociali, mediante il quale gli viene accreditata la quota di reddito,causato dalla accettazione monetaria e da altre eventuali fonti di reddito in attuazione del 2° co. dell'art.42 della Costituzione.

Art. 3 - Accettata la proprietà dell'EURO in rappresentanza della collettività nazionale, il Governo è legittimato a trattenere all'origine quanto necessario per le esigenze fiscali di pubblica utilità.

Art. 4 - Norma transitoria. E' concessa la moratoria dei debiti a richiesta di parte in attesa che si accerti di chi sia la proprietà dell'EURO all'atto dell'emissione.


Da https://www.facebook.com/pages/Giacinto-Auriti/29641179834


Informatevi sulle teorie del professor Auriti!!!
Cercate il suo nome su Youtube, su Google, visitate il sito simec.org a lui dedicato!

Vedi anche:


La pubblicazione dei dati Eurostat sull'aumento della povertà e del rischio-povertà in Europa ha suscitato sui media il solito "dibattito", viziato in partenza dal rappresentare l'impoverimento come un "problema", come un effetto indesiderato delle politiche di "rigore". In realtà il bombardamento sociale del "rigore finanziario" non è sostanzialmente diverso dai bombardamenti militari, nei quali l'obiettivo dichiarato è un pretesto non soltanto per il consumismo delle bombe (tanto paga il contribuente), ma anche per fare il maggior numero possibile di "danni collaterali", cioè di vittime civili. Anche il "rigore" è un business, ed il "danno collaterale" della maggiore povertà apre a sua volta nuove frontiere al business. [1] 

In questi anni è risultato sempre più evidente il nesso consequenziale tra l'aumento della povertà e la finanziarizzazione dei rapporti sociali. La povertà diventa un business finanziario, costringendo i poveri all'indebitamento crescente. 

Pochi giorni fa il governo tedesco ha potuto annunciare trionfalmente che l'obiettivo del pareggio di bilancio è stato raggiunto con un anno di anticipo, e ciò soprattutto grazie al fatto che la Germania ha potuto finanziare il suo debito pubblico a tasso zero, poiché, contestualmente, sono stati i Paesi del Sud dell'Europa non solo a pagare tassi di interesse più alti, ma anche ad indebitarsi maggiormente. Dopo un anno in cui ci si era sempre detto che "il problema è il debito", si è poi scoperto che il governo Monti non soltanto non ha ridotto il debito pubblico, ma lo ha aumentato. Il cosiddetto "spread" si è rivelato così una tassa sulla povertà, un'elemosina dei poveri nei confronti dei ricchi. Procede intanto l'addestramento dei poveri all'uso degli strumenti finanziari. Il governo Monti ha rilanciato la "Social Card" di tremontiana memoria, annunciando la sperimentazione in alcune città e Regioni di una nuova versione familiare della carta. Viste le cifre in ballo per questa carta prepagata, il vantaggio per le famiglie è pressoché inesistente, semmai il vantaggio è per BancoPosta che la gestisce. [2] 

Un sacchetto di plastica lasciato davanti ad un negozio. Tutto accuratamente avvolto nella carta stagnola. Una semplice scritta: "Pane e formaggio (freschi)". Qualcuno ha lasciato un pasto modesto per qualcuno che non può permettersi di coprire una necessità di base: il cibo. Un gesto di compassione da parte di un qualche sconosciuto per un anima affamata. Un disoccupato, un senza tetto ... 

L'immagine è stata pubblicata da Zougla.gr e scattata da un passante, in una strada di Andrianou, nei nelle vicinanze di Monastiraki ad Atene.

Questa mattina ho visto invece, su internet, un altra foto: un sacchetto contenente del cibo appeso fuori da un bidone della spazzatura di un quartiere da qualche parte in Tracia, a più di 700 km di distanza da Atene, nel Nord-est della Grecia.

Nella Grecia dell’Unione Europea, nell’Euro zona, la Troka e il bailout. Prima della fine del 2012. O poco prima della fine del mondo della profezia Maya.


Link originale: http://www.keeptalkinggreece.com/2012/12/06/athens-a-touch-of-compassion-for-the-hungry-fellow-citizen/  -  
Traduzione a cura di comedonchisciotte.org


Ragazzi, fino a 2 anni fa una pagina come questa sarebbe stata seguita da poche migliaia di persone... ;-) oggi invece siamo a 380.000 iscritti e si cresce quotidianamente, nonostante i mass media ci ignorino completamente... non possono cer
to fare pubblicità a chi non è "controllabile" come noi... loro danno visibilità a chi non "morde" davvero il sistema, ovvero a chi dice 90 verità su 100 ma occulta quelle 10 più importanti... RICORDATEVI che il sistema tramite i media cerca di "orientare" le scelte dei cittadini anche sul web... non a caso sono nati "dal nulla" diversi "personaggi della rete" che immediatamente sono saliti alla ribalta televisiva (o che provengono da tale ambiente...) NON C'è BISOGNO DI AGGIUNGERE ALTRO... !!!




I numerosi movimenti e associazioni che vogliono
CAMBIARE DAVVERO LE COSE devono unirsi
fino a costituire un solido mosaico che possa incidere;
Se restiamo frammentati in decine di movimentini non
andremo da NESSUNA parte...
Alcune volte riceviamo messaggi o commenti che invitano i gestori del blog Nocensura.com a "fare qualcosa"... come se "ci lamentassimo e basta"... :D

A tale proposito è bene precisare che:

1) Noi non ci "lamentiamo". Noi facciamo INFORMAZIONE. Da ormai più di 2 anni cerchiamo di dare un contributo al "risveglio" delle coscienze.

2) Noi siamo cittadini qualsiasi esattamente come gli altri: dedichiamo buona parte del nostro tempo libero alla gestione del blog, ma non abbiamo poteri magici ne mezzi per realizzare inchieste approfondite, etc.

Detto questo, ci piacerebbe (come crediamo a tutti) poter contribuire a cambiare le cose: e per questo, siccome crediamo che il primo passo in tale direzione sia "SVEGLIARE" CHI ANCORA CREDE ALLE FAVOLE DELLA POLITICA E DEI MEDIA, ci impegniamo a fare LIBERA INFORMAZIONE.

Da Aprile a oggi abbiamo partecipato a NUMEROSI incontri, convegni, congressi etc. che proponevano l'unione dei movimenti e delle associazioni che hanno in comune l'obiettivo di ripristinare la democrazia e la giustizia sociale: ma non per questo potevamo imbarcarci e magari suggerire a tutti di fare altrettanto in un progetto dove LE BELLE PAROLE NON SEGUONO AI FATTI CONCRETI, ad iniziare da uno STATUTO DEMOCRATICO che assegni il "potere" nelle mani della "base" che elegge ed eventualmente rimuove i propri rappresentanti: senza "deleghe in bianco" e senza che il potere sia concentrato nelle mani di POCHI: che per regolamento eliminano ogni forma di dissidenza, come avviene nei partiti, 5 stelle compreso.

Oggi le persone "sveglie" sono già moltissime: ma il percorso "evolutivo" non è ancora completo, in quanto sono suddivise in decine e decine di movimentini e associazioncine: e con questa frammentazione non si va da nessuna parte, anche perché i "capi" pur rappresentando spesso un gruppetto di 5-10 amici e non una VERA struttura politica, non vogliono rinunciare ai loro titoli altisonanti: e mandano "a monte" ogni possibilità di creare qualcosa di DEMOCRATICO che possa VERAMENTE incidere...

Questo è lo scoglio che dobbiamo sforzarci di superare velocemente... dobbiamo cercare di superare le divisioni, e se poi qualche "capetto" non vorrà saperne, lasciamolo solo insieme al suo simbolo che non vale NIENTE...

BASTA movimenti "verticistici" dove poche persone stringono accordi in base alle loro convenienze e tradiscono i propositi iniziali... come ha fatto la Lega Nord, per esempio: che (giusti o sbagliati che fossero) aveva degli obiettivi: sicurezza, immigrazione, federalismo, etc. - sacrificati in toto sull'altare del berlusconismo in cambio di ministeri per i principali leader... mentre alla "base" hanno proposto fumo negli occhi, come la farsa dei "ministeri al Nord" inaugurati solo sulla carta...


A NOME DI TUTTO LO STAFF
Alessandro Raffa


Tabella n. 1
Inchiesta sul debito pubblico datata Maggio 2011 ma ancora ATTUALISSIMA... ringraziamo l'amico e collaboratore Enzo Picco per averci segnalato il testo.

Mission impossible

di Moreno Pasquinelli
«La presente inchiesta vuole rispondere alle seguenti sei domande: Che cos’è il debito pubblico? Quali le sue cause? A quanto ammontano il debito e il “servizio sul debito” (gli interessi annui che lo Stato deve rimborsare ai suoi creditori)? Chi sono questi creditori?  E’ ”sostenibile” questo debito, può l’Italia riportarlo sotto la soglia che i Trattati di Maastricht e il recente Patto di stabilità ritengono tollerabile? E’ plausibile la ristrutturazione del debito italiano? Infine spiegheremo perché il suo annullamento è la soluzione necessaria»


E’ notizia di due settimane fa che la “virtuosa” Germania ha tolto all’Italia il terzo posto come paese più indebitato nella classifica mondiale. «Il debito pubblico tedesco è infatti aumentato di colpo nel 2010 di ben 319 miliardi di euro. Si è innalzato così a 2.080 miliardi, primo debito europeo ad andare oltre la soglia dei 2mila miliardi, sorpassando a tutto gas quello italiano. Quello tedesco è dunque diventato il terzo debito pubblico lordo più alto del mondo in valore assoluto, scavalcando di 236 miliardi quello dell'Italia, sceso così al quarto posto». (1) Di ciò si è subito rallegrato Tremonti-Pinocchio, come a dire “mal comune, mezzo gaudio”. Gli analisti hanno risposto con una pernacchia, viste le differenze macroscopiche tra i fondamentali economici della Germania e quelli dell’Italia, il cui debito pubblico non è esplosivo solo per il suo ammontare, ma per natura e fenomenologia.

La Tabella n.1(sopra) mostra l'aumento del debito pubblico italiano, cresciuto negli ultimi anni al 120% del Pil. Salta agli occhi che le politiche economiche di "rigore" seguite dai governi nell'ultimo ventennio (non da una stagione), consistite in privatizzazioni e dismissioni delle proprietà pubbliche, tagli alla spesa sociale e aumento delle imposte, a poco sono servite. La presente inchiesta vuole rispondere alle seguenti sei domande: Che cos’è il debito pubblico? Quali le sue cause? A quanto ammontano il debito e il “servizio sul debito” (la cifra degli interessi annui che lo Stato deve rimborsare ai suoi creditori)? Chi possiede questo debito?  E’ esso ”sostenibile”, ovvero può davvero l’Italia riportarlo sotto la soglia che i Trattati di Maastricht e il recente Patto di stabilità ritengono tollerabile? E’ plausibile la ristrutturazione del debito italiano? Perché il suo annullamento è la soluzione?

Che cos’è il debito pubblico?

Su Facebook l'immagine la trovi QUI
Quando emerse che Mario Monti stava collaborando con le agenzie di rating, accusate (ed in seguito rinviate a giudizio, nel silenzio generale) di avere deliberatamente penalizzato l'Italia provocando l'acuirsi della crisi e l'innalzamento eccessivo dello spread che ha portato alla nomina di Mario Monti premier rilasciammo il seguente articolo-dossier con numerosi approfondimenti:

"L'Italia vittima di un complotto e le prove che Monti è complice"
http://www.nocensura.com/2012/06/litalia-vittima-di-un-complotto-e-le.html

Circa il recente rinvio a giudizio delle agenzie di rating:

"Hanno manipolato il mercato", rinviate a giudizio le agenzie di rating"
http://www.nocensura.com/2012/11/hanno-manipolato-il-mercato-rinviate.html

"Sosteniamo la Procura di Trani: faccia chiarezza sul golpe"
http://www.nocensura.com/2012/11/sosteniamo-la-procura-di-trani-faccia.html



[Grazie a Marco della pagina FB "AutoCompiacimento" per l'immagine]


Vedi anche:
"Mario Monti, il discepolo del potente e spietato David Rockfeller"
http://www.nocensura.com/2012/12/monti-il-discepolo-del-potente-e.html
CANTON TICINO IN ALLARME PER I TROPPI "FRONTALIERI" ITALIANI...
- - - - -
FrontalieriDi Lorenzo Quadri
È scattato l’allarme rosso
A fine anno potremmo trovarci con 20mila notifiche, quando l’anno scorso erano 15'300, cifra già ritenuta spropositata
La scorsa settimana, il Mattino della domenica ha dato in anteprima la notizia dell’ulteriore esplosione del numero delle notifiche di breve durata (meno di tre mesi), quelle che vengono staccate da ditte, padroncini, distaccati della vicina ed ex amica Penisola che entrano in Ticino a prestare la loro opera.
Le cifre sono non solo impietose, ma in sommo grado allarmanti. In pochi anni, il numero delle notifiche è passato da 7-8 mila alle 15'300 registrate nel 2011. Già queste 15'300 notifiche hanno fatto parlare parecchio, e giustamente. La Lega ha chiesto e proposto delle misure di contenimento scontrandosi con i consueti njet. Ebbene i dati del 2012 risultano ancora più allarmanti. Infatti i primi sei mesi dell’anno in corso hanno fatto conteggiare (dall’Associazione interprofessionale di controllo) 11mila notifiche. Contro le 9700 dello stesso periodo dell’anno precedente. Quindi, a fine anno e tirando le somme, potremmo tranquillamente finire col ritrovarci con 18-20mila notifiche.

Clicca per ingrandireVerizon ha brevettato un sistema controverso con cui lo schermo carpirà tutto di voi, colore della pelle e dei capelli inclusi. E che vi ascolterà mentre parlate. Per comprendere la pubblicità da mandare in onda.
Immaginate di essere seduti sul divano di casa vostra con il vostro o la vostra partner e intavolare una discussione: improvvisamente compare in televisione una pubblicità per una consulenza matrimoniale. Oppure immaginate di star facendo sollevamento pesi ed avere un film di sottofondo e, di punto in bianco, vedete comparire sullo schermo annunci pubblicitari su come tenersi in forma, o sulla dieta da seguire.
Nel passato queste sarebbero state tutte coincidenze, ma nel futuro non lo saranno più, grazie all'idea avuta dal marchio Verizon, il quale, secondo il sito Slate, sarà in grado di spiare tutti i vostri gesti grazie a una particolare tecnologia.
Questo marchio inglese ha brevettato, di fatto, un sistema in grado di capire l'esatta tipologia di pubblicità che ogni persona vuole vedere. Usando una combinazione di immagini e attraverso sensori posizionati nelle case dei suoi clienti, riuscirà a capire cosa state facendo mentre guardate la televisione. Tali sensori riusciranno anche a capire come siete fatti fisicamente, il timbro vocale. Potrà addirittura individuare se ci sono drink in casa o quadri attaccati al muro.
Praticamente la vostra televisione di casa sarà in grado di capirvi e di seguire ogni vostra singola mossa. Opererà più o meno come Google con i suoi utenti di Gmail, ovvero mandando precise informazioni a seconda dei dati che vengono rilevati. L'unica differenza è che in questo caso sarà la televisione a farlo e tramite immagini, che si può dire, vi guarderanno mentre voi guarderete loro. Una tecnologia da vero Grande Fratello, che ovviamente inquieta.
Naturalmente questo è solo un brevetto quindi non c'è ancora bisogno di iniziare a guardare la TV con sospetto, per ora. Simili brevetti devono venire registrati prima e poi essere messi in pratica. Ma questo non cambia il fatto di come la tecnologia stia sempre più invadendo la nostra vita privata.
GUARDA VIDEO

Di Paolo Barnard

Trascorsi professionali di Elsa Fornero ai fini della comprensione del suo conflitto d’interessi.
1999-2000 è nel CdA di INA Assicurazioni. 
2001-2003 è nel CdA di Fideuram Vita.
2006-2007 è nel CDA di Eurizon Financial Group.
2008-2010 è vice-Presidente della Compagnia di San Paolo.
2010 nominata vice Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo.
2008-2011 è nel CdA di Buzzi Unicem SpA, con Gianfelice Rocca, ex direttore di Allianz S.p.A.
Dichiara un imponibile per il 2010, epoca della sua attività privata, di 402.138 euro.
Con un reddito di quella posta è chiamata a reggere il dicastero delle Pari Opportunità e a riformare le pensioni italiane, che al 50% non superano i 1.000 euro mensili e al 27% non superano i 500 euro mensili.
  
La riforma delle pensioni degli italiani fatta dal Ministro Fornero è incostituzionale. Ed è una truffa già riconosciuta dai mercati stessi.
Premessa. Come Ministro delle Politiche Sociali, Elsa Fornero è vincolata in ogni sua scelta dall’Articolo 41 della Costituzione:
L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.
Fornero fa la riforma della pensioni col Decreto Salva Italia, firmato da Napolitano il 6 dicembre 2011.


Aggiornamento 08/12/2012 - Tra le tante considerazioni esposte nell'articolo, abbiamo dimenticato un aspetto importante: il "ritorno" di Berlusconi farà rinfocolare l'antiberlusconismo, con tutto ciò che ne consegue. Per il centrosinistra (ma anche per alcuni giornalisti e vignettisti) è una pacchia: potranno fare appello "al voto utile" per "scongiurare il ritorno di Berlusconi" convincendo a votare per loro chi si sarebbe astenuto o orientato verso altri movimenti...



Ma non dimentichiamoci mai che Monti ci ha messo la faccia: ma dietro la "mattanza" ci sono LORO e gli oltre 100.000 giornalisti italiani che gli permettono di truffare i cittadini...

Monti ci ha messo la faccia, ma la mattanza sociale è opera dei partiti politici del 14/08/2012

Occorre partire dal "Manifesto per la sovranità monetaria" del prof. Auriti. Chi occulta la questione è nemico dei cittadini.

Staff nocensura.com
- - - - - - -


Spesso capita di leggere appelli a "spegnere la tv" oppure testimonianze di persone che dichiarano di non accenderla da molto tempo. Certamente quello che dicono i mass media va filtrato 10 volte e non va preso per "vangelo", ma analizzando i fatti e gli atteggiamenti ci possiamo fare un'idea di cosa "bolle in pentola". Ormai le loro "armi" sono note. Come mai in alcuni casi scatta la "macchina del fango" mentre in altri i media vicini alla fazione politica rivale rinunciano a criticare e talvolta concedono persino spazio alle notizie del "nemico" ?!? ....

Arriva Berlusconi 2.0 contro l'Euro e l'Europa...

Nei giorni scorsi Berlusconi ha reso noto per l'ennesima volta che scenderà "nuovamente" in campo in prima persona.

"scenderà nuovamente in campo" ?!? Nuovamente?
Berlusconi non sta "tornando" perché non se ne è mai andato. In questo anno di governo Monti l'ex premier è stato ben presente e attento, alzando la voce con il governo - a cui ha fornito un appoggio determinante al Senato - per scongiurare la "patrimoniale" e altre leggi non gradite a lui ed ai potentati che lo sostengono.

Berlusconi si è premurato furbescamente di tenere un basso profilo mediatico: ha evitato accuratamente di finire nel mirino dei giornali: "Il Fatto Quotidiano" ha visto diminuire le vendite al punto di dover fare richiesta dei contributi pubblici per la carta; loro, che sulla testata riportano in bella vista la diciuta "non riceve alcun finanziamento pubblico" per loro la crisi è stata la fine del bunga-bunga.

Il cavaliere si è nascosto dietro un Alfano telecomandato, eletto segretario per "acclamazione" o meglio perchè Berlusconi ha chiesto ai suoi di acclamarlo.

Per Berlusconi era fondamentale fingere di farsi da parte, e c'è chi gli ha creduto. Doveva farlo per "salvare il salvabile" cosciente del fatto che l'appoggio a Monti gli avrebbe fatto perdere molti consensi: Berlusconi a differenza degli italiani, estasiati dalle promesse di 'equità' del professoretto bilderghino, sapeva benissimo cosa sarebbe successo nei mesi seguenti.

Ora proverà a recuperare una parte dei consensi perduti mettendo in moto la sua potente macchina della propaganda: quella che nel '94 gli fece vincere le elezioni in 3 mesi. E leggendo i commenti sui social network sembra proprio che ci riuscirà, avendo convinto molti cittadini di "essere il minore dei mali"; la gente dimentica in fretta, molto in fretta... e "staccare la spina" ad governo a fine corsa che ha già approvato tutte le porcate a qualcuno sembra una gran cosa.

In realtà probabilmente si tratta di strategie concordate con le altre forze che hanno sostenuto il governo: questo trova conferma nel fatto che i giornali di centrosinistra si stanno sforzando ben poco per evidenziare la trovata mediatica di Berlusconi, l'ex nemico giurato oggi prezioso alleato del quale non parla male più nessuno. Così come i mass media di Berlusconi non hanno disturbato le primarie del centrosinistra.

Dopo "l'operazione primarie" del centrosinistra, che ha fatto recuperare terreno al PD e alla coalizione ora tocca ai "fuochi artificiali" di fine mandato del centrodestra.
Berlusconi cavalcherà i sentimenti anti-euro e anti-europeisti: un "target" a cui il centrosinistra non può ambire, visto lo sposalizio di Letta, Renzi e molti altri nei confronti della cosiddetta "agenda Monti", divenuta ormai la bibbia di Enrico letta come potete constatare qui: http://www.nocensura.com/2012/12/enrico-letta-e-la-sua-amata-agenda.html

Ovviamente gli slogan antieuropeisti saranno accantonati nuovamente dopo le elezioni: sia che il prossimo premier sia Bersani, sia che Monti resti al suo posto: cosa che non è da escludere.

Anche il fatto che Matteo Renzi abbia perso le primarie fa ipotizzare che il sistema non abbia voluto "bruciarlo", per farlo scendere in campo magari alla tornata successiva. Bersani come leader e candidato premier si troverà a fare i conti con molte "gatte da pelare", perderà consensi e si defilerà, come hanno fatto Prodi, D'Alema e altri prima di lui, lasciando il testimone a Matteo Renzi, che certamente non è destinato ad uscire dalla scena politica: e il fatto che abbia rinunciato a incarichi di governo rafforza il quadro di cui sopra: resterà "al sicuro", a fare il sindaco (molto part-time visto le assenze in Consiglio) di Firenze. In parlamento - e probabilmente al governo - Renzi ci piazzerà i suoi uomini di fiducia.

Chi conosce i POTERI che sostengono Matteo Renzi sa bene che il "politico prodigio", figlio d'arte (il padre era democristiano) che a meno di 30 anni era già Presidente della Provincia di Firenze e poi sindaco (non ha mai lavorato...) ha una lunga e promettente carriera davanti a se.

Insieme al lancio di Matteo Renzi è stato rimandato anche l'eliminazione dei finanziamenti pubblici ai partiti su cui il sindaco di Firenze aveva puntato molto, alimentando il terreno coltivato da Beppe Grillo. L'eliminazione del finanziamento pubblico può attendere perchè alle prossime elezioni NON CI SARA', molto probabilmente, nessun partito di VERA OPPOSIZIONE in grado di incidere: mentre il Movimento 5 stalle rinuncerà a 20-30 milioni di euro che se fossero utilizzati per fare VERA e LIBERA informazione potrebbero svegliare rapidamente MILIONI di persone: l'opera che oggi facciamo noi blogger, in modo ahimè amatoriale rispetto a ciò che possono fare redazioni ben organizzate con fondi a disposizione per fare reportage, inchieste, pagare gli inviati, etc. In questo modo Grillo - che ha ripetuto diverse volte che "se ci fosse stato un giornale con le palle le cose non si sarebbe arrivati a questo punto" avrebbe potuto impiegare i fondi pubblici per dare lavoro a molti giovani giornalisti disoccupati, magari part-time in modo da dare uno stipendio a più persone possibile e avere corrispondenti da tutta Italia.

Nei prossimi 5 anni però QUASI SICURAMENTE i cittadini riusciranno a creare qualcosa "dal basso": la "base" ci sarebbe già, ma è frammentata in decine e decine di partitini: chissà che tutta queste divisioni non siano alimentate ad arte da qualcuno...

Quando un movimento VERAMENTE vicino ai cittadini riuscirà ad organizzarsi ed entrerà in parlamento i finanziamenti pubblici saranno aboliti, possiamo scommetterci. Senza fondi e ignorato dai mass media difficilmente potrà crescere e incidere.

La casta ha dalla sua parte decine e decine di lobby con interessi miliardari che certo non hanno problemi ad investire qualche milione di euro che torneranno nelle loro casse con gli interessi alla prima legge favorevole. Fino a quando i partiti hanno potuto succhiare dai cittadini lo hanno fatto: quando ciò però potrebbe ritorgersi contro di loro non esiteranno a chiudere i rubinetti, e lo faranno con il consenso della maggioranza dei cittadini che non comprendono che questo consegnerà definitivamente la politica nelle mani delle lobby.

Circa la manipolazione di massa sul finanziamento pubblico, leggi: "Verità scomode o bugie rassicuranti?" - http://www.nocensura.com/2012/11/verita-scomode-o-bugie-rassicuranti.html

I partiti "storici" hanno accumulato lustro dopo lustro un patrimonio ingentissimo: somme spropositate che in molti casi superano di gran lunga quelle realmente sostenute. Il PD possiede un patrimonio dal valore complessivo vicino al MILIARDO di euro! Gli basta organizzare le primarie per incassare 6-7 milioni di euro, inoltre hanno ai loro piedi flotte di giornalisti: anzi chiamiamoli pennivendoli, strapagati da redazioni finanziate con i soldi pubblici che distraggono e disinformano i cittadini.

A proposito di finanziamento all'editoria: Il Gruppo editoriale Repubblica-Espresso ottiene già dalle pubblicità ottimi profitti, il finanziamento pubblico è un vero e proprio regalo.


FANTASIE? Sarà il tempo a dircelo...


Staff nocensura.com

Vedi anche:

"Con l'antiberlusconismo non ci fregate più" e la nota: "Il Presidente Napolitano riceve Mario Monti: il comunicato..."
venerdì 7 dicembre 2012
Immagine da NonSoloAnimali

Se c'è qualcuno che non merita rispetto, sono coloro che discriminano una persona solo per il colore della sua pelle, la nazionalità indicata nel "passaporto", per motivi religiosi, o per l'orientamento sessuale e/o qualsiasi altra discriminante pregiudiziale.

La dilagante intolleranza nei confronti degli stranieri andrebbe rivolta verso i governi: veri e unici responsabili dei problemi provocati dall'errata gestione del fenomeno.  Governi che non hanno saputo gestire l'immigrazione e che hanno tagliato la sicurezza: anche gli aiuti economici sono previsti dalle leggi: è ovvio che coloro che possono ne beneficiano volentieri... ma la colpa è dei governi che anziché gestire l'immigrazione con senso di responsabilità hanno preferito cavalcare la tigre per il consenso politico che aumentava insieme ai problemi legati all'immigrazione: anziché fare leggi giuste hanno coltivato e alimentato xenofobia e tensioni sociali...

Per quanto riguarda l'orientamento sessuale è MOSTRUOSO che una persona sia discriminata per questo. Non è necessario partecipare ai "gay pride" per considerare un emerito demente chi si permette vigliaccamente di umiliare, maltrattare o peggio picchiare una persona omosessuale o un trans. Questi 'ultimi spesso sono persone colpite da disturbo di identità di genere si sentono "donne intrappolate nel corpo di un maschio" o viceversa, devono affrontare problemi esistenziali che sicuramente provocano grande sofferenza, tanto che il sistema sanitario di quasi tutte le nazioni, comprese alcune del terzo mondo, dispensano le pesanti terapie ormonali e le operazioni chirurgiche necessarie per la "transizione" desiderata dal soggetto. (vedi http://www.nocensura.com/2012/10/disturbo-dellidentita-di-genere-negli.html) Pensate come deve essere impegnativo trovarsi in tale condizione: l'immaginazione non può farci comprendere che cosa prova chi vive sulla propria pelle tale situazione, che certo non deve essere facile: anche proprio per le discriminazioni a cui andranno incontro nella vita: non solo episodi di bullismo o violenza, ma anche le maggiori difficoltà nel trovare un lavoro e nel condurre una vita normale, anche se negli ultimi decenni la situazione è migliorata rispetto al passato.

Il programma Mediaset Verissimo il 10 Novembre scorso ha ospitato in studio Camilla Mammarella, una giovane studentessa abruzzese di 24 anni eletta "Miss trans Italia" all'omonimo concorso organizzato a Torre del Lago, in Versilia. Nel servizio illustra il percorso che ha iniziato a 12 anni, quando ha capito che c'era "qualcosa che non andava". A 17 anni ha iniziato a sottoporsi a terapie ormonali, per arrivare dopo 6 anni all'operazione chirurgica che ha completato il percorso.

Il video del servizio di Verissimo potete guardarlo direttamente sul sito del programma all'indirizzo http://www.video.mediaset.it/video/verissimo/full/357451/puntata-del-10-novembre.html 
il servizio in oggetto inizia al minuto 01:05:40 (un'ora, cinque minuti e quaranta secondi)


Il servizio presenta una ragazza normalissima; ha un aspetto molto naturale, è alta, snella e ha un sorriso accattivante. Una studentessa come tante, con la passione della moda, con i suoi obiettivi, i suoi sogni. L'unica differenza rispetto alle altre studentesse è che da bambina si chiamava Camillo.

Solo una persona profondamente disturbata può pensare di compiere un qualsiasi atto di discriminazione nei confronti di persone che hanno la "colpa" di non essere eterosessuali.

Atti come quelli di cui si sono resi protagonisti anche recentemente i militanti di Forza Nuova (cercando su Google trovi diversi episodi - VEDI) non dovrebbero essere tollerati: ma sopratutto gli autori stessi devono vergognarsi profondamente. Invece di mettere uno striscione denigratorio davanti alla sede di una comunità gay-lesbica

Non sarebbe stato meglio se avessero utilizzato tela e vernice per esporre uno striscione davanti alla Banca d'Italia? Montecitorio? Quirinale? (...) oppure in una pubblica piazza, per sensibilizzare la gente su temi come sovranità monetaria e signoraggio. Ma forse è pretendere troppo da chi arriva solo a pensare atti come questo... qual sarà la natura di tutta questa "attenzione" al mondo gay? C'è una teoria, relativamente agli omofobi che credono di esaltare la propria mascolinità disprezzando gli omosessuali ... tipico atteggiamento di chi forse teme di esserlo? 

Vi suggerisco di guardare il servizio di Verissimo per capire quali sono le persone che talvolta finiscono nel mirino dei deficienti, talvolta violenti. Nell'immaginario di molte persone la parola "trans" viene associata alla prostituzione che invade le strade: al degrado, a persone negative che secondo qualcuno sono "malate"... ma i veri malati sono queste persone, la cui stupidità è superata solo dalla loro cattiveria.

Se qualcuno ha voglia di sfogare le proprie frustrazioni facendo soffrire gli altri, potrebbero rivolgere le loro attenzioni a chi ha distrutto la democrazia, a chi ha impoverito milioni di persone... ma sono troppo vigliacchi per contestare i potenti... 


Staff nocensura.com

In merito ai progetti di unione dei movimenti, associazioni, gruppi etc. una questione molto dibattuta è la "strategia" da seguire:

Cosa è giusto fare secondo voi?

A) Secondo alcuni è necessario concentrarci sulle priorità essenziali: Unire tutti i movimenti (escludendo solo quelli basati su ideologie da malati di mente come omofobia, razzismo (1*) e ogni forma di discriminazione per questioni di sesso, razza, idee etc.) sulla base di un "progetto comune", cioè un 'manifesto' di obiettivi comuni e irrinunciabili, come la sovranità monetaria, i trattati-capestro degli eurocrati (a partire dal "Trattato di Lisbona" a quello di "Velsen" che ha istituito Eurogendfor fino al "pareggio di bilancio", "MES" e Fiscal Compact) difendere e promuovere la libertà del web, la libertà di pensiero ed espressione; e altri "obiettivi" atti a ripristinare la GIUSTIZIA SOCIALE e la DEMOCRAZIA a cui sono favorevoli la maggioranza dei cittadini e dei movimenti.  Rinunciando, per non alimentare divisioni, a portare avanti taluni "cavalli di battaglia" che provocherebbero divergenze e polemiche: in quanto ciascuno dei componenti avanzerebbe proposte che altri non condividono.
Limitandosi alle questioni urgenti si può creare una base AMPIA ed in seguito discutere e concertare il programma in base alle idee sostenute dalla maggioranza dei cittadini che aderiscono al progetto: tra persone civili e di buon senso c'è sempre la soluzione per trovare un accordo che tenga in considerazione la volontà della maggioranza ma anche della minoranza: ci hanno abituato allo "scontro totale" tra partiti, ma in realtà è un teatrino parte integrante della strategia del "divide et impera": a scontrarsi sono i cittadini che sostengono le varie fazioni politiche, e non i "capibastone": capaci di accordarsi oggi con il nemico storico, come le larghe intese pd-pdl del governo Monti. Sarebbe necessario però SUPERARE la mentalità dello "scontro" e incentivare la concertazione, il dibattito ed il dialogo.

B)Altri invece vorrebbero affrontare anche alcune questioni importanti che però produrrebbero divisioni: ad esempio la regolamentazione della prostituzione (vale almeno 5 miliardi all'anno di gettito "diretto" (tasse alle prostitute) e altri 3 di "indotto") depenalizzare o meglio regolamentare la vendita di canapa indiana, ma anche una "stretta" alle leggi sull'immigrazione, in un momento in cui il tessuto sociale non è in grado di assorbire nemmeno gli italiani e gli emigranti già presenti: regole più rigide ma senza alimentare razzismo e xenofobia, che generano tensioni sociali e ostacolano la già difficile integrazione.
In pratica si tratta di stabilire un progetto più ampio, portando avanti quei "cavalli di battaglia" che la maggioranza delle persone "sveglie" (ovvero che hanno aperto gli occhi sulle truffe e le manipolazioni del sistema) ritengono giusti, razionali e umani, ma che non vengono condivisi da una parte della cittadinanza e dei vari movimenti e associazioni: e questo in alcuni ambiti spesso è dovuto a ignoranza o superficialità. (2*) I partiti politici cercano di affrontare solo le questioni che portano voti e consensi, evitando accuratamente di affrontare i temi spinosi e controversi. L'elettorato "centrista" - ultraconservatore e bigotto - ha fatto e sta facendo "la differenza", e sia il centrodestra che il centrosinistra plasmano il programma e l'azione del governo per non tenere buona quella fascia di elettorato ed i loro leader. Pierfurby Casini con un partito votato appena da 5 elettori su 100 è riuscito a strappare la terza carica dello Stato, la Presidenza della Camera. Per questo è necessario portare avanti i temi importanti, anche se questo potrà significare rinunciare a coinvolgere una parte dei movimenti e delle associazioni e probabilmente perdere potenziali consensi. Consideriamo che coloro che tutt'oggi sostiengono Monti ed i partiti "nonostante tutto" probabilmente continueranno a farlo, indipendentemente da quale programma offriranno i movimenti alternativi, affidandosi ai leader creati dai mass media. La mentalità di chi rigetta certi progetti è incompatibile con un progetto democratico e fortemente innovativo, basato sulla razionalità e sul buon senso, e non su idee stantie basate su false credenze. E' importante divulgare e promuovere un modo di vedere sano, in modo da favorire il ''risveglio'' della gente. Non parlare di certi argomenti potrebbe fare avvicinare una parte di elettorato ma ne allontanerebbe un'altra. Parlare di certi temi è importante, altrimenti dov'è il distinguo dalla partitocrazia? La sovranità monetaria e le questioni connesse sono fondamentali, ma non bastano.

COSA NE PENSATE? Commenti ben argomentati sono i benvenuti...
Jacintha Saldanha era stata vittima di uno scherzo da parte di due dj australiani che si sono finti Carlo e la regina Elisabetta. La donna era finita nella bufera perché aveva passato la chiamata a un altro paramedico dell'ospedale dove lavorava e dove era ricoverata la duchessa di Cambridge
E’ stata trovata morta Jacintha Saldanha, l’infermiera dell’ospedale di Londra Edward VII, dove era ricoverata Kate Middleton. Qualche giorno fa era stata vittima di uno scherzo telefonico da parte di Michael Christian e Mel Greig, due dj di una radio australiana che si erano finti il principe Carlo e la Regina e avevano chiesto notizie della duchessa di Cambridge. Secondo le prime ricostruzioni, pare che si tratti di suicidio(video di “Zoominit”)
Il Mirror ha riferito che alle 9.30 della mattina i soccorsi hanno trovato la donna priva di sensi in un appartamento vicino all’ospedale, nel quartiere londinese di Marylebone, nella zona di Regent’s Park. L’infermiera era finita nella bufera perché aveva passato la telefonata a un’altra infermiera senza fare le opportune verifiche. In questo modo la radio aveva poi trasmesso in diretta un aggiornamento sulla gravidanza di Kate.
Il 21 dicembre a mezzanotte scade il prestito da 99 anni con cui il cartello bancario ha
usurpato la sovranita' monetaria al popolo Usa.

Perchè se la fine del calendario Maya è il 28 ottobre, tutti si concentrano sul 21 dicembre, solstizio d'inverno? Risposta: è il giorno in cui scade un "lease" di 99 anni che sancì l'usurpazione della sovranità monetaria Usa per mano del cartello bancario.

New York - Perche' se la fine del calendario Maya e' fissata il 28 ottobre 2012, tutti si concentrano sulla data del 21 dicembre dello stesso anno, che corrisponde al solstizio d'inverno, la giornata piu' corta dell'anno? Se lo sono chiesto un gruppo di amanti delle teorie cospirazioniste, che anziche' cercare ragioni esoteriche preferiscono affidarsi alle ricerche storiche piu' pragmatiche. 

Il 1913 sanci' l'atto di usurpazione della sovranita' monetaria degli Stati Uniti da parte del cartello delle banche. Allora, si legge sul sito Morpheus promotore dell'informazione libera e dell'uscita dal pensiero unico dominante, "venne stabilito un lease (affitto) di 99 anni anglosassone, che rimetteva il destino della Federal Reserve americana nelle mani di questi falsari". 





autovelox_multe_record_italia
Bellissimo articolo sulle multe in Europa a cura de L'Infiltrato; espone anche la nostra iniziativa, anche se ci chiamano "nocensura.it" anzichè ".com" ;-)
Ringraziamo gli amici de L'Infiltrato per avere affrontato la questione e per averci menzionato...
Staff Nocensura.com 
In Italia vengono contestate ogni anno circa due milioni di multe per eccesso di velocità. Circa la metà viene regolarmente evasa creando uno scoperto che non è possibile calcolare con precisione ma comunque vicino al mezzo miliardo di euro. Denaro in meno per le pubbliche amministrazioni che sono costretti atassare altrove per ottenere quello che occorre per continuare a sopravvivere.
Perché i cittadini non pagano le multe e spesso le strappano per non ricordarsi di averle ricevute?Una delle cause è relativa di sicuro all’incidenza che esse hanno sul bilancio mensile di una famiglia. Sono di certo più care di quelle tedesche e austriache e più incisive di quelle svizzere che si calcolano in base al reddito del cittadino che le riceve.
Ci ha pensato un cittadino torinese a sottolineare questa enorme differenza sulla sua pagina facebook. Dopo essere stato multato in Germania per aver viaggiato oltre i limiti e aver subito in Italia la stessa multa per la stessa ragione.
Multa presa in Germania – recita lo status -  18km orari in più del consentito totale € 18,00..... (diciotto) ...... stessa multa in Italia € 177,00 + 3 di spese......... e poi dicono ..........”
Una frase che non lascia nulla da interpretare se non l’evidenza dei fatti: in Germania le multe per eccesso di velocità costano meno e per questo vengono pagate senza battere ciglio.


Leggi tutto: http://www.infiltrato.it/inchieste/italia/multe-in-italia-le-pi-alte-e-ingiuste-in-svizzera-si-paga-in-base-al-reddito-e-nessuno-evade

Il 2012 è l'anno record. “Non si mandavano a casa tante amministrazioni dal 1993, quando l’'entusiasmo' dell’applicazione della legge sullo scioglimento aveva portato ad una grande attenzione al tema”, scrive il magistrato Raffaele Cantone sul Rapporto 2012. Risultato ottenuto grazie alla "presenza al Viminale di un ministro tecnico, di provenienza prefettizia"

Di Elena Ciccarello


Il 2012 è l’anno record dei comuni sciolti per mafia. Il governo Monti, con il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, ne ha commissariati ben 25, molti di più rispetto ai predecessori. Nei due decenni passati non è mai stato superato il numero di 10-15 commissariamenti all’anno, neppure durante la tanto sbandierata azione antimafia dell’ex ministro Maroni. “Non si mandavano a casa tante amministrazioni dal 1993, quando l’“entusiasmo” dell’applicazione della legge sullo scioglimento (il cosiddetto decreto Taurianova che risale al 1991) aveva portato ad una grande attenzione al tema”, scrive il magistrato Raffaele Cantone sul Rapporto 2012 di Avviso Pubblico (rete di enti locali contro le mafie), che evidenzia le difficoltà degli amministratori costretti a convivere con minacce e intimidazioni sempre più frequenti. “Questo dato potrebbe in parte avere una spiegazione “politica” – commenta il magistrato – la presenza al Viminale di un ministro tecnico, di provenienza prefettizia, che ha raccolto gli input che venivano dalle prefetture, ma soprattutto che ha evitato estenuanti “mediazioni” politiche sugli scioglimenti, come purtroppo ci aveva abituato la prassi (deteriore) degli ultimi anni”. Il riferimento, esplicito, è al mancato scioglimento del comune di Fondi, nel basso Lazio, che il responsabile del Viminale Maroni avrebbe voluto sciogliere nel 2009 e che venne invece salvato dal Consiglio dei ministri dell’allora governo Berlusconi.
Essere governati dagli attuali partiti è una TRAGEDIA.

La "tragedia nella tragedia" è il fatto che molte persone vanno dietro a questi...

Ma la tragedia della tragedia è il fatto che la maggioranza dei movimenti che sono nati e stanno nascendo a pochi mesi dalle elezioni non vogliono altro che prendere il posto della casta: "FUORI I MERCAN
TI DAL TEMPIO", ma non per liberare il tempio: bensì per mettere loro la bancarella...

DA APRILE AD OGGI ABBIAMO ASSISTITO A DIVERSI TENTATIVI DI "UNIONE" DI MOVIMENTI E ASSOCIAZIONI, TUTTI MISERAMENTE FALLITI: BASATI SUL PERSONALISMO E SULLA SPARTIZIONE DELLE POLTRONE E BASTA: i movimenti SANI a quel punto se ne vanno, non potrebbe essere altrimenti...

Quasi tutti i politici pensano solo ai propri interessi: e la cosa brutta è che maggioranza dei cittadini se fossero al loro posto farebbero altrettanto...!!! Al punto che la maggioranza dei Movimenti sono stati creati con questa finalità...

La parola ''democrazia'' è relegata a SLOGAN e non un "modo di impostare le cose"... SE NON CAMBIA QUALCOSA RADICALMENTE E VELOCEMENTE ALLE PROSSIME ELEZIONI MEGLIO ASTENERSI... che foraggiare un movimento disonesto: CE NE SARANNO MOLTI, VEDRETE... SE CI SONO SEMPRE STATI TANTI PARTITI, QUESTA VOLTA GRAZIE ALLE "POSSIBILITA'" OFFERTE DAL MALCONTENTO CE NE SARANNO ANCORA DI PIU' !!! CHE SCHIFO... CHE RABBIA...

MI VIENE DA PIANGERE A PENSARCI... MA ALLA DEMOTIVAZIONE PREFERISCO LA RABBIA: CHE MI CARICA PER LOTTARE SEMPRE PIU' DURAMENTE...



Alessandro Raffa



Non si poteva non voler bene a Rosy Bindi alla fine degli anni Ottanta, quando in mezzo a tutti quei parrucconi democristiani, spiccava per freschezza, purezza d’ideali, impertinenza, libertà di giudizio, e mette davvero una certa tristezza, paragonare ora le due immagini – quella di allora, e quella di adesso – e ritrovarla come  ingrugnita, strenuamente tesa a tenersi il posto, a non mollare la presa, e dice pure vaffa in diretta tv. È come se non volesse prendere serenamente atto che il mondo attorno a sé è cambiato, che non tutte le stagioni sono uguali nella vita degli uomini, anche degli uomini politici. 
Rosy Bindi è stata la più feroce oppositrice alle primarie. Non le voleva. 
“Le nostre regole non le prevedono per la scelta del candidato premier” tuonava il 12 maggio. “Non se ne vede l’utilità”. “Non affidiamo la soluzione di tutti i problemi del nostro  partito alle primarie”, rincarava la dose l’8 giugno, sostenuta dai Fioroni, dai Marini. “Renzi non può candidarsi, sta forzando lo statuto” sentenziava il 24 giugno. Il 16 luglio le chiesero se Renzi sarebbe stato in grado di relegarla in un cono d’ombra,  lei, insieme a Veltroni, D’Alema, Franceschini, Letta. “Ma quale cono d’ombra! Noi siamo assolutamente indispensabili!”. Ecco, diceva proprio così: in-dis-pen-sa-bi-li. Davvero merita un’altra ricandidatura?

La Bindi non molla la poltrona: "Chiedo al partito di ricandidarmi la sesta volta"
Rosy Bindi non vuole andarsene. Lo dice chiaro e non fa giri di parole. Di rottamazione non vuol sentire parlare e allora comincia già a mettere le mani avanti chiedendo al partito uno "strappo" per la prossima legislatura. 

Isabella Viola, 34 anni, mamma di quattro figli, si svegliava ogni mattina alle 4 per andare a lavoro in via Nocera Umbra, nel quartiere Appio Tuscolano. Il bus del Cotral che percorre la Pontina, l’arrivo alla stazione Laurentina, poi metro B, cambio a Termini per entrare nei vagoni affollati della linea A fino a Furio Camillo. Isabella era uno dei volti stanchi che si incontrano sui mezzi pubblici, stretti tra le smorfie per le attese infinite delle corse saltate.
Il bar Kelly apre alle sette, a quell'ora devono essere già pronti dolci e cornetti. Così, fino alle sette di sera, lo stesso ritmo, ogni giorno che il padreterno manda in terra, domenica compresa.

Da tempo Isabella non si sentiva bene, ma ha continuato a lavorare. È morta per un malore, da sola, sotto la metro, sulla banchina della stazione Termini una domenica mattina, era il 18 novembre. Alcuni passeggeri hanno cercato di soccorrerla portandola fino alla banchina della stazione Termini. Vigili del fuoco e dipendenti Atac hanno cercato di assistere la donna che aveva difficoltà respiratorie. Le sue condizioni si sono aggravate velocemente.
L’ultimo sforzo in questi giorni: risparmiare per fare i regali di Natale ai suoi figli.
L’ultima frase scritta da Isabella su Facebook «Una donna il suo gioiello più prezioso non lo indossa, lo mette al mondo».



Fonte: http://odiolacasta.blogspot.it/2012/12/isabella-34-anni-una-mamma-uccisa-dalla.html

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi