Post

Visualizzazione dei post da giugno 5, 2011

Recenti "piccoli" incidenti nucleari di cui non abbiamo sentito parlare

Immagine
Sono decine gli incidenti - fortunatamente di lieve entità - avvenuti nelle centrali nucleari recentemente, anche in Europa: numerosi i casi in Francia. Eventi  - si spera - non gravi, passati nell'assoluto silenzio: sia perché i paesi dove avvengono sono riluttanti a rendere pubblica la notizia, sia perché anche alle altre nazioni (che spesso hanno il nucleare) non piace diramare queste notizie, quando possono evitare di farlo, per non creare allarmismo nella popolazione, e magari per non alimentare l'anti-nuclearismo; di seguito, vi riportiamo alcuni casi: per approfondire, cliccate sui link, indirizzati a risorse "esterne" al nostro blog.
Nuovo incidente in una centrale nucleare, stavolta in Svezia (Svezia)
Incidente nucleare in Slovenia. Tanta paura in tutta Europa ma l’UE rassicura. (Slovenia)
Quarto incidente nucleare in Francia, di uno nessuno ne sapeva niente (Francia)

Errori e ritardi, ecco il motivo di un altro incidente nucleare passato inosservato (Fleurus, B…

Piccolo Incidente nucleare in Egitto, assordante silenzio in Italia

Immagine
L’Egitto, al centro dell’attenzione mondiale nei mesi scorsi per la rivolta controMubarak, una delle scintille della cosiddetta primavera araba, che ha portato alla caduta del Governo egiziano, torna a far parlare di sé per ben altre vicende, legate all’atomo.
Ieri si è infatti appreso, ma le fonti non sono ben chiare, di un incidente nucleare: un’esplosione avvenuta in un impianto piccolo quale è quello di Anshas, a Nord de Il Cairo, nella regione del Delta del Nilo, che potrebbe aver provocato una fuga di acqua radioattiva. Per la precisione si parlerebbe di dieci metri cubi di materiale contaminato ma finora non arrivano conferme. Sulla base di quelli che sono i criteri in merito stabiliti dall’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, l’incidente, spiega la fonte, sarebbe classificato come di terzo livello. Il condizionale è d’obbligo: le informazioni, come purtroppo avviene quasi sempre quando si tratta di problemi a reattori nucleari, sono scarse e permeano poco nella spessa …

NO TAV: Appello urgente dalla Val di Susa

Immagine
In questi giorni la Val di Susa sta vivendo momenti di tensione che ricordano quelli dell’autunno 2005 quando fu usata la forza per imporre l’apertura di un cantiere in vista della realizzazione del TAV Torino-Lione. Da allora nessun cantiere è stato aperto ma le promesse di governi di diverso colore di aprire un dialogo e un confronto con le istituzioni locali si sono dimostrate un inganno e le amministrazioni democraticamente elette, critiche sulla realizzazione della grande opera, non sono state riconosciute dal governo quali interlocutori affidabili e sono state estromesse dai tavoli di confronto. Decine di migliaia di persone chiedono semplicemente di essere ascoltate, chiedono un confronto vero, pretendono che alle loro ragioni – scientificamente documentate – si risponda entrando nel merito. In cambio ricevono insulti e l’accusa di voler difendere il loro piccolo cortile, di volersi opporre al progresso, di non rispettare le regole: slogan e accuse infondate in risposta ad argom…

Referendum: protestano contro la censura Rai, portati in questura

Immagine
Ormai è sempre più difficile allestire anche innocue manifestazioni di protesta. Questa mattina un gruppo che protesta contro l'informazione scorretta data dalla Rai - sono andati ad affiggere uno striscione in stoffa davanti alla sede della Tv di Stato. Un gruppetto all'alba si è mosso per mettere davanti ai cancelli di viale Mazzini la scritta: "Cara Rai, l'informazione sui referendum è un tuo dovere e un nostro diritto (se poi azzeccate le date nei Tg è meglio). Valigia Blu". Il riferimento tra parentesi è ai numerosi errori fatti durante il TG1 e il TG2 nei giorni scorsi di indicare come date per i referendum il 13 e il 14 giugno mentre si svolgeranno il 12 e il 13 giugno. Una guardia privata della Rai in servizio ha chiamato la Polizia che è intervenuta in forze e ha accompagnato la mezza dozzina di ragazzi, che hanno fatto il blitz, in Questura, dove sono stati identificati e lo striscione sequestrato (e sarebbe bello sapere per quale motivo). Dopo oltre un&…

"Contratto con gli italiani": nessun obbiettivo raggiunto

Immagine
Ricordate il contratto con gli italiani firmato durante la trasmissione televisiva "Porta a porta" nell'aprile 2001, cioe' 10 anni fa? Vediamone i punti che dovevano essere realizzati in cinque anni (2001-2006).
* Tasse: riduzione delle aliquote a due, 23% fino a 100mila euro e 33% oltre i 100mila euro. Obiettivo non raggiunto.
* Disoccupazione:dimezzamento del tasso di disoccupazione. Si doveva raggiungere il 4,8%, oggi siamo all'8,5%. Obiettivo non raggiunto.
* Pensioni: la minima a 520 euro mensili. Oggi e' 467 euro mensili. Obiettivo non raggiunto.
* Criminalita':diminuzione dei reati. In dieci anni i reati sono aumentati del 21%. Obiettivo non raggiunto.
* Grandi opere: apertura per il 40% delle opere finanziate. Oggi le opere realizzate e cantierate arrivano al 23%. Obiettivo non raggiunto.


fonte



Condividi su Facebook

In Olanda l'occhio delle telecamere è presente ovunque

Immagine
Le forze di sicurezza olandesi intercettano più telefonate dei loro colleghi negli Stati Uniti; sulle autostrade la sorveglianza completa è la normalità già da tempo. E le proteste sono pressoché inesistenti. 

Lo sappiamo: il programma Grande Fratello è un'invenzione olandese. E' nato su intuizione di John de Mol, uno dei maggiori imprenditori televisivi e fratello di Linda, star del piccolo schermo tedesco. Il seriale televisivo è divenuto un successo mondiale. Ma forse non tutti sanno che l'altra variante del Grande Fratello, quello di Orwell, è anch'essa un'invenzione olandese. Di più: Orwell in Olanda è quasi una realtà.
Non c'è praticamente angolo dei 40.000 chilometri quadrati di cui si compone il regno che sfugga al controllo. L'Olanda, con una densità di popolazione di 500 persone per chilometro quadrato, è il Paese più densamente popolato d'Europa. Ed è tutto nel mirino degli spioni di Stato, che sono ovunque. Se uno cammina lungo il marciapied…

La "tessera del tifoso" è inutile: vi spieghiamo il perché

Immagine
Ad oggi chi non ha la tessera del tifoso non puo' comprare un abbonamento alla stagione di calcio della propria squadra e non puo' andare a vedere una partita in trasferta nel settore ospiti, mentre chi ha la tessera del tifoso puo' comprare l'abbonamento, andare in trasferta nel settore ospiti e, notare bene, non e' soggetto alle restrizioni di accesso allo stadio decise dalle Autorita' per motivi di sicurezza pubblica.
La tessera del tifoso non serve per la sicurezza negli stadi
La tessera del tifoso e' stata “pubblicizzata” dal Ministero dell'Interno come un valido strumento per rafforzare la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di violenza negli stadi ma non e' assolutamente cosi'. Non aggiunge nulla agli strumenti gia' nella disponibilita' delle forze dell'ordine, anzi semmai e' fonte di ulteriori pericoli perche' se i tifosi della squadra X (che non hanno la tessera) vanno in trasferta e non accedono al settore ospiti…

Rifiuta il matrimonio, e lui gli getta addosso acido, benzina e gli da fuoco

Immagine
Folle gesto di gelosia e rancore per una proposta di matrimonio respinta Non accettava l’idea di essere stato respinto. Ecco perché un vietnamita di mezza età, residente nella provincia di Dong Nai, ha gettato benzina e acido sulla donna che non ha accettato la sua proposta di matrimonio, provocando gravissime bruciature a lei e ai suoi familiari. La polizia del Dong Nai ha arrestato un uomo di 54 anni che domenica scorsa ha provato ad incendiare un’intera famiglia vietnamita. Durante la festa di compleanno di un bambino di un solo anno l’uomo si è presentato con alcune bottigliette di acido e di benzina, che ha versato su otto dei presenti. La mistura letale è stata poi accesa per provare a incendiare le persone attaccate, tra le quali c’era la donna che aveva respinto la proposta di matrimonio dell’uomo. Le persone che non sono state colpite dall’uomo hanno fermato subito l’attacco, anche se con difficoltà a causa del fuoco che stava bruciando i corpi di alcuni dei loro parenti. Il vie…

Usa, continua la marcia degli Stati verso la depenalizzazione della cannabis

Immagine
Solo nel 2010 la polizia di New York City ha arrestato oltre 50 mila persone per possesso di cannabis. Questo nonostante il possesso di piccole quantità sia depenalizzato nello Stato di New York dal 1977. Ma un comma della legge ormai ultra trentennale stabilisce che mostrare o consumare cannabis in un luogo pubblico costituisce reato. Così, la polizia di New York, attraverso la controversa politica dello "stop and frisk", condotta soprattutto nei quartieri più poveri della metropoli, arresta chiunque sia trovato in possesso di marijuana in pubblico, anche se la sostanza viene rinvenuta a seguito di perquisizione personale ben nascosta nelle tasche del perquisito.

E' per porre fine a questa politica di perquisizione mirate sulle minoranze più povere della città, e per dare maggiore efficacia alla depenalizzazione, che due parlamentari statali, la democratica Hakeem Jeffries e il repubblicano Mark Grisanti, hanno presentato una proposta di legge per depenalizzare il posses…

Il papa parla di Fukushima ma dimentica i morti di Radio Vaticana

Immagine
Tornando dalle regioni a nord della capitale, dal viterbese, con la macchina che corre sulla Cassia, magari di notte, è impossibile non notare sulla destra, in località La Storta, la grande antenna a forma di croce che di notte, illuminata, domina il panorama circostante: è la trasmittente di Radio Vaticana che proprio da quell’appezzamento trasmette fuori da ogni lunghezza di banda accettabile il segnale della principale radio di informazione cattolica in tutto il mondo. E’ l’origine delle trasmissioni, è la fonte del segnale: e un tale irradiamento ha, più volte nel passato, causato malattie incurabili come leucemie e tumori. Le testimonianze degli abitanti di Cesano, che quando accendono la radio o suonano il citofono sentono Radio Vaticana, sono tantissime.
VATICANO AMBIENTALISTA – E’ di oggi l’uscita di Papa Ratzinger che si schiera con decisione a favore delle fonti rinnovabili e per il rispetto dell’ambiente. Adottare complessivamente uno stile di vita rispettoso dell’ambiente e …

Onu: “L’accesso a Internet è un diritto umano”

Immagine
Secondo un rapporto dell'Onu, gli Stati devono garantire il libero accesso alla Rete: "E' indispensabile per realizzare la libertà di espressione e di opinione". Uno strumento importante soprattutto nei paesi dove i media non sono indipendenti, come dimostrato dalle rivolte nel mondo arabo


L’accesso a Internet fa parte dei diritti umani, secondo un rapporto delle Nazioni Unite rilasciato venerdì scorso. “Dato che Internet è diventato un mezzo indispensabile per la realizzazione di tutta una serie di diritti umani, combattendo l’ineguaglianza e accelerando lo sviluppo e il progresso, assicurare l’accesso universale a Internet dovrebbe essere una priorità per tutti gli stati”, ha detto Frank La Rue, il relatore speciale che ha scritto il documento “sulla protezione e la promozione del diritto alla libertà di espressione e opinione”. Continua La Rue: “L’accesso a Internet è particolarmente importante in questi tempi di instabilità politica, come si è visto nelle rivolte …

Santoro mette la Rai in un angolo 'Pronto a condurre a un euro a puntata'

Immagine
Ultima chiamata per la Rai. Michele Santoro, adesso che il contenzioso con l’azienda non è più a tre con i giudici, mette viale Mazzini alle strette: “Vorrei che lei, presidente Garimberti, scegliesse in libertà se in questa azienda una trasmissione così la volete o no. Io non ho ancora firmato con nessun altro editore e quindi da domani teoricamente potrei essere disponibile a riprendere questo programma al costo di un euro a puntata nella prossima stagione”. Il conduttore ha scelto il prologo dell’ultima puntata di Annozero per il suo affondo, forse non finale. “Caro presidente Garimberti, se fossi in lei non mi preoccuperei di quello che sto per dire, ma di quello che lei sta per fare – ha iniziato il conduttore -. Chi è il vero artefice del destino della Rai? Io sono un giornalista della Rai. Anche Celentano è della Rai. Chi è che gli impedisce da anni di fare un programma sulla tv pubblica?”. E proprio durante una telefonata in diretta del Molleggiato scoppia la polemica.

Il minis…

Equitalia: cosa c’è dietro il business della riscossione tributaria

Immagine
Via libera alla Camera alla maggiore flessibilità, al piano di rateizzazione per i contribuenti e alla modifica delle ganasce fiscali Totale monopolio della riscossione dei tributi e dei contributi, per conto dell’Agenzia dell’EntrateEquitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% all’Agenzia delle Entrate e 49% all’Inps) e dal 1° ottobre del 2006 ha sostituito 40 enti, tra istituti bancari e privati, divenendo unico l’esattore fiscalein