Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media giustizia diritti civili ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO banche notizie carceri eurocrati immigrazione renzi guerra satira facebook scuola manipolazione mediatica euro grillo bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari poteri forti Russia massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione siria UE debito pubblico finanza ISIS califfo tasse ucraina disoccupazione israele marijuana agricoltura canapa terrorismo travaglio militari banchieri germania mario monti trilaterale geoingegneria obama vaticano Grecia bambini big pharma Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano vaccini assad enrico letta PD cancro tecnologia armi equitalia nwo Angela Merkel cannabis informatitalia.blogspot.it ministero della salute sondaggio BCE austerity suicidi umberto veronesi meritocrazia nucleare video eurogendfor fini magdi allam CIA iraq m5s privacy Putin clinica degli orrori sovranità nazionale staminali bancarotta droga marra INPS alimentazione boston bufala diritti globalizzazione monsanto prodi 11 settembre elezioni fondatori del sito iene politica troika evasione matrimoni gay nigel farage pedofilia roma acqua anatocismo fmi fukushima islam nikola tesla società usura draghi fisco francia golpe moneta rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu Unione Europea africa autismo imposimato lega nord nato nsa ricchi storia suicidio terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati bavaglio controinformazione costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva petrolio precariato propaganda rockfeller servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale svendita Cina Fornero borghezio casaleggio corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti sanzioni sciopero spagna terra turchia ungheria violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio islanda laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale orban pensioni prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca salvini sindacati taranto università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione latte legge elettorale microchip microspia mmt ocse paola musu radioattività riserva aurea risveglio coscienze sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corrado passara corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza distrazione di massa dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mare nostrum mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microonde mistero mk ultra multe multinazionali musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi petizione phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia repressione riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 1 ottobre 2014

"Una forza mercenaria globale anti terrorismo". L'auspicio di una delle figure più potenti del Club Bilderberg

Un pretesto per giustificare altri colpi di Stato: "I soldati stupidi animali da usare come pedine per la politica estera."

L'ex segretario di Stato degli Stati Uniti, e una delle figure più potenti nel club Bilderberg, Henry Kissinger, auspica la creazione di una forza mercenaria globale per combattere i terroristi.
La giornalista americana di Fox News, Bill O'Reilly, ha affermato, in un programma dell’ABC News, che Kissinger, famoso globalista e membro del club Bilderberg, "per anni ha appoggiato l'idea di creare una forza globale anti-terrorismo finanziata da una colazione di nazioni sotto la supervisione del Congresso".



Ancora contraffazioni alimentari, che con l'acuirsi della crisi secondo quanto riscontrato da Coldiretti sono aumentate enormemente.

Questa volta è stato scoperta un'azienda che produceva falsa mozzarella di bufala, in modo da vendere a caro prezzo mozzarelle prodotte con "latte di altra e non precisata natura."

Leggiamo su La Discussione:

Foto da La Discussione
Il personale del Corpo forestale dello Stato ha provveduto a fare ritirare ingenti quantita' di mozzarella dagli scaffali di sette supermercati toscani poiche' il prodotto riportava in etichetta di essere realizzato "con latte di bufala" mentre veniva prodotto utilizzando prevalentemente latte di altra e non precisata natura. Nel corso di un controllo effettuato in un noto discount di Ponte a Buggianese il personale del Comando Stazione di Pistoia hanno trovato esposte alla vendita confezioni di Mozzarella falsamente etichettate come prodotte con latte di bufala. L'etichetta, infatti, e' risultata ingannevole poiche' pubblicizzava un prodotto realizzato con latte di bufala mentre in realta', l'analisi degli ingredienti evidenziava come la maggioranza del latte adoperato fosse di altra natura, presumibilmente vaccina.

Anche questa volta le autorità non hanno reso nota l'azienda coinvolta. PERCHE'?

Ci e vi chiediamo se sia giusto proteggere le aziende che TRUFFANO i consumatori, talvolta con pratiche anche rischiose per la salute, anziché tutelare i cittadini, che hanno il DIRITTO SACROSANTO di conoscere quali aziende sono serie e quali no, dando loro la possibilità di BOICOTTARE chi truffa i consumatori. Farlo sarebbe giusto anche nei confronti delle aziende serie che rispettano le leggi ed i consumatori.

La rete dei controlli in Italia non è adeguata; le aziende con il sistema haccp "autocertificano" il rispetto delle normative, e talvolta un'azienda trascorre molti anni senza subire un controllo, che spesso - nei casi delle grandi aziende - sono concordati con le aziende (assurdo) e molto superficiali.

Le sanzioni per chi viola le normative sono blande, e anche nei casi più gravi nessuno passa un giorno in cella.

Se a questo aggiungiamo la "protezione" dell'identità delle aziende disoneste, è come legalizzare le frodi e le sofisticazioni alimentari. Informare i cittadini avrebbe invece un effetto deterrente nei produttori.


Staff nocensura.com



A cura di Alessandro Raffa per nocensura.com

Nei giorni scorsi la vicenda del trasferimento del Capitano di Fregata Gregorio De Falco, che la Capitaneria di Porto livornese ha relegato ad un ruolo "non operativo", nonostante lo Stato abbia speso fior di quattrini per addestrarlo e nonostante abbia dimostrato grande competenza, anche in occasione del naufragio della Concordia che lo ha reso celebre, ha scatenato un putiferio.

Il trasferimento, che ufficialmente non è un "demansionamento" ma dal punto di vista pratico lo è a tutti gli effetti, ha suscitato indignazione nell'opinione pubblica, ed i media hanno conferito grande copertura alla questione, tuttavia quasi nessuno ha dato risalto alla questione che illustreremo di seguito.

Quando hanno chiesto a De Falco per quale motivo fosse stato trasferito, egli pur senza nascondere la sua delusione, ha rimandato ai suoi superiori i giornalisti che chiedevano spiegazioni: "questo chiedetelo ai miei superiori" - e ha rivelato che da un po' di tempo, non solo lui, ma tutto il reparto operativo della capitaneria livornese, fossero "tenuti ai margini di celebrazioni e premiazioni", e qualcuno ha ipotizzato che fossero sorte gelosie in seno alla Capitaneria, dovute al gran risalto mediatico avuto dal Capitano De Falco, elevato addirittura allo status di "eroe".

Ma alla base del trasferimento, potrebbe esserci qualcosa di diverso:

Ad Aprile di quest'anno, quando ricorreva l'anniversario della tragedia del Moby Prince, in cui persero la vita 141 persone e che dopo 23 anni non è ancora stata chiarita, il Capitano De Falco ha espresso vicinanza ai familiari di quegli uomini, donne e bambini che quella maledetta sera del 10 Aprile 1991 si imbarcarono a Livorno verso Olbia, e che non hanno ottenuto giustizia. 

De Falco si espresse a favore della Commissione d'inchiesta caldeggiata per fare finalmente chiarezza sui fatti, esprimendo la sua vicinanza alla famiglie delle vittime, "che hanno il diritto di conoscere la verità, che vorrei conoscere anch'io, come cittadino.". E non solo: De Falco aderì pubblicamente all'iniziativa "Io sono 141", una "campagna per verità e giustizia sulla vicenda Moby Prince" organizzata dai familiari e da alcune associazioni.
Può sembrare una banalità, ma non lo è affatto. E' come se un Capitano dei Carabinieri avesse caldeggiato la commissione d'inchiesta (negata da centrodestra e centrosinistra in parlamento) per fare luce sugli abusi delle forze dell'ordine al G8 di Genova...

Quella del Moby Prince (vedi scheda Wikipedia) è una vicenda torbida, come quella di Ustica, di Piazza Fontana, e altre vicende che hanno insanguinato l'Italia e che restano avvolte nel mistero, (anche se nel caso di Ustica, dove ci furono più morti a terra, tra i testimoni (torre di controllo, addetti radar, etc. che si "suicidarono") NON-ufficialmente, la vicenda è piuttosto chiara... leggi QUESTO e QUESTO)

L'inchiesta riguardante il Moby Prince investì, inevitabilmente, anche le autorità marittime e portuali italiane, la Marina e la Capitaneria di porto, in primis proprio quella livornese, in cui presta servizio Gregorio De Falco. La verità non è emersa, ci sono varie ipotesi, ma per ora tali restano: tuttavia è emerso chiaramente che ci sono state menzogne e depistaggi, nonché "superficialità" (probabilmente non casuale) nelle indagini. Ne hanno parlato anche testate giornalistiche "main stream" come l'Espresso, Il Fatto e persino Famiglia Cristiana.

Ma non è finita;

De Falco solo pochi mesi fa, a Luglio, firmò una relazione negativa in merito alla sicurezza del nuovo rigassificatore costruito a Livorno;

E come sappiamo bene, intorno a questo genere di opere ci sono affari milionari, che in molti casi coinvolgono in qualche modo politici locali e non, e spesso i permessi sembra vengano concessi con eccessiva "leggerezza", le autorità sembrano "chiudere un occhio", o talvolta persino tutti e due, per non disturbare importanti business.

Sempre De Falco si sarebbe opposto all'ormeggio di navi da crociera (altro business) nell'area protetta di Portofino, in contrasto anche con i suoi superiori.

Concludendo, informandomi nemmeno troppo approfonditamente in merito al Capitano Gregorio De Falco, emerge il quadro di un professionista serio e capace, che ama il suo lavoro e che applica leggi e regolamenti senza guardare in faccia a nessuno; e persone così, in Italia ce ne sono poche, sopratutto nei ruoli di comando.

Quando i cronisti hanno chiesto a De Falco quali fossero secondo lui i motivi che hanno portato al suo trasferimento, egli si è astenuto dal commentare; alle domande di un cronista de Il Fatto Quotidiano, ha risposto e ribadito "mi spiace, ma è opportuno che non parli più", invitando i giornalisti a rivolgere le domande ai suoi superiori. Avrebbe potuto tirare fuori dal cilindro queste vicende, e probabilmente anche altre che non conosciamo, ma da professionista qual è, e da "militare", si è astenuto dal farlo.

Ovviamente non possiamo affermare che il suo trasferimento sia dovuto alle vicende sopra citate, farlo sarebbe un'illazione, ma a dire il vero, qualche dubbio personalmente mi viene. E sopratutto, questi fatti fanno indignare ancora di più di fronte al suo trasferimento a mansioni d'ufficio, DOVE NON POTRA' PIU' NUOCERE / OSTACOLARE ne il progetto del rigassificatore, ne lo strapotere delle grandi navi che spadroneggiano nei porti danneggiando l'ambiente.


PS: Personalmente non mi sono unito alla "mitizzazione" di De Falco per la questione Concordia; ritenevo eccessivo che fosse elevato al rango di "eroe" per aver pronunciato la celebre frase "salga a bordo cazzo!"; anzi sinceramente quella frase, nell'ambito di una conversazione registrata e resa di pubblico dominio, mi sembrava quasi un atto di esibizionismo; dopotutto - pensavo - è facile pontificare comodamente seduto su una poltrona. Certamente De Falco dimostrò grande professionalità nell'ambito di quell'intervento, e probabilmente il bilancio dei morti sarebbe stato persino più grave se non avesse "fiutato" che "qualcosa non tornava", mandando una lancia della Guardia di Finanza a controllare la situazione, nonostante dalla nave avessero rassicurato che si trattava di un "guasto tecnico" e che non c'erano problemi...

Dopo essermi informato più approfonditamente sul suo conto, e aver scoperto le questioni sopra citate riguarda il rigassificatore e l'ormeggio delle grandi navi in zona protetta, la mia stima nei suoi confronti è lievitata considerevolmente.

Il trasferimento di De Falco per certi versi mi ricorda la sospensione ed il licenziamento dell'agente Di Bello, tenente della Polizia Provinciale di Potenza punito.... perché voleva tutelare l'ambiente.

Sicuramente De Falco è un grande professionista, e persone come lui in un paese normale fanno carriera, non vengono relegati a mansioni d'ufficio... 

Come ha scritto il giornalista Pietro Senaldi di Libero, "Se avesse tradito la divisa anche solo qualche ora per diventare un'attrattiva popolare, nessuno lo avrebbe toccato. Oggi sarebbe il ricco conduttore di programmi sul mare e il testimonial di corsi di vela" ... le cose in Italia funzionano così, purtroppo. E per chi deve vigilare, a tutti i livelli, è più facile e conveniente cercare di farsi amici i "potentati" ed i "lobbisti", avallando tutti i loro progetti...

Nel frattempo è tornata alla ribalta la ballerina moldava, che sta scrivendo un libro sulla vicenda e guarda caso, dopo due anni, se ne esce con "rivelazioni shoccanti" - così le hanno definite i media - che appaiono come un - riuscito - tentativo di riottenere la ribalta mediatica, visto che anche i magistrati pare abbiano ritenuto le sue parole "inattendibili".


Alessandro Raffa per nocensura.com
 


La ballerina moldava Domnica Cemortan, divenuta famosa grazie al naufragio
della Concordia. Pare stia scrivendo un libro sulla vicenda
I media stanno ridicolizzando la vicenda della #Concordia, costata la vita a 32 persone, per soddisfare la voglia di visibilità della ballerina moldava, che dopo 2 anni di difesa estenuante di Schettino, ora che sta scrivendo un libro e probabilmente ha bisogno di riaccendere i riflettori su di lei, prima rivela al settimanale "Oggi" che Schettino aveva condotto lei e un membro dell'equipaggio sul ponte in attesa di un elicottero che li avrebbe portati in salvo, e quando si è resa conto che questa teoria aveva suscitato poco clamore, il giorno dopo ha alzato il tiro, dichiarando ad un programma TV che l'ex comandante avrebbe consegnato un non meglio specificato "oggetto ingombrante" all'elicottero.

PER FORTUNA IL GIUDICE, CHE HA DIMOSTRATO BUON SENSO, E PARE NON HA DATO IL MINIMO CREDITO ALLE PSEUDO-RIVELAZIONI, TARDIVE QUANTO TOTALMENTE INATTENDIBILI E FANTASCIENTIFICHE...

Al settimanale "Oggi" aveva dichiarato che il comandante aveva condotto lei ed il maitre sul ponte, e avrebbe affermato "non si vede nessuno" e questo probabilmente è vero; lei sostiene che avrebbe atteso un elicottero, mentre probabilmente Schettino si riferiva a imbarcazioni di soccorso.

Quanto all'oggetto ingombrante, sembra che ci sia la volontà di alimentare il sospetto di loschi traffici, forse facendo leva sul fatto che più volte le navi da crociera sono finite al centro di traffici internazionali di droga, ma in questo caso, premesso che la tesi è totalmente INFONDATA, la nave era salpata da poche ore, ed era diretta in Spagna. Solitamente i traffici sono dalla Spagna all'Italia, e non viceversa; la nave era salpata da poche ore, e comunque se il comandante avesse dovuto fare qualcosa di losco, certamente non si sarebbe portato a presso l'amante dell'est conosciuta da poco più di una settimana.

Come al solito vicende drammatiche che hanno risonanza, in questo caso a livello MONDIALE, vengono cavalcate per scopi pubblicitari... ed è davvero TRISTE che i media si prestino a questo giochetto parlando di "rivelazioni shock"... L'UNICA COSA SHOCCANTE è IL COMPORTAMENTO DEI MASS MEDIA


Staff nocensura.com



Marcello FoaNel libro “L’arte della guerra”, Sun Tzu «ha spiegato l’arte della dissimulazione e del sotterfugio, ma qui si sta esagerando». Giù la maschera, mister Obama: «Fu la Cia ad armare i mujaheddin e Bin Laden contro i sovietici, poi Bin Laden è diventato il nemico numero uno degli Stati Uniti. E fu Washington a sostenere Saddam contro l’Iran, poi Saddam è diventato il nuovo Hitler». Ricorda Marcello Foa: «Quando i Talebani imponevano un regime orribile in Afghanistan, l’America ignorò a lungo le loro nefandezze mostrando una benevola negligenza al punto di finanziare quel regime addirittura pochi mesi prima dell’11 Settembre, come dimostrato da una fonte insospettabile quale l’Istituto Cato. Ora tocca all’Isis e a nuovi gruppi spuntati dal nulla, vedi il Khorasan, che sembra il nome di un farmaco contro il colesterolo, ma che, come spiega il “Corriere della Sera”, è la nuova sigla del terrore, il nuovo erede di Al-Qaeda». E ora gli Usa fingono di non conoscere i loro ex amici dell’Isis, nati come costola dell’Esercito Siriano Libero per rovesciare Assad, poi divenuti Isil, quindi semplicemente Is, Islamic State, Califfato Islamico. Bersaglio perfetto, per mantenere il Medio Oriente nel mirino.
L’Isis, scrive Foa nel suo blog sul “Giornale”, rappresenta l’ala più estremista dell’Islam integralista sunnita, «un’ala fanatica, pericolosa, impresentabile: gente da tenere alla larga». Dunque, «i bombardamenti avvengono in nome di una causa che pochi non condividono in Occidente, tanto più dopo le immagini delle decapitazioni». Tuttavia, «l’altra sconvolgente verità» è che l’Isis «è stato finanziato da paesi arabi come il Qatar e i sauditi e sostenuto militarmente negli Stati Uniti, fino ad alcuni mesi fa, in nome della lotta alla Siria, ben sapendo che la distinzione tra ribelli “moderati” e quelli dell’Isis anti-Assad è risibile, come emerso nelle analisi più competenti e oneste pubblicate anche dalla grande stampa anglosassone». Si trattasse di un singolo errore, concede Foa, l’indulgenza sarebbe ovvia. Analizzando invece le linee fondamentali della politica estera statunitense, «il bilancio non può che essere molto negativo, e con uno schema che tende a ripetersi».
martedì 30 settembre 2014


Massimo Mazzucco, autore del documentario "11 Settembre la nuova Pearl Harbor": "Non c'è nessuna prova che l'uomo ucciso nel 2011 fosse bin Laden, mentre esistono forti indicazioni che lo sceicco saudita sia morto già nell'inverno del 2001." - VIDEO

Circa i fatti delle torri gemelle, vedi il documentario "11 Settembre la nuova pearl harbor"





I grandi ideologi del federalismo

A cura di Paolo Bonacchi
per visualizzare le slide


I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi