ads

giovedì 21 aprile 2016

L'Italia è al 1° posto in Europa per CORRUZIONE.


L'Italia è al 1° posto in Europa per CORRUZIONE. 
Secondo alcune stime, la corruzione in Italia vale 50 MILIARDI all'anno! E uno dei motivi, è senza dubbio la MANCANZA DI CONTROLLO sulla gestione dei soldi pubblici! In assenza di una legge sulla trasparenza, i cittadini NON possono controllare come lo Stato spende i nostri soldi.
Chi gestisce - per esempio - i soldi di un ospedale, può acquistare, da un'azienda compiacente, una fornitura di siringhe e garze a peso d'oro, oppure un disinfettante pagandolo 30 volte più del prezzo normale (casi emersi realmente) e ci sono BEN POCHE PROBABILITA' che questo emerga.

In un paese dove la corruzione dilaga, è ovvio e chiaro a tutti che SERVA UNA SERIA LEGGE SULLA TRASPARENZA, come altrove in Europa. Tuttavia il governo ha proposto una legge-bufala che NON GARANTISCE TRASPARENZA, in quanto ci sono numerosi cavilli, eccezioni e la mancanza di sanzioni per chi non applica la legge!
Da più di un mese è partita un'iniziativa per chiedere con forza la modifica di questa proposta, e una VERA legge sulla trasparenza. Sono state raccolte più di 78.000 firme, ma una iniziativa come questa, avrebbe dovuto raccoglierne MILIONI!!!
Possibile essere indifferenti a tutto in questo modo?!? Anche dinnanzi ad iniziative che possono cambiare davvero questo paese?!?
Possibile che i cittadini rendano la vita così facile al MALAFFARE? Controllare come spendono i nostri soldi, non solo è un 'diritto' ma anche un DOVERE!!! Invece qua è lo stato che controlla come noi spendiamo i nostri soldi, con il redditometro!
Se non lo avete ancora fatto, firmate http://goo.gl/LTakzm <--- e="" fate="" font="" girare="" post="" questo="">
La maggioranza degli italiani non si è mossa nemmeno per il referendum... svendono il nostro ambiente in cambio di concessioni bassissime, e ce ne freghiamo.
Ma a che punto vogliamo arrivare? Vi siete rassegnate? Credete che questo atteggiamento possa migliorare le cose?
Noi non ci arrendiamo!


mercoledì 20 aprile 2016

Legge sulla Trasparenza: sarebbe una svolta epocale, sosteniamo l'iniziativa!


Trasparency International a favore della campagna per il FOIA (Freedom of Information Act) in Italia! Una legge che ELIMINEREBBE il malaffare, permettendo a cittadini, associazioni, blogger di controllare come vengono spesi i nostri soldi! Sostieni l'iniziativa: http://goo.gl/LTakzm <--- assoluta="" da="" di="" e="" fai="" girare="" importanza="" iniziativa="" non="" occasione="" perdere="" span="" un="" una="">


Quando Renzi prometteva una LEGGE SULLA TRASPARENZA... salvo poi, un anno dopo, presentare una proposta irricevibile dove di "trasparente" non c'è NULLA!!! In un paese dove la corruzione dilaga come il nostro, è una VERGOGNA che questa legge non ci sia ancora e che nessuno la invochi a gran voce! Questa è un'iniziativa importante, che fa PAURA al sistema, lo dimostra il TOTALE SILENZIO mediatico, ma nonostante tutto gli organizzatori hanno già raccolto oltre 78.100 firme, FACCIAMO LA NS PARTE E ANDIAMO AVANTI !!! Sarebbe una svolta epocale, basta spese folli, appalti truccati, corruzione!

SOSTIENI L'INIZIATIVA PER LA TRASPARENZA!!! http://goo.gl/LTakzm <--- nbsp="" span="">
Renzi a inizio mandato aveva promesso pubblicamente la LEGGE SULLA TRASPARENZA, ma dopo 1 anno da tale impegno, se ne è uscito con una proposta, realizzata dalla Madia, che NON renderebbe trasparente un bel NIENTE, grazie a numerosi "cavilli" e all'assenza di sanzioni nei confronti degli enti che non adempiono. E' ASSURDO che un paese come il nostro, dove la corruzione dilaga, non disponga di una SERIA legge sulla trasparenza, come in molti paesi d'Europa e del mondo, dove chiunque può verificare come un Ministero, una Regione, un Comune o gli enti pubblici spendono i soldi dei cittadini. L'assenza di controlli rende possibile l'acquisto di siringhe e garze a peso d'oro, carta igienica a 4€ a rotolo e molti altri scandali, che via via emergono... ma certo la magistratura non può passare al setaccio ogni bilancio, servirebbero 2.000 persone preposte. Con la trasparenza, a controllare sono i cittadini, le associazioni, giornalisti, blogger, CHIUNQUE potrebbe controllare e denunciare eventuali anomalie... FORSE è PER QUESTO che non vogliono questa legge, per questo è IMPORTANTISSIMO sostenere l'iniziativa per COSTRINGERE IL GOVERNO A UNA VERA LEGGE SULLA TRASPARENZA! Firma e fai girare: http://goo.gl/LTakzm <--- span="">

martedì 19 aprile 2016

Davvero è tutto "normale" ?

Ma davvero vi sembra normale che la Presidente della RAI partecipi alle riunioni del Bilderberg e della Trilaterale?

Riunioni a porte chiuse, dove membri dei governi, delle banche, delle multinazionali e dei mass media si incontrano per orientare la politica e la società nella direzione determinata dalle elite che mediante il CONTROLLO DELLA MONETA hanno conquistato l'economia mondiale.
I banchieri che hanno il controllo dell'emissione monetaria, nel giro di pochi secoli sono riusciti a rastrellare intorno a loro la maggioranza delle ricchezze del mondo, possedute da poche decine di grandi lobby multinazionali a loro volta controllate da una manciata di grandi banche. Ovviamente hanno anche il controllo dei mass media.
Bilderberg e Trilaterale in passato si riunivano di nascosto; ora lo fanno alla luce del sole, come se fosse tutto "normale". Come se fosse normale che un politico pasteggi con i grandi banchieri e lobbisti, che hanno interessi multimiliardari. Con la complicità dei mass media, che anziché denunciare questo sistema di cose, fanno la loro parte per renderlo "normale" agli occhi della gente.
Gruppo Bilderberg che secondo le pubbliche rivelazioni del giudice Ferdinando Imposimato, basate sulle carte di un'inchiesta portata avanti dal giudice Alessandrini (indagine cessata a causa dell'uccisione dello stesso) sarebbe stato regista delle STRAGI DI STATO e della STRATEGIA DELLA TENSIONE (guarda il video: https://youtu.be/-8wizYyAuzc)
Rivelazioni gravissime sulla quale nessuna procura italiana sembra però interessata ad indagare... Emoticon gasp
Tutto normale?

domenica 3 aprile 2016

Non fatevi manipolare!


"spendono soldi per i migranti e non per le famiglie" - "per i migranti i soldi ci sono, per gli italiani no" (...)
Quante volte vi capita di leggere esternazioni simili?
Non sarebbe più opportuno dire:
"spendono soldi per le banche e non per le famiglie" - "per i banchieri i soldi ci sono, per gli italiani no" (...)
visto e considerato che ogni anni paghiamo ai banchieri 100 MILIARDI di euro solo a titolo di interessi sul debito pubblico, che è una vera e propria TRUFFA, mentre per i migranti spendiamo 1,5 miliardi?
Oltre al fatto che è sicuramente preferibile spendere soldi per aiutare dei poveri cristi, che darli ai banchieri, che li utilizzeranno per speculazioni di ogni tipo e per aumentare il loro potere?
Come mai tutti rinfacciano i soldi dei migranti, ma NESSUNO o quasi rinfaccia quelli che regaliamo alle banche? Forse perché non c'è nessuno a fogarvi come cani rabbiosi contro i banchieri, mentre in molti vi aizzano come cani rabbiosi contro chi sta peggio?
NON FATEVI MANIPOLARE!!!! SVEGLIA!!!!
Chi vi parla della spesa dei migranti, occultando i soldi che i banchieri ci rapinano legalmente ogni anno, o è un ignorante (nel senso che ignora, visto il silenzio mediatico) o è un COMPLICE CRIMINALE. Delle due, una.

giovedì 31 marzo 2016

L'indifferenza uccide più delle armi

L'iniziativa sulla trasparenza: clicca qui

"I limiti degli oppressori sono dettati dalla capacità di sopportazione degli oppressi."
Continuate a fregarvene, a fare gli indifferenti dinnanzi a tutto, come se non vi riguardasse... vedrete a cosa arriveremo, passo dopo passo!!!
Da settimane noi e molti altri blog sosteniamo l'iniziativa per cambiare la legge sulla trasparenza proposta dal governo Renzi (Vedi:http://goo.gl/hwhUQS) una legge-bufala che non renderebbe trasparente un bel niente. Vogliamo una legge seria, come gli altri paesi europei (visto che gli piace guardare all'Europa, quando gli fa comodo...) dove un cittadino può controllare facilmente come un Comune o gli enti pubblici (come gli ospedali) spendono i SOLDI PUBBLICI... con la trasparenza il malaffare delle fatture gonfiate o degli appalti truccati cesserebbe immediatamente, abbiamo assistito a scandali di tutti i tipi, disinfettanti pagati 30 volte il prezzo di mercato, siringhe e cerotti a peso d'oro e molto altro, salvo poi TAGLIARE la sanità...
Si risparmia sulla salute della gente, sugli esami diagnostici, e poi si consente di gestire i soldi pubblici con "segretezza", consentendo sprechi e ruberie. MA SCHERZIAMO?
La cosa DELUDENTE, e che deve far pensare, che nonostante la grande mobilitazione sul web, che ha raggiunto MILIONI di cittadini, hanno sottoscritto l'iniziativa poco più di 75.000 persone...!!! Anche chiedere una firma per un'iniziativa sacrosanta è chiedere troppo, agli italiani...
E ALLORA ARRENDIAMOCI, FACCIAMOCI TOGLIERE ANCHE LE MUTANDE, EVIDENTEMENTE ALLA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI VA BENE COSì...
Se qualcuno ha voglia di sostenere questa iniziativa, può farlo qui:http://goo.gl/hwhUQS - se gli italiani si mobilitassero in massa, in pochi giorni potremmo esigere l'approvazione di quelle leggi GIUSTE che non faranno mai, se non saranno messi con le spalle al muro. L'indifferenza uccide più delle armi



martedì 22 marzo 2016

"Non ho paura delle parole dei violenti, ma del silenzio degli onesti"

Sapete BENISSIMO come gestiscono i nostri soldi, abbiamo assistito ad appalti truccati di tutti i tipi, con opere realizzate male e costi TRIPLI rispetto al normale. Abbiamo assistito ai freni delle metro romane pagati 4 volte di più, disinfettanti pagati 30 volte di più (solo per citare alcuni casi molto noti) e sapete benissimo che una legge sulla trasparenza come hanno le altre nazioni europee, FERMEREBBE il malaffare, e magari farebbe emergere il marciume.

"non ho paura delle parole dei violenti, ma del silenzio degli onesti"
Se fosse possibile farlo, numerosi blogger come noi, ma anche tantissimi cittadini, passerebbero al setaccio i dati della pubblica amministrazione, degli enti pubblici. Verificare quali aziende guadagnano, i costi sostenuti, facendo paragoni.

In Inghilterra un cittadino può "fare le pulci" a qualsiasi ente pubblico. Può verificare quanto spende un ospedale per le forniture, per i servizi e le manutenzioni, e molto altro.
Ma non solo. Trasparenza significa anche AVERE ACCESSO AI DATI sull'inquinamento, sugli esiti di una indagine ambientale, e molto altro.

Da alcuni giorni è partita una grande mobilitazione sul web, a sostegno di un'iniziativa per MODIFICARE la scandalosa legge sulla trasparenza proposta da Renzi, che di trasparente ha ben poco.
NONOSTANTE I MEDIA NON NE PARLINO, SI TRATTA DI UNA QUESTIONE MOLTO IMPORTANTE, in un paese "normale", che non è al 70' posto nella classifica della libertà di stampa nel mondo, la questione sarebbe al centro del dibattito, invece c'è il silenzio totale, come sui referendum e su tutte le questioni scomode.
L'iniziativa sta crescendo, siamo sulla soglia delle 70.000 firme, ma se consideriamo la visibilità che sta avendo la campagna, con il video di Lambrenedetto da solo che ha superato le 400.000 visualizzazioni, e che va a sommarsi ad altri video, articoli, slide e molto altro,

SOLO UNA MINORANZA DELLE PERSONE SOSTENGONO L'INIZIATIVA, pur sapendo che la questione è importante: in ballo ci sono le spese della pubblica amministrazione: ANZICHE' TAGLIARE I SERVIZI, TAGLIAMO IL MALAFFARE! Perché la trasparenza, signori, elimina automaticamente fatture gonfiate e simili, e al contrario, permette di valorizzare gli enti che fanno scelte virtuose. Potendo fare paragoni, per esempio, tra i vari ospedali, potremmo riconoscere chi li amministra bene e chi male, chiedendo spiegazioni su eventuali incongruenze. SAREBBE UNA SVOLTA EPOCALE.

Una legge, quella sul FOIA (Freedom Of Information Act) che è già in vigore in 90 paesi del mondo, e che l'Italia deve assolutamente fare.

Se non lo hai ancora fatto, firma l'iniziativa: http://goo.gl/LTakzm e fai girare questo post, invitando i tuoi amici a fare altrettanto. NON essere indifferente, non pensare che sia inutile, questa è una battaglia che porteremo avanti ad oltranza, il tuo aiuto e quello di tante altre persone è FONDAMENTALE e farà la differenza.

FIRMA E FAI GIRARE L'INIZIATIVA: http://goo.gl/LTakzm <--- p="">
Staff nocensura.com

giovedì 17 marzo 2016

*IMPORTANTE! Volete cambiare davvero questo paese? Iniziamo con la TRASPARENZA!

Clicca QUI per andare alla Petizione


Renzi aveva promesso che avrebbe fatto la legge sulla trasparenza amministrativa, ma dopo una lunga attesa, il governo se ne è uscito con un decreto dove di "trasparente" c'è ben poco, poiché presenta molte eccezioni, non punisce chi nega l'accesso dei cittadini agli atti, e ottenere le informazioni sarà a pagamento (assurdo!) in modo da disincentivare i cittadini a farne richiesta. Una legge che non cambierà assolutamente niente, mentre come vedremo di seguito, c'è bisogno di ben altro. Dobbiamo seguire il "modello" di quei paesi dove c'è vera trasparenza.

In 90 paesi del mondo, per esempio in Inghilterra, i cittadini collegandosi al web possono accedere liberamente agli atti della pubblica amministrazione, e controllare come vengono spesi i soldi pubblici: gli acquisti degli ospedali, delle scuole, del proprio comune. Tutti i dati sono accessibili. I cittadini e le associazioni possono monitorare tutto, segnalando eventuali anomalie. In Italia invece, non c'è nessuna trasparenza. E questo rende possibile ogni genere di speculazione.

E' esattamente quello che sta accadendo:

Ospedali che comprano forniture di siringhe pagandole 20 volte il loro valore, confezioni di disinfettanti pagate 30 volte il loro valore (è accaduto in Puglia) e molto altro. Riporto da Affari Italiani:
In alcuni casi la differenza fra i prezzi di mercato e costi affrontati porta la Sanità Pubblica è incredibilmente alta e porta a pagare anche cinque volte più del dovuto. Comprare una siringa dovrebbe costare ad una Asl o un ospedale solo 2 centesimi, invece può costare da 3 a 65 centesimi. Una protesi all'anca può variare da 284 a 2.575 euro a seconda della Asl. Gli inserti di tibia si pagano da 199 euro fino a 2.479 euro, 12 volte in più.  E ancora: un flacone di antinfettivo, il cui giusto costo sarebbero 80 centesimi, in media viene pagato 3,22 euro (+302,5%). Un trattamento Hiv, invece di 0,76 euro, ne costa 1,39: l'82,9% in più. E poi ci sono anche le spese per la mensa e per la lavanderia.
La questione ovviamente non riguarda solo la Sanità, dove vengono tollerate spese folli, salvo poi lamentare la mancanza di fondi e tagliare i servizi ai cittadini.


La questione riguarda tutta la pubblica amministrazione, enti pubblici e aziende controllate. Ricordate il caso dei freni delle metropolitane di Roma pagati 4 volte il valore di mercato? Casi che sono venuti a galla grazie alla magistratura, che però ovviamente non può passare al setaccio tutte le spese di tutta la pubblica amministrazione.

Cosa che invece potrebbero fare i cittadini, le associazioni, i blogger, se ci fosse TRASPARENZA e le spese fossero pubblicate e liberamente consultabili da tutti, come avviene nei paesi civili ed evoluti.

Ci lamentiamo della corruzione dilagante, e poi non facciamo l'unica legge che potrebbe interromperebbe immediatamente gli affari loschi che avvengono all'ombra della pubblica amministrazione, e che ci costano MILIARDI di euro ogni anno.

QUELLA DELLA TRASPARENZA è UNA DELLE POCHE RIFORME CHE POTREBBE CAMBIARE VERAMENTE QUESTO PAESE. I cittadini devono poter controllare come vengono spesi i soldi pubblici.

Un'associazione ha sollevato la questione, e ha iniziato una raccolta firme che in pochi giorni ha superato le 60.000 adesioni: ma sono ancora poche, se vogliamo che la questione ottenga risonanza, mettendo il governo con le spalle al muro, ne servono molte di più.  Noi di nocensura.com sosterremo questa iniziativa ad oltranza, e vi invitiamo ad attivarvi per dare il vostro contributo firmando e divulgando la petizione, e invitando a firmare i vostri amici e conoscenti.

Se la questione guadagnerà visibilità, il governo non potrà che adeguarsi, poiché non farlo sarebbe un evidente e ingiustificabile regalo a chi specula sulla mancanza di trasparenza.

Ma non è finita qui. La legge sulla trasparenza obbligherebbe il governo a divulgare pubblicamente anche altre importanti informazioni: dai dati sull'inquinamento e la salute pubblica, alle cifre dei vari vitalizi e molto altro. Gli italiani avrebbero accesso a tutte le spese, fare emergere anomalie e denunciare irregolarità diventerebbe facile e alla portata di tutti.

E' una battaglia che non possiamo esimerci dal portare avanti. E' una di quelle riforme di cui NON PARLA NESSUN PARTITO, ma che cambierebbe davvero il paese. 
Invitiamo pertanto tutti a fare la propria parte, firmando la petizione e divulgandola. Se possiedete blog, sostenete questa iniziativa, è una battaglia che possiamo e dobbiamo vincere! Non pensate che sia tutto inutile, è esattamente quello che vogliono i potenti. Facciamoci sentire!!!

Clicca QUI per andare alla Petizione


Staff nocensura.com


Bastano pochi secondi... non fregartene, fai la tua parte! Solleviamo la questione e COSTRINGIAMO il governo a fare questa riforma EPOCALE che cambierebbe davvero le cose!

domenica 19 luglio 2015

NO ALL'ODIO


Chi vuole provare odio, per dare sfogo alla propria frustrazione, troverà sempre qualcuno o qualcosa da ODIARE. Sopratutto se in questo è "aiutato" dalla propaganda.
L'odio non è conseguenza dei comportamenti altrui, bensì nasce nell'insoddisfazione dell'individuo. Un meccanismo che conoscono molto bene, coloro che provocano la nostra insoddisfazione, la cavalcano per trasformarla in odio, e infine la dirigono in modo da controllarci e distrarci.
PS: non confondiamo l'odio con l'esasperazione motivata che vivono alcune zone, grazie a politiche scellerate e politici scellerati che portano avanti gli ordini ricevuti da Bruxelles e/o da Washington senza considerare minimamente l'opinione, ma anche le esigenze ed il grido di dolore del proprio popolo.
Gli odiatori generalmente non sono coinvolti personalmente nelle situazioni, ma odiano sulla base delle notizie, su situazioni che vivono altri, ma attenzione: degli altri a queste persone non gliene frega niente, devono solo giustificare il proprio odio, anche a loro stessi.
Chi prova odio ha un problema, chi prova odio generalmente vive male, e condiziona negativamente anche le persone che ha intorno.
Non sarà certo l'odio a creare una società migliore. Anzi l'odio è stato il fattore trainante di numerose guerre, nelle quali popoli hanno versato un alto tributo di sangue, mandando al macello intere generazioni di giovani, mentre pochi eletti si arricchivano... e funziona così anche oggi, perché "dietro ad una guerra, c'è sempre una banca" (cit.)
Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Privacy Policy di http://nocensura.com

Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Titolare del Trattamento dei Dati

Nocensura.com, redazione@nocensura.com

Tipologie di Dati raccolti

Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie, Dati di utilizzo, CAP, Email, Numero di Telefono e Posizione geografica.

Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.

I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall’Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questa Applicazione.

L’eventuale utilizzo di Cookie - o di altri strumenti di tracciamento - da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l’Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.

Il mancato conferimento da parte dell’Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi.

L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti

Modalità di trattamento

Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l’accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali. Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L’elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.

Luogo

I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.

Tempi

I Dati sono trattati per il tempo necessario allo svolgimento del servizio richiesto dall'Utente, o richiesto dalle finalità descritte in questo documento, e l’Utente può sempre chiedere l’interruzione del Trattamento o la cancellazione dei Dati.

Finalità del Trattamento dei Dati raccolti

I Dati dell’Utente sono raccolti per consentire all'applicazione di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Accesso agli account su servizi terzi, Statistica, Interazione con social network e piattaforme esterne, Contattare l'Utente, Registrazione ed autenticazione, Remarketing e Behavioral Targeting, Commento dei contenuti, Gestione indirizzi e invio di messaggi email, Interazione con le piattaforme di live chat, Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne, Funzionalità sociali e Interazioni basate sulla posizione.

Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicati nelle sezioni specifiche di questo documento.

Permessi Facebook richiesti da questa Applicazione

Questa Applicazione può richiedere alcuni permessi Facebook che le consentono di eseguire azioni con l’account Facebook dell’Utente e di raccogliere informazioni, inclusi Dati Personali, da esso.

Per maggiorni informazioni sui permessi che seguono, fai riferimento alla documentazione dei permessi Facebook ed alla privacy policy di Facebook.

I permessi richiesti sono i seguenti:

Informazioni di base

Le informazioni di base dell’Utente registrato su Facebook che normalmente includono i seguenti Dati: id, nome, immagine, genere e lingua di localizzazione ed, in alcuni casi gli “Amici” di Facebook. Se l'Utente ha reso disponibili pubblicamente Dati ulteriori, gli stessi saranno disponibili.

'Su di me' degli amici

Fornisce accesso alla sezione 'Su di me' del profilo degli amici.

Accesso ai dati privati

Permette l'accesso ai dati privati dell'utente e degli amici

Accesso alle attività

Fornisce accesso alla lista di attività dell'utente

Accesso alle liste di amici

Fornisce accesso alle liste di amici che l'utente ha creato

Accesso alle richieste

Fornisce accesso di lettura alle richieste di amicizia dell'utente

Accesso allo News Feed

Fornisce accesso ai post dello News Feed e permette all'applicazione di effettuare ricerche su di esso.

Accesso offline

Permette l'accesso ai dati quanto l'utente non è connesso.

Aderenze politiche e religiose degli amici

Fornisce accesso alle aderenze politiche e religiose degli amici.

Aggiornamento di stato

Aggiorna lo stato dell'utente.

Attività degli amici

Fornisce accesso alla lista delle attività degli amici.

Attività degli amici con App e Giochi

Permette di recuperare le attività degli amici dell'utente con le App e i Giochi.

Attività delle App e dei Giochi

Permette all'applicazione di pubblicare recuperare le attività delle App e dei Giochi.

Azione music.listen

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione music.

Azioni 'news.reads'

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione 'news.reads'.

Azioni 'video.watches'

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione 'video.watches'.

Azioni 'video.watches' degli amici

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione 'video.watches'.

Azioni music.listens degli amici

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione music.listens.

Azioni news.read degli amici

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione news.read.

Azioni personalizzate degli amici dell'utente

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da un'altra applicazione, secondo quando specificato dall''app namespace'.

Azioni personalizzate dell'utente

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da un'altra applicazione, secondo quando specificato dall''app namespace'.

Carica foto

Aggiungi o modifica foto.

Caricamento di video

Permette all'app di aggiungere o modificare video dell'utente.

Chat

Fornisce alle applicazioni che si integrano con la Chat di Facebook la possibilità di effettuare il login dell'utente

Checkin

Fornisce accesso di lettura ai checkin autorizzati dell'utente o a quelli di un amico che l'utente può visualizzare

Checkin degli amici

Fornisce accesso di lettura ai checkin degli amici che l'utente può vedere.

Città

Fornisce accesso alla città indicata nel profilo dell'utente

Città degli amici

Fornisce accesso alle città in cui vivono gli amici.

Città di origine

Fornisce accesso alla città di origine dell'utente.

Città di origine degli amici

Fornisce accesso alla città di origine degli amici dell'utente.

Condivisione

Condivisione al posto dell'utente.

Convinzioni politiche e religiose

Fornisce accesso alle convinzioni politiche e religiose dell'utente.

Crea Eventi

Permette all'utente di creare e modificare eventi al posto dell'utente

Crea note

Aggiungi o modifica note.

Data di compleanno

Fornisce accesso alla data di compleanno

Date di compleanno degli amici

Fornisce accesso alle date di compleanno degli amici.

Deal

Legge l'attività dei deal

Domande

Fornisce accesso alle domande che l'utente ha posto.

Domande degli amici

Fornisce accesso alle domande degli amici.

Educazione

Fornisce accesso alla sezione Educazione nel profilo dell'utente

Educazione degli amici

Fornisce accesso alle informazioni sull'educazione degli amici.

Email

Fornisce accesso all'indirizzo email primario dell'utente

Email di contatto

Permette di accedere all'indirizzo email di contatto dell'utente.

Esportare i post

Esportare i post e renderli pubblici. Tutti i post saranno esportati, compresi i messaggi di stato.

Eventi

Fornisce accesso alla lista di eventi a cui l'utente partecipa

Eventi degli amici

Fornisce accesso alla lista degli eventi a cui gli amici dell'utente partecipano.

Foto

Fornisce accesso alle foto che l'utente ha caricato ed a quelle in cui è stato taggato.

Foto degli amici

Fornisce accesso alle foto che l'utente ha caricato o in cui l'utente è stato taggato.

Gestione degli annunci

Fornisce la possibilità di gestire gli annunci pubblicitari e richiamare la Facebook Ads API al posto dell'utente.

Gestione dei gruppi

Permette all'applicazione di gestire i gruppi dell'utente.

Gestione della casella di posta

Permette di leggere ed inviare messaggi dalla casella di posta dell'utente.

Gestione delle notifiche

Permette all'app di leggere le notifiche e di contrassegnarle come lette.

Gestione delle pagine

Permette all'applicazione di recuperare l'access_tokens per le Pagine e le Applicazioni che l'utente amministra.

Gestisci Liste di Amici

Permette all'applicazione di creare, eliminare e modificare le liste di amici dell'utente.

Gruppi

Fornisce accesso alla lista di gruppi di cui l'utente è membro.

Gruppi degli amici

Fornisce accesso alla lista dei gruppi di cui gli amici dell'utente sono membri.

Insight

Fornisce accesso ai dati Insight per pagine, applicazioni e domini che l'utente possiede.

Interessi

Fornisce accesso alla lista di interessi dell'utente.

Interessi degli amici

Fornisce accesso alla lista di interessi degli amici dell'utente.

Invio di notifiche

Permette all'app d'inviare notifiche

Invio SMS

Permette all'app di inviare SMS al numero di telefono dell'utente.

Lettura della casella di posta

Permette all'applicazione di leggere la casella di posta Facebook dell'utente.

Membri della famiglia e Stato di relazione

Fornisce accesso ai membri della famiglia dell'utente, alle sue relazioni personali ed al suo stato di relazione.

Membri della famiglia e Stato di relazione degli amici

Fornisce accesso ai membri della famiglia ed allo stato di relazione degli amici dell'utente.

Mi Piace

Fornisce accesso alla lista di tutte le pagine che l'utente ha contrassegnato con il Mi Piace.

Mi Piace degli amici

Fornisce accesso alla lista di pagine su cui gli amici dell'utente hanno fatto Mi Piace.

Note

Fornisce accesso alle note dell'utente.

Note degli amici

Fornisce accesso alle note degli amici.

Presenza online

Permette l'accesso alla presenza online/offline dell'utente.

Presenza online degli amici

Fornisce accesso alla presenza online/offline degli amici dell'utente.

Pubblica Mi Piace sul Wall

Pubblica sul Wall storie su ciò che l'utente contrassegna con il Mi Piace.

Pubblicazione dei checkin

Permette all'app di effettuare checkin al posto dell'utente.

Pubblicazione dell'attività dell'app

Permette all'app di pubblicare sull'Open Graph usando Azioni integrate, Traguardi, Punteggi, Azioni personalizzate. L'applicazione può anche pubblicare altre attività, che sono dettagliate nel documento riguardante i permessi di pubblicazione di Facebook.

Pubblicazione sulla Bacheca

Permette a questa app di pubblicare contenuto, commenti e 'Mi piace' sulla bacheca dell'utente e su quella dei suoi amici.

Relazioni degli amici

Fornisce accesso alle informazioni sulle relazioni degli amici.

Relazioni dell'utente

Fornisce accesso alle informazioni sulle relazioni dell'utente.

RSVP agli eventi

Permette all'applicazione di fare RSVP agli eventi al posto dell'utente.

Siti web degli amici

Fornisce accesso agli URL dei siti web degli amici dell'utente.

Sito web

Fornisce accesso al sito web dell'utente.

Stato degli amici

Fornisce accesso ai messaggi di stato ed ai checkin degli amici.

Stato dell'utente

Fornisce accesso ai messaggi di stato e ai checkin dell'utente.

Storia lavorativa

Fornisce accesso alla storia lavorativa dell'utente.

Storia lavorativa degli amici

Fornisce accesso alla storia lavorativa degli amici.

Su di me

Fornisce accesso alla sezione 'Su di me' del profilo

Video

Fornisce accesso ai video che l'utente ha caricato ed a quelli in cui è stato taggato.

Video degli amici

Fornisce accesso ai video che gli amici hanno caricato ed in cui sono stati taggati.

Dettagli sul trattamento dei Dati Personali

I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

Informazioni sui Cookie

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questa Applicazione non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Ulteriori informazioni sul trattamento

Difesa in giudizio

I Dati Personali dell’Utente possono essere utilizzati per la difesa da  parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell’Utente. L’Utente è consapevole che il Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.

Informative specifiche

Su richiesta dell’Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.

Log di sistema e manutenzione

Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l’indirizzo IP Utente.

Informazioni non contenute in questa policy

Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.

Esercizio dei diritti da parte degli Utenti

I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso il Titolare del Trattamento, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l’integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento. Questa Applicazione non supporta le richieste “Do Not Track”. Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.

Modifiche a questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina, prendendo come riferimento la data di ultima modifica indicata in fondo. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l’Utente è tenuto a cessare l’utilizzo di questa Applicazione e può richiedere al Titolare del Trattamento di cancellare i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.

Informazioni su questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento dei Dati è responsabile per questa privacy policy.

Nome

Email *

Messaggio *