Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 22 ottobre 2014

Lunedì 20 Ottobre, poco dopo la pubblicazione dell'omelia di don Floriano Abrahamowicz [1] circa la beatificazione di Montini, definita una "pseudo-beatificazione", il sito del circolo cattolico "Christus Rex", agerecontra.it ha subito un attacco informatico. Gli hacker hanno cancellato in maniera definitiva tutti gli articoli pubblicati sul sito, eliminando persino le copie presenti sul provider.

Il circolo cattolico ha annunciato di aver presentato formale denuncia-querela presso la Polizia Postale, facendo presente che solo pochi giorni prima dell'attacco hacker avevano ricevuto una email, nella quale veniva minacciato l'oscuramento del loro sito.

Ai gestori del sito Agerecontra.it esprimiamo la nostra totale solidarietà; le idee di siti, associazioni, movimenti possono piacere o meno, possono essere oggetto di critiche, anche dure, ma esprimere le proprie idee è un diritto inalienabile.

"Christus Rex" è un'associazione di cattolici "tradizionalisti", fortemente critici nei confronti del Vaticano; contestano fortemente il secondo "Concilio Vaticano" , accusato di aver aperto la porta alla massoneria.

Dare risalto agli attacchi informatici è importante, affinché chi crede di poter "tappare la bocca" al prossimo con questi mezzucci, ottenga l'effetto contrario, facendo ottenere visibilità al sito attaccato. Per questo motivo vi invitiamo, quale piccolo gesto di solidarietà, a visitare il sito www.agerecontra.it, parzialmente ripristinato.


[1] don Floriano Abrahamowicz è un sacerdote lefebvriano molto critico rispetto al Vaticano ed in generale circa il "sistema" dei poteri forti che pilotano l'umanità; parla anche di signoraggio bancario, di massoneria e altri temi simili. Più volte è finito sulle cronache nazionali per affermazioni che hanno scatenato grandi polemiche; l'ultima di queste quando, dopo la morte del "boia delle Fosse Ardeatine" Erik Priebke, il sacerdote contestò la decisione del Vaticano di non celebrare una messa per lui, sostenendo che "la casa del signore deve accogliere tutti", e decise di celebrare un "requiem" per la sua anima. (guarda il video)


Nel video di seguito don Floriano che parla di signoraggio bancario intervenendo a una conferenza:



Staff nocensura.com

Mentre Renzi si fa i selfie con Barbara D'Urso, continua il dramma dei molti italiani che non riescono più ad andare avanti. Un imprenditore colpito dalla crisi si è dato fuoco a Catania. In estate nell'arco di un mese si sono date fuoco sette persone: ovviamente il numero dei sucidi è più alto...

Renzi in TV alcuni mesi fa invitò gli italiani ad "andare in vacanza sereni", nei giorni scorsi ha affermato che gli italiani "hanno i soldi ma hanno paura a spendere" (vedi post di seguito) in pratica IGNORA TOTALMENTE i 4,5 milioni di italiani che hanno serie difficoltà a mangiare, e quando parla si rivolge al suo elettorato, composto in primis da dipendenti pubblici e pensionati, e all'italiano "medio": infatti la maggioranza degli italiani sono nella situazione di cui parla Renzi: hanno problemi di reddito, i figli disoccupati, ma hanno nella loro disponibilità dei risparmi, accantonati quando era possibile risparmiare. Si tratta di una tecnica di comunicazione: molti infatti vivendo la situazione di cui parla Renzi, NON RIESCONO A PERCEPIRE che la situazione per 4,5 milioni di italiani è ben differente: ma 4,5 milioni di persone su 61 sono una esigua minoranza...






Staff nocensura.com
- - -
Foto "di repertorio" relativa a un altro caso
Si’ e’ dato fuoco come un bonzo, suicidandosi in aperta campagna: alla base del gesto di un imprenditore di 54 anni di Caltagirone, ci sarebbe, tra gli altri fattori, anche il peso debiti, ritenuto insostenibile, dovuti ad alcuni investimenti sbagliati e a un’attivita’ lavorativa che, complice la crisi, aveva preso una brutta piega. La tragedia, come ricostruisce il quotidiano La Sicilia, e’ avvenuta ieri. L’uomo si e’ suicidato nelle campagne a pochi chilometri di distanza dal centro abitato. Si e’ cosparso il corpo di benzina e poi si e’ dato fuoco utilizzando un accendino. L’ambulanza, chiamata da due braccianti agricoli al lavoro nei campi della zona, richiamati dal fumo acre sprigionatosi dal rogo e accorsi pochi minuti dopo, e’ arrivata sul posto, ma l’imprenditore era gia’ deceduto. I familiari nei mesi scorsi ne avevano piu’ volte denunciato l’allontanamento da casa, ma poi era ritornato. Secondo i carabinieri della compagnia di Caltagirone, l’ipotesi del suicidio per problemi economici e’ la pista privilegiata. La Procura ha disposto l’autopsia.


Fonte: strettoweb.com




TEHERAN - Serena Shim, giornalista della Press Tv iraniana in Turchia, e' morta ieri, in un drammatico incidente stradale, a pochi metri dal confine con la Siria.
L'americana di origini libanesi, madre di due figli, la Shim stava tornando in albergo dopo aver concluso un servizio da Suruc, nella provincia turca di Sanliurfa, per raccontare il dramma di Kobane, citta' curda della Siria, assediata dai terroristi dell'Isis. E li' e' morta, travolta da un camion. Proprio così: l'auto sulla quale viaggiava con il suo operatore, che è rimasto gravemente ferito ma non sarebbe in pericolo di vita, e' stata travolta da un tir. Un tir "fanstasma": non si sa chi fosse alla guida, né il tipo di camion. E anche la dinamica è incomprensibile: si sa solo di un'auto distrutta. Di un cadavere. Di un ferito. A fare accendere i fari sulla strana morte di Serena, un suo messaggio inviato dalla giovane giornalista venerdì scorso: come si legge sul sito web di Press Tv, la giornalista aveva riferito di essere stata "accusata dall'intelligence turca di spionaggio probabilmente a causa di alcuni lavori riguardo la posizione della Turchia rispetto ai miliziani dello Stato islamico a Kobane e nei dintorni". Seguiva la faccenda dell'ingresso dei terroristi in Siria attraverso il territorio turco. Diceva di essere in possesso di documenti per mostrare che i militanti takfiri (estremisti filo al Qaeda) entravano in Siria a bordo dei camion dell'Oms e delle Ong turche. Per questo temeva per la sua vita.


Fonte: italian.irib.ir
Tratto da: informazioneinunclick.altervista.org





Ai carabinieri che gli perquisivano la casa ha mostrato un certificato medico in cui veniva autorizzato a consumare la cannabis per scopi terapeutici a causa della patologia di cui soffriva. Ha poi aggiunto che in farmacia costa troppo e allora me l'ha coltivo da solo. Una giustificazione, ad ogni modo che non è servita ad evitargli la denuncia. Perchè aveva l'autorizzazione a consumarla ma non a coltivarla. Per questo a finire nei guai è stato un genovese di 36 anni residente a Molassana in Valbisagno già noto alle forze dell'ordine per reati inerenti proprio gli stupefacenti. L'uomo che si trovava agli arresti domiciliari è stato controllato dai militari all'interno della sua abitazione dove sono state trovate otto piante di marijuana e materiale per la coltivazione. Il reato ipotizzato è quello di detenzione ai fini di spaccio.


Fonte: droghe.aduc.it



I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi