Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 24 aprile 2015

Proprio a pochi giorni dall'articolo secondo il quale "8 italiani su 10 avrebbero rifiutato un impiego da 1,300 euro al mese" il programma televisivo Le Iene ha documentato la realtà dei lavoratori che lavorano come braccianti agricoli per una paga di 1,50€ all'ora. La cosa che colpisce (ma di certo, ormai non sorprende) sta nel fatto che se fino ad un paio di anni fa questi lavoratori erano generalmente extracomunitari - per lo più africani, ricordiamo il "caso Rosarno", che suscitò tanto clamore, ma finì immediatamente nel dimenticatoio - ora persino gli italiani accettano queste condizioni di super-sfruttamento!

"tengo famiglia, devo dare da mangiare ai miei figli, lavoro non ce n'è, che devo fare?" - afferma con rassegnazione uno di questi lavoratori.

Ebbene, fate vedere il servizio a chi dice che gli italiani rifiutano posti di lavoro da 1.300€ al mese... e anzi: andate a chiedere a questi poveri cristi sfruttati se gli interessa trasferirsi a Milano per lavorare per lo stipendio sopra menzionato, e vediamo un po'... ma ovviamente non c'è bisogno di andare in Sicilia per trovare persone disposte a lavorare. Così come anche al Nord esiste questo tipo di sfruttamento, forse con condizioni lievemente migliori; sicuri che nei cantieri edili del nord Italia - almeno in quelli più "nascosti" - non ci sia manodopera sfruttata 10 ore al giorno per 30€ ? Il cui potere d'acquisto, in zone care come Milano, è vicino a quello dei 15 euro siciliani: basta fare un confronto sul costo degli affitti e della vita.

Che nei campi lavorino poveri cristi sfruttati è risaputo. QUELLO CHE NON CI è PIACIUTO DEL SERVIZIO DELLE IENE sta nel fatto che tutta la colpa viene scaricata sul "caporale", come se egli si arricchisse, mentre in realtà, ci risulta che le cose siano un po' diverse. A noi risulta che la grande distribuzione IMPONGA loro prezzi bassissimi, irrisori, e per rientrarci le aziende agricole, che spesso non se la passano bene, sono costrette a sfruttare la manovalanza di clandestini.

Non conosciamo il mercato dei limoni, ma per quanto riguarda le arance, possiamo affermare senza temere smentita che ci sono agricoltori costretti a venderle a 5 cent di euro al kg; se gli agricoltori non accettano tale prezzo, i prodotti restano sugli alberi, invendute.  Della questione ne abbiamo parlato più volte: (vedi articoli precedenti)

Certamente alcuni imprenditori agricoli non si fanno scrupoli a sfruttare le persone il più possibile, ma a loro volta ricevono lo stesso trattamento dai manager della grande distribuzione. Peccato che il servizio delle Iene non abbia affrontato anche questa questione, sarebbe stato davvero ottimo se lo avesse fatto. In ogni caso, un bel servizio.

GUARDA IL SERVIZIO DELLE IENE SUL SITO MEDIASET


Alessandro Raffa per nocensura.com


mercoledì 22 aprile 2015

Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro...

CLICCA QUI per saperne di più sull'iniziativa e per firmare


Servono 1.000.000 di firme per mettere in seria difficoltà la casta con l'iniziativa; i promotori sono arrivati ad oltre...
Posted by Cose che nessuno ti dirà di nocensura.com on Mercoledì 22 aprile 2015


domenica 19 aprile 2015

A cura di A.R. per nocensura.com

Lettura e divulgazione altamente consigliata: Ecco come la lobby dei supermercati ci ha impoverito un articolo che ha strappato le lacrime a chi l'ha vissuta 'da commerciante'... vedendo gli incassi decrescere quotidianamente in favore della grande distribuzione, che ormai controlla il mercato. E fa le regole da padrone, anche grazie agli aiuti governativi...

Un articolo che sicuramente chi ha superato la soglia degli "anta" o ci si avvicina, potrà confermare. La grande distribuzione prima ha fatto chiudere centinaia di migliaia di commercianti, impadronendosi del mercato, e poi ha alzato i prezzi. Ha iniziato con i generi alimentari, e si è estesa a tutti i settori merceologici. E infine hanno messo in crisi anche l'industria, poiché loro vendono merci importate dal terzo mondo, dove i margini di profitto sono stellari. Le sedi legali nei paradisi fiscali fanno il resto.

Ci hanno consegnato alle lobbies, cari signori. E noi stupidamente ci siamo fatti gabbare con il modesto risparmio che i primi tempi la grande distribuzione garantiva.

Abbiamo tolto lavoro a centinaia di migliaia di famiglie, ex ceto medio, per ottenere in cambio posti di lavoro precari e sottopagati e aziende che NON investono sul territorio, se non per creare altro schiavismo autorizzato.

Aspirapolveri impazzite che risucchiano tutto quello che hanno intorno, spremono il territorio e le persone al limite consentito dalle leggi locali (chiedendo ai governi occidentali di "adeguarsi" agli standard del sud del mondo) e sottraggono miliardi di euro alla nostra economia, esportando capitali alle Cayman e company.

Leggete e fate leggere questo fantastico articolo dossier di La verità sul nuovo ordine mondiale​; dovrebbero leggerlo anche i giovani, coloro che sono nati con i supermercati sotto casa, per capire cosa è successo in questo paese a partire dalla metà degli anni '80... quando in Italia c'era BENESSERE, quando la famiglia media comprava casa senza difficoltà, e se c'erano 2 stipendi potevi farti anche la casa al mare. Ad Agosto un mese di vacanze, alcune famiglie prendevano la casa in affitto al mare o la piazzola in campeggio per tutta la stagione.
Altri tempi...

Se siete alcuni dei pochi commercianti "superstiti" sopravvissuti alla grande distribuzione, stampate questo articolo e fatelo leggere ai Vs clienti...

A.R. per nocensura.com

Vai all'articolo: Ecco come la lobby dei supermercati ci ha impoverito


Un articolo che sicuramente chi ha superato la soglia degli "anta" o ci si avvicina, potrà confermare. La grande...
Posted by Cose che nessuno ti dirà di nocensura.com on Domenica 19 aprile 2015


sabato 11 aprile 2015

La sentenza che condanna le TORTURE inflitte dalla polizia in occasione del G8 rispolverano le polemiche, e come al solito c'è chi si schiera a spada tratta con le forze dell'ordine, tirando in ballo i black block ed i facinorosi. Ebbene, forse questa gente dimentica che le torture in questione sono state fatte a persone INNOCENTI ED INERMI, come illustra bene il video sopra, che qualcuno dovrebbe guardare prima di dare fiato alle corde vocali.

Staff nocensura.com


Alla Diaz la polizia “ha picchiato troppo poco”. E Carlo Giuliani, il ragazzo ucciso durante quegli scontri a Genova nel 2001, è “uno che se l’è andata a cercare”. Parola dell’eurodeputato leghista Gianluca Buonanno, uno non nuovo alle provocazioni. Stavolta Buonanno per lasciare il segno con il suo punto di vista sceglie la trasmissione radiofonica “La Zanzara” su Radio 24. 
Viene intervistato su quello che il 7 aprile era il tema del giorno, la condanna dell’Italia a Strasburgo. E dice la sua in modo certamente non diplomatico:
“Le forze dell’ordine hanno fatto bene, tutta quella gente era lì per sfasciare una città, cosa dovevano fare? (…) Ma quali crimini alla Diaz  io sono dalla parte delle forze dell’ordine. Quella era gente che occupava un posto, erano in un posto dove non dovevano entrare, la polizia ha fatto bene. Hanno sfasciato di tutto e di più e pagano solo i poliziotti”.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi