Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo guerra manipolazione mediatica bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari poteri forti Russia massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele siria UE disoccupazione ucraina marijuana travaglio agricoltura militari banchieri canapa mario monti trilaterale califfo germania geoingegneria ISIS terrorismo Grecia bambini obama vaticano Traditori al governo? big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta cancro vaccini tecnologia PD nwo armi equitalia Angela Merkel BCE austerity sondaggio umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi cannabis fini informatitalia.blogspot.it magdi allam m5s ministero della salute privacy video assad clinica degli orrori eurogendfor Putin marra sovranità nazionale staminali CIA bancarotta boston bufala droga monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo fmi fukushima nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività ricerca riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 2 settembre 2014
Cannabis aiuta il cervello
Una nuova ricerca di una squadra tedesca presso l’Università di Bonn dimostra che i benefici già noti sono solo una parte delle potenzialità che nasconde la pianta proibita. Gli scienziati dell’Istituto di Psichiatria Molecolare hanno dimostrato che la cannabis ha molti effetti benefici sul cervello, e la loro ricerca si è concentrata particolarmente su uno di questi: l’attivazione del sistema dei cannabinoidi nel cervello provoca il rilascio di antiossidanti che agiscono come un meccanismo di pulizia.
In questo modo il corpo è in grado di utilizzare Cannabis per rimuovere le cellule cerebrali danneggiate. Tale processo non solo preserva la funzione del tessuto in modo sano e normale, ma può anche migliorare l’efficienza della fonte energetica mitocondriale di cellule.
Questo studio getta nuova luce sul modo in cui cannabinoidi naturali prevengano e inibiscano l’infiammazione nel tessuto cerebrale che causa una riduzione delle capacità mentali e cognitive del tessuto nervoso e la degenerazione cerebrale. Gli scienziati ritengono che attivando alcuni recettori con composti della cannabis possano prevenire o ritardare in modo significativo le malattie come l’Alzheimer, il Parkinson, Il morbo di Huntington e altre, tra le quali il processo di invecchiamento del cervello.
Andras Biokei-Gorzval, capo del gruppo di ricerca, avverte che questo studio, anche se è scientificamente corretto, non dovrebbe essere l’occasione per abusare di Cannabis, ma piuttosto per suggerire una revisione delle norme giuridiche e sanitarie intorno ad essa. Egli ha espresso la preoccupazione che se la Cannabis venisse legalizzata come medicinale, la sua distribuzione sarà gestita interamente dalle grandi aziende farmaceutiche, e ciò potrebbe portare ad un’enorme insoddisfazione sia tra il pubblico sia tra gli scienziati che la studiano.
Tratto da: freeweed.it

Vedi anche: Speciale Canapa

"Banche, chiunque ha avuto un fido potrebbe chiedere rimborso: ma nessuno lo sa!


I mass media non ne parlano, ma quanto sta facendo la Procura di Trani è QUALCOSA DI STRAORDINARIO! Un giudice della Procura di Trani infatti sta portando alla sbarra il sistema bancario italiano, che come abbiamo illustrato più volte, per esempio nell'articolo "Banche, chiunque ha avuto un fido potrebbe chiedere rimborso: ma nessuno lo sa!" nella totale impunità praticano anatocismo e usura, sottraendo a imprenditori e commercianti somme importanti in modo ILLECITO! 

La Procura di Trani inoltre è nota anche per avere aperto un'inchiesta sulle agenzie di rating, accusate (e probabilmente colpevoli) di aver agito per danneggiare deliberatamente l'Italia, rinviandole a giudizio, inoltre sempre la procura di Trani sta indagando sul vaccino trivalente: che secondo numerose evidenze scientifiche sempre più innegabili (anche se gli scienziati vicini a big pharma ovviamente negano) provocano autismo e gravi problemi di salute. (vedi intervista al noto scienziato Montanari)

I GIUDICI IN QUESTIONE DIMOSTRANO GRANDE SENSO DELLA GIUSTIZIA, E SOPRATUTTO IL CORAGGIO DI AGIRE CONTRO QUEI POTERI FORTI CHE CON LA COMPLICITA' DELLA POLITICA E DI PARTE DELLA MAGISTRATURA DERUBANO E VESSANO I CITTADINI, CALPESTANDO LA LEGGE E LA DEMOCRAZIA!

Quando la Procura di Trani ha aperto l'inchiesta sui vaccini, il giudice è stato vittima di linciaggio mediatico: scienziati vicini a big pharma e persino il Ministero hanno attaccato la procura, per esercitare pressione contro questa inchiesta scomoda: EBBENE, NESSUNO TOCCHI LA PROCURA DI TRANI ED I GIUDICI CORAGGIOSI, PERCHE' SE PER CASO DOVESSERO SUBIRE SOPRUSI O RITORSIONI, SIAMO PRONTI ALLA MOBILITAZIONE AD OLTRANZA! L'altra volta ci siamo limitati a lanciare un appello sul web a sostegno della Procura, raccolto da decine di liberi blogger: ma se necessario, siamo pronti a chiamare alla piazza migliaia di italiani. 

Di seguito l'articolo di Dagospia:


Anna Maria Tarantola
Anna Maria Tarantola
CI VOLEVA LA PROCURA DI TRANI PER SPUTTANARE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO - ALLA SBARRA SACCOMANNI, TARANTOLA, LUIGI ABETE, MUSSARI, PROFUMO, GHIZZONI E CALTAGIRONE: TUTTI ACCUSATI DI AVER CREATO UN SISTEMA DI TASSI DI USURA CON L’AVALLO DI BANKITALIA -

È la tesi con la quale il pm di Trani, Michele Ruggiero, ha chiuso le indagini e chiederà di mandare a giudizio quasi tutto il sistema bancario italiano. Una battaglia che se dovesse trovare fondamento metterebbe in ginocchio l’intero credito nel Paese: chi ha mutuo sulle spalle potrebbe continuare a pagarlo senza dover corrispondere alcun interesse…

Walter Galbiati per ‘La Repubblica’

Due direttori generali della Banca d’Italia, Vincenzo Desario e Fabrizio Saccomanni, già ministro dell’Economia, due responsabili della Vigilanza bancaria, Francesco Frasca e Anna Maria Tarantola (oggi presidente della Rai).

Ma anche l’ex presidente di Bnl, Luigi Abete, i vertici passati e attuali di Unicredit, Dieter Rampl, Alessandro Profumo e Federico Ghizzoni, Fabrizio Mussari e Francesco Gaetano Caltagirone per Mps, e i numeri uno della Popolare di Bari, il presidente Fulvio Saroli e l’amministratore delegato Marco Jacobini. E con loro molti altri rappresentanti dei consigli di amministrazioni, tutti accusati di aver creato un sistema di tassi di usura con l’avallo della Banca d’Italia. In tutto 62 avvisi di conclusione indagine. È la tesi con la quale il pm di Trani, Michele Ruggiero, non nuovo a inchieste ciclopiche e roboanti, ha chiuso le indagini e chiederà di mandare a giudizio quasi tutto il sistema bancario italiano. Una battaglia che se dovesse trovare fondamento metterebbe in ginocchio l’intero credito nel Paese, in quanto permetterebbe a chi possiede un mutuo di continuare a pagarlo senza dover corrispondere alcun interesse.

I dirigenti dalla Banca d’Italia e il ministero dell’Economia (Giuseppe Maresca) avrebbero, nelle rispettive cariche, «adottato determinazioni amministrative (leggi circolari e regolamenti, ndr) in contrasto/violazione della legge in materia di usura n.108 del 7/3/1996 così consapevolmente fornendo un contributo morale necessario ai fatti reato di usura materialmente commessi dalle banche».

Secondo l’accusa le banche, «dopo aver utilizzato per il calcolo del cosiddetto T. e. g. (tasso effettivo globale) l’algoritmo indicato da Banca d’Italia che indicava l’incidenza degli oneri e delle commissioni al credito accordato piuttosto che a quello effettivamente utilizzato, avrebbero adoperato anche per la verifica di sussistenza dell’usura, ossia per la verifica del limite tasso soglia previsto dalla legge, il suddetto medesimo algoritmo (tarato sull’accordato) anziché quell’altro algoritmo che rapportava l’incidenza di oneri e commissioni e spese al credito erogato ed effettivamente utilizzato, elaborato per il calcolo del Taeg».


IL PM DI TRANI MICHELE RUGGIERO
Il PM di Trani Michele Ruggiero
In questo modo venivano segnalati alla Banca d’Italia tassi più bassi entro il limiti dell’usura, che a seconda dei periodi variava tra il 9 e il 20%, mentre ai clienti venivano caricati interessi maggiori. Il reato di usura bancaria continuata e pluriaggravata è stata commessa ai danni di alcune imprese di Barletta, la Costruzioni Crescente con un vantaggio per Bnl di circa 42mila euro e la Best Side per poco più di 2mila euro, la Aligest con un vantaggio per Unicredit di 1.800 euro. Contro Unicredit, giunta Vincenzo Longo per interessi usurari per 9.500 e la Tiesse srl, (2mila euro). Lo stesso Longo ha accusato Mps per 16mila euro.

La Popolare di Bari è finita nell’inchiesta per 296 euro di vantaggio usuraio sottratti dalle tasche di Luigi Salvatore Gianfrancesco. Gli interessi e i soldi in gioco sono pochi, ma la posta è grande. L’accusa punta in alto, starà ai giudici stabilire chi ha ragione. Altri nomi illustri finiti nelle indagini per le loro cariche sono gli avvocati Sergio Erede e Berardino Libonati, i tributaristi Guglielmo Maisto e Tommaso di Tanno, i banchieri Fabrizio Palenzona, Paolo Fiorentino, Piergiorgio Peluso, Vittorio Ogliengo, Vincenzo Nicastro, Antonio Vigni.



Mogherini lady PESC: tutti contenti, eppure non si accede a certi ruoli se...

Di Enrico Carotenuto

Colgo lo spunto offertomi da un post su facebook del professor Cesare Padovani, che ripropongo per intero:

DOMANDE DA PORSI SU CIASCUNA PERSONA DI POTERE

Di chi è figlia?
Di chi è parente?
Di chi è amica?
Quali sono state le sue frequentazioni giovanili?
E quelle attuali?
E della sua famiglia?
Che scuole ha frequentato?
Gestite da chi?
Quali gruppi ha frequentato?
Chi l'ha voluta dove è stata?
Chi l'ha voluta dove sta?
E aggiungerei:
E' iscritta ad associazioni di cui fanno parte uomini di potere?
Cosa fa il coniuge?
Che incarichi riveste il coniuge?
Quali sono state le frequentazioni del coniuge?
E del genero?
Cosa fa il genero?
Ha uno zio particolarmente influente?

Se non si risponde a queste domande, non si può dire nulla sull'affidabilità della persona! E queste cose, per quelli del potere, non vengono mai dette! Ma è da ingenui pensare che si possa ricoprire cariche di responsabilità per soli propri meriti!

In questi giorni abbiamo assistito a scene di giubilo renziano per la nomina di Federica Mogherini ad Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Tutti a spellarsi le mani in applausi, e tutti convinti che avere un'italiana in questo importante ruolo, porterà vantaggi enormi al nostro paese. Vantaggi ce ne saranno e come. Bisogna però guardare bene se saranno per il paese, o solo per una certa cricca, come ahimè è ormai consuetudine.

lunedì 1 settembre 2014
Clicca QUI per la foto ad alta risoluzione


Sin dall'inizio Washington e l'UE, insieme al governo neonazista ucraino hanno provato ad attribuire la responsabilità agli indipendentisti russofoni e alla Russia; ma quando sono emerse in modo CHIARO e NETTO le prove che dimostrano che ad abbattere l'aereo malese sono stati gli ucraini, che con un jet hanno colpito con colpi di mitragliatrice l'aereo, hanno abbuiato la vicenda e persino POSTO IL "SEGRETO DI STATO" sull'inchiesta che attribuisce le responsabilità a Kiev!

Se non hai seguito la vicenda, leggi gli articoli precedenti:


CLAMOROSO / PATTO SEGRETO TRA UCRAINA, OLANDA, AUSTRALIA E BELGIO PER NON DIVULGARE CHI HA ABBATTUTO L'AEREO MALESE!

CLAMOROSO / PATTO SEGRETO TRA UCRAINA, OLANDA, AUSTRALIA E BELGIO PER NON DIVULGARE CHI HA ABBATTUTO L'AEREO MALESE!

Ucraina, Olanda, Australia e Belgio hanno firmato, l'8 agosto, un accordo per non rendere noti i risultati fino a ora ottenuti dall'inchiesta sull'abbattimento del Boeing della Malaysia airlines il 17 luglio scorso. A rivelarlo fonti ucraine attendibili (Agenzia Interfax-Ucraina, agenzia Unian). L'informazione arriva dal portavoce del procuratore generale ucraino, Jurij Bojchenko, che l'ha resa nota in un briefing lo scorso 12 agosto.

La clamorosa rivelazione apre interrogativi sul corso delle indagini e sulle modalita' con cui la decisione e' stata presa. L'accordo quadripartito comprende inspiegabilmente il Belgio (che ha avuto solo quattro morti nell'incidente) e non comprende - ancora piu' inspiegabilmente - la Malaysia. E consente a uno qualunque dei quattro paesi firmatari di impedire la pubblicazione di ogni notizia in merito.

Lo rivela - ripetiamo - l'agenzia di stampa Interfax. C'era accordo tra Ucraina, Olanda, Australia e Belgio per impedire qualsiasi fuga di notizia Inclusa l'Ucraina, che detiene la responsabilita' primaria del controllo del proprio spazio aereo.
Chernobyl e Fukushima non sono state le uniche catastrofi nucleari planetarie. Dietro gli Urali, nella regione di Chelyabinsk, una delle più inquinate di tutta la Russia, si sono infatti verificati tre gravissimi incidenti. La centrale di Mayak (che in russo significa “faro”) nacque nel 1949 per produrre plutonio per armi nucleari, e dal 1949 al 1952 riversò circa 76 milioni di metri cubi di rifiuti liquidi altamente radioattivi – principalmente cesio e stronzio – nel Techa, fiume lungo il quale vivevano circa 124.000 persone, divise in villaggi dediti all’agricoltura e all’allevamento. Nel 1957, nell’impianto di Mayak esplose un serbatoio di rifiuti radioattivi e, oltre al cesio e allo stronzio, si aggiunse il ben più pericoloso plutonio; l’esplosione formò una nube radioattiva che coprì un’area di circa 23.000 chilometri quadrati, creando l’area della “East Ural Radioactive Trace” e sprigionando almeno il doppio dei radionuclidi dell’incidente di Chernobyl.
Il terzo incidente ebbe luogo nel 1967, quando il Lago Karachay, usato per lo smaltimento dei rifiuti nucleari più pericolosi, si asciugò a causa di un’estate L'area radioattiva attorno alla centrale di Mayak, in Russiatorrida, e i venti spazzarono le sue polveri radioattive per un’area di circa 2.000 chilometri quadrati. Questi incidenti, la cui gravità si evince anche solo dai numeri, furono tenuti completamente segreti fino all’esplosione di Chernobyl. Dopo questo incidente, che più di quello di Three Mile Island (Usa) focalizzò l’attenzione dell’intero pianeta sulla pericolosità della produzione di energia da fonte nucleare, il governo sovietico non fu più in grado di nascondere i disastri precedenti. Oggi, a cercare di fare luce su queste remote stragi ambientali e sociali sono tre italiani: il documentarista Alessandro Tesei, già autore del pluripremiato film Fukushame, in cui si mostrano le falle del sistema giapponese nell’affrontare la strage di Fukushima, il fotoreporter Pierpaolo Mittica e il ricercatore e antropologo Michele Marcolin. Obiettivo dei tre? Raccontare in un documentario cosa è successo in quei luoghi dimenticati dalla storia.
domenica 31 agosto 2014

E' stato il fotografo Scott Wight a immortalare il lancio di uno di questi missili da Cape Greville, scrive il New York Post

Se ne stanno occupando siti e quotidiani di tutto il mondo. L’esercito americano sta sperimentando in queste settimane armi ipersoniche in grado di viaggiare alla velocità di 3.500 miglia orarie e di colpire qualsiasi punto sulla Terra nel giro di un'ora, scrive il New York Post.

E' stato il fotografo Scott Wight a immortalare il lancio di uno di questi missili da Cape Greville: il missile in questo caso viene distrutto a soli 4 secondi dal lancio. Il Pentagono ha fatto sapere che gli addetti avevano rilevato dei problemi tecnici al sistema e non si è voluto in alcun modo mettere a rischio la sicurezza, abortendo così la missione. "L’arma è esplosa durante il decollo ed è precipitata sul complesso", dice Maureen Schumann portavoce del Dipartimento della Difesa americano. L’incidente ha causato dei danni alla piattaforma di lancio, situata a 25 miglia dalla città di Kodiak.
venerdì 29 agosto 2014
L'UNGHERIA FA CONFLUIRE LE UTILITIES (LUCE GAS TRASPORTI RISCALDAMENTO) IN HOLDING NO PROFIT (E NUOVO TAGLIO BOLLETTE!)

L'UNGHERIA FA CONFLUIRE LE UTILITIES (LUCE GAS TRASPORTI RISCALDAMENTO) IN HOLDING NO PROFIT (E NUOVO TAGLIO BOLLETTE!)

BUDAPEST - Il presidente dell'Ungheria - lui sì, eletto - Viktor Orbán ha creato una holding statale per gestione unificata di tutte le utilities: luce, gas, trasporti pubblici, riscaldamento abitativo, e altri servizi minori. Quindi, mentre è previsto anche un nuovo taglio alle bollette - notizia dentro la notizia della nascita della Holding pubblica per i servizi fondamentali ai cittadini -  il governo ungherese si prepara a far confluire tutte le utilities in un’unica holding non profit.

Avete letto bene: NO PROFIT!

L’ufficio del primo ministro fa sapere che Viktor Orbán ha già incaricato un gruppo di lavoro - cui partecipano anche dai ministri di giustizia, sviluppo e degli interni - alla preparazione dell’unione delle compagnie statali di elettricità, gas e riscaldamento centralizzato.

I diritti di proprietà e i poteri regolatori sull’holding saranno esercitato dal responsabile dell’ufficio del primo ministro.

Entro il 15 settembre prossimo, sarà pronta la proposta completa dei necessari cambiamenti legali da effettuare per costituire la holding.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi