ads

lunedì 23 maggio 2016

DENARO E LIBERTA’


di Juan Manuel Prada
In un passaggio particolarmente luminoso della sua opera, lo scrittore Leonardo Castellani, collega direttamente l’ossessione della libertà, propria della nostra epoca, con l’egemonia raggiunta dalle forze economiche senza controllo.  Il grande scrittore argentino segnala che questa ossessione per la libertà avrebbe potuto mantenere le masse imbrigliate come scimmie che si contendono in una gabbia una damigiana di vino, mentre il Denaro (la grande Finanza) si dedicava, a piccoli passi, a gestirsi i propri affari a modo autonomo, operando in forma discreta, senza vigilanza nè restrizioni.
Castellani in definitiva ci propone la tesi per cui  tutta questa sagra di diritti e libertà che assaporiamo come se fossero delle golosità non sarebbero altro che delle esche che il denaro ci lancia per mantenere le masse  distratte, come si gettano le carrube ai maiali, mentre il Denaro (la grande Finanza sovranazionale) si concentrava e si moltiplicava in alcune poche mani, mentre circolava liberamente con destinazione ai paradisi fiscali, nel contempo si assicurava la sua intangibilità (e impunità) attraverso trattati e marchingegni giuridici.
Si tratta di una tesi straordinariamente suggestiva. Se gettiamo la vista all’indietro, scopriremo che la “spiritualizzazione” del Denaro (questo è il momento in cui tralascia di essere un simbolo che rappresenta il valore dei beni, per trasformarsi in una nebbia delle finanze, scollegata dai beni che in principio rappresentava) coincide con il tempo e con il tramonto delle libertà come mezzo concreto per ottenere un finalità concreta,  con la sua sostituzione per mezzo di una libertà astratta che è una libertà fine a se stessa e che infiamma le masse con idee utopistiche, imbrigliandole in una splendida e demogresca rappresentazione falsata. Le libertà antiche erano collegate concretamente ai lavori svolti della gentealla terra che offriva il sostentamento, alla difesa delle proprie famiglie ed alle loro forme di vita.
La libertà astratta ha riempito la gente di idee stupide ed esaltanti che, a volte gli impedivano di mantenere i piedi per terra (obbligandoli ad abbandonare il proprio lavoro, la propria terra e la propria famiglia), li insuperbivano di tale modo che mai più ritornavano ad elevare la vista al cielo, visto che la loro unica religione, a partire da allora, era costituita dalle stesse successive richieste che la libertà astratta gli forniva, assorti nei loro disdicevoli ideali utopistici, il Denaro si era dedicato a completare la spoliazione, ben sapendo che il suo latrocinio sarebbe passato inosservato; per quanto, se in qualche occasione tale latrocinii risultavano troppo ostentati, il Denaro ha auspicato nuove Dichiarazioni Universali di diritti e nuove libertà o ha ampliato già quelle esistenti, di tale modo che la golosità delle pseudo conquiste che la sua egemonia garantiva, acquistasse una maggiore varietà fino a trasformarsi in un fantasioso negozio di dolcetti.
Così che il Denaro si è inventato un modo fantasmagorico di riproduzine che gli ha permesso di moltiplicarsi in foma esponenziale, mediante mega speculazioni borsistiche e sistemi bancari di riserva frazionaria. Con la particolararità che, ogni volta che il denaro fantasmagorico voleva tramutarsi in denaro fisico, doveva saccheggiare i beni reali, dissanguando la povera gente che neppure si rendeva conto del latrocinio, perchè continuavano ad essere nella loro gabbia, litigandosi fra loro come scimmie.
Il Denaro si è inventato anche l’abuso della persona giuridica e il principio della responsabilità limitata, che annullava i concetti tradizionali di proprietà e di società. Concetti che erano una volta collegati indissolubilmente alla responsabilità personale dei suoi titolari, mentre il Denaro ha determinato la trasformazione della proprietà in un entità con vita propria che, mentre si accresce, ripartisce gli utili ma, quando viene dichiarata in fallimento, lascia in salvo il patrimonio dei suoi titolari.
Il Denaro alla fine si è inventto la libertà di circolazione dei capitali, che gli permetteva – ogni qual volta doveva dare cinicamente lezioni di patriottismo alle scimmiette in gabbia – di abbandonare come i ratti la nave che si andava affondando, di sfuggire alla vigilanza del fisco, imboscarsi dietro presta nome, crearesocietà offshore nei paradisi fiscali, fondersi in una nebbia di società finanziarie impercettibili.
E tutto questo mentre le scimmiette nella gabbia chiedevano, con acuti squittii, più libertà di espressione, o più diritti di facciata. Il Denaro, nello stesso modo in cui in altri tempi gli aveva concesso giornali patinati (che lui stesso finanziava), diritti per coppie gay e aborto alla rinfusa (che permetteva di pagare salari miserabili ( vista la minore prole e le minori spinte a lottare per un salario dignitoso), oggi ci concede Twitter e cambio di sesso in modo da far sfogare le scimmiette con la piazza virtuale (che il Denaro ha accettato molto bene come si aderisce ad una giardino di infanzia) e tutti si rifocillano senza pericolo di moltiplicarsi.
Questo perchè l‘unica moltiplicazione che il Denaro vede di buon occhio è la propria; alle scimmiette rimarrà sempre la consolazione di ubriacarsi di libertà.
Fonte: Finanzas.com
Traduzione: Luciano Lago


sabato 21 maggio 2016

Erdogan auspica in pubblico il ritorno dell’Impero Ottomano

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha lanciato un appello l’anno scorso per la “conquista” dell’Europa da parte dell’Islam “attraverso l’emigrazione di massa ” in Europa ed ha annunciato che l’essenza della “conquista si trova nell’avere il coraggio, la tenacia, e la sagacia di sfidare il mondo intero, anche nei momenti più difficili. “
Recep T. Erdogan. Il nuovo sultano
Il discorso, pronunciato a Istanbul il 30 maggio 2015, durante una riunione pubblica che celebrava il 562o anniversario della caduta di Costantinopoli per opera degli eserciti musulmani dell’Impero Ottomano, è stato appena tradotto in inglese per la prima volta.
La traduzione, fatta da un giornalista turco che ora vive a Washington DC, è stata pubblicata dall’Istituto Gatestone , un neocon ebraico “think tank” con sede a New York, specializzato in propaganda anti-musulmana in sostegno di Israele.
A parte questo , la traduzione del discorso di Erdogan è di grande importanza per tutti coloro che desideranocomprendere le intenzioni della Turchia in Europa e dei gravi pericoli che si scorgono nel fatto di voler ammettere quella nazione per il futuro della civiltà europea.
Nel discorso tenutosi l’anno scorso, alla presenza di due milioni di persone che lo hanno acclamato, Erdogan ha chiesto: “Qual è la conquista?”
“La conquista è dell’Egira [espansione dell’Islam attraverso l’emigrazione, seguendo l’esempio di Maometto, fondatore dell’Islam, ei suoi seguaci dalla Mecca a Medina]. La conquista è la Mecca. E ‘per purificare la Kaaba, la casa di Allah sulla terra, di tutte le icone. La conquista è Gerusalemme. E ‘quando il profeta Omar ha impresso il sigillo dell’Islam su Al-Aqsa, il nostro primo Qibla [la direzione ad affrontare quando un musulmano prega durante le cinque volte preghiere quotidiane ] rispettando tutte le fedi compresi [quelli di] cristiani ed ebrei.
“La conquista è Al-Andalus [Spagna musulmana]. E ‘per costruire la più bella architettura, la letteratura e la cultura del mondo, come a Córdoba e Granada.
“La conquista è Samarcanda [una città nell’attuale Uzbekistan e una volta un capitale di civiltà sogdiano cui religione principale era Zoroastrismo].
“La conquista è Bukhara [anche nell’attuale Uzbekistan. Era una città diversa con zoroastriana, buddista, ebraica e comunità cristiane nestoriane]. Si tratta di stabilire una delle più grandi civiltà della storia nelle steppe dell’Asia centrale.
“La conquista è Salah al-Din al-Ayubbi [Saladino, che nel 1187 invase Gerusalemme]. E ‘far issare di nuovo la bandiera dell’Islam a Gerusalemme.
“La conquista è Alp Arslan [il secondo sultano del musulmano Impero selgiuchide medievale, che ha conquistato Anatolia].
“La conquista è quella di aprire le porte dell’ Anatolia fino a Vienna per questa nazione benedetta. La conquista è Osman Ghazi [il primo sultano ottomano]. E ‘per rendere il platano [l’Impero Ottomano] incontro con il terreno in grado di coprire tre continenti e sette climi attraverso l’illuminazione ispirata dallo sceicco Edebali che ha detto,’ fare la vita degli umani in modo che lo Stato possa vivere. ‘
Merkel con Erdogan“La conquista è la preparazione. La conquista è quando il sultano Murad II abdicò al trono per il suo 12-anno-vecchio figlio, Mehmed II. E, naturalmente, la conquista è il sultano Maometto II. E ‘, a 21 anni, per abbracciare Istanbul, la città più preferita del mondo, dopo aver distrutto la Bisanzio millenaria.
“Maometto II conquistò Istanbul nel 1453. Ma le conquiste sempre continuato prima e dopo. Hanno continuato con il sultano Selim I il Grim, sultano Solimano il Legislatore, sultano Murad IV, e il sultano Abdul Hamid II.
“La conquista è quella di avere il coraggio, la tenacia, e la sagacia di sfidare il mondo intero, anche nei momenti più difficili.
“La conquista è 1994 [quando Erdogan è stato eletto sindaco di Istanbul]. E ‘per servire Istanbul e l’eredità del sultano Maometto II. La conquista è quello di rendere la Turchia in grado di alzarsi in piedi di nuovo. ”
La folla ha gridato: “Ecco l’esercito; qui è il comandante. ”
Erdogan non avrebbe potuto rendere la sua posizione più chiaraegli cerca il ristabilimento dell’impero ottomano e l’espansione dell’Islam per tornare ai confini raggiunti dall’invasione musulmana d’Europa.
Questo include tutta la Spagna e il Portogallo, e gli Stati balcanici, raggiungendo tutto il viaggio di ritorno aVienna, dove l’espansione ottomana fu bloccata solo nella grande battaglia del 1683.
Le spontanee osservazioni di Erdogan -effettuate ad un evento che celebra una grande sconfitta europea per mano dell’Islam-rivelano le sue vere intenzioni – e della Turchia- per quanto riguarda l’Europa.
Non ci può essere alcun dubbio che l’ammissione della Turchia all’Unione Europea aprirà le frontiere in Europa per i milioni di turchi che ancora fanaticamente credono nella riconquista degli ex territori dell’Impero Ottomano e l’islamizzazione dell’Europa.
Nota: Alla luce di questo discorso si coprendono meglio le azioni  di sobillazione  svolte  dalla Turchia  in Siria ed in Iraq a sostegno dei gruppi terroristi per avere una parte decisiva nel piano Israel -Statunitense di balcanizzazione della regione medio orientale che assicurerebbe alla Turchia il controllo di parte della Siria e dell’Iraq.
Queste chiare intenzioni di espansione della Turchia di Erdogan vengono assecondate e favorite dalla politica dell’Unione Europea e dagli accordi con la Merkel che fanno sottostare la UE ai ricatti del turco.
Le autorità della UE si assumono la responsabilità storica di aver voluto e facilitato in ogni modo l’ingresso in Europa del cavallo di Troia turco, dell’invasione turco mussulmana sunnita, finanziata da Arabia Saudita e Turchia, i due stati canaglia (l’ultimo anche membro della NATO) responsabili di genocidi e di supporto al terrorismo.
Si dovrà trovare prima o poi un giudice a Berlino.
Traduzione Manuel De Silva

Marra: "sostegno ai candidati che parlano di signoraggio"

L'avvocato Alfonso Luigi Marra, che nei giorni scorsi ha indetto una manifestazione fissata per il 18 Giugno, di fronte alla sede della Procura della Repubblica, in piazzale Clodio a Roma, per chiedere la confisca delle quote della Banca d'Italia possedute dai banchieri privati, ha invitato tutti i candidati alle prossime elezioni amministrative di Giugno, ad affrontare la questione del signoraggio, e ha invitato gli elettori a votare, a prescindere dal partito, per coloro che affrontano la questione.


Marra, che ha reso noto un numero di telefono (388/1207655) a disposizione dei candidati che intendono aderire, ha già incassato il sostegno di alcuni, di vari schieramenti, e altri si aggiungeranno nelle prossime ore e nei prossimi giorni.

L'idea di Marra, volta ad accendere i riflettori sulla questione monetaria, è quella di concentrare le preferenze su quei candidati che affrontano il tema. Se in tutte le liste ci saranno dei candidati di riferimento, chi vuole votare un determinato partito, potrà scegliere il candidato che parla di signoraggio, all'interno della lista prescelta. 

Marra ha estimatori in tutta Italia, ed è in grado di dirottare molte preferenze, in tutta Italia, ma in modo particolare a Napoli ed in Campania, dove ha vissuto molti anni ed ha la sede centrale del suo studio legale, al Centro Direzionale. Marra nel 1994 fu eletto al Parlamento Europeo ottenendo ben 56.592 preferenze. 

L'avvocato ha inoltre reso noto che a breve termine presenterà formale denuncia contro i vertici della Banca d'Italia ed i politici responsabili della sua privatizzazione, chiedendo contestualmente la confisca delle quote, oggetto della manifestazione prevista per il 18 Giugno. Quando lo divulgherà, pubblicheremo il testo della denuncia.


Staff nocensura.com



mercoledì 18 maggio 2016

Cambiare sarebbe facilissimo: ma non vogliono farlo. LO CAPITE O NO?


Le soluzioni per cambiare le cose ci sono, o meglio ci sarebbero, e in moltissimi casi sarebbero MOLTO FACILI da attuare se ce ne fosse la volontà. Il problema è che esistono centinaia di movimenti, e quasi nessuno ne parla. Il dibattito politico è costantemente incentrato sul fomentare divisioni, alimentare la guerra da poveri, mentre vengono dibattute questioni secondarie o persino irrilevanti, tanti discorsoni, giri di parole per non cambiare niente.
 
Sappiamo bene che per uscire dalla crisi dovremmo riprenderci la sovranità monetaria e ripudiare il debito truffa, ma pensare che Renzi o altri lo facciano, al momento è utopia. Vediamo alcune misure che darebbero VERAMENTE fiato all'economia, che sarebbe possibile mettere in pratica nel giro di pochi giorni.

Renzi, vuoi aiutare realmente i pensionati con la "minima" ?

Che non arrivano a fine mese, e sono costretti, quando non godono dell'aiuto dei figli, a frugare nella spazzatura o rubare nei supermercati? Bene, INTRODUCI UN TETTO MASSIMO DI 3.000€ o 5.000€ NETTI per le pensioni (che devono servire a vivere tranquillamente, non a mantenere i lussi) e con i soldi che risparmi aumenti IMMEDIATAMENTE le minime. Basta capire esattamente quanti soldi sarebbero risparmiati e dividerli tra i pensionati con la "minima". Gli assegni lieviterebbero di una cifra compresa tra i 150 ai 250€ mensili immediatamente.
 

Vuoi davvero RIDURRE la pressione fiscale alle imprese?

Semplicemente legalizzando la vendita della cannabis (che avviene in ogni piazza, in Italia ci sono 4,5 milioni di consumatori, primi in Europa con la Spagna) ed il mercato della prostituzione (con 80.000 professioniste che guadagnano in un giorno il corrispondente dello stipendio di un lavoratore, senza pagare 1€ di tasse, o meglio pagandole ai protettori e alle mafie) emergerebbero 20 miliardi all'anno di "sommerso", e si creerebbero nuovi posti di lavoro nell'indotto. Se le 80.000 professioniste del sesso pagassero i contributi, ci sarebbe anche un bel gettito mensile per l'INPS, che non se la passa al meglio...
 
Lo stato preferisce continuare nell'ipocrita proibizionismo, un regalo miliardario alle mafie che in questo modo hanno il controllo di tali "mercati". Che senso ha proibire quando in ogni città ci sono supermercati della droga h24 e prostitute persino sui marciapiedi dei quartieri?!?
 

Eliminare la casta dei notai

Se poi eliminassimo i NOTAI, figure medioevali che non hanno più alcun senso (e sono rimasti solo in pochi paesi) lo stato dovrebbe creare degli uffici pubblici per sostituirli e quindi si creerebbero posti di lavoro. Oppure, se vogliamo lasciare questo ambito in mano al privato, liberalizziamo il mercato, come quello degli avvocati. I notai hanno ciascuno la loro zona, lavorano in esclusiva, se vuoi comprare o vendere una casa devi dare loro la % e non hai alternative. La concorrenza oltre a creare nuovi posti di lavoro, farebbe abbassare le tariffe. (Noi siamo per la soluzione pubblica. Ciò che fa un notaio, lo può fare un impiegato, supportato da sistemi informatici. La verità è questa)
 

Non dimentichiamo la TRASPARENZA AMMINISTRATIVA

Che eliminerebbe alla radice il MALAFFARE delle fatture gonfiate e degli appalti truccati, poiché eventuali anomalie, se i cittadini potessero controllare come stato ed enti locali spendono i loro soldi, emergerebbero subito. Inoltre così come sarebbe possibile premiare le amministrazioni virtuose, sarebbe possibile evidenziare quelle sprecone. E stabilire se gli sprechi sono dovuti a corruzione o imperizia. Ma Renzi ha proposto una legge sulla trasparenza che è una VERA E PROPRIA BUFALA, non renderebbe trasparente un bel niente, tanto che abbiamo supportato un'iniziativa che ne chiede la modifica (vedi: http://goo.gl/LTakzm)
 
Abbiamo citato alcuni esempi, scritti "a getto" in pochi minuti, le soluzioni CI SONO, sono FACILI, non servirebbero i professori della Bocconi, ne "i saggi" di Napolitano. SERVIREBBERO PERSONE ONESTE CON LA VOLONTA' DI CAMBIARE LE COSE veramente.
 
Il problema è che spesso anche i politici che inizialmente sono in buona fede, una volta raggiunta la poltrona ed il potere, si "ammorbidiscono". Iniziano a guadagnare 20.000€ al mese, senza pensare ai benefit di cui godono ed in alcuni casi, i finanziamenti occulti di lobbisti vari, che vogliono far passare leggi favorevoli ai loro interessi, o mantenere inalterate situazioni di privilegio.
 
I PROGRAMMI ELETTORALI DEVONO DIVENTARE "CONTRATTI LEGALI" E NON "PROMESSE". I politici devono rispondere PENALMENTE del mancato rispetto degli accordi elettorali contratti con gli elettori... il voto NON PUO' ESSERE UNA DELEGA IN BIANCO!
 

Staff nocensura.com
 
 
Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Privacy Policy di http://nocensura.com

Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Titolare del Trattamento dei Dati

Nocensura.com, redazione@nocensura.com

Tipologie di Dati raccolti

Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie, Dati di utilizzo, CAP, Email, Numero di Telefono e Posizione geografica.

Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.

I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall’Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questa Applicazione.

L’eventuale utilizzo di Cookie - o di altri strumenti di tracciamento - da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l’Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.

Il mancato conferimento da parte dell’Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi.

L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti

Modalità di trattamento

Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l’accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali. Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L’elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.

Luogo

I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.

Tempi

I Dati sono trattati per il tempo necessario allo svolgimento del servizio richiesto dall'Utente, o richiesto dalle finalità descritte in questo documento, e l’Utente può sempre chiedere l’interruzione del Trattamento o la cancellazione dei Dati.

Finalità del Trattamento dei Dati raccolti

I Dati dell’Utente sono raccolti per consentire all'applicazione di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Accesso agli account su servizi terzi, Statistica, Interazione con social network e piattaforme esterne, Contattare l'Utente, Registrazione ed autenticazione, Remarketing e Behavioral Targeting, Commento dei contenuti, Gestione indirizzi e invio di messaggi email, Interazione con le piattaforme di live chat, Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne, Funzionalità sociali e Interazioni basate sulla posizione.

Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicati nelle sezioni specifiche di questo documento.

Permessi Facebook richiesti da questa Applicazione

Questa Applicazione può richiedere alcuni permessi Facebook che le consentono di eseguire azioni con l’account Facebook dell’Utente e di raccogliere informazioni, inclusi Dati Personali, da esso.

Per maggiorni informazioni sui permessi che seguono, fai riferimento alla documentazione dei permessi Facebook ed alla privacy policy di Facebook.

I permessi richiesti sono i seguenti:

Informazioni di base

Le informazioni di base dell’Utente registrato su Facebook che normalmente includono i seguenti Dati: id, nome, immagine, genere e lingua di localizzazione ed, in alcuni casi gli “Amici” di Facebook. Se l'Utente ha reso disponibili pubblicamente Dati ulteriori, gli stessi saranno disponibili.

'Su di me' degli amici

Fornisce accesso alla sezione 'Su di me' del profilo degli amici.

Accesso ai dati privati

Permette l'accesso ai dati privati dell'utente e degli amici

Accesso alle attività

Fornisce accesso alla lista di attività dell'utente

Accesso alle liste di amici

Fornisce accesso alle liste di amici che l'utente ha creato

Accesso alle richieste

Fornisce accesso di lettura alle richieste di amicizia dell'utente

Accesso allo News Feed

Fornisce accesso ai post dello News Feed e permette all'applicazione di effettuare ricerche su di esso.

Accesso offline

Permette l'accesso ai dati quanto l'utente non è connesso.

Aderenze politiche e religiose degli amici

Fornisce accesso alle aderenze politiche e religiose degli amici.

Aggiornamento di stato

Aggiorna lo stato dell'utente.

Attività degli amici

Fornisce accesso alla lista delle attività degli amici.

Attività degli amici con App e Giochi

Permette di recuperare le attività degli amici dell'utente con le App e i Giochi.

Attività delle App e dei Giochi

Permette all'applicazione di pubblicare recuperare le attività delle App e dei Giochi.

Azione music.listen

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione music.

Azioni 'news.reads'

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione 'news.reads'.

Azioni 'video.watches'

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione 'video.watches'.

Azioni 'video.watches' degli amici

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione 'video.watches'.

Azioni music.listens degli amici

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione music.listens.

Azioni news.read degli amici

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da tutte le applicazioni che usano l'azione news.read.

Azioni personalizzate degli amici dell'utente

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da un'altra applicazione, secondo quando specificato dall''app namespace'.

Azioni personalizzate dell'utente

Permette all'applicazione di recuperare le azioni pubblicate da un'altra applicazione, secondo quando specificato dall''app namespace'.

Carica foto

Aggiungi o modifica foto.

Caricamento di video

Permette all'app di aggiungere o modificare video dell'utente.

Chat

Fornisce alle applicazioni che si integrano con la Chat di Facebook la possibilità di effettuare il login dell'utente

Checkin

Fornisce accesso di lettura ai checkin autorizzati dell'utente o a quelli di un amico che l'utente può visualizzare

Checkin degli amici

Fornisce accesso di lettura ai checkin degli amici che l'utente può vedere.

Città

Fornisce accesso alla città indicata nel profilo dell'utente

Città degli amici

Fornisce accesso alle città in cui vivono gli amici.

Città di origine

Fornisce accesso alla città di origine dell'utente.

Città di origine degli amici

Fornisce accesso alla città di origine degli amici dell'utente.

Condivisione

Condivisione al posto dell'utente.

Convinzioni politiche e religiose

Fornisce accesso alle convinzioni politiche e religiose dell'utente.

Crea Eventi

Permette all'utente di creare e modificare eventi al posto dell'utente

Crea note

Aggiungi o modifica note.

Data di compleanno

Fornisce accesso alla data di compleanno

Date di compleanno degli amici

Fornisce accesso alle date di compleanno degli amici.

Deal

Legge l'attività dei deal

Domande

Fornisce accesso alle domande che l'utente ha posto.

Domande degli amici

Fornisce accesso alle domande degli amici.

Educazione

Fornisce accesso alla sezione Educazione nel profilo dell'utente

Educazione degli amici

Fornisce accesso alle informazioni sull'educazione degli amici.

Email

Fornisce accesso all'indirizzo email primario dell'utente

Email di contatto

Permette di accedere all'indirizzo email di contatto dell'utente.

Esportare i post

Esportare i post e renderli pubblici. Tutti i post saranno esportati, compresi i messaggi di stato.

Eventi

Fornisce accesso alla lista di eventi a cui l'utente partecipa

Eventi degli amici

Fornisce accesso alla lista degli eventi a cui gli amici dell'utente partecipano.

Foto

Fornisce accesso alle foto che l'utente ha caricato ed a quelle in cui è stato taggato.

Foto degli amici

Fornisce accesso alle foto che l'utente ha caricato o in cui l'utente è stato taggato.

Gestione degli annunci

Fornisce la possibilità di gestire gli annunci pubblicitari e richiamare la Facebook Ads API al posto dell'utente.

Gestione dei gruppi

Permette all'applicazione di gestire i gruppi dell'utente.

Gestione della casella di posta

Permette di leggere ed inviare messaggi dalla casella di posta dell'utente.

Gestione delle notifiche

Permette all'app di leggere le notifiche e di contrassegnarle come lette.

Gestione delle pagine

Permette all'applicazione di recuperare l'access_tokens per le Pagine e le Applicazioni che l'utente amministra.

Gestisci Liste di Amici

Permette all'applicazione di creare, eliminare e modificare le liste di amici dell'utente.

Gruppi

Fornisce accesso alla lista di gruppi di cui l'utente è membro.

Gruppi degli amici

Fornisce accesso alla lista dei gruppi di cui gli amici dell'utente sono membri.

Insight

Fornisce accesso ai dati Insight per pagine, applicazioni e domini che l'utente possiede.

Interessi

Fornisce accesso alla lista di interessi dell'utente.

Interessi degli amici

Fornisce accesso alla lista di interessi degli amici dell'utente.

Invio di notifiche

Permette all'app d'inviare notifiche

Invio SMS

Permette all'app di inviare SMS al numero di telefono dell'utente.

Lettura della casella di posta

Permette all'applicazione di leggere la casella di posta Facebook dell'utente.

Membri della famiglia e Stato di relazione

Fornisce accesso ai membri della famiglia dell'utente, alle sue relazioni personali ed al suo stato di relazione.

Membri della famiglia e Stato di relazione degli amici

Fornisce accesso ai membri della famiglia ed allo stato di relazione degli amici dell'utente.

Mi Piace

Fornisce accesso alla lista di tutte le pagine che l'utente ha contrassegnato con il Mi Piace.

Mi Piace degli amici

Fornisce accesso alla lista di pagine su cui gli amici dell'utente hanno fatto Mi Piace.

Note

Fornisce accesso alle note dell'utente.

Note degli amici

Fornisce accesso alle note degli amici.

Presenza online

Permette l'accesso alla presenza online/offline dell'utente.

Presenza online degli amici

Fornisce accesso alla presenza online/offline degli amici dell'utente.

Pubblica Mi Piace sul Wall

Pubblica sul Wall storie su ciò che l'utente contrassegna con il Mi Piace.

Pubblicazione dei checkin

Permette all'app di effettuare checkin al posto dell'utente.

Pubblicazione dell'attività dell'app

Permette all'app di pubblicare sull'Open Graph usando Azioni integrate, Traguardi, Punteggi, Azioni personalizzate. L'applicazione può anche pubblicare altre attività, che sono dettagliate nel documento riguardante i permessi di pubblicazione di Facebook.

Pubblicazione sulla Bacheca

Permette a questa app di pubblicare contenuto, commenti e 'Mi piace' sulla bacheca dell'utente e su quella dei suoi amici.

Relazioni degli amici

Fornisce accesso alle informazioni sulle relazioni degli amici.

Relazioni dell'utente

Fornisce accesso alle informazioni sulle relazioni dell'utente.

RSVP agli eventi

Permette all'applicazione di fare RSVP agli eventi al posto dell'utente.

Siti web degli amici

Fornisce accesso agli URL dei siti web degli amici dell'utente.

Sito web

Fornisce accesso al sito web dell'utente.

Stato degli amici

Fornisce accesso ai messaggi di stato ed ai checkin degli amici.

Stato dell'utente

Fornisce accesso ai messaggi di stato e ai checkin dell'utente.

Storia lavorativa

Fornisce accesso alla storia lavorativa dell'utente.

Storia lavorativa degli amici

Fornisce accesso alla storia lavorativa degli amici.

Su di me

Fornisce accesso alla sezione 'Su di me' del profilo

Video

Fornisce accesso ai video che l'utente ha caricato ed a quelli in cui è stato taggato.

Video degli amici

Fornisce accesso ai video che gli amici hanno caricato ed in cui sono stati taggati.

Dettagli sul trattamento dei Dati Personali

I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

Informazioni sui Cookie

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questa Applicazione non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Ulteriori informazioni sul trattamento

Difesa in giudizio

I Dati Personali dell’Utente possono essere utilizzati per la difesa da  parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell’Utente. L’Utente è consapevole che il Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.

Informative specifiche

Su richiesta dell’Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.

Log di sistema e manutenzione

Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l’indirizzo IP Utente.

Informazioni non contenute in questa policy

Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.

Esercizio dei diritti da parte degli Utenti

I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso il Titolare del Trattamento, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l’integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento. Questa Applicazione non supporta le richieste “Do Not Track”. Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.

Modifiche a questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina, prendendo come riferimento la data di ultima modifica indicata in fondo. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l’Utente è tenuto a cessare l’utilizzo di questa Applicazione e può richiedere al Titolare del Trattamento di cancellare i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.

Informazioni su questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento dei Dati è responsabile per questa privacy policy.

Nome

Email *

Messaggio *