*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 16 marzo 2013

Milano: centri sociali danneggiano 10 banche e la scuola militare



centri16 MAR – Una decina di filiali di istituti di credito sono state danneggiate durante un corteo organizzato a Milano dai Centri Sociali per il decennale della morte di Dax, Davide Cesare, militante dell’Orsa ucciso nel 2003. In alcuni casi, dove il vetro ha ceduto, sono stati lanciati all’interno fumogeni e, nel caso della Banca Popolare di Sondrio, c’e’ stato un principio di incendioSfondato a calci anche il portone d’ingresso della scuola militare Teulie‘. All’interno lanciati fumogeni.
Il corteo ha attraversato piazzale Ludovica senza deviare in direzione della Bocconi, tenuta comunque sotto controllo da un cordone di cellulari e mezzi blindati e da agenti in tenuta antisommossa.
Lungo corso Italia  alcuni attivisti dei centri sociali, tutti col casco e il volto coperto, hanno preso di mira la sede della scuola militare, colpita con fumogeni, petardi e ricoperta con scritte di vernice spray.


Fonte: http://www.imolaoggi.it/?p=44466

La situazione attuale della Grecia


La commissione europea ha dato ordine ai suoi di muoversi sotto copertura (non devono dire chi sono) per evitare violenze.
La disoccupazione è al 30% e un greco su 3 è sotto la soglia di povertà
Il Parlamento greco è difeso da mercenari americani, della  Blackwater (quella delle stragi civili in Iraq).
La Germania chiede di licenziare 25mila statali ed in cambio concederà la prossima tranche di prestiti di 3,2 miliardi di euro.
Gli emiri comprano a prezzi stracciati le isole greche.
Alba Dorata (ormai più del 10% dei consensi) ha dichiarato che “siamo pronti ad infornare gli immigrati, ci faremo saponette”. Una specie di Lega più estremista.

5 ingredienti raffinati di uso comune che ci stanno avvelenando


ingredienti veleno
Di Marta Albè - greenme.it


Chi tra i nostri lettori ha deciso di intraprendere un vero e proprio cammino verso una maggiore consapevolezza alimentare conosce bene quante e quali insidie possano nascondersi dietro gli alimenti confezionati e di produzione industriale, spesso eccessivamente ricchi di sale, zucchero e grassi, tanto da spingere alcuni governi verso la proposta di tassare quei cibi ritenuti maggiormente dannosi per la salute.

E' ormai un dato di fatto: alimentazione scorretta e malattie del benessere sono strettamente correlate. La prevenzione è la regola principale ed essa non può che passare attraverso abitudini alimentari realmente corrette, che dovrebbero prevedere unadrastica eliminazione dei seguenti cinque ingredienti raffinati d'uso comune.

1) Zucchero bianco

zucchero
Lo zucchero raffinato è tra i maggiori imputati dell'insorgere di quelle che vengono definite come malattie del benessere: diabete, obesità, problemi legati al metabolismo, ipertensione, danni a livello del fegato. Secondo studi recenti  lo zucchero raffinato sarebbe da considerare tra le cause che ogni anno provocano la morte di 35 milioni di persone, con particolare riferimento al diabete ed alle malattie cardiocircolatorie. Il consumo di zucchero bianco sarebbe triplicato nel corso degli ultimi 50 anni ed andrebbe drasticamente ridimensionato. Esso, sia che venga derivato dalla barbabietola o dalla canna da zucchero, per assumere il candore che noi tutti conosciamo, subisce procedimenti di raffinazione che comprendono l'impiego dicalce, zolfo e carbone animale, oltre che di coloranti utilizzati per eliminarne i riflessi giallognoli. Lo zucchero risulta in questo modo impoverito sia dei minerali che delle proteine presenti nelle materie prime di partenza. Anche lo zucchero greggio viene trattato con zolfo, ma in seguito non subisce processi di decolorazione.
Alternative: Tra i sostituti dello zucchero raffinato possono esservi la stevia (non lavorata industrialmente), lo sciroppo di riso, il succo concentrato di mela o uva, lo sciroppo d'acero o d'agave.

2) Farina 00

Non sappiamo più come dirlo, non sappiamo più quali parole usare, ma lo ripeteremo fino alla noia

euro


L’euro è una truffa come lo è la comunità europea in questo stato di cose: ossia sotto la blindatura dei trattati Maastritch, Lisbona, Mes, Fiscal compact, Nato, WTO, ecc.
Non abbiamo più la sovranità di niente se non soltanto quella di decidere chi ci deve prendere per i fondelli per un altro turno (ed in parte nemmeno quella: leggasi porcellum).
Ora se uno è consapevole di essere vittima di una truffa cosa fa?
1) Aspetta perché non è ancora convinto della truffa?
2) Denuncia il truffatore e lo insegue?
3) Si lascia truffare perché in fondo si lasciano truffare tutti?
4) Fa di tutto per uscire dalla truffa e la fa conoscere agli altri?
Sono quattro ipotesi che potrebbero rappresentare uno scenario di gente normale. Già: ma cosa vuol dire normale, in un paese dove l’informazione è orribilmente manipolata?
Il popolo manipolato e stregato dalla politica asservita alla finanza internazionale non si muove. Meglio: è la maggioranza che non si muove.
Se diamo per buono il movimento di Grillo, almeno il 26% di quelli che sono andati a votare sembra si siano svegliati almeno per affermare che così, non si può più andare avanti. Non siamo convinti che siano consapevoli sulle fondamentali (multinazionali, moneta-debito, NWO) ma lo sono di certo sulla cattiva gestione dello Stato (sprechi, ruberie, nepotismo, corruzione, ecc).

Canapa: 10 utilizzi nei piu' disparati settori


cannabis sativa canapa
Di Marta Albè - greenme.it

La canapa (Cannabis sativa) rappresenta una fondamentale risorsa naturale purtroppo eccessivamente sottovalutata a livello mondiale e oscurata dal periodo di proibizionismo che ne limitò fortemente la coltivazione anche in Italia, paese dove le piantaggioni di canapa erano molto floride. 
Quando si parla di canapa si pensa subito alla marijuana, ma in pochi sanno che questa pianta così versatile in molti casi può perfettamente sostituire il petrolio, ad esempio per quanto concerne la produzione di carburanti e materie plastiche, oltre a rappresentare nel contempo un'alternativa ecologica al cotone per la produzione di fibre tessili, una risorsa alimentare da non sottovalutare ed una materia prima adatta per la fabbricazione di carta e di materiali per l'edilizia.
Desideriamo dunque contribuire alla diffusione della conoscenza dei suoi possibili utilizzi:
1) Alimentare: Semi di canapa

Un gentile omaggio di Frank Ricci e il rapper Mc Brigante per nocensura.com

30/04/2012

Un gentile omaggio a nocensura.com dell'amico e collaboratore Cristian Pesenti, in arte Frank Ricci, con il rapper Mc Brigante

LI RINGRAZIAMO SENTITAMENTE ENTRAMBI, è UNO SPETTACOLO!!!

staff nocensura.com

Condividi su Facebook

Bibite gassate: 10 motivi per smettere di berle

bibite gassate
Di Marta Albè - greenme.it
Le bibite gassate non solo non rappresentano una bevanda indispensabile per la nostra salute, ma anche un vero e proprio non-alimento, responsabile della diffusione di patologie come obesità, carie e diabete. 

Bere bibite gassate e zuccherate non soltanto comporta implicazioni negative per il nostro organismo e per l'ambiente, a causa dell'inquinamento e dello spreco di preziose risorse idriche, ma anche implicazioni sociali legate allo sfruttamento dei lavoratoriSmettere di bere bibite gassate significa anche boicottare le multinazionali produttrici delle stesse.
Ecco alcuni validi motivi per dire basta individuati dal blog Fooducate

1) Perdere peso

Le bibite gassate sono solitamente ricche di zuccheri e di dolcificanti, provocano gonfiore e incrementano, senza che chi le consuma se ne renda particolarmente conto, l'introito giornaliero di calorie. Secondo quanto riportato dal blog Fooducate, berne una lattina al giorno può provocare un aumento di peso considerevole, rispetto a quanto avverrebbe preferendo l'acqua.
zucchero bibite
Fonte: Biocentro Buenos Aires (http://www.labioguia.com/ )

2) L'inganno delle Bibite diet

Le bibite gassate pubblicizzate come "diet" spesso non sono altro che un inganno e non di certo un toccasana per la salute. Possono infatti spingere l'organismo a rilasciare insulina al fine di assorbire degli zuccheri che in realtà non arriveranno mai tramite l'assunzione della bevanda. Ne risulta un incremento della produzione di cellule adipose.

venerdì 15 marzo 2013

O'Neill: "Non esultate, è ancora troppo presto"


C'è un'enorme voragine che si sta espandendo sotto la crescita delle borse. Si moltiplicano gli appelli alla calma e aumenta la paura che dietro ci sia ben altro.

Iscriviti al webinar gratuito dal titolo: Analisi & Consulenza Operativa Indici, Materie Prime e Forex  che Renato Decarolis terrà Martedì 26 Marzo alle ore 18.00.  Grande novità: durante il webinar si potranno fare delle domande sulle operazioni che avete in corso o su quelle che si intendono aprire.
La crescita economica degli Stati Uniti dovrà accelerare per riuscire a giustificare un aumento dello Standard & Poor 500 che potrebbe toccare anche il massimo di 1600, mentre attualmente si trova a 1.563,23 e cioè a - del 3% dal record, grazie a un rialzo del 9,6% dall’inizio dell’anno. Questa l’opinione di Jim O'Neill, presidente di Goldman Sachs Asset Management.
Ma ovviamente anche in questo caso si pone la questione del divario tra una crescita del pil Usa al di sotto della soglia minima dell‘1,9% per il 2013 e di poco superiore al 2,6% per l’anno prossimo. Come conciliare i due estremi? Un tetto di 1.600 corrisponderebbe a un pil a +4% e oltre, mentre noi non staremo nemmeno alla metà, sempre che tutto vada come previsto perchè le conseguenze di sequester e fiscal cliff devono ancora farsi sentire in tutto.

Marra: Grillini 'zite cuntignose' (zitelle contegnose), cioè arroccati per mancanza di veri argomenti, e renzini idem..


grillo caseleggio zite
La forma di disonestà più perniciosa è occupare i ruoli pubblici senza avere le qualità, e i politici che ci 'governano' sono tutti così perché sono tutti espressione della politica interpretata come garante degli immobilismi voluti dal potere economico. Un quadro nel quale non saprei chi è peggio, ma nel quale Grillo e i grillini, Renzi e i renzini, sono forse i più perniciosi perché, mentre gli altri sono stati ormai definitivamente 'sconsacrati', loro invece, per buscarsi quattro soldi di consenso e di successo, stanno sfruttando il vigente 'luogocomunismo' per far credere alla parte più ingenua della società che qualcosa forse la possono fare.. E di lì giù con le proposte di riduzione della spesa pubblica a furia di strullate, ma sempre stando bene attenti a non pestare davvero la coda alle banche, che controllano i media e li farebbero sparire in un momento, e sempre senza una parola seria su come incrementare il guadagno sociale, sicché i disoccupati restano disoccupati, i poveri restano poveri, le aziende restano in crisi, le tasse restano impagabili, e insomma l'Italia resta con l'acqua alla gola mentre le proposte, quelle vere, giacciono inutilmente sotto gli occhi di tutti..


Alfonso Luigi Marra


Stupefacenti, detenzione senza reato: una riflessione per giungere ad una proposta definitiva


di Carlo Alberto Zaina

Mentre alcune questioni assai delicate paiono sul punto di essere (o sono già state) risolte da una magistratura di legittimità sempre più attenta alle istanze di merito, avanzate in materia di legislazione degli stupefacenti, rimane sempre in attesa di una convincente e definitiva soluzione (legislativa e giurisprudenziale) l'equivoco del tema della “detenzione ad uso esclusivamente personale”.
E' indubbio che sullo specifico concetto, la cui concreta applicazione, in origine, pareva assai circoscritta – atteso il ben poco chiaro portato semantico della novella del 2006 - si sono faticosamente raggiunti medio tempore, alcuni significativi approdi giurisprudenziali, che hanno favorito uno spettro di operatività dell'istituto, improntato indubbiamente ad un criterio di maggiore ampiezza.
1) Così, è ormai costante l'indirizzo – di rilevanza strettamente processuale – che la previsione della lett. a) del comma 1 bis dell'art. 73 dpr 309/90 non comporti una inversione dell'onere della prova, vale a dire cioè, che compete sempre all'accusa dimostrare la destinazione alla cessione in favore di terzi (cfr. ex plurimis Cass. sez. III, sentenza 13.01.2012 n° 919).
All'indagato(/imputato), che invochi l'operatività di quella, che può e deve venire classificata come una vera e propria causa di giustificazione, compete solo un “ibrido” onere di allegazione (cfr. ex multisCass. Cass. Pen., sez. VI, 1 giugno 2011, n. 21870), che costituisce, ad un globale esame dei caratteri che tratteggiano i doveri probatori delle parti, sanciti ex lege, una categoria metodologica spuria.
Essa, infatti, assume ed esprime pieno valore di prova, ma pare, altresì, rivestire un carattere residuale e di un'operatività condizionata, la quale si limita solamente alla confutazione di eventuali elementi addotti dall'accusa.

Russare: cause e rimedi naturali per smettere

russare
Di Marta Albè - greenme.it

Smettere di russare. Ad ognuno di noi può capitare di russare di tanto in tanto, ma se il fenomeno si presenta di frequente, può influenzare la qualità del sonno e la sua durata, oltre che infastidire i propri famigliari o compagni di stanza. 
Russare può condurre ad una durata insufficiente del riposo notturno e ad avvertire per via di ciò una evidente sensazione di affaticamento durante il giorno. Identificare la causa del fenimeno rappresenta il primo passo per porre rimedio alla situazione.

Quali sono le cause?

A proposito del russare, le cause possono essere molteplici e variare da un soggetto all'altro. Il fenomeno può essere imputato alla presenza di tessuti organici all'interno della cavità nasale o della gola maggiormente tendenti a vibrare, poiché più morbidi o flessibili del normale. Anche la posizione che la lingua assume durante il riposo può rappresentare un fattore da non sottovalutare.
Il rumore viene generato nel momento in cui, mentre si dorme, l'aria si trova ostacolata dal poter fuoriuscire liberamente dalle cavità nasali e dalla bocca. Una ostruzione parziale a livello del naso potrebbe essere provocata da una deviazione del setto nasale. Ostacoli presenti all'interno del naso o della bocca portano i canali di passaggio dell'aria a restringersi e ciò è causa del rumore che viene avvertito dall'esterno. Tra i più comuni fattori che possono influenzare il passaggio dell'aria dalla bocca e dalle cavità nasali durante il sonno vi sono:

La rivoluzione è iniziata: dopo Goldman Sachs, anche gli USA sono per il M5S!

Di Daniele Di Luciano per losai.eu

Cari grillini, siate onesti con voi stessi, se un partito rivoluzionario, nuovo, onesto e altrnativo diventasse il primo partito in Italia, l’ambasciatore degli Stati Uniti sarebbe felice?

Prima Goldman Sachs si mostra contenta per il risultato del Movimento 5 Stelle (grillini, Goldman Sachs è la banca più potente del mondo, avete presente?) ed ora anche David Thorne, ambasciatore degli USA [tratto dal forum di Comedonchisciotte]:
Ambasciatore Usa ai giovani, agite come M5S
David Thorne sprona gli studenti del liceo Visconti a Roma
13 marzo, 13:36

L’ambasciatore degli Stati Uniti, David Thorne
Ambasciatore Usa ai giovani, agite come M5S

ROMA – “Voi giovani siete il futuro dell’Italia. Voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il Movimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento”. Lo ha detto stamattina l’ambasciatore Usa a Roma David Thorne parlando agli studenti del Liceo Visconti di Roma
“Tocca a voi ora agire per vostro Paese – ha detto Thorne rivolgendosi in italiano agli studenti del Visconti per la giornata dell’orientamento professionale -, un Paese importantissimo nel mondo. So che ci sono problemi e sfide in questo momento, problemi con la meritocrazia, ma voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il Movimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento. Spero che molti di voi – ha concluso l’ambasciatore americano – daranno un contributo positivo in questo senso per il vostro Paese”.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/associata/2013/03/13/Ambasciatore-Usa-giovani-agite-come-M5S_8390601.html
Già immagino la spiegazione dei grillini: i potenti e i criminali del mondo parlano bene del M5S perché così voi scrivete articoli contro il movimento e Grillo perde consensi.

…E per fortuna i “complottisti” saremmo noi.


Fonte: Losai.eu

giovedì 14 marzo 2013

La presidente argentina esorta i leader europei a opporsi ai “predatori finanziari”


14 marzo 2013 (MoviSol) - Aprendo la nuova legislatura del Congresso Nazionale il 1 marzo, la Presidente dell’Argentina Cristina Fernandez de Kirchner ha puntato il dito contro i leader mondiali che si piegano ai fondi speculativi e che cercano di distruggere le nazioni, invece di difendere il benessere delle loro popolazioni.

Cristina Fernandez ha parlato del default argentino nel 2001-2002 e della conseguente ristrutturazione del debito sovrano, che ha costretto i detentori di titoli di stato (in larga parte stranieri) ad accettare una riduzione del valore nominale, gonfiato, di tali titoli, indicando il disastro in Europa. "E’ probabile che molti altri paesi, prima o poi, pur negando il disastro, ristrutturando e attuando salvataggi bancari, saranno costretti a ristrutturare il proprio debito riducendo i pagamenti ed i tempi di rimborso. Altrimenti come potranno pagare paesi come Grecia, Spagna e ora l’Italia, che a quanto scopriamo ha il dramma di non avere un governo?"

In questo contesto, ha aggiunto, le battaglie giudiziarie dell’Argentina contro gli speculatori e i loro fondi pirata, che continuano ad esigere il pieno pagamento, più gli interessi, sui titoli che detengono, sono emblematici, non solo in termini economici e finanziari, ma anche come un test politico. "La questione è se i principali leader mondiali, i membri del G-20, i capi degli istituti di credito ed i governi di varie nazioni del mondo lasceranno che una manciata di predatori finanziari – che si contano sulle dita di una mano – mandino in rovina il mondo intero, creino milioni di disoccupati, persone disperate che si suicidano, che hanno perso il lavoro, non possono andare a scuola, hanno perso la casa, o se daranno invece la priorità alla loro società, alla loro nazione, alla loro storia ed al loro patrimonio. Questo è in ballo oggi" ha dichiarato la Fernandez.

Panfilo Britannia, 1992. L'inizio della fine dell'Italia...


britannia.jpg

VENDESI PATRIMONIO PUBBLICO (ALCUNI DATI) “Nel giugno del 1992 il panfilo dei reali inglesi, il Britannia, con a bordo il fior fiore della finanza occidentale, ospita una riunione al largo di Civitavecchia. L’allora direttore generale del tesoro, Mario Draghi, illustra a quel consesso il nuovo processo di privatizzazioni che da lì a poco partirà in Italia [...] bisognava accelerare la vendita di un portafoglio gigantesco, allora racchiuso in IRI, ENI, INA e IMI.

Mentre le privatizzazioni degli anni 80 sono avvenute in casa, quelle degli anni 90 si svolgeranno in Europa. All’indomani della svalutazione iniziano i nuovi saldi: Multinazionali angloamericane, ma anche francesi, arrivano in Italia per “fare shopping”, ma anche i giganti italiani guadagnano dallo smembramento del patrimonio nazionale: il gruppo Benetton si aggiudica per 470 miliardi GS Autogrill che poi rivende ai francesi di Carrefour per 10 volte tanto. Per capire quanto valgono questi beni che non ci appartengono più possiamo comparare gli incassi delle privatizzazioni con gli incassi attuali. La cessione del 58% del Credito Italiano produce ricavi lordi per 930 milioni di euro, nel 2002 Unicredito Italiano capitalizza 26.593 milioni di euro […] quel 60% dal Banco di Napoli che lo Stato vende alla BNL per 32 milioni di euro è rivenduto dalla stessa a distanza di pochi anni per 1000 milioni di euro. È anche vero che BNL lo ha risanato completamente, ma la differenza tra i due valori è enorme. Perché questo risanamento non poteva avvenire per mano dello Stato? Perché chi lo dirigeva non era all’altezza? Non è così! A che sono servite le privatizzazioni degli anni 90 se oggi i cittadini italiani sono più poveri di allora e il rapporto debito pubblico-PIL è ancora più alto?...”


Fonte: Democrazia Vendesi - tratto da frontediliberazionedaibanchieri.it

Jorge Bergoglio e il suo passato vicino alla dittatura argentina


Il 23 Maggio 2006, sul sito del prete 'no global' Don Vitaliano della Sala, viene pubblicato un articolo sul "passato oscuro" del nuovo Papa Bergoglio. "Questo cardinale poteva essere papa!" è la prima frase che si legge. Dopo quasi 8 anni è successo davvero.

Ecco l'articolo:

23 Maggio 2006
Il lato oscuro del cardinal Bergoglio!

Il cardinale Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires, presidente dei vescovi argentini, nonché tra i più votati, un anno fa, nel conclave Vaticano che ha scelto il successore di Giovanni Paolo II, è accusato di collusione con la dittatura argentina che sterminò novemila persone. Le prove del ruolo giocato da Bergoglio a partire dal 24 marzo 1976, sono racchiuse nel libro L’isola del Silenzio. Il ruolo della Chiesa nella dittatura argentina, del giornalista argentino Horacio Verbitsky, che da anni studia e indaga sul periodo più tragico del Paese sudamericano, lavorando sulla ricostruzione degli eventi attraverso ricerche serie e attente.
I fatti riferiti da Verbitsky. Nei primi anni Settanta Bergoglio, 36 anni, gesuita, divenne il più giovane Superiore provinciale della Compagnia di Gesù in Argentina. Entrando a capo della congregazione, ereditò molta influenza e molto potere, dato che in quel periodo l’istituzione religiosa ricopriva un ruolo determinante in tutte le comunità ecclesiastiche di base, attive nelle baraccopoli di Buenos Aires. Tutti i sacerdoti gesuiti che operavano nell’area erano sotto le sue dipendenze. Fu così che nel febbraio del ’76, un mese prima del colpo di stato, Bergoglio chiese a due dei gesuiti impegnati nelle comunità di abbandonare il loro lavoro nelle baraccopoli e di andarsene. Erano Orlando Yorio e Francisco Jalics, che si rifiutarono di andarsene. Non se la sentirono di abbandonare tutta quella gente povera che faceva affidamento su di loro.

Cosa sta succedendo a Guantanamo

A distanza di 12 anni molti prigionieri del campo di concentramento di Guantanamo - dove gli internati vivono in condizioni disumane, sottoposti a trattamenti inumani come la privazione sensoriale - sono ancora li, senza processo, senza avere diritto a difendersi, senza avere alcun tipo di contatto con i propri familiari, dei quali non hanno notizie da quel giorno maledetto, in cui furono imprigionati e rinchiusi. Il premio nobel (che schifo!) Obama è al secondo mandato: ha disatteso la promessa di chiudere questo lager, simbolo di quanto SCHIFO facciano gli USA ed i loro governanti-banchieri... e anzi le condizioni di detenzione sono persino peggiorate, al punto da indurre gli internati (sorvegliati a vista h24) ad iniziare uno sciopero della fame che dubitiamo possa essere preso in considerazione dalle autorità...

Alessandro Raffa per nocensura.com

Vedi anche: Guantanamo, 10 anni di orrori, torture fisiche e psicologiche, disumanità
- - - - -

Una sezione della prigione di Guantanamo. (Bob Strong, Reuters/Contrasto)

Da circa un mese 130 detenuti del carcere di Guantanamo stanno portando avanti uno sciopero della fame per protestare contro il peggioramento ulteriore delle condizioni carcerarie.
Al Jazeera dedica un lungo servizio a Guantanamo, in cui spiega la situazione attuale e l’evoluzione della questione negli ultimi anni. Nell’articolo collegato scrive: “Gli avvocati di alcuni detenuti sostengono che i loro clienti hanno frequenti perdite di coscienza e tossiscono sangue. In una email, però, il responsabile della struttura ha negato che le cose stiano così: dei 166 prigionieri presenti a Guantanamo, solo sette sarebbero attualmente in sciopero della fame, inoltre le condizioni di salute dei detenuti sono costantemente monitorate”.

mercoledì 13 marzo 2013

”oggi la rete è Usa-centrica e quando la sicurezza nazionale americana richiede, Obama la può spegnere”(AUDIO)

Michele Franceschelli all’IRIB: ”oggi la rete è Usa-centrica e quando la sicurezza nazionale americana richiede, Obama la può spegnere”(AUDIO)


TEHERAN(RADIO ITALIA IRIB) - “La rete oggi ha una configurazione Usa-centrica unipolare in cui le compagnie statunitensi direttamente o indirettamente collegate alla NSA, alla CIA e al Pentagono la fanno da padrone. Loro considerano l’egemonia sul web un elemento di carattere strategico ed indispensabile per la sicurezza nazionale.
Si tenga anche presente che il presidente statunitense ha la possiblità di spegnere la rete quando la sicurezza nazionale lo richiede.
Le grandi aziende statunitensi che dominano il web utilizzano la loro posizione dominante per innumerevoli fini tra cui quelli economico e commercial, ma  anche la  usano come uno strumento di “soft power”, di  spionaggio , di attacco e della guerra dell’informazione .
Il dominio americano sul web però è stato già contrastato da alcune potenze in ascesa come la Russia, la Cina e l’Iran, le naizoni politicamente sovrane che hanno messo in campo tutta una serie di accorgimeniti per porre fine al predominio sulla rete da parte degli Usa”, Queste sono le parole di Michele Franceschelli, redattore di Stato e Potenza sul monopolio Usa sul web.
Qui sotto la versione integrale dell'intervista.



Fonte: http://italian.irib.ir/analisi/interviste/item/122592

QUANDO AMMAZZARONO ALDO MORO

ROMA, 9 MAGGIO 1978, IL CADAVERE DELLO STATISTA ALDO MORO
Di Gianni Lannes


Piu' regime di così! E' una vergogna! Dopo più di 30 anni dall'omicidio dello statista ALDO MORO, la relativa documentazione è ancora coperta dal segreto di Stato. 

Oggi l'ambasciatore nordamericano si permettepure il lusso, da padrone dell'Italia, di suggerire ai giovani italiani di prendere ad esempio addirittura M5S, il partito privato ed antidemocratico di Beppe Grillo!

Napolitano e Kissinger

Il Governo degli Stati Uniti d'America, all'epoca ad opera di Henry Kissinger, minacciò di morte ALDO MORO. E Kissinger come se niente fosse viene ricevuto in pompa magna dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Ma cosa scorre attualmente nelle vene del popolo italiano? C'è qualcuna/o che ha ancora dignità, spina dorsale e cabasisi?   

                                                                   GIANNI LANNES

Ucciso Moro, Sciascia e la telefonata delle Br
Ecco il passo dell’Affaire Moro in cui Leonardo Sciascia trascrive e commenta la telefonata con la quale le Brigate rosse annunciarono la morte di Aldo Moro.

La mattina del 9 maggio il professor Franco Tritto, amico della famiglia Moro, riceve una telefonata (e non era la prima) da parte delle Brigate rosse. Registrata dalla polizia, la telefonata è stata due mesi dopo diffusa dalla radiotelevisione – con l’inconsulta speranza che qualcuno riconoscesse la voce: e si può immaginare quanti mitomani l’avranno riconosciuta e quanti malvagi avranno tentato di inguaiare qualche loro nemico o amico – e trascritta dai giornali.

BRIGATISTA. «Pronto? È il professor Franco Tritto?».

TRITTO. «Chi parla?».

B. «Il dottor Nicolai».

T. «Chi Nicolai?».

NY, ucciso dalla metro mentre gli altri fotografano e fanno i video.


NY, spinto nella metro. Fotografi la morte col telefonino: souvenir di tragedia
NEW YORK – Erano le 12.30 di lunedì quando Ki-Suck Han è stato spinto da un energumeno sui binari di una metro a New York, vicino a Time Square, ed è morto travolto dal treno che sopraggiungeva sotto gli occhi impassibili di 18 persone che sostavano in banchina. Il giorno dopo la morte di Ki-Suck Han, 58 anni, coreano, catturata in una foto è stata sbattuta in prima pagina dal New York Post, un tabloid americano del gruppo Murdoch. E l’America tutta si è sconvolta, per quel reporter dell’orrore , per quel vuoto agghiacciante creatosi attorno a Ki, per il cattivo gusto del tabloid di sbattere in prima pagina la “morte in diretta”, per le decine di immagini proliferate in rete. Souvenir di una tragedia annunciata che i testimoni hanno catturato e condiviso con il mondo intero, mentre un padre e un marito moriva così.
Sotto un titolo a caratteri cubitali, “Doomed” (condannatondr), si intravede l’uomo aggrappato al marciapiede che tenta di trarsi in salvo, con lo sguardo rivolto al treno che sta per travolgerlo. Condannato sì, ma oltre che dalle circostanze, anche dalla scelta cinica di Umar Abassi, il fotografo, che in quell’attimo ha imbracciato la fotocamera invece di tendere un braccio all’uomo. Lo ha visto poco prima che morisse ma con chirurgica perizia lo ha dato per spacciato e ha preferito catturare la sua fine in 59 fotogrammi. Poi la ridondanza della didascalia che informa i lettori del New York Post: “Spinto nei binari della metro,quest’uomo sta per morire“.

Carceri private: più gente rinchiudi, più fai quattrini. Bambini compresi


jail2.png
Il meccanismo alla base delle carceri private: occorre arrestare più gente possibile per mantenere fiorente il business. Anche con la corruzione e il lobbying.
Di Debora Billi
Ogni tanto questo blog ritorna sull'argomento delle carceri private in USA, in obbedienza alla saggia precauzione " Meglio prevenire che combattere". Siccome anche in Italia, sotterraneamente, si sta insinuando l'idea di privatizzare le carceri con la solita scusa del "Lo Stato non ha i soldi", eccoci ancora una volta a prevenire.

Prima che qualche cinico salti su a dire che i carcerati sono delinquenti e quindi chi se ne importa del trattamento che ricevono, ricordo cinicamente il meccanismo alla base delle carceri private: occorre arrestare più gente possibile(quindi al limite dell'arbitrio) per mantenere fiorente il business. Questo significa gente in galera per aver buttato una cartaccia in terra, letteralmente: non a caso gli USA vantano ben il 25% della popolazione carcerariamondiale. Ecco comunque un post che ci quantifica tale lucroso business, riassumo qui:

L'INIZIO DELLA FINE PER LE CASE FARMACEUTICHE ?

DI TONY CARTALUCCI 
Land Destroyer 

La terapia genica minaccia di distruggere per sempre il profitto dei grandi dei farmaci, ma non senza combattere. 

Immaginate di ricevere una diagnosi di cancro, di una patologia genetica o anche solo di un deterioramento legato all'età al mattino, di ricevere una singola iniezione la sera e di cominciare il vostro recupero la mattina successiva. Nessuna ricetta, nessun trattamento prolungato, nessuna scelta difficile tra situazione economica e miglioramento fisico. Questa è la promessa della terapia genica, una promessa già in parte in atto. 

 Immagine: Uno dei metodi della terapia genica – prendere cellule umane, modificarle geneticamente e reinserirle nel corpo umano dove si replicano e portano avanti le loro nuove funzioni (Microsof Encarta Online Concise Encyclopedia) 

La terapia genica consiste nell'identificare i geni non funzionanti, siano essi naturali o mutati per via del cancro o dell'età, e progettare un vettore capace di sostituire questi con una porzione nuova, funzionante e riparata del vostro codice genetico. Una volta introdotti, i geni corretti si replicano spazzando via quelli invecchiati, mutati o semplicemente non funzionanti. La tecnologia è una lama a doppio taglio comunque – e potrebbe essere usata per far del male quanto del bene. L'attenzione pubblica e il coinvolgimento nel campo emergente della genetica sono una necessità assoluta per assicurare che questa tecnologia venga usata a fin di bene anziché per generare un profitto o, ancora peggio, per aumentare morti e la disparità sociale. 

Un'arma promettente ancora nelle mani di un nemico pericoloso 

La prospettiva dell'usare i concetti della terapia genica per creare armi genetiche è stata citata nel report del Neo-Conservative Project for a New American Century's (PNAC) nel 2000 intitolato “Ricostruendo le difese americane” . Il testo dichiara

“La proliferazione dei missili balistici e a lungo raggio e dei veicoli aerei senza personale renderà molto più semplice proiettare le capacità di offesa sul Pianeta. Le munizioni stesse diventeranno sempre più precise, mentre nuovi metodi di attacco – elettronici, “non letali” e biologici – diventeranno più largamente diffusi.
Anche se il processo richiederà diverse decadi per compiersi, l'arte della guerra in aria, terra e mare diventerà molto diversa da come la conosciamo oggi e il “combattimento” probabilmente si svolgerà su dimensioni diverse: nello spazio, nel “cyberspazio” e verosimilmente nel mondo dei microorganismi. Forme avanzate di guerra biologica che possono “mirare” a genotipi specifici potrebbero trasformare questo tipo di guerra da regno del terrore a utile strumento politico.”
Questo documento del Settembre 2000 dichiara anche:
“Una strategia di trasformazione che cercasse solamente di ottenere la possibilità per gli U.S.A di poter proiettare potere militare fuori dai confini e che, per esempio, sacrificasse la presenza militare sarebbe in disaccordo con gli obbiettivi politici del Paese e metterebbe in pericolo i suoi alleati. Inoltre tale processo di trasformazione, anche se alfiere di un cambiamento rivoluzionario, richiederebbe tempi lunghi, a meno che non avvenga un evento catastrofico e catalizzatore – come un nuovo Pearl Harbor.”
Esattamente un anno dopo, gli Stati Uniti sperimenteranno “casualmente” un nuovo Pearl Harbour come descritto dai firmatari di questo report. Questo evento “catastrofico e catalizzatore”, per non dire conveniente, è stato l'attacco dell'11 Settembre 2001 al World Trade Center a New York e al Pentagono. Le “trasformazioni” descritte nel 2000 nel documento del PNAC hanno preso il via in rapida successione, compresi gli elementi di guerra nel cyberspazio ora scagliati contro nazioni come l'Iran. 

I partner ideologici del PNAC all'American Enterprise Institute, e soprattutto Jon Entine, rappresentano la versione moderna degli eugenisti del periodo nazista e hanno firmato articoli inneggianti la rinascita di questa decaduta, razzista e pseudoscientifica disciplina gettando al tempo stesso le basi per rendere legittime politiche genospecifiche – guerra compresa. Quando sarà ora di presentare armi genetiche al pubblico, saranno quelli come Entine all'AEI a decidere i punti della discussione. 

Entine è anche un instancabile supporter degli organismi geneticamente modificati (OGM), più nello specifico di prodotti avvelenati e pericolosi dei giganti dell'agricoltura come Monsanto e Syngenta. Il suo sito, “the genetic literacy project”, sta spianando la strada senza remore agli sforzi delle lobby dell'agricoltura – con il supporto finanziario delle stesse lobby. I suoi rapporti con l'università e le altre compagnie indicano che le sue intenzioni di abusare di questa tecnologia non sono solo i deliri di un singolo uomo, ma fanno parte di un'agenda istituzionalizzata per la quale lui è semplicemente portavoce. 

Quando le menzogne arrivano da gente come Entine o altri accademici ben pagati, una popolazione ben attrezzata è in grado di capirlo subito. Una rete di laboratori comuni sempre meglio equipaggiati darebbe alla gente la possibilità di essere considerati dai giganti di questo ambiente e di combattere le loro violazioni dei diritti in termini di agricoltura e sanità. Sotto la luce della verità gente come Entine e quelli da lui rappresentati non potrebbe operare con l'impunità della quale ora gode. 

 Immagine: Glybera – la prima terapia genica approvata nel mondo occidentale, potrebbe curare un raro quadro genetico che interessa il pancreas con un singolo trattamento. Non serve grande immaginazione per capire quale impatto avrebbe sui profitti delle case farmaceutiche, o quali misure queste prenderanno per proteggere i loro interessi. In ultima analisi questi trattamenti appartengono alle persone – non agli interessi privati e ai governi che li proteggono. 

Esiste un'altra minaccia che va di pari passo alla promessa della terapia genica. Nel Novembre 2012 la prima terapia genica approvata nel mondo occidentale fece scalpore. Con il nome di Glybera e sviluppata da UniQure con sede ad Amsterdam, va a combattere una rara condizione genetica che colpisce il pancreas. Glybera potrebbe essere efficace per l'intera durata della vita, cioè potrebbe essere un trattamento risolutivo. Jorn Aldag, CEO di UniQure, propose al tempo una domanda: “come si fa a dare un prezzo a un trattamento simile?” 

Nella realtà, la malattia è come una guerra. Una nazione non darebbe un prezzo alla sua sopravvivenza a fronte di un nemico minaccioso, e non dovrebbe neanche farlo per la sopravvivenza della sua popolazione a fronte di una malattia. Tra tutte le tematiche alle quali una nazione dovrebbe destinare i soldi pubblici, un'istituzione che producesse cure permanenti per malattie e deterioramenti dovuti all'età dovrebbe essere la prima. Un sistema sanitario insostenibile che brucia miliardi di dollari l'anno e che fa i conti con budget e qualità in discesa sarebbe profondamente trasformato da una simile iniziativa. Gli interessi privati sarebbero gli unici a perdere qualcosa, ma dato che questi interessi sono la spinta attuale per il destino umano abbiamo un indizio sul perché questa trasformazione non è nelle agende di nessuno. 

Ancora una volta, l'ignoranza della popolazione fornisce l'oscurità che protegge questo racket e gli permette di andare avanti. Glybera è la prima terapia genica approvata e cura una condizione molto rara, ma molti altri trattamenti sono in fase di sperimentazione – comprese cure per l'emofilia e alcune neoplasie ematologiche. Questi lavori rivoluzionari dovrebbero essere al centro delle notizie sulla salute pubblica e dei dibattiti – così come dovrebbe esserlo il modo per deviare più risorse a queste ricerche alla luce dei grandi benefici a lungo termine che avranno su ogni singolo membro della società. L'espansione delle risorse umane necessarie a ricercare e sviluppare un nuovo sistema sanitario dovrebbe essere anch'essa un problema al centro del dibattito sulla salute pubblica. Ma non lo è. 

Al contrario, problemi politici non legati alla sanità rappresentano il calcio della politica, usati per distrarre il pubblico da temi che potrebbero realmente cambiare tutto. Queste politiche non solo conservano i racket delle attuali case farmaceutiche ma aiutano ad espanderli insieme alle frodi finanziarie portate avanti dalle multinazionali delle assicurazioni. 

Disarmare il nemico 

La risposta non è aspettare che i politici e i media inizino ad interessarsi a questi argomenti – entrambe le categorie sono legate a partner che hanno grossi interessi finanziari nel perpetrare questo falso paradigma. Al contrario, la gente dovrebbe prendere in mano questi temi, decentralizzando sia il dibattito sulla salute pubblica sia la salute pubblica in quanto tale. Il primo passo è educare noi stessi e il pubblico sia sulle promesse che sulle realtà attuali dei campi in espansione della genetica e della bioingegneria. Internet e le letture universitarie disponibili gratuitamente permettono oggi di avere un'infarinatura delle basi della genetica e della bioingegneria: 

Introduction to Biology (MIT 2005) 
Introduction to Bioengineering (MIT 2006)
Bioengineering 200 Lecture 1 (Berkeley 2011) 

Con un tavolo, un lavandino e i normali attrezzi disponibili in una cucina quei piccoli gruppi che oggi già si ritrovano su Internet possono iniziare ad esplorare e ad educare gli altri sui temi della biologia e della genetica. Invitare professionisti a supervisionare esperimenti più complessi, o lezioni e dimostrazioni, così come fornire al pubblico opportunità di educazione potrebbero essere i passi successivi. Molte iniziative universitarie riguardano la bioingegneria. I team di lavoro richiedono però spazi per incontrarsi e portare avanti le ricerche, per progettare ed eseguire gli esperimenti. Un’ iniziativa comune per fornire agli studenti un posto simile potrebbe portare facilmente ad un laboratorio comune – aprendo le porte alla ben più grande comunità degli entusiasti del fai da te. 

Video: Genspace è un laboratorio comune che si trova a New York. Fornisce un modello da seguire per le altre comunità – un modello sia responsabile sia alfiere di implicazioni immense, dato che porta le persone a interagire con le basi della scienza e della tecnologia. Mentre molti si preoccupano per una tecnologia simile nelle mani di gente comune, i biologi fai da te probabilmente prenderanno la forma della rete – dove le persone problematiche sono la minoranza e i loro danni facilmente riparati da un numero crescente di soggetti informati e capaci. 

Proprio come le stampanti 3D e altre forme sempre più competitive per creare strumenti stanno prendendo piede negli spazi creati da varie iniziative comunitarie, la tecnologia biomedica diventerà sempre più alla portata di tutti e facile da usare. Diventa importante quindi avere le risorse umane locali e le infrastrutture come supporto e leva per questa tecnologia in vista del miglior interesse delle persone – e non solo delle istituzioni. 

Educare noi stessi e gli altri, così come creare spazi comuni per sviluppare e implementare biotecnologie potrebbe sembrare un piccolo passo da fare; eppure comunità simili in America e in giro per il mondo avrebbero un impatto profondo sia sul dibattito riguardo la salute pubblica sia sulla salute pubblica in generale. Incoraggerebbe una ventata di trasparenza su una disciplina al momento monopolizzata e fraintesa. 

Le grandi case farmaceutiche e perfino aziende come IBM e Google che attualmente cercano vie per depistare la salute pubblica non potrebbero più nascondersi nell'ombra dell'ignoranza pubblica e perpetrare un approccio monetario, insostenibile e inumano sulla salute. Tutti quanti meritano le migliori cure possibili – e questo può essere vero solo tramite un'innovazione tecnologica costruita su solide basi gettate da una società informata, produttiva ed interessata. Le politiche attuali sembrano disegnate per ottenere esattamente l'opposto, lasciando la società cieca ed ignorante guidata da un'elite totalitaria. 

Un intero esercito di persone come Entine è piegato agli interessi privati e non nasconde l'intenzione di monopolizzare e abusare della bioingegneria come mezzo per fare profitto e guerra. Diversamente dai proiettili, le armi genetiche hanno la capacità di cambiare permanentemente e profondamente il vero e ultimo significato di essere umani. Queste armi monopolizzanti hanno la possibilità di spazzarci via interamente, o di trasformarci in qualcosa di totalmente inumano o, come Bertrand Russell disse:

“Gradualmente, tramite selezione forzata, le differenze congenite tra i regnanti e i regnati aumenteranno fino a farli diventare praticamente specie diverse. Una rivolta del popolo a quel punto sarebbe improbabile tanto quanto un'insurrezione di pecore contro la pratica di mangiarne la carne” "The Impact of Science on Society (.pdf)" by Bertrand Russell, page 51 (page 29 of .pdf)
All'epoca di Russell l'ingegneria genetica, cioè una selezione forzata istantanea, non era una possibilità reale, ma le sue parole indicano che tra l'elite dei governanti esiste una motivazione per ottenere disparità. Oggi quella stessa elite ha in mano gli strumenti per ottenere il suo scopo nell'arco di una sola generazione. Abbiamo la capacità di rompere questo monopolio e di rimpiazzare la disuguaglianza con uno spettro pieno di potere decentrando le infrastrutture dalla più mondana delle questioni fino allo stato dell'arte della tecnologia. 

Rivendicare il progresso umano e tecnologico e innovare grazie alla localizzazione è forse la battaglia più importante del nostro tempo, una di quelle che lascerà il suo vincitore in vetta e per sempre. 

Tony Cartalucci
Fonte: http://landdestroyer.blogspot.it
Link: http://landdestroyer.blogspot.it/2012/12/on-cusp-of-ending-big-pharma.html 
28.12.2012

Traduzione per Comedonchisciotte.org a cura di SEBASTIANO SENO

NB I numerosi link presenti nella versione originale sono stati omessi


Nome

Email *

Messaggio *