sabato 6 agosto 2011

Aiutaci a fare meglio: le critiche e i tuoi consigli sono PREZIOSI per noi!


Entro fine Settembre, Cose che nessuno ti dirà di nocensura.com diventerà una TESTATA GIORNALISTICA, la registreremo in tribunale, e avremo la possibilità di FARE DI PIU'... arrivare dove oggi non possiamo (ci sarà da ridere) inoltre abbiamo altre idee in cantiere, che preferiamo non rivelare in anticipo.... (ma ci sarà da ridere, eccome! E la casta non sarà fra chi riderà ovviamente)

Siccome se questo è possibile, è SOLO GRAZIE A VOI, è a voi che vogliamo chiedere CONSIGLI e INDICAZIONI:

Premesso che il blog è gestito da un gruppo di persone "qualsiasi" (che hanno altri lavori) e questo ci limita moltissimo (Chi vuole collaborare è BENVENUTO e appena saremo ufficialmente registrati, sarà possibile anche aiutare i collaboratori a conseguire il titolo di giornalista) vi chiediamo di esprimere le vostre idee:


  • Cosa vi piace - Cosa non vi piace - Cosa "miglioreresti" ?
  • Quali argomenti meriterebbero maggiore attenzione ?

E ogni consiglio/critica che può aiutarci a migliorare...

Noi, vi assicuriamo, cerchiamo di essere più OBBIETTIVI possibile, e ci auguriamo che il nostro "lavoro" sia percepito così.

Critichiamo il centrodestra come il centrosinistra e il centro (forse il governo di più perché "governando" è più sottoposto, poi B. se le cerca), in passato in una circostanza abbiamo criticato anche il Movimento 5 Stelle (che certo ha poche "colpe" visto che non amministra da nessuna parte), abbiamo sostenuto i referendum a spada tratta perché sembrava giusto a tutti noi, ma non abbiamo mai sostenuto alcun partito; sosteniamo le battaglie giuste, come quella dei No Tav, questione che seguiamo con attenzione e interesse, ma ieri, come da spirito di nocensura.com, quando alcuni "No Tav" hanno accusato i VVFF del fuoco di aver addirittura "assalito" Turi Vaccaro, non abbiamo mancato di esprimere le nostre perplessità: questo per dire, che ci sforziamo di esser lucidi e obbiettivi, il nostro gruppo è composto da persone molto diverse tra loro, unite dalla DELUSIONE - INDIGNAZIONE verso la politica  e tutti i partiti; non siamo sicuramente perfetti, ma vi assicuriamo che siamo in BUONA FEDE e non siamo SERVI DI NESSUNO, questo ve lo giuriamo sui "gioielli di famiglia" se volete :) ma ovviamente, non tutti ci percepiscono in questo modo, specialmente chi ci segue da poco, e non ci conosce, e magari si fa un'idea giudicando sulla base dei primi post che gli passano davanti...

I vs commenti potete spedirli anche a redazione (at) nocensura.com (arriva tanta posta, spesso rispondiamo tardi ma vi leggiamo!)

SE QUALCUNO VUOLE COLLABORARE CON NOI, si faccia avanti! Abbiamo già "da parte" diverse disponibilità, a Settembre concretizzeremo il tutto!

staff nocensura.com



Condividi su Facebook

Alcune anticipazioni sul Signoraggio estratte da "Il Re Nudo economia e misteri"

SIGNORAGGIO: Ovviamente i mass media non ne parlano, inoltre risulta davvero difficile capirne i meccanismi. Ho comprato una rivista, si chiama "RE NUDO - Economia e Misteri" - lo descrive in modo comprensibile anche ai bambini, e con molti DATI: appena possibile pubblicheremo degli estratti davvero molto interessanti.

ALCUNE IMPORTANTISSIME ANTICIPAZIONI:

"Il signoraggio consente alle banche di creare un profitto per se stesse intorno circa 700 miliardi di Euro all'anno IN ITALIA. Questo signoraggio, questo profitto non viene tassato grazie a regole contabili di comodo create dal sistema bancario. Una piccola modificazione di queste regole contabili, una modica tassazione dell'enorme profitto che emergerebbe dal nulla, dal nero, consentirebbe alla società di sopravvivere e di raggiungere un equilibrio economico che consenta a sua volta a tutti un certo grado di tranquillità e benessere. Una tassazione intorno al 7% (bassissima) del signoraggio bancario porterebbe sufficienti risorse per il risanamento della finanza pubblica e il rilancio dell'economia, gli investimenti, e per cessare i tagli delle spese sociali"

Nota: il 7% di 700 miliardi, sono 54 miliardi ... cifra superiore a qualsiasi manovra finanziaria. E sarebbe una tassazione ASSURDAMENTE bassa!!! Come fanno a evadere? Ve lo spiego in modo "sempliciotto", ma vi prometto che approfondirò l'argomento, grazie alla rivista, nei prossimi giorni:

Alle banche centrali (che sono private e prive di qualsiasi controllo, veri e propri enti sovranazionali che non può "toccare" nessuno) una banconota da 100 Euro costa 30 Centesimi. Ma nel bilancio fanno pari: dichiarano come se gli fosse costata 100 Euro! Emettono 100 miliardi: gli costa pochissimo, solo i costi legati alla stampa delle banconote... ma inseriscono in bilancio il "valore nominale" della banconota, come se gli fosse costata 100Euro una banconota da 100Euro! Spero di esser stato chiaro, non sono concetti che si spiegano facilmente..

PS: prima le banconote erano "legate" all'oro: ovvero le banconote emesse, avevano una copertura in oro in qualche forziere; ora non è così.. le banche stampano le banconote senza copertura, non gli costa niente e ce le vendono al valore nominale.

LE RISERVE AUREE DEI PAESI DEL MONDO, NON SUPERANO LE 200.000 TONNELLATE, MENTRE IL CORRISPETTIVO IN ORO DI TUTTE LE BANCONOTE E GLI EQUIVALENTI MONETARI CHE GIRANO PER IL MONDO AI PREZZI CORRENTI AMMONTA A UN CORRISPETTIVO DI 75.000.000 DI TONNELLATE D'ORO!!!





Alessandro di nocensura.com





Condividi su Facebook

Ricev & Pubbl: circa agenzie di debiti e consigli per chi ha insoluti

Abbiamo ricevuto una email, che pone una domanda che pensiamo possa interessare anche ad altri, riguardante le "agenzie di debiti".
---
Dopo aver letto il vostro post sul fatto finanziarie io ho cercato appunto come consigliato da voi questo sito ...mi han contattato e mi han chiesto 390 euro per rimettere apposto tutto,pagando solo l 30 percento del totale che ho da pagare e cancellandomi dal crif.. ora io mi domando... siamo sicuri che non sono truffatori? se non lo sapete voi a chi mi devo rivolgere per maggiori controlli?? vi ringrazio di cuore... ps okkkey che son disperata ma nn ho voglia di farmi prendere in giro!! 

Genny B.

attendo per piacere risposta!! 

RISPOSTA:

Ciao Genny

Le cosiddette "agenzie di debiti"  gestiscono le pratiche degli utenti, ma non fanno niente che non potresti fare anche tu, senza l'ausilio di nessuno:

per esempio, quando una persona ha problemi a pagare le rate e salta il pagamento delle stesse, è buona norma mandare una raccomandata alla società creditrice, spiegando i motivi di difficoltà che impediscono di pagare. Questa prassi, è poco conosciuta dalla gente, ma è molto importante, se l'insoluto arriva davanti al giudice di pace, questo tiene di conto il fatto che avete esposto le vostre difficoltà, e non avete interrotto il pagamento senza dare spiegazioni. La legge prescrive di conttattare la finanziaria in caso di problemi con i pagamenti, e come ben sai, la legge non ammette ignoranza! La mancata spedizione di una raccomandata è un errore, ma viene commesso spesso.

Inoltre, le agenzie di debiti conducono le trattative con la finanziaria per giungere a un accordo per l'estinzione a "stralcio": ovvero, se devi per esempio 12.000 euro a una finanziaria, chiudi la pratica versandone 8000, 7000 (in base agli accordi) magari a rate con cambiali.

Ovviamente, le finanziarie valutano quante possibilità hanno di recuperare il credito seguendo altre strade: se non hanno grandi possibilità, saranno sicuramente molto concilianti.

Anche la trattativa dello "stralcio", la puoi condurre tu personalmente... 

il suggerimento che ci sentiamo di darti, è di valutare se sei in grado di assolvere da sola le pratiche e affrontare la trattativa per lo stralcio; se hai un Avvocato di fiducia, consultati con lui, fatti consigliare, magari telefonicamente strappando consigli a titolo gratuito.

Una valida alternativa per ottenere assistenza, sono le ASSOCIAZIONI di consumatori, come il Codacons.

Per quanto riguarda l'agenzia che avevamo pubblicato sul sito, è una delle tante, e comunque non possiamo esprimerci in merito; abbiamo avuto modo di leggere commenti positivi e commenti negativi sul loro conto: questo risulta facendo una ricerca su google, e leggendo i risultati. Non sono in grado di fornirti indicazioni precise. Magari se decidi di rivolgerti a un'agenzia, prima di farlo, informati sui forum di discussione: questo è sempre un buon consiglio.

Se la gente conoscesse le leggi, le "agenzie di debiti" non esisterebbero.. ma purtroppo sai bene che ci sono persone che non sanno assolutamente niente, e in tali casi probabilmente farsi guidare da un'agenzia può essere utile e conveniente, sicuramente sono meno costose rispetto a uno studio legale, fanno nell'ambito dei debiti ciò che fanno le agenzie infortunistiche in caso di incidenti stradali e sinistri.

Non conoscendo la tua situazione, non possiamo esprimere pareri più approfonditi, che comunque formuleremmo in qualità di cittadini e non di esperti della materia... possibilmente consigliati con qualcuno di tua fiducia, un avvocato, un commercialista... o anche un bancario, persone dell'ambiente insomma! Oppure, iscriviti a una agenzia di consumatori: magari non seguono le tue pratiche, ma ti consigliano come farlo! E la tessera costa davvero poco... il Codacons è probabilmente l'associazione migliore in Italia

PS: non siamo avvocati ne niente di simile, pertanto prendi i nostri consigli come quelli di "un amico"  :)

cari saluti
staff nocensura.com



Condividi su Facebook

venerdì 5 agosto 2011

In merito al video CHIOMONTE 5 AGOSTO VVFF ASSALTANO TURI SULL'ALBERO




Alcuni No Tav hanno criticato i VVFF per le scene di questo video:



http://www.youtube.com/watch?v​=wkS-ZeV9r0I&feature=player_em​bedded

Noi siamo SEMPRE stati e SEMPRE SAREMO a favore della causa No Tav, e abbiamo SEMPRE contribuito a passare VERA informazione, quella che le tv e i giornali non dicono...

Ma non crediamo assolutamente che i VVFF del video in oggetto avessero altre intenzioni se non far scendere Turi dall'albero, dopo oltre 24 ore: il video è eloquente.. i toni utilizzati dai manifestanti, eccessivi. Questo è il nostro punto di vista, e lo diciamo SINCERAMENTE come sempre, sperando di non attirare antipatie per questo, che non vuole esser un "attacco" ai No Tav, sia chiaro.

Inoltre ci risulta anche che i VVFF abbiano offerto a Turi una coperta e dei viveri, e un laccio per evitargli cadute. I VVFF in casi come questo, devono intervenire PER FORZA per cercare di far desistere dal proprio pericoloso intento Turi (o chiunque salga su un albero).

MAI è accaduto che 1 singolo VVFF abbia fatto qualcosa CONTRO i cittadini, MAI. Anzi: spesso abbiamo assistito a immagini che ritraggono VVFF o soccorritori del 118 che si adoperano per FERMARE le cariche nei confronti dei manifestanti...
Parlare male dei VVFF per il video in oggetto, sarebbe come inveire contro la Croce Rossa, perché per fare un TSO (un ricovero coatto) ha dovuto usare la forza... maddai!!!

I PROBLEMI SONO ALTRI!!! E non riguardano i VVFF che percepiscono uno stipendio DA OPERAI, mezzi vecchi (hanno ancora molte auto di 15anni fa) e si vedono ritardare di ANNI i rinnovi contrattuali. Si sono SEMPRE dimostrati vicini ai cittadini nel momento del bisogno, con professionalità e gentilezza.. QUESTO è CIO' CHE HANNO DIMOSTRATO sul campo, secondo noi. Sono di gran lunga il corpo più amato dai cittadini, e quello che fino ad oggi, si è dimostrato più affidabile.

Per questo motivo, da cittadini, abbiamo lanciato un evento in loro favore..
https://www.facebook.com/event​.php?eid=229014873808617



Condividi su Facebook

Alterazione del sistema nervoso tramite i monitor dei PC e gli schermi televisivi



Clicca per ingrandireQui di seguito la traduzione del brevetto "Nervous system manipulation by electromagnetic fields from monitors", ovvero "Manipolazione del sistema nervoso tramite campi elettromagnetici provenienti dai monitor", pubblicamente visionabile sul sito dei brevetti USA (o anche all'analogo link su pantentstorm).
Tra le referenze nel brevetto vengono citati altri due brevetti: Method and apparatus for manipulating nervous systems (Metodo ed apparato per manipolare il sistema nervoso) e Manipulation of nervous systems by electric fields (Manipolazione dei sistemi nervosi tramite campi elettrici). Del resto spulciando tra i brevetti troviamo anche Method and device for producing a desired brain state (Metodo ed apparecchio per produrre uno stato mentale desiderato) e la lista non finisce qui.
La realtà è che esistono diversi metodi per alterare e manipolare le menti con segnali acustici, elettromagnetici, immagini subliminali.
Da notare come tra le illustrazioni del brevetto si faccia esplicito riferimento ad un computer remoto che tramite internet agisca per modulare i campi elettromagnetici che servono alla manipolazione mentale. 
Manipolazione del sistema nervoso tramite
campi elettromagnetici provenienti dai monitor
Brevetto USA N° 6.506.148 B2 registrato il 14 gennaio 2003
Sommario

Cina: il petrolio inquina un fiume, in 400.000 senza acqua potabile


Il fiume Zijiang, la fonte di acqua potabile della città di Yiyang, nella provincia centrale cinese dell'Hunan, è stata inquinato da uno sversamento di petrolio che ha costretto le autorità locali a chiudere l'approvvigionamento idrico dei 400.000 abitanti della città.
Un portavoce del governo municipale di Yiyang ha riferito oggi all'agenzia ufficiale cinese Xinhua che «Il petrolio è fuoriuscito, giovedi sera, da una petroliera che navigava sul fiume Zijiang che attraversa la città, inquinando la fonte d'acqua dell'impianto di acqua potabile di Yiyang. Per assicurare la sicurezza dell'acqua potabile per gli abitanti, il governo locale ha deciso di tagliare temporaneamente l'approvvigionamento idrico».
Secondo un'ordinanza emessa stamattina «Il governo prende attualmente delle misure di emergenza per controllare l'inquinamento, al fine di garantire la ripresa dell'approvvigionamento idrico al più presto possibile». Il governo centrale cinese ha istituito un gruppo speciale per indagare sulle cause dell'inquinamento.

Smart shop: le droghe "libere", spesso più pericolose della Cannabis


Smart shop, da Ibiza a Milano: le nuove droghe sono legali

Oltre 85 negozi (26 sono già stati chiusi), tre catene in franchising. Dal 2000 decuplicati i locali che vendono legalmente droghe sintetiche: “Cento volte più tossiche della marjuana”

No Tav, la protesta di Turi Vaccaro: a 40 metri di altezza in cima ad un albero

Clicca per ingrandire
Turi Vaccaro, il pacifista NO TAV, è riuscito a entrare nella zona rossa al check point di Chiomonte verso le 16.15 e con una delle sue azioni molto determinate è salito sul grande pino di fianco alla centrale proprio sopra alla Dora. Non vuole scendere! Sono arrivati i pompieri che ripetutamente hanno cercato di raggiungerlo con la scala a stadi. Ma lui si è sempre rifiutato. Ora gli hanno passato una semplice coperta perché il buio sta scendendo. Ha chiesto dei giornalisti e parla solo a distanza….

giovedì 4 agosto 2011

Sempre meno ghiaccio nell’Artico, è già navigabile il passaggio a Nord Est



Nell’Artico c’è sempre meno ghiaccio – un luglio record, mai così poco in questo mese – e la Russia annuncia che è aperta la rotta navale attraverso lo Stretto di Bering, il passaggio a Nord Est fra l’Alaska e la Siberia: già navigabile per decine e decine di migliaia di chilometri senza l’ausilio di navi rompighiaccio, che fra poco diventeranno con ogni probabilità totalmente superflue. Secondo i russi sarà facilmente percorribile fino a tutto settembre.
Il tracciato in blu nell’immagine qui a fianco evidenzia la rotta atterso il passaggio a Nord Est. E’ più breve, e dunque più economica, rispetto alla rotta tradizionale attraverso il Canale di Suez.
Il passaggio a Nord Est si è sempre aperto dall’estate 2008 in poi. Mai, a memoria d’uomo, era avvenuto prima.
Le ultime estati – a partire da quella del 2007 – hanno anche segnato le più massicce fusioni dei ghiacci artici da quando esistono le misurazioni satellitari (1979). Ora vi faccio vedere qualche cartina.

Fukushima, nemmeno Tepco sa quanta radioattività sta uscendo dai reattori



I tre reattori di Fukushima continuano a rilasciare radioattività nell’aria: ma quanta, e quali sostanze? Sono bucati e in meltdown totale: ma quanto combustibile nucleare è ancora nei reattori, e quanto invece ne èuscito e si trova ora dentro i bunker di cemento in cui i reattori stessi sono alloggiati? Anche i bunker sono bucati in seguito alle esplosioni dei primi giorni.
La Tepco – società proprietaria dell’impianto – non possiede queste informazioni. Eppure sarebbero quanto mai utili per riportare in qualche modo sotto controllo la centrale nucleare in avaria da ormai più di quattro mesi. E infatti la notizia di oggi è che la Tepco si accinge a procurarsele. Almeno in parte.
Sulla base di analisi dell’aria effettuate nell’area su cui sorge la centrale nucleare, si ritieneche da Fukushima – passata la fase acuta dei primi giorni – escano fino a circa un miliardo di becquerel all’ora. Che sono 24 miliardi di becquerel al giorno, 720 miliardi di becquerel al mese.
Non si sa tuttavia se, e fino a che punto, la stima sia attendibile. Per questo ora la Tepco si accinge ad aspirare aria dai bunker, così da sottoporla ad analisi e capire finalmente quali sostanze radioattive vengono rilasciate, e quante.
Vale per i reattori 1 e 2, non per il reattore 3: l’edificio che lo alloggia è troppo radioattivo e le sue condizioni effettive continueranno quindi a restare sostanzialmente ignote
La Tepco aprirà un buco nei bunker che alloggiano i reattori e vi inserirà un tubo peraspirare l’aria, collegato ad un apparecchio di misurazione situato al piano superiore. A Fukushima tuttavia c’è anche il problema dell’acqua radioattiva, e non solo dell’aria. Si spera che tubo e misuratore aiutino anche a capire quanto combustibile nucleare è rimastodentro i reattori e quanto invece ne è uscito.
Il combustibile nucleare uscito dai reattori è il cosiddetto corium, una sorta di lava radioattiva della temperatura di 2000-2800 °C formata dal combustibile nucleare fuso e dall’acciaio – anch’esso fuso – che costituiva le pareti dei reattori.
Finchè non si raffredda, continua a fondere e inglobare ciò che trova lungo il suo cammino. Non si sa se – e fino a che punto – stia mangiandosi le fondazioni di Fukushima.
Oggi, venerdì, dovrebbero iniziare le operazioni al reattore 1, e ai primi di agosto quelle sul reattore 2.
Fonte - Foto Sterneck





Condividi su Facebook

I migliori Aforismi e Citazioni sulla LIBERTA'



Non è la libertà che manca. Mancano gli uomini liberi. Leo Longanesi
Non vale la pena avere la libertà se questo non implica avere la libertà di sbagliare. Gandhi
Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo. Johann Wolfgang von Goethe
Ho cercato la libertà, più che la potenza, e questa solo perché, in parte, assecondava la prima. Marguerite Yourcenar
Ogni cosa ha il suo prezzo, ma nessuno saprà quanto costa la mia libertà. Edoardo Bennato
La speranza è un seccatore indiscreto di cui non ci si può liberare. Sören Kierkegaard
L'oblio è una forma di libertà. Kahlil Gibran
Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere. Voltaire
La mia libertà finisce dove comincia la vostra. Martin Luther King
La libertà non è una cosa che si possa dare; la libertà uno se la prende, e ciascuno è libero quanto vuole esserlo. James Baldwin
La libertà economica è la condizione necessaria della libertà politica. Luigi Einaudi
Libero pensatore. Basterebbe dire pensatore. Jules Renard
L'unico modo per liberarsi da una tentazione è cedervi. Oscar Wilde
L'uomo è nato libero, ma dovunque è in catene. Jean Jacques Rousseau
Sono avaro di quella libertà che sparisce non appena comincia l'eccesso dei beni. Albert Camus

Il difficile non è raggiungere qualcosa, è liberarsi dalla condizione in cui si è. Marguerite Duras
Non sono stupido, solo mentalmente libero. Anonimo
L'uomo non fa quasi mai uso delle libertà che ha, come per esempio della libertà di pensiero; pretende invece come compenso la libertà di parola. Sören Kierkegaard
Non sono un Libertador. I Libertadores non esistono. Sono i popoli che si liberano da sé. Ernesto Che Guevara
Credo nella lotta armata come unica soluzione per i popoli che lottano per liberarsi. Ernesto Che Guevara

«Così ci avvelenano ogni giorno». Il dramma di “Diossina Land”


DENUNCIA. Nell’immenso hinterland a nord di Napoli da anni continua la pratica criminale dell’incendiare i depositi abusivi di rifiuti tossici. Una lettrice ci scrive: «Non ce la facciamo più».


Pomigliano d’Arco (Napoli), 27 luglio 2011, sono le 7 del mattino. Mi sveglio di soprassalto. Come ogni giorno, spero che a svegliarmi sia l’odore di un buon caffè. Invece è tutt’altro. è invece la puzza acre e velenosa di pneumatici bruciati, che fa da sveglia non solo a me ma alla gran parte dei cittadini campani che vivono questo trauma da molti anni. Ti affacci al balcone, solita scena: una cappa di diossina, una coltre di colore scuro. è il cielo che copre la mia terra. Stanno bruciando in qualche campagna, sotto qualche ponte, a lato di qualche strada, o forse, vicino qualche scuola. Soliti rituali: chiami il 115, il 1515, il 113. A volte non rispondono, a volte hanno altro da fare, altre volte arrivano, quasi sempre in ritardo, quando l’incendio si consuma da solo, depositando diossina sui terreni coltivati e nei polmoni di tanti cittadini, vittime di questo lento olocausto.
Ecco, questa è la triste realtà quotidiana, di gran parte dei Comuni napoletani e casertani. Si parla spesso dell’immondizia di Napoli. Ma chi si occupa di questo disastro ambientale, molto più grave, che interessa mezza regione? Certo, l’attenzione sulla spazzatura di Napoli non deve mai essere distolta, soprattutto perché ad oggi non sono state trovate soluzioni strutturali ed efficaci. Il problema mai risolto dei rifiuti solidi urbani, però, distoglie e allontana l’attenzione da quello che è un fenomeno ancora più grave, e che purtroppo spesso con molta facilità si sottovaluta, cioè la combustione illegale dei rifiuti speciali pericolosi. è paradossale, a mio avviso, accanirsi sull’inceneritore di Acerra quando nella mia terra, tutti i giorni, vengono appiccate centinaia di roghi di materiale tossico-nocivo pari alla quantità di diossina che produrrebbe l’inceneritore in dieci anni di esercizio.

La disinformazione non va in ferie


Mentre i parlamentari si apprestano ad andare in vacanza per cinque settimane, essendo fra i pochi italiani a potersi permettere di farlo, dopo avere messo in “mutande” buona parte degli altri, penne in affitto e mezzibusti telecomandati continuano indefessi nella loro opera di disinformazione che non conosce pause.
Ieri è balzata per forza di cose agli onori della cronaca, la notizia concernente il fallimento della ditta Italcoge, impegnata in queste settimane nella costruzione del cantiere per il tunnel geognostico del TAV a Chiomonte e con alle spalle una storia non proprio adamantina, vissuta fra appalti pilotati e guai fiscali, in occupazioni di varia natura, comprendenti anche la costruzione della Salerno – Reggio Calabria. Fallimento determinato dall’insolvenza della stessa nei confronti di alcuni creditori.
Il TG3 regionale nel presentare la notizia ha dato largo spazio all’avv. Francesco Torre, legale della società, che arrampicandosi sugli specchi ha pubblicamente accusato il movimento NO TAV di avere provocato il fallimento Italcoge, attraverso una qualche oscura trama. Senza sentirsi in dovere, come sarebbe compito di un giornalista, di aggiungere le reali motivazioni del crac societario e di fatto avallando una tesi tanto pittoresca quanto visionaria…..

Pedofilia, lo scandalo investe la chiesa irlandese


La bufera che ha colpito l’Irlanda e la Chiesa Cattolica ha tutto l’aspetto di una piccola apocalisse. Sono passate due settimane dalle ultime rivelazioni relative agli abusi sessuali perpetrati dai sacerdoti irlandesi e la situazione è sempre più critica.
L’inchiesta governativa pubblicata il 13 luglio è solo l’ultima di una serie di indagini terrificanti, che raccontano di centinaia di casi di pedofilia perpetrati da preti cattolici, con le aggravanti della sistematicità degli abusi e della connivenza dei vertici della Chiesa, irlandese e romana.
Particolarmente sotto attacco il Vescovo allora in carica John Magee e il suo braccio destro monsignor Denis O’ Callaghan, i due prelati che per anni avrebbero nascosto i fatti di pedofilia accaduti nell’Arcidiocesi di Cloyne. L’accusa è pesante, perchè i continui silenzi e insabbiamenti avrebbero esposto sempre nuove vittime alle successive disgustose attenzioni dei sacerdoti degenerati.
Dopo quindici giorni, il vescovo Magee non si è ancora presentato a rispondere personalmente sui dati dell’inchiesta governativa che ha shockato l’Irlanda, nonostante copra ben 13 dei 22 anni del suo arcivescovato. Il caso si tinge ulteriormente di giallo, perchè pare che nessuno sappia dove si trovi Magee, rifugiatosi forse negli Usa o a Roma, città quest’ultima che conosce molto bene per essere stato (unico nella storia vaticana) segretario personale di ben tre Papi: Paolo VI, Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II. Tra le altre cose, poiché Magee fu una delle primissime persone, se non la prima in assoluto, a scoprire la morte di Giovanni Paolo I, il suo nome compare anche nella ridda delle congetture e delle ricostruzioni dell’accaduto, tra i sostenitori delle teorie dell’omicidio del Pontefice. Lo stesso Magee avrebbe dichiarato ad una rivista italiana che per quella vicenda fu interrogato perfino dall’Interpol.

I Carabinieri aggrediscono in hotel il gruppo "Punkreas"

giovedì 30 giugno 2011

Nichelino (TO) - Dopo il concerto dei Punkreas tenutosi presso il Free Music Festival di Nichelino, ci dirigiamo verso l’albergo insieme alla crew e ai rapper Anti L’Onesto e Dj Noko che hanno chiuso la serata e che viaggiano con noi. Arrivati sul posto, attorno alle ore 02:00 constatiamo la presenza di militari in divisa – carabinieri – che presidiano l’entrata e immediatamente ci si approcciano con modi poco amichevoli.

Veniamo inoltre a conoscenza del fatto che l’albergo ospita un alto numero di carabinieri (70-100), presumibilmente destinati a servizio di O.P. in Val di Susa, dove il giorno precedente si sono avuti duri scontri con ampio uso di lacrimogeni contro i manifestanti. Alcuni di noi, come da consolidata tradizione, si ritrovano nella camera di Paletta per parlare del concerto appena effettuato e fare gli ultimi saluti prima di raggiungere le rispettive stanze. Dopo circa un’ora, il gruppetto si scioglie e restano nella stanza solo Paletta, Gagno e il fonico Gianluca Amen, che continuano a chiaccherare.
Quando sono circa le 03:30, senza aver avuto peraltro alcun avviso o richiamo né dalla direzione né dagli ospiti delle stanze confinanti, i 3 sentono dapprima bussare violentemente alla porta e subito dopo cominciano ad avvertire difficoltà respiratorie che in breve diventano sempre più pronunciate, unitamente a bruciore intensissimo a gola e occhi. In breve, si rendono conto che qualcuno sta pompando gas urticante da sotto la soglia della porta della camera. Sentendo rumori e grida di sfida e di scherno dall’esterno, e nonostante la situazione sia resa anche più grave dall’impossibilità di aprire completamente la finestra della camera , i 3 decidono di non uscire, per timore di aggressioni fisiche. Si chiudono momentaneamente nel bagno, sperando così – e con l’ausilio degli asciugamani bagnati – di limitare i danni e resistere a quello che sembra un vero e proprio assalto.

Appello di Amnesty: Diritti Umani e Polizia in Italia: operazione trasparenza

Nel decimo anniversario del G8 2001, che ebbe luogo a Genova dal 19 al 21 luglio, Amnesty International constata con disappunto che le centinaia di vittime delle gravi violazioni dei diritti umani compiute in quei giorni da funzionari e agenti delle forze di polizia non hanno ottenuto piena giustizia, anche a causa della mancanza del reato di tortura nel codice penale e di misure di identificazione degli agenti durante le operazioni di ordine pubblico, come l'uso di codici alfanumerici sulle uniformi. 
Diversi casi emersi nei 10 anni trascorsi da quegli eventi hanno continuato a chiamare in causa le responsabilità delle forze di polizia, confermando l’urgenza di misure legislative e istituzionali per la prevenzione delle violazioni. La condanna in appello per omicidio colposo degli agenti ritenuti responsabili della morte di Federico Aldrovandi durante un fermo nel 2005; la sentenza per omicidio volontario dell’agente di polizia stradale che nel 2007 esplose il colpo di pistola che uccise Gabriele Sandri; i procedimenti in corso per la morte di Aldo Bianzino, Giuseppe Uva e Stefano Cucchi mentre si trovavano in stato di custodia; le accuse di lesioni, aggressione, sequestro di persona e calunnia agli agenti della polizia municipale che tennero in stato di fermo Emmanuel Bonsu; sono fatti che dovrebbero interrogare profondamente le istituzioni italiane e che confermano l’urgenza di misure legislative e istituzionali per la prevenzione degli abusi.

Le forze di polizia sono attori chiave nella protezione dei diritti umani in ogni paese: hanno, tra le proprie responsabilità, quelle di ricevere denunce su abusi dei diritti umani, svolgere le indagini e garantire il corretto svolgimento delle manifestazioni, proteggendo chi vi partecipa da minacce e violenze. Perché questo ruolo sia riconosciuto nella sua importanza e svolto nella piena fiducia di tutti, sono essenziali il rispetto dei diritti umani, la prevenzione degli abusi, il riconoscimento delle responsabilità e una complessiva trasparenza.

Amnesty International chiede agli stati di assicurare che le forze di polizia operino nel rispetto degli standard internazionali sull’uso della forza e delle armi, di prevenire violazioni dei diritti umani e di assicurare indagini rapide e approfondite e procedimenti equi per l’accertamento delle responsabilità, quando emergano denunce di violazioni.

In Italia mancano tuttora importanti strumenti per la prevenzione e la punizione degli abusi, quali organismi di monitoraggio sul rispetto dei diritti umani e sui luoghi di detenzione, misure di identificazione degli agenti impegnati in operazioni di ordine pubblico e la previsione del reato 
di tortura nel codice penale.


fonte: Amnesty.it





Condividi su Facebook
loading...

Nome

Email *

Messaggio *