Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 4 novembre 2011

E' la zoorastia, la nuova frontiera del turismo sessuale, che vede come protagonisti gli animali (cani e cavalli, ma anche mucche e maiali) costretti a rapporti sessuali con gli umani. Spesso anche bambini.

Tutto questo si traduce in un giro d’affari sempre più consistente, grazie agli annunci (oltre 4.000 ogni anno) pubblicati quotidianamente su giornali e siti internet da persone che cercano ed offrono sesso a pagamento con animali.

A lanciare l’allarme è l’AIDAA, Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (Aidaa), secondo cui la zoorastia è in continua crescita.  

Per fermare il fenomeno, l’associazione ha lanciato un “numero arancione” 392.6552051, attivo tutti i giorni dalle 10 alle 12, per ascoltare denunce e segnalazioni (anche anonime) da parte di chi è stato testimone di abusi sessuali a scapito degli animali.

Ad incrementare il mercato online del "sesso bestiale" sono soprattutto i siti internet: attualmente sono circa 15.000 i portali che consentono di scaricare materiale pornografico e foto brutali, con bambini e bambine costretti ad avere rapporti sessuali con animali.

“Il fenomeno della zoorastia - ha detto il presidente dall’associazione, Lorenzo Croce - è purtroppo molto diffuso anche negli ambiti cosi detti a elevato reddito, così come vale la pena di ricordare che vi sono molte persone che ritengono che fare sesso con il proprio animale domestico sia lecito, invece che una pratica abominevole, che spesso nasconde altre pratiche gravi. Da qui la decisione di avviare questa linea telefonica che presto sarà accompagnata anche da un pool di esperti che avranno il compito di analizzare il fenomeno della zoorastia nel suo complessivo e nei singoli casi”.

fonte


Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

dai tra un po di tempo avremo zoofili (ma anche pedofili,necrofili ecc) in protesta per far si che la loro condizione diventi "normale" e non sia considerata più deviazione/malattia

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi