Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo editoriale esteri economia scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo manipolazione mediatica guerra bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari massoneria Russia poteri forti razzismo sovranità monetaria manifestazione finanza debito pubblico tasse israele disoccupazione siria UE ucraina travaglio agricoltura militari marijuana banchieri mario monti trilaterale germania canapa geoingegneria terrorismo Grecia califfo obama vaticano Traditori al governo? bambini big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli ISIS napolitano enrico letta vaccini cancro tecnologia PD nwo equitalia Angela Merkel BCE armi austerity sondaggio meritocrazia suicidi umberto veronesi fini nucleare m5s magdi allam ministero della salute privacy video cannabis clinica degli orrori eurogendfor Putin marra sovranità nazionale staminali CIA assad bancarotta boston droga monsanto prodi INPS bufala elezioni fondatori del sito globalizzazione iene informatitalia.blogspot.it iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco fmi fukushima golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia svendita terra turchia violenza aldo moro arsenico barnard bonino carne chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione suicidio università vegan virus 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione chernobyl corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse paola musu pensioni radioattività riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online ungheria vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 6 ottobre 2012
La fotogallery qui
di Franco Pasqualetti


ROMA - Una Ferrari gialla, fiammante, parcheggiata in divieto, con le ruote sulla strisce pedonali. Davanti l’ingresso di Palazzo Valentini, sede della Prefettura di Roma. Dietro di lei una fila di auto blu. In tutto sette veicoli che intralciano il traffico caotico delle 9.30 del mattino: una bolgia totale.
Ma Palazzo Valentini, oltre che dal Prefetto, è occupato anche dalla Provincia. E proprio dallo staff del presidente Nicola Zingaretti parte la telefonata ai vigili urbani: «Venite in via IV Novembre, ci sono auto in sosta selvaggia ovunque». In pochi minuti arriva puntuale un vigile urbano, blocchetto delle multe in pugno, fischietto al collo e aria fiera. Quando vede, però, che le vetture parcheggiate non sono comuni utilitarie la fierezza lascia il posto ad altro e lo zelante pizzardone entra nell’elegante palazzo in cerca del proprietario della Ferrari, proprio come farebbe un posteggiatore. La sequenza fotografica dimostra con puntualità l’accaduto.
In pochi minuti dalla Prefettura, dove era in corso un vertice sul lavoro, esce un volto noto: è il senatore del Pdl Antonio Angelucci che taglia dritto verso il bolide di Maranello, lo accende, affonda un paio di sgasate alla Alonso, ingrana la marcia e lascia le strisce sgommando.
In Sicilia la campagna elettorale entra nel vivo: (non cambierà niente) e succede anche questo...
- - -
Il candidato Sammartino con Casini
Provate ad immaginare l’iniziativa più disgustosa che un candidato alle elezioni o chi lo sostiene possa intraprendere per raccogliere voti. Ci avete pensato? Bene, adesso leggete cosa è successo nei giorni scorsi a Catania ad una donna ammalata di tumore. Si chiama Rosa Oliva e questa è la sua testimonianza:
“Squilla il cellulare, il numero non mi ricorda nulla, qualche giorno prima ho fatto la scintigrafia per verificare che nessuna “metastasi” sia in circolazione. Sono un po’ stanca, piena di malesseri ma il cellulare continua a squillare. Mi alzo stancamente e rispondo”.
Dall’altra parte del telefono, una voce femminile: “Pronto? qui la Clinica Humanitas (Centro di oncologia di Catania ndr), telefono per conto del professor… “
La clinica oncologica? Cosa vorrà mai? “Non sento più niente -racconta Rosa- le orecchie incominciano a ronzare, mi gira la testa e sudo freddo”
La centralinista della clinica continua a parlare: “Sa, il centro ha attrezzature sofisticate. La sanità però al giorno d’oggi fa miracoli”Rosa continua a non capire, è terrorizzata: “Che dice questa? Cosa hanno trovato? Dovrò fare un’altro intervento? Ho le ore contate? Vabbè stavolta non me la cavo. Questa parla ancora. Mi sento male, ho voglia di urlare, piangere. Mannaggia, quanto ci sta a dirmi cosa hanno trovato?”
A quel punto, la centralinista della clinica va al sodo: “…Pertanto, visto che è una nostra paziente il “professore” la invita a votare per l’onorevole Sammartino”.
Dopo le manganellate dispensate agli studenti ieri, ecco un altro bell'esempio della "democraticità" di questo governo tecnico non eletto, spalleggiato da tutti i principali partiti italiani, che ormai hanno unito le forze per coltivare i propri interessi senza la minima opposizione: il governo ha preparato un provvedimento che consentirà di aggirare le prescrizioni della magistratura di Taranto che vuole spegnere gli impianti che inquinano e che secondo le perizie disposte dal G.I.P. hanno contribuito ad aumentare l'incidenza di malattie - dai tumori alle leucemie, anche infantili - e quindi i decessi. 

Di seguito l'articolo di Salvatore Cannavò per "Il Fatto Quotidiano":

Alla lettura del testo, che Il Fatto ha potuto consultare e che non è ancora ufficiale, appare chiaro, in effetti, che l'impatto delle nuove norme, se approvate, sarebbe quello di garantire l'attività produttiva allo stabilimento di Taranto, nonostante quanto stabilito dal Gip e la sostenibilità economica degli interventi di bonifica

Il provvedimento è entrato l’altro ieri in Consiglio dei ministri, ma è stato rinviato alla prossima seduta. La bozza però è già scritta e prevede un pacchetto disemplificazioni normative che fanno discutere gli ambientalisti. In particolare i due articoli dedicati allabonifica ambientale, ribattezzati articoli “salva Ilva”. Alla lettura del testo, che Il Fatto ha potuto consultare e che non è ancora ufficiale, appare chiaro, in effetti, che l’impatto delle nuove norme, se approvate, sarebbe quello di garantire l’attività produttiva allo stabilimento di Taranto, nonostante quanto stabilito dal Gip e la sostenibilità economica degli interventi di bonifica. Gli articoli “incriminati” sono due, il 21 e il 22. Con l’articolo 21 si tratta la “Gestione delle acque sotterranee emunte” cioè la messa in sicurezza della falda acquifera.
La Cassazione inchioda equitalia a sue responsabilità e ristabilisce regole e principi giuridici ignorati fino ad oggi dai giudici

Una Sentenza sacrosanta e imparziale contro la poca trasparenza di Equitalia. Per la Cassazione, come per la stessa legge finora ignorata da molti giudici , l’estratto di ruolo della cartella di pagamento è da ritenersi insufficiente a provare in giudizio l'esistenza dell'atto notificato e il credito di Equitalia. In sede processuale inoltre Equitalia ricorsa in cassazione per continuare ad imporre sua prassi e metodi criptici in danno dei contribuenti è stata anche condannata a pagare le spese legali del processo non dimostrando in modo certo di aver tempestivamente e regolarmente notificato al presunto debitore il titolo legittimante l’imposizione fiscale in quanto non ha mai mostrato la copia integrale e corretta della cartella notificata. Soddisfatto il leader del Movimento AntiEquitalia e presidente dell’associazione NoiConsumatori.it, l’avvocato Angelo Pisani, il quale ha annunciato: finalmente dopo anni di persecuzione in danno dei contribuenti il tempo si è' dimostrato il miglior Giuduce e a Roma non hanno avuto timore di applicare la legge “Un’altra vittoria contro le illegittimità di Equitalia. Farò diecimila manifesti da affiggere in tutti i tribunali italiani per far leggere questi sacrosanti principi di diritto a tutti specialmente a quei giudici che danno sempreragione ad equitalia ad occhi chiusi.
I soldi non arrivano, i sindaci delle zone colpite hanno rivelato che non hanno visto nemmeno quelli raccolti via sms, (viene da chiedersi che fine abbiano fatto e ci auguriamo che non abbiano fatto la fine di quelli raccolti per l'Abruzzo) e la situazione è ancora lontana dal ritorno alla normalità: aumenta del 30% l'uso di psicofarmaci, più della metà dei medici sono costretti a visitare nei container e gli ospedali hanno subito tagli.

Descrive bene la situazione l'articolo di Adele Lapertosa (Il Fatto Quotidiano)

Visite mediche ancora in contesti precari nelle zone colpite dal sisma. Lo rivela Nunzio Borelli, responsabile della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) per il distretto di Mirandola. E negli ospedali della zona ci sono 700 posti in meno. Nella popolazione cresce del 30% il consumo di psicofarmaci

Terremoto Emilia, il 60% dei medici di famiglia visita ancora nei container

Loro sono forti e non mollano, ma non è facile, soprattutto quando la normalità è ancora ben lungi dall’essere raggiunta, nelle zone colpite dalterremoto in Emilia. I medici di famiglia non hanno mai smesso di lavorare, ma a quattro mesi dal sisma sei su dieci, nei comuni più colpiti, da Mirandola a Finale Emilia, sono costretti a visitare ancora neicontainer visto che non sono potuti rientrare nei loro studi e gli ospedali devono dirottare molti pazienti verso altri comuni. A raccontare le difficoltà che devono affrontare ogni giorno i medici di famiglia emiliani è Nunzio Borelli, responsabile della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) per il distretto di Mirandola, in occasione del congresso della Federazione in corso a Villasimius.

di Gianpaolo Battaglia

La recente vicenda che ha visto protagonista il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, ha prepotentemente riportato alla ribalta la questione sulla diffamazione a mezzo stampa e sulle relativa norme che la regolano: Sallusti lo ricordiamo, è stato condannato nella sua qualità di direttore responsabile per omesso controllo in riferimento ad un articolo pubblicato nel 2007 sul giornale Libero, all’epoca diretto dallo stesso Sallusti, a seguito del quale il giudice Giuseppe Cocilovo si era sentito  diffamato ed aveva presentato querela.
Al termine del primo grado Sallusti venne condannato ad una multa di 5.000 euro; ma la Procura e il magistrato fecero ricorso in appello ed a seguito del processo di secondo grado, Sallusti venne condannato a 14 mesi di reclusione, sentenza sulla quale ha poi messo il sigillo anche la Cassazione. L’aumento di pena nel passaggio dal I al II grado può essere spiegato con quanto dichiarato nel codice penale in riferimento al reato di diffamazione:
“Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1.032.
Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2.065.
Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a euro 516.”

SERVIZIO E VIDEO DI ROBERTA BARONE

E' stato definito un "mostro", ma qualcuno lo ha battezzato col nome di Muos donandone l'uso esclusivo alle forze armate statunitensi, oggi presenti più che mai nel territorio siciliano.
Cos'è il Muos? Lo riferisce Antonio Mazzeo, un giornalista che diverse volte si è distinto per il suo coraggio ed il suo vero animo da combattente sia contro il sistema mafioso sia contro quelle ingiustizie un po' troppo scomode per meritare attenzione da parte dei media.
Si chiama Mobile User Objective System e Mazzeo lo definisce " l'arma perfetta per le guerre del ventunesimo secolo", quelle guerre che si mascherano di belle parole come "democrazia" e "libertà" e che invece si macchiano di milioni di morti e vittime senza colpa. Si trova a Niscemi in Sicilia e consiste in tre grandi antenne radar che trasmetteranno con frequenze comprese tra i 240 e i 315 MHz (intensità altissima capace di produrre col tempo leucemie e mutazioni genetiche del corpo umano fino ad un raggio di circa 150 km da esso). Il Muos servirà agli Usa per le loro guerre in Siria, in Libia e in quei paesi dove cercheranno di instaurare la loro egemonia con la scusa del "portare la democrazia" in quella che è stata denominata Primavera araba. Ce ne sono solo 4 nel mondo ed uno si trova proprio in Sicilia, regione dalla posizione geografica strategica per i loro loschi scopi.
venerdì 5 ottobre 2012
Alcune delle peggiori immagini delle manifestazioni di oggi: un ragazzino 15enne che manifesta per una scuola migliore trascinato per strada dagli agenti di polizia...




"Silvio mi ha sculacciato un po', tutto qui"

Barbara Guerra e le intercettazioni del caso Tarantini


Repubblica sbatte oggi a pagina 9 alcune intercettazioni inedite del caso Tarantini. L’articolo di Carlo Bonini e Giuliano Foschini riporta un incredibile e surreale dialogo tra l’imprenditore della sanità accusato di sfruttamento della prostituzione e spaccio di cocaina e Barbara Guerra, showgirl.
LE INTERCETTAZIONI - Ecco le parole dei due al telefono:
Tarantini (T) entra nel cuore del Presidente. Ne diventa il lenone. E tra le ragazze che avvia alle sue residenze c’è Barbara Guerra (B).
T: «Non puoi sembrare né una troietta né una ragazzina. Ti devi mettere un cappotto blu e un pantalone chiaro. Oppure un pantalone scuro e un cappotto scuro…».
B: «Mo’ vedo, dai, mo’ cerco in valigia».
T: «Mettiti dei fogli in mano, oppure sai che devi fare? Comprati Sole 24 Ore, Gazzettae Repubblica in mano e arriva con quelli…» (…)
B: «Ma un giorno solo stiamo via?».
T: «E che ne so, amo’. Con quello sai quando entri e non sai quando esci (…) Ma poi come si è comportato? Bene?».
B: «Con me? Sì, mi ha sculacciato un po’ però…».

Raffaele Cattaneo: l'assessore che si lamenta perché guadagna 8mila euro

Il tweet dello scandalo è questo: Raffaele Cattaneo, assessore alle infrastrutture nella giunta di Roberto Formigoni in Lombardia, lo scrive qualche ora fa e scatena una flame war di prima classe su Twitter. 


Il tweet dello scandalo è questo:
Raffaele Cattaneo, assessore alle infrastrutture nella giunta di Roberto Formigoni in Lombardia, lo scrive qualche ora fa e scatena una flame war di prima classe su Twitter. Però da come parte non sembra la lamentazione di qualcuno che ha tanti privilegi e se li vuole tenere, come Gerardo Bianco nell’articolo di Paolo Bracalini di oggi. Quello di Cattaneo è un discorso politico:

Violente cariche delle forze dell'ordine contro gli studenti a Roma, Milano e Torino. Nel capoluogo piemontese, gli agenti hanno hanno fermati 15 manifestanti per essere identificati. Un fermato anche a Roma.  La manifestazione su Twitter. Guarda la FOTOGALLERY. (VIDEO)

5 ottobre, tornano in piazza in tutta Italia gli studenti e le studentesse dei licei e degli istituti tecnici, tornano in piazza contro il governo Monti e le sue politiche di austerity in una data lanciata dalla rete di collettivi studenteschi StudAut.

segui su InfoAut la diretta dalle piazze, su Twitter segui @StudAut e l'hashtag #5ott.

"Vergognosa repressione degli studenti che oggi, a migliaia, in diverse città italiane, Torino, Roma, Milano e tante altre, sono scesi in piazza contro i tagli di Profumo all'istruzione e alla formazione pubbliche - dichiara Paolo Ferrero, Segretario Nazionale di Rifondazione Comunista - Aumentano le tasse in scuole e università, i costi di libri e trasporti, le strutture cadono a pezzi e la democrazia nei luoghi del sapere viene consapevolmente ridotta. Oggi siamo in piazza con gli studenti, come lo saremo il prossimo 12 ottobre, perché il mondo della formazione sta pagando un prezzo altissimo per colpa di Monti e dei “tecnici”. È scandaloso che il governo dei poteri forti invece che rispondere alle giuste rivendicazioni degli studenti mandi le forze dell'ordine a caricare i ragazzi in corteo".


Ecco una bella notizia per chi é interessato a risparmiare sull'energia e farsi unnuovo impianto fotovoltaico (qui altri interessanti video su Energia Rinnovabile).

Si tratta di nuovi pannelli fotovoltaici a forma cilindrica, che  - da quanto dichiarato dalla ditta che li ha inventati, la V3Solar - riescono a sviluppare 20 volte l'energia di altri pannelli solari che hanno le stesse dimensioni, grazie a: 
  1. lenti che concentrano i raggi solari,
  2. dinamica (sono rotanti),
  3. forma conica,
  4. elettronica avanzata.
La particolarità di questi nuovi pannelli solari é proprio nel design. Con un angolo di 56° riescono a prendere il sole tutto l'anno e tutto il giorno nella maniera più efficace. 
V3 Spin Cell sono dei pannelli solari che lasciano stupito chi li guarda, sembra proprio una bella trovata, anche piuttosto semplice come concezione, da vedere: 





La Troika pronta al commissariamento dell’Italia grazie ai partiti. Regioni a rischio austerità.

di Lidia Undiemi
Tutti i partiti presenti in Parlamento, considerando irrilevanti i ripensamenti ininfluenti dell’ultimo momento, hanno servito su un piatto d’argento le politiche di austerità al governo Monti ed il salvataggio delle banche con i soldi dei cittadini.
Secondo recentissime notizie di stampa (ANSA, 4 ottobre 2012), nella bozza della legge di attuazione del pareggio di Bilancio in Costituzione si prevede, tra le altre cose, l’istituzione di una “Fiscal Commission” preposta al controllo del Bilancio dello Stato e di tutte le regioni.
Quali margini di autonomia decisionale resteranno alle istituzioni rappresentate mediante elezioni democratiche? Da chi sarà composta questa Commissione e quale sarà il livello di ingerenza nella definizione della politica nazionale e locale?
La Grecia e la Spagna sono dietro l’angolo. Fra tagli alla spesa, agli investimenti, all’istruzione e alla Sanità, nuove imposte, scudo fiscale, stipendi pubblici congelati e limitazione dei pensionamenti anticipati il governo Rajoy ha attuato manovre per 92 miliardi di euro. L’ultima di settembre (40 miliardi) è sfociata in durissime proteste di piazza.

Il MICROCHIP RFID: In USA molti se lo sono fatto impiantare volontariamente per monitorare la salute o per essere localizzabili, ed in alcuni negozi USA è già possibile utilizzarlo per pagare e come fidelity card. Ora PROPONGONO SCONTI per indurre la popolazione a chipparsi. Se il disegno va avanti (e visto che Monti e soci vogliono eliminare i pagamenti contanti il momento non è lontano) tra qualche anno saremo tutti microchippati, ovviamente buona parte del gregge sarà felice di esserlo e rifiutarlo probabilmente sarà difficile. Faranno in modo che senza chip sia impossibile vivere, ma sarà anche la fine totale di ogni privacy, potranno verificare cosa compriamo (sarà utilizzato per tutti i pagamenti) dove ci rechiamo, dove siamo...

A dirla tutta non cambierà poi molto visto che già oggi con lo smartphone in tasca: che può essere utilizzato come microspia per intercettazioni ambientali con tanto di telecamera, oltre a monitorare le conversazioni e vedere dove siamo e dove ci spostiamo, tramite la tecnologia gps, il navigatore che ci hanno opportunamente integrato...

Centinaia di telecamere, private e pubbliche, ci riprendono continuamente...

Utilizziamo i social network, dove carichiamo foto, esprimiamo opinioni, i nostri gusti e la personalità (in base alle pagine ed i gruppi a cui una persona si iscrive) e buona parte delle nostre amicizie, con la quale parliamo tramite i social network...

Paghiamo sempre di più con le carte di credito e aderiamo alle "fidelity card" che permettono di "schedare" i nostri acquisti, che saranno utilizzati per ricerche di mercato incrociando i dati relativi alle nostre abitudini al nostro profilo anagrafico (sesso, età, etc..) ...

Con il microchip il controllo sarà totale, il grande fratello è realtà!

Se ciò fosse stato fatto per il rispetto di leggi e regole giuste, sarebbe stato bellissimo, ma invece sembra sempre più che a questo rigoroso controllo della cittadinanza sia stato "affiancato" ad un percorso di restringimento dei diritti e delle regole democratiche, i cittadini vengono impoveriti sempre di più, mentre le condizioni lavorative sono peggiorate ed i salari nel migliore dei casi sono rimasti tali e quali. I cittadini che scendono in piazza a manifestare, pochi e frammentati in "categorie" e non uniti in quanto cittadini, grazie al fatto che ciascuno si muove solo per le ingiustizie lo riguardano in prima persona, e nessuno si interessa se la persona che abbiamo vicino viene CALPESTATA nei suoi diritti, non ottengono mai niente e comunque vengono represse a manganellate.

Grazie al controllo sociale - che non si limita al controllo tecnologico, ma anzi sopratutto al CONTROLLO MENTALE, come le divisioni di cui sopra - una casta di pochi individui si è permessa di piegare ai propri interessi MILIARDI di persone costrette a vivere nelle difficoltà, talvolta persino nella povertà. Persone ricattate lavorativamente, costrette a rinunciare a diritti fondamentali come la salute, ad una vita dignitosa.

COME è POSSIBILE CHE IL 99% DELLE PERSONE PERMETTA AD UNO SCARSO 1% DI AVERGLI MESSO LE CATENE E AVERLI RIDOTTI A MODERNI SCHIAVI SENZA NEMMENO LAMENTARSI ?

Ci hanno addomesticato come scimmiette, ma sempre più persone si stanno "svegliando" stanno rendendosi finalmente conto del sistema-truffa in cui viviamo, che per molti anni abbiamo vissuto con passività, senza nemmeno rendercene conto, è questa la vera libertà!

Antonio B. per nocensura.com

Aggiornamento 11/10/2012
Una scuola USA ha introdotto il microchip per il controllo degli ingressi al posto del badge, chi ha rifiutato di farselo impiantare è stato punito... sempre più verso il microchippaggio di massa...
http://www.nocensura.com/2012/10/usa-puniti-gli-studenti-che-rifiutano-i.html


Aumentano vertiginosamente i casi di Alzheimer: in sei anni, secondo quanto riportato da un articolo de "L'Eco di Bergamo" sarebbero addirittura raddoppiati. Qual è la causa di questo forte aumento? Quando si parla di dati relativi alla mortalità della cittadinanza, aumento dell'incidenza di patologie e magari sulle probabili cause - perché alla base di aumenti così consistenti un motivo ci deve essere - c'è ben poca attenzione, sia da parte del mondo dell'informazione e dei mass media in generale e ancora meno dalle istituzioni e dalla politica, e troppo spesso i risultati vengono "interpretati" o persino NASCOSTI alla popolazione, un caso eclatante è quello di Taranto dove Ilva per anni non ha rispettato le prescrizioni dell'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) rilasciata a cura del Ministero dell'Ambiente, e l'azienda ha inquinato liberamente e impunemente. I dati di alcune ricerche e le perizie disposte dal giudice  che ha disposto il sequestro degli impianti Ilva sostengono che a Taranto l'inquinamento uccide e che l'incidenza di certe malattie è aumentata, tuttavia se non fosse intervenuta la magistratura tutto sarebbe andato avanti normalmente.

Di seguito un articolo de "L'Eco di Bergamo" che parla dell'aumento dei casi di Alzheimer:


Aumentano i casi di Alzheimer
In sei anni casi più che raddoppiati

«L'Alzheimer è come tornare ad essere bambini. È una situazione diversa ma non meno carica di affetto e amore». È così che Paola Merlo, responsabile del reparto di neurologia Humanitas Gavazzeni, spiega la malattia al marito di una paziente colpita dall'Alzheimer nel filmato «AAA video – idee» a cura di Laura Morelli proiettato in occasione del convegno organizzato da Asl Bergamo per la «XIX Giornata Mondiale Alzheimer» presso la Casa del Giovane. 

Una situazione vissuta da 1720 persone nella sola provincia di Bergamo nel corso del 2011. Un numero da moltiplicare al cubo perché «le demenze non riguardano solo le persone che ne soffrono, hanno un raggio d'azione purtroppo più vasto. Per ogni singola diagnosi sono tre le persone impattate dalla malattia» spiega Alberto Zucchi dell'Osservatorio epidemiologico Asl Bergamo. 

Radio Italia IRIB: diritto alla casa, bloccata piazza Venezia a Roma (VIDEO)



ROMA - Oltre mille famiglie italiane sotto sfratto hanno protestato a Roma, in piazza Venezia, una intera giornata, per chiedere al comune di non togliere loro le case e di non vendere le proprieta' al settore privato per sanare i debiti. Ma chi ne ha parlato in Italia. Sapevate di queste manifestazioni nei giorni scorsi? Ne hanno parlato i tg, troppo impegnati a parlare di altre cose. Ve ne parliamo e vi facciamo vedere noi tutto questo, con questo resoconto di Hamid Masoumi Nejad.


fonte: italian.irib.ir



Convegno integrale di Leo Zagami, autore della serie di libri "Le confessioni di un illuminato".

Zagami era un massone di elevato rango, ed è "uscito" dalla loggia rivelando al mondo ciò che bolle nelle pentole del Bilderberg, della Trilaterale, e del vero potere...

Ovviamente i mass media gli hanno dato scarsa risonanza, nonostante Zagami per molti anni sia stato un importante massone. Le sue rivelazioni sono molto interessanti



Gli enti cancellati dal referendum di maggio stanziano centinaia di migliaia di euro, anche per progetti che vanno oltre la cessazione prevista il 28 febbraio 2013. Carbonia "investe" sulla libertà di internet in Cina, a Olbia pioggia di soldi su comunicazione e sagre. Dai referendari un esposto alla Corte dei conti

di Monia Melis

In primavera sembravano morte dopo il plebiscito del referendum sardo, poi sono state tenute in vita fino a febbraio del 2013 per evitare il caos amministrativo. In pratica per le otto Province dell’isola, quelle storiche e quelle cosiddette ‘nuove’ citate nei quesiti abrogativi (OgliastraCarbonia-IglesiasOlbia-Tempio eMedio Campidanonon è cambiato nulla. Gestiscono fondi pubblici non in vista di una loro ‘liquidazione’, ma programmano per gli anni a venire,assumono personale, assegnano incarichi e distribuiscono contributi a sagre e fiere. E ricevono ingenti finanziamenti dalla stessa Regione.

Il recente provvedimento della scuola in materia concorsuale

Dopo i demenziali provvedimenti dell’IMU e del decreto salva-Italia (meglio detto “sfascia-Italia”), di recente il governo ne ha inventata una nuova, e ha varato un maxi concorso per il reclutamento di nuovi insegnanti nella scuola.
La maggior parte dei giornali ha salutato con favore questo provvedimento (che bravo il governo Monti, vedi come creano nuovi posti di lavoro, uh vedi come si interessano alla scuola). La maggior parte del personale docente invece è contraria a questo concorso, ritenendolo dannoso, inutile, ingiusto e incostituzionale, tant’è vero che circa 15.000 docenti giunti da tutta Italia qualche giorno fa hanno protestato a Roma (ovviamente la notizia è passata quasi sotto silenzio dai principali media, che spesso si sono limitati a riportare la notizia in posizioni secondarie e poco evidenti).

Il provvedimento del governo Monti è, come tutti i suoi provvedimenti del resto, semplicemente mostruoso dal punto di vista giuridico. E qui uso la parola mostruoso nel suo significato originale, quello di monstrum (in latino significa segno divino, prodigio, nel senso che un provvedimento così mal fatto è veramente un prodigio), perché vi sono più illegittimità ed errori giuridici in questo provvedimento di quelli che avrebbe potuto fare uno studente di giurisprudenza al primo anno con ritardo mentale, se fosse stato incaricato di preparare il testo del decreto.
L'avvocato Antonio Tanza, vice-presidente di Adusbef, spiega in parole semplici l'origine del signoraggio bancario...


Di Antonio Tanza
Qualche anno fa ho conosciuto a Roma, in metropolitana, un signore distinto, professore all’Università di Teramo, che mi raccontò una storia: quell’incontro mi è servito a capire meglio il Risikogiocato dai banKster sulle nostre vite. La moneta, mi disse, è uno strumento “econometrico”, sostitutivo del rudimentale baratto, che serve per misurare il valore nelle transazioni commerciali. Originariamente il valore della moneta era pari al valore dei metalli usati (oro, argento, rame ecc.): i sovrani acquistavano sul mercato i vari metalli, li convertivano in monete e questi nuovi valori ritornavano in circolo sul mercato stesso. Il sovrano tratteneva per sé un piccolo guadagno, corrispondente alle spese di coniazione e di amministrazione: nasceva così il“signoraggio”. La scarsa reperibilità di oro e argento ha comportato una carenza di quantità di denaro in circolo sul mercato, determinandone la stasi, ed ecco perché è nata la moneta convenzionale.
Il premio Nobel per l'Economia Joseph Stiglitz.
Nobel economia a Der Standard: strategia va cambiata, il quadro peggiora. La Troika vuole più sforzi dalla Gercia, dove sono in corso violenti scontri tra manifestanti e polizia presso il ministero della Difesa.

New York - Dopo Paul Kurgman, un altro premio Nobel per l'Economia spezza una lancia a favore della condivisione dei debiti pubblici. Joseph Stiglitz, in una intervista al quotidiano austriaco Der Standard, si scaglia contro la cosiddetta austerità sui bilanci pubblici. 

"Sui programmi di austerità la situazione sta peggiorando. La Spagna si trova in depressione. La Grecia è a sua volta in depressione. La Zona euro non è riuscita a ripristinare la fiducia", ha affermato.

Proprio in Grecia la situazione e' tornata a surriscaldarsi: la Troika composta da Bce, Commissione Ue e FMI, ha chiesto più sforzi ancora ad Atene, gia' alle prese con tensioni sociali alle stelle. Oggi sono in corso violenti scontri tra manifestanti e polizia fuori dal ministro della Difesa, secondo quanto riportano i media nazionali.

fonte infografica: il fazioso

I professori universitari italiani - al contrario delle scuole medie inferiori e superiori e ancor di più dei ricercatori - sono tra i più pagati al mondo della categoria, secondi solo ai docenti universitari canadesi. Lo stipendio lordo mensile di un professore universitario italiano si aggira intorno ai 9.000 dollari, corrispondenti a 6.913 euro, circa 5.000 netti, che arrivano a 5.500 con gli avanzamenti automatici di carriera.

Staff nocensura.com




PUBBLICITA' McDonald's NEI LIBRI DI SCUOLA

Il genitore di un ragazzo delle medie segnala che sul libro di tecnologia è presente un'intera pagina dedicata ai 'valori nutrizionali' dei prodotti Mc Donald's
La didascalia in alto a sinistra riporta quanto segue:
"Alimentarsi al fast food non sempre e non necessariamente significa assumere grassi in esubero. [...] con un minimo di accortezza possiamo,
anche al fast food, assumere una razione alimentare corretta, sia per la qualità e la proporzione dei nutrienti, che per la quantità di calorie"

Un tempo la pubblicità si cercava di farla occulta, ora, a dispetto di leggi e regolamenti, lo sponsor di turno si compra un'intera pagina di un libro di testo. E assieme alla pagina, si compra anche la salute e il destino di intere generazioni, con la imperdonabile connivenza del sistema scolastico.

[Il titolo del libro di testo: "Tecnoidea" di Ettore Sottsass e Annibale Pinotti, ed. Atlas] 


fonte: informarexresistere.fr



Il Gruppo Riva cerca di scaricare sui contribuenti i costi per il risanamento ambientale della sua acciaieria di Taranto , mentre fa utili portati a nuovo per 1,6 miliardi di euro
Il gruppo siderurgico Riva riorganizza a suon di fusioni le holding lussemburghesi di famiglia, utilizzando delle strutture societarie che vengono notoriamente utilizzate per sottrarsi al fisco italiano . Come emerge dai documenti depositati nelle ultime settimane nel Granducato in Lussemburgo,  la Ilva International Sa e’ stata assorbita dall’italiana Ilva Commerciale e quindi radiata dai registri lussemburghesi un mese fa, mentre ai primi di agosto e’ stato notificato il progetto di fusione di Parfinex (Participations et Financements Exteriuers) nella Stahlbeteiligungen Holding, la principale delle casseforti lussemburghesi del gruppo che in queste settimane e’ al centro della cronaca per il caso Taranto. In base al bilancio 2011 depositato dieci giorni fa, la Stahlbeteiligungen ha asset per 4,8 miliardi di euro e ha chiuso l’esercizio con un utile di 11,36 milioni di euro, in aumento dai 7,8 milioni del 2010, mentre gli utili portati a nuovo totalizzano 1,6 miliardi e il debito ammonta a 2,8 miliardi.
Le sue principali partecipazioni a fine 2011 risultano essere il 25% nella Ilva Spa (2,36 miliardi di mezzi propri totali e perdita di 35,5 milioni nel 2011), il 75% nella tedesca Riva Stahl, il 100% della belga Thy Marcinelle e di altre societa’ in Canada, Spagna e Francia, il 53% della belga Centre de Coordination Siderurgique (3,3 miliardi di asset e 51,6 milioni di utile) e il 33% della Parfinex.

Sono la lobby più forte nel paese, l’ultima corporazione rimasta intatta negli anni, con poteri e privilegi immutati nel tempo. Hanno le paghe più alte d’Europa, pensioni d’oro, 51 giorni di ferie l’anno e i privilegi di un sistema unico (in quanto ad anomalie) nel mondo. Parliamo dei magistrati, una categoria che fa dello spreco uno status.
Prendono il doppio dei colleghi francesi grazie a un sistema di scala mobile che non esiste altrove e possono arrotondare lo stipendio con incarichi extragiudiziari. La loro carriera è praticamente automatica: apprendistato poi 2 anni dopo il decreto di nomina sarà magistrato di tribunale, dopo 13 consigliere d’appello, dopo 20 in cassazione e dopo 28 idoneo alle funzioni superiori della suprema corte.
Tutti passaggi automatici che comportano i relativi aumenti di stipendio, ultra sostanziosi.
Gli stipendi dei magistrati italiani sono quasi un segreto, spesso coperti persino da omissis nei documenti ufficiali. Ma qualcosa si incomincia a scoprire.
Ecco l’esempio di un magistrato di corte d’appello. Il neopromosso parte da 54249 euro lordi e arriva dopo 8 classi e 20 scatti a 120433 ai quali si aggiungono 12669 di indennità giudiziaria e 12182 di indennità integrativa. Totale 145000 euro


Questo video sul parto naturale ha vinto il "Documentary Birth Award"

fonte: http://youtu.be/2TditT5J6fM


Mentre tutti noi facciamo fatica ad arrivare a fine mese c’è una categoria che gode di risorse infinite (oltre che di un appoggio totale del Governo): i banchieri
I primi dieci gruppi bancari italiani si reggono su 1.136 cariche amministrative. Posti da centinaia di migliaia di euro, quando non milioni: uno studio Uilca sui bilanci 2011 dei primi 11 istituti evidenziava un monte compensi di 26 milioni per gli 11 ad (+36% dal 2010), e di 9,6 milioni per gli 11 presidenti (+5,5%). Non sono le cifre stratosferiche degli anni di bolla 2005-2007, ma si tratta pur sempre di 85 volte i salari del bancario medio (il rapporto era 62 nel 2010 e 107 nel 2007). E sono somme non scalfite, costanti, dopo cinque anni di crisi, mentre molte di queste banche azzeravano i profitti con una redditività media scesa al 2-3%.
giovedì 4 ottobre 2012

Le organizzazioni aderenti al comitato sardo Stop Opg scrivono una lettera aperta al Presidente della Regione Cappellacci e all’Assessore regionale alla Salute Simona De Francisci e lanciano “Il Mese dei Diritti Umani” in Sardegna.

La lettera aperta:

“Stop Opg” chiede al Presidente della Regione Ugo Cappellacci e all’Assessore regionale alla Salute Simona De Francisci di sostenere la campagna per l'abolizione degli ospedali psichiatrici giudiziari. Una campagna per restituire cittadinanza e diritti alle 33 cittadine e cittadini, ancora rinchiusi negli Opg della penisola, luoghi in cui si continua a soffrire e a morire. Le risorse finanziarie utilizzate per segregare e danneggiare queste persone possono essere utilizzate per offrire ad ognuno di loro un percorso di accoglienza, cura, assistenza e inclusione sociale nel proprio territorio. Ritardi, assenze del Governo e della nostra Regione, tagli che colpiscono i servizi ASL e i comuni, omissioni anche da parte degli operatori, rendono ancora incerto il processo di superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, e sempre più rischiosi gli esiti della recente Legge 9 del 2012. Chiudere gli OPG significa fare buona assistenza nel territorio per la salute mentale, come dice la legge 180, come raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dal Consiglio d’Europa, e come dimostrato nei luoghi in cui le norme sono state correttamente applicate. Non possono essere più tollerati le strutture residenziali segreganti, farmaci come unica risposta al bisogno di cura o, peggio, pratiche di contenzione meccanica e farmacologica e perfino l’elettroshock.

E' un nuovo caso Sandri, forse anche peggio. Una persona è stata uccisa su un'autostrada da un agente di polizia. E' accaduto 14 mesi fa sul Grande raccordo anulare ma forse nessuno se n'è reso conto perché i giornali hanno usato quasi tutti parole depistanti: "Sparatoria sul Gra", "Inseguimento di uno stalker", qualcuno lo paragonò al film Shine. Si chiamava Bernardino Budroni, per tutti Dino. Soprattuto per i suoi genitori, per la sorella Claudia, il cognato Fabrizio, le nipoti. Il proiettile calibro 9 lo ha trapassato dal fianco sinistro, perforando i polmoni e il cuore. E' successo al km 11, lo svincolo per Mentana.

Da 14 mesi la famiglia aspettava un fascicolo sulle indagini arrivato poche ore fa. Chi ha sparato è indagato per omicidio colposo. Perché, secondo un pm, sparava a distanza ravvicinata quando ormai «l'utilizzo dell'arma, in quella fase dell'operazione, comportava un rischio non più proporzionato alla residua possibilità di azioni lesive e pericolose».
QUI il link da condividere su Facebook


A pochi mesi di distanza dall'approvazione del "Fiscal compact" ormai l'argomento è stato riposto nel cassetto, anche da molti blog di contro-informazione che nel momento dell'approvazione si sono impegnati ad informare i cittadini circa le reali conseguenze
(vedi "I drammatici effetti del "Fiscal compact" sulle nostre vite spiegati in modo semplice"http://www.nocensura.com/2012/07/i-drammatici-effetti-del-fiscal-compact.html) tuttavia la maggioranza degli italiani non lo conoscono, pertanto è necessario continuare a parlarne, affinché tutti, anche coloro che ancora continuano a credere ed alimentare il teatrino della politica possano constatare qual è la situazione, le menzogne e le omissioni dei media e dei politici... e sopratutto essere consapevoli di cosa ci aspetta nei prossimi 20 anni al di la delle chiacchiere dei politici...

Ma i prossimi governi, per i prossimi 20 anni, dovranno far fronte a questa "maxi-rata" che secondo gli attuali conti ammonterà a circa 40 miliardi all'anno, ma potrebbe arrivare presto a 50 con l'aggravamento del debito pubblico, dovuto allo spread elevatissimo che inspiegabilmente continuiamo a pagare: per avere liquidità lo stato italiano deve corrispondere un tasso del 6% è INACCETTABILE che la BCE presti il denaro alle banche all'1% che a loro volta lo prestano alle nazioni al 6%

QUESTA è UNA TRA LE PRINCIPALI CAUSE DELLA CRISI, insieme al sistema che ha RESO VANTAGGIOSO delocalizzare: un processo che ha coinvolto tutte le grandi aziende del mondo occidentale, hanno fatto chiudere anche quelle che sono rimaste e non potevano sostenere la concorrenza dei delocalizzatori, che producono dove la manodopera costa poco, i turni di lavoro sono massacranti ed i lavoratori sono poco più che schiavi...

QUESTA CRISI NON PUO' "FINIRE PER MAGIA", è UNA CRISI STUDIATA A TAVOLINO, CONSEGUENZA DELLE POLITICHE DI QUEI SIGNORI CHE OGGI SONO CHIAMATI A "RISOLVERE LA CRISI", TUTTO A VANTAGGIO DI UNA ELITE DI POCHE FAMIGLIE RICCHISSIME CHE CONTROLLANO I GOVERNI E GLI ORGANI SOVRANAZIONALI COME LA UE dove il POTERE è in mano al "Consiglio" NON ELETTO presieduto dal NON ELETTO Ermann Van Rompuy, che i cittadini europei nemmeno conoscono, e non dal parlamento come credono molti cittadini, che pensano che le cose nell'europarlamento funzionino come nel parlamento nazionale, ma non è così... informatevi


Staff nocensura.com



E' uno dei crimini più disumani, infliggere sevizie e procurare atroci sofferenze ad un soggetto impossibilitato di difendersi, una pratica di una violenza psicologica inaudita, il soggetto oltre al dolore è umiliato ed è terrorizzato per quello che gli potrà essere fatto. Una esperienza, nei casi più gravi, capace di segnare la vita di una persona.

Tutti sappiamo bene qual è il significato del termine ''tortura'' tuttavia esso NON ESISTE nel nostro codice penale e nell'ordinamento giuridico, e per questo in Italia chi infligge torture rischia condanne mitissime in relazione alla gravità del reato; 

E' pazzesco pensare che coloro che INFLIGGONO TORTURE siano chiamati dinnanzi alla legge a rispondere della generica accusa di "lesioni", quasi sullo stesso piano di un pugno. E di mostruosità giuridiche dovute a questa NON CASUALE lacuna normativa ne abbiamo visti molti nel corso degli anni...

Di seguito pubblichiamo un articolo sulla questione di Lorenzo Guadagnucci (Comitato Verità e Giustizia per Genova) il giornalista del "Resto del Carlino" che subì sulla propria persona i pestaggi della scuola Diaz, autore del recente libro "L'eclisse della democrazia" con Vittorio Agnoletto, che analizzano i fatti di Genova e le successive vicende giudiziarie...

Staff nocensura.com
- - - - - -

di Lorenzo Guadagnucci

Senato. Sono le camere a "vigilare" sulla polizia oppure accade il contrario? Le preoccupazioni infondate degli apparati di sicurezza insabbiano il divieto e impongono il dietrofront ai partiti. L'unanimità raggiunta dai gruppi in commissione dura pochi giorni, l'aula di Palazzo Madama ci ripensa e chiede più tempo per il nuovo reato. Basta con un'ipocrisia che dura da decenni.

Si ha un bel dire che l'introduzione del reato di tortura è una questione di civiltà: viviamo in un paese nel quale il parlamento gioca da anni a rimpiattino e non si vergogna d'apparire sia impotente che meschino.

Impotente, perché la discussione va avanti da più legislature e ogni passo avanti verso l'approvazione di una legge viene rapidamente azzerato con astute operazioni dell'ultimo minuto. Meschino, perché la questione di civiltà viene smontata con un argomento così becero da non sembrare vero: "Dobbiamo tutelare le forze dell'ordine", dicono gli avversari della legge, come se la punizione della tortura - ahinoi documentata in questi anni numerose volte - fosse una vessazione per chi veste una divisa e non un sacrosanto principio di giustizia e di tutela di beni primari come la dignità delle persone e la credibilità dello stato.

Di Paolo Cardenà  
Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi, ogni volta, risultati diversi. Così, Albert Einstein definiva la follia. Come dargli torto! E' un po' come curare il malato somministrando, lo stesso farmaco che ha cagionato la malattia e aspettarsi che possa guarire. Oppure come gonfiare un palloncino e attendersi che questo non scoppi. Allo stesso modo, è follia gonfiare bolle finanziarie cercando di creare ricchezza fittizia, allo scopo di occultare malanni dell’economia e sperando che questi non riemergano.

Sostanzialmente, è questo l'atteggiamento che le banche centrali (FED in primis) stanno avendo nei confronti di questa crisi. In altre parole, stanno curando le distorsioni della finanza, dei mercati e dell'economia - orfana per molti motivi di scelte politiche audaci e coraggiose - con gli stessi interventi che sono stati, almeno in parte, causa di questa grande crisi. Le banche centrali, dalla Bce alla Boj, dalla Boe alla Fed, benché con differenti caratteristiche e peculiarità, stanno mettendo in campo misure senza precedenti nella storia, testando limiti non convenzionali e terreni inesplorati. E' di pochi giorni fa la notizia che Federal Reserve (la Banca Centrale americana) immetterà sul mercato 40 miliardi di dollari mensili senza un orizzonte temporale ben definito, ovvero potenzialmente in maniera illimitata e comunque fino a quando non si saranno riassorbite le sacche di disoccupazione verso livelli più accettabili. Lo farà acquistando sul mercato bond legati ai mutui, i c.d. Mortage Backed Securities: carta igienica usata, insomma. E' questo quanto annunciato dal Presidente del FED Ben Bernanke quache giorno fa.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi