giovedì 5 gennaio 2012

"uccidi un uomo e sei un assassino: uccidine milioni e sei un conquistatore"


La ferocia, la cattiveria, la disumanità dell'omicidio di Tor Pignattara ha colpito moltissimo l'opinione pubblica: quegli assassini hanno sparato per uccidere, un uomo inerme, hanno tolto la vita persino a una bambina piccola: gente che non merita di stare al mondo. Quello che personalmente non riesco a spiegarmi, è come mai certi "capi di stato" capaci di dichiarare guerre per gli interessi economici di una manciata di lobby non facciano lo stesso effetto: eppure hanno ordinato e/o avallato crimini di una gravità assurda, assai maggiore di quelli di un qualsiasi serial killer: roba da far impallidire il "mostro di Oslo"... 

E' proprio vero: "uccidi un uomo e sei un assassino: uccidine milioni e sei un conquistatore"...



Condividi su Facebook

Nome

Email *

Messaggio *