Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo esteri economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 4 ottobre 2012
Il quartier generale di Barclays, a Londra.
(© Getty Images) Il quartier generale di Barclays, a Londra.

Nel 2008 l’economia internazionale fu a un passo dall’apocalisse. Nel 2012, mentre si raccolgono ancora le macerie di quel crollo, gli investigatori scavano per trovare il bandolo della matassa, sperando che la politica faccia poi quadrato attorno alle loro inchieste, cambiando le regole del gioco e vigilando più rigidamente contro le speculazioni.
Arresti eccellenti, indagini internazionali e - scoperchiando il vaso di Pandora - nuovi scandali che si profilano all’orizzonte. Forse è ancora presto per parlare di resa dei conti: come in passato, i ladri potrebbero battere le guardie. Ma intanto i vasi si rompono e si guarda a come rimettere insieme i cocci.
LA CACCIA AI COLPEVOLI. Il vaso più grande a essere traboccato è quello del Libor (London inter bank offered rate): il tasso variabile inglese al quale si scambiano denaro le banche operanti nel mercato, che è anche il benchmark (punto di riferimento), per una serie di transazioni finanziarie dal valore totale di proporzioni colossali. Oggetto, dunque, di massicce e spregiudicate manipolazioni.

Il 1 ottobre, insieme con altri tre trader le autorità di Londra hanno poi arrestato un ex broker della Deutsche Bank, con l'accusa di insider trading, e negli Usa, il procuratore generale dello Stato di New York ha chiesto danni alla controllata di Jp Morgan, Bear Stearns, per aver truffato gli investitori, garantendo mutui residenziali a rischio, per perdite di 22,5 miliardi di dollari.
L'FSA REGOLA IL LIBOR. Ancora, a fine settembre il direttore della Financial service authority britannica (Fsa) Martin Wheatley ha annunciato la volontà di rivedere le modalità di calcolo delLibor, sottraendolo all’arbitrio della British bankers' association(Bba) e introducendo conseguenze penali per ogni abuso.
E un ex trader della Credit Suisse è stato infine fermato a Londra, con l'accusa di frode nei mutui subprime, e rischia l'estradizione negli Usa.

Mutui, derivati swaps e altri prestiti: la torta del Libor

La mole di speculazioni attorno alla quale, come in un romanzo criminale, ruota questa sfida tra guardie e ladri è gigantesca.
Secondo i dati del Wall street journal, più di 800 mila miliardi di dollari in securities, prestiti e mutui sono legati al Libor: una cifra a 14 zeri, dentro la quale ci sono 350 mila miliardi (1.000 volte il debito greco) in derivati swaps, le assicurazioni sul debito, e almeno 10 mila miliardi in prestiti.
Queste cifre sono cifre superiori alla stima del Prodotto interno lordo (Pil) annuo dell’intero pianeta, ritenuto pari a 80 mila miliardi di dollari. È chiaro che anche una variazione infinitesimale pilotata di questo tasso può generare profitti illeciti enormi.
Secondo gli investigatori americani e britannici che indagano con inchieste intrecciate, è proprio quello che avrebbe tentato di farela banca inglese Barclays, destinataria di una sanzione complessiva di 450 milioni di dollari, per aver manipolato l’indice in diverse occasioni, a partire dal 2005.
LO SCANDALO BARCLAYS. A capo dell'autorità Fsa - indipendente, ma nominata dal ministero del Tesoro inglese - Wheatley ha intenzione di cambiare un meccanismo che, finora, viene stabilito ufficialmente dall'associazione delle banche inglesi (Bba), ente formalmente super partes.
Frutto di una stima che proviene da 18 banche internazionali - tra le quali Bank of America, Bank of Tokyo-Mitsubishi Ufj, Barclays, Bnp Paribas, Credit Suisse, Deutsche Bank, Jp Morgan Chase e Ubs - rielaborata poi dalla società Thomson Reuters, di fatto il Libor viene stabilito dagli stessi colossi del credito sospettati, insieme con Barclays, di avere aggiustato il tasso a loro vantaggio.
BENCHMARK MANIPOLATI. Che la Barclays non sia stata la sola a barare è un sospetto assai verosimile. Ubs e Deutsche Bank avrebbero già ammesso alcune responsabilità di fronte agli inquirenti in cambio di sconti della pena.
E, dalla commissione governativa degli Usa Commodity futures trading commission (Cftc) che indaga su Barclays l'accusa alla banca è di aver manipolato anche altri benchmark, come l'Euribor: l'indice europeo impiegato per calcolare i tassi d'interesse di molte operazioni finanziarie.

Alla sbarra gli speculatori dei subprime: ma solo i trader 

Preet Bharara, il procuratore di New York che ha aperto la caccia ai trader.
(© Getty Images) Preet Bharara, il procuratore di New York
 che ha aperto la caccia ai trader.
Come ha scritto la rivista americana Time, lo scandalo dell’istituto inglese Barclays «potrebbe essere solo l’inizio».
Parallelamente negli Usa sono in corso a le indagini sulla tempesta dei mutui subprime, i prestiti volatili concessi, ad alto tasse d'interesse, a milioni di debitori potenzialmente inaffidabili.
Su l’americano di origini egiziane Kareem Serageldin, 39enne ex capo della divisione delle Collateralized debt obligation (Cdo) di Credit Suisse, pende l’incriminazione di aver barato, nel 2008, sui conti nel pieno della crisi dei subprime. Contro di lui indaga il procuratore distrettuale di New York Preet Bharara: 44 anni, nato nel Punjab indiano, ma trasferitosi da bambino con la famiglia negli Usa, il mastino che sta alle calcagna dei malfattori ha già fatto arrestare più di 60 tra trader e banchieri, con accuse di frode e insider trading.
IL MASTINO DEI TRADER. Il suo lavoro è appena iniziato e, tra le sue prede eccellenti, c'è Rajat Gupta, top manager di McKinsey inquisito per insider trading, e Raj Rajaratnam, gestore di hedge fund già condannato a 11 anni, per aver usato illecitamente informazioni finanziarie, che gli hanno fatto intascare 72 milioni di dollari.
Bharara si è fatto le ossa nelle indagini contro le famiglie mafiose di New York e, per banchieri e trader, usa le stesse tecniche investigative impiegate contro i Gambino e i Colombo: intercettazioni telefoniche e sconti di pena a chi si dichiara colpevole aiutando le indagini.
Proprio grazie all’aiuto di due ex manager di Credit Suisse che hanno patteggiato, è stato possibile spiccare il mandato internazionale contro Serageldin.
A Londra, alla sbarra in questi giorni, c'è poi anche Kweku Adoboli, il 32enne e spericolato trader anglo-ghanese della svizzera Ubs, fermato nel 2011 con l’accusa di aver provocato perdite stimabili sui 2 miliardi di dollari, attraverso operazioni rischiose e non autorizzate.
SQUALI E PESCI PICCOLI. Per quanto le indagini siano eccellenti, finora nella rete sono finiti tutti pesci piccoli, in un sistema che ogni giorno rivela del marcio.
La paura è che, ancora una volta, gli squali rimangano fuori, godendo dei consolidati appoggi politici nella city di Londra o facendo, negli Usa, facilmente leva sui cavilli legali di illegittimità delle pratiche investigative di Bharara.
In fondo Dick Fuld, capo di Lehman Brothers e uno dei colpevoli del tracollo del 2008, come tanti altri banchieri coinvolti nei crac non si è mai fatto un giorno di carcere. Bob Diamond, chief executive di Barclays, ha perso il posto a luglio per lo scandalo Libor e la sua punizione potrebbe essere solo questa.
Una disoccupazione d’oro visto che, dal 2005, il banchiere ha intascato stipendi per 150 milioni di dollari.


Fonte: lettera43.it tratto da frontediliberazionedaibanchieri.it



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi