Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo esteri economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel bambini canapa meritocrazia umberto veronesi vaticano armi cancro fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 5 dicembre 2012
L'articolo è da considerare un approfondimento all'articolo "Presto l'eliminazione del denaro contante: alcune nostre riflessioni..."

NOTA: non tutti gli articoli segnalati di seguito rappresentano le nostre idee! Partiamo dal presupposto che valutare diversi "punti di vista" è la base per analizzare una questione ed essere in grado di farsi una propria idea... senza prendere "per buone" quelle altrui: che spesso non sono disinteressate: molti articoli sono veri e propri 'spot'...


Il governo vuole eliminare i pagamenti contanti: probabilmente non in modo immediato, ma "progressivamente", nel giro di pochi anni, ci arriveremo. A distanza di un anno dall'introduzione della soglia di 1.000€ per il pagamento in contanti arriva il secondo intervento in questa direzione. Secondo loro è la soluzione per eliminare l'evasione fiscale, ma è evidente che una misura di questo tipo aumenterebbe enormemente il potere, la centralità e l'influenza delle banche: oltre ai benefici di carattere economico...

Alla questione abbiamo dedicato l'articolo Presto l'eliminazione del denaro contante: alcune nostre riflessioni... di cui vi consigliamo la lettura.

Di seguito vi proponiamo alcuni articoli che illustrano la questione da diversi "punti di vista" e numerosi approfondimenti: indispensabili per chi desidera valutare le varie teorie e trarre le proprie conclusioni senza "sposare" le idee ed i concetti spesso strumentali che ci propinano i mass media...



Dei propositi di eliminare i pagamenti con i contanti ne abbiamo parlato a più riprese anche su nocensura.com: di seguito vi proponiamo alcuni articoli, per chi si è perso le "puntate precedenti"...




Un sistema senza soldi: l'Italia la prima a cadere nella trappola del totalitarismo mondiale!
Fonte: http://tuttouno.blogspot.it/2012/09/un-sistema-senza-soldi-litalia-la-prima.html


Nel 2013, le operazioni in contanti di più di € 50 saranno vietate. La misura mira a contrastare il riciclaggio di denaro e il denaro nero [siiii! come no!]. Dallo scorso mese di luglio, il governo ha vietato le transazioni in contanti oltre 1000 euro.
Prossimo appuntamento ? Un bel microchip ...
fonte:
http://conscience-du-peuple.blogspot.com/ 


Commento di un lettore:
La moneta elettronica è il passo terribile che portera' al controllo totale delle persone e queste con un solo clic verranno cancellate dal mondo senza contante.
L'Italia è l'unico paese al mondo dove si fara' questo esperimento.
senza contante saremo in balia delle banche e degli uffici che traccieranno le ns scelte.
La liberta' dei cittadini non varra' piu' nulla.

Qualche tappa che hanno ultimamente preceduto la situazione attuale:




Per chi non l'avesse ancora capito, segnaliamo questa intervista (*) ad Antonio Foglia, direttore generale di Belgrave Capital Management, pubblicata sul Corriere della Sera del 31 agosto.

Ci sembra utile la chiarezza con la quale vengono spiegate le scelte politiche delle oligarchie europee.

Basta leggere questi passi:

Acquistando le emissioni a uno o due anni, viene alleviata la situazione debitoria del paese che beneficia di questo intervento, perché i tassi si riducono, tuttavia rimane alta la pressione sui governi affinché realizzino le riforme strutturali necessarie a risolvere il problema del debito,

ovvero

se i governi sanno di dover rinnovare ogni 12 o 24 mesi i titoli in scadenza saranno costretti a realizzare quelle riforme strutturali che i mercati richiedono e che sarebbero meno incentivati a mettere in atto se l'obbligo del rinnovo non fosse pressante.

C'è davvero poco da aggiungere. Per chi non l'avesse ancora capito, le grandi discussioni fra i vertici europei, delle quali ci riferiscono i media, vertono in realtà su questo: come sottrarre ai popoli europei, e ai Parlamenti da essi eletti, ogni possibilità di disobbedire agli ordini dei “mercati”? Qual è il modo migliore per strangolare i popoli europei, per togliere loro i diritti sul lavoro, i redditi, il Welfare State e la democrazia?

In questo momento l'idea è quella di permettere alla BCE di acquistare titoli di Stato a scadenza breve. Magari più avanti ne inventeranno un'altra.
Per chi non l'avesse ancora capito, le oligarchie europee, e i loro strumenti istituzionali, euro e UE, sono i nemici dei popoli europei.

Marino Badiale
Fonte; http://www.main-stream.it/
6.09.2012

* http://www.confindustriaravenna.it/admin/PagPar.php?op=fg&id_pag_par=8067&fld=file


Economia. Le banche dichiarano guerra al “contante”. Cosa c’è dietro a questa nuova trovata dei banchieri ?
Fonte: http://www.osservatorio-sicilia.it/2011/06/24/economia-le-banche-dichiarano-guerra-al-%E2%80%9Ccontante%E2%80%9D-cosa-c%E2%80%99e-dietro-a-questa-nuova-trovata-dei-banchieri/

A cura di Massimo Costa (docente di Economia Aziendale presso la Facoltà di Economia e Commercio dell’Università degli Studi di Palermo

C'era una volta la moneta !
C'era una volta la moneta !
Leggo su La Repubblica del 20 giugno scorso un bell’articolo sul No Cash Day: un’iniziativa promozionale nella quale tutti gli aderenti cercano di usare, almeno per un giorno, strumenti di pagamento elettronico (carte di credito, di debito, bancomat) e di non usare il portafoglio con banconote e monetine.
L’articolo, giustamente, evidenzia tutti i limiti del buon vecchio denaro circolante. In sintesi:
- è costoso, anche se nessuno parla del costo della tenuta dei conti correnti bancari;
- è poco pratico,
- è a rischio di essere smarrito o derubato;
- è sporco (non nel senso morale, ma perché sarebbe portatore di terribili batteri, di cocaina, etc…);
- favorisce l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro sporco (questa volta nel senso morale);
- e soprattutto è antiquato.
Non ci credete? Basta vedere che l’Italia, tipicamente antiquata, si ostina ad usare il contante, mentre nella civilissima Svezia lo usano solo per il 5 % delle transazioni, in pratica le vecchine e i malfattori (ma come? Nella civilissima Svezia non si sono ancora liberati dei malfattori?).
E, poi, ovviamente, il massimo uso di contante si registra nel disgraziato Sud e nelle Isole, terre abitate da popoli notoriamente incivili, retroguardie per definizione della magnifica e progressiva civiltà europea.
E quindi,… via monete e banconote! Ai lavavetri al semaforo chiederemo se hanno un POS per donare con il bancomat qualche decina di centesimi.
Devo anche spiegarlo all’ambulante che viene sotto casa e dal quale regolarmente mi approvvigiono per la frutta di famiglia, ma vedrete che capirà, soprattutto quando gli avrò girato tutte le motivazioni di cui sopra.
Oddio, l’articolo, nel suo entusiasmo filo-bancario, trova il modo di citare anche di sfuggita qualche piccola protestina, ma non si sa bene quale, delle associazioni dei consumatori per il costo dei prelievi allo sportello e dei bonifici bancari. Ma si sa, ogni rivoluzione ha le sue vittime. Prima o poi il progresso trionferà sulla barbarie.
Non voglio entrare nel merito di questa iniziativa, anche perché, nonostante l’ironia che mi sono permesso contro le esasperazioni, credo che effettivamente la moneta elettronica (quella che un tempo si chiamava “scritturale”, perché era semplicemente “annotata” sui libri mastri delle banche) debba progressivamente sostituire quella fisica, sia essa cartacea o metallica. È semplicemente un fatto di progresso tecnologico, e il progresso non si ferma.
È esattamente la stessa cosa che è successa qualche generazione fa tra la moneta di carta e quella metallica. Esattamente la stessa.
Un problema però c’è. Se questa operazione riesce, essa equivale a dare corso legale alla moneta bancaria, e non più il corso forzoso che di fatto ha oggi. Detto facile: già oggi la moneta bancaria ha sostituito in gran parte quella legale, ma teoricamente ancora non è così. Teoricamente essa è ancora un debito della banca nei confronti dei depositanti, i quali, se vogliono, possono andare in banca a chiedere il contante.
Già oggi questa previsione è solo teorica, per ragioni che non richiamo per brevità “giornalistica”, esattamente come – tanti anni fa – il corso “forzoso” della banconota era di fatto una legalizzazione della stessa a fianco di quella metallica, allora teoricamente l’unica legale.
Ma la legalizzazione della moneta bancaria anche da un punto di vista formale, giacché – se non esistesse più il circolante – essa diventerebbe inconvertibile per sempre in una moneta che … non esiste più, pone un problema giuridico molto grave. Chissà se i fautori del No Cash Day si sono posti il problema.
In pratica se la moneta bancaria diventa moneta legale (come – a mio avviso – è già di fatto), che succede se io vado in banca a ritirare la mia giacenza al conto corrente? Succede che mi danno in cambio una carta ricaricabile dove “mi dicono” che c’è tutto il mio conto, liberamente spendibile. Se non mi accontento e vado alla Banca d’Italia, quelli ritirano la carta ricaricabile della mia banca, e in cambio me ne danno una direttamente emessa da loro. In pratica non possono più darmi ciò che non esiste più: la banconota o la moneta.
Perché accade ciò? Accade per lo stesso motivo per cui accadde cosa analoga quando fu legalizzata la moneta cartacea. Se vado dall’istituto emittente (l’Eurosistema, cioè in Italia la Banca d’Italia) a scambiare una banconota, in cambio me ne danno una nuova, non certo gettoni d’oro!
E così accadrà con la moneta elettronica.
Ora non si straccino i capelli i signoraggisti per questa nuova conquista. Tutto ciò in un paese civile è assolutamente normale, non è questo il problema!
Il problema dei problemi è: chi emette questa moneta che non è più un debito ma un provento?
Mentre le monetine, vestigio di epoche passate, sono emesse dal Tesoro, e quindi i magri introiti delle stesse vanno ancor oggi allo Stato, e le banconote sono emesse dalla Banca d’Italia (e dalle consorelle europee) lasciando a questa i benefici economici dell’attività di emissione, chi emette la moneta bancaria? A chi va dunque il provento per l’emissione di uno strumento di pagamento che, essendo diventato irredimibile, è soltanto formalmente un debito, mentre in realtà non lo è più?
Risposta: per una piccola frazione, la cosiddetta riserva frazionaria questa moneta elettronica, è pur sempre emessa dalla banca centrale, e quindi per essa valgono le stesse considerazioni delle banconote (un garbuglio tra pubblico e privato che, ancora per brevità, preferisco non affrontare, ma comunque con un residuo di “pubblico”, con benefici per lo Stato però minori di quanto non avvenga con le più vecchie banconote); per il resto è emessa dalle banche private (?!).
E quindi, con la scomparsa delle banconote, e con esse del rischio di corsa agli sportelli, la “passività” dei conti correnti, nelle banche, andrebbe di fatto a patrimonio netto. In pratica non potrebbero più fallire e sarebbero investite della prerogativa pubblica di emettere moneta, in cambio di interesse naturalmente, e – per questa via – di chiedere un tributo a tutta l’Europa che, però, a differenza degli altri, andrebbe a finire in tasche private.
Capite il trucco? Capite perché le banche vogliono fare sparire il circolante?
E pensate che questo ultimo passaggio è quello di diritto. Perché di fatto è già così.
Quindi: non fermiamo il progresso, ma se la funzione bancaria è diventata quella di “battere moneta”, non ci sono storie che tengano, in democrazia le banche devono tornare tutte in mano pubblica. Devono cioè essere nazionalizzate, regionalizzate, comunalizzate, quello che volete. Ma non si può lasciare una funzione pubblica in mani private.
Le banche private potranno sopravvivere, ma senza creare moneta, come le odierne “società finanziarie”, con una riserva frazionaria pari al 100 % dei loro depositi. In tal modo presteranno solo il denaro che avranno realmente raccolto e non quello che avranno “virtualmente” coniato in modo elettronico.
O, altrimenti, rassegniamoci ad un sistema di pagamento moderno, sì, ma anche ad una perenne schiavitù di un intero continente ad una strettissima consorteria finanziaria. Che a ben vedere non è tanto lontana.


2 commenti:

Maremmano ha detto...

Il problema della praivasi è la scusa che cercano quelli che hanno qualcosa da nascondere. Se lo stato vuole vedere che io arrivo a malapena a fine mese, si accomodi.
L'eliminazione del denare porterà all'immediata cessazione di tutte le attività criminali e alle evasioni fiscali.

Maremmano ha detto...

Le banche private non creano monete, il denaro viene mandato alla banca d'italia che provvede alla distruzione di quello vecchio è alla produzione di quello nuovo.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi