Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 13 marzo 2013

jail2.png
Il meccanismo alla base delle carceri private: occorre arrestare più gente possibile per mantenere fiorente il business. Anche con la corruzione e il lobbying.
Di Debora Billi
Ogni tanto questo blog ritorna sull'argomento delle carceri private in USA, in obbedienza alla saggia precauzione " Meglio prevenire che combattere". Siccome anche in Italia, sotterraneamente, si sta insinuando l'idea di privatizzare le carceri con la solita scusa del "Lo Stato non ha i soldi", eccoci ancora una volta a prevenire.

Prima che qualche cinico salti su a dire che i carcerati sono delinquenti e quindi chi se ne importa del trattamento che ricevono, ricordo cinicamente il meccanismo alla base delle carceri private: occorre arrestare più gente possibile(quindi al limite dell'arbitrio) per mantenere fiorente il business. Questo significa gente in galera per aver buttato una cartaccia in terra, letteralmente: non a caso gli USA vantano ben il 25% della popolazione carcerariamondiale. Ecco comunque un post che ci quantifica tale lucroso business, riassumo qui:

- Le due più grandi industrie carcerarie hanno realizzato utili per 3 miliardi di $ nel 2010.
- Ne hanno spesi circa 45 milioni per attività pubblicitaria e di lobbying, ad esempio per far inasprire le pene o mandare direttamente all'ergastolo chi commette tre volte lo stesso reato;
- Tra il 1990 e il 2009 il numero di persone in carceri private è aumentato del 1600%.
- Una compagnia ha ricevuto dal governo 74 milioni di dollari per centri per immigrati, 200 $ a notte per ciascun detenuto. La stampa ha scoperto che in alcune di queste costose carceri i reclusi vivono però letteralmente immersi nei loro rifiuti biologici.
- Ai detenuti la compagnia impone tariffe telefoniche pari a 5$ al minuto.
- I reclusi nelle carceri private fabbricano elmetti, munizioni, tende, divise, zaini e giubbotti per l'esercito. Oltre a un'enorme percentuale di prodotti per la casa, per il lavoro, medicali e per gli aerei. Le compagnie guadagnano miliardi e i detenuti appena pochi cents l'ora.
- Il nuovo business sono i correzionali giovanili. Centinaia di bambini spediti in galera per piccole cose, talvolta grazie persino alla corruzione di giudici compiacenti che si prestano a condannarne in massa.


Fonte: http://crisis.blogosfere.it/2013/03/carceri-private-piu-ne-ingabbi-piu-fai-quattrini.html

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi