Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 25 luglio 2012
Un beagle liberato in occasione di una recente
manifestazione presso il canile lager di Green Hill
Il mondo animalista festeggia il sequestro dei capannoni del canile lager, e in questi giorni c'è una grande mobilitazione per trovare un tetto e un "padrone" a tutti i cuccioli salvati dal triste destino della sperimentazione e/o della vivisezione. Notizie che non possono che fare grande piacere a tutti gli amanti degli animali.

Però è necessario fare anche altre valutazioni. Non farle, sarebbe non guardare oltre il classico "palmo" dal proprio naso. Le aziende che fino ad oggi hanno acquistato cani dall'azienda di Montichiari, purtroppo, non fermeranno le loro atrocità. La "lista della morte", delle aziende che testano i propri prodotti sugli animali, è lunghissima e sconosciuta alla maggioranza dei cittadini. E sicuramente - anche se nel mondo degli attivisti c'è maggiore consapevolezza - lo sarà anche ad una parte di coloro che da tutta Italia e persino dall'estero si sono recati alle varie manifestazioni nazionali contro il canile lager. Aziende che, non potendo più acquistare da Green Hill, cercheranno un'altra azienda fornitrice. E se il "vuoto" lasciato da questo "canile lager" dovesse aprire lo spiraglio di fare affari, ci sarà sicuramente qualcuno pronto ad aprire un nuovo allevamento della morte, magari non in Italia, ma in qualche vicino paese dell'est Europa con normative persino meno stringenti. Sempre che la stessa proprietà di Green Hill non decida di trasferire la propria attività altrove: una possibilità reale.

Combattere i canili lager, senza combattere le leggi che li producono, è una lotta contro i mulini a vento. Il problema in questo ambito è tutto normativo. E molti deputati italiani, di diverso orientamento, non solo si sono dimostrati a favore di vivisezione e sperimentazione animale, ma hanno persino votato contro la legge che avrebbe imposto l'analgesia, per evitare agli animali almeno le atroci sofferenze.
Un esempio eclatante di sperimentazione inutile: un beagle
sottoposto al fumo di sigaretta. Con milioni di fumatori nel
mondo c'è bisogno di costringere i cani ad inalare fumo per
capire i danni che questa pratica comporta?

Se in pochi casi, la sperimentazione animale può avere un senso, (capisco che sia brutto da dirsi, ma in una esigua minoranza di casi è così, per esempio per testare la resistenza delle valvole cardiache prima di impiantarle nell'uomo) nella stragrande maggioranza dei casi la sperimentazione, sostenuta da una propaganda basata su bugie e assurdità, è inutile: serve solo per consentire alle aziende di poter dichiarare, in caso di problemi "che con gli animali non si erano verificati problemi" senza tenere in considerazione le differenze biologiche tra gli uomini e gli animali. In molti casi la sperimentazione animale si è rivelata dannosa. Lo spiega in modo molto comprensibile il dottor Stefano Cagno in questo articolo.

La difesa degli animali e la lotta a vivisettori e sperimentazione animale è una battaglia che dovrebbe esser "combattuta", ancor prima dell'esterno delle aziende lager, a livello politico e culturale, facendo pressione su chi fa le leggi, ma sopratutto, sui consumatori: che boicottando certi prodotti e favorendone altri, hanno la forza di piegare le aziende. Perché se alle proteste i super manager risultano poco sensibili, al segno "meno" sui bilanci risultano sensibilissimi...

Staff nocensura.com


PS: Detto questo, noi di nocensura.com continueremo a sostenere e fare informazione circa le iniziative dei Comitati animalisti, visto che la stampa di regime conferisce loro poco spazio, secondo perché di questi problemi, è bene che se ne parli. Ma non limitiamoci all'ultimo anello della catena, e guardiamo a chi, la catena, la tiene in mano. Non combattiamo solo "a valle", ma combattiamo anche "a monte", e sopratutto, a livello CULTURALE...




0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi