venerdì 8 agosto 2014

Crisi: raffica di furti, protetti persino saponi e scatolette di tonno!


A cura dello Staff di nocensura.com

Scatolette di tonno e saponi da pochi euro protetti con dispositivi anti-taccheggio, che fino a qualche tempo fa venivano impiegati per evitare il furto di DVD, dispositivi elettronici o comunque merci costose. Le foto sono state scattate a Roma e divulgate dal blog "Roma fa schifo". Con la crisi anche questi beni di prima necessità diventano obiettivo di chi, in molti casi, non sa come mangiare.

La crisi sta prendendo il largo, come è notorio sono più di 4.100.000 gli italiani che vivono in condizioni di piena indigenza, che hanno problemi a garantirsi un piatto di pasta quotidiano, e con la miseria aumentano inevitabilmente i casi di furti nei supermercati: che spesso vedono protagonisti anziani indigenti, come quello denunciato per un pacco di pasta da 56 centesimi o il caso della signora 91enne scoperta a rubare alcuni vasetti di yogurt, che tremando, ha confessato agli agenti che sono stati chiamati per denunciarla di non avere i soldi per mangiare.

Il governo perde mesi dietro a riforme come quella del Senato, che riduce gli spazi di democrazia e non farà risparmiare un centesimo allo Stato: e dopo quella, probabilmente si occuperanno della legge elettorale, senza fare niente per fronteggiare una situazione di emergenza, che ha fatto quintuplicare i casi di suicidio, triplicare il numero dei senzatetto, molti dei quali sono italiani, e nel frattempo continuano ad aumentare le tasse. Conti alla mano, a Settembre ci sarà una nuova stangata, e probabilmente faranno ricorso al prelievo forzoso.


SE IL GOVERNO VOLESSE, POTREBBE RISOLVERE RAPIDAMENTE, NEL GIRO DI MENO DI UN MESE I PROBLEMI DI MILIONI DI PENSIONATI CHE, CON LA "MINIMA" NON RIESCONO A SOPRAVVIVERE: NON A 'VIVERE', A 'SOPRAVVIVERE'...  MA EVIDENTEMENTE NON C'è LA VOLONTA' POLITICA DI FARLO!

CON UN DECRETO (legittimato dalla situazione di emergenza) POTREBBE ESSERE FACILMENTE INTRODOTTO UN "TETTO" ALLE PENSIONI, CHE SAREBBE SALVIFICO PER MOLTI ITALIANI E PER L'INTERA ECONOMIA:

  1. Ciò consentirebbe di aumentare a 1.000€ al mese l'importo delle pensioni minime, ridando fiato e dignità ai nostri anziani;
  2. I conti dell'INPS sono in rosso, ed entro breve l'ente previdenziale collasserà; il governo fa finta di niente, ed è ormai chiaro che interverrà solo quando dovrà fronteggiare una situazione di emergenza, e paventando il rischio di non pagare le pensioni, le taglierà! Ovviamente non taglieranno le minime, già ridotte all'osso, ma anche chi percepisce dai 700/800€ in su, vedrà l'assegno ridursi; e le banche lucreranno sulla situazione debitoria dell'ente, realizzando ingenti profitti con gli interessi...
  3. Aumentare le pensioni minime sarebbe una boccata di ossigeno non solo per i diretti interessati, ma per l'intera economia, visto che ciò porterebbe un sensibile aumento dei consumi: alimentari, vestiario, beni di ogni genere, in particolare di "prima necessità" a cui oggi molti devono rinunciare a causa della povertà.


Ne abbiamo parlato anche pochi giorni fa con l'articolo: PENSIONATI ALLA FAME: POTREBBERO RISOLVERE IMMEDIATAMENTE!

Fatelo girare, sensibilizziamo l'opinione pubblica e facciamo capire a tutti che non ci vorrebbe un genio per fare qualcosa di SERIO; basterebbe la volontà politica di farlo...


Staff nocensura.com

* Le immagini sono state tratte dal blog "Roma fa schifo"


Nome

Email *

Messaggio *