domenica 6 luglio 2014

L'ignobile "guerra" ai senzatetto: la povertà è una colpa?


Forti con i deboli, deboli con i forti.

Garantire la sicurezza dei cittadini è un DOVERE di chi governa: ma i forti e continui tagli al compartimento sicurezza fatti dai governi che si sono susseguiti - ad iniziare dal governo Berlusconi, che della sicurezza faceva un cavallo di battaglia, e che per mano di Tremonti ha ridotto a più riprese i finanziamenti per le forze dell'ordine - vanno esattamente nella direzione opposta;

La crisi si è pesantemente acuita in questi anni, conducendo oltre la fatidica soglia della povertà MILIONI di persone: cosa che si è tradotta inevitabilmente in un aumento dell'incidenza di alcuni reati, e dall'altra nell'incremento del numero dei senzatetto. 

Lo stato abbandona a se stesso chi perde tutto: anzi, gli da una mano a sprofondare nel baratro. Dei senzatetto non importa niente a nessuno, tanto che ai poliziotti che ne massacrarono uno a suon di botte, il giudice concesse persino le attenuanti. I senzatetto non votano, non pagano le tasse, danno fastidio... eppure non è così difficile ritrovarsi in strada, di questi tempi. 

Se gli oltre 4 milioni di italiani che vivono in condizioni di profonda indigenza non avessero qualche parente pronto a sostenerli e aiutarli, molti di loro si ritroverebbero sotto un ponte; e infatti a qualcuno più sfortunato capita proprio questo. Le stazioni delle città non sono mai state così densamente popolate dai "barboni"; alla stazione Termini di Roma - così come sotto il ponte della tangenziale est in zona Tiburtina-Portonaccio - trovare un posto per dormire su un cartone è sempre più difficile. Quello dei senzatetto è un esercito sempre più numeroso, anche se "invisibile".

Coloro che non possono contare sul sostegno dei familiari, o di buoni amici nel "momento del bisogno", se perdono il lavoro e non riescono a trovarne un altro in breve tempo - cosa sempre più difficile, specie sopra i 40 anni - rischiano concretamente di ritrovarsi in strada. E una volta approdati sotto un ponte, pochi riescono a ricostruirsi una vita soddisfacente. Quasi nessuno assumerebbe a lavoro un senzatetto, oltre al fatto che la disperazione spesso li conduce nella via dell'alcolismo.

In un paese serio dovrebbero esser previste misure a sostegno di queste persone, per prevenire il "punto di non ritorno"; sono migliaia ovunque gli stabili vuoti che potrebbero servire da dormitori: ma un letale mix di menefreghismo e burocrazia, lascia queste persone per strada.

Vicino alla stazione Tiburtina di Roma, a fianco del complesso di proprietà di RFI (Ferrovie) c'è un ampio stabile vuoto, abbandonato. Hanno murato saldamente porte e finestre per evitare intrusioni dei senzatetto. Per predisporre un dormitorio è necessario rispettare un "elenco telefonico" di prescrizioni, normative sulla sicurezza, etc. inoltre predisporre un servizio di vigilanza. Le caserme dismesse con la fine dell'obbligo di leva potevano esser convertite facilmente in dormitori, visto che già erano provviste di camerate. Ma hanno preferito lasciarle cadere a pezzi per farle svalutare e venderle alle lobby di Soros.

Ma nessuno ha mai fatto niente, e lasciano i senzatetto per strada... tanto a nessuno interessa di loro, perché se i cittadini non fossero così indifferenti, molto probabilmente qualcosa farebbero...

Anzi: a dirla tutta, i cittadini non sono indifferenti: nel senso che sono infastiditi dalla presenza di queste persone, e invocano la repressione: prontamente ascoltati, in questo caso, da politici di tutti i livelli, pronti a dare sfoggio alla "linea dura" per acquisire consensi elettorali.

 A Verona sono arrivati al punto che quei pochi cittadini che mossi da compassione danno del cibo ai senzatetto rischiano una sonora multa! Qualcosa di mostruoso, di schifoso, incivile, indegno e disumano. Oltretutto a dichiarare guerra a queste persone sono politici ben nutriti da stipendi/vitalizi/pensioni d'oro, privilegi degni di un maharaja, e che spesso come se non bastasse, rubano o intascano tangenti.  Numerosi comuni, sopratutto del nord, combattono i senzatetto a colpi di ordinanze. Questa "guerra" è iniziata alcuni anni fa, con le panchine provviste di un bracciolo per evitare che i senzatetto dormano su di esse; devono stare in terra sui cartoni, non sulle panchine. Chissà che gran fastidio davano i senzatetto che nottetempo, quando i parchi pubblici sono deserti, si sdraivano su di esse! a Trieste alcuni anni fa iniziò questa "guerra",   prontamente ripresa e rilanciata anche da molti altri comuni, non solo leghisti, ma anche del "buonista" Partito Democratico, che in questo modo riesce a erodere voti alla Lega Nord.


Staff nocensura.com
- - - - -

Di seguito l'articolo sulla vicenda di Padova, portata alla luce da alcune associazioni:

Padova, l'assessore scatena l'oppressione dei mendicanti
AccattoniCani alle caviglie, fotosegnalazioni, sequestro in caserma anche se non c’è reato. L’assessore alla sicurezza di Padova è stato denunciato, assieme al suo sindaco, dalle associazioni antirazziste
di Checchino Antonini
“Gli accattoni devono capire che l’aria è cambiata. Devono essere consapevoli che, se vengono trovati a chiedere l’elemosina, verranno accompagnati in maniera sistematica al commando dei vigili e lì dovranno rimanerci per qualche ora”. Come dire: “Prendeteli e sequestrateli tutti”. Mentre il nuovo Sindaco di Padova è impegnato a imporre il crocifisso in tutti i luoghi pubblici, raccogliendo “un no grazie” anche da Famiglia Cristiana, il suo braccio destro arriva ad impartire disposizioni a mezzo stampa ai Vigili Urbani contro mendicanti ed ambulanti a prescindere dal fatto che commettano o meno un reato. “L’idea – dice Saia – è quella di portarli al comando, procedere con il foto segnalamento, fare un verbale e tenerli lì il più a lungo possibile. Devono perdere la giornata di “lavoro”, perché questo è il deterrente”.
Avrebbe potuto essere un tory inglese della fine dell’Ottocento, oppure un nazionalsocialista tedesco a Berlino negli anni 20-30. Invece è un assessore ex rautiano, ex finiano, padovano, di questo scorcio di ventunesimo secolo. Assessore alla sicurezza con le idee chiare su chi minacci la sicurezza: gli ultimi, i diseredati, quelli che chiedono l’elemosina, i poveri, ma che renderebbero così a rischio gli elettori di quel tizio da far pensare a un piano di attacco che prevede l’uso di cani e di fotosegnalazioni. E anche di vigili urbani in funzione di commandos contro i poveri. Saia è piuttosto esperto in questo genere di cose perché in una vita precedente è stato assessore alla sicurezza per conto di Alleanza nazionale senza disdegnare la compagnia di gente di Forza nuova. Una vita spesa contro i poveri in nome di quella guerra dei penultimi contro gli ultimi con cui le destre esrteme e non,  cercano di parlare alla pancia delle loro nazioni. In quella vita, prima che una giunta del Pd li ricacciasse all’opposizione senza apprezzabili variazioni sul tema, Saia aveva inventato le Sis, squadre intervento speciale dei pizzardoni padovani col chiodo fisso di terrorizzare i migranti e provocare i centri sociali, mai sciolte dai successori.
Saia e Bigonci, però, non avranno vita facile. Eletti da poco meno di un mese l’Assessore alla Sicurezza ed il Sindaco non hanno fatto che scagliarsi contro la miseria e la poverà “per spingere chi è più povero e in difficoltà sempre più ai margini”, secondo le associazioni antirazziste che ieri hanno presentato un esposto contro i due amministratori proprio rispetto alle dichiarazioni di Saia, “un passato oscuro all’ombra delle formazioni neo-fasciste, su mendicanti e venditori ambulanti”.
“Ma c’è anche una città che, cresce e che sta con gli ultimi e non è disponibile a concedere nepppure un centimetro a chi vuole cancellare i diritti – ha detto Luca Bertolino di Razzismo Stop nella partecipata conferenza stampa delle associazioni – non siamo mai stati zitti quando a governare la città era il centrosinistra di Zanonato, non lo faremo certo oggi con chi vuole usare la povertà per costruire consensi. Risponderemo colpo su colpo nelle piazze, nelle scuole, nelle università e anche nelle aule dei tribunali”.
La denuncia è sta depositata presso la Repubblica nella prima mattinata di venerdì dall’Avv. Aurora D’Agostino su mandato di Razzismo Stop, Antigone, Giuristi Democratici, Avvocato di Strada, Beati i Costruttori di Pace, il Laboratorio Bios e Altragricoltura Nordest. Si tratta di una querela per istigazione a compiere i reati di abuso di potere e sequestro di persona, che chiede al tempo stesso alla magistratura di indagare anche sull’esistenza di direttive nel senso delle dichiarazioni espresse.
Questo tipo di dichiarazioni hanno il primo effetto di dare un senso di impunità e margini di manovra senza limiti a chi dovrebbe invece operare nel rispetto di codici e procedure, come i Vigili Urbani, già in passato resisi responsabili di abusi. E’ evidente che chi viene controllato, senza neppure aver commesso un reato, può al massimo essere identificato, ma non può essere né portato in caserma, né tantomeno fotosegnalato, nè ovviamente trattenuto per ore. E’ il commento di Aurora DAgostino che ha confezionato l’atto.
Giuristi Democratici hanno poi sottolineato come questo tipo di iniziative, che vengono proclamate in nome della legalità e della sicurezza, finiscano in realtà per produrre criminalizzazione di comportamenti che non sono reato ed anzi, diventino poi occasione per compiere reati, come l’abuso di potere ed il sequestro di persona, contro chi è costretto a vivere ai margini.
E anche da Stefano del Laboratorio Bios arriva un messaggio che ribalta l’immagine della città rappresentata dall’amministrazione: “questa denuncia è solo l’inizio di un processo più ampio che vuole fare largo alla città solidale ed accogliente che già esiste e che si allarga, per mettere ai margini invece queste iniziative di stampo razzista e fascista e chi le propone”.

Fonte: popoffquotidiano.it

Nome

Email *

Messaggio *