Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 16 settembre 2012

“Ma quando finisce la guerra?”. Un bambino di Scampia si chiede quando i clan metteranno fine a questa nuova faida. L’ultimo morto ammazzato è Raffaele Abete, fratello del boss Arcangelo. Le forze dell’ordine, che avevano già colpito duramente gli affari della camorra, hanno intensificato la loro presenza con duecento nuovi uomini. Dopo l’escalation di violenza, il territorio è militarizzato e gli affari si sono ulteriormente ridotti con le tradizionali piazze di spaccio bloccate dalla presenza di un vigilanza fissa e mobile degli agenti. Lo spaccio avviene a domicilio o nei territori limitrofi come Miano o Mugnano dove, in questi giorni, c’è un via vai di tossici e spacciatori. Dentro le vele, gli enormi palazzoni che disegnano l’orizzonte della periferia napoletana, gli appartamenti vengono usati per nascondere droghe ed armi. Molti cittadini chiedono controlli, ma anche altre risposte. ” Io lo stato l’ho visto solo sotto forma di divisa” racconta Antonio, idraulico in nero, che sogna un futuro diverso per i figli. “Li mando tutti a scuola, ma non possono scendere di casa, questa stanza da pranzo è il nostro carcere, il nostro campo di calcio, la nostra pista ciclabile”. Nella nuova guerra si muove, il latitante Marco Di Lauro, figlio del boss Paolo, detto ciruzzo o milionario. Una faida che potrebbe essere il tentativo di ristabilire vecchi equilibri saltati nella guerra con gli scissionisti combattuta tra il 2004 e il 2005.  “Oggi gli affari sono ridotti – racconta un investigatore – ma la contabilità parla di un fatturato di 6 milioni di euro al mese controllando tutte le piazze di spaccio di Scampia e Secondigliano” di Andrea Postiglione e Nello Trocchia

fonte: Il Fatto Quotidiano

E lo Stato cosa fa? Nei prossimi 3 anni TAGLIA di 1.000 unità la Polizia di Napoli (e non solo). L'Italia è sempre più nel degrado, aumentano i reati, ed il compartimento sicurezza viene tagliato ulteriormente: persino i reparti antimafia - la DIA e la "squadra Catturandi" sono finite nel mirino dei tagli. Per quanto riguarda la microcriminalità ed il degrado, lo Stato potrebbe FACILMENTE intervenendo applicando in Italia il "modello vincente" sperimentato nelle nazioni del nord Europa: la strategia della "riduzione del danno" che ha prodotto risultati apprezzabili su tutti i fronti: diminuzione del degrado e dei reati, migliore percezione di sicurezza, maggiori possibilità di recupero dei soggetti problematici. Alla questione abbiamo dedicato questo editoriale-approfondimento...



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi