Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 8 maggio 2012
editoriale a cura dello staff di nocensura.com


La notizia dell'aereo legato alla CIA caduto in Messico durante il trasporto di 4 tonnellate di Cocaina deve far riflettere, in modo particolare ci rivolgiamo a coloro che stentano a credere che le più potenti istituzioni possano esser coinvolte in loschi affari di diverso tipo.


Deve fare riflettere anche il fatto che i mass media non riportino una notizia di questa portata/gravità. 

Quando è emerso che i soldati americani in missione in Afganistan trafficassero droga, cercando di rimpatriarla in USA al rientro dalla missione nascosta nei mezzi militari, non hanno dimostrato alcuna esitazione a punirli e parlarne sulla stampa: questo perché si trattava di iniziative "private" di alcuni soldati, e probabilmente graduati, sganciati però dai poteri forti che controllano il narcotraffico nel mondo.  

Non ci vuole tre lauree per capire che la produzione e il narcotraffico di sostanze stupefacenti E' AVALLATO, se non GESTITO e ORGANIZZATO - dai poteri forti e dalle istituzioni sovranazionali (Onu) e nazionali. 


Anche i semplici cittadini sono a conoscenza del fatto che in Colombia ci sono immense piantagioni di "Erythroxylum coca" ovvero la pianta dalla quale viene estratta e raffinata la cocaina, come in Afganistan ci sono del "papavero da oppio" e in Marocco di "Canapa Indiana". Coltivazioni grandi quanto alcune regioni italiane, ben visibili persino dai satelliti. Se ci fosse la volontà di distruggerle, in una settimana il mondo sarebbe liberato da questa piaga, ma il giro di soldi è tale che non conviene a nessuno farlo.


Da anni la DEA (la polizia antidroga americana) sulla carta risulta impegnata in missioni antidroga in Colombia, la celebre e costosissima missione "Plan Colombia" - "piano Colombia" - (vedi sul sito del governo USA) dove le piantagioni dovrebbero esser distrutte mediante "fumigazione" (ovvero annaffiate con potenti diserbanti tramite aerei) ma i dati - pur parzialmente manipolati - rivelano come consumo - e quindi spaccio/traffico - di droga siano in realtà in aumento: ad essere fumigate sono le piantagioni di chi produce "autonomamente", senza fare affari con i "poteri", oppure ci propongono operazioni di facciata create ad arte:

le TV parlano di "sequestri milionari", ma la realtà è ben diversa: produrre cocaina - che "al dettaglio" viene rivenduta nei mercati europei a 70-100€ al grammo (con un grado di purezza spesso inferiore al 20%) costa pochissimo: se fosse prodotta come avviene per i farmaci generici (spesso le specialità medicinali costano più care in quanto le case farmaceutiche detengono il brevetto, per recuperare le spese sostenute in fase di ricerca) la cocaina costerebbe 10 - 20 centesimi di euro al grammo: anche meno, se prodotta in grande scala industriale. Pertanto, per chi la produce, perdere una tonnellata di cocaina è un danno esiguo, specialmente se è stata prodotta "ad hoc" per essere sequestrata, ovvero viene prodotta una quantità superiore di quella necessaria per soddisfare le richieste del mercato mondiale (senza quindi senza perdere vendite) inoltre dobbiamo considerare che spesso vengono arrestati i "pesci piccoli" o "medio-piccoli", cioè gli ultimi anelli della catena, che hanno già pagato la sostanza ai loro superiori.

Se sono le mafie, a gestire la rete di spaccio sul territorio, rifornendo i grossisti che immettono la droga sul mercato, ad alto livello è evidente come le istituzioni sovranazionali avvallino questo mercato, che non conosce crisi ed è in continua espansione. La droga è illegale in tutte le nazioni del mondo, che cercano di contrastarne lo spaccio e persino la detenzione; sono le stesse nazioni che in sede Onu fanno parte del "Dipartimento antidroga" che non fa niente di significativo. Gli Stati Uniti inoltre, da un decennio sono presenti in Afganistan, e anziché debellare questo fenomeno, abbiamo assistito all'esponenziale aumento della produzionefattore che ha determinato una diminuzione del prezzo, che ha portato - dopo decenni in cui l'uso di eroina era in calo - ad un nuovo aumento del numero dei consumatori, in particolare tra i giovani: l'eroina in Italia ha conosciuto un boom tra le generazioni nate tra il 1960 e il 1970, quando negli anni '80 -'90 era di moda iniettarsela: le generazioni che oggi hanno 30-40 anni si sono tenute alla larga da questa droga, anche perché ne hanno visto gli effetti a medio-lungo termine sui consumatori più grandi, che spesso dopo qualche anno di tossicodipendenza, diventavano relitti umani. Ma i giovani d'oggi, privi di questa "memoria storica" si stanno riavvicinando all'eroina, con modalità di assunzione - almeno inizialmente - differenti: ora il metodo più utilizzato consiste nel fumarla su carta stagnola.


Tornando al "grande narcotraffico", è fin troppo evidente come sarebbe possibile stroncare il mercato della droga, fermandone la produzione (almeno per quanto riguarda le droghe che provengono dalla lavorazione di piante) con costi infinitesimali rispetto a quelli che vengono investiti nel contrasto: che spesso apre le porte del carcere a giovani, costretti a spacciare per mantenere il costo della loro dipendenza.

Curiosità. L' "Osservatorio droghe" dell'ADUC da anni fornisce "i numeri" su sequestri e arresti legati alla droga in Italia, con la rubrica "il prezzo del proibizionismo":


Sequestri di droga in Italia: (dati dal 20/12/2011 al 07/05/2012)

  • droghe leggere (kg) 5.990
  • droghe pesanti (kg) 6.700
  • dosi droghe sintetiche 3.380.000
  • piante di cannabis 3.890.000
  • flaconi di metadone 250

morti per droga: 16

persone arrestate: 3.995
giorni di reclusione: 2.850


I dati del 2011: (dal 28/12/10 - 02/01/12)
Sequestri:
  • droghe leggere: Kg 9.570
  • pesanti: Kg 13.370
  • sintetiche: dosi 2.620.900
  • cannabis: piante 9.112.500
  • metadone: flaconi 600
Morti per droga: 54
Arresti: 9.298
Giorni di reclusione: 11.905

Il traffico di droga potrebbe e dovrebbe essere stroncato. Ma la "via maestra" non certo riempire i carceri di tossicodipendenti (in Italia, tra l'altro i detenuti per questioni legate alla droga sono il 36,9% del totale, un dato molto più elevato che nel resto dei paesi europei: Francia 14,5%, Germania 15,1%, Spagna 26,2%, Regno Unito 15,4% ) che vendono qualche dose per ricavare il necessario per drogarsi, ne arrestare i giovani che si fumano uno spinello, tra l'altro secondo autorevoli studi medici la canapa indiana (se non fosse alterata con sostanze dannose, come spesso avviene nel mercato nero) produce meno danni di sigarette e alcoolL'unico modo efficace sarebbe quello di distruggere le coltivazioni.

Approfondimenti: 
Staff nocensura.com


1 commenti:

Anonimo ha detto...

il traffico di droga serve due scopi:

1) Creare grossi quantitativi di fondi neri da usare per operazioni sotto copertura della CIA (armi per i ribelli di vari paesi, finanziamento di rivoluzioni colorate, ecc...)

2) Distruggere i giovani disoccupati, cioè quelli che potenzialmente sono oppositori del potere

Bisogna ricordare che il traffico di droga è stato reso globalizzato dall'impero inglese sotto la regina Vittoria, la compagnia delle indie orientali che gestiva la colonia cinese per conto della regina aveva come principale fonte di guadagno il traffico di oppio.

Più tardi quando il traffico di droga si è espanso in America, i principali trafficanti di droga erano i capi delle famiglie che stavano a capo della loggia segreta Skull&Bones, gruppo di cui fa parte oggi anche la famiglia Bush, di cui George Bush padre era capo della CIA e sul cui conto si vocifera molto che gestisse un grosso giro di droga. Il cerchio si chiude.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi