Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 7 marzo 2012
L'approccio che molte persone
hanno con la politica, è lo stesso
degli ultras delle squadre di calcio:
sostegno sempre e comunque,
peccato che la politica non è una
partita,
e le decisioni sbagliate le
subiamo sulla nostra pelle....
Editoriale Da quanto Davide Boni è finito sotto inchiesta, sono moltissimi i militanti leghisti che gli esprimono incondizionata solidarietà e vicinanza attraverso il profilo Facebook:

"FORZA E CORAGGIO DAVIDE IL POPOLO PADANO STA CON TE....TI ABBRACCIAMO TUTTI!" - "Davide Boni non si tocca, la Lega non si tocca!!" -  "Le do la mia solidarietà, onorevole Boni." - 

"SOLIDARIETA' PROFONDA A DAVIDE BONI CHE PER NOI PADANI NON E' SOLO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE MA ANCHE UN AMICO." -  "NON CREDO ALLE ACCUSE, PERCHE' CREDO IN TE !!!!" -  "Ciao Davide ti vogliamo bene...non ti curar di lor ma guarda e passa!Emanuela e Debora" - "Credo Pienamente nella tua totale estraneità ai fatti, forza Davide!!!!!!!!!!!!!!!" - "grazie per l'amicizia! E tieni duro, abbiamo bisogno di te :-)"

Questi sono solo una minima parte dei messaggi pubblicati sul profilo Facebook di Davide Boni:


Premesso che non vogliamo accusare Boni (sarà la magistratura a chiarire la vicenda) cogliamo l'occasione offerta da questa vicenda per evidenziare la "mentalità" dei moltissimi "fans dei politici" (non solo leghisti) pronti a difendere i propri beniamini sempre e comunque, ovviamente senza avere a disposizione gli elementi per capire come stiano oggettivamente le cose. Una difesa - è proprio il caso di dire - "per partito preso", per puro "spirito di corpo".

Dovrebbero essere i sostenitori del partito "chiamato in causa", i primi ad esigere chiarezza, e pretendere che sia fatta luce sulla vicenda, e nei casi che le indagini dimostrino in modo inequivocabile responsabilità, anziché difenderli ad oltranza, dovrebbero prendere le distanze da coloro che, con il proprio comportamento, gettano discredito sul partito di cui anche loro fanno parte.

E' grazie a questa mentalità, che il nostro parlamento è pieno di indagati, inquisiti, pregiudicati, e pluripregiudicati: la mentalità di chi è pronto ad accusare "i nemici" dell'altra fazione politica anche quando sono innocenti, ma allo stesso tempo proteggerebbe i propri leader anche se fossero trovati con la "pistola fumante"...

E' questa mentalità quella che permette ai politici - ribadiamo, di tutti gli schieramenti - di fare ciò che vogliono, senza alcun ritegno. A chi non è mai capitato di confrontarsi con persone che proteggono leggi palesemente sbagliate, che vanno contro anche agli interessi della stessa persona che le difende e dei suoi familiari, solo perché la decisione è stata assunta dal politico o dalla "fazione politica" a cui egli fa riferimento?

Anziché valutare con obiettività e razionalità - visto che le leggi riguardano tutti noi, e che una legge sbagliata può condizionare fortemente le nostre vite - queste persone sono pronte a difendere l'indifendibile e sostenere l'insostenibile, purché provenga dai loro beniamini.

Nonostante la situazione gravissima alla quale siamo arrivati, nonostante lavorare non sia più sufficiente per garantirsi una vita dignitosa e fare una famiglia, (oltre al fatto che il lavoro sta diventando merce rara e preziosa) qualcuno continua in questa deleteria direzione. 

Per evidenziare questa mentalità, che secondo noi è deleteria ed è alla base della "malapolitica" che caratterizza il nostro paese, abbiamo utilizzato il caso del leghista Davide Boni, ma avremmo potuto utilizzare qualsiasi altro partito, in quanto questo modo di fare è trasversale: basta pensare che da quando Bersani è leader del partito democratico, sono addirittura 400 i membri del Partito Democratico finiti sotto inchiesta, un numero spaventoso, che dovrebbe farci riflettere. 

Premesso che tutti i partiti - tutti - che attualmente caratterizzano lo scenario politico italiano sono uguali, nel senso che nessuno di loro ha interesse e volontà di produrre quei cambiamenti di cui l'Italia avrebbe bisogno (e che a grandi linee conosciamo tutti) dovremmo RIFIUTARCI di votare persone che hanno avuto determinati problemi con la giustizia; invece è evidente come la gente voti il "simbolo" a cui fa riferimento, indipendentemente se il candidato che propone è una brava persona oppure un pregiudicato.

Spesso assistiamo a consiglieri comunali/provinciali o sindaci di piccoli comuni, che vengono candidati come Consiglieri regionali o parlamentari, piuttosto che parlamentari che vengono candidati a sindaco delle città più importanti d'Italia, etc: MA COSA HANNO FATTO PER MERITARE QUESTE "PROMOZIONI" ??? 


Ma come è possibile che esponenti che in 5 anni di mandato non hanno fatto niente di positivo, anzi talvolta hanno "combinato" qualcosa di negativo, e magari sono finiti sotto inchiesta per appalti truccati, assunzioni irregolari, tangenti o quant'altro, facciano persino CARRIERA??? CARRIERA!!! 


Chi non fa il proprio lavoro come dovrebbe, nel mondo del lavoro viene licenziato... al massimo mantiene il proprio posto, certamente non fa carriera. E' GIUNTA L'ORA DI APPLICARE QUESTO PRINCIPIO ANCHE ALLA POLITICA...


ANZICHE' VOTARE A "SCATOLA CHIUSA", GUARDIAMO E VALUTIAMO CHI CI PROPONGONO...

Alessandro Raffa per nocensura.com


Un'immagine di solidarietà per il leghista Boni

Con questo articolo non vogliamo accusare il leghista Davide
Boni,  le cui responsabilità saranno eventualmente chiarite dalla
 magistratura:  per  noi è innocente fino a dimostrazione del contrario,
l'articolo vuole  illustrare la mentalità "da ultras", la mentalità
della difesa ad oltranza  "sempre e comunque"  dilagante in Italia,
in tutti i partiti,  di tutte le  estrazioni, destra-sinistra-centro...



1 commenti:

Dante M ha detto...

Come ho sempre ribadito,e coiè che noi siamo la causa dei nostri mali e che il vero grande problema è che ci sono ormai troppi problemi da risolvere,se ci guardiamo attorno nella quotidianità e vogliamo guardare in faccia alla realtà si può affermare che non c'è soluzione;l'impressione è quella di essere entrati in un "cul de sac";anche perchè sono (anzi siamo già in tanti) fermamente convinto che se un pinco pallino riuscisse a farsi eleggere promettendo di cambiare anche solo il 50% della malapolitica attuale (riduzione reale dei costi generati dal sistema politico, debellare la corruzione all'interno del sistema politico e delle Amministrazioni pubbliche Regionali Provinciali e Comunali, ribilanciare il sistema fiscale, scovare i veri grandi patrimoni privati ormai tutti all'estero e far pagare per intero le grandi evasioni e non forfetizzarle ad un 1/4 o meno,smettere di appaltare grandi opere ad imprese che stranamente poi falliscono, accettare di essere cristallino nel proprio operato e pretenderlo anche dagli altri, ecc. ecc., qunti giorni potrebbe rimanere in vita questo Sig. Pinco Pallino ? presumo pochi, oppure in alternativa si adeguerebbe alle regole ormai ben radicate del nostro sistema politico entrando così a far parte della Cricca attuale e diventando un altro politico da mantenere.Per riassumere, se non si pretende prima di tutto di cambiare le regole del sistema Politico (che può sembrare fantasia pura ma non lo è) considero inutile cercare un leader tanto diventerebbe il Pinco Pallino succitato.Saluti da @MelettiDante

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi