lunedì 8 settembre 2014

Una cosa va riconosciuta: il governo indiano ha le PALLE!



Guardate la vicenda Marò dal punto di vista "indiano": Mentre l'Italia ha consentito ai killer del Cermis di passarla liscia, loro hanno tutelato i loro pescatori uccisi, imponendosi sul governo della povera italietta... probabilmente se i marò fossero stati indiani sarebbero a casa da tempo e le famiglie dei pescatori (se fossero stati italiani) dopo i soliti convenevoli sarebbero state abbandonate al loro destino.

Non solo: si sono fatti risarcire 352 milioni dalla potente multinazionale della "Coca Cola" per danni ambientali; ovunque le lobby spadroneggiano liberamente, in India hanno pagato dazio.

Infine, per citare un'altro caso, il governo indiano HA INTACCATO PERSINO IL BUSINESS DELLE BIG PHARMA:

Dal luglio 2012, il governo indiano ha annunciato un progetto da 5,4 miliardi di dollari che prevede la distribuzione di farmaci generici a costo zero con sanzioni ai medici statali che prescriveranno medicinali di marca. Una decisione che ha già incontrato le aspre critiche di Big Pharma che accusa il governo indiano di affossare il (loro) mercato. In ogni caso, il progetto potrebbe cambiare la vita di buona parte della popolazione indiana. Ne parla questo articolo.


Staff nocensura.com

Nome

Email *

Messaggio *