Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 6 novembre 2010
Secondo quanto riporta “Il Manifesto”, la multinazionale delle bevande Coca Cola sarebbe stata condannata a pagare un maxi risarcimento ad uno Stato del sud dell’India: 352 milioni di euro per inquinamento ambientale , danni alla falda acquifera in un villaggio dello Stato di Kerala.

La vicenda, per come la riporta il quotidiano romano, ha i classici connotati dello sfruttamento coloniale: nel 2000 l’azienda americana apre uno stabilimento in un piccolo villaggio e inizia ad attingere acqua potabile dai pozzi della zona. Dopo poco arriva ad emungere un milione e mezzo di litri da sei pozzi lasciando a secco la popolazione locale.
Come se non bastasse, Coca Cola non applica il trattamento dei reflui industriali dello stabilimento ma, al contrario, vende i reflui “tal quali” agli agricoltori del villaggio spacciandoli per compost agricolo. In quel compost, che in realtà era un rifiuto, c’erano parecchi metalli pesanti come il piombo, il cadmio e il cromo; tutta roba che non aiuta nè l’agricoltura nè la salute umana.

Per questi motivi, nel 2003, il consiglio elettivo del piccolo villaggio non rinnova la concessione allo stabilimento e, di fatto, invita la Coca Cola a fare le valigie. Ma la multinazionale non ci sta e fa ricorso, innescando una battaglia legale durata sette anni e conclusasi con un’inchiesta di una commissione statale che ha accertato le colpe di Coca Cola che, ora, dovrà risarcire i danni. Un risarcimento forse anche basso se si considerano i sei pozzi prosciugati, l’economia agricola locale messa sul lastrico, l’inquinamento dei terreni e i rischi per la salute dei cittadini.



Fonte

7 commenti:

Antu ha detto...

E' da boicottare in via definitiva, che orrore! Maledetti.

Anonimo ha detto...

non fa una grinza, io son passato di la nel 2008 il posto si chiama Plachimada è nello stato del Kerala.
In mezzo alla giungla ho trovato una manifestazione di contadini con tanto di cartelli. Mi hanno raccontato che i pozzi d'acqua che eran bastati per secoli si erano svuotati nel giro di 5-6 anni, ogni anno erano costretti a scavarlo di 5-10 metri e l'acqua non bastava alle coltivazioni. Poi mi han spiegato che qualcuno di loro lavorava nella fabbrica ma prendevano stipendi piu' bassi di un indiano medio. Altra cosa da notare, dal loro racconto è che per fare 1 litro di coca occorrono 3 litri d'acqua e questo è il motivo per cui le falde venivan seccate. In utimo la coca cercava di vendere ai contadini gli scarti di lavorazione come concime per i campi, loro dicevano che l'hanno provato e gli bruciava tutte le coltivazioni, mi hanno fatto vedere questa roba nera... terribile! consistenza del terriccio e puzza più della merda. Dal quel giorno ho smesso di bere coca cola e lo racconto a tutti quelli che ancora la bevono.

acquamugello ha detto...

3 litri di acqua per fare 1 litro di coca cola : 1 litro diventa prodotto finito e 2 litri diventano acqua inquinata dalle lavorazioni che finisce nei fiumi.

Anonimo ha detto...

dimenticavo: mentre scrivo, sto bevendo ottima coca cola fresca... speciale!!! Bevete coca cola gente... alla faccia di quell'indiani ingrati che dovrebbero mettere il tappeto a chi gli porta lavoro... visto che muoiono di colera!!! FORZA COCA COLA

SILVANA ha detto...

Sparati.. caro anonimo.. che è meglio..evviva uno scemo in meno sul nostro mondo..TU..

Fabio Colella ha detto...

qualcuno mi dice in che modo nella preparazione della bevanda vengono utilizzati metalli pesanti?? questa cosa è molto preoccupante!!! O_o

@anonimo: sei davvero un razzista e ti dovresti vergonare

Alberto ha detto...

Per quell'anonimo che beve coca cola,continua cosi compra coca cola ogni giorno e te ne andrai da questo mondo nel giro di qualche anno, caro Anonimo di nome e di fatto.....

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi