martedì 17 giugno 2014

Il caso dell'ingegnere perseguitato ingiustamente per anni


NOTA: Non è mia intenzione difendere il PRESUNTO omicida della povera Yara Gambirasio: il mio è un discorso generale sull'atteggiamento della gente, dei mass media e di certi politicanti...

Basta che la giustizia ed i mass media accusino una persona, che questa viene "condannata" dal "tribunale del popolo", scatta il linciaggio, viene dato sfogo alla propria rabbia, alle proprie frustrazioni... gente che parla di "prova del DNA" senza nemmeno sapere di cosa parla...

Mi torna alla mente il caso di Elvo Zornitta, l'ingegnere di Pordenone perseguitato e accusato di essere il folle bombarolo "unabomber", gli inquirenti manomisero un paio di forbici pur di incastrarlo, la cosa importante era poter dimostrare di aver arrestato il colpevole, che invece si è rivelato innocente oltre ogni ragionevole dubbio. E per fortuna ci sono anche professionisti seri, che fecero emergere la manomissione delle forbici che secondo l'impianto accusatorio sarebbero servite per confezionare gli ordigni.

I risparmi di una vita della famiglia spesi per perizie, controperizie e avvocati; accuse tali da distruggere la vita, i vicini di casa pronti ad additare, a insultare, a gridare "Mostro!"... UN'INCIVILTA' E UN FORCAIOLISMO CHE SONO QUALCOSA DI SQUALLIDO E CRIMINALE... sintomo di un'ingnoranza sempre più diffusa e dilagante...

Negli ultimi vent'anni ci sono stati CIRCA 50.000 ERRORI GIUDIZIARI: quasi la metà di questi ufficialmente riconosciuti come tali, per un totale di quasi 600 milioni di euro di rimborsi che comunque sono ben poca cosa per i DANNI provocati a chi è stato accusato ingiustamente...


POLITICI CHE CAVALCANO IL FORCAIOLISMO...
Politici (o presunti tali) che invocano addirittura alla "pena di morte" per il PRESUNTO assassino di Yara... anziché invitare la gente alla PRUDENZA, visto le conseguenze che il linciaggio può avere per il presunto colpevole e per la sua famiglia se poi si dovesse dimostrare innocente, cavalcano il forcaiolismo popolare... cercano facili consensi sulla PELLE di una persona che - BENE O MALE, PIACCIA O MENO - dovrebbe essere considerata INNOCENTE - I N N O C E N T E - fino a dimostrazione contraria.

I politici dovrebbero dare l'ESEMPIO... dovrebbero "GUIDARE" il popolo, non gettare benzina sul fuoco...

Invece - in tutti gli ambiti - CAVALCANO L'IGNORANZA e/o IL FORCAIOLISMO... questo avviene SEMPRE, in tutti gli ambiti:

Un esempio pratico: Gli anziani credono che la cannabis sia dannosa come l'eroina? E loro non gli spiegano che ci sono IMMENSE DIFFERENZE SCIENTIFICHE, ma cercano di guadagnare la loro simpatia con slogan come "non esiste la droga leggera" - "tra eroina e marijuana non c'è differenza" etc...

MA DAVVERO QUALCUNO SI SENTE RAPPRESENTATO DA GENTE COSI'?!?

Alessandro Raffa per nocensura.com
- - - - -
Ricordiamo la vicenda dell'ingegnere accusato e perseguitato ingiustamente con l'accusa di essere il bombarolo del nord-est:

Intervista a Zornitta: La scandalosa vicenda di Elvo Zornitta -Trasformato in mostro dai giudici che aiutavo - da veja.it
ansa_zornittaElvo Zornitta racconta cinque anni di calvario: “Davo suggerimenti su dove cercare la nitroglicerina. Sono diventati prove contro di me”
Per il suo primo Natale da Elvo Zornitta, dopo cinque interminabili anni in cui agli occhi del mondo intero è stato Unabomber, non potrà dormire nella mansarda della sua città natale, Belluno, sopra la casa degli anziani genitori, dov’era solito portare la famiglia per le feste. «L’ho dovuta vendere». Non è bastato, non basterà. Il padre e la madre, ottantatreenni, sono stati costretti a cedere anche la loro casa di vacanza al mare, a Bibione, per aiutarlo a pagare le spese affrontate nell’estenuante battaglia giudiziaria. Non è bastato, non basterà.
Elvo Zornitta, 52 anni, ingegnere aeronautico di Corva (Pordenone), capace di progettare barche, auto, box doccia, macchine per caffè, insomma tutto ciò che è meccanico, da aprile è in cassa integrazione a 813 euro al mese, preludio alla mobilità, «cortese perifrasi di licenziamento». Per fortuna la moglie Donata, architetto, continua a insegnare, «nella scuola primaria, perché è innamoratissima dei bambini», e la figlia Lucia, 13 anni, frequenta ancora la terza media, «quindi niente tasse universitarie, né libri costosi».
Il Natale ha giocato un ruolo speciale in questo mistero che dura da 15 anni e che quattro Procure, una ventina di magistrati, legioni di investigatori e persino l’Fbi non sono riusciti a dipanare, nonostante abbiano avuto a disposizione, per così dire, 34 fra attentati e ritrovamenti su cui indagare, con 13 esplosioni, 9 feriti, almeno altrettanti testimoni e decine di reperti costruiti con luciferina intelligenza per mutilare e accecare, mai per uccidere, bambini e adulti del Nordest: uova di cioccolato, barattoli di Nutella, tubetti di maionese e di pomodoro, scatolette di sgombri, pennarelli, flaconi per bolle di sapone, candele, bottiglie, contenitori cilindrici, sellini di bicicletta, riempiti con inneschi ed esplosivi di vario tipo.
L’ingegner Zornitta solleva il basamento coperto di muschio del presepe costruito nel 2001, esposto in cucina: «Ecco, vede?». Assomiglia al sottofondo di un plastico dei trenini Lima. Un groviglio di fili. «Quella mattina si portarono via cinque scatoloni di roba: circuiti artigianali, resistenze, condensatori, cavi elettrici. C’era anche una fialetta vuota di aroma Paneangeli. Credo che per loro sia stata la quadratura del cerchio». Bastava guardar meglio: il meticoloso ingegnere trasformava quei sottili cilindri di vetro, avanzati dalla moglie dopo la preparazione delle torte, in lampadine artigianali. Le stesse che ancor oggi rischiarano i passi dei pastori in cammino verso la grotta di Betlemme casalinga. Qualcuno deve aver pensato che invece gli servissero per riempirli di nitroglicerina.
Il 2 marzo, su richiesta del pubblico ministero titolare dell’inchiesta, il giudice per le indagini preliminari di Trieste ha disposto l’archiviazione del procedimento contro Zornitta. Il 4 luglio il tribunale di Venezia ha condannato a due anni di reclusione il poliziotto Ezio Zernar, colpevole d’aver manomesso quella che era stata presentata come la prova regina: il famoso lamierino proveniente da uno degli ordigni, tagliato con forbici da elettricista che l’imputato non ha mai riconosciuto come sue. Da allora Zornitta ha smesso di leggere i giornali: «Non ce la faccio. Ho visto quanto poco ci mettono a fabbricare un mostro. Il mio entrò da quella porta il 26 maggio 2004».
Che cosa ricorda di quel giorno?
«Erano le 6.40, mia moglie e io stavamo ancora a letto. Sentii una scampanellata ultimativa. Pensavo che fosse accaduto qualcosa ai vicini. Andai ad aprire in pigiama e vidi due persone vestite di scuro al cancello: “Lei è il signor Zornitta Elvo? C’è una cosa importante che dobbiamo dirle”. Mi avvicinai senza farli entrare. Esibirono un mandato di perquisizione. Dopo un quarto d’ora avevo in casa 16 persone. Mi impedirono persino d’andare in bagno. Solo alle 10 mi fu concesso di vestirmi, con tre agenti in camera a guardarmi. Alle 13 mi portarono a Belluno per un’altra perquisizione nella mansarda, dove però non trovarono nulla d’interessante. Lì cominciò il dramma anche per i miei genitori. Prima d’allora non avevo mai visto mio padre piangere».
Quante perquisizioni ha subìto?
«Altre quattro, la seconda a distanza di un anno. Nel corso della terza mi sequestrarono un paio di forbici da elettricista con l’impugnatura di plastica rossa, marca Valex. Ho appreso che le produce la ditta Franzini di Bergamo. Mai saputo: negli acquisti mi fido solo del mio occhio, vedo subito se c’è un buon rapporto fra qualità e prezzo. Ne ho comprate altre sei paia uguali e le ho fatte numerare».
A che scopo?
«Per difendermi nell’incidente probatorio. Sapevo d’essere innocente. Quindi, se il perito nominato dal giudice affermava che quelle forbici erano servite per tagliare il ponticello d’ottone di uno degli ordigni confezionati da Unabomber, i casi potevano essere solo due: o non erano mie o il taglio era stato rifatto ad arte per incastrarmi. Ai miei periti avevo raccomandato solo una cosa: anche se io so di non essere colpevole, vi chiedo di non dire mai bugie per dimostrarlo. Una notte uno di loro mi svegliò di soprassalto: s’era accorto che il taglio sul lamierino esibito durante l’incidente probatorio non coincideva con quello visibile nelle foto scattate dai carabinieri».
Quanti interrogatori?
«Tre. Il primo, in Procura a Trieste, durò otto ore. Una pressione psicologica tremenda. Con mia grande sorpresa, seduto accanto al Pm trovai il professor Vittorino Andreoli. Noti bene che il magistrato non ha mai ordinato una perizia psichiatrica a mio carico».
Allora che ci faceva lì uno psichiatra?
«Lo ignoro. Ancor più anomalo è che il professor Andreoli abbia poi stilato una relazione senza essersi degnato di interagire con me. Tranne che per una battuta».
Quale battuta?
«Non posso dirlo». (È imbarazzato).
E perché mai?
«Si tratta di una battuta irriferibile, tale da squalificare l’intero interrogatorio. Credo che il verbalizzante non l’abbia neppure riportata».
Quante volte ha dovuto difendersi nelle aule di giustizia?
«Una ventina, fra Trieste, Pordenone e Venezia».
Quanto ha speso?
«Le dico solo che a un certo punto mi sono ritrovato con 2.000 euro sul conto in banca».
Ha avuto risarcimenti?
«No. Il tribunale ha stabilito che il poliziotto condannato dovrebbe rifondermi 200.000 euro. Se li ha. Ma c’è di mezzo il processo d’appello e poi, immagino, si andrà in Cassazione. Campa cavallo».
Qualcuno le ha chiesto scusa?
«Nessuno».
Ma tutta questa gente che ha dato la caccia a lei lo starà ancora cercando, Unabomber?
«Lo spero. Ma ne dubito».
Perché pensa d’aver attirato la loro attenzione?
«Me lo sono chiesto milioni di volte».
E che risposta s’è dato?
«Certamente qualcuno ha fatto il mio nome».
Chi?
«Un subalterno che nel 1984 mi ha avuto come capo sul lavoro. Immagino che nutrisse un forte risentimento per farsi vivo dopo vent’anni, suggestionando gli investigatori».
Lei è appassionato di armi?
«No. Anche se, appena laureato, ho lavorato per due anni alla Oto Melara di La Spezia, industria del ramo difesa, dove mi occupavo di missili. I testi militari sequestrati a casa mia risalivano tutti a quel periodo».
Che parole hanno usato per licenziarla alla Csr Italia di Fiume Veneto, dov’era direttore tecnico?
«“Le avverse condizioni di mercato rendono superfluo il suo ruolo in azienda”. Ho risposto: siate onesti, mi cacciate perché danneggio la vostra immagine. Inutile aggiungere che sono stato l’unico licenziato».
Ma l’ex parlamentare leghista Giuseppe Covre, titolare dell’azienda di mobili Eureka, le ha subito offerto un altro posto in segno di solidarietà.
«A parole. Al colloquio mi è stato obiettato che non avevo il profilo adatto. In realtà gli unici aiuti mi sono venuti da coloro che non hanno fatto passerella sui giornali. Purtroppo ora c’è la crisi e alla Torneria meccanica di Azzano Decimo, che mi aveva assunto solo per darmi una mano, non hanno più bisogno di un responsabile del controllo qualità».
I suoi cari non sono mai stati sfiorati da qualche sospetto?
«Assolutamente no. Però non è facile per una moglie affrontare i clienti del supermercato che ti osservano a bocca aperta o ricevere per posta lettere anonime. Mia figlia ha avuto per cinque anni un feroce mal di testa che le è passato solo alla fine di questa vicenda allucinante».
E lei come sta?
«Ho tirato avanti con questi». (Prende dalla credenza confezioni di Laroxyl, Citalopram e altri psicofarmaci). «Di notte avevo gli incubi. Sognavo di restare sotto una valanga o di affogare in una cisterna d’acqua. Mi mancava il respiro. Il Lormetazepam continuo a prenderlo».
Perché ha ancora bisogno di un ansiolitico?
«Non riesco a dormire più di tre ore».
Com’è trattato dall’opinione pubblica?
«Il 70 per cento delle persone mi riconosce per strada. È uno stress continuo. Domenica scorsa a Feltre i passanti si voltavano a guardarmi. Un giorno sono passato davanti a una trattoria di Borgo Pio, vicino al Vaticano. L’oste era sulla porta e mi ha gridato: “Ahò, a Unabomber!”. Poi s’è scusato: “Non sapevo come chiamarla, non volevo offenderla”».
Che cosa prova quando legge sui giornali di presunti mostri, come le due maestre d’asilo di Pistoia accusate di seviziare i bambini?
«Mi dico: ma perché i magistrati non aspettano una sentenza di condanna nel primo grado di giudizio? Poi divulghino pure nomi e foto».
Che idea s’è fatto di Unabomber?
«Un matto, ma perfettamente cosciente, molto lucido nei suoi disegni, che ha ricevuto qualche torto e cerca di farlo pagare al mondo intero».
Un Pm di Udine ha ipotizzato che l’attentatore sia «un solitario, un conservatore», anche «un po’ razzista», che vuol tenere alta l’attenzione delle forze dell’ordine per «allontanare dal Friuli gli immigrati extracomunitari».
«Non è un’ipotesi che mi convinca».
Secondo il criminologo Francesco Bruno «potrebbe essere dotato di un discreto senso dell’ironia». Spiegazione: «Il pomodoro che schizza da tutte le parti e l’uovo che scoppia tra le mani sono chiari elementi che suscitano ilarità».
«Allora anche chi mette la varechina nell’acqua minerale è un buontempone? A me sembra invece che l’uso di oggetti di largo consumo sia finalizzato solo a far sì che gli ordigni possano essere maneggiati dal maggior numero di persone. Come le mine-farfalla che dilaniano i bambini in Afghanistan».
Affibbiare al criminale il soprannome di Theodore Kaczynski, arrestato negli Stati Uniti dopo una caccia all’uomo durata 12 anni, non poteva che gratificare l’ego del mitomane, non crede?
«È sempre dannoso assegnare a un attentatore seriale titoli che lo facciano sentire importante».
Nel 2000 proposi di chiamarlo Monabomber per la sua scellerata imbecillità, paradosso che dopo cinque anni fu usato in titoli e testi dal direttore del Gazzettino, con seguito di polemiche. Lei come l’avrebbe chiamato?
«Gli avrei dato ogni volta un nome diverso. Quindi nessun nome».
Degli investigatori da cui è stato interrogato che idea s’è fatto?
«Di grande superficialità. Uno è arrivato a classificare come “termometro per la fabbricazione della nitroglicerina” quello che negli Anni 80 si montava sulle auto per misurare la temperatura esterna».
Ma lei se la sentirebbe di aiutare gli inquirenti a dare la caccia allo squilibrato?
«Per quanto assurdo possa sembrare, dopo la prima perquisizione scrissi una lettera al sostituto procuratore di Trieste, Pietro Montrone, spiegandogli che si stavano sbagliando e dando una serie di suggerimenti investigativi, purtroppo. Col senno di poi, temo che gli inquirenti l’abbiano presa come una conferma delle loro teorie, anziché come un aiuto».
Mi dica uno dei suggerimenti.
«Dal 2003 la nitroglicerina non è più in libera circolazione. Si usa solo per i farmaci contro le sindromi coronariche. Però su Internet si trovano le formule per ottenerla in casa da acido nitrico e acido solforico puri, miscelati con un’altra sostanza di comune reperibilità. Quindi bisognava cercare nei laboratori chimici, nelle industrie della plastica e in quelle metallografiche, nelle cantine che testano la qualità dei vini».
L’ultimo attentato risale al 6 maggio 2006. Unabomber non è mai rimasto inattivo per più di tre anni. Non le pare strano?
«Io posso solo dirle che ben cinque attentati sono avvenuti mentre ero sotto osservazione diretta degli inquirenti. L’ho scoperto solo alla fine della mia odissea, consultando il fascicolo processuale».
Che intende per «osservazione diretta»?
«Sei Gps collocati nella mia auto e in quella di mia moglie per rilevare via satellite dalla questura qualsiasi movimento. Una telecamera, accesa 24 ore su 24, piazzata all’inizio della strada dove abito. Tre microspie in altrettante prese elettriche della casa. Monitoraggio costante dei siti web che visitavo. Cinque anni di intercettazioni telefoniche. Pedinamenti assidui: uno degli ordigni fu trovato a Portogruaro mentre ero guardato a vista. Sondaggi con metal e gas detector in tutte le mie proprietà per rilevare eventuali tracce di metalli o di esplosivi: mai trovato nulla».
I giornali l’hanno definita «belva oscena e ripugnante», «mostro disumano», «personaggio ambiguo e sconcertante». Anche «l’ingegnere cattolico».
«Le prime due non me le ricordavo. È un fatto che sono cattolico e praticante. In tutti questi anni ad andare in giro per strada mi sono spesso vergognato. In chiesa mai».
Fonte: srs di Stefano Lorenzetto; da Il Giornale del  20 dicembre 2009
——————-
——————-
PS.
Visto che è stato condannato  a due anni Ezio Zernar,  un “poliziotto” accusato di aver alterato una “prova principe” nel processo contro il bombarolo del nordest, e memori della citazione andreottiana «A pensar male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina» riporto un vecchio post estratto da un sito chiuso nell’aprile 2008,  espone una personale ipotesi, però…
Il famigerato “bombarolo” nordestino Unabomber, famoso per mutilare bambine venete, non è altro che una, indefinibile per cattiveria, invenzione dello stato-fantoccio chiamato italia con lo scopo di distrarre l’attenzione. Quando c’è bisogno di distrarre l’attenzione dalla violenza nel Sud o dalle malefatte commesse da stranieri o alterare il corretto svolgimento delle campagne elettorali, ecco apparire costui, alto e magro (è sicuramente del Nord!) da decenni sulla trentina neanche fosse un Highlander!
Alcuni fatti fanno pensare trattarsi di una messa in scena: il fatto che non venga mai preso (nota 2); la tempistica delle sue apparizioni; la strumentalizzazioni da parte della stampa; il fatto che spesso gli ordigni vengono ritrovati vicino a luoghi pubblici sorvegliati come i tribunali senza che nessuno se ne accorga. Lo stato italiano ha bisogno di inventarsi dei nemici per giustificare la propria esistenza a costo di mutilare dei bambini.
In questo mondo globalizzato e terrorizzato è più facile di quanto si potrebbe credere fare profezie che poi si avverano. Oseremmo dire che ci si potrebbe campare di profezie facendosi pagare un tanto al chilo!
Era stata una facile profezia, da parte di questo sito, pubblicare che l’Europa sarebbe stata inetta di fronte all’attacco islamico.
Ed era stata una facile profezia, abbondantemente azzeccata, che sarebbe ricomparso il misterioso Unabomber a distogliere l’attenzione della opinione pubblica e delle prime pagine dei giornali dal massacro di Russell Square, subito dopo gli attentati di Londra.
Strano personaggio questo Unabomber. Appare sempre, almeno questa è la nostra impressione, quando vi è da occultare qualcosa a livello mediatico.
Alcuni fatti legati al terrorista pseudo-veneto sono strani; Il fatto che non lo abbiamo mai trovato (ma lo hanno mai cercato?) in una regione dove dei Serenissimi e perfino della banda Maniero si è saputo tutto e quasi subito. Il fatto che compia attentati poche ore dopo delitti gravissimi commessi da extracomunitari nel Norditalia. Questo ha fatto distogliere l’attenzione dei telegiornali da quegli altri casi. Ciò è chiaramente avvenuto le ultime due volte della sua comparsa.
Nel primo caso l’orrendo omicidio di una giovane psicologa bolognese investita ripetutamente, maciullata con un’auto da un pakistano che si era invaghito di lei.
Di recente il fantomatico Unabomber è comparso POCHE ORE DOPO l’omicidio in Veneto di una diciottenne indiana da parte di un altro extracomunitario spasimante della madre della poveretta.
Nei due casi citati si è visto chiaramente il “changeover” dei telegiornali dalle edizioni pomeridiane a quelle della sera dalle quali le notizie degli omicidi efferati sono scomparse a favore del misterioso bombarolo “fottidita” di ignari fidanzatini.
Sarà una coincidenza, spirito di emulazione? Non lo sappiamo; notiamo però che quando a commettere crimini atroci sono italiani del Nord (o spacciati per tali) Unabomber non si fa vivo. Tenendo conto del cosiddetto “patto della crostata” noi coviamo terribili dubbi.
Fonte: liberamente tratto da Fottilitalia
PS. de la Veja
Visto che è stato condannato  a due anni Ezio Zernar,  un “poliziotto” accusato di aver alterato una “prova principe” nel processo contro il bombarolo del nordest, e memori della citazione andreottiana «A pensar male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina» riporto un vecchio post estratto da un sito chiuso nell’aprile 2008, che  espone una personale ipotesi.…

Il famigerato bombarolo

Il famigerato “bombarolo” nordestino Unabomber, famoso per mutilare bambine venete, non è altro che una, indefinibile per cattiveria, invenzione dello stato-fantoccio chiamato italia con lo scopo di distrarre l’attenzione. Quando c’è bisogno di distrarre l’attenzione dalla violenza nel Sud o dalle malefatte commesse da stranieri o alterare il corretto svolgimento delle campagne elettorali, ecco apparire costui, alto e magro (è sicuramente del Nord!) da decenni sulla trentina neanche fosse un Highlander!
Alcuni fatti fanno pensare trattarsi di una messa in scena: il fatto che non venga mai preso (nota 2); la tempistica delle sue apparizioni; la strumentalizzazioni da parte della stampa; il fatto che spesso gli ordigni vengono ritrovati vicino a luoghi pubblici sorvegliati come i tribunali senza che nessuno se ne accorga. Lo stato italiano ha bisogno di inventarsi dei nemici per giustificare la propria esistenza a costo di mutilare dei bambini.
In questo mondo globalizzato e terrorizzato è più facile di quanto si potrebbe credere fare profezie che poi si avverano. Oseremmo dire che ci si potrebbe campare di profezie facendosi pagare un tanto al chilo!
Era stata una facile profezia, da parte di questo sito, pubblicare che l’Europa sarebbe stata inetta di fronte all’attacco islamico.
Ed era stata una facile profezia, abbondantemente azzeccata, che sarebbe ricomparso il misterioso Unabomber a distogliere l’attenzione della opinione pubblica e delle prime pagine dei giornali dal massacro di Russell Square, subito dopo gli attentati di Londra.
Strano personaggio questo Unabomber. Appare sempre, almeno questa è la nostra impressione, quando vi è da occultare qualcosa a livello mediatico.
Alcuni fatti legati al terrorista pseudo-veneto sono strani; Il fatto che non lo abbiamo mai trovato (ma lo hanno mai cercato?) in una regione dove dei Serenissimi e perfino della banda Maniero si è saputo tutto e quasi subito. Il fatto che compia attentati poche ore dopo delitti gravissimi commessi da extracomunitari nel Norditalia. Questo ha fatto distogliere l’attenzione dei telegiornali da quegli altri casi. Ciò è chiaramente avvenuto le ultime due volte della sua comparsa.
Nel primo caso l’orrendo omicidio di una giovane psicologa bolognese investita ripetutamente, maciullata con un’auto da un pakistano che si era invaghito di lei.
Di recente il fantomatico Unabomber è comparso POCHE ORE DOPO l’omicidio in Veneto di una diciottenne indiana da parte di un altro extracomunitario spasimante della madre della poveretta.
Nei due casi citati si è visto chiaramente il “changeover” dei telegiornali dalle edizioni pomeridiane a quelle della sera dalle quali le notizie degli omicidi efferati sono scomparse a favore del misterioso bombarolo “fottidita” di ignari fidanzatini.
Sarà una coincidenza, spirito di emulazione? Non lo sappiamo; notiamo però che quando a commettere crimini atroci sono italiani del Nord (o spacciati per tali) Unabomber non si fa vivo. Tenendo conto del cosiddetto “patto della crostata” noi coviamo terribili dubbi.
Fonte: liberamente tratto da Fottilitalia

Nome

Email *

Messaggio *