sabato 15 febbraio 2014

Renzi taglia i costi della politica: NIENTE ELEZIONI!

Renzi mantiene la prima promessa elettorale: ovvero taglia i costi della politica: NIENTE ELEZIONI, con un risparmio di svariate centinaia di milioni di euro;

qualcuno grida alla "dittatura", come se bastasse recarsi alle urne per ottenere democrazia, una bella illusione, non c'è che dire...

... dopotutto a cosa servirebbe andare al voto in un paese dove i cittadini non fanno altro che avallare i governanti decisi di Troika, UE e BCE ?!?

Ricordiamoci che se Monti e Letta non sono stati legittimati dalle urne, lo sono stati però i parlamentari che hanno avallato con maggioranza bulgara i loro governi. E possiamo scommettere che anche se si tornasse alle urne, le stesse persone otterrebbero nuovamente la maggioranza, ad iniziare proprio da Renzi.

Il vero problema non sono le poche migliaia di vecchietti che hanno le redini del paese, ma i milioni di persone che ce le hanno messe e continuano a nutrire fiducia in loro; troppa gente è pronta ad assumere le difese del proprio politico preferito anche quando ruba, accusano solo gli avversari, tappandosi gli occhi (e il naso) quando gli scandali riguardano il propri "beniamini".

Tutti i posti di comando sono gestiti da banchieri, che presto metteranno le mani anche sulle pensioni:

 

A.B. per Nocensura.com

(ps: l'articolo è "retorico", non fraintendete)


Nome

Email *

Messaggio *