lunedì 18 novembre 2013

Svenditalia: Letta annuncia il "piano per le dismissioni"...


A cura di nocensura.com
 
Letta annuncia che la prossima settimana renderà noto il "piano per le dismissioni", volte a ridurre il deficit. (Nota: Ha parlato di deficit e non di debito pubblico: ma per effetto del fiscal compact, che entrerà in vigore nel 2014, saremo chiamati a ridurre anche quello...)

Chi segue nocensura.com da tempo sa bene che lo avevamo previsto e ribadito più volte: anche perchè il Fiscal Compact è stato varato precisamente con questo intento.

Gli eurocrati che ci hanno prestato carta presto si approprieranno dei nostri beni reali, ad iniziare dalle più importanti aziende nazionali, l'operazione che noi abbiamo definito "saldi di fine democrazia". 

Con la scusa di ridurre il deficit di bilancio e il debito pubblico, che è una vera e propria truffa, logica conseguenza di un sistema monetario basato sul debito, le banche diventeranno padroni a casa nostra.

Dismissioni che oltretutto, come hanno dimostrato le svendite fatte fino ad oggi, per esempio quelle volute da Prodi quando guidava l'IRI, aggravano la situazione economica anziché migliorarla: perché lo stato ne ricaverà un gettito iniziale, ma non avrà più le entrate dovute agli introiti dell'azienda svenduta: e nel giro di pochi anni ci avrà rimesso.

Prendiamo in esame l'acciaieria tarantina Italsider, che da quando è stata ceduta alla famiglia Riva si chiama Ilva:
  • Lo stato ha ricavato dalla vendita un corrispettivo di 800 milioni di euro; in 15 anni la famiglia Riva ha guadagnato oltre 4 miliardi di euro, soldi che potenzialmente sarebbero entrati nelle casse dello Stato, se ne avesse mantenuto la proprietà.
  • Da quando Italisider è stata privatizzata, il numero dei posti di lavoro è diminuito sensibilmente.
  • Alla luce di quanto emerso dalle indagini della magistratura, da parte della famiglia Riva c'è stata ben poca attenzione - se non assoluto menefreghismo - del rispetto dell'ambiente: le prescrizioni dell'AIA (autorizzazione integrata ambientale) sono state disattese più volte.
Per lo Stato, cioè per i cittadini, svendere l'acciaieria è stata solo una rimessa! E di casi come questi ce ne sono stati (e ce ne saranno) numerosi. Un altro esempio è Alfa Romeo: svenduta alla Fiat per 1.000 miliardi di vecchie lire, poco più di 500 milioni di euro: la Ford - che a sua volta si era tenuta bassa - aveva offerto il doppio, il valore dell'azienda era di almeno tre volte tanto...

Staff nocensura.com

- - - -
Letta: in settimana sara’ varato il piano privatizzazioni per ridurre il deficit
svendita
18 nov – ”Si sta concludendo il 2013 che e’ stato un importante anno di transizione politica ed economica” e si apre ”un 2014 decisivo per l’Italia”. Lo afferma il presidente del Consiglio, Enrico Letta, nel corso di un convegno sull’Italia organizzato a Roma dal Financial Times. ”Questa settimana – annuncia quindi Letta – vedra’ un evento importante perche’ sara’ varato il piano delle privatizzazioni per ridurre il deficit e la spesa pubblica”.

Inoltre, rimarca, c’e’ ”il percorso del consolidamento fiscale” che ”e’ un mantra, un obbligo e un dovere”. Quanto alla crisi e all’Unione europea, sottolinea il premier, ”i tedeschi non sono gli unici a salvare l’Euro e l’Europa c’e’ un contributo importante anche dagli altri Paesi e dall’Italia. Non abbiamo chiesto aiuto all’Europa, questo e’ molto importante”. E la strada della rinascita e’ una sola: ”Per i problemi politici che ha, l’Italia non e’ paese che puo’ fare una rivoluzione, ma puo’ fare un passo alla volta per uscire dalla crisi”.
Fondamentale, per Letta, il tema delle riforme: ”Sono sicuro che prima della prossima estate avremo definitivamente approvare le riforme costituzionali’‘. E la nascita del Nuovo Centro Destra di Angelino Alfano, sancita ufficialamente sabato scorso con la non adesione alla nuova Forza Italia, ”aumentera’ la stabilita’ in Italia. Ora la situazione e’ chiara e le persone possono assumersi la responsabilita’. Considero quello che e’ successo una applicazione pratica della decisione del 2 ottobre scorso. Oggi c’e’ piu’ stabilita”’. ”Abbiamo iniziato il nostro lavoro con grandi turbolenze – aggiunge il premier – ora spero di lavorare con situazione piu’ stabile e piu’ chiara”
Fonte: http://www.imolaoggi.it/2013/11/18/letta-in-settimana-sara-varato-il-piano-privatizzazioni-per-ridurre-il-deficit/

Nome

Email *

Messaggio *