Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 10 febbraio 2013


In occasione di ogni kermesse/evento mediatico rilevante, e Sanremo è sempre tra questi, esplodono le solite polemiche circa il compenso dei conduttori: quest'anno il "tesoretto" se lo spartiscono Fazio e la Litizzetto, negli scorsi anni Benigni, Celentano, etc.

Molti cittadini che pagano il canone si indignano, giustamente: ma c'è anche chi, erigendosi ad intellettuale, difende il maxicompenso, con un ragionamento che apparentemente sembra giusto: ma in realtà è una stronzata, vediamo:

"Il compenso è proporzionale all'introito pubblicitario dell'azienda: e visto che in occasione di Sanremo pochi secondi di spot costano un vero e proprio capitale, i conduttori pretendono cifre cospicue: la loro ''fetta di torta''. Un discorso simile a quello riguardante i calciatori: se vengono pagati milioni e milioni è perché per le società sportive è comunque un affare: diritti tv, radiofonici, merchandising etc; Dopotutto ci sono milioni di persone disposte a pagare 30-40-50€ al mese per vedere le partite: pertanto è tutto proporzionale"....

IL PARAGONE CON I CALCIATORI è FUORVIANTE: i calciatori infatti hanno un contratto annuale, e ovviamente si concedono alla società sportiva disposta a pagare di più. I calciatori famosi sono indispensabili per le grandi società, e c'è una concorrenza ed un mercato europeo e mondiale: Barcelona e Real Madrid; Machester Utd, Arsenal, Chelsea; Bayern e molte altre, oltre alle italiane.

Se da questo punto di vista i maxi compensi del calcio sono "giustificati" (e comunque elargiti da società private) SANREMO è UNA QUESTIONE BEN DIVERSA:

SI TRATTA DI POCHE PUNTATE e NON C'è CONCORRENZA: se quei giorni Fazio e la Litizzetto non avessero condotto Sanremo non sarebbero andati in un'altra emittente tv con un cachet maggiore, ma probabilmente sarebbero rimasti a casa (a guardare Sanremo?). Inoltre si tratta di un evento che conferisce grande prestigio al conduttore; ci arrivano sempre presentatori e personaggi di grande esperienza, ma il Festival è una sorta di consacrazione. DAVVERO LA LITIZZETTO E FAZIO NON AVREBBERO ACCETTATO LA CONDUZIONE PER UN CACHET DI 100.000€ (cifra di tutto rispetto) E SE AVESSERO RIFIUTATO, PER TALE CIFRA NON SAREBBERO STATI TROVATI SOSTITUTI ADEGUATI? Tra l'altro, personalmente non sono un grande fan di Fazio, non mi sembra questo "gran che" da meritare simili cifre...

LA RAI, IL CUI BILANCIO NON è NEMMENO FLORIDO, DEVE INTRODURRE TETTI MASSIMI PER I COMPENSI... anziché ridurre le redazioni regionali che offrono un servizio utile come il TGR


A.R. - nocensura.com

2 commenti:

barbaranotav ha detto...

c'era un tetto massimo, fu il ministro nicolaris a toglierlo perché la Hunziker sempre per san remo per campare dignitosamente voleva di più.

Cmq che dire, stanno per obbligare il pagamento del canone rai nella bolletta della luce anche di quel 50% degli italiani che non riesce a mantenere la famiglia.
I compagni moderni hanno un senso ben chiaro della solidarietà

Anonimo ha detto...

Le rettifiche a quando? ;)

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi