Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 29 gennaio 2013
Ne avevamo parlato ad Aprile:
cementificio.jpg
Di Debora Billi

Si bruceranno rifiuti senza costruire inceneritori. E a tenere a bada la popolazione ci penseranno i "bravi ragazzi", che nei cementifici bruceranno poi quel che vogliono.

Mentre voi siete lì a scrivere post sui rifiuti, a raccogliere firme contro l'inceneritore dietro casa, ad invocare la differenziata e a sfilare al corteo alla discarica, c'è qualcuno che approva in sordina la seguente cosa:
All'articolo 3, comma 1, lettera d), e comma 3, nonché all'articolo 5, comma 3, la parola: 'salve' sia sostituita con le parole: 'ivi incluse'".
Non avete capito niente? Così dev'essere. Infatti, l'enigmatico decretino appena approvato al Senato, con la sostituzione dell'altrettanto enigmatica paroletta, in pratica stabilisce che i rifiuti solidi urbani siano considerati rifiuti speciali e possano essere bruciati nei cementifici. Lo avevamo anticipato già nell'aprile scorso.
Qual è il vantaggio di ciò? Semplice: in Italia c'è una notevole produzione di cemento, e quindi i cementifici sono praticamente ovunque. In ogni regione, in ogni provincia, quasi in ogni comune. Voilà: non c'è più bisogno di costruire inceneritori, per incenerire rifiuti. Non solo, l'incenerimento nei cementifici impedisce il controllo da parte dei cittadini, quello che si verifica continuamente con i termovalorizzatori: i cementifici sono piccoli, privati, sparsi ovunque, chi potrà riuscire a controllare cosa si brucia lì dentro?
Anche perché in molti casi si rischia anche la fucilata, è noto che molte aziende cementiere sono ahinoi in odor di mafia o camorra. Consegnando loro anche i rifiuti, tra l'altro, è come autorizzarli a bruciare nei loro forni davvero la qualunque: già lo fanno illegalmente, ora lo faranno quasi legalmente. Chi andrà a controllare che nel cementificio non si brucino anche rifiuti tossici, clandestini, persino radioattivi come già accaduto, o provenienti da chissà dove? E che le ceneri speciali non vengano mescolate al cemento?
E' la quadratura del cerchio. Si è inventato un sistema per far scomparire una buona volta tutti i rifiuti urbani, speciali e tossici senza dover combattere battaglie estenuanti con la cittadinanza; senza dover costruire mille inceneritori; senza sfinirsi a mandare Arpa e controlli. Saranno i bravi ragazzi a tenere a bada il territorio circostante, e si sa che i bravi ragazzi mantengono l'ordine pubblico molto meglio dei manganelli.
Ad ogni microarea il suo microinceneritore, e tutti zitti. Miracoli della filiera corta.

Fonte: http://petrolio.blogosfere.it/2013/01/rifiuti-speciali-bruciati-nei-cementifici-arriva-lok-del-senato.html

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi