Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 20 aprile 2012
cementeria.jpg
Altro che ecomafie: il Ministro Clini presenta una legge che autorizza l'uso di rifiuti speciali per produrre cemento. Che finisce poi in case e scuole.
Noi ci facevamo su le battutine, riferendo quelli che consideravamo casi estremi e roba da ecomafie.

Come nel post di qualche giorno fa su Crisis, ad esempio, dove raccontavo di una casa a Treviso costruita con cemento misto a rifiuti tossici (e per questo demolita). "I termovalorizzatori siamo noi", ho detto mille volte a mò di boutade.
Ebbene, l'idea evidentemente deve essere piaciuta. Uno spunto davvero geniale per il business, ha pensato il ministro Clini, che presenta ora una legge che consente di usare rifiuti nei cementifici.
Racconta Ecoblog:
Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini annuncia attraverso il sito del dicastero che presiede, che:
Vareremo entro fine mese un decreto che prevede l'impiego di combustibili solidi secondari nei processi industriali, in particolare nel settore del cemento, che aiuterà anche molte regioni ad uscire dallo stato di emergenza.
Come recuperare affari? Usando la monnezza e bruciandola nei cementifici, così non si deposita nelle discariche e non si costruiscono nuovi inceneritori. Però i cementifici sono noti per non essere oasi di tutela ambientale. Il punto però è un altro: che diavolo si brucerà sotto la voce CSS? la paura è che nei forni ci finiscano quelle famose ecoballe stipate in ogni dove in Campania.
Tutto ciò è assolutamente surreale. Si legalizza una pratica che finora era appannaggio della malavita organizzata, il riciclaggio di rifiuti speciali nei cementifici. Avremo rifiuti speciali nascosti praticamente ovunque, e senza possibilità di difenderci. Unico lato positivo di questa legge? Si toglie business alla mafia. Facendogli diretta concorrenza.

Aggiornamento - 14/05/2012
clicca sull'immagine per ingrandirla!
Salvala e divulgala sui social network!





3 commenti:

Anonimo ha detto...

La colpa non è di clini ,ma di ogni singolo cittadino per quel che succede.Esempio i sistemi ci sono,ma i cittadini se ne fregano questa è la realtà di come stanno le cose in Italia.Questo non vuol dire essere concordi con i rifiuti negli Inceneritori.Una delle soluzioni è www.ntambiente.it - www.ntambiente.eu- trasformarli da solidi a liquidi e quindi in energia pulita e nel massimo rispetto sia dell'Ambiente e della SALUTE PUBBLICA.Tra l'altro già il Presidente Formigoni nel 1997 parlava di questo sistema come una soluzione.

Anonimo ha detto...

Non c'è da stupirsi,visto che per nostro malgrado qui in puglia (barletta e taranto) lo stanno già facendo.http://www.barlettalife.it/magazine/notizie/la-puglia-fallisce-sui-rifiuti-il-caso-della-cementeria-di-barletta/

Anonimo ha detto...

invece di tritare l'organico, e intasare la depurazione acque e le condutture, basta farsi in giardino il compostaggio (chi può farlo).. basterebbe un pò di buon senso, altro che cittadini, i politici non devono farsi leggi per aiutarsi in "famiglia" - ma dare delle efficaci ed fattibili (magari economiche) linea guida per risolvere determinati problemi. come i rifiuti.Per edifici lo trovo una cosa scandalosa, ma in effetti per strade o grandi lavori, lo ho pensato pure io.. ma non dimentichiamoci che se la porcheria esce, son problemi ! e siccome le strade, le case e quanto altro, lo usiamo e ci abita pure gente vicina, on sarebbe meglio ridurre in partenza l'immondizia ?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi