Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori nucleare privacy video prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato m5s mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne casaleggio chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 10 ottobre 2012

Di Enrico Galoppini
Sono giorni di manifestazioni di massa nelle capitali delle nazioni europee maggiormente colpite dalla “crisi”. La scena che si ripete è sempre la stessa: manifestanti da una parte, forze dell’ordine dall’altra, a fare scudo tra i primi e i contestati (i cosiddetti “potenti” inutilmente identificati coi parlamentari). Col risultato chenessun manifestante riesce neppure ad intravedere questi ultimi, ma solo degli agenti bardati come dei “robocop” che per contratto si dispongono in mezzo, ricorrendo, a loro discrezione, all’uso della forza.
Questo miserrimo risultato basti a chiarire quanto può essere utile “scendere in piazza”, per giunta su impulso di chissà chi, dato che non è mai accaduto che “spontaneamente” una folla di persone si muova all’unisono, checché ne possano pensare i diretti interessati.
Abbiamo già anche espresso cosa pensiamo al riguardo di queste “proteste”, quindi invitiamo a rileggere quest’articolo.
Ma stavolta c’interessa esaminare un determinato aspetto di queste manifestazioni di dissenso condite dall’inesorabile repressione, come un film già visto. Una situazione che per abitudine vien considerata “normale”, ma che non lo è affatto e, anzi, è sintomo di una “malattia dell’anima”, di grave oscuramento interiore, di una mancanza di consapevolezza che tutti proveniamo dalla medesima Origine e che se ci mettiamo gli uni contro gli altri facciamo solo il gioco di chi – l’Avversario – intende ostacolare il nostro ritorno ad essa. Che può avvenire solo grazie ed attraverso l’Amore, cioè la capacità di ‘abbracciare’ tutte le cose, conoscendole ed identificandosi con esse, giungendo così alla Conoscenza Intellettuale. Il che implica  che ogni “opposizione” e ogni “reazione contraria”, quale che sia, non fanno che alimentare un circolo vizioso all’insegna della dissociazione e della dualità. Cosa diversa dallo sforzo per capire dove e come veniamo ingannati: un’azione propedeutica all’autentica “liberazione”, ma che da sola certamente non basta.

Partiamo dunque dalla specifica situazione che mi ha fornito lo spunto per scrivere quest’articolo. Dai filmati che girano su internet, tra le cose che si notano vi è che questa volta i manifestanti, benché “indignati” e comprensibilmente esasperati, non ce l’hanno in alcun modo con gli agenti che hanno di fronte. In Portogallo sono rispuntati i garofani, in Spagna la protesta di piazza ha assunto toni più che civili. Solo in Grecia è sfociata nei soliti tafferugli, con lanci di molotov, cariche eccetera, ma se si considera come sono conciati si può dire che sono anche fin troppo calmi. In Italia, calma piatta, ma questo è un altro discorso.
Però, tafferugli o meno, le botte ai manifestanti arrivano puntualmente, e che botte. Hai voglia a mettere “fiori nei cannoni”: l’unico fiore che riconoscono è il manganello. Così ad un certo punto mi sono chiesto: ma dove sta scritto che un poliziotto deve spaccare di botte uno che manifesta pacificamente?
Questa domanda mi è venuta alla mente guardando uno dei filmati collegati ad uno degli ultimi articoli di Beppe Grillo pubblicati sul suo blog.
video in questione ritraggono scene di giovani che in Spagna scendono in piazza, già da un anno (gli “Indignados”), per protestare contro questo sistema marcio, ingiusto e corrotto che sta mettendo davvero in difficoltà un numero sempre crescente di persone.
Non entro qui in tutta una serie di questioni che potrebbero essere sollevate: l’opportunità e l’effettiva utilità di queste “manifestazioni” ai fini di un concreto e sostanziale “cambiamento” (addirittura potrebbero innescare esiti opposti a quelli sperati); le notevoli perplessità sull’impostazione di fondo di chi protesta; i dubbi su ipotetici, e sempre possibili (la storia insegna abbondantemente), manipolatori del malcontento popolare. E la grande domanda che aleggia quando vedi che la maggioranza insiste a “chiedere” sempre le stesse cose: non sarebbe piuttosto il caso di “cambiare vita”? Di fare di necessità virtù e di prendere atto che “la festa” – la “festa” di questo “modello di sviluppo” – “è finita”?
Ma voglio qui limitarmi solo ad uno specifico aspetto che però a mio modo di vedere non è poi così marginale.
Sui media e nella”cultura” dei cosiddetti “paesi avanzati”, si parla a tutto spiano di “diritti umani”, a sproposito, mettendoci dentro questioni irrilevanti e pretestuose. Si sono pure inventati la “guerra umanitaria”! Eppure le autentiche necessità di ciascun essere umano non interessano ai chierici di questa religione dei “tempi ultimi”. Ma per una volta accettiamo di stare al gioco dei “diritti umani”, e pretendiamo una risposta alla seguente domanda: quale diritto ha un poliziotto, un celerino, un “agente antisommossa” di prendere a manganellate nella testa, nelle braccia, nella schiena delle persone che non stanno opponendo alcuna violenza?
Anche su questo si può discutere (ovvero se questa “non violenza” serva a qualcosa), ma da questi filmati si evidenzia inequivocabilmente che queste persone, oggetto di una gragnola di colpi, stanno esercitando una resistenza completamente passiva, a fronte della quale ricevono solo legnate.
Posso capire che prendere a randellate, schiacciare faccia a terra e poi caricare su un furgone come un salame uno che ha appena spaccato una vetrina di un negozio o dato alle fiamme un’auto possa avere una sua logica. Lo stesso dicasi di chi lancia pietre o bottiglie incendiarie all’indirizzo delle forze dell’ordine, messe lì a fare “il loro mestiere”. Il senso è: “Mi volevi fare del male? Ora te la faccio pagare!”. Mettiamoci nei panni anche dell’agente e facciamo uno sforzo di comprensione, e saremo disposti a “capire” la sua reazione, pur senza condividerla.
Ma quando di fronte hai delle persone sedute per terra, inginocchiate di fronte a te, come per dire “guardate che non ce l’abbiamo con voi e sappiamo che anche voi siete messi male (o lo sarete presto) come noi”; quando hai davanti uno che potrebbe essere tuo fratello, un tuo amico, che non è attrezzato con casco e mazze come un “black block”, e chiede solo – visto che non ha accesso ai media blindati – di poter esprimere il suo dissenso, il suo disgusto verso un’intera classe dirigente, o addirittura (nei casi un po’ più consapevoli) un sistema, beh, ci vuole davvero del pelo sullo stomaco per mettersi a batterlo di santa ragione.
Che cosa diranno questi “tutori della legge”, alla loro famiglia, una volta tornati a casa dopo il “turno di lavoro”? Che hanno spaccato un braccio ad una ragazza, della stessa età della loro figlia, seduta per terra e con le mani in alto? Ma non gli viene mai un po’ di vergogna per quello che fanno? Non li assale il dubbio chestanno eseguendo degli ordini aberranti?
Quanto alla “legalità” stessa, sempre invocata a giustificazione di queste situazioni, ci sarebbe poi da interrogarsi parecchio. Quali sono i termini di legge per poter poi affermare che i segni, le contusioni, le fratture e addirittura i danni permanenti inferti uno se li deve tenere e zitto?
Va bene che lo Stato detiene “il monopolio della forza”, ma questo non vuol dire che un esponente dei corpi incaricati dallo Stato stesso di esercitare tale monopolio ha la “licenza di spaccare le ossa”, persino nell’esercizio delle sue funzioni! E per giunta se gli si parano davanti persone senza alcuna intenzione di fare del male.
Tutto questo è davvero molto triste, da vedere e da sopportare.
Da una parte gente che “protesta” senza avere una piena consapevolezza di cosa fa. Dall’altra degli individui aizzati come dei pitbull contro un “pericolo” inesistente. Messi lì a difendere non la “cosa pubblica”, “le istituzioni”, ma una cricca di traditori, felloni e magna magna che si parano dietro “lo Stato” per farsi iprivatissimi affaracci loro.
Tutto lascia presagire che questo spettacolo vergognoso – specialmente di fronte al Signore, che non ci ha certo creati per metterci l’uno contro l’altro – continueremo a vederlo ancora a lungo. Figuriamoci, hanno addirittura messo su una superpolizia europea incaricata di reprimere le sommosse, la Eurogendfor.
Inglesi mandati a battere i francesi, francesi spediti a bastonare i tedeschi, tedeschi messi a pestare a sangue gli italiani… e così via, in una spirale di follia al cubo che farà cadere anche gli ultimi freni inibitori rappresentati dalla fatto di avere comunque di fronte un connazionale.
Dopo il 1860, Massimo D’Azeglio, disse: “Fatta l’Italia, restano da fare gli italiani”. Nel 2012 si potrebbe dire: “Fatta l’Europa, restano da sfare (di botte) gli europei”.


fonte: stampalibera.com


1 commenti:

Anonimo ha detto...

forse alcuni Governi lo fanno in buona fede: sono realmente convinti che solo seguendo una certa economia si possa salvare la loro nazione dalla crisi sociale in cui si trova. Così bisogna controllare, in ogni modo, eventuale dissenso. Giusto o ingiusto che sia.
Anche perché nel frattempo la trasformazione economica che stiamo vivendo sembra che durerà ancora non pochi anni. E pochi sembrano in grado di creare nuovi posti di lavoro quando un'azienda decide di trasferire uno stabilimento altrove.
Cosa succederà? Chi lo sa. Probabilmente hanno ragione coloro che pensano che la terza guerra mondiale non sarà con le armi, ma di tipo economico - sociale. Roberto Saviano, su Repubblica di lunedì 8 ottobre 2012, scrive che la criminalità organizzata non vuole scuole né sviluppo perché così possono controllare meglio le persone e farle obbedire. Forse la strategia dei Governi è simile. Sicuramente avranno interpellato sociologi e psicologi, dubito abbiano semplicemente dato l'ordine di reprimere manifestazioni solo perché i partecipanti hanno cambiato percorso di pochi metri.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In quale IDEOLOGIA ti riconosci di più?

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi