*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 18 maggio 2012

Tasse, in 10 anni cresciute dell'86,4%

Tasse, tasse e ancora tasse. La soluzione di tutti i problemi dell'Italia, secondo Monti e company è quella di tartassare i cittadini a un livello inaudito. Monti, ha "festeggiato" la propria nomina con una manovra da oltre 60 miliardi, dicendo che ne valeva una ventina ma NON è ANCORA FINITA, LE TASSE AUMENTERANNO ANCORA. Noi lo abbiamo detto sin dall'inizio, anche quando lui stesso smentiva: ma a distanza di sei mesi iniziano a parlarnequasi per "prepararci psicologicamente". Dopotutto SOLO PER L'ADESIONE AL "MES" - un vero e proprio ORGANO SOVRANAZIONALE DITTATORIALE spacciato per "patto di stabilità"  DEVONO RASTRELLARE 125 MILIARDI...

staff nocensura.com
- - - - -
Di seguito vi proponiamo l'articolo di Libero con un po' di dati interessanti;

Nel 2012 il gettito delle principali tasse locali in capo alle famiglie italiane sfiorerà i 35 miliardi di euro

Lo studio della Cgia di Mestre. Il segretario Bortolussi: "E i risultati sono sottostimati"

Nel 2012 il gettito delle principali tasse locali in capo alle famiglie italiane sfiorerà i 35 miliardi di euro. Ma ad impressionare ancor di più è la variazione di crescita del gettito registrata negli ultimi 10 anni: una crescita vertiginosa pari all'86,4 per cento. Sempre nello stesso periodo di tempo, la crescita del carico fiscale locale su ciascuna famiglia italiana è aumentata del 69,3 per cento. 



I regalini di Monti - Questo il calcolo effettuato dalla Cgia di Mestre, che ha analizzato il gettito delle principali imposte locali dell'ultimo decennio sui bilanci delle famiglie italiane. Le tre imposte prese in esame sono l'addizionale regionale Irpef, l'addizionale comunale Irpef e l'Ici/Imu, ossia le gradite sorprese che ci ha riservato il governo tecnico di Mario Monti. La Cgia di Mestre stima che per l'anno in corso, in particolar modo per l'applicazione dell'Imu sulla prima casa e per l'aumento delle addizionali regionali Irpef, l'impennata sarà molto decisa: su ciascuna famiglia italiana peserà un carico fiscale locale aggiuntivo medio pari a 575 euro, che alzerà la quota totale sino a toccare un valore medio di 1.390 euro. "In buona sostanza - esordisce il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - nel 2012 ciascuna famiglia italiana verserà alla sua Regione e al Comune di residenza un importo medio pari ad uno stipendio mensile".


"Risultati sottostimati" - "Va sottolineato - prosegue Bortolussi - che questi risultati a cui siamo giunti sono sottostimati, visto che nel conteggio abbiamo mantenuto il gettito dell'addizionale comunale Irpef pari a quello incassato l'anno scorso. In realtà sappiamo benissimo che non sarà così, visto che per il 2012 molti Sindaci hanno deciso di rivederne all'insù l'aliquota". Peccato, prosegue la Cgia, che tutto ciò non abbia nulla a che vedere con il federalismo fiscale. "Avviato concretamente nella prima fase di questa legislatura- conclude Bortolussi - il federalismo fiscale è una riforma che dovrebbe essere ripresa in mano e portata a compimento. Invece, prima di cancellarla dalla sua agenda politica, il Governo Monti ne ha modificato un tassello importante: l'Imu. Inizialmente ne ha cambiato la metodologia di applicazione, poi ne ha anticipato di un anno l'entrata in vigore, con il risultato di favorire, in grande misura, le casse dello Stato centrale a svantaggio di quelle dei Comuni. Risultato: obbiettivo originario completamente rovesciato", conclude Bortolussi. 




Nome

Email *

Messaggio *