Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 15 marzo 2012

“Molto spesso la realtà supera la finzione”, un’espressione d’uso comune (ultimamente molto ricorrente) per rimarcare lo stupore che si prova di fronte a certi accadimenti, così assurdi da arrivare a superare la più sconfinata fantasia umana.
Nel mondo cinematografico vengono spesso prodotti film avveniristici e fantascientifici, con l’intento di immaginare il mondo e la società in cui viviamo in un ipotetico futuro prossimo o remoto, solo per citarne due su tutti: 2001 Odissea nello Spazio (1968) del maestro Stanley Kubrick e la trilogia Ritorno al futuro (1985), diretta da Robert Zemeckis.

Ma se c’è un film che più di ogni altro è riuscito a preconizzare i tempi che stiamo vivendo, quello è Robocop – il futuro della legge (1987) di Paul Verhoeven, dove in una distopica Detroit del futuro l’amministrazione comunale, indebitata fino al collo da una sconvolgente crisi economica e flagellata dalla conflittualità sociale, è costretta a privatizzare le forze dell’ordine cedendo la gestione del dipartimento di pubblica sicurezza alla OCP, una mastodontica multinazionale. Privatizzare la polizia è soltanto il primo passo verso l’acquisizione legale della città di Detroit da parte di una società votata esclusivamente al profitto come la OCP, che in realtà mira ad edificare una futuristica megalopoli per garantire un nuovo ordine fatto di pace, sicurezza e giustizia: Delta City.

Il Consiglio d’amministrazione della OCP è in grado di organizzare la vita dei cittadini in funzione del suo unico interesse: il profitto, che per una multinazionale è un imperativo categorico, la sua stessa ragion d’essere.
Nella Detroit del futuro Verhoeven ha immaginato la dittatura capitalista, la sottomissione legale del popolo ai padroni del profitto. Il regista olandese ha visto nella OCP i nazisti del futuro, rappresentando il nazismo oggi l’emblema del regime totalitario: infatti colori del logo OCP richiamano direttamente alla bandiera nazista.
Le assonanze con la società di oggi sono a dir poco imbarazzanti: le casse delle pubbliche amministrazioni infatti si trovano in uno stato decisamente catastrofico. La crisi economica finora è stata relegata ad un fenomeno mediatico, tant’è che ancora oggi è diffusa una certa sicurezza tra il cittadino medio, non sono poche le persone che serene e fiduciose dichiarano che noi non faremo mai la fine della Grecia. Ma questa ostentata sicurezza, che trae la sua origine da un sistema dell’informazione che riesce ad essere malato e drogato ancor più di quello politico, sarà presto minata dall’incontrovertibilità della disperazione della gente. Con le ultime misure di austerità imposte dall’€urocrazia di marca tedesca e battente badiera a stelle e strisce, e con le ancor più disastrose ricette di cura imposte dagli usurocrati sedicenti dottori della banca d’affari Goldman Sachs, la crisi sta inesorabilmente arrivando al suolo. Da mesi (se non addirittura anni) le imprese e le realtà del terzo settore che hanno svolto prestazioni per conto delle amministrazioni comunali attendono di essere liquidate. Nel frattempo, per pagare gli stipendi, i fornitori e per far fronte alle spese di gestione, le stesse sono costrette ad andare in banca a farsi scontare le fatture, pagando i soliti e usuranti tassi d’interesse, fino a quando non saranno liquidate dal debitore pubblico. Ma quando una pubblica amministrazione non riesce ad erogare denaro in virtù dei cosidetti “patti di stabilità”, alla lunga vengono meno anche i servizi. E non si parla
solo di strade, edilizia, trasporti ecc… ma anche di interventi di sostegno ai più deboli. I servizi sociali rischiano infatti di essere presi a colpi di mannaia dai sempre più disperati assessori al bilancio, e ciò significa che la famiglia con un portatore d’handicap dovrà provvedere da sè al disagio, con tutto ciò che comporterà.
Altri incontrovertibili segnali della ricaduta al suolo della crisi e del conseguente depauperamento del popolo, sono il proliferare dei “Compro Oro”, ovvero di piccole botteghe di cambiavalute che lucrano sulla penuria di moneta e sulla disperazione della gente. Questi negozi escono fuori come funghi: sostituiscono con impressionante regolarità gli esercizi commerciali più piccoli. La crescente disperazione è messa in evidenza anche dal continuo sorgere, insieme ai Compro Oro, delle cosiddette “sale slot“, che altro non sono che filiali dell’Agenzia dell’Entrate in grado di illudere le masse con il sogno del soldo facile, con il mito della “svolta della vita” che ogni sofferente disagiato che si rispetti attende con devota speranza.
Questo è ciò che accade quando le città diventano facile preda dell’usura planetaria. Questa è la crisi che il regista di Robocop nel 1987 aveva immaginato nella Detroit del futuro, con il relativo avvento del privato che sostituisce il pubblico per incrementare i suoi profitti e appropriarsi dei cittadini.
Non è un caso infatti che oggi le privatizzazioni siano diventate la parola d’ordine a cui ogni pubblica amministrazione italiana è chiamata a rispondere battendo i tacchi. E nel disegno dei nuovi dominatori rappresentati dalla Troika (UE, BCE e FMI), lo smantellamento sistematico degli stati attraverso la privatizzazione del tessuto produttivo e del welfare diventa una necessità improrogabile. E gli stati dell’Unione monetaria devono sottostare al diktat, devono man mano cedere la loro sovranità (parola che suscita immediate allergie epidermiche agli €urocrati) come Mr. Goldman Sachs – Monti dichiarava sfacciatamente qualche mese fa. Devono lasciare il passo al privato, agli organismi sovranazionali non eletti e immuni a qualsiasi azione legale da parte da chicchessia. Perchè la necessita della Troika è una necessità da difendere con manganelli e proiettili di gomma se necessario. E non è detto che tutti i governi e tutti gli uomini delle forze armate siano disposti a reprimere le piazze affollate da gente che rivendica la propria sovranità, il proprio diritto ad esistere.

Ed è per questo che, esattamente come l’OCP si era impossessata delle forze dell’ordine, la Troika oggi istituisce l’Eurogendfor (EGF), ovvero la polizia agli ordini della BCE (ente privato al 100%) che sembra abbia già esordito a Piazza Syntagma reprimendo la recente rivolta d’Atene, dove il maggior sindacato di polizia greca aveva dichiarato: «Rifiutiamo di metterci contro i nostri genitori, fratelli, figli, contro i cittadini che chiedono un cambiamento». Ed aveva minacciato di arrestare i membri della Troika per «insulto alla democrazia e alla sovranità nazionale». L’EGF non deve rispondere a nessuno delle sue azioni, ha poteri illimitati e non può essere citato in giudizio. E’ un ente sovranazionale e immune nei confronti di cittadini e stati ex-sovrani.
La profezia di Verhoeven sembra essersi avverata, le grandi consorterie finanziarie europee che si nascondono dietro la Troika si stanno impadronendo degli stati nazionali, impongono le loro regole e le loro forze dell’ordine. Il tutto sta accadendo in questi giorni, con il colpevole silenzio della politica e dei mass media, anch’essi assoldati e al servizio della Troika.
Nel film del regista olandese il protagonista è Robocop, una macchina ricavata dai resti di un poliziotto massacrato dai criminali, il simbolo della tecnica che sostituisce l’uomo. Eppure alla fine sarà proprio l’androide a sventare i piani dell’OCP, la vera mandante della criminalità organizzata. Robocop ritrova la coscienza propria dell’essere umano, che alla fine prevale sulla macchina. Nella società distopica della futuristica Detroit Verhoeven lancia un messaggio di speranza e di grande fiducia verso l’uomo. Ed è su quest’ultima parte che la realtà, purtroppo, stenta a raggiungere la fantasia…


fonte


1 commenti:

Anonimo ha detto...

Molto, molto interessante. Robocop è sicuramente una forte critica al sistema economico Americano che ha innescato molti danni a catena. Il nostro paese sbaglia se sottovaluta ciò poiché è legato al doppio filo da moltissimo tempo, dai primi 50 anni del 900, praticamente. Consiglio di visionare e analizzare attentamente un altro gran film tratto dal genere "dystopian" che tanto precede i tempi: "2022 i sopravvissuti" (titolo originale - Soylent Green). Un film degli anni 70 che predisse l'imminente disagio odierno della sovrappopolazione. Se solo lo stato di New York arriverà a 40 milioni di persone nel 2022, immaginatevi l'Italia che dovrà essere (sicuramente piena zeppa di politica al servizio delle multinazionali detta-legge). Addio umanità, addio libertà.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi