Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
giovedì 15 marzo 2012

Lo abbiamo ripetuto in diverse occasioni, ma non ci stancheremo mai di ripeterlo, affinché i cittadini sappiano che i forti aumenti delle accise voluti da Monti, oltre ad aver danneggiato i cittadini - ed in particolare chi ha un'attività strettamente legata all'uso di mezzi a motore - taxisti, camionisti, pescatori etc -  (oltre ad aver causato l'aumento dei prezzi di molti prodotti, visto che l'85% del trasporto merci in Italia è su gomma) causerà una cospicua perdita di entrate alle casse dello stato: si parla di quasi 50 milioni di euro al mese di mancato introito, a causa della diminuzione dei consumi, nonché l'aumento del numero di cittadini che si recano oltreconfine per fare il pieno; questo fenomeno fino a qualche mese fa riguardava solo chi abita o lavora nei pressi della frontiera: con un risparmio di oltre 0,40€ al litro, sono disposti a sconfinare anche coloro che vivono a 50km di distanza...  vivissimi complimenti professore!!! Staff nocensura.com
- - -
Carburanti Italia: 22mo giorno Consecutivo di Rialzi, 1,86 Benzina – 1,71 Diesel (Salvo Sovrattasse regionali)

Si muovono Eni, Esso, Shell, Tamoil e TotalErg. Benzina a 1,86, diesel a 1,771. Ventiduesimo rialzo consecutivo sulla benzina per Eni (l’ultimo ribasso risale ormai al 20 novembre dello scorso anno), sedicesimo per il gasolio (ultimo ribasso il 18 dicembre 2011). E rialzi anche per altre quattro compagnie, solo sulla verde, che portano le medie ponderate nazionali dei prezzi in modalità servito a 1,860 euro/litro per la benzina e 1,771 per il diesel…



Come vi ho scritto ieri, il “nostro” petrolio (il Brent) pagato nella “nostra” valuta (no, non è l’Oro, è l’Euro) sta facendo segnare nuovi massimi storici su massimi storico, mentre scrivo siamo a 95,8€ al barile poco sotto i 96,26€ fatti segnare ieri, il top di sempre.

Il prezzo della Benzina è destinato a raggiungere 1,90 a pressione fiscale invariata. E teniamo presente che tra pochi mesi l’IVA verrà portata dal 21% al 23%. In alcune regioni (tipo la Liguria) grazie alle accise regionali la Verde si può già trovare a oltre 1,90€/l


fonte

Approfondimento: I prezzi compagnia per compagnia



1 commenti:

Anonimo ha detto...

forse si arriverà a 1,90. SVEGLIAAA, ad ischia la benzina costa 1,954 ,quand' è che l'taliano medio darà fuoco a tutti sti banchieri che si arricchiscono alle nostre spalle.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi