Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 5 febbraio 2012
Di seguito la storia di Carmela, suicida a 13 anni dopo le violenze carnali subite dal "branco", i  cui componenti sono stati allucinantemente condannati a scontare 15 mesi di "programma di rieducazione". La storia risale al Dicembre 2008, ma il ricordo di questo episodio è tornato prepotentemente nella mente dopo la sentenza della Cassazione che ha sancito la "non obbligatorietà" della custodia cautelare in carcere per gli stupratori di gruppo.

Riporto l’articolo che oggi compare su donna.libero.it e che trovate a questo LINK. Conoscevo la storia di Carmela tramite il blog che hanno aperto i genitori e che potrete leggere QUI. Inoltre potrete leggere ed iscrivervi alla Associazione nata dalla volontà dei genitori di Carmela per aiutare chi si trovasse in situazioni simili.
Indignati, schifati, rabbiosi sono i commenti della rete verso questa ingiusta ed iniqua pena verso chi ha stuprato Carmela spingendola infine al suicidio ed anche io a loro mi associo.

Carmela
Carmela
Carmela, 13 anni, uccisa 2 volte – Suprata dal branco, giudicata psichicamente instabile, internata e imbottita di psicofarmaci. Poi il suicidio. Mentre i suoi aguzzini, minorenni all’epoca dei fatti, evitano il processo. La loro pena? Un programma di rieducazione.
Nel novembre 2006 Carmela, una 13enne di Taranto, si allontana di casa. Quattro giorni dopo Alfonso Frassanito, suo padre, la ritrova in un vicolo della città vecchia. È stata drogata con anfetamine e violentata. Più volte. Hanno abusato di lei più persone. Carmela denuncia i suoi aggressori. In seguito gli inquirenti troveranno il suo diario, dove racconta la violenza subìto da due minorenni e un’altra subita qualche giorno prima da tre maggiorenni. La discesa all’inferno di Carmela è appena iniziata.Prima di quell’incubo, Carmela aveva denunciato le molestie subite da un giovane sottoufficiale della Marina. «Lui aveva ammesso di averla incontrata diverse volte – racconta papà Alfonso – Salvo poi ritrattare in sede di interrogatorio. Lo vedevamo davanti alla scuola media Frascolla, sempre accanto a ragazzini. Continuava a passare sotto casa nostra… In città era conosciuto come “il pedofilo di San Vito”». Ma la polizia non trova riscontri e non avvia nessun procedimento penale. Carmela, dicevano, a volte s’inventa le cose, non ha la completa padronanza di sé. Carmela non ci sta con la testa. È un “soggetto disturbato con capacità compromesse”, risulta dalla perizia psichiatrica.
Così, mentre i suoi stupratori restano a piede libero, lei viene internata nel centro “L’Aurora” di Lecce. I genitori sono contrari ma alla fine si lasciano convincere. Forse è meglio così, la loro bambina sarà in buone mani, seguita e assistita da professionisti. Ma in breve tempo si accorgono che c’è qualcosa di strano. Carmela non ci vuole restare a Lecce. I medici dicono che va tutto bene, però poi si scopre che, all’insaputa dei familiari, la ragazzina era sottoposta a una cura di psicofarmaci, e che aveva tentato la fuga due volte. Così viene trasferita al centro “Il sipario” di Gravina di Puglia, dove le cose sembrano migliorare. Qui viene confermato che era stata sottoposta a una pesante trattamento a base di psicofarmaci, una cura che non si poteva interrompere di punto in bianco ma in maniera graduale. «Nel fine settimana la portavamo a casa – raccontò il padre – ero io stesso a darle i farmaci: En e Haldol».
Il 15 aprile 2007 Carmela dice: «Vado in bagno». E invece vola dal settimo piano di un condominio del quartiere Paolo VI.
Devastati dal dolore, i genitori continuano a vedere gli aggressori della ragazzina girare liberamente. Addirittura c’è chi accusa il signor Frassanito di nefandezze, non essendo lui il padre naturale di Carmela, morto quando lei aveva solo un anno. Così i coniugi lasciano la città insieme alle altre due figlie. Fondano l’associazione IoSòCarmela, per non arrendersi al dolore e neppure all’ingiustizia.
Nel frattempo i due aguzzini minorenni (all’epoca dei fatti avevano 16 anni) confessano, ed evitano il processo. Il giudice del tribunale dei minorenni di Taranto Laura Picaro li ritiene meritevoli della “messa in prova”. In pratica per 15 mesi saranno messi sotto osservazione: seguiranno un programma di rieducazione e offriranno assistenza agli anziani. Se faranno i bravi il dibattimento verrà cancellato. Non solo: in Tribunale l’avvocato di uno dei due stupratori ha chiamato Carmela “prostituta”. Insomma, era quella che “ci stava”, era consenziente. E da vittima si trasforma nell’unica vera imputata.
fonte
Il blog che hanno aperto i genitori  QUI





7 commenti:

Anonimo ha detto...

Gli uomini sono delle merde che meritano di venire inculati a sangue all'inferno...

josemaria ha detto...

Non possiamo più aspettare , dobbiamo ribellarci contro i magistrati corrotti, non possiamo aprire asociazioni , gruppi , forum. Tutti i responsabili dello stupro , compreso l'avvocato che ha definito prostituta la ragazzina devono pagare. Si pubblichino, nomi , cognomi,dati angrafici e facce di costoro. fate in modo che la gente sappia

Anonimo ha detto...

Attenti non dare giudizi affrettati ma riflettete,non centrano uomo o donna ,in questo caso sone le persone da giudicare,se una persona sbaglia paga,ma in questo caso magistratura avvocati notai e tutta la casta compreso i politici e tutta la feccia possono fare quello che vogliono e non paga nessuno,anzi vengono anche retribuiti,giratevi attorno e funziona cosi' tutti i giorni,cosi' alla fine non paga nessuno neanche chi commette il reato,in questo caso dovrebbe pagare anche quell'avvocato che ha dato della prostituta alla vittima,forse lui non ha figli.Un abbraccio alla famiglia.Riflettete gente riflettete

francesco ha detto...

ho 44 anni e sono un genitore
se un giorno dovessi scoprire che mio figlio ha stuprato una ragazza credo che non lo vorrei piu in casa con mè. indipendentemente dai vari magistrati/giudici/avvocati e schifezze varie(NON TUTTI MA BUONA PARTE)

Anonimo ha detto...

Io sono un papà e sono un uomo! Da padre e da uomo, mi farei giustizia da solo, uccidendo con le mie mani gli stupratori e tutti quelli che intenderebbero difenderli!! La giustizia non ci difende? e allora dobbiamo iniziare a difenderci da soli e a vendicare chi ne ha diritto!!!

Giovanni ha detto...

Io non ho parole .... mi spiace ma non ho parole.......mi sono imbattuto per pura casualità in questa storia e ne esco rotto.

Anonimo ha detto...

Buon di a tutti.
Sono rimasta molto male leggendo la storia di Carmela. Ma la cosa che ancora mi fa riflettere é come tutti siamo pronti a puntare il dito verso i ragazzi stupratori che all'epoca erano anche minorenni. Mi domando, dove erano i loro genitori? La educazione é tutto! Chi cresce senza la presenza dei genitori (forse perchè loro si devono fare un mazzo cosí per poter mantenere una vita decente o perchè non danno abbastanza valore alla educazione...chi lo sá) cresce senza principi sani e utili alla congregazione sociale. Questo mi sembra molto comune nei giorni di oggi. I figli non vengono educati e seguiti come dovrebbero. Lo vedo giá con i bimbi piccoli che hanno genitori piú o meno consapevoli del potere di una buona educazione che si liberano la coscienza comprando i figli di tutto e di piú. Genitori che si sentono in colpa perchè non passano abbastanza tempo con i loro figli. Per non parlare delle scuole, organizzate e gestite malissimo, strutture fatiscenti (parlo di quelli comunali), professori stanchi e demotivati che di certo non hanno a cuore la buona educazione di nostri figli.
Poi se per caso i giovani dovessero avere la voglia di sviluppare qualche dote artistica o sportiva, beh, troveranno piú difficoltá per la strada anzichè degli appoggi. Allora mi dico...non siamo un pó tutti colpevoli quando succede che i nostri giovani sbandano? I colpevoli siamo noi adulti genitori che non abbiamo lottato per lasciare un paese migliore per nostri figli. Li mettiamo al mondo senza avergli assicurato un futuro sereno e poi li condanniamo quando si perdono e falliscono. Carmela ed i suoi stupratori, per come la vedo io sono sintomi di una malatia sociale molto piú profonda di quello che si vuol vedere e facendo cosí agiamo come dei virus che diffondono la malattia. Dovremmo invece combattere per dedicare piú tempo alla educazione dei nostri figli, per migliorare le scuole e aiutare i nostri giovani a realizzare i loro sogni. Quando parlo dei nostri figli, intendo che i figli miei sono i vostri figli ed i vostri sono i miei figli. Con l'intenzione di far capire che tutti i bimbi nascono uguali e che poi siamo noi genitori a farli diventare bravi cittadini o meno i...per questo serve l'educazione e del fegato per correggere quello che nel sistema non collabora in tal senso. Con l'augurioi che le cose cambino e che gli adulti comincino a comportarsi come adulti vi saluto tutti. A te Carmela, sono sicura che sei in un posto molto piú bello adesso. Tanto amore.
Alba

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi