Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 29 gennaio 2012
Come chi ci segue sa bene, noi di nocensura.com avevamo espresso perplessità sin dal giorno dell'entrata in vigore dei sostanziosi aumenti delle accise sul carburante: "davvero questi aumenti convengono allo stato?" - visto che il caro-carburante spinge tutti coloro che ne hanno la possibilità, MILIONI di cittadini  che vivono nei pressi delle frontiere - a rifornirsi oltreconfine: dalla Francia alla Slovenia, passando per Austria e Svizzera, oppure a San Marino, il risparmio di 25-40 Cent è assicurato. Senza contare coloro che a cause del prezzo esorbitante della benzina evitano spostamenti non necessari, decidono di utilizzare i mezzi pubblici, in qualche caso la bicicletta o "i piedi". Pochi giorni fa, "Il Giornale"  aveva snocciolato i primi dati sul crollo dei consumi di carburante, mentre oggi sono disponibili i dati diffusi da FAIB (Federazione autonoma Italiana Benzinai) che illustrano la situazione nel dettaglio. 


Il fatto che diminuiscono i consumi di carburanti di per se potrebbe essere positivo; meno inquinamento, dirà qualcuno. Il vero problema è che in Italia non c'è un efficiente servizio di trasporto pubblico: la verità è che rinunciare alla macchina nella maggioranza dei casi significa affrontare disagi,  rinunciare a una gita domenicale; si è tradotto, insomma, in un abbassamento della qualità della vita dei cittadini. 


Ecco l'articolo che illustra la situazione:



Impoverire gli italiani e nel contempo svuotare le casse dello Stato. Due risultati apparentemente inconciliabili tra loro, ma che se raggiunti entrambi rappresenterebbero il classico “colmo” per un premier e un governo. Degno di una vera barzelletta. Ma qui l’umorismo non c’entra, perché Mario Monti sembra proprio essere riuscito a compiere un’impresa così ardua. A causa dell’aumento delle accise sulla benzina, infatti, lo Stato subirà una riduzione del gettito corrispondente a ben 581 milioni di euro in meno durante l’anno appena iniziato. Sono stime affidabili, diffuse da Faib (Federazione Autonoma Italiana Benzinai)-Confesercenti.
Vediamo i dati diffusi da Faib nel dettaglio: i consumi di benzina verde e di gasolio si sono già ridotti nel periodo gennaio-novembre 2011 del 5,3% e del 2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il trend è continuato a dicembre, con l’arrivo di Monti, in cui i consumi sono calati del 9,5% rispetto allo stesso mese del 2010, mentre la media negativa dell’anno 2011 è cresciuta fino al -6,5% rispetto all’anno precedente.
I primi dati di gennaio 2012 mostrano una ulteriore e allarmante diminuzione dei consumi: -12%. Ed è proprio dal 1 gennaio che sono in vigore le nuove tasse volute da Monti: l’imposta di fabbricazione sulla benzina è salita a 704,20 euro per mille litri, quella del diesel a 593,20 euro per mille litri. Un impatto sui prezzi corrispondente a quasi 10 centesimi per la verde e 13,6 centesimi per il gasolio.
Lo studio di Faib-confesercenti parla chiaro: per il 2012 si stima una diminuzione dei consumi di ben 615,5 milioni di litri tra benzina e gasolio nella rete ordinaria, che implicherebbe una riduzione del gettito derivante dall’accisa di 404 milioni di euro e dall’Iva di 177 milioni, in totale 581 milioni di euro in meno per le agonizzanti casse dello Stato.
Una parte del gettito dell’Iva potrebbe essere recuperato, sempre secondo Faib, solo traminte un aumento dei prezzi industriali dei carburanti: ipotizzando una crescita del prezzo industriale della benzina senza piombo dell’8% e del gasolio del 10%, in linea con gli ultimi 10 anni, la riduzione del gettito ammonterebbe “solo” a 303 milioni di euro tra accise (sempre -404 mln) e Iva (+101 mln, il dato diventerebbe positivo).
Insomma, il professore della Bocconi è riuscito a svuotare i portafogli degli italiani, ma a quanto pare creerà un danno non da poco anche alle casse statali: che capolavoro di incompetenza!


fonte


Per risparmiare qualcosaELENCO DI FEDERCONSUMATORI (scaricabile in formato PDF) DELLE "POMPE BIANCHE" NEL TERRITORIO ITALIANO DOVE IL CARBURANTE COSTA MENO






Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

pensate ai disabili con gravi difficoltà motorie, non possono andare a piedi nè in bicicletta, nè in motorino, ne prender i mezzi pubblici. Bravo Sig. Monti, hai costretto agli aresti domiciliari una vasta fetta di cittadini, il governo è fatto di incompetenti ed il parlamento tutto e complice.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi