Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 17 gennaio 2012

sciopero calabria
Al blocco dei trasporti in Sicilia per cinque giorni proclamato da  Aias e  il Movimento dei Forconi, hanno aderito anche gli autotrasportatori calabresi. Lo ha reso noto il movimento ‘Forza d’urtò in un comunicato. I manifestanti hanno istituito presidi da Catanzaro a Reggio Calabria, lungo l’autostrada e nell’area degli imbarchi dei traghetti a Villa San Giovanni.
Secondo le ultime indiscrezioni molti camionisti hanno attuato un presidio lungo la statale 280, che conduce da Catanzaro a Lamezia Terme, all’uscita della galleria del Sansinato. I camionisti protestano contro il rincaro del costo del gasolio e per gli elevati costi di gestione dei mezzi. Una delegazione dei manifestanti si ieri si è recata a Catanzaro dove ha incontrato il Prefetto Antonio Reppucci al quale rappresentare le loro problematiche. Un effetto domino duque, almeno si spera, che potrebbe coinvolgere anche l’intero paese da Nord a Sud.

Condividi su Facebook

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Io direi dal sud al nord.. Visto che e iniziato tutto dalla Sicilia

hotpol ha detto...

Si stanno facendo sentire tutti(medici, infermieri, tassisti, medici avvocati, notai), tutta gente che in confronto a noi sono di qualche gradino più alti rispetto alla tranquillità di lavoro, di remunerazione, di sicurezza sul lavoro ecc....noi cosa aspettiamo?....saremo sempre le solite pecore?....lo sapete perché i media non ne parlano? perché hanno paura che ci fermiamo anche noi, nel resto della penisola, mettendo veramente in ginocchio questo governo...

Anonimo ha detto...

Certo, ad effetto domino, se solo i tg ed i politici la smettessero di fare false allusioni e/o dichiarazioni sull'origine e la condotta mafiosa di questi movimenti di ribellione, che ci tengo a precisare sono solo di origine popolare... Io sono della provincia di Palermo e non mi lamento se siamo a secco di benzina da una settimana, o se x farla giorni fa ho dovuto attendere 45 minuti, se tutti i trasporti e mezzi pubblici sono bloccati, se chiudono persino negozi xkè non arrivano le merci, non mi lamento se tutto questo può portare alla risoluzione di qualche grave problema... Al sud la gente ha fame e stiamo sfociando nella + completa povertà, x noi giovani non ci sono speranze, nè qui nè al nord, occorre una rivoluzione e qui al sud è iniziata. Ricordate italiani che l'Italia è UNA xkè nostri compatrioti 150 anni fa hanno avuto il coraggio di ribellarsi e di lottare per i propri diritti e x quello in cui credevano.. Non lasciatevi ingannare dai tg pilotati dalla politica, è il popolo che si è ribellato, non c'è alcuna Mafia di mezzo, è la gente che ogni giorno si alza x lavorare come voi al nord solo x pagare le tasse e questi dannati rincari.. Se anche voi siete stanchi di tutto questo unitevi, manifestate, scioperate, sotto qualsiasi nome vogliate farlo, ma fatelo.. la nostra è una democrazia, il potere è nelle mani del popolo.. facciamoci sentire.
Da una ragazza siciliana apolitica.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi