Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 9 giugno 2011

Incredibile a Napoli: eletto un detenuto per camorraA Quarto è stato eletto come consigliere comunale tra le file del PdL, Armando Chiaro. L'uomo però è stato arrestato nelle scorse settimane con l'accusa di essere un prestanome del clan camorristico Polverino ed è attualmente in carcere. Presentate due interrogazioni parlamentari per chiarire la vicenda
Due settimane prima è stato arrestato con l’accusa di collusioni con la camorra. Due settimane dopo si ritrova votatissimo e consigliere in pectore del comune di Quarto flegreo, centro a due passi da Napoli. E’ la storia di Armando Chiaro, finito nel mirino della Procura di Napoli per presunti legami col clan Polverino.
 Lo stesso Chiaro è rimasto comunque in corsa per il Pdl alle amministrative ottenendo dopo il conteggio 385 voti. Preferenze utili nel piccolo centro di Quarto a diventare rappresentante dei cittadini. La senatrice del Pd Fortuna Incostante è stata la prima a denunciare: «È certamente grave che questa persona abbia raccolto un consenso tale da poter sedere in consiglio. Ma è altrettanto inaccettabile il silenzio dei dirigenti di fronte a questa vicenda. Perché i vertici del partito di Chiaro non si dissociano da questo “successo” che contribuisce ad accrescere la zona d’ombra attorno al Pdl in Campania? Il Pd non consentirà che su questa vicenda cali il silenzio e, soprattutto, si batterà affinché non si consegni Napoli a questa destra».


Teresa Armato, componente della commissione Antimafia, già la scorsa settimana aveva presentato una interrogazione urgente sulla vicenda alla presidenza del Consiglio dei ministri e al ministro dell'Interno Roberto Maroni. Oggi da parte sua un'altra interrogazione parlamentare per chiedere al Governo di verificare che le elezioni del 15 e 16 maggio si siano svolte "senza condizionamenti da parte della criminalità organizzata".


Per la cronaca Massimo Carandente Giarrusso, il nuovo sindaco del Pdl, aveva preso pubblicamente le distanze da Armando Chiaro dopo l’arresto, spingendosi a chiedere ai concittadini di non votarlo. Un ordine di scuderia a quanto pare non rispettato.
Fonte MalaItalia.it - TmNews.it





Condividi su Facebook

2 commenti:

Anonimo ha detto...

il bello è che le persone vicino a Chiaro hanno contiinuato a fare campagna elettorale con manifesti e pubblicità anche dopo l arresto,c'è da dire che ad oggi il sindaco letto del PDL Giarrusso non ha preso le distanze da questa persona

fresella ha detto...

a pensare che le persone vicino a Charo hanno continuato a fare campagna elettorale con manifesti e pubblicità anche dopo l arresto,addirittura la segreteria del pdl ha messo cartelli in tutto il paese con scritto forza Chiaro.
Ad oggi il sindaco eltto del pdl non ha preso le distanze da questa persona

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi