Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 1 novembre 2011

I "100 punti per l'Italia" di Renzi? Un film già visto... per convincere i cittadini ad eleggerlo sindaco di Firenze infatti il buonfurbetto che continua a fare multe ai cittadini mediante autovelox illegali confidando sul fatto che la maggioranza dei multati pagano senza fare ricorso (che vincerebbero) aveva tirato fuori qualcosa di simile: "i 100 luoghi per Firenze", ovvero cento luoghi di Firenze da riqualificare nel corso del mandato (che scade nel 2014) ma fino ad oggi - a circa metà mandato - i "punti" rispettati sono pochissimi, e nella maggior parte dei casi, si tratta delle promesse più facili da mantenere, interventi semplici ed economici, mentre quelli più impegnativi sono rimasti lettera morta.


Con questa furbata, Renzi aveva aperto la discussione con i cittadini residenti "nei 100 luoghi": tanta ottima propaganda... non a caso, nella "sua" Firenze, Renzi ha perso molta popolarità: (NOTA: si parla di una zona, comunque, dove il PD è fortissimo (in passato il PCI-PDS-DS-ULIVO)  ha SEMPRE vinto sia alle elezioni comunali che alle provinciali (nonché in Regione Toscana) indipendentemente dal candidato: nelle regioni dove c'è "egemonia" coloro che vogliono fare strada, non possono che aderire al partito che va per la maggiore: nel caso della Toscana, il PD: la sanità ne è un ottimo esempio, visto che in Toscana quasi tutti i primari sono passati dalla politica.. è un dato di fatto inconfutabile e dimostrabile. Dove lo strapotere è in mano al centrodestra, accade la stessa cosa: laddove un partito governa per decenni, riesce infatti a tessere una fitta rete di clientelismo, coltivata controllando i posti di lavoro e i "potentati"...)


"se a Firenze ha funzionato, perché non esportare questo "modello di comunicazione" nel resto dell'Italia?" - probabilmente deve aver pensato così: dopotutto, agli italiani ascoltare sogni, promesse e illusioni, è sempre piaciuto: (della serie: "visto che la realtà fa schifo, almeno lasciateci sognare")

Chi non vive a Firenze, è a conoscenza dell'operato di Renzi nella veste di sindaco? 

E' a conoscenza delle sue "opere" e sopratutto, delle sue non-opere? 

Perché se il sig. Renzi pretende di governare l'intera nazione, sarà bene che dimostri le proprie "qualità di amministratore" nell'ambito comunale, oppure no?


DOBBIAMO CONTINUARE A CREDERE ALLE PROMESSE FATTE DA CHI NON HA MANTENUTO LE PRECEDENTI? 


Se l'Italia va male, è anche grazie a questo MALCOSTUME di far avanzare di carriera chi già ha dimostrato di non meritare la nostra fiducia...

I "100 punti per l'Italia" sono l'evoluzione dei "100 luoghi per Firenze", che a loro volta sono i cugini del "contratto con gli Italiani" di Berlusconi. Tutti i partiti negli ultimi anni hanno assunto precisi impegni con i cittadini, paventando una "concretezza" che non ha mai avuto seguito, a "destra" come a "sinistra"...
Anche la Lega Nord aveva tirato fuori trovate sensazionalistiche basate sullo stesso principio, salvo poi non mantenere niente di quanto promesso, e anzi in alcuni casi, si è concretizzato l'esatto contrario di quanto promesso... (vedi qui)

i "cento punti" per l'Italia di Renzi sono il nuovo "libro dei sogni", Renzi avrebbe dovuto "far tornare allo splendore Firenze" (i fiorentini sono ancora li ad aspettare...) mentre fino ad oggi, motivi per essere felici del suo operato i fiorentini ne hanno ben pochi: ha regalato un capitale agli zingari senza assumere nessuna misura in favore dei "senzatetto", gran parte dei quali sono italiani e il fatto che approfitti dell'ignoranza di molti cittadini che non presentano ricorso (vincerebbero tutti) contro contravvenzioni elevate con autovelox fuorilegge la dice lunga sul "modus operandi" di Renzi...

Tra le opere contestate a Renzi, non possiamo non citare le "pedonalizzazioni": ampie zone di Firenze precluse al traffico veicolare: certo per i turisti che visitano Firenze 3 giorni all'anno, è una pacchia, e anche per coloro che vanno in centro di tanto in tanto a prendere un caffé non è male..

Ma che effetti ha avuto nei confronti dei residenti e nei confronti dei negozianti?!? DISASTROSE, disagi su disagi... visto che un'ampia zona è stata pedonalizzata, e i gravi problemi di parcheggio: i clienti desistono ad andare nei negozi, visto che non possono raggiungerli facilmente, e nelle zone vicine non sono disponibili parcheggi; anche pagando 2-3 Euro all'ora, è necessario parcheggiare lontano: (già prima delle pedonalizzazioni, negli ultimi anni, a causa della crisi hanno abbassato la saracinesca anche alcuni negozi storici di Firenze... pensate ora...)


Accesa anche la protesta dei disabili che vivono nella zona pedonalizzata: per loro è un incubo.. ma sono pochi, non hanno peso politico... chi li ascolterà mai?!? Tanto lo sappiamo, funziona così..

staff nocensura.com


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi