Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 18 settembre 2011

A Mattino 5 il ministro Maria Stella Gelmini si sofferma sul tema della conciliazione dei tempi tra famiglia e lavoro: “Si puo’ fare qualcosa di più attraverso una riforma del welfare, cioe’ attraverso la rivisitazione della spesa pubblica che riduca gli sprechi e i costi che non servono e riesca a concentrare risorse sui servizi indispensabili”. Che, in altre parole, significa tagli allo stato sociale.
Poi, interpellata sulla condizione delle donne nel nostro Paese la Gelmini ha aggiunto:  ”I servizi per le donne che lavorano a favore dei piu’ piccoli devono essere aumentati”. Un accenno anche alla piccola Emma, sua figlia. ”Cresce bene – ha detto il ministro con una battuta di pessimo gusto– non sente la crisi”. Certo che un po’ di delicatezza più, nei confronti di chi la crisi invece la sente, non guasterebbe.





Condividi su Facebook

5 commenti:

Anonimo ha detto...

secondo il mio modesto parere la figlia.. Emma..
ne risetirà sicuramente per aver avuto cotanta madre!

Michele A. ha detto...

Sono capace anch'io a non sentire la crisi se prendo 20.000 euro al mese
e predispongo di una pensione di 15.000, piu' varie indennita' parlamentari.
Cara Emma....hai una mamma tr..ia !!

Anonimo ha detto...

La più grande virtù della classe politica odierna è la totale mancanza di vergogna, seconda solamente alla loro avidità...

Anonimo ha detto...

ma che si vergogni!!! Le dico solo una cosa Lei non è idonea alla carica che ricopre. Si dimetta, e la prossima volta abbi più rispetto per chi non lavora oppure per chi lavora con uno stipendio da operaio e tira a sopravvivere per sfamare la sua famiglia.

Anonimo ha detto...

....nn c'è nulla di offensivo.....desideravo solo dire a questa che si sente donna,che tutti siamo capaci a crescere i propri figli con l'emolumento che percepisce, brava......perchè nn cresce la propria figlia a PANE E ZORBI O A PANE A QUAGGHI, PERCHè NN LA MANDA A PULIRE I CESSI E CAMPARE CON 800 EURO AL MESE? pERCHE' SUA FIGLIA COSA HA DIVERSO DELLE ALTRE FIGLIE DI POVERA GENTE? LA COLPA E' DELLA MERLINI PERCHE' LE DONNE ERAVATE DESTINATE IN QUELLA VIA INVECE DI FARE LO STESSO MESTIERE NEL PARLAMENTO

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi