Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 25 aprile 2011
In tavola il cavallo che non è cavallo: In un supermercato Auchan di Torino scoperto «macinato sceltissimo di carne equina» contenente di tutto.

«Macinato sceltissimo di carne equina». Questa la dicitura sulle confezioni in vendita nel reparto carne fresca del supermercato Auchan di corso Romania a Torino. In realtà, c’era di tutto tranne il cavallo. Un misto di bovino, pollo, suino, ovino. Non solo, c’era anche la listeria monocytogenes, o monocitogena, un batterio gram positivo, vitale tra i 3 gradi e i 45 con un optimum per lui tra i 30 e i 38 gradi centigradi. Tradotto: è vitale anche dopo cottura, ancor più in caso di una tartara. In fin dei conti quello venduto aveva la denominazione “macinato sceltissimo”. Detto questo la listeria è causa, nell’uomo, nel migliore dei casi di gastroenteriti. Per arrivare a una grave forma di meningite nei bambini e, forse, a essere causa di aborto se infetta durante la gravidanza.

La prima scoperta è stata fatta nell’ambito di controlli a campione nei reparti macelleria. Le prime analisi dell’Istituto Zooprofilattico di Torino hanno scoperto il «miracolo» del cavallo non cavallo. E’ entrata allora in campo la Procura. Raffaele Guariniello ha mandato la polizia giudiziaria e i Nas. La seconda serie di campioni, con analisi approfondite, hanno confermato il misto di carni varie ma soprattutto la listeria. Il reparto macelleria è stato così chiuso dal servizio veterinario della Asl.


Non solo, la conferma dai «brogliacci» del supermercato: nel 2010 comprati 1.150 chili di carne equina ma venduti 3.280 chili, nel 2011 (tra gennaio e aprile) acquistati 340 chili di cavallo e venduti 770. Insomma il «miracolo» del pane e dei pesci ripetuto all’Auchan di Torino. Indagati il rappresentante legale dell’Auchan Italia e il direttore del supermercato di corso Romania. Sentendo il personale della macelleria, in particolare, si è scoperto che normalmente le confezioni di carne aperte o quelle scadute finiscono in una vasca comune di scarti con cui si “crea” poi il macinato sceltissimo. Di quale tipo si decide in base alle richieste.

Grave per la salute pubblica: un allergico al bovino rischia una crisi anafilattica. Grave per motivi religiosi: un mussulmano mangiava suino convinto di aver mangiato cavallo. I reati ipotizzati sono frode in commercio (articolo 515 del codice penale) e vendita di alimenti pericolosi per la salute pubblica (articolo 444 del codice penale), per cui è previsto il carcere. Sino a tre anni.

fonte



Condividi su Facebook

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Si, come no, la cosa verrà lasciata li e pagheranno una multa, altro che 3 anni di carcere!!

angela ha detto...

nn male pensando ke d solito la carne d cavallo la si acquista cm supplemento d ferro x ki ne ha carenza(bimbi,donne in gravidanza,persone ammalate):-(((((
Crisss

Anonimo ha detto...

la carne di cavallo non contiene ferro ma solamente glucosio! se volete mangiare ferro prendere carne di vitello!

tecnico di lab. biomedico

Anonimo ha detto...

FINO a tre anni: significa che patteggiando NON vanno in galera. Direi, se ce ne fosse ancora bisogno, che le pene sono troppo lievi.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi