Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 4 novembre 2010

Lo sfogo della scorta: non siamo Carabinieri per fare la guardia alle escort del premier. Ci fanno fare i tassisti per i festini, quando nostri colleghi sono morti per magistrati o politici

PREMESSA
Quando "tocchiamo" Berlusconi, puntualmente insorge qualche lettore, tacciandoci dei "comunisti", o comunque dei "sinistri" e "antiberlusconiani. Noi, e lo ribadiremo fino alla nausea, se necessario, non siamo ne di destra, ne di sinistra, noi siamo liberi cittadini stanchi di questa politica, stanchi di questi politici, e riportiamo notizie riguardanti entrambi gli "schieramenti", che consideriamo tutti uguali, ovviamente in senso negativo. Non ci siamo fatti remore a criticare il Presidente della Toscana, il "democratico" Enrico Rossi che ha introdotto il vitalizio per i consiglieri regionali, o a pubblicare la sconcertante intervista rilasciata da Nichi Vendola a Repubblica, e non ce ne facciamo certo a "dare addosso" a quello che viene definito "centrodestra". Se il centrodestra finisce maggiormente nel mirino, è solo perché governando, offre maggiori spunti. A chi critica, noi chiediamo di portare alla Ns attenzione notizie interessanti riguardanti chicchessia, quelle che magari i mass media ignorano volutamente, e poi vediamo se non le pubblichiamo.


Non ne possiamo più. Non siamo diventati carabinieri per fare la guardia alle escort del premier. Molti nostri colleghi sono morti mentre facevano la scorta a magistrati o politici che difendevano lo Stato. E noi, invece… È mai possibile essere ridotti cosi?”. A parlare sono alcuni “ragazzi” dei servizi di scorta. Carabinieri allenati a difendere le “personalità” loro affidate fino a mettere a rischio la propria vita. “Ma qui ci fanno fare i tassisti dei festini. Per questo, dopo essere stati tanto zitti e obbedienti, ora vogliamo, a nostro rischio, far sentire la nostra voce”. Cominciano i racconti, che si incrociano, si intrecciano e si sommano.

Le feste ad Arcore si tengono nei giorni del fine settimana, dal venerdì al lunedì. Molte sono proprio di lunedì. Nell’estate si moltiplicano. Noi accompagniamo le personalità fino alla villa e poi aspettiamo fuori. Vediamo un giro di ragazze pazzesco. Arrivano con vari mezzi. Moltissimi Ncc, le auto a noleggio con conducente. Alcuni pulmini, di quelli da 10-15 posti. Una volta abbiamo visto alcune ragazze scendere da due fuoristrada di quelli massicci. Alcune ragazze le porta direttamente Emilio Fede nella sua auto, altre scendono dalla macchina di Lele Mora con targa del Canton Ticino”.

L’estate scorsa abbiamo visto molte feste alla villa di Arcore. Altre volte abbiamo accompagnato le nostre personalità in ristoranti di Milano, come ‘da Giannino’, in via Vittor Pisani, zona stazione Centrale. O in una casa privata di zona Venezia. Che ne sappiamo noi di che cosa succede là dentro? Ce li immaginiamo, magari fanno uso di droghe o infrangono la legge e ridono di noi, dicendo: noi siamo qua al sicuro, abbiamo anche i carabinieri che ci proteggono. E che gente c’è a quelle feste? Noi per arruolarci nell’Arma dobbiamo dimostrare di essere puliti per due generazioni, i nostri padri e i nostri nonni, e finiamo a far la guardia a gente che magari pulita non è”.
Sì, la scorsa estate ad Arcore c’era un gran via vai. Ruby? No, non me la ricordo, ma sa, sono tante, tutte uguali, tutte giovani… Abbiamo riconosciuto una giornalista. E Flo, quella che ha partecipato alla ‘Pupa e il secchione’. Poi una bionda che era stata al Grande Fratello… Molte si capisce che sono straniere, tante hanno la cadenza napoletana. Poi alcune escono a fine festa, altre si fermano lì per la notte, ma è difficile tenere la contabilità, c’è un tale via vai…”.
Ci è capitato di fare missioni all’estero e di incontrare colleghi stranieri che fanno il nostro stesso lavoro: ci sfottono per questa storia delle feste, delle ragazze. Ma è mai possibile che dobbiamo vergognarci, noi che vorremmo lavorare per le istituzioni e difendere lo Stato? Abbiamo orari massacranti, turni di otto ore al giorno che spesso diventano dodici. Facciamo anche 120 ore di straordinario, ma ce ne pagano al massimo trenta, a 6 euro e mezzo all’ora, più un buono pasto da 7 euro. Va bene, non ci lamentiamo, è il nostro lavoro. Ma lo vorremmo fare per lo Stato, non per questa vergogna. Vorremmo proteggere le personalità delle istituzioni, non gente che ci fa vergognare davanti al mondo”.
Comunque non ci lamentiamo del nostro stipendio. Solo ci chiediamo se è giusto che una ragazza giovane e carina senz’altra esperienza politica prenda 15 mila euro al mese, perché è stata fatta diventare consigliere regionale. Il presidente? Con noi è gentile. Qualche volta è venuto a salutarci, a raccontaci qualche barzelletta. Una volta ci ha fatto, ammiccando, una battuta: ‘Eh, beati voi che adesso andate a casa a dormire, a me invece tocca trombare’. Un’altra volta ci ha portato qualche ragazza e ce l’ha presentata. Una notte ci ha mandato una ragazza che ci ha fatto la danza del ventre…”.
A fine serata riportiamo le personalità a casa. Vediamo alcune ragazze uscire e tornare verso Milano, altre restano nella villa per la notte. Capita che dobbiamo scortare personalità che fanno il giro a riaccompagnare le ragazze nei residence milanesi, alla Torre Velasca o in corso Italia. L’ultima magari se la portano a casa. E noi dobbiamo accompagnare la nostra personalità fino alla porta dell’appartamento: è imbarazzante salire in ascensore con un signore anziano e una ragazzina. Pensiamo alle nostre figlie e diciamo che non ci piace questo mondo. Sarà moralismo, ma non ci piace”.




















13 commenti:

Anonimo ha detto...

Quante umiliazioni ancora dovremo subire prima che gli italiani si sveglino?Quante?

Anonimo ha detto...

rilascino questa intervista ai tg delle 20,rai e merdaset a reti unificate,così magari dano una lieve scossa agli italioti che ancora dormono

Anonimo ha detto...

KE SKIFO!!! MA L'ITALIA SI RENDE CONTO DI DOVE STIAMO ANDANDO A FINIRE??? NEL CESSO, ECCO DOVE ANDREMO E CI SARà IL BERLUSKA A TIRARE LO SCIAQUONE X AFFOSSARCI NELLA FOGNA DEL NOSTRO PAESE! MERDA!

Anonimo ha detto...

Difficile trovarne uno pulito, ma non sono tutti uguali... c'è chi è più sporco degli altri; e non è necessario per forza dare un colpo al cerchio ed uno alla botte per non essere tacciati di parzialità...

shark ha detto...

PORCA PUTTANA..STA GENTE QUA L'AMMAZZEREI TUTTA...E NOI PIRLA CHE GLI PAGHIAMO PURE LO STIPENDIO...

Anonimo ha detto...

Fonte?

Anonimo ha detto...

A NOI CHI LO DICE CHE QUESTA INTERVISTA E' VERA O E' TUTTA INVENTATA DI SANA PIANTA???

Anonimo ha detto...

Mi chiedo perchè questi "poverini" della scorta non hai parlato mai prima ma hanno aspettato che scoppiasse la bomba.
Forse faceva piacere anche a loro accompagnare le mignotte tranquillamente invece di rischiare il culo con i magistrati?

Fanno schifo tutti, nessuno escluso.
Francesca

Anonimo ha detto...

Bisognerebbe valutare, Francesca, che non è mai una situazione facile quando si ha a che fare con certe personalità, e un singolo che esce allo scoperto deve pensare anche alle conseguenze non solo direttamente su se stesso ma anche famiglia e colleghi... Non condanniamo a priori...

Anonimo ha detto...

Ciascuno a casa sua può fare quello che gli pare, grazie al cielo.

La cosa scandalosa è che dei rappresentanti delle forze dell'ordine si prestino a fare servizio taxi, dimenticando il loro mandato ed il loro giuramento.

Se l'intervista fosse vera (ed è ovviamente una baggianata, parliamoci chiaro) questi "carabinieri" meriterebbero di essere congedati istantaneamente con disonore.

joe ha detto...

il problema qui non sono i carabinieri che fanno da scorta a chi gli viene comandato di scortare, ma ai politici in generale che abusano del loro potere per i loro comodi e appetiti fisici vari . Se una persona e' un imprenditore in più televisivo (quindi mediatico) è ovvio che sarà sempre nel centro del mirino. ma poi... si da le mattonate in testa da solo, è in utile che ribadisce il fatto che gli piacciono le ragazze e non i trans a me non è che mi frega tanto chi si tromba... ma che faccia il suo dovere e non che si aggiusta le leggi a suo piacimento no eh!

Anonimo ha detto...

ecco perchè non credo nelle forze dell'ordine.
esattamente come gli altri. sono servi del padrone.

(...fonte?)

Anonimo ha detto...

Anche io penso che la fonta sia basilare in queste affermazioni. Poi penso che comincia davvero a darmi fastidio chi dice 'italiani svegliatevi' in quanto siamo tutti italiani, dai politici ai carabinieri a noi che insultiamo il nosto popolo sopra una tastiera. Semmai sarebbe più corretto dire 'svegliamoci' perchè qui nessuno è escluso, e come sappiamo il più pulito c'ha la rogna. Se la storia fosse vera allora i carabinieri dovrebbero rilasciare queste interviste a tutti i giornali e quotidiani italiani...infine storia vera o non vera, è confermato che nel mondo prendono un sacco in giro, per i nostri politici e per la nostra passività difronte a questi fatti!
Lola

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi