Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 25 ottobre 2010
Da quando è "sceso in campo", fondando "Forza Italia" e vincendo le elezioni in tempo record, ha monopolizzato incontrastato la scena politica italiana: sicuramente le sue TV lo hanno agevolato moltissimo, ma gli va riconosciuta una grandissima abilità. Odiato da molti, amato da altrettanti, è l'unico vero leader politico presente in questo sciagurato paese: questi non vogliono essere complimenti, ma obbiettive constatazioni: nel senso che nessuno in questo paese riesce ad avere nemmeno la metà del seguito personale che ha lui: considerando che l'opposizione non ha nemmeno l'ombra di un "leader".

I partiti di opposizione, e in particolare l' IdV, basano la propria politica sull' "antiberlusconismo militante", senza la minima traccia di idee, progetti e di un programma concreto: così facendo, finiscono per rinforzarlo, e certe volte - diciamolo - potrebbe venire il dubbio che lo facciano apposta.

Per molti Berlusconi incarna "il male assoluto", come se la situazione di crisi e tutti i problemi fossero dovuti a lui: come se il problema dell'Italia fosse unicamente lui, ma soprattutto, come se gli altri, fossero diversi...
Secondo noi, se Berlusconi "è il male", gli altri non sono di certo "il bene". Analizzando lo scenario politico delle ultime legislature, abbiamo assistito al totale abbattimento di ogni morale e di ogni etica, e sicuramente c'è stato un peggioramento della classe politica, ma pensare che la causa di ogni male sia Berlusconi, è decisamente sbagliato.

Le tangenti, la corruzione, i favoritismi e gli "interessi di pochi" sono sempre esistiti.
Chiunque sia stato al governo, l'interesse dei ricchi e dei poteri forti ha sempre prevalso sugli interessi del popolo. La catastrofica situazione economica italiana non è certo dovuta a Berlusconi, ma a coloro che pur di mantenersi l'elettorato, e di tenere il proprio culo ben incollato alla poltrona, mandavano in pensione - cospicua pensione - lavoratori di quarant'anni, con appena venti di contributi, destinati a farsi mantenere dalla popolazione attiva per mezzo secolo.

Si comportavano come un padre di famiglia che utilizza la carta di credito, infischiandosene della disponibilità: regali alla moglie, giocattoli ai figli, aragoste e buon vino sul tavolo. Un benessere "artificiale" destinato a durare fino a quando il bancomat non "risucchia" la carta, e il direttore dell'istituto bancario non presenta il conto. Il Sistema Sanitario dispensava di tutto: vitamine, farmaci di ogni tipo, l'Italia era il paese del bengodi. I cittadini se la godevano, ignari che un giorno sarebbe arrivato il conto: che pagano adesso i figli di chi ha "goduto".

Un potente non ha bisogno di farsi eleggere per coltivare i propri interessi. Un governo muove interessi talmente grandi, che lo stipendio dei parlamentari in confronto, è di pochi spiccioli.
Un "riccone" può influenzare un politico finanziando anche lecitamente, la campagna elettorale: o in alcuni casi, staccando direttamente un assegno con diversi "zeri". Anche a livello comunale, i permessi, le zone edificabili, muovono interessi milionari, figuriamoci un governo. Ci sono famiglie, vere e proprie "signorie" che influenzano la vita politica italiana praticamente da sempre, rimanendo nell'ombra più totale.

Tornando al presente, i pochi mesi governati dalle sinistre, non sono state capaci di fare niente di buono, litigando tra di loro e concludendo ben poco. Se parlate con la gente, vi renderete conto che molti hanno apprezzato il ''decreto Bersani'' sulle liberalizzazioni: ma cosa ha fatto? Abolito la tassa delle ricariche del telefonino? (Che le compagnie possono recuperare ritoccando le tariffe?).
Voleva "purgare" i tassisti: persone che forse se la passano meglio di altri, ma che lavorano nel traffico 10 ore al giorno. Da un governo che si definiva di "sinistra" era lecito aspettarsi che abolisse il "notaio", che andasse a "toccare" le numerose altre caste che caratterizzano questo paese, e non di certi i tassisti. Ma i potenti non li tocca nessuno.

I potenti non sono ne di destra ne di sinistra: i potenti sono sempre al governo: chiunque vinca, loro vincono con lui.

Potremmo dilungarci con il ragionamento, ma ci fermiamo qui, sicuri di avere espresso il concetto che volevamo.

Diteci la vostra: commentante [sul blog] esprimendo i vostri pensieri: confrontiamoci, che è la massima espressione della democrazia...


25 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono pienamente d'accordo, finalmente qualcuno che ragiona seriamente!

terrorkorps ha detto...

lampante.
e adesso che sappiamo cose che sapevamo, cosa si fa?

Anna ha detto...

analisi chiara e semplice... nulla da aggiungere. Berlusconi è un uomo con grandi doti dirigenziali ma l'Italia non è un'azienda e i cittadini non sono macchine. Il suo successo elettorale è in gran parte dovuto al suo carisma e alla sua propaganda (caratteristiche che direi sono comuni a mussolini e ai grandi dittatori). Il suo successo politico è dovuto all'assenza totale di personaggi competenti sullo scenario politico (Mussolini almeno ha dovuto combattere contro un'opposizione per lo meno "presente", Berlusconi non ha avuto la stessa sfortuna). Non ci sarebbe questa destra se non ci fosse questa sinistra (assente e del tutto e nullafacente). Non ci sarebbe dittatura, perchè di questa si tratta, se ci fosse una classe politica fondata sulla lealtà, l'etica e l'amore per il proprio paese. (invito tutti a guardare l'etimologia della parola politica). Una cosa fondamentale dobbiamo ricordarci: il potere è in mano al popolo... è giunta l'ora di utilizzarlo invece di perder tempo ad incolpare persone che se la caveranno sempre. Non dobbiamo scegliere tra un ladro e un incompetente... possiamo NON scegliere... ricordiamocelo in cabina elettorale. Il presidente della repubblica non può nominare il presidente del consiglio... se la maggioranza del popolo non si esprime.

terrorkorps ha detto...

e cara anna, l'astensione POTREBBE ESSERE una soluzione.... ma il clientelarismo come lo combatti?
se mi danno 100 euro per votare forza nuova o i comunisti italiani io li voto...

Anna ha detto...

ok... potrebbe, anzi è utopia... allora aspettiamo un tracollo finanziario, politico, culturale, economico, storico ecc.. ecc.. aspettiamo una guerra che ci distrugga per poi rigenerarci... Del resto anche in russia finchè avevano un pezzetto di pane da dividere in 10 sono stati in silenzio, mancato quello via alla rivoluzione! Qualcosa deve cambiare e non sarò certo io, povera laureata disoccupata, a far sì che questo accada.

terrorkorps ha detto...

male.

sarai proprio tu, magari, a dar via alle danze;-)

Anonimo ha detto...

analisi lucida? è l'analisi più qualunquista che abbia mai letto.
smettiamola di dire fesserie, berlusconi non ha alcun carisma, è basso, mezzo pelato, non ha capacità oratorie, non è bello, non è interessante, non ha scoperto la pennicilina, non ha mai salvato vite umane, non ha capacità manageriali e nudo fa probabilmente schifo. Berlusconi ha saputo corrompere le persone giuste al momento giusto. ha un vero fiuto criminale, questa sì che è il suo vero talento. Berlusconi è lo specchio riflesso della pochezza e del servilismo innato di noi italiani, che crediamo che un piccolo mafioso brianzolo possa avere fascino e carisma perché ha potere e soldi.

Anna ha detto...

ah sicuro non da sola!!!! e chi mi ascolta!! :)

Anna ha detto...

@ anonimo... questo non devi dirlo a me... devi dirlo ai milioni di telespettatori che guardano tg1 e tg5... QUESTO è IL PROBLEMA!

Anonimo ha detto...

Purtroppo è la triste realtà. Comunque, penso che se Berlusconi riscuote così tanti consensi, è per il fatto che rispecchia la mentalità e il modo di fare dell'Italiano medio: donnaiolo, sempre con la battuta pronta, che fa il simpaticone, intrallazzone, ecc...quindi, il problema non è tanto lui, quanto quegli Italiani che lo votano perchè si rispecchiano in lui!

Anna ha detto...

Giusta considerazione... ma questi italiano poi però mi sembra che si lamentino. Va bè... aspettiamo il corso naturale della vita... prima o poi tutti dobbiamo sparire da questa terra!!!

Anonimo ha detto...

@ anna

cosa non ti dovrei dire? questa analisi chi l'ha scritta? tu o i milioni di telespettatori?

c'è un passaggio che dimostra, nel caso tu fossi in buona fede, che non hai capito granché dei meccanismi della politica e dell'economia di questo paese. o evidentemente perché troppo giovane non ne conosci davvero la storia.

"Un potente non ha bisogno di farsi eleggere per coltivare i propri interessi. "

questa è una balla colossale. berlusconi ha corrotto i socialisti finché ha potuto, fino al 1992, fino a tangentopoli. poi è successo qualcosa, qualcosa che evidentemente ti sfugge. all'improvviso si è creata la mancanza di rappresentanza politica. berlusconi non ha aveva più nessuno da corrompere, visto che nel giro di pochi mesi il partito socialista e la democrazia cristiana sparirono dalla scena politica. e con un colpo di teatro, degno del miglior scarface, Berlusconi a quel punto decise di scendere lui in politica, per difendere direttamente i propri interessi.

Anna ha detto...

forse arriva un momento in cui un potente ha bisogno di farsi eleggere per poter continuare a fare i propri interessi...
la scena politica della seconda repubblica ho solo potuto leggerla e studiarla... non l'ho vissuta in prima persona e probabilmente molte sfumature mi sfuggono. Non mi elevo a sapiente e salvatrice di sicuro!!!!!!
ripeto quello che ho scritto prima: non esisterebbe questa destra se non ci fosse (e fosse stata) questa sinistra. Riassume quello che hai appena scritto tu.

Anonimo ha detto...

sono parzialmente d'accordo.il problema italiano non è solo berlusconi ma in questo momento è soprattutto lui e la cricca.sicuramente la sinistra, o coloro che si fanno chiamare così, non sono la soluzione ma al momento secondo me è l'unico modo che abbiamo per uscire da questa situazione allucinante in cui ci troviamo (governati da una manica di mafiosi).io ho 44 anni e non ricordo di aver vissuto questo periodo in cui i cittadini hanno goduto di tutti questi vantaggi di cui parla la vostra riflessione.per quanto mi riguarda ho sempre pagato i farmaci perchè da 30 anni mi curo con l'omeopatia, mio padre finchè era in vita ha preso una pensione di € 1800 che non mi sembra una pensione da nababbo e ora mia madre prende una reversibilità ridicola. quindi anche nei quarant'anni di governo democristiano i soldi e i vantaggi li hanno avuti sempre gli stessi, quelli che voi chiamate "potenti" e che io aggiungo "mafiosi".

terrorkorps ha detto...

e no, una pensione da 1800 é da fame..

ruff72 ha detto...

concordo con anonimo al 99% ma la frase "Un potente non ha bisogno di farsi eleggere per coltivare i propri interessi. " non e' sbagliata se riferita a chi sta sopra anche a Berluconi e tira i fili delle marionette.

ruff72 ha detto...

non avevo letto l'ultimo post di anonimo con il quale non concordo per niente, intanto una pensione da 1800 euro non e' per niente male considerando che c'e' un gran quantita' di pensionati che non arriva a 1000 ma che dico pensionati anche di occupati.... quindi negli anni passati non hanno goduto solo i "potenti" ma anche i cittadini vi ricordate dei baby pensionati? 19 anni e 1 giorno e in pensione a vita ma c'era anche chi ci andava con ancora meno anni. Naturalmente tutto cio' per avere voti e certo che li avevano!!! come dire no a tanta abbondanza... peccato che la stanno pagando i vs figli e i figli dei vs figli.....

Anonimo ha detto...

@ anna

Ti riporto quanto hai scritto.

"ripeto quello che ho scritto prima: non esisterebbe questa destra se non ci fosse (e fosse stata) questa sinistra. Riassume quello che hai appena scritto tu."

Perdonami, ma non ci casco. Non solo non riassume quanto ho scritto io, ma è persino in contraddizione con quanto ho scritto io. La tua frase è il classico argomento che finisce per giustificare tutto, persino la disonestà di Berlusconi. E penso, ti prego di non offenderti, che questo tipo di mentalità sia proprio il male di noi italiani, questa mentalità che ci porta sempre a scappare dalle proprie responsabilità, tanto è sempre colpa dell'altro, tanto basta fare penitenza. La sinistra responsabile di Berlusconi? La sinistra ha gravi colpe sulla situazione del paese, ma come tante altre realtà di questo paese, come la chiesa, come la destra, come i carabinieri, come gli stessi italiani... ma se esiste un vero responsabile di questa destra sono proprio gli elettori di questa destra, quegli stessi elettori che per 50 anni hanno votato DC e PSI, e oggi votano PDL e Lega, permettendo all'uomo più ricco d'Italia di usare risorse pubbliche e leggi ad personam per curare i propri interessi e affari.

@ ruff 72

oltre me, c'è anche un altro anonimo che sta lasciando commenti. i miei messaggi per distinguerli, a scanso di equivoci, a parte il mio primo messaggio ("analisi lucida? è l'analisi più qualunquista che abbia mai letto."), sono tutti indirizzati ad Anna ("@ anna").

ruff72 ha detto...

ok allora mi riferivo all'altro anonimo.....

Anonimo ha detto...

banalissimo articolo di cose che sappiamo tutti...

perchè non postate invece un articolo sulla fine che ha fatto cesare previti?

oppure sui processi di bersani o quelli di casini?
...perchè ora stanno facendo proprio il lodo alfano... mica la riforma fiscale !!

Filippo.

Anonimo ha detto...

vedo che non mancano i soliti commenti di chi ha l'infondata convinzione di essere "superiore"...
Questa riflessione a mio avviso andava oltre le solite diatribe...

Associazione Modellistica Genovese ha detto...

io sostengo che la storia si ripete,ed in 150anni di unità italiana,non fanno altro che riproporsi cicli politici e sociali più o meno ridondanti,nonchè fenomeni di ipnosi di massa che non incontrano nessuna forma di opposizione costruttiva o di razionale critica. L'italica gente da sempre è instabile,incoerente e (purtroppo) opportunista e questo atteggiamento non ha fatto altro che favorire la nomea italiana di paese del bengodi e dei rapporti clientelari...e poi ci incazziamo se all'estero ci chiamano mafiosi..
per farvi un'idea di quello che intendo ed ho goffamente espresso in poche righe,leggete "Storia d'Italia" di Denis MAck Smith..

piergiorgio ha detto...

UN POST OBIETTIVO E NFINALMENTE APARTITICO COME NON SI LEGGEVA DA UN BEL PO. CONDIVIDO IN PIENO RIBADENDO CHE GLI SQUALLIDI TEATRINI DEI POLITICI ITALIANI NON FANNO ALTRO CHE NUTRIRSI DELL'IPOCRISIA, MALAINFORMAZIONE ED IGNORANZA SEMPRE PIU DILAGANTE NEL POPOLO ITALICO.

Anonimo ha detto...

Che Berlsuconi sia un personaggio del tutto privo di abilità mi pare un'analisi fuorviante. e Questo lo dico, come ha gia spiegato l autore dell'articolo, non per fargli un complimento(ci mancherebbe) ma perchè sono abituato a non sottovalutar eil nemico. Perchè la parola chiave mi pare proprio questa: "nemico". Possiamo ammettere e rinfacciare tutte le colpe che vogliamo a chiunque vogliamo. La sinistra contemporanea ne ha indubbiamente, e molte, in buona e in vattiva fede. Ce l ahnno alcuni elettori di sinistra, ce l hanno gli ingenui elettori di destra(ne conosco personalmente molti: brave persone ma con un senso della politica inferiore allo zero), ce l hanno gli elettori di destra in mala fede(quelli che pur non essendo potenti hanno un qualche interesse immediato a che le leggi e le regole del sistema non vengano rispettate: il piccolo imprenditore o commerciante che prospera in un paese in cui i controlli fiscali sono resi ineficienti dal suo protettore politico ad esempio). E hanno le loro responsabilità piccole o grandi tantissimi altri soggetti, corpi sociali o individui. Se andassimo a spulciare qualche responsabilità la trovereste anche in me, o in voi. Se voglliamo i responsabili, scriveva Alan Moore, non c'è che da guardarsi allo specchio. E nessun Hitler avrebbe potuto da solo terrorizzare l'intera Germania, aggiungerebbe la Harendt.
Ma nessuno di questi soggetti è classificabile oggi come "il nemico". Cioè come colui che non solo è il maggior responsabile della situazione attuale, non solo è l'incarnazione simbolica di tutte le forze che hanno spinto per tale situazione(Mr B rappresenta le forze politiche, il lato peggiore del capitalismo italiano ed anche la malavita organizzata, il peggio del nostro paese in un uomo solo), ma la cui eliminazione si presenta, per diversi motivi dal simbolico al pragmatico, come la condcio sine qua non del ritono alla normalità. Badate bene, non condicio per quam, non condizione in se suficiente, ma senzaltro necesaria. La sconfitta di B è in altri termini un altro passo, solo il primo, ma indispensabile per la ricostruzione(l ennesima nel nostro paese) di una democrazian non dico utopisticamente giusta, ma per lo meno normale, normalmente funzionante. Tutto questo si riassume con un'unica espressione: Berlusconi, oggi, è il nemico. E tutti quelli che lo sostengono o sono dietro di lui, sono suoi alleatti e dunque altrettanti nemici. So che questo lessico militare potrebbe far storcere il naso a qualcuno, e vi prego di credere che io non sono un fanatico militarista, ma mi sembta il modo migliore per descivere la questione. In guerra ( e questa è ormai una guerra, l'ennesima, per la sopravvivenza dela nostra democrazia) chi è il nemico è tutot ciò che serve sapere. Chi è e come si può battere. Su quest' ultimo punto si accettano suggerimenti.

Niger

Anonimo ha detto...

SIETE GRANDI !!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi