Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 25 ottobre 2010


Questo governo, come altri che l'hanno preceduto, hanno dichiarato di volerle ''tagliare'': e qualche mese fa la questione era tornata di attualità, salvo poi finire come sempre in una bolla di sapone: le provincie non si toccano. Tanto che ne sono attualmente allo studio altre 21, come se non bastassero le 110 esistenti che ci costano ogni anno 14 miliardi di euro, occupando immensi palazzoni e impiegando 61.000 persone che, se le provincie chiudessero, potrebbero essere utilizzate per far funzionare meglio la macchina statale che ha buchi ovunque, nonostante la pubblica amministrazione italiana abbia un rapporto impiegati/cittadini unico al mondo.

Le provincie italiane muovono interessi per tutti i partiti: enti creati ad hoc, carrozzoni e poltrone da spartire, con un serbatoio infinito di incarichi in cui collocarsi o piazzare i propri ''fedeli''.Dove spendono tutti questi soldi le provincie? Apparte il mantenimento di una flotta di persone non secondaria, le provincie si dilettano in viaggi ''di rappresentanza'' e ''istituzionali'' e molte altre attività alla quale la nostra società farebbe volentieri a meno. Ogni cittadino italiano paga in media 160 euro all'anno per mantenere in piedi questo macrocarrozzone, e per una volta non è il sud (148 euro) a primeggiare sui costi, ma il centro (178 euro) seguito dal nord.

Le tasse incassate direttamente dalle province ammontano a poco meno di 4 miliardi di euro (3 miliardi 748 milioni, a fine 2009), derivanti per lo più da RC auto (1,5 miliardi), imposta di trascrizione (881 milioni) e addizionale energetica (682 milioni di euro). per coprire il fabbisogno però occorrono altri miliardi. servono per la viabilità (3 miliardi), la tutela ambientale (900 milioni), l'edilizia scolastica (1,6 miliardi), lo sviluppo economico (1,2 miliardi). ma anche tanto altro. Le province organizzano e gestiscono i corsi di formazione professionale per una spesa di 800 milioni di euro, sovrintendono ai centri per l'impiego, per 500 milioni, gestiscono iltrasporto pubblico extra urbano per 1,3 miliardi, si occupano di promozione turistica e sportiva dei loro territori per 550 milioni

Vanno ovviamente pagati i 61.000 dipendenti (il 23% laureati): 2 miliardi 450 milioni di euro del budget, pari al 25%. naturalmente non mancano i compensi dei 4.207 amministratori: ovvero i 107 presidenti, i 107 vice, gli 863 assessori, i 107 presidenti dei consigli, i 3.023 consiglieri. per loro si spendono 119 milioni di euro l'anno.

Svolgono funzioni, che potrebbero essere tranquillamente affidate ai comuni o alla Regione di competenza: facendo risparmiare ai cittadini dei bei soldoni: ma alla casta non interessa, perchè loro problemi economici, non ne hanno certamente....

Lo staff di nocensura.com

ARTICOLI CORRELATI:


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi