giovedì 5 febbraio 2015

Il placebo funziona meglio se è più costoso

L'effetto placebo dimostra quanto il 'pensiero' possa influenzarci... questo deve fare riflettere sull'importanza di essere 'positivi' e propositivi...
- - - -

8176926450_767e8efb30_z
Di Simone Valesini - Wired
A volte basta semplicemente credere di avere assunto un farmaco per stare meglio. È l’effetto placebo, a cui si assiste quando i sintomi di un paziente migliorano in seguito all’assunzione di una sostanza priva di principi farmacologicamente attivi (qualcuno ha detto omeopatia?). Un fenomeno ben noto in medicina, tanto che nelle sperimentazioni cliniche i nuovi farmaci devono dimostrare la loro efficacia proprio contro quella di un placebo, ma che presenta ancora diversi lati oscuri. Un nuovo studio dell’Università di Cincinnati, pubblicato sulla rivista Neurology, svela per esempio una caratteristica fino a oggi sconosciuta: cioè che anche nei placebo, il prezzo fa la differenza.
Lo studio è stato svolto su pazienti affetti da morbo di Parkinson, patologia per cui è stato dimostrato da tempo che l’assunzione di placebo può risultare estremamente efficace. Ai 12 volontari che hanno partecipato all’esperimento è stato assicurato che avrebbero ricevuto un nuovo farmaco in grado di potenziare la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore che risulta presente in quantità insufficiente nei pazienti colpiti da Parkinson. I ricercatori hanno spiegato ai pazienti che sarebbero state loro iniettate due versioni differenti della sostanza, ma di uguale efficacia: una dal costo di 1.500 dollari, e una più economica da 100 dollari a dose.

In entrambi i casi, i pazienti hanno ricevuto in realtà delle semplici iniezioni di soluzione fisiologica. Andando a misurare i benefici apportati dalla terapia sui sintomi motori dei pazienti, i ricercatori hanno scoperto che, in media, l’efficacia del placeborisultava quasi doppia in quelli che avevano ricevuto prima il falso farmaco più costoso, rispetto al gruppo a cui era stata iniettata prima la versione economica. In entrambi i casi l’efficacia è risultata minore di quella del farmaco utilizzato normalmente dai pazienti, il levodopa, ma nel gruppo che aveva assunto prima il placebo più costoso i benefici si avvicinavano notevolmente a quelli del medicinale vero.
Terminato l’esperimento, i ricercatori hanno quindi intervistato i pazienti domandando loro quali aspettative avessero avuto durante la somministrazione del farmaco riguardo all’efficacia della terapia. Otto dei pazienti hanno ammesso che, nonostante le rassicurazioni dei medici, si aspettavano una maggiore efficacia da parte della versione più costosa, e questi sono risultati proprio quelli che hanno mostrato i benefici maggiori.
Come spiega Alberto Espay, coordinatore del team che ha realizzato lo studio, la sfida ora è quella di trovare un modo per sfruttare la scoperta sul piano clinico. Non si tratta però di un obiettivo semplice, perché mentire a un paziente riguardo al costo della terapia riceve non sarebbe eticamente accettabile.
Secondo Espay potrebbero esistere comunque altri modi per migliorare l’efficacia dei farmaci sfruttando le aspettative dei pazienti. “Possiamo spiegare molte cose ad un paziente sui potenziali benefici di un farmaco, e queste informazioni a loro volta potrebbero migliorare l’efficacia che dimostrerà su di loro”, spiega infatti Espays.
Via: Wired.it
Credits immagine: Ruben Balderas/Flickr CC

Tratto da: galileonet.it

Nome

Email *

Messaggio *