giovedì 4 dicembre 2014

Firenze, convegno degli antispecisti italiani il 13 Dicembre

Riceviamo e pubblichiamo:


 "SECONDO CONVEGNO ITALIANO ANTISPECISTA"
                               L'ANIMALE CHE DUNQUE SONO

                                PALAZZO DI PARTE GUELFA
                                 SALONE BRUNELLESCHI

                              PIAZZETTA DI PARTE GUELFA
                              Firenze - Dalle opre 9.30 alle 14.30

RINGRAZIO TUTTI I RELATORI PREZIOSI PER LA REALIZZAZIONE DI QUESTO CONVEGNO CHE VI PRESENTO IN ORDINE DI INTERVENTO:

Prof. Gianni Vattimo
"IL SILENZIO DEGLI ANIMALI E IL SENSO DELLA STORIA"

Filosofo di fama internazionale.
Professore di estetica, poi di filosofia teoretica nell'Univ. di Torino, fino al 2008.
Deputato al Parlamento Europeo dal 1999 al 2004, e successivamente dal 2009 ,
come indipendente nelle liste dell'Italia dei Valori , nell’Alleanza dei democratici e dei liberali per l’Europa, fino al luglio del 2014.
E’ stato visiting professor in molte università americane ed è membro di comitati scientifici di varie riviste italiane e straniere.


Esponente dell'ermeneutica filosofica contemporanea, di cui indaga i presupposti storici e teorici con particolare attenzione a Schleiermacher, Nietzsche, Heidegger e allo stesso Gadamer di cui è stato traduttore, sottolineando la storicità e la finitezza della condizione umana e la centralità del linguaggio in ogni forma di esperienza.
Agli inizi degli anni Ottanta ha fondato una nuova filosofia conosciuta come il pensiero debole , caratterizzata dall'abbandono delle pretese di fondazione della metafisica tradizionale e dalla relativizzazione di ogni prospettiva filosofica o politica che intenda presentarsi come definitiva.
Le sue opere principali:
Il soggetto e la maschera (1974) ; Le avventure della differenza (1980); Al di là del soggetto (1981); Il pensiero debole (raccolta di saggi curata in collab. con P. A. Rovatti, 1983); La fine della modernità (1985); La società trasparente (1989); Etica dell'interpretazione (1989); Oltre l'interpretazione (1994); Credere di credere( 1996 ) ; Il futuro della religione (in collab. con R. Rorty, 2005); Addio alle verità (2009); Della realtà. Fini della filosofia (2012).
E’ uscita recentemente la raccolta dei suoi scritti in Opere complete.

Sara d'Angelo
Attivista del cordinamento "Fermare Green Hill".
Coautrice del libro "Fermare Green Hill.
Presidente dell'associazione antispecista Vitadacani Onlus.

Christian Luciani
Vegano dal 2004, attivista per i diritti degli animali dal 2009 e cofondatore nel 2010 della "Fattoria della Pace Ippoasi" Onlus.
Rappresenta “La Rete dei Santuari di Animali Liberati in Italia"


video in memoria del
Prof. Emilio Del Giudice
"BIOLOGIA E FISICA QUANTISTICA"

Fisico, grande scienziato , prematuramente scomparso il 31 gennaio 2014 , è famoso per le ricerche sulla fusione fredda e per gli studi sulla memoria dell’acqua.
Una vita dedicata al sapere profondo della ricerca, il suo era un pensiero poliedrico, mitteleuropeo, alla scienza univa la filosofia, l’arte, la cultura.
Ricercatore all’Istituto Nazionale di Fisica e all’International Institute of Byophysics di Neuss in Germania, collaboratore negli ultimi anni del Premio Nobel Luc Montagneir.


Fabio Massimo Castaldo
"STOP VIVISECTION"

Europarlamentare del Movimento 5 stelle.
"Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta."
Membro di alcune commissioni fra le quali:
Commissione degli Affari Esteri.
Commissione per gli Affari Costituzionali.
Commissione per il Commercio Internazionale.
Commissione Giustizia.

Tommaso Grassi
L'ANTISPECISMO NELLA SINISTRA A FIRENZE

Consigliere Comunale di Firenze.
Capolista di “Firenze a Sinistra”, “Sinistra Ecologia e LIbertà” , “Sinistra Unita .Lavoro e Dirittti.”

Prof. Massimo Filippi
“Il MOVIMENTO DELL’ANTISPECISMO: DALL’IDENTITA’ ALL’INDISTINZIONE”

Professore di Neurologia presso l’Università Vita-Salute, Ospedale San Raffaele (Milano), dove dirige l'unità di ricerca di neuroimaging clinico.
E' Editor-in-Cheif della rivista scientifica internazionale Journal of Neurology, riveste posizioni di rilievo in comitati e società scientifiche
nazionali e internazionali e ha pubblicato oltre 10 volumi e più di 820 articoli nell'ambito delle neuroscienze.
Socio fondatore dell’associazione Oltre la specie e membro della redazione di Liberazioni. Rivista di critica antispecista, da anni si occupa della questione animale da un punto di vista filosofico e politico.
E' autore dei seguenti libri: Ai confini dell’umano: gli animali e la morte (Ombre corte, 2010), Nell'albergo di Adamo. Gli animali, la questione animale e la filosofia (Mimesis, 2010), I margini dei diritti animali (Ortica, 2011), Natura infranta (Ortica 2013), Crimini in tempo di pace. La questione animale e l'ideologia del dominio (Elèuthera, 2013) e Penne e pellicole. Gli animali, la letteratura e il cinema (Mimesis, 2014).
Ha inoltre curato l'edizione italiana delle opere di Charles Patterson, Chris De Rose,Tom Regan, Jim Mason, Ralph Acampora, Matthew Calarco e Rasmus Simonsen.


Lettura di brani in memoria del
Prof. Jaques Derrida
Jaques Derrida è stato uno dei maestri del pensiero contemporaneo.
Moriva a Parigi il 9 ottobre del 2004.
Ha insegnato a Parigi e negli StatI Uniti.
E’ conosciuto come uno dei maggiori filosofi del nostro tempo, autore di molti testi .
Aveva lavorato molto affinchè le sue idee e il suo gesto etico che le sorregeva, diventassero un esempio di politica culturale e di pensiero critico non destinato ai cenacoli intellettuali ma capace di farsi strada nella coscienza dei suoi contemporanei intaccando la crosta dei pregiudizi correnti.
Tra le sue opere principali trodotte in una decina di lingue e che sono state oggetto di convegni in Francia ,Italia, Germania, Inghilterra, Canada , Stati Uniti e Giappone ricordiamo: La Voix et le phénomène(1967); L'Ecriture e la difference(1967); Marges -de la philosophie(1972); Spectres de Marx (1993); Il segreto del nome(1997); Resistance-de la psychanalyse(1996); Donner la mort (1999); Voyous. Deux essais sul la raison(2003); Chaques fois unique, la fin du monde (2003);L'animale che dunque sono (2006 ,ult.rist.2009).
A partire dal 1997 Jacques Derrida ha iniziato una riflessione sull'animale che la morte ha lasciato incompiuta senza per questo arrestarne la forza radicale di novità. Il pensiero derridiano non lascia inevasa nessuna delle domande che scaturiscono dall'esperienza che ogni uomo vive quando un animale lo guarda: "vivente irrimpiazzabile", "esistenza ribelle ad ogni concetto", l'animale suscita un pudore e una fatica che sono ancora l'incerto balbettio della più radicale questione sull'identità, la storia , la morte.
L'Animale che dunque sono,da cui abbiamo tratto il titolo del Convegno e di cui verranno letti alcuni brani ,si pone come principale domanda se sia possibile stabilire un confine tra l'uomo e l'animale. Domanda abissale , che investe l'uomo e rimette in discussione gli statuti ontologici e gnoseologici sopra cui l'uomo ha costruito la sua storia: definito , di volta in volta , come "animale dotato di parola" o come "animale razionale" , l'uomo scopre negli animali la barriera di un'alterità che proprio perchè irrapresentabile e indicibile chiede di essere interrogata e conosciuta come limite interno.
Una riflessione filosofica che voglia fare i conti con l'alterità non può che collocarsi sulla frontiera di due sguardi , quella dell'animale e quello dell'uomo, perchè "l'animale ci guarda e noi siamo nudi davanti a lui. E pensare comincia proprio forse qui".


Stefania Sarsini
Blog “I DIRITTI DEGLI ANIMALI”
www.liberacittadinanza.it
email:stefaniasarsini@hotmail.it



Nome

Email *

Messaggio *